Hai cercato:  Silver apples --- Titoli trovati: : 6
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Silver apples beacon
lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  1997  chickencoop 
rock 60-70
doppio album, nella versione in vinile nero; pubblicato nel 2016, si tratta della prima versione vinilica dell' album originariamente uscito nel 1997 solo in cd per l' etichetta Whirlybird Records. Registrato da Steve Albini, il terzo album, il primo dopo gli storici capolavori "Silver Apples" (1968) e "Contact" (1969), e dopo che nel 1996 il singolo" Fractal Flow" aveva riportato alle cronache il nome della seminale band americana, ormai guidata dal solo cantante e tastierista Simeon Coxe, qui accompagnato dal batterista Michael Lerner (poi negli Antlers) e dal tastierista Xian Hawkins (poi nei Sybarite e nei Bell Horses). Undici brani, tra cui nuove versioni di tre vecchi brani del gruppo ("I Have Known Love", "You And I" e "Misty Mountain"), per un' opera certo lontana dall' impatto ipnotico e stordente dei primi due lavori, e soprattutto dalla loro importanza storica, opere avveniristiche come poche nella storia del rock, ma certo assai intrigante e fortemente motivata, capace di onorare i grandi trascorsi dei Silver Apples. Sara' seguita solo un anno dopo da un nuovo album "Decatour", oltre che da un interessante "The Garden", album "perduto" che i Silver Apples avevano iniziato a registrare nel 1969 e che sara' completato e pubblicato nel 1998. I Silver Apples erano un duo di New York, che si autodefiniva ''meccanismo organico con 9 oscillatori e 86 controlli manuali''; sono stati uno dei piu' sensazionali ed innovativi gruppi di tutti i tempi. Il loro lavoro precede quello di band quali Suicide, Spacemen 3 o Laika di almeno dieci anni (o almeno venti, nel caso degli ultimi due gruppi citati); la loro musica, suonata per lo piu' con basso, oscillatori, tastiera e batteria, e' indescrivibile: suona come una versione punk psichedelica dei Suicide propulsa dalla vena visionaria dei tardi anni '60. I loro due album, usciti rispettivamente nel 1968 e nel 1969, vendettero pochissimo (si parla di poche centinaia di copie), e dei due si persero le tracce finche' incredibilmente nel 1996 Simeon Coxe, il tastierista e cantante originario, in compagnia del batterista Xian Hawkins (poi negli Antlers) ha pubblicato un singolo, a nome Silver Apples, intitolato ''Fractal flow'', seguito da dua nuovi albums, "Beacon" (1997) e "Decatur" (1998), oltreche' da ''The garden'' (1998), album contenente incisioni inedite dei tardi anni '60 e completate trent'anni dopo, che avrebbero dovuto essere la base di un terzo album rimasto incompiuto all'epoca. Dopo un album condiviso con l' ex Spacemen 3 Sonic Boom nel 1998, dei Silver Apples si perdera' nuovamente traccia fino a "Clinging To A Dream", realizzato nel 2016.
Euro
21,00
codice 3017411
scheda
Silver apples Clinging to a dream
lp2 [edizione] nuovo  stereo  usa  2016  chickencoop 
rock 60-70
doppio album, versione in vinile nero, label custom con artwork diverso sulla prima e sulla terza facciata, identico sulla seconda e sulla quarta, catalogo CCRLP006. Pubblicato nel settembre del 2016 dalla Chickencoop negli USA, il sesto e purtroppo ultimo album, successivo a ''The garden'' (1998, ma inciso a fine anni '60). Ormai scomparso l'originario batterista Danny Taylor (deceduto nel 2005), il cofondatore Simeon Coxe compone interamente le musiche ed i testi di questo ''Clinging on a dream'' e confeziona un disco di pop elettronico melodico ma anche aperto in alcuni episodi ad atonalita' e sperimentazione; non mancano i punti di collegamento con le opere plasmate dal gruppo negli anni '60, anche se l'impeto visionario e slanciato verso il futuro che le permeava e' inevitabilmente meno forte in queste tracce. Sorprendente fra esse e' ''Charred fragments'', che fa pensare ai Suicide che suonano in paradiso invece che nella sporca e terrena metropoli degli anni '70. I Silver Apples erano un duo di New York, che si autodefiniva ''meccanismo organico con 9 oscillatori e 86 controlli manuali''; sono stati uno dei piu' sensazionali ed innovativi gruppi di tutti i tempi. Il loro lavoro precede quello di band quali Suicide, Spacemen 3 o Laika di almeno dieci anni (o almeno venti, nel caso degli ultimi due gruppi citati); la loro musica, suonata per lo piu' con basso, oscillatori, tastiera e batteria, e' indescrivibile: suona come una versione punk psichedelica dei Suicide propulsa dalla vena visionaria dei tardi anni '60. I loro due album, usciti rispettivamente nel 1968 e nel 1969, vendettero pochissimo (si parla di poche centinaia di copie), e dei due si persero le tracce finche' incredibilmente nel 1996 Simeon Coxe, il tastierista e cantante originario, in compagnia di tale Xian Hawkins ha pubblicato un singol, a nome Silver Apples, intitolato ''Fractal flow'', seguito da dua nuovi albums, "Beacon" (1997) e "Decatur" (1998), oltreche' da ''The garden'' (1998), album contenente incisioni inedite dei tardi anni '60 e completate trent'anni dopo, che avrebbero dovuto essere la base di un terzo album rimasto incompiuto all'epoca.
Euro
25,00
codice 3017336
scheda
Silver apples contact (limited colored vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  jackpot / universal 
rock 60-70
bella ristampa limitata in vinile colorato, realizzata dalla Jackpot nel 2017, per la prima volta ottenuta dai master tapes originali, copertina senza barcode, pressoche' identica a qeulla della prima rara tiratura uscita in Usa su Kapp, e corredata di esclusiva inner sleeve. Il secondo album, uscito dopo ''Silver Apples''. Duo di New York, che si autodefiniva ''meccanismo organico con nove oscillatori e 86 controlli manuali'', sono stati uno dei piu' senzazionali ed innovativi gruppi di tutti i tempi, il loro lavoro precede quello di bands quali Suicide, Spacemen 3 o Laika di almeno 10 anni. Questo loro album, composto da basso, oscillatori, tastiera e batteria, e' indescrivibile, suona come una versione punk psichedelica dei Suicide ed e' incredibile che l'anno di uscita sia il 1969. Il disco, naturalmente, vendette pochissimo, si parla di meno di 500 copie, seguendo le orme del lavoro precedente, sia nel successo che nello stile, pubblicato nel 1968, dopodiche' i due si smaterializzarono lasciarono il pianeta e tornarono nella galassia aliena dalla quale certo provenivano. I Silver Apples erano un duo di New York, che si autodefiniva ''meccanismo organico con 9 oscillatori e 86 controlli manuali''; sono stati uno dei piu' sensazionali ed innovativi gruppi di tutti i tempi. Il loro lavoro precede quello di band quali Suicide, Spacemen 3 o Laika di almeno dieci anni (o almeno venti, nel caso degli ultimi due gruppi citati); la loro musica, suonata per lo piu' con basso, oscillatori, tastiera e batteria, e' indescrivibile: suona come una versione punk psichedelica dei Suicide propulsa dalla vena visionaria dei tardi anni '60. I loro due album, usciti rispettivamente nel 1968 e nel 1969, vendettero pochissimo (si parla di poche centinaia di copie), e dei due si persero le tracce finche' incredibilmente nel 1996 Simeon Coxe, il tastierista e cantante originario, in compagnia di tale Xian Hawkins ha pubblicato un singolo, a nome Silver Apples, intitolato ''Fractal flow'', seguito da dua nuovi albums, "Beacon" (1997) e "Decatur" (1998), oltreche' da ''The garden'' (1998), album contenente incisioni inedite dei tardi anni '60 e completate trent'anni dopo, che avrebbero dovuto essere la base di un terzo album rimasto incompiuto all'epoca.
Euro
32,00
codice 2109295
scheda
Silver apples Decatur (coloured vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1998  chickencoop 
rock 60-70
Versione in vinile colorato bianco e verde a chiazze (e' stato contemporaneamente pressato anche in una versione in vinile nero), label custom, catalogo CCRLP005COL. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2016 ad opera della Chickencoop, il quarto album, originariamente pubblicato solo in cd dalla Whirlybird nel giugno del 1998, sopo ''Beacon'' (1997) e poco prima di ''The garden'' (uscito nell'ottobre del 1998, ma contenente registrazioni in parte risalenti agli anni '60). Senza la partecipazione dell'originario batterista Danny Taylor (poi deceduto nel 2005), il cofondatore Simeon Coxe (oscillatori, tastiere) si avvale qui della collaborazione di Xian Hawkins (tastiere) e Michael Lerner (percussioni). Mentre ''Beacon'' si componeva di una serie di brani di breve e media durata, ''Decatur'' contiene invece un'unica lunghissima suite che si avvicina all'elettronica d'avanguardia, ostica ed anticommerciale nel suo uso astratto e dissonante degli oscillatori, una musica ''libera'', anche dalla melodia, molto lontana dall'elettronica dominante a fine secolo (techno, ambient...). I Silver Apples erano un duo di New York, che si autodefiniva ''meccanismo organico con 9 oscillatori e 86 controlli manuali''; sono stati uno dei piu' sensazionali ed innovativi gruppi di tutti i tempi. Il loro lavoro precede quello di band quali Suicide, Spacemen 3 o Laika di almeno dieci anni (o almeno venti, nel caso degli ultimi due gruppi citati); la loro musica, suonata per lo piu' con basso, oscillatori, tastiera e batteria, e' indescrivibile: suona come una versione punk psichedelica dei Suicide propulsa dalla vena visionaria dei tardi anni '60. I loro due album, usciti rispettivamente nel 1968 e nel 1969, vendettero pochissimo (si parla di poche centinaia di copie), e dei due si persero le tracce finche' incredibilmente nel 1996 Simeon Coxe, il tastierista e cantante originario, in compagnia di tale Xian Hawkins ha pubblicato un singol, a nome Silver Apples, intitolato ''Fractal flow'', seguito da dua nuovi albums, "Beacon" (1997) e "Decatur" (1998), oltreche' da ''The garden'' (1998), album contenente incisioni inedite dei tardi anni '60 e completate trent'anni dopo, che avrebbero dovuto essere la base di un terzo album rimasto incompiuto all'epoca.
Euro
24,00
codice 3509454
scheda
Silver apples Selections from the early sessions
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1968  chickencoop 
rock 60-70
Copertina senza codice a barre, label custom grigia con scritte rosse. Pubblicato nel 2008 dalla ChickenCoop, etichetta della band, questo album contiene brani tratti dai primi due album dei Silver Apples, più una traccia registrata dai Silver Apples fra il marzo e l'aprile del 1969 al Record Plant di New York, durante le incisioni del terzo progettato album "The garden", che sarebbe poi stato pubblicato solo nel 1998: si tratta di una versione inedita in mix a due tracce di "Anthem", l'inno degli Stati Uniti suonato in quelle sessioni da Jimi Hendrix (chitarra) insieme a Simeon Coxe (bass oscillator), il quale adattò i suoi strumenti elettronici alle sonorità della chitarra di Jimi: Hendrix stava lavorando in quel periodo nello stesso studio, e condivise con i Silver Appples anche l'ingegnere Eddie Kramer. Una scaletta che ripercorre un capitolo fondamentale nella storia della musica pop elettronica. Qui di seguito la lista dei brani presenti. SIDE 1: 1. Oscillations 2. Lovefingers 3. Program 4. Velvet Cave 5. Whirly-Bird 6. Ruby SIDE 2: 1. Misty Mountain 2. You And I 3. Gypsy Love 4. I Have Known Love 5. A Pox On You 6. Anthem (Performed With Jimi Hendrix). I Silver Apples erano un duo di New York, che si autodefiniva ''meccanismo organico con 9 oscillatori e 86 controlli manuali''; sono stati uno dei piu' sensazionali ed innovativi gruppi di tutti i tempi. Il loro lavoro precede quello di band quali Suicide, Spacemen 3 o Laika di almeno dieci anni (o almeno venti, nel caso degli ultimi due gruppi citati); la loro musica, suonata per lo piu' con basso, oscillatori, tastiera e batteria, e' indescrivibile: suona come una versione punk psichedelica dei Suicide propulsa dalla vena visionaria dei tardi anni '60. I loro due album, usciti rispettivamente nel 1968 e nel 1969, vendettero pochissimo (si parla di poche centinaia di copie), e dei due si persero le tracce finche' incredibilmente nel 1996 Simeon Coxe, il tastierista e cantante originario, in compagnia di tale Xian Hawkins ha pubblicato un singol, a nome Silver Apples, intitolato ''Fractal flow'', seguito da dua nuovi albums, "Beacon" (1997) e "Decatur" (1998), oltreche' da ''The garden'' (1998), album contenente incisioni inedite dei tardi anni '60 e completate trent'anni dopo, che avrebbero dovuto essere la base di un terzo album rimasto incompiuto all'epoca.
Euro
29,00
codice 3514045
scheda
Silver apples Silver apples (coloured cover artwork)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  rotorelief 
rock 60-70
Ristampa del 2017, versione con esclusiva copertina a colori, senza barcode. Il primo album, uscito nel 1968 e giunto al 193esimo posto della classifica americana, seguito circa un anno dopo dal secondo ed ultimo ''Contact'' (senza considerare successive ricostituzioni). Il duo di New York composto da Dan Taylor, impegnato soprattutto alla batteria, e dal carismatico Simeon Coxe, impegnato alla voce e all' incredibile apparato autocostruito dai due che includeva tastiere, effetti assortiti ed una dozzina di oscillatori, fu il primo insieme agli United States of America ed ai Fifty Foot Hose a sperimentare un innovativo connubio tra rock ed elettronica, dando vita ad una musica che pero', rispetto a quella dei due gruppi citati, suona ancor oggi davvero avveniristica, certo ancora legata alla psichedelia ma piu' nella sostanza che nella forma, notturna ed inquietante, ossessiva e lancinante, un vagare negli incubi della metropoli newyorkese piu' che una fuga nei sogni floreali della psichedelia, una musica scarna ed ossessiva costruita su un tessuto strumentale composto da oscillatori, tastiera e batteria, che suona a tratti come una versione punk psichedelica dei Suicide (incredibile che l'anno di uscita del disco sia il 1968..). Tutto questo fa di questo disco uno degli esordi piu' straordinariamente originali ed innovativi di tutta la storia del rock, punto di riferimento imprescindibile insieme all' altrettanto geniale secondo "Contact" per innumerevoli gruppi di diverse generazioni nei decenni a venire quali i Suicide, gli Spacemen 3 o i Laika, certo troppo avveniristico per essere pienamente compreso all' epoca della sua uscita. I loro due albums, naturalmente, vendettero pochissimo, si parla di meno di 500 copie, e dei due si persero le tracce finche' incredibilmente nel 1996 Simeon, in compagnia di tale Xian Hawkins ha pubblicato un singolo, a nome Silver Apples, intitolato ''Fractal flow'', seguito da dua nuovi albums, "Beacon" e "Decatur".
Euro
29,00
codice 3026803
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti: