Rock Bottom records
Via de' Giraldi 16r
Firenze tel. 055245220
www.rockbottom.it
autore Blakey art   Euro
45,00
titolo A night at birdland volume 2 (original version on 10")  
supporto Lp edizione ristampa          mono  
anno 1954 stampa jap etichetta   blue note / toshiba emi   codice 255278

condizioni   [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent  

Minialbum in formato 10", splendida e rara ristampa giapponese del 1999, in mono, completa dell' originario obi, ancora intatto, con prezzo indicato di 3000 Yen, copertina in cartoncino pesante, laminata fronte e retro, senza barcode, pressoche' identica alla prima tiratura, etichetta Blue Note bianca e blu, catalogo TOJJ-5038 BN-5038. Originariamente pubblicato nel 1954 dalla Blue Note, il secondo dei tre volumi contenenti registrazioni dal vivo (che nel 1956 saranno raccolte in due volumi dallo stesso titolo) effettuate da Art Blakey con il suo quintetto al leggendario Birdland di New York, il 21 febbraio del 1954, con formazione composta da Art Blakey (batteria), Clifford Brown (tromba), Lou Donaldson (sax alto), Horace Silver (pianoforte) e Curly Russell (contrabbasso). Blakey ed i suoi dettero alcune infuocate perfomances quel giorno, con questo gruppo pre-Jazz Messengers che alcuni critici considerano uno dei suoi migliori, qui alle prese con un eccelso hard bop nel quale risplendono i talentuosissimi solisti, non ultimo il compianto Clifford Brown, capace di struggente lirismo come di scoppiettanti tirate con la sua tromba. Questa la scaletta: ''Wee-Dot", "Mayreh" e "A Night In Tunisia". Art Blakey, con i suoi Jazz Messengers, e' stato uno degli alfieri della corrente hard bop; la sua carriera, cominciata negli anni '40 con Fletcher Henderson e poi nella seminale orchestra di Billy Eckstine, prosegue negli anni '50 con la fondazione dei Jazz Messengers, una vera fucina di talenti in cui suoneranno, nel corso degli anni, decine e decine di musicisti fra cui Horace Silver, Keith Jarrett, Wayne Shorter, Donald Byrd e Freddie Hubbard. Restio alle tendenze avanguardiste del free jazz, Blakey proseguira' sul suo percorso di matrice hard bop fino alla morte, sopravvenuta nel 1990, influenzando fortemente le nuove leve del jazz.    
   
     
   
stampa