Autore Wray link   Euro
10,00
Titolo Vernon's diamond / my brother, my son (rsd 2019)  
supporto 7" edizione originale          stereo  
anno 1958 stampa usa etichetta   easy eye sound   codice 331339

aiuto
condizioni   [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent  

versione per stampa
REALIZZATO IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2019, copertina con barcode 855380008654, label grigia scura con parti più chiare, scritte grigie chiare, foro centrale piccolo, catalogo EES-009. Pubblicato nell'aprile del 2019 dalla Easy Eye Sound, questo singolo contiene due brani inediti di Link Wray, recentemente ritrovati dopo decenni di oblio: sulla A-side trova posto lo strumentale "Vernon's diamond", primitiva versione di "Ace of spades", fu incisa a New York nel 1958/59 (il brano è a sua volta una reincarnazione del precedente "A cook for mr. General"), mentre sulla B-side ascoltiamo "My brother, my son", incisa nel 1970 al Fred Foster Studio di Nashville, Tennessee, brano cantato e dai richiami garage rock. Link Wray ed i suoi Raymen sono probabilmente il gruppo che ha maggiormente influenzato le bands americane di garage punk per oltre 30 anni: ispirarono gruppi di ogni epoca, racchiusi idealmente tra i Kingsmen dei primi anni '60 ed i Cramps degli anni '80. Wray, che ha ascendenze indiane Shawnee, suona la chitarra fin da ragazzo con i fratelli Vernon e Doug in un complesso country. Dopo il servizio militare in Corea, forma i Lucky Wray & The Palomino Ranch Hands, con i fratelli Vernon (chitarra), Doug (batteria) e il cugino Shorty Horton (basso). La tubercolosi contratta in Corea gli provoca l'asportazione di un polmone e lo costringe a indirizzare il proprio stile verso un suono prevalentemente strumentale. Nel '56 e nel '57 effettua diverse incisioni a nome Lucky Wray e Link Wray. Nel '58 Link Wray & His Raymen incidono alcuni brani strumentali per la Cadence di New York, tra cui un originale intitolato "Rumble", suo primo "million seller" e diventato nel tempo una sorta di suo marchio di fabbrica. Nel '59 passa alla Epic ("Raw-Hide"). Dal '60 al '62 vede la concorrenza di Duane Eddy che, grazie ad uno stile più calmo e melodico, ottiene maggiori successi. Comunque pubblica per la sua etichetta, la Rumble, un altro classico, "Jack The Ripper", che in seguito, grazie ad un sapiente rifacimento, farà rientrare Wray nella Top 100 Usa. Dal '67 al '69, ritiratosi nel Maryland in una comune familiare, registra diverse variazioni sul tema come "Rumble Mambo", "Rumble '68" e "Rumble '69". Nei '70 la riscoperta del personaggio da parte di musicisti come Pete Townshend, Jeff Beck e John Lennon lo portano di nuovo alla ribalta: abbandonerà il genere esclusivamente strumentale e proporrà una musica tesa al country rock blues, che gli procurerà nuovi fan e successi; collaborerà inoltre con Robert Gordon ("Robert Gordon with Link Wray" e "Fresh Fish Special"). Nel '79 incide "Live At The Paradiso", registrato live ad Amsterdam. Nel 1980 sposa la danese Olive Julie Paulson e si stabilisce in Danimarca. Dal 1989 al 1991 incide alcuni ottimi album per la Ace; nel frattempo diverse altre etichette ripropongono innumerevoli registrazioni passate e portano alla luce alcuni inediti. Nel '93 incide a Copenhagen "Indian Child", dove evidenzia con orgoglio le proprie origini. Da segnalare inoltre nel '97 l'incisione di "Shadowman" che offre all'ascolto il meglio degli strumentali del chitarrista. All'inizio del nuovo secolo alcuni album propongono alcuni preziosi inediti.    
   
     
altri titoli di Wray link    

Cerca titoli di Wray link nel nostro catalogo


Ascolta il titolo (Vernon's diamond / my brother, my son ) su Youtube Music o Spotify


Cerca Wray link su


Bandcamp

Youtube

Google

Vimeo

Wikipedia

Allmusic 

Musicbrainz (discografia)

Metacritic                               Rate your music

 

Pitchfork                               

N.M.E.                                    Uncut

 

Onda Rock

SentireAscoltare                  

Rumore (via google)

 

Se hai una webzine e vuoi comparire qui gratuitamente scrivici una mail