Hai cercato:  Sanders pharoah --- Titoli trovati: : 4
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Sanders pharoah Africa (+2 tracks)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1987  music on vinyl / timeless jazz 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Doppio album in vinile 180 grammi per audiofili, copertina "textured" fronte retro, pressoché identica alla rara prima tiratura, ma con i brani distribuiti su due vinili invece che su uno solo, e con due bonus tracks ("Heart to heart" e "Duo", poste sulla quarta facciata). Originariamente pubblicato nel 1987 dalla Timeless in Olanda, questo album fu inciso allo Studio 44 nella cittadina olandese di Monster, l'11 marzo dello stesso anno, da Pharoah Sanders (sax tenore), John Hicks (pianoforte), Curtis Lundy (contrabbasso) ed Idris Muhammad (batteria). Con "Africa", Sanders fece un sentito tributo al suo mentore, il grande John Coltrane, la cui influenza è evidente nei lunghi brani di questo lp: un'atmosfera intensa, carica di tensione spirituale, un sound sassofonistico che sa farsi sia squarciante e dirompente che morbido ed avvolgente, talora a pochi passaggi di distanza, legato ancora ad un approccio melodico ma non alieno ad esplosioni dissonanti. Lo spirito di Trane aleggia sicuramente in queste tracce. Questa la scaletta: "You've got to have freedom", "Naima", "Origin", "Speak low", "After the morning", "Africa". Il sassofonista Pharoah Sanders, proveniente dallo Arkansas, è uno dei nomi più apprezzati fra quelli degli eroi jazz ancora in attività nel XXI secolo. Sanders si fece notare negli anni '60, collaborando con il grande John Coltrane negli ultimi e sperimentali lavori di quest'ultimo, ed indubbiamente risentì dell'influenza di Trane, oltre che mostrare affinità con un altro grande del free jazz, Albert Ayler.
Euro
35,00
codice 3029171
scheda
Sanders pharoah Moon child
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1989  music on vinyl 
jazz
Vinile da 180 grammi, copertina "textured" fronte retro. Ristampa del 2021 ad opera della Music On Vinyl, uscita in occasione del 45esimo anniversario della casa discografica Timeless, storica etichetta olandese specializzata in jazz, pressoché identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1990 dalla Timeless in Olanda, questo album fu inciso allo Studio 44 Davout di Parigi, il 12 e 13 ottobre del 1989, da Pharoah Sanders (sax tenore, sax soprano), William Henderson (pianoforte), Stafford James (contrabbasso), Eddie Moore (batteria) e Cheikh Tidiane Fall (percussioni). Sanders, in questa fase della sua carriera, è lontano dall'avanguardia di ispirazione free e si concentra invece su di un soave e melodico jazz dai toni poetici e spirituali: dilatata e spaziosa è la lunga title track che apre la scaletta con note gentili ed avvolgenti, seguita da altri cinque episodi dai toni riflessivi e dal sound melodico, fra cui "Moon rays" di Horace Silver, sostenuta da un groove che intreccia jazz e sapori afro-caraibici, "The night has a thousand eyes", leggermente più vivace ed estroversa, che richiama il John Coltrane melodico dei tardi anni '50 / primi anni '60, il notturno, elegante e lento standard "Soon" di Gershwin. Questa la scaletta: "Moon child", "Moon rays", "The night has a thousand eyes", "All or nothing at all", "Soon", "Moniebah". Il sassofonista Pharoah Sanders, proveniente dallo Arkansas, è uno dei nomi più apprezzati fra quelli degli eroi jazz ancora in attività nel XXI secolo. Sanders si fece notare negli anni '60, collaborando con il grande John Coltrane negli ultimi e sperimentali lavori di quest'ultimo, ed indubbiamente risentì dell'influenza di Trane, oltre che mostrare affinità con un altro grande del free jazz, Albert Ayler.
Euro
29,00
codice 2110331
scheda
Sanders pharoah Pharaoh sanders quintet
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1965  esp 
jazz
Ristampa del 2017, copertina senza barcode pressoche' identica a quella della prima rara tiratura del 1965, nella sua versione con figura umana stilizzata sul fronte. Originariamente pubblicato dalla Esp, questo e' l'esordio come band leader di Pharoah Sanders, qui accreditato come Pharaoh Sanders. Inciso a New York il 10 settembre del 1964, con formazione composta da Pharoah Sanders (sax tenore), Stan Foster (tromba), Jane Getz (pianoforte), William Bennett (contrabbasso) e Marvin Pattillo (percussioni), il disco presenta due lunghe suite, ''Seven by seven'' e ''Bethera'', basate su di un intreccio fra post bop ed accenti free, che sembra mostrare influenze di John Coltrane, ma che non si addentra negli estremi meandri free di lavori come ''Ascension'' del grande Trane, mantenendo spesso un approccio melodico per quanto perculiare. Il sassofonista Pharoah Sanders, proveniente dallo Arkansas, e' uno dei nomi piu' apprezzati fra quelli degli eroi jazz ancora in vita. Sanders si fece notare negli anni '60, collaborando con il grande John Coltrane negli ultimi e sperimentali lavori di quest'ultimo, ed indubbiamente risenti' dell'influenza di Trane, oltre che mostrare affinita' con un altro grande del free jazz, Albert Ayler.
Euro
31,00
codice 3019540
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  impulse abc / private 
jazz
Ristampa private press, copertina apribile senza barcode, pressoche' identica alla prima rarar tiratura, label nera con bordo rosso, logo Impulse ABC bianco e multicolore in alto. Pubblicato dalla Impulse ABC nel 1971, inciso in due sessioni: la prima alla Record Plant di Hollywood il 25 novembre del 1970, con Pharoah Sanders (sax tenore, sax soprano, campane, percussioni), Michael White (violino, percussioni), Lonnie Liston Smith (pianoforte, piano elettrico, legnetti, percussioni), Cecil McBee (contrabbasso, finger cymbals, percussioni), Clifford Jarvis (batteria, maracas, campane, percussioni) e James Jordan (finger cymbals); la seconda alla Record Plant di New York il 12 gennaio del 1971 con Pharoah Sanders (sax tenore, sax alto, flauto, koto, brass bells, balafon, maracas, cow horn, pifferi), Lonnie Liston Smith (pianoforte, ring cymbals, grida, balafon), Cecil McBee (contrabbasso, bird effects), Roy Haynes (batteria), Nat Bettis, Chief Bey, Majid Shabazz ed Anthony Wiles (percussioni africane). Sanders si discosta qui dalle sue consuete lunghissime interpretazioni dai toni mantrici, e ci offre brani piu' brevi ed idee piu' concise, materializzate attraverso l'uso di una miriade di strumenti; anche il suo sax e' qui meno esuberante ed esplosivo del solito. Il disco presenta molteplici sfaccettature dell'arte di Sanders, sempre pero' all'insegna di un jazz aperto alla sperimentazione in piu' direzioni, pur mantenendo un approccio melodico e talora venato di esotismo. Questa la scaletta: ''Astral traveling'', ''Red, black & green'', ''Thembi'', ''Love'', ''Morning prayer'', ''Bailophone dance''. Il sassofonista Pharoah Sanders, proveniente dallo Arkansas, e' uno dei nomi piu' apprezzati fra quelli degli eroi jazz ancora in vita. Sanders si fece notare negli anni '60, collaborando con il grande John Coltrane negli ultimi e sperimentali lavori di quest'ultimo, ed indubbiamente risenti' dell'influenza di Trane, oltre che mostrare affinita' con un altro grande del free jazz, Albert Ayler.
Euro
20,00
codice 2106843
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti: