Rock Bottom records
Via de' Giraldi 16r
Firenze tel. 055245220
www.rockbottom.it
autore Simple minds   Euro
5,00
titolo Promised you a miracle + 2  
supporto 12'' edizione originale          stereo  
anno 1982 stampa ita etichetta   virgin   codice 253128

condizioni   [vinile]  Excellent  [copertina]  Fair  

ep in formato 12", ristampa italiana del 1986, copia promozionale con punzonatura ''campione gratuito'' in basso a sinistra (in corrispondenza della punzonatura, purtroppo anche uno strappo di circa 3x1 cm), copertina in cartoncino sottile senza costola e con barcode, label verde con riga obliqua rossa su di una facciata ed a colori invertiti sull'altra, catalogo VINX852, data sul trail off riferita al 1986. Pubblicato in Uk nell' aprile del 1982, giunto al numero 13 delle classifiche inglesi, il singolo che anticipava l' uscita dell' album "New Gold Dreams"; contiene sul lato A "Promised You A Miracle", che sara' appunto inserita nell' album, e sul lato B "Theme For Great Cities" e "Seeing Out The Angel", brani estratti dal doppio album "Sons And Fascination / Sister Feelings Call" datato Settembre 1981, ma la seconda in una INEDITA versione strumentale. Nati in Scozia dalle ceneri dei Johnny & The Self Abusers, i Simple Minds che prendono il loro nome da un brano di David Bowie, si formano nel 1978 da Jim Kerr, Charlie Burchill, Brian McGee che reclutano tra le loro fila Mick McNeill e Derek Forbes. Il gruppo iniziera' a suonare costantemente al Mars Bar di Glasgow dove verrano notati da Bruce Findlay, proprietario di un negozio di dischi e vero guru dell'allora scena musicale e fondatore dell'etichetta Zoom per la quale il gruppo incidera' il loro primo album Life In A Day datato Aprile 1979. Successivamente i Simple Minds passeranno alla major Arista per la quale incideranno Real To Real Cacophony e Empires And Dance prima di passare definitivamente alla Virgin Records che accompagnera' il percorso del gruppo sino ai nostri giorni. I Simple Minds sono da considerarsi tra le formazioni principe degli anni ottanta, il loro contributo alla scena e' fondamentale ed imprenscindibile.    
   
     
   
stampa