Hai cercato:  Renaissance --- Titoli trovati: : 13
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Renaissance Academy of music 1974
lp2 [edizione] originale  stereo  usa  1974  purple pyramid 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
copia ancora incellophanata, ma con piegatura nell' angolo in alto a sinistra, doppio album, l' originale stampa, realizzata nel 2015 dalla americana Purple Pyramid, label custom, catalogo CLP2320. Questo album rende disponibile un concerto dato dal gruppo alla Academy Of Music di New York il 17 maggio del 1974; la formazione e' quella con Annie Haslam (voce), Michael Dunford (chitarra), Jon Camp (basso), John Tout (tastiere) e Terence Sullivan (batteria), capace qui di un evocativo ed a tratti magico incrocio fra folk rock e progressive rock elettroacustico immerso in atmosfere classicamente britanniche, cariche di autunnale trasporto e venate di sottile malinconia. Bellissima e limpida la voce di Annie Haslam, valorizzata come le parti strumentali da una qualita' di registrazione senz'altro buona. Questa la scaletta: ''Can you understand'', ''Black flame'', ''Carpet of the sun'', ''Cold is being'', ''Things I don't understand'', ''Running hard'', ''Ashes are burning'', ''Mother russia'', ''Prologue''. Gli inglesi Renaissance nacquero per iniziativa di Jim Mc Carthy e Keith Relf , gia' rispettivamente batterista e cantante nei disciolti Yardbirds. Allontanandosi enormemente dalla musica della vecchia band, con i Renaissance i due passarono ad una musica progressiva, raffinata ed insieme pomposa, con qualche venatura folk ed influenze classicheggianti. La brillante formazione, completata dalla sorella di Relf, Jane Relf, alla voce, Louis Cennamo (ex Herd e Jody Grind) al basso e l' ex Nashville Teens John Hawken alla tastiera, incise due soli albums, il secondo dei quali, "Illusion", completato con la band ormai disciolta, utilizzando alcuni musicisti reclutati per l' occasione, non fu pubblicato ne' in Uk ne' in Usa. Tra questi il tastierista Mike Dunford, che rilevo' la sigla del gruppo e, di li' a poco, inizio' ad incidere, con discreti risultati ed ottimo successo (soprattutto in America dove molti lavori furono pubblicati in anticipo rispetto al mercato inglese) una lunga serie di albums (gli ultimi nel 1981 e nel 1983 prima di una reunion negli anni '90), con una formazione che nessun elemento aveva degli originali Renaissance. La cantante di "questi" Renaissance, Annie Haslam, incise anche un disco solista nel '77.
Euro
24,00
codice 251251
scheda
Renaissance delane lea studios 1973
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1973  purple pyramid 
rock 60-70
Pubblicazione del novembre 2015 (sebbene il retrocopertina indichi 2016), a cura della Purple Pyramid, corredata di inner sleeve ricca di note e con foto, etichetta marrone con scritte bianche. Si tratta di un notevole documento della storica band inglese, splendidamente registrato live in studio alla fine del 1973, di fronte a pochi amici nei DeLane Lea Studios (gia' utilizzati da Beatles, Jimi Hendrix o Pink Floyd). La band, naturalmente con Annie Haslam alla voce, vi esegue quasi per intero i brani del recente quarto album in studio "Ashes are Burning" (da cui sono tratti "Can You Understand?", "Let It Grow", "Carpet of the Sun", "At The Harbour", "Ashes are Burning" (che vede le presenza in qualita' di ospiti del cantautore Al Stewart e di Andy Powell dei Wishbone Ash, che aveva partecipato alle registrazioni anche dell' album in studio), e due episodi ripresi dal precedente "Prologue" ("Sounds Of The Sea" e "Prologue". Gli inglesi Renaissance nacquero per iniziativa di Jim Mc Carthy e Keith Relf , gia' rispettivamente batterista e cantante nei disciolti Yardbirds. Allontanandosi enormemente dalla musica della vecchia band, con i Renaissance i due passarono ad una musica progressiva, raffinata ed insieme pomposa, con qualche venatura folk ed influenze classicheggianti. La brillante formazione, completata dalla sorella di Relf, Jane Relf, alla voce, Louis Cennamo (ex Herd e Jody Grind) al basso e l' ex Nashville Teens John Hawken alla tastiera, incise due soli albums, il secondo dei quali, "Illusion", non pubblicato ne' in Uk ne' in Usa, e completato con la band ormai disciolta, utilizzando alcuni musicisti reclutati per l' occasione. Tra questi il tastierista Mike Dunford, che rilevo' la sigla del gruppo e, di li' a poco, inizio' ad incidere, con discreti risultati ed ottimo successo (soprattutto in America dove molti lavori furono pubblicati in anticipo rispetto al mercato inglese) una lunga serie di albums (gli ultimi nel 1981 e nel 1983 prima di una reunion negli anni '90), con una formazione che nessun elemento aveva degli originali Renaissance. La cantante di "questi" Renaissance, Annie Haslam, incise anche un disco solista nel '78.
Euro
23,00
codice 2112378
scheda
Renaissance illusion
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1971  repertoire 
rock 60-70
ristampa rimasterizzata ed in vinile 180 grammi, copertina apribile senza barcode, pressoche' identica a quella della prima rara tiratura, uscita su Island nel 1973 su Island (il disco verra' pubblicato in Uk solo nel 1976). Pubblicato nel marzo del 1971 dopo ''Renaissance '' e prima di ''Ashes are burning '', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il secondo album. Certamente il disco meno conosciuto dell'intera saga della band, a causa del fatto che venne stampato originariamente solo in Germania, e' un lavoro registrato in un momento di grande evoluzione interna e vi si sovrappongono almeno tre formazioni diverse, con la prima formazione che di fatto si sfalda durante le registrazioni, nel lavoro suonano Keith Relf, Jim mC Carty, Louis Cennamo, John Hawken e Jane Relf. Jim McCarty alle prese con gravi problemi di salute suona solo in alcuni brani, Keith Relf e Louis Cennamo lasceranno il gruppo durante le registrazioni e Jane Relf si esibiva gia' live con John Hawken e la sua nuova band. nello stesso periodo la poetessa Betty Thatcher inizia a scrivere i testi per il gruppo mentre il chitarrista Michael Dunford , unico membro rimasto a tempo pieno, inizia comporre, i risultati di questo nuovo team compositivo sono assai meno vicini al rock del debutto, in grande risalto ora le chirtarre acustiche, mentre la voce di Jane Relf e' immersa in un mix di art rock , melodie eteree e sognanti assai lontane dalle tentazioni psychedeliche e freakbeat dell'esordio. tra i brani "Mr. Pine," la base sulla quale Dunford costruira' poi la ceeberrima "Running Hard" . si tratta di un lavoro assai importante e peculiare, che se da un lato anticipa la seconda stagione della band, conserva ancora tracce della prima incarnazione, rendendolo uno straordinario episodio di passaggio non solo tra le due fasi, ma anche tra la musica Britannica dei due decenni, testimoniando in maniera esemplare il suono che Relf e McCarty avevano in mente per il 1969.
Euro
29,00
codice 2106926
scheda
Renaissance illusion ( uk black/pink '' I '' )
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1971  Island 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Fair rock 60-70
prima rara stampa Inglese, copia con copertina con accentuati segni di invecchiamento, pressata nel 1976 (nel 1973 l' album non era stato pressato in Uk), copertina realizzata appositamente per l' occasione, con note sul retro di John Hawken, etichetta black "pink i" (nera con "i" rosa" in basso) con prefisso, catalogo, un trattino e quindi "A" (o "B"), tutti su una riga, trail off matrix "HELP 27 A1" ed "HELP 27 B1" inciso a mano, bordo esterno dell' etichetta con "gradino" in rilievo, logo sul retrocopertina con grande lettera '' i '' con palma incorporata e scritta ''Manufactured and distributed by Island Records Ltd., 22 St. Peter's Square, London, W6". Pubblicato nel marzo del 1971 dopo ''Renaissance '' e prima di ''Ashes are burning '', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il secondo album. Certamente il disco meno conosciuto dell'intera saga dell band, a causa del fatto che venne stampato propriamente solo in Germania, e' un lavoro registrato in un momento di grande evoluzione interna e vi si sovrappongono almeno tre formazioni diverse, con la prima formazione che di fatto si sfalda durante le registrazioni, nel lavoro suonano Keith Relf, Jim mC Carty, Louis Cennamo, John Hawken e Jane Relf. Jim McCarty alle prese con gravi problemi di salute suona solo in alcuni brani, Keith Relf e Louis Cennamo lasceranno il gruppo durante le registrazioni e Jane Relf si esibiva gia' live con John Hawken e la sua nuova band. nello stesso periodo la poetessa Betty Thatcher inizia a scrivere i testi per il gruppo mentre il chitarrista Michael Dunford , unico membro rimasto a tempo pieno, inizia comporre, i risultati di questo nuovo team compositivo sono assai meno vicini al rock del debutto, in grande risalto ora le chirtarre acustiche, mentre la voce di Jane Relf e' immersa in un mix di art rock , melodie eteree e sognanti assai lontane dalle tentazioni psychedeliche e freakbeat dell'esordio. tra i brani "Mr. Pine," la base sulla quale Dunford costruira' poi la ceeberrima "Running Hard" . si tratta di un lavoro assai importante e peculiare, che se da un lato anticipa la seconda stagione della band, conserva ancora tracce della prima incarnazione, rendendolo uno straordinario episodio di passaggio non solo tra le due fasi, ma anche tra la musica Britannica dei due decenni, testimoniando in maniera esemplare il suono che Relf e McCarty avevano in mente per il 1969.
Euro
25,00
codice 229272
scheda
Renaissance illusion ( uk black/pink '' I '' )
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1971  Island 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima rara stampa Inglese, pressata nel 1976 (nel 1973 l' album non era stato pressato in Uk), copertina (con lievi segni di invecchiamento) realizzata appositamente per l' occasione, con note sul retro di John Hawken, etichetta black "pink i" (nera con "i" rosa" in basso) con prefisso, catalogo, un trattino e quindi "A" (o "B"), tutti su una riga, trail off matrix "HELP 27 A1" ed "HELP 27 B1" inciso a mano, bordo esterno dell' etichetta con "gradino" in rilievo, logo sul retrocopertina con grande lettera '' i '' con palma incorporata e scritta ''Manufactured and distributed by Island Records Ltd., 22 St. Peter's Square, London, W6". Pubblicato nel marzo del 1971 dopo ''Renaissance '' e prima di ''Ashes are burning '', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il secondo album. Certamente il disco meno conosciuto dell'intera saga dell band, a causa del fatto che venne stampato propriamente solo in Germania, e' un lavoro registrato in un momento di grande evoluzione interna e vi si sovrappongono almeno tre formazioni diverse, con la prima formazione che di fatto si sfalda durante le registrazioni, nel lavoro suonano Keith Relf, Jim mC Carty, Louis Cennamo, John Hawken e Jane Relf. Jim McCarty alle prese con gravi problemi di salute suona solo in alcuni brani, Keith Relf e Louis Cennamo lasceranno il gruppo durante le registrazioni e Jane Relf si esibiva gia' live con John Hawken e la sua nuova band. nello stesso periodo la poetessa Betty Thatcher inizia a scrivere i testi per il gruppo mentre il chitarrista Michael Dunford , unico membro rimasto a tempo pieno, inizia comporre, i risultati di questo nuovo team compositivo sono assai meno vicini al rock del debutto, in grande risalto ora le chirtarre acustiche, mentre la voce di Jane Relf e' immersa in un mix di art rock , melodie eteree e sognanti assai lontane dalle tentazioni psychedeliche e freakbeat dell'esordio. tra i brani "Mr. Pine," la base sulla quale Dunford costruira' poi la ceeberrima "Running Hard" . si tratta di un lavoro assai importante e peculiare, che se da un lato anticipa la seconda stagione della band, conserva ancora tracce della prima incarnazione, rendendolo uno straordinario episodio di passaggio non solo tra le due fasi, ma anche tra la musica Britannica dei due decenni, testimoniando in maniera esemplare il suono che Relf e McCarty avevano in mente per il 1969.
Euro
55,00
codice 107187
scheda
Renaissance illusion (pink label!)
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1971  Island 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima molto rara stampa, pressata in Olanda anche per il mercato inglese, del disco regolarmente pressato in Inghilterra (su Island Help) solo nel 1976 (peraltro con copertina cambiata); copertina (con lievi segni di invecchiamento) apribile, etichetta rosa, con logo "i" bianco in basso, e "Biem" riquadrato a sinistra, doppio catalogo 6339017 / ILPS 9139, trail off matrix "06 AA 6339 017 1Y 2 670 P 1970 1 1 1" (lato A) e "AA 6339 017 2 Y 1 670 11"Pubblicato nel marzo del 1971 dopo ''Renaissance '' e prima di ''Ashes are burning '', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il secondo album. Certamente il disco meno conosciuto dell'intera saga della band, a causa del fatto che venne stampato originariamente solo in Germania, e' un lavoro registrato in un momento di grande evoluzione interna e vi si sovrappongono almeno tre formazioni diverse, con la prima formazione che di fatto si sfalda durante le registrazioni, nel lavoro suonano Keith Relf, Jim mC Carty, Louis Cennamo, John Hawken e Jane Relf. Jim McCarty alle prese con gravi problemi di salute suona solo in alcuni brani, Keith Relf e Louis Cennamo lasceranno il gruppo durante le registrazioni e Jane Relf si esibiva gia' live con John Hawken e la sua nuova band. nello stesso periodo la poetessa Betty Thatcher inizia a scrivere i testi per il gruppo mentre il chitarrista Michael Dunford , unico membro rimasto a tempo pieno, inizia comporre, i risultati di questo nuovo team compositivo sono assai meno vicini al rock del debutto, in grande risalto ora le chirtarre acustiche, mentre la voce di Jane Relf e' immersa in un mix di art rock , melodie eteree e sognanti assai lontane dalle tentazioni psychedeliche e freakbeat dell'esordio. tra i brani "Mr. Pine," la base sulla quale Dunford costruira' poi la ceeberrima "Running Hard" . si tratta di un lavoro assai importante e peculiare, che se da un lato anticipa la seconda stagione della band, conserva ancora tracce della prima incarnazione, rendendolo uno straordinario episodio di passaggio non solo tra le due fasi, ma anche tra la musica Britannica dei due decenni, testimoniando in maniera esemplare il suono che Relf e McCarty avevano in mente per il 1969.
Euro
70,00
codice 103869
scheda
Renaissance live at carnegie hall
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  1976  repertoire 
rock 60-70
ristampa del 2015 in vinile 180 grammi del doppio album, copertina apribile pressoche' identica a quella della prima tiratura uscita in Uk su BTM. Pubblicato in Uk nel giugno del 1976 dopo ''Sherazade and other stories'' e prima di ''Novella'', giunto al numero 35 delle classifiche Usa ed al numero 45 di quelle Uk dove usci' nel settembre dello stesso anno, l' ottavo album. Registrato live alla Carnegie Hall di New York il 20, 21, 22, giugno del 1975, contiene otto lunghi brani che per molti fotografano il migliore e piu' riuscito esperimento della band, fu pubblicato negli Stati Uniti nel giugno del '76, circa tre mesi prima della pubblicazione inglese, registrato da una formazione che vedeva John Tout, Annie Haslam, Jon Camp, Terrence Sullivan, Michael Dunford, contiene i seguenti brani- Prologue, Ocean gipsy, Can you understand, Carpet of the sun, Running Hard, Mother Russia, Scheherazade, Ashes are burning. Gli inglesi Renaissance nacquero per iniziativa di Jim Mc Carthy e Keith Relf , gia' rispettivamente batterista e cantante nei disciolti Yardbirds. Allontanandosi enormemente dalla musica della vecchia band, con i Renaissance i due passarono ad una musica progressiva, raffinata ed insieme pomposa, con qualche venatura folk ed influenze classicheggianti. La brillante formazione, completata dalla sorella di Relf, Jane Relf, alla voce, Louis Cennamo (ex Herd e Jody Grind) al basso e l' ex Nashville Teens John Hawken alla tastiera, incise due soli albums, il secondo dei quali, "Illusion", non pubblicato ne' in Uk ne' in Usa, e completato con la band ormai disciolta, utilizzando alcuni musicisti reclutati per l' occasione. Tra questi il tastierista Mike Dunford, che rilevo' la sigla del gruppo e, di li' a poco, inizio' ad incidere, con discreti risultati ed ottimo successo (soprattutto in America dove molti lavori furono pubblicati in anticipo rispetto al mercato inglese) una lunga serie di albums (gli ultimi nel 1981 e nel 1983 prima di una reunion negli anni '90), con una formazione che nessun elemento aveva degli originali Renaissance. La cantante di "questi" Renaissance, Annie Haslam, incise anche un disco solista nel '78.
Euro
29,00
codice 2106927
scheda
Renaissance live at fillmore west 1970
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  sireena 
rock 60-70
Copertina senza barcode, etichetta viola e nera con scritte bianche. Pubblicato nel 2017, questo album contiene quattro lunghi brani registrati dal vivo al Fillmore West di San Francisco il 6 Marzo 1970 (provenienti dagli archivi personali di Jim McCarthy), occasione nella quale il gruppo condivise il palco con Paul Butterfield Blues Band e Savoy Brown. Le registrazioni, di discreta qualita' sonora, vede il gruppo, in tour in Usa dopo la pubblicazione del suo primo album "Renaissance" (1969), eseguire tre brani da quell' album, "Innocence", "Wanderer" e "Bullet", ed una inedita jam di oltre 14 minuti, "No Name Raga", tra psichedelia, folk e rock progressivo. Il gruppo nasce nel 1969 sulle ceneri degli Yardbirds, su impulso di Jim McCarty e Keith Relf, adottando uno stile che e' un mix tra progresssive, jazz, classica e rock, ancora legatissimo alla psichedelia ed alla cultura delle droghe, con la voce di Jane Relf, sorella di Keith, una scoperta davvero notevole che con il suo tono originalissimo e la sua grande personalita' contribuisce in maniera determinante a fare di questo album un vero classico dell' underground a cavallo dei due decenni, opera che nulla ha a che vedere con i futuri lavori prodotti dalla ottima band di progressive orchestrale che nasce durante le registrazioni di ''Prologue''. Keith Relf e Jim McCarty rappresentavano la parte piu' cerebrale, mistica e creativa degli Yardbirds, e quindi questo loro progetto diede sfogo alla loro vena piu' sperimentale, inizialmente a nome Together come duo, poi divenuti Renaissance con l' inclusione dell' Ex-Herd e Jimmy Powell & the Dimensions Louis Cennamo al basso e di John Hawken (dai Nashville Teens) al piano, con Relf che passa alla chitarra e voce e la sorella ad alternarsi alla voce. Il risultato e' uno dei piu' interessanti ed originali primi esempi di progressive del 1969.
Euro
26,00
codice 3025289
scheda
Renaissance novella (test pressing!!!)
Lp [edizione] test pressing  stereo  uk  1977  warner bros 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
incredibile copia inglese ''test pressing'' , ovvero il primissimo pressaggio, non destinato alla vendita, stampato per il gruppo ed il produttore in pochissime copie, di solito non piu' di 5 o 10, prima che il disco venga realizzato, per testarne la qualita', spesso prima del mixaggio definitivo ed in molti casi da questo divergono in alcuni particolari, per esempio gli effetti, o la separazione stereo. Ricercatissimi , sono pressati a mano direttamente dal master, e la loro resa sonora e' enormemente superiore a quella delle stampe ''normali'' prodotte invece, in serie; etichetta bianca neutra, copertina bianca neutra sagomata nel centro con numero di catalogo e nome gruppo scritti in inchiostro nero in alto a sinistra, catalogo sul trail off K56422. Pubblicato in inghilterra nel settembre del 1977 dopo ''Live at Carnegie Hall'' e prima di ''A song for all seasons'', non entrato nelle classifiche uk ne' in Usa, dove usci' nel febbraio del 1977, molt mesi prima che in Inghilterra. L' ottavo album. Lavoro nello stile classico della band, con brani progressive basati su delicati arpeggi pastorali e classicheggianti e sulla voce, splendida, di Annie Haslam; gli arrangiamenti orchestrali contribuiscono a dare all' opera una atmosfera da belle epoque piuttosto originale. Contiene uno dei loro brani piu' celebri ed apprezzati, la lunga ''Can you hear me ?'' di 14 minuti. Gli inglesi Renaissance nacquero per iniziativa di Jim Mc Carthy e Keith Relf , gia' rispettivamente batterista e cantante nei disciolti Yardbirds. Allontanandosi enormemente dalla musica della vecchia band, con i Renaissance i due passarono ad una musica progressiva, raffinata ed insieme pomposa, con qualche venatura folk ed influenze classicheggianti. La brillante formazione, completata dalla sorella di Relf, Jane Relf, alla voce, Louis Cennamo (ex Herd e Jody Grind) al basso e l' ex Nashville Teens John Hawken alla tastiera, incise due soli albums, il secondo dei quali, "Illusion", non pubblicato ne' in Uk ne' in Usa, e completato con la band ormai disciolta, utilizzando alcuni musicisti reclutati per l' occasione. Tra questi il tastierista Mike Dunford, che rilevo' la sigla del gruppo e, di li' a poco, inizio' ad incidere, con discreti risultati ed ottimo successo (soprattutto in America dove molti lavori furono pubblicati in anticipo rispetto al mercato inglese) una lunga serie di albums (gli ultimi nel 1981 e nel 1983 prima di una reunion negli anni '90), con una formazione che nessun elemento aveva degli originali Renaissance. La cantante di "questi" Renaissance, Annie Haslam, incise anche un disco solista nel '78.
Euro
45,00
codice 34005
scheda
Renaissance renaissance
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  fra  1969  Island 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
seconda stampa francese del 1971, copertina laminata fronte retro apribile (con giusto lievi segni di invecchiamento), etichetta Island "pink rim", multicolore con fascia esterna rosa, catalogo ILPS9.114. Pubblicato in Inghilterra nel settembre del 1969 prima di ''Illusion" (1971), il primo album. Questo debutto, come noto, fu registrato da una formazione completamente diversa da quella presente dal terzo album in poi, con una line up che si sciogliera' infatti dopo i primi due lavori. Il gruppo nasce nel 1969 sulle ceneri degli Yardbirds, su impulso di Jim McCarty e Keith Relf, adottando uno stile che e' un mix tra progresssive, jazz, classica e rock, ancora legatissimo alla psichedelia ed alla cultura delle droghe, con la voce di Jane Relf, sorella di Keith, una scoperta davvero notevole che con il suo tono originalissimo e la sua grande personalita' contribuisce in maniera determinante a fare di questo album un vero classico dell' underground a cavallo dei due decenni, opera che nulla ha a che vedere con i futuri lavori prodotti dalla ottima band di progressive orchestrale che nasce durante le registrazioni di ''Prologue''. Keith Relf e Jim McCarty rappresentavano la parte piu' cerebrale, mistica e creativa degli Yardbirds, e quindi questo loro progetto diede sfogo alla loro vena piu' sperimentale, inizialmente a nome Together come duo, poi divenuti Renaissance con l' inclusione dell' Ex-Herd e Jimmy Powell & the Dimensions Louis Cennamo al basso e di John Hawken (dai Nashville Teens) al piano, con Relf che passa alla chitarra e voce e la sorella ad alternarsi alla voce. Il risultato e' uno dei piu' interessanti ed originali primi esempi di progressive del 1969. "Kings and Queens" addirittura presenta un lato freakbeat, ma il tutto suonato e composto con una sensibilita' totalmente rock e lontanissima dall' idea di ''progressive classical '' che nascera' proprio in quel periodo.
Euro
28,00
codice 250258
scheda
Renaissance renaissance
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1969  repertoire 
rock 60-70
ristampa rimasterizzata ed in vinile 180 grammi, copertina apribile senza barcode, pressoche' identica a quella della prima rara tiratura, uscita in Uk su Island. Pubblicato in Inghilterra nel settembre del 1969 prima di ''Illusion" (1971), il primo album. Questo debutto, come noto, fu registrato da una formazione completamente diversa da quella presente dal terzo album in poi, con una line up che si sciogliera' infatti dopo i primi due lavori. Il gruppo nasce nel 1969 sulle ceneri degli Yardbirds, su impulso di Jim McCarty e Keith Relf, adottando uno stile che e' un mix tra progresssive, jazz, classica e rock, ancora legatissimo alla psichedelia ed alla cultura delle droghe, con la voce di Jane Relf, sorella di Keith, una scoperta davvero notevole che con il suo tono originalissimo e la sua grande personalita' contribuisce in maniera determinante a fare di questo album un vero classico dell' underground a cavallo dei due decenni, opera che nulla ha a che vedere con i futuri lavori prodotti dalla ottima band di progressive orchestrale che nasce durante le registrazioni di ''Prologue''. Keith Relf e Jim McCarty rappresentavano la parte piu' cerebrale, mistica e creativa degli Yardbirds, e quindi questo loro progetto diede sfogo alla loro vena piu' sperimentale, inizialmente a nome Together come duo, poi divenuti Renaissance con l' inclusione dell' Ex-Herd e Jimmy Powell & the Dimensions Louis Cennamo al basso e di John Hawken (dai Nashville Teens) al piano, con Relf che passa alla chitarra e voce e la sorella ad alternarsi alla voce. Il risultato e' uno dei piu' interessanti ed originali primi esempi di progressive del 1969. "Kings and Queens" addirittura presenta un lato freakbeat, ma il tutto suonato e composto con una sensibilita' totalmente rock e lontanissima dall' idea di ''progressive classical '' che nascera' proprio in quel periodo.
Euro
29,00
codice 2097982
scheda
Renaissance renaissance
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1969  Island 
  [vinile]  excellent  [copertina]  good rock 60-70
prima oramai davvero rara stampa inglese, copia con diversi segni di invecchiamento sulla copertina, copertina apribile con logo sul retro, con lettera '' i '' e ''Island Records Basing Street London W11'', etichetta "pink Island", rosa con " i " bianca in basso, nella sua prima versione, con "Side One" ("Side Two" sul secondo lato) a destra, senza "A" (o "B" dopo il numero di catalogo a sinistra, trail off matrix "A-1" e "B-1" sulle rispettive facciate. Pubblicato in Inghilterra nel settembre del 1969 prima di ''Illusion" (1971), il primo album. Questo debutto, come noto, fu registrato da una formazione completamente diversa da quella presente dal terzo album in poi, con una line up che si sciogliera' infatti dopo i primi due lavori. Il gruppo nasce nel 1969 sulle ceneri degli Yardbirds, su impulso di Jim McCarty e Keith Relf, adottando uno stile che e' un mix tra progresssive, jazz, classica e rock, ancora legatissimo alla psichedelia ed alla cultura delle droghe, con la voce di Jane Relf, sorella di Keith, una scoperta davvero notevole che con il suo tono originalissimo e la sua grande personalita' contribuisce in maniera determinante a fare di questo album un vero classico dell' underground a cavallo dei due decenni, opera che nulla ha a che vedere con i futuri lavori prodotti dalla ottima band di progressive orchestrale che nasce durante le registrazioni di ''Prologue''. Keith Relf e Jim McCarty rappresentavano la parte piu' cerebrale, mistica e creativa degli Yardbirds, e quindi questo loro progetto diede sfogo alla loro vena piu' sperimentale, inizialmente a nome Together come duo, poi divenuti Renaissance con l' inclusione dell' Ex-Herd e Jimmy Powell & the Dimensions Louis Cennamo al basso e di John Hawken (dai Nashville Teens) al piano, con Relf che passa alla chitarra e voce e la sorella ad alternarsi alla voce. Il risultato e' uno dei piu' interessanti ed originali primi esempi di progressive del 1969. "Kings and Queens" addirittura presenta un lato freakbeat, ma il tutto suonato e composto con una sensibilita' totalmente rock e lontanissima dall' idea di ''progressive classical '' che nascera' proprio in quel periodo.
Euro
50,00
codice 103996
scheda
Renaissance turn of the cards
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1974  repertoire 
rock 60-70
ristampa del 2015 rimasterizzata ed in vinile 180 grammi, copertina senza barcode, pressoche' identica alla prima tiratura uscita in Inghilterra su Btm, nella versione con immagine sul retro di Annie Haslam piu' in primo piano rispetto agli altri musicisti. Pubblicato nel 1974 prima di "Sherazade & other stories" e dopo "Ashes are burning", giunto al numero 94 delle classifiche Usa, ed al numero 55 di quelle inglesi, il quarto album. Terzo lavoro di questa seconda incarnazione dei Renaissance, e' assai piu' rock e meno folk nello spirito che lo pervade rispetto al precedente; il progressive e' comunque il filo conduttore dell' opera. Il basso di John Camp e la batteria di Terence Sullivan sono assai piu' potenti che in passato (il basso era l' unico strumento elettrico utilizzato dalla band in questo periodo), assai presenti le orchestrazioni di Jimmy Horowitz, mentre Annie Haslam fornisce una delle sue performances vocali piu' convincenti e si integra perfettamente con la chitarra acustica di Michael Dunford ed il piano di John Tout. Tra i brani "I Think of You", "Black Flame", "Mother Russia", dedicata ad Alexander Solzhenitsyn, e "Things I Don't Understand". Sicuramente uno dei loro lavori piu' interessanti e degni di nota.
Euro
29,00
codice 2112450
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Renaissance":
Renaissance - 

altri autori contnenti le parole cercate: