Rock Bottom records
Via de' Giraldi 16r
Firenze tel. 055245220
www.rockbottom.it
autore Blake tia   Euro
31,00
titolo Folksongs and ballads  
supporto Lp edizione nuovo          stereo  
anno 1971 stampa fra etichetta   ici bientot   codice 3514497

 

Copertina senza codice a barre, inserto di quattro pagine. Ristampa del 2022 ad opera della Ici Bientot, pressoché identica alla rarissima prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1971 dalla SFP solo in Francia, l'unico leggendario album della cantante americana. Una vera opera di culto, incisa dalla Blake con un gruppo di strumentisti francesi, contiene undici brani traditional del repertorio folk statunitense, suonati con chitarra acustica ed elettrica, occasionali dobro e flauto: si ascoltano episodi leggeri e rurali come "Betty and dupree", accanto ad una struggente e fragile interpretazione di "Black is the color", una "Wish I was a single girl again" che ricorda la gentilezza di Joni Mitchell e subito dopo il country folk elettroacustico dolceamaro di "I'm a man of constant sorrow"; non c'è un brano brutto in questa scaletta, a conferma di un'opera che gode di un meritatissimo culto. La voce della Blake si esprime con toni sempre molto misurati, poco più che sussurrando a volte, esprimendo una malinconia ed una dolcezza molto delicate, che richiama più le cantanti folk britanniche, come Sandy Denny e Shirley Collins, che quelle statunitensi. Nata nel 1952 a Columbus in Georgia, Tia Blake era all'alba degli anni '70 una giovane americana, non ancora ventenne, residente a Parigi. Un contratto discografico porto' all'incisione di un album con quindici canzoni folk, ''Folksongs & ballads'', per lo piu' tradizionali, registrato con la collaborazione di alcuni chitarristi francesi, fra cui il suonatore di dobro Gilbert Caranhac (presente in tre brani). L'album usci' in Francia nel 1971 e solo un concerto di promozione fu dato a Parigi, dopo di che Tia Blake fece ritorno in Nord America, abbandonando apparentemente la carriera musicale. Ulteriori incisioni, effettuate nel 1973 a Parigi e nel 1976 a Montreal e rese pubbliche molti anni dopo, confermano pero' che la cantante non aveva lasciato la musica e la sua voce era ancora limpida, il suo canto delicato ed evocativo, intorno alla metà degli anni '70.    
   
     
   
stampa