Hai cercato:  Paradise lost --- Titoli trovati: : 1
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Paradise lost Icon (Signed! + poster)
Lp2 [edizione] originale  stereo  uk  1993  music for nations 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent heavy metal
COPIA AUTOGRAFATA ALL' INTERNO DELLA COPERTINA DA NICK HOLMES ED AARON AEDYE, l' originale molto rara stampa inglese, COPIA COMPLETA DELL' ORIGINARIO POSTER APRIBILE A COLORI, con copertina (con giusto assai lievi segni di invecchiamento) apribile, con "Printed in England" e vinile "Made in France", come in tutte le copie, completa di inner sleeve semirigida con testi ed artwork, con sagomatura sul lato dell' apertura per il disco, etichetta gialla in basso e con uomo con bandiera rosso-marrone in alto, catalogo MFN152. Il quarto album della band, uscito originariamente nel 1993 su Music For Nations, dopo "Shades of God" (92) e prima di "Draconian times" (95). Opera che rappresenta un punto di cambiamento per la band, in quanto segna il quasi totale abbandono dei 'growls' del cantante Nick Holame, per un suono sempre piu' affinato e snello, con composizioni piu' brevi e dirette. Decisamente uno dei loro migliori albums, in equilibrio fra gothic e doom-metal, con ritmiche generalmente piu' lente del solito. Formatisi ad Halifax in Inghilterra nel 1988, i Paradise Lost sono considerati fra i fondatori del doom e del death metal. Dopo i primi dischi, dal suono piu' abrasivo, fra cui l'acclamato "Gothic" (1991), il gruppo raffina il proprio stile con "Icon" (1993) e "Draconian times" (1995), per poi cimentarsi con contaminazioni elettroniche in "One second" (97), seguendo un approccio eclettico abbastanza inusuale nel loro genere. Seguono "Host" del 99, "Believe in nothing" del 2001, "Symbol of life" del 2002, "Paradaise lost" del 2005, "In requiem" del 2007 e "Faith divides us- Death unites us" (09).
Euro
120,00
codice 247266
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti: