Hai cercato:  Santana and john mclaughlin --- Titoli trovati: : 0
cercando tra gli autori separatamente le parole:  Santana and john mclaughlin --- Titoli trovati:  594
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
lp [edizione] originale  stereo  uk  1977  trailer 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
l' originale stampa inglese, etichetta gialla con logo e scritte nere, retrocopertina con "Marketed and Distributed by Transatlantic", catalogo LER2105. Pubblcato in Inghilterra nel 1977, dalla gloriosa etichetta inglese Trailer, istituzione nell' ambito del folk britannico, e' un bellissimo album quasi interamente strumentale, manifesto della chitarra acustica, e vede brani (tutti inediti e registrati per l' occasione!) eseguiti da importanti interpreti dello strumento, personaggi in molti casi fondamentali del folk britannico. Questa la lista dei brani: John James "A toye; corranto", Pete Barryman (gia' nella Famous Jug Band di Clive Palmer) "For wendy - a nice buzz", Mike Harding "Mr Hitler, Mr. Lanigan, Mr. Tobin, sanddancers extraordinarie", Sam Bracken (dei Five Hand Reel) "Ned of the hill", Martin Simpson "The Green Fields of America; The Ninth of January", Nic Jones with Pete & Chris Coe "The heights of Alma", Martin Carthy "Sweeney's polka", Chris Foster "Georgie", Vin Garbutt "Bainish Sineidin", Archie Fisher & Lucy Cowan "Black Jock", John Renbourn & Gordon Giltrap "Mr Southcote's Pavan; Mr. Southcote's Galliard", Michael Chapman "English music".
Euro
28,00
codice 45859
scheda
Aa.vv. (arto lindsay, john zorn...) Godard ca vous chante?
Lp [edizione] originale  stereo  fra  1986  nato 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
L' originale rara stampa, pressata solo in Francia, copertina apribile laminata all'esterno e liscia all'interno, label color giallo crema con scritte nere e foto di gatti diversa su ciascuna facciata, catalogo NATO634, scritta "MPO" incisa sul trail off di entrambi i lati. Pubblicato nel 1986 dalla Nato in Francia, questo album è un tributo al celebrato regista transalpino Jean-Luc Godard, uno dei massimi esponenti della nouvelle vague, contenente sei brani incisi da diversi artisti esclusivamente per questo progetto: ascoltiamo brani molto differenti fra loro stiliscamente, come una esecuzione della "Sonata in RE minore" di Antonio Vivaldi, pura musica classica incisa il primo settembre 1985 a Chapelle de Villedieu dallo Amati Ensemble (due violini, viola e clavicembalo); un lungo brano di oltre diciotto minuti, intitolato "Godard", inciso da John Zorn con un folto ensemble a cui partecipano anche il chitarrista Bill Frisell ed il batterista Bobby Previte, offrendo una composizione sperimentale, articolata ed ostica, fra free jazz moderno e sperimentale, parti parlate, dissonanze elettroniche; due brevi brani di Arto Lindsay, "Chest" e "Respect", alla guida di un quartetto composto da Clint Ruin (aka Foetus), Roli Mossman (Swans) e Lucy Hamilton (ex Mars), i quali si cimentano con dissonanti ed imprevedibili partiture fra no wave e sperimentazione elettronica; il musicista sperimentale, autore di sonorizzazioni ed ingegnere del suono francese Daniel Deshays, che propone "Du Coté Des Peaudecerfs" per nastri, tromba e voce, pura avanguardia sonora fra silenzi e sonorità abissali; infine Olivier Foy dagli Urban Sax (voce, chitarra, percussioni) e Caroline Gautier (voce, organo Farfisa), interpretano La croisiere immobile", fra chanson francofona, cabaret surreale e sperimentazioni vocali.
Euro
28,00
codice 332736
scheda
lp [edizione] originale  stereo  usa  1987  midnight 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
copertina senza barcode, inserto con foto e note informative sui gruppi rappresentati, label rossa su di una facciata e verde sull'altra, scritte nere e logo Midnight Records nero in alto, catalogo MIRLP137, groove message ''watch for midnight xmas vol. 16 in the year 2000 ad – ho! Ho! Ho!'' sul lato A e ''run rudolph run...'' sul lato B. Pubblicato nel 1987, il terzo volume della serie di compilation che la Midnight, etichetta chiave nell' ambito del 60's garage e della neopsichedelia degli anni '80, dedico' alle festivita' natalizie, con brani appositamente composti da piu' o meno oscuri gruppi di area "revivalista" garage e psichedelica, molti dei quali dei veri e propri gioiellini nella discografia di bands in molti casi tra le principali della scena neo 60's dell' epoca. Troviamo in questo terzo capitolo gruppi quali Brood (la fantastica garage all-girls-band qui agli inizi), Dimentia 13 (Barrettiani piu' che mai), John Frankovic (dei Plasticland, aiutato qui da Brian Richie dei Violent Femmes), Iguanas, Whooping Cranes, Gorehounds, Sharky's Machine, Love Pushers, Senders, Sterilles, Woofing Cookies, Luther n' B.B.B.'s, Crocodile Shop (ex Mod Fun). Un disco piacevolissimo. Questa la scaletta: Iguanas, ''Reindeer n' whiskey''; Whooping Cranes, ''Celebrate!''; Gorehounds, ''Yuh, xmess''; Sharky's Machine, ''My sears catalogue''; The Love Pushers, ''Xmass will never...''; The Senders, ''Merry christmas, baby''; The Sterilles, ''Mrs. Claus has menopause''; The Woofing Cookies, ''Staring at the eye of god''; Luther n' B.B.B.'s, ''Are you ready for christmas''; The Brood, ''One winter's night''; Crocodile Shop, ''December mourning''; Dimentia 13, ''Christmas comes to those who wait''; John Frankovic, ''The last noel''.
Euro
22,00
codice 201489
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1987  midnight 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia ancora incellophanata, copertina senza barcode, inserto con foto e note informative sui gruppi rappresentati, label rossa su di una facciata e verde sull'altra, scritte nere e logo Midnight Records nero in alto, catalogo MIRLP137, groove message ''watch for midnight xmas vol. 16 in the year 2000 ad – ho! Ho! Ho!'' sul lato A e ''run rudolph run...'' sul lato B. Pubblicato nel 1987, il terzo volume della serie di compilation che la Midnight, etichetta chiave nell' ambito del 60's garage e della neopsichedelia degli anni '80, dedico' alle festivita' natalizie, con brani appositamente composti da piu' o meno oscuri gruppi di area "revivalista" garage e psichedelica, molti dei quali dei veri e propri gioiellini nella discografia di bands in molti casi tra le principali della scena neo 60's dell' epoca. Troviamo in questo terzo capitolo gruppi quali Brood (la fantastica garage all-girls-band qui agli inizi), Dimentia 13 (Barrettiani piu' che mai), John Frankovic (dei Plasticland, aiutato qui da Brian Richie dei Violent Femmes), Iguanas, Whooping Cranes, Gorehounds, Sharky's Machine, Love Pushers, Senders, Sterilles, Woofing Cookies, Luther n' B.B.B.'s, Crocodile Shop (ex Mod Fun). Un disco piacevolissimo. Questa la scaletta: Iguanas, ''Reindeer n' whiskey''; Whooping Cranes, ''Celebrate!''; Gorehounds, ''Yuh, xmess''; Sharky's Machine, ''My sears catalogue''; The Love Pushers, ''Xmass will never...''; The Senders, ''Merry christmas, baby''; The Sterilles, ''Mrs. Claus has menopause''; The Woofing Cookies, ''Staring at the eye of god''; Luther n' B.B.B.'s, ''Are you ready for christmas''; The Brood, ''One winter's night''; Crocodile Shop, ''December mourning''; Dimentia 13, ''Christmas comes to those who wait''; John Frankovic, ''The last noel''.
Euro
25,00
codice 328315
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  cool cult 
blues rnr coun
Ristampa del 2019, in vinile da 180 grammi, copertina senza barcode, su singolo vinile e non più su doppio come era nella prima tiratura, e con otto brani in meno rispetto a quella. Originariamente pubblicato nel 1969 dalla Blue Thumb, questo album documenta il blues rurale del Sud degli Stati Uniti attraverso incisioni in studio effettuate agli Ardent Studios ed ai Royal Recording Studios di Memphis fra il 9 ed il 12 giugno dello stesso anno. "Memphis swamp jam" contiene brani di alcuni grandissimi superstiti del vecchio blues acustico del Sud: qui ascoltiamo brani di Bukka White, dotato di una voce al vetriolo ed accomunato per alcuni particolari agli stili di Skip James e Blind Willie Johnson, proveniente dalla cittadina di Houston nel Mississippi, influenzato in gioventu' dal grande bluesman del delta Charley Patton; Walter "Furry" Lewis, stimatissimo e longevo bluesman, (nato fra il 1893 ed il 1900, morto nel 1981), ricordato come uno dei maggiori esponenti del blues di Memphis, la cui importanza e' riconoscita dalla critica anche per avere egli contribuito a mantenere viva la memoria dello stile blues di quell'area degli Stati Uniti, quando venne riscoperto da Sam Charters alla fine degli anni '50, tornando poi alla ribalta con il blues revival degli anni '60 e diventando uno dei bluesmen del delta piu' celebri degli anni '70; Sleepy John Estes (1899-1977), autore di blues disadorni e spigolosi, caratterizzati da testi poetici con i quali trasfigura ogni fatto, storia o evento grande e piccolo che gli accade intorno, nella ristretta realta' di Brownsville; Nathan Beauregard (1887-1970), originario di Colbert, Mississippi, era tuttavia basato a Memphis, e si esibiva sovente nei festival dell'epoca del blues revival degli anni '60, suonando spesso un banjo elettrificato; infine Fred McDowell (qui con Johnny Woods), chitarrista e cantante, rimasto nell'ombra fino alla sua "riscoperta" avvenuta nel '59 da parte dell'etnomusicologo Alan Lomax, interprete dai toni intensi e drammatici, dalla voce malinconica, a volte flebile e a volte piu' penetrante, le cui composizioni sono principalmente caratterizzate da un senso tragico e improntate a temi catastrofici, ma contengono sempre una speranza finale ed una religiosita' di fondo. Questa la scaletta: Booker Bukka White, "Christmas eve blues", "Columbus, Miss blues", "Sad day blues"; Furry Lewis, "Judge boushay blues", "Walking blues"; Sleepy John Estes, "President kennedy stayed away too long", "Need more blues"; Nathan Beauregard, "Nathan's bumble bee blues", "'Bout a spoonful"; Fred McDowell and Johnny Woods, "Shake 'em on down", "Fred's blues", "Keep your lamp trimmed and burning".
Euro
10,00
codice 3026955
scheda
lp [edizione] originale  stereo  usa  1969  columbia 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
la prima stampa americana, copertina cartonata ed etichetta rossa "Columbia '360 sound' ", poi ristampato con diversa etichetta, senza "Stereo" a sinistra sotto il numero di catalogo (che subentrera' nel 1970), catalogo CS9952. Pubblicato nel 1969, contiene undici brani di altrettanti gruppi o artisti (perlopiu' americani) del catalogo Columbia; tra i brani, la rara "Lay Lady Lay" dei Byrds, all' epoca pubblicata solo su singolo. Questa la lista completa dei brani: Big Brother And The Holding Company "Ball And Chain" (dall' album" Cheap Thrill" del 1968); Blood, Sweat And Tears "God Bless The Child" (dall' album "Blood, Sweat And Tears" del 1968); Electric Flag "Killing Floor" (dall' album "A Long Time Comin'" del 1968); It's A Beautiful Day "White Bird" (dall' album "It's A Beautiful Day" del 1968); Laura Nyro "Sweet Blindness" (dall' album "Eli And The Thirteenth Confession" del 1968), Taj Mahal "Diving Duck Blues" (dall' album "Taj Mahal" del 1968); Johnny Winter "I'll Drown In My Tears" (dall' album "Johnny Winter" del 1969); Mike Bloomfield / Al Kooper "Albert's Shuffle" (dall' album "Super Session" del 1968); Byrds "Lay Lady Lay" (pubblicata solo su singolo nel 1969); Chicago "Listen" (dall' album "Chicago Transit Authority" del 1968); Mongo Santamaria "Cold Sweat" (dall' album "Soul Bag" del 1968).
Euro
25,00
codice 22649
scheda
LPBOX [edizione] originale  stereo  eu  1990  elektra 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
Quadruplo album, contenuto in un box di cartone rigido (con moderati segni di invecchiamento), con parti metallizzate sul fronte, con libretto formato cd all' interno, l' originale ed unica stampa vinilica, pressata in Germania anche per l' Inghilterra, etichette custom da un lato e nere con scritte rosse e bianche dall' altro, con marchio Gema/Biem, catalogo 7559-60940-1. Pubblicato nel settembre del 1990, si tratta di un interessantissimo cofanetto celebrativo pubblicato dalla Elektra in occasione del suo quarantesimo anniversario; prodotto da Lenny Kaye (che gia' per la Elektra aveva prodotto nel 1972 la storica raccolta "Nuggetts", vede celeberrimi artisti contemporanei cimentarsi in rifacimenti di brani usciti per la Elektra nei 40 anni di storia della fondamentale label americana. Ecco la lista del materiale incluso e il gruppo o l' artista originariamente interprete): Cure: Hello, I Love You (Doors, 1968), Tracy Chapman: The House of the Rising Sun (Glenn Yarbrough, 1957), Billy Bragg: 7 and 7 Is (Love, 1966), Jevetta Steele: I'd Like to Teach the World to Sing (New Seekers, 1971), Gipsy Kings: Hotel California (Eagles, 1976), Black Velvet Band: Werewolves of London (Warren Zevon, 1978), Sugarcubes: Motorcycle Mama (Sailcat, 1972), Shinehead: One Meatball (Josh White, 1956), Havalinas: Bottle of Wine (Tom Paxton, 1965), Pixies: Born in Chicago (Paul Butterfield Blues Band, 1965), Faster Pussycat: You're So Vain (Carly Simon, 1972), Kronos Quartet: Marquee Moon (Television, 1977), Phoebe Snow: Get Ourselves Together (Delaney, Bonnie & Friends, 1968), Happy Mondays: Tokoloshe Man (John Kongos, 1972), Ernie Isley: Let's Go (The Cars, 1979), Lynch Mob: Going Down (Don Nix and the Alabama State Troopers, 1972), Arto Lindsay & The Ambitious Lovers: A Little Bit of Rain (Fred Neil, 1965), Anita Baker: You Belong to Me (Carly Simon, 1978), Howard Jones: Road to Cairo (David Ackles, 1968), Big F: Kick Out the Jams (MC5, 1969), Georgia Satellites: Almost Saturday Night/Rockin' All Over the World (John Fogerty, 1975), Sara Hickman: Hello, I Am Your Heart (Dennis Linde, 1973), Teddy Pendergrass: Make It with You (Bread, 1970), Linda Ronstadt: The Blacksmith (a cappella) (Kathy & Carol 1965), Bill Frisell, Robin Holcomb, Wayne Horvitz: Going Going Gone (Bob Dylan, 1974), Jackson Browne: First Girl I Loved (The Incredible String Band, 1967), 10,000 Maniacs: These Days (Jackson Browne, 1973), Metallica: Stone Cold Crazy (Queen, 1974), Danny Gatton: Apricot Brandy (Rhinoceros, 1968), Shaking Family: Union Man (The Cate Brothers, 1975), They Might Be Giants: One More Parade (Phil Ochs, 1964), Howard Hewett: I Can't Tell You Why (Eagles, 1979), Leaders of the New School: Mt. Airy Groove (Pieces of a Dream, 1982), Shirley Murdock: You Brought the Sunshine (The Clark Sisters, 1983), John Eddie: Inbetween Days (The Cure, 1985), Beautiful South: Love Wars (Womack & Womack, 1983), Michael Feinstein: Both Sides Now (Judy Collins, 1967), John Zorn: T.V. Eye (The Stooges, 1970), Cure: Hello, I Love You - slight return (Doors, 1968).
Euro
40,00
codice 42557
scheda
Aa.vv. (dubliners, sweeney's men, johnstons...) Here's to the irish! (irish folk sampler)
lp [edizione] originale  stereo  uk  1968  Transatlantic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima rara stampa Inglese, copertina laminata sul fronte, pressata da Robert Stace, come indicato sul retro, completa di inserto di quattro pagine, etichetta ruvida bianca e viola con logo centrale, catalogo TRASAM1. Pubblicato in Inghiltrra nel 1968, questo album contiene dodici brani di folk irlandese o di matrice irlandese, perlopiu' tratti da albums del ricco catalogo della Transatlantic, ma con un brano dei Dubliners tratto da un raro 7"ep e due brani dell Grehan Sisters totalmente inediti altrove (le sorelle Grehan avevano pubblicato per la Transatlatic il loro unico album nel 1967, in cui non sono presenti i due brani in questione). Ecco la lista del materiale incluso: Dubliners "Rocky road to Dublin" (dall' album "The Dubliners" del 1964), Finbar & Eddie Furey "The curragh of Kildare" (dall' album "Finbar And Eddie Furey" del 1968), Glenside Ceilidh Band "Polkas the glenslide nos 1 &2" (dall' album "All-Ireland Champions, Fleadh Ceoil, 1966" del 1967), Grehan sisters "Henry joe" (inedita), Sweeny's men "Handsome cabin boy" (dall' album "Sweeney’s Men" del 1968), Johnston "Frog wedding" (dall' album "The Johnstons" del 1968), Sweeny's men "Exile jig" (dall' album "Sweeney’s Men" del 1968), Johnstons "The lambs on the green hills" (dall' album "The Johnstons" del 1968), Finbar & Eddie Furey "Spanish cloack" (dall' album "Finbar And Eddie Furey" del 1968), "Glenside Ceilidh Band "Golden jubilee" (dall' album "All-Ireland Champions, Fleadh Ceoil, 1966" del 1967), Dubliners "Cook in the kitchen" (dall' ep "More Of The Dubliners" del 1966, Grehan Sisters "Orange and the green" (inedita).
Euro
23,00
codice 43574
scheda
lp [edizione] originale  stereo  uk  1977  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
L' originale stampa inglese, copertina con lievi segni di invecchaimento, etichetta rossa con logo nero e rosso in alto, con ''ST 33'' in due cerchi a destra, catalogo 2482381. Pubblicata in Inghilterra nel 1977, questa misconosciuta raccolta e' in realta' di notevole interesse, contenendo sedici brani di dieci di assai difficile reperibilita' o addirittura inediti di diversi gruppi o artisti del catalogo dell' etichetta Polydor o di etichette affiliate. Questi i brani contenuti: A1 Focus "Crackers" traccia inedita del gruppo olandese, qui ancora con Jan Akkerman e Thijs Van Leer, A2 Van Dyke Parks "Come To The Sunshine" (deliziosa traccia, poi coverizzata da vari gruppi, nella versione originale, pubblicata su singolo da Van Dyke Parks nel 1966 su M.g.m.), A3 Lee Dorsey "When Can I Come Home" (singolo del 1972, scritto e prodotto dal grande Allen Toussaint), A4 Gallagher - Lyle "Trees" (singolo del 1967), A5 Thunderclap Newman "The Reason" (singolo del 1970, uscito su Track e prodotto da Pete Townshend degli Who), A6 Birds Birds "Daddy Daddy" (b-side di un singolo del 1966 dei Birds, qui demoninati Birds Birds, gruppo inglese con Ron Wood, poi nei Rolling Stones, in formazione), A7 Ginger Baker's Air Force "Man Of Constant Sorrow" (versione registrata in studio, uscita solo su singolo nel 1970, con Denny Laine alla chitarra ed alla voce), A8 Bobby Thompson "Foxfire" (da un raro singolo uscito nel 1974 su Capricorn), B1 Lee Dorsey "On Your Way Down" (singolo del 1973, brano composto da Allen Toussaint), B2 Focus "O Avondrood" (b-side di un singolo del 1976, inedita su album), B3 Van Dyke Parks "Number Nine" (singolo del 1966 su Mgm, personalissima rivisitazione della Nona Sinfonia di Beethoven), B4 John's Children "Sarah Crazy Child" (rara registrazione del 1967 del gruppo di Marc Bolan, poi Tyrannosaurus Rex e T.Rex), B5 Gallagher - Lyle "In The Crowd" (b-side del singolo del duo citato sopra), B6 Mainhorse Featuring Patrick Moraz "More Tea Vicar" (dall' album "Mainhorse", con Patrick Moraz in formazione, poi negli Yes), B7 Lee Dorsey "Freedom For The Stallion" (singolo del 1971, sempre scritto da Allen Toussaint), B8 Bobby Thompson "Devil Dance" (b-side del singolo di Thompson gia' citato).
Euro
18,00
codice 38302
scheda
LP2 [edizione] originale  stereo  uk  1965  castle communications 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Doppio album, l' originale stampa inglese del 1985, con copertina completamente diversa da quella americana del 1984 su Compleat, copertina apribile senza barcode, label bianca con scritte e logo neri, catalogo CCSLP103. Pubblicata nel 1984 dalla Compleat negli USA e nel 1985 dalla Castle Communications nel Regno Unito, questa antologia compila venti brani tratti dalle tre fondamentali compilations manifesto edite dalla Immediate nel 1968 con i titoli di "Blues anytime vol. 1", "Blues anytime vol. 2" e "Blues anytime vol. 3": si tratta di sessioni risalenti per lo più al periodo 1965 – 1967, effettuate per la Immediate di Andrew Oldham da diversi musicisti britannici legati al movimento blues del Regno Unito, da Eric Clapton a Jimmy Page, dai Bluesbreakers di John Mayall al futuro Fleetwood Mac Jeremy Spencer ed ai Santa Barbara Machine Head, oscura formazione blues in cui militavano nientemeno che Twink, Jon Lord (futuro Deep Purple), Ronnie Wood (futuro Faces e Rolling Stones) e Kim Gardner (dei Creation). Forse non immediatamente mirate ad una pubblicazione commerciale (furono infatti pubblicate solo nel 1968 su quelle tre compilations), queste tracce rivelano comunque una parte importante della genesi del British blues ed anche dei suoi intrecci con il rock, attraverso i contributi di mostri sacri come Clapton, Page e Jeff Beck, evidenziando il loro contributo all'idioma e la loro maturazione prima della consacrazione a stars; non va dimenticata la presenza anche di brani degli All Stars di Cyril Davies, altro gruppo fondamentale guidato da questo pioniere del blues inglese morto prematuramente nel 1964. I brani suonati insieme da Clapton e Page furono incisi insieme a membri dei Rolling Stones: Mick Jagger (armonica), Charlie Watts (batteria), Ian Stewart (piano) e Bill Wyman (basso). Questa la scaletta: Eric Clapton, "Snake drive", "West coast idea"; Eric Clapton & Jimmy Page, "Choker"; John Mayall & the Bluesbreakers, "I'm your witchdoctor"; Eric Clapton, "Tribute to elmore"; Eric Clapton & Jimmy Page, "Freight loader", "Miles road"; John Mayall & the Bluesbreakers, "Telephone blues"; Eric Clapton & Jimmy Page, "Draggin' my tail"; The All Stars featuring Jimmy Page, "Down in the boots"; The All Stars featuring Jeff Beck, "Steelin'", "Chuckles"; The All Stars featuring Jimmy Page, "L.A. Breakdown"; The All Stars featuring Nicky Hopkins, "Piano shuffle"; Cyril davies & The All Stars, "Someday baby"; Santa Barbara Machine Head, "Porcupine juice", "Rubber monkey", "Alber"; Jeremy Spencer, "Who's knocking", "Look down at my woman".
Euro
24,00
codice 334291
scheda
Aa.vv. (johnny cash tribute) Til things are brighter
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1988  red rhino 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa inglese, copertina lucida fronte retro con barcode, label bianca e grigia con scritte grigie, catalogo REDLP88, groove message ''bums, busters, willies and pooh – censor that you twits'' sul lato A e ''do a good deed, kick a washington wife today!'' sul lato B, scritta ''MPO'' incisa sul trail off di entrambi i lati. Pubblicata nel 1988 dalla Red Rhino in Gran Bretagna e dalla Fundamental negli USA, la compilation realizzata in tributo al grandissimo cantante americano Johnny Cash, artista la cui influenza ha trasceso nel corso dei decenni i confini del rockabilly e del country per per radicarsi anche nel pop e nel rock. Lo dimostra la presenza di artisti pop, new wave e rock di generazioni piu' giovani all'opera con brani del repertorio di Cash: da Marc Almond a Michelle Shocked, dai Mekons a Stephen Mallinder (Cabaret Voltaire), da Steve Mack (That Petrol Emotion) a Cathal Coughlan. Un aspetto peculiare di questa raccolta e' che, sebbene i vari cantanti diano la propria impronta vocale ed interpretativa ai brani, lo fanno muovendosi su coordinate musicali sostanzialemente fedeli al country ed al rockabilly degli originali. Questa la scaletta: Michelle Shocked, ''One piece at a time'' (indiavolato rockabilly); Stephen Mallinder, ''I walk the line''; Steve Mack, ''Rosanna's goin' wild''; Sally Timms, ''Cry, cry, cry''; David McCombs, ''Country boy''; Marc Riley, ''Wanted man''; Peter Shelley, ''Straight 'A's in love''; Cathal Coughlan, ''Ring of fire''; Tracey and Melissa beehive, ''Five feet high and risin'''; Brendan Croker, ''Home of the blues''; Mary Mary, ''Boy named sue''; Mekons, ''Folsom prison blues'' (tra i brani piu' convincenti del disco); Marc Almond, ''Man in black'' (tra quelli piu'sorprendenti).
Euro
23,00
codice 325848
scheda
Aa.vv. (pixies, rem, that petrol emotion, john cale, nick cave, james...) I'm your fan – the songs of leonard cohen by...
lp2 [edizione] originale  stereo  hol  1991  columbia 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
Doppio album, l' originale stampa europea di pressaggio olandese e con distribuzione in Francia indicate sul retro copertina, copertina (con piccola abrasione di un paio di centimetri sul retro) lucida fronte retro con barcode, inner sleeve in cartoncino neutro nero con sagomatura centrale, label custom bianco/crema con scritte nere e rosse su di una facciata, con foto in bianco e nera sull'altra, marchio BIEM SDRM senza riquadro in basso, catalogo COL469032 1. Pubblicata nel 1991 dalla Columbia e East West in Europa e dalla Atlantic negli USA, la compilation realizzata in tributo al grande cantautore canadese Leonard Cohen da alcuni dei piu' grandi talenti della scena rock degli anni '80, attraverso sentite cover di R.E.M. (''First we'll take Manhattan'') e Pixies (''I can't forget''), fra gli altri. Questa la scaletta: The House of love, ''Who by fire''; Ian McCulloch, ''Hey, that's no way to say goodbye''; Pixies, ''I can't forget''; That Petrol Emotion, ''Stories of the street'' (una delle cose migliori del disco); The Lilac Time, ''Bird on the wire''; Geoffrey Oryema, ''Suzanne''; James, ''So long marianne''; Jean-Louis Murat, ''Avalanche IV''; David McComb & Adam Peters, ''Don't go home with your hard-on''; R.E.M., ''First we'l take manhattan''; Lloyd Cole, ''Chelsea hotel''; Robert Forster (dei Go-Betweens), ''Tower of song''; Peter Astor, ''Take this longing''; Dead Famous People, ''True love leaves no traces''; Bill Pritchard, ''I'm your man''; Fatima Mansions, ''A singer must die''; Nick Cave and the Bad Seeds, ''Tower of song''; John Cale, ''Hallelujah''.
Euro
25,00
codice 318689
scheda
Aa.vv. (richard thompson, taj mahal, tom paxton, dr. john...) Ben & Jerry's Newport Folk Festival '88 live
lp [edizione] originale  stereo  usa  1989  alcazar 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
l' originale stampa americana, copertina semilucida pressata, come tutte le copie, in Canada, etichetta azzurra con logo e scritte nere, catalogo ALC 105. Pubblicata nel 1989 dalla Alcazar, questa bella raccolta contiene tredici brani esclusivi, registrati dal vivo durante il Newport Folk Festival del 1988 da altrettanti nomi piu' o meno noti del panorama non solo folk internazionale. Certo meno epocale rispetto ai dischi pubblicati dalla Vanguard negli anni '60, che testimoniando i Folk Festivals di Newport si rendevano manifesto dell' evoluzione straordinaria della scena folk americana in particolare nella prima meta' degli anni '60, questo album ha comunque molte frecce al suo arco, ed inizia nel migliore dei modi con un sempre grande Richard Thompson, per ospitare tra i suoi solchi personaggi come Doc Watson, Taj Mahal, Tom Paxton o Dr. John. Questa la lista completa dei brani: A1 Richard Thompson–Turning Of The Tide A2 Doc Watson–Make Me A Pallet On The Floor A3 Cheryl Wheeler–Half A Book A4 Queen Ida And The Bon Temps Zydeco Band–Chere Duloone A5 Taj Mahal–Going To Chicago A6 Moses Rascoe–Scooba Doo A7 Bill Morrissey–Married Man B1 Patty Larkin–Step Into The Light B2 Tom Paxton–Ramblin' Boy B3 Shawn Colvin–Steady On B4 Holly Near–Step It Out Nancy B5 Nashville Bluegrass Band–No Hiding Place B6 Dr. John–Tipitina.
Euro
20,00
codice 42846
scheda
Abercrombie john John abercrombie, marc johnson, peter erskine
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1988  ecm 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Prima stampa europea di pressaggio tedesco, copertina con barcode, inserto con note, label verde petrolio con scritte e logo ECM argento, logo GEMA a sinistra, catalogo 837 756-1 / ECM1390, scritta "printed / made in w. germany" su retro copertina e label. Pubblicato nel 1989 dalla ECM in Germania e negli USA, registrato dal vivo al The Nightstage di Boston il 21 aprile del 1988, da John Abercrombie (chitarra, chitarra sintetizzatore), Marc Johnson (basso) e Peter Erskine (batteria), questo apprezzato album vede il trio in una dinamica interazione di jazz elettrico dai toni cerebrali e raffinati, dalle sonorità vivaci ma non aggressive, ma anche con alcuni splendidi episodi rarefatti e soffusi, fra fusion e post bop. Questa la scaletta: "Furs on ice", "Stella by starlight", "Alice in wonderland", "Beautiful love", "Innerplay", "Light beam", "Drum solo", "Four on one", "Samurai hee-haw", "Haunted heart". Eclettico e irrequieto solista dalle piu' variegate esperienze, John Abercrombie (1944-2017) e' uno dei piu' apprezzati chitarristi jazz di fine '900, paragonato addirittura alla star Pat Metheny. La tecnica e l'inventiva di Abercrombie sono il frutto di una spontanea evoluzione (''All'inizio la musica per me non era un ideale estetico, ma un qualcosa per stare insieme ai ragazzi della mia eta', cosi' suonavo cose di Chuck Berry, e perfino di Elvis'') e dell'assorbimento di influenze che vanno dalla bostoniana Berklee School of Music alle esibizioni con l'organista Johnny 'Hammond' Smith, dalla band con Randy Brecker e Billy Cobham (Dreams) alle esperienze newyorchesi con Gato Barbieri e Gil Evans, fino all'ingresso nella band di Chico Hamilton. I suoi primi ascolti jazz furono Miles Davis e Dave Brubeck, i suoi primi maestri Tal Farlow, Barney Kessel e Jimmy Raney. Nel bagaglio delle sue esperienze i due posti di rilievo spettano al suo sodalizio con Cobham nel gruppo Dreams e, soprattutto, quello con Jack DeJohnette nella band New Direction.
Euro
32,00
codice 333995
scheda
Adams john Harmonium
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1984  ecm 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent classica cont.
prima stampa tedesca, copertina lucida fronte retro senza barcode, con "Printed in W.Germany" sul retro e "Made in W.Germany" sull' etichetta, etichetta verde scuro con scritte argento e logo ECM argentato in alto, doppio catalogo 821465-1/ECM1277, completa di inserto con foto e note. Pubblicato nel 1984 dalla ECM, il secondo album (collaborazioni escluse), successivo a ''Shaker loops/Phrygian gates'' (1980) e precedente ''Harmonielehre'' (1985). Inciso con la San Francisco Symphony Orchestra and Chorus, condotta da Edo De Waart e da Vance George, questa opera del celebrato compositore d'avanguardia John Adams si compone di due lunghi brani, i cui testi sono poesie rispettivamente di John Donne ed Emily Dickinson: ''Negative love'' e ''Because I could not stop for death/Wild nights''. Si tratta di un magistrale lavoro per coro di voci ed orchestra, sospeso fra musica classica ed un minimalismo in cui alcuni critici hanno individuato l'influenza di Steve Reich. Originario di Worcester in Massachussetts, il celebrato compositore americano John Adams opera creativamente fra moderna musica classica ed avanguardia minimalista; influenzato da Steve Reich ma anche appassionato da John Cage e da Morton Feldman, e' divenuto uno dei musicisti d'avanguardia piu' influenti del Nuovo Mondo a partire dai suoi primi lavori solisti della seconda meta' degli anni '70, ed e' ricordato per opere celebrate quanto controverse come ''Nixon in China'' (1987) e ''The death of klinghoffer'' (1990/91).
Euro
23,00
codice 321443
scheda
Almond marc / john harle Tyburn tree: dark london
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2014  sospiro noir 
punk new wave
Vinile doppio pesante, copertina apribile, label marrone con simbolo nero sulla prima e terza facciata, a colori invertiti sulla seconda e quarta facciata, scritte bianche, catalogo SOSTT200114. Pubblicato nel febbraio del 2014 dalla Sospiro Noir, il primo album in collaborazione fra l'ex Soft Cell Marc Almond e John Harle, eclettico musicista inglese, sassofonista, clarinettista, compositore e produttore, che ha collaborato con artisti diversi quali Elvis Costello, Ute Lemper e Paul McCartney. "The tyburn tree: dark london" è talora considerato parte della discografia solista di Almond, della quale sarebbe il 17esimo lp, dopo "Feasting with panthers" (2011, a sua volta una collaborazione con Michael Cashmore, già mente dei Nature and Organisation e membro dei Current 93) e prima di "The dancing marquis" (6/2014). Prendendo il nome dal famigerato patibolo di Tyburn, villaggio dell'area di Londra che in tempi lontani era frequente teatro delle impiccagioni dei condannati a morte provenienti dalle carceri della città, l'album è un lavoro tematico, che dipinge un quadro ad un tempo macabro ed elegante, musicalmente melodico e sognante ma anche percorso da una vena sinistra ed inquietante, della grande e vecchia città di Londra; intrecciando influssi di musica classica, jazz, canzone popolare della prima metà del '900 e moderne sonorità elettriche ed elettroniche, Harle ricama un atmosferico tappeto sonoro sul quale Almond canta con un approccio ora sussurrante ora da crooner d'altri tempi, magnetico, decadente e misuratamente drammatico.
Euro
34,00
codice 3512737
scheda
Angaiak john I'm lost in the city
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1971  future days 
rock 60-70
Edizione limitata a mille copie numerate sul retro copertina in basso, copertina cartonata apribile senza codice a barre, inserto esterno a protezione della costola con note di presentazione. Ristampa del 2016 ad opera della Future Days, con copertina apribile. Originariamente pubblicato nel 1971 su Eskimo Language Workshop solo negli USA, l'unico molto raro album di John Angaiak, cantautore statunitense di etnia eschimese yup'ik. Dopo aver militato nelle forze armate americane in Vietnam, Angaiak incise questo album per il Laboratorio di Linguaggio Eschimese presso l'Università dello Alaska a Fairbanks, nell'ambito di uno sforzo di conservazione della lingua yup'ik, basata su una tradizione orale prima dei contatti con i colonizzatori russi ed statunitensi durante l'epoca moderna. L'album contiene quindi sulla prima facciata canzoni cantate in lingua yup'ik, sulla seconda invece brani in lingua inglese; la musica è basata solo sulla voce e sulla chitarra acustica di Angaiak, che canta con uno stile raccolto, misuratamente dolente e riflessivo, accompagnandosi con semplici melodie chitarristiche; già come sembra far intendere il titolo dell'album ("Sono perso nella città"), l'opera riflette anche la difficile transizione della gente yup'ik dalla vita tradizionale nell'area artica alla modernità ed all'urbanizzazione. I brani cantati nella propria lingua originaria evocano in particolare una suggestiva fusione fra cultura ancestrale e modernità, in un confronto fra folk e cantautorato contemporaneo.
Euro
17,00
codice 3512863
scheda
Antony and the johnsons i am a bird now
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2005  secretly canadian 
indie 2000
inner sleeve, inserto, adesivo sul cellophane, copertina senza codice a barre, etichette bianche con scritte rosse su un lato, nere sull'altro. il secondo atteso album dell'artista inglese trapiantato a New York, il cui esordio, dopo anni di oscurita' e grazie alla riscoperta da parte di David Tibet dei Current 93, aveva fatto gridare al capolavoro. tra i suoi estimatori Lou Reed, che lo ha voluto in "the raven" e nei suoi concerti, e che compare, insieme ad altri ospiti, tra cui Devendra Banhart e Boy George, nelle registrazioni di questo lavoro. le canzoni dell'album ruotano intorno alla struggente voce di Antony, in certi casi accompagnata solo dal pianoforte, in altri, a questo, vi si aggiungono lievi arrangiamenti di archi e cori, una musica molto intima ed elegante, dagli accenti bluesy e spirituals, con influenze Tim Buckley.
Euro
29,00
codice 2111947
scheda
Antony and the johnsons The crying light
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2009  secretly canadian 
indie 2000
Edizione deluxe in vinile da 180 grammi, copertina lucida a busta senza codice a barre, con coupon per mp3, inner sleeve in parte liscio ed in parte lucido, apribile in tre e con testi sul retro, label bianca con disegno azzurro su di una facciata e nero sull'altra, unica scritta il numero che indica la facciata, catalogo SC194, adesivo circolare applicato sul fronte copertina. Pubblicato nel gennaio del 2009 dalla Rough Trade in Gran Bretagna e dalla Secretly Canadian negli USA, ''The crying light'' e' il terzo album di Antony And The Johnsons, uscito dopo ''I am a bird now'' (2005). La nuova prova del gruppo si Antony Hegarty si compone di dieci atmosferici brani, rarefatti e carichi di riflessioni, che spesso si avvicinano ad una moderna musica da camera anche per il sostanzioso uso di archi, che dipingono un'ambientazione autunnale e malinconica ma anche carica di un senso di quiete e di contemplazione; un disco difficile da collocare stilisticamente, dedicato al danzatore butoh Kazuo Ohno, non a caso figura creativa ed anticonformista. Artista inglese trapiantato a New York, il cui esordio ''Antony and the Johnsons'' (2000), dopo anni di oscurita' e grazie alla riscoperta da parte di David Tibet dei Current 93, aveva fatto gridare al capolavoro, Antony Hegarty ha tra i suoi estimatori Lou Reed, che lo ha voluto in "The raven" e nei suoi concerti. Dotato di una voce androgina, morbida e sospesa nell'etere, che si adatta alla sua musica melodica e cerebrale, in cui si incontrano pop raffinato, musica da camera e sperimentazione, Antony con il suo gruppo The Johnsons realizza il secondo album ''I am bird now'' nel 2005, prima e dopo svariati ep.
Euro
29,00
codice 2087180
scheda
Baldry long john Baldry's out!
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1979  emi america 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa uscita esclusivamente in America, copertina lucida fronte retro senza barcode, inner sleeve in carta con testi, artwork e sagomatura sul lato di apertura, label verde con scritte nere e logo EMI America nero e argento in alto, catalogo SW-17015. Pubblicato nel 1979 dalla EMI negli USA, non uscito in Gran Bretagna, il nono album, uscito dopo ''Welcome to club casablanca'' (1976) e prima di ''Long john baldry'' (1980). Registrato fra il dicembre del 1978 ed il gennaio del 1979 a Toronto ed a Londra, con la presenza fra gli altri della esuberante cantante Kathi McDonald, l'album e' un lavoro molto eclettico, nel quale trovano spazio brani di glam rock sanguigno dalle venature hard, ma anche alcune levigate ballate pop, oltre a qualche spruzzatina soul ed addirittura disco, in un episodio. Long John Bladry (1940-2005) e' stato un importante esponente nella storia del Britsh blues. Attivo come cantante dalla fine degli anni '50, nel 1961 fronteggiava gli Alexis Korner Blues Incorporated, e pochi anni dopo fu nei Cyril Davies All Stars, poi ribattezzati The Hoochie Coochie Men da Bladry dopo la scomparsa di Davies nel 1964; nel gruppo cantava anche un giovane Rod Stewart. Baldry formo' nel 1965 gli Steampacket, e poi i Bluesology, nei quali suonava un certo Red Dwight (poi noto come Elton John). La fine degli anni '60 lo vide mettere da parte il blues per cimentarsi con un pop di facile ascolto, che gli frutto' alcuni successi di classifica, ma nei primi anni '70 torno' al blues e al rock blues. Ha lavorato attraverso i decenni anche nel cinema, principalmente come voice actor.
Euro
18,00
codice 321853
scheda
Baldry long john Boys in the band
Lp [edizione] originale  stereo  can  1980  quality 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima stampa canadese, copertina (con microforo promozionale in alto a destra) lucida fronte retro senza barcode, label nera con scritte bianche e logo uality bianco a sinistra, catalogo SV2068. Pubblicato nel 1980 dalla Quality in Canada, questo lp usci' nello stesso anno del decimo album ''Long john baldry'' (su EMI). ''Boys in the band'' era stato pero' inciso circa sei anni prima, nel 1974, ma all'epoca solo due brani del disco erano stati pubblicati in un singolo co-accreditato a Baldry ed ai Barracuda, ''Crazy lady'' e ''End of another day''. Uscito solo in Canada, l'album fu forse frutto di un tentativo di introdurre l'artista sulla scena del paese nordamericano, dove egli si era trasferito proprio nel 1980. Inciso ai Marquee Studios di Londra con Harry Hughes (batteria), Alan Murphy (chitarra), Tom Brown (fiati), Steve Humphries (basso) e George Nash (tastiere), e' un disco essenzialmente pop rock con sfumature soul, lontano dalle sue radici blues, ma la voce di Baldry e' sempre bella e caratteristica. Dopo queste sessioni, il chitarrista Alan Murphy collaboro' in studio con vari ed importanti artisti, fra cui Kate Bush. Long John Bladry (1940-2005) e' stato un importante esponente nella storia del Britsh blues. Attivo come cantante dalla fine degli anni '50, nel 1961 fronteggiava gli Alexis Korner Blues Incorporated, e pochi anni dopo fu nei Cyril Davies All Stars, poi ribattezzati The Hoochie Coochie Men da Bladry dopo la scomparsa di Davies nel 1964; nel gruppo cantava anche un giovane Rod Stewart. Baldry formo' nel 1965 gli Steampacket, e poi i Bluesology, nei quali suonava un certo Red Dwight (poi noto come Elton John). La fine degli anni '60 lo vide mettere da parte il blues per cimentarsi con un pop di facile ascolto, che gli frutto' alcuni successi di classifica, ma nei primi anni '70 torno' al blues e al rock blues. Ha lavorato attraverso i decenni anche nel cinema, principalmente come voice actor.
Euro
18,00
codice 329293
scheda
Baldry long john Filthy mcnasty (rsd 2018)
7" [edizione] nuovo  mono  uk  1965  1960s 
rock 60-70
Pubblicazione realizzata per il RECORD STORE DAY DEL 21 APRILE 2018, in mono, copertina flipback su due lati sul retro, catalogo REP021. Pubblicato nel 2018 dalla 1960s, questo ep contiene quattro brani registrati nel marzo del 1965 per una trasmissione radiofonica, da Long John Baldry accompagnato dagli Hoochie Coochie Men, qui nella loro incarnazione finale senza più il giovane Rod Stewart in formazione. Quattro brani, cover di brani blues e jazz: ''Filthy mcnasty'' (scritta da Horace Silver), ''Backwater blues'' (Bessie Smith), ''St. James infirmary'' (un traditional) e ''Money's getting cheaper'' (di Jimmy Witherspoon). Long John Baldry (1940-2005) è stato un importante esponente nella storia del Britsh blues. Attivo come cantante dalla fine degli anni '50, nel 1961 fronteggiava gli Alexis Korner Blues Incorporated, e pochi anni dopo fu nei Cyril Davies All Stars, poi ribattezzati The Hoochie Coochie Men da Bladry dopo la scomparsa di Davies nel 1964; nel gruppo cantava anche un giovane Rod Stewart. Baldry formò nel 1965 gli Steampacket, e poi i Bluesology, nei quali suonava un certo Red Dwight (poi noto come Elton John). La fine degli anni '60 lo vide mettere da parte il blues per cimentarsi con un pop di facile ascolto, che gli fruttò alcuni successi di classifica, ma nei primi anni '70 tornò al blues e al rock blues. Ha lavorato attraverso i decenni anche nel cinema, principalmente come voice actor.
Euro
14,00
codice 3511916
scheda
Barry john Cotton club ost (numbered grey vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1984  music on vinyl 
soundtracks
Edizione limitata a mille copie numerate sul retro copertina in basso, in vinile da 180 grammi di colore grigio, copertina lucida, inserto, busta di plastica trasparente con chiusura a linguetta. Ristampa del 2015 ad opera della Music On Vinyl, pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicata nel 1984 dalla Geffen in Gran Bretagna e negli USA, dove giunse alla 93esima posizione nella classifica bilboard 200, la colonna sonora del film diretto da Francis Ford Coppola. Le musiche furono realizzate dall'abile John Barry, autore di molte delle colonne sonore dei film di James Bond, il quale utilizzo' per quest'opera molte composizioni di celebri musicisti jazz che si esibivano al Cotton Club storico, quali Duke Ellington e Cab Calloway, e riprodusse il sound del classico jazz degli anni '30, alimentando cosi' il taglio storico delle ambientazioni del film. Fra gli strumentisti impiegati per le incisioni, citiamo il grande trombettista Lew Soloff e Bob Wilber, stimatissimo clarinettista dedito al jazz classico di epoca pre-bop. Questa la scaletta: ''The mooche'', ''Cotton club stomp 2'', ''Drop me off harlem'', ''Creole love call'', ''Ring dem bells'', ''East st louis toodle-o'', ''Truckin'', ''Ill wind'', ''Cotton club stomp 1'', ''Mood indigo'', ''Minnie the moocher'', ''Copper colored gal'', ''Dixie kidnaps vera'', ''The depression hits / best beats sandman'', ''Daybreak express medley''.
Euro
28,00
codice 3508910
scheda
Barry john Day of the locust (Ost)
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1975  decca 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good soundtracks
prima stampa inglese, copertina (con leggeri segni di invecchiamento) con printer ''Robert Stace'', label bianca in basso e rossa in alto, Decca bianco e nero ''boxed'' in alto e logo Phase 4 Stereo bianco, rosso e nero sopra il foro centrale, catalogo PFS4339. Pubblicata dalla Decca nel Regno Unito e dalla London negli USA, la colonna sonora del film ''The day of the locust'' del 1975 (uscito in Italia come ''Il giorno della locusta''), diretto da John Schlesinger. Con l'eccezione di una minoranza di brani, fra cui l'iniziale ''Jeepers Creepers'' in una versione interpretata da Louis Armstrong, le musiche furono realizzate dall'abile John Barry, autore di molte delle colonne sonore dei film di James Bond, il quale si oriento' principalmente verso riferimenti al pop anni '30 / '40 ed al jazz pre be-bop, coerentemente con l'ambientazione del film, la cui storia si svolge nella Hollywood di fine anni '30. Questa la scaletta, con specificati gli autori dei brani quando diversi da John Barry: ''Jeepers creepers'' (Louis Armostrong & His Orchestra), ''The storyteller / Garden of the locust (Theme from The day of the locust)'', ''Isn't it romantic'' (Michael Dees), ''The flying carpet'', ''A picture of love (theme from The day of the locust)'', ''I wished on the moon'', ''Soft shoe salesman'', ''Fire and passion (theme from The day of the locust)'', ''Hot voodoo'' (Paul Jabara), ''Fashion and fantasy (theme from The day of the locust)'', ''Sing you sinners'' (Pamela Myers), ''The day of the locust'', ''The day of the locust – Finale''.
Euro
15,00
codice 329431
scheda
Barry john (sountracks) cotton club (ost)
lp2 [edizione] originale  stereo  hol  1984  geffen 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soundtracks
Prima stampa Europea, copertina lucida senza barcode, completa di adesivo di presentazione sul fronte, inner sleeve con fotogrammi dal film, etichetta bianca con logo grigio in alto. Pubblicata nel 1984 dalla Geffen in Gran Bretagna e negli USA, dove giunse alla 93esima posizione nella classifica bilboard 200, la colonna sonora del film diretto da Francis Ford Coppola. Le musiche furono realizzate dall'abile John Barry, autore di molte delle colonne sonore dei film di James Bond, il quale utilizzo' per quest'opera molte composizioni di celebri musicisti jazz che si esibivano al Cotton Club storico, quali Duke Ellington e Cab Calloway, e riprodusse il sound del classico jazz degli anni '30, alimentando cosi' il taglio storico delle ambientazioni del film. Fra gli strumentisti impiegati per le incisioni, citiamo il grande trombettista Lew Soloff e Bob Wilber, stimatissimo clarinettista dedito al jazz classico di epoca pre-bop. Questa la scaletta: ''The mooche'', ''Cotton club stomp 2'', ''Drop me off harlem'', ''Creole love call'', ''Ring dem bells'', ''East st louis toodle-o'', ''Truckin'', ''Ill wind'', ''Cotton club stomp 1'', ''Mood indigo'', ''Minnie the moocher'', ''Copper colored gal'', ''Dixie kidnaps vera'', ''The depression hits / best beats sandman'', ''Daybreak express medley''.
Euro
18,00
codice 47303
scheda

Page: 1 of 24


Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Santana and john mclaughlin":
mclaughlin john - 

altri autori contnenti le parole cercate: