Hai cercato:  martyn john and beverley --- Titoli trovati: : 2
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  Island / caroline / universal 
rock 60-70
ristampa del 2018, copertina pressoche' identica a quella della prima rara tiratura su Island, con l' originario errore nella lista dei brani sul retro che indica la presenza di "Let It Happen", che pero' fu sostituito prima della pubblicazione da "Say What You Can". Pubblicato in Inghilterra nel novembre del 1970 dopo ''Stormbringer'', non entrato nelle classifiche inglesi ne' in quelle Usa, il secondo ed ultimo registrato con la moglie Beverly. Prodotto da Joe Boyd, fu definito dalla critica britannica come uno dei capolavori dell' acoustic folk inglese; simile al precedente, ma con influenze progressive meno marcate ed un approccio molto piu' marcatamente jazzy, contiene tracce di blues e vede oltre alla voce di John Martyn, che coniuga Nick Drake, Shawn Phillips e Tim Buckley, quella della moglie Beverly (importante il suo contributo anche da un punto di vista compositivo), dal timbro assai particolare e molto caldo. E' anche il primo lavoro di Martyn in cui suona il contrabbasso Danny Thompson dei Pentangle, una figura che diverra' abituale nei suoi dischi successivi. Tra i musicisti anche Dave Pegg, all' epoca nei Fairport Convention.
Euro
29,00
codice 2114852
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  Island / caroline 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi, pressocche' identica alla prima rara tiratura su Island del 1970. Pubblicato in Inghilterra nel febbraio del 1970 dopo ''The tumbler'' e prima di ''The road to ruin'', non entrato nelle classifiche UK non pubblicato all'epoca in USA. Il primo album registrato da John Martyn con la moglie Beverly, il terzo in assoluto, definito da piu' parti come uno dei capolavori dell' acoustic folk inglese, con influenze progressive, tocchi di jazz e blues, e la voce algida e originalissima della moglie Beverly, fu registrato dai due a Woodstock, N.Y. con musicistio locali, tra i quali figurano Paul Harris e Levon Helm. L'album ricorda da vicino gli esperimenti elettroacustici dei Fairport Convention del periodo con brani complessi sospesi tra folk progressive e carichi di pathos, il tutto immerso in una groove jazzy e con momenti acustici ed introspettivi, tra i brani la magnifica "Woodstock" (niente a che fare con l'omonimo brano di Joni Mitchell ) e '' stormbringer''.
Euro
27,00
codice 2100348
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti: