Hai cercato:  Shellac --- Titoli trovati: : 6
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Shellac 1000 Hurts professional (+bonus cd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2000  touch & go 
indie 90
ancora disponibile nella confezione originaria contenuta in un box rigido in cartone, con all' interno un cd, un adesivo su cui scrivere la lista dei brani ed un album in vinile pesante con inner sleeve, e con etichetta nera, bianca ed argento, con le scritte sul trail off "What's Orange and looks good on hippies?", il tutto contenuto in una busta trasparente con adesivo, il terzo vero album della band del geniale Steve Albini, nato a Pasadena, California, ma basato a Chicago, tra i personaggi piu' influenti della scena americana alternative noise degli anni '80, alla guida prima dei pionieristici Big Black e quindi dei Rapeman, oltre che produttore di innumerevoli bands. Registrato tra il 1998 ed il 1999, questo album e' considerato un ritorno della band ai livelli del pimo album "At Action Park", con il progetto messo in piedi da Albini con Todd Trainer (gia' con Rifle Sport, Breaking Circus e Brick Layer Cake) e Bob Wetson dei Volcano Suns a definire una volta di piu', ed ancora efficacemente, le coordinate musicali, logica ma non scontata prosecuzione del discorso gia' intrapreso con Big Black e Rapeman: Albini non smussa affatto gli spigoli della propria musica, la violenza che la ha sempre caratterizzata talora esplode in brani graffianti ed aggressivi, molto spesso si fa "implosiva", latente e terribile, caricando di tensione brani meno veloci e "punk" che in passato, ma altrettanto urticanti ed oscuri, forti di un suono immediatamente riconoscibile che si avvale delle sue ormai magistrali capacita' produttive.
Euro
33,00
codice 2099014
scheda
Shellac at action park
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1994  touch & go 
indie 90
vinile 180 grammi, 6con coupon per scaricare l'mp3 dell'album. copertina in cartoncino grezzo apribile con "tasca" per il disco all' interno, vinile pesante con etichetta nera con scritte bianche, inner rigido con note e disegni, il primo album della band del geniale Steve Albini, nato a Pasadena, California, ma basato a Chicago, gia' tra i personaggi piu' influenti della scena americana alternative noise degli anni '80, alla guida prima dei pionieristici Big Black e quindi dei Rapeman, oltre che produttore di innumerevoli bands. A distanza di ben cinque anni dall' unico album dei Rapeman, un paio di 7" e questo "At Action Park" riproposero Albini, coadiuvato da Todd Trainer (gia' con Rifle Sport, Breaking Circus e Brick Layer Cake) e Bob Wetson dei Volcano Suns, all' avanguardia dei suoni piu' estremi dell' alternative rock americano di stampo noise, pur fedele ad un percorso artistico che rimane logica ma non scontata prosecuzione del discorso gia' intrapreso con Big Black e Rapeman. Claustrofobico e psicotico, violento talora piu' nelle tensioni che aleggiano su ogni brano che nella aggressivita' che in realta' e' spesso latente, minaccia ma di rado esplode, in brani scarni, dai ritmi costantemente spezzati e segnati dalla chitarra inconfondibile di Albini, "At Action Park" rimane il capolavoro degli Shellac, ed uno dei massimi della lunga storia artistica di questo personaggio. Scritte sul trail off: "Smoking is as natural as breathing. They've been doing it since before i was born" e "which is a shame, beacause i could have invented it - Todd Stanford Trainer 1994".
Euro
36,00
codice 2113014
scheda
Shellac Excellent italian greyhound (+ cd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2007  touch & go 
indie 90
Vinile pesante, copertina apribile cartonata con parti lucide, senza codice a barre, busta interna a colori, sovracopertina in cartoncino con stampa in leggero rilievo, etichette custom con fondo bianco, scritte nere e foto di levriero in b/n. Contiene la versione in CD dell'album. Adesivo con codice a barre a sigillare la busta di plastica. Pubblicato dalla Touch & Go nel Giugno del 2007. Il quarto album, a sette anni di distanza da "1000 Hurts", della band del geniale Steve Albini, nato a Pasadena, California, ma basato a Chicago, tra i personaggi piu' influenti della scena americana alternative noise degli anni '80, alla guida prima dei pionieristici Big Black e quindi dei Rapeman, oltre che produttore di innumerevoli bands. Considerato dai piu' il disco migliore degli Shellac dai tempi del loro debutto (At Action Park, 1994), sicuramente un loro disco tipico, con la chitarra di Steve Albini tagliente come sempre, il basso di Bob Weston che da' ai brani un'impronta melodica e la batteria di Todd Trainer in equilibrio tra precisione ritmica ed esplorazione free. L'energia e la voglia di osare senza scendere a compromessi sono sempre al centro del progetto del gruppo, con un audio che grazie alle trascorse approfondite esperienze in ambito di studio si fa ancora piu' spettacolare nel senso della purezza e della spazialita'.
Euro
29,00
codice 2111027
scheda
Shellac terraform
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1998  touch & go 
indie 90
copertina apribile in cartone pesante con parti lucide, inner sleeve, vinile 180 g, coupon mp3. etichetta bianca ed argento con scritte nere, contenuto in una busta di plastica trasparente con adesivo relativo all' album, il secondo album (senza contare "The Futurist", realizzato privatamente per gli amici) della band del geniale Steve Albini, nato a Pasadena, California, ma basato a Chicago, tra i personaggi piu' influenti della scena americana alternative noise degli anni '80, alla guida prima dei pionieristici Big Black e quindi dei Rapeman, oltre che produttore di innumerevoli bands. Registrato nell' arco di 5 anni di lavoro, "Terraform" rivela il desiderio del progetto messo in piedi da Albini con Todd Trainer (gia' con Rifle Sport, Breaking Circus e Brick Layer Cake) e Bob Wetson dei Volcano Suns, dopo il celebratissimo "At Action Park", di cercare nuove strade espressive, pur fedele ad un percorso artistico che rimane logica ma non scontata prosecuzione del discorso gia' intrapreso con Big Black e Rapeman; Albini qui smussa in parte gli spigoli della propria musica, che assume sovente tinte particolarmente oscure, come nella lunghissima (12 minuti) e quasi gotica "Didn't We Deserve A Look At You" che apre il disco. La violenza tipica delle "creature" di Albini e' piu' che mai implosiva, opprimente, e carica come sempre di tensione un disco che va considerato forse non tra i massimi capolavori di Albini stesso, ma una tappa certo importante e comunque affascinate della sua lunga storia artistica, che presto approdera' al successivo "1000 Hurts".
Euro
36,00
codice 2113223
scheda
Shellac The end of radio - peel sessions
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1994  touch & go 
indie 90
doppio vinile pesante, copertina con apertura dall'alto, inner sleeve. Raccolta uscita nel 2019 di due peel sessions, rispettivamente quella del 14 luglio 1994 e quella del 1 dicembre 2004. Shellac è un progetto messo in piedi da Albini con Todd Trainer (gia' con Rifle Sport, Breaking Circus e Brick Layer Cake) e Bob Wetson dei Volcano Suns a definire una volta di piu', ed ancora efficacemente, le coordinate musicali, logica ma non scontata prosecuzione del discorso gia' intrapreso con Big Black e Rapeman: Albini non smussa affatto gli spigoli della propria musica, la violenza che la ha sempre caratterizzata talora esplode in brani graffianti ed aggressivi, molto spesso si fa "implosiva", latente e terribile, caricando di tensione brani meno veloci e "punk" che in passato, ma altrettanto urticanti ed oscuri, forti di un suono immediatamente riconoscibile che si avvale delle sue magistrali capacita' produttive.
Euro
41,00
codice 2085967
scheda
Shellac / mule rambler song / beauteous
7" [edizione] nuovo  stereo  uk  1997  laff&go/touch&go 
indie 90
il bel singolo split uscito nel 1997, copertina in cartoncino verde con foratura centale ed etichetta grigia con logo rosa e bianco. Due versioni quasi irriconoscibili di due vecchi brani delle bands americane, ripresentati in una chiave assai meno urticante, ma altrettanto efficace (la copertina parla di "soul sound", ma chi conosce le bands sa che la definizione e' da prendere quantomeno con le molle....). Gli Shellac reinventano quella "The Rambler Song" che era gia' nel loro ep d'esordio, i Mule la loro "Beauteous", originariamenrte nel loro album "If I Don't Six".
Euro
6,00
codice 2012564
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Shellac":
Shellac - 

altri autori contnenti le parole cercate: