Hai cercato:  Scott-heron gil --- Titoli trovati: : 3
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Scott-heron gil Free will
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1972  flying dutchman 
soul funky disco
Ristampa con copertina apribile senza barcode, pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1972 dalla Flying Dutchman negli USA, il terzo album, successivo a ''Pieces of a man'' (1971) e precedente ''Winter in america'' (1974). Lavoro che presenta significative differenze artistiche fra una facciata e l'altra del vinile, ''Free will'' presenta una prima parte che vede Scott-Heron in un contesto musicale di gruppo piu' organico, con la partecipazione di importanti strumentisti quali Hubert Laws (flauto) e Bernard ''Prettie'' Purdie (batteria), che si muovono con sinuosita' ed eleganza in episodi come la dinamica ''Free will'' e la lenta e malinconica ''The middle of our day'', mentre la seconda parte dell'album segna piu' nettamente un binomio fra la base musicale e le parti vocali, quasi rap, del leader. Ancora una volta i testi di Scott-Heron toccano costantemente temi impegnati soprattutto riguardo alla condizione degli afroamericani negli Stati Uniti. Contiene uno dei suoi brani piu' belli e conosciuti, ''The get out of the ghetto blues''. Artista afroamericano nato a Chicago, poeta scrittore, musicista e attivista politico, nei primi anni '70 Gil Scott-Heron (1949-2011) era stato capace di anticipare di un decennio il message rap, come solo i Last Poets prima di lui; autore di un amalgama di jazz, soul, blues, canzone d' autore e poesia proto-rap, partecipo' nel 1980 al concerto antinucleare ''No nukes''.
Euro
22,00
codice 2115073
scheda
Scott-heron gil pieces of a man
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1971  flying dutchman 
soul funky disco
ristampa vinile 180 grammi, pressocche' identica alla prima tiratura, copertina apribile senza barcode, etichetta celeste, rosa e porpora. Inserito nella lista dei 600 albums di tutti i tempi dalla rivista Blow Up. Il secondo album dell' artista di colore nato a Chicago, poeta scrittore, musicista e attivista politico; uscito dopo l' esordio "Small Talk at 125th & Lenox" del 1970 e prima del successivo "Free Will" del 1972, E' il suo primo album suonato, poiche' l' esordio era infatti solo parlato, ed e' considerato uno dei massimi lavori di tutti i tempi della musica nera. Gia' con il disco precedente Scott-Heron era stato capace di anticipare di un decennio il message rap, come solo i Last Poets prima di lui; con questo "Pieces of a Man", che e' stato definito dalla critica "un capolavoro di inarrivabile estasi nera ispirato fino alla commozione in ogni suo sospiro", piega mirabilmente la sua poesia da strada, ovviamente impegnata soprattutto nella causa degli afroamericani, ad una musica che e' un esempio mirabile di quell' amalgama di jazz, soul, blues, canzone d' autore e poesia proto-rap che costituira' negli anni a venire la musica di Scott-Heron, e contiene diversi brani che hanno davvero la statura del classico, come l' iniziale memorabile "The Revolution Will Not Be Televised", o la riflessiva "I Think I'll Call It Morning" ed ancora "Pieces Of A Man", marchiate dalle tastiere di Brian Jackson, o l' omaggio agli eroi della musica nera Billie Holiday e John Coltrane "Lady Lay and John Coltrane", dove la sua voce si dimostra capace di sfumature soul di grande sensibilita'.
Euro
34,00
codice 2113505
scheda
Scott-heron gil Revolution will not be televised
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1974  bgp 
soul funky disco
Ristampa in vinile 180 grammi, con copertina a busta singola. Introduzione perfetta alla musica del grande e compianto artista afroamericano, la bella raccolta uscita originariamente nel 1974, contenente una splendida selezione di brani dai primi tre storici albums di Scott-Heron, usciti per la Flying Dutchman tra il 1970 ed il 1972, ovvero "Small Talk at 125th & Lenox", "Free will'' e "Winter In America". La raccolta ha il merito di una selezione di brani impeccabile, che uno dopo l' altro testimoniano nel migliore e piu' esaustivo dei modi il multiforme talento del seminale musicista afroamericano, autore di testi quasi sempre assai politicizzati, impegnati sulle ingiustizie sociali e sulla grigia situazione degli USA al tramonto della presidenza ''imperiale'' di Richard Nixon; il tutto interpretato con il suo peculiare stile vocale, che e' quasi una summa della musica afroamericana dell'epoca e che al tempo stesso prelude al rap del decennio successivo, arricchito dalla partecipazione a questi dischi di musicisti di estrazione jazz di grande qualita', come il flautista Hubert Laws ed il bassista Ron Carter. Il primo album "Small Talk..." era stato capace di anticipare di un decennio il message rap, come solo i Last Poets prima di lui; "Pieces of a Man", che e' stato definito dalla critica "un capolavoro di inarrivabile estasi nera ispirato fino alla commozione in ogni suo sospiro", piega mirabilmente la sua poesia da strada ad una musica che e' un esempio mirabile di quell' amalgama di jazz, soul, blues, canzone d' autore e poesia proto-rap che costituira' negli anni a venire la musica di Scott-Heron, e contiene diversi brani che hanno davvero la statura del classico, come la memorabile "The Revolution Will Not Be Televised", "Pieces Of A Man", marchiata dalle tastiere di Brian Jackson, o l' omaggio agli eroi della musica nera Billie Holiday e John Coltrane "Lady Lay and John Coltrane", dove la sua voce si dimostra capace di sfumature soul di grande sensibilita', tutti brani qui inclusi. Il terzo "Winter in America" spinse ancora oltre la sua carica invettiva. Questa comunque la lista completa dei brani : "The Revolution will not be televised", "Sex Education: Ghetto Style", "The Get Out Of The Ghetto Blues", "No Knock", "Lady Day and John Coltrane", "Pieces of a Man", "Home is Where The Hatred IS", "Brother", "Save The Children", "Whitey on the Moon" e "Did You Hear What They Said". Artista di colore nato a Chicago, poeta scrittore, musicista e attivista politico, nei primi anni '70 Gil Scott-Heron era stato capace di anticipare di un decennio il message rap, come solo i Last Poets prima di lui; autore di un amalgama di jazz, soul, blues, canzone d' autore e poesia proto-rap, partecipo' nel 1980 al concerto antinucleare ''No nukes''.
Euro
29,00
codice 2112499
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti: