Autore Royal servants (eulenspygel)   Euro
29,00
Titolo We  
supporto Lp edizione nuovo          stereo  
anno 1970 stampa ger etichetta   garden of delights   codice 2111892

aiuto
 

versione per stampa
Edizione limitata a mille copie numerate sul retro copertina, allegato libretto di dodici pagine. Ristampa del 2017 ad opera della Garden Of Delights, pressoché identica alla assai rara prima tiratura, ma con tre bonus tracks ("Burnin' region" e "Help me please", poste alla fine della prima facciata, e "The blues 'comin' my way", posta alla fine della seconda; tutti brani tratti dai loro primi due singoli). Originariamente pubblicato nel 1970 dalla Elite Special in Germania, l'unico album dei Royal Servants è un notevole lavoro di transizione fra le ultime derive psichedeliche, gli echi di influenze r'n'b, il dinamismo del nascente jazz rock e le strutture più complesse del progressive, che negli episodi più lunghi libera le energie creative in jam strumentali dominate da organo, chitarra elettrica, flauto ed ottoni, similmente ai conterranei Xhol Caravan. Provenienti dalla Svevia, nel Sud della germania, gli Eulenspygel si chiamavano inizialmente Royal Servants e cantavano in inglese, suonando all'alba degli anni '70 una musica molto influenzata da gruppi inglesi come i Traffic e i Colosseum, ma anche vicina ai primi Xhol Caravan. Provenienti dall'area di Stoccarda, i Royal Servants si erano formati nel 1964 come Sounders, assumendo nel 1965 la nuova sigla e suonando musica beat e pop di influenza inglese, ma fu solo con l'ingresso di Detlef Nottrodt che abbracciarono le idee musicali più avanzate mostrate nel loro unico album, peraltro composto interamente dallo stesso Nottrodt. Dopo aver pubblicato alcuni singoli ed un album, ''We'', uscito nel 1970, si trasformarono quindi negli Eulenspygel, adottando la lingua tedesca nei loro testi, sovente percorsi da temi politici vicini alla sinistra radicale, mentre musicalmente integravano sonorità acid rock, progressive ed affinità con gli Amon Duul 2, ma con un approccio meno onirico e selvaggio. Con un armamentario di strumenti solisti che includeva due chitarre, flauto, violino e tastiere, ed una notevole capacità tecnica, il gruppo dette luogo ad alcuni interessanti ed originali lavori, con brani lunghi lontani dai canoni della forma canzone, pubblicando due album, ''2'' (1971) e ''Ausschuss'' (1972), sciogliendosi verso la fine del 1974; esistette intorno a metà anni '70 un altro gruppo denominato Eulenspygel, composto da ex membri dei Royal Servants e, in seguito a controversie legali con gli Eulespygel autori degli album sopracitati, cambiarono nome in Tyll. Anni dopo, il chitarrista Detlef Nottrodt, della formazione originale degli Eulenspygel, riformò il gruppo, pubblicando due ulteriori album, nel 1979 e nel 1983, accostati dalla critica al progressive rock più melodico ed accessibile.    
   
     
altri titoli di Royal servants (eulenspygel)    

Cerca titoli di Royal servants (eulenspygel) nel nostro catalogo


Ascolta il titolo (We ) su Youtube Music o Spotify


Cerca Royal servants su


Bandcamp

Youtube

Google

Vimeo

Wikipedia

Allmusic 

Musicbrainz (discografia)

Metacritic                               Rate your music

 

Pitchfork                               

N.M.E.                                    Uncut

 

Onda Rock

SentireAscoltare                  

Rumore (via google)

 

Se hai una webzine e vuoi comparire qui gratuitamente scrivici una mail