Hai cercato:  Mount maxwell --- Titoli trovati: : 0
cercando tra gli autori separatamente le parole:  Mount maxwell --- Titoli trovati:  53
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Bear mountain band one more day
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1975  o-music 
rock 60-70
ristampa rimasterizzata, pressoche' identica alla prima molto rara straordinariamente rara tiratura autoprodotta su etichetta Predator. Questo gruppo californiano di Wickenburg incise un unico oscurissimo album autoprodotto in 1000 copie nel 1975, diviso tra brani caratterizzati da rilassate atmosfere westcoastiane, come l' iniziale davvero notevole "One More Day", brani dai sapori fortemente roots ed alcuni episodi piu' grintosi e quasi heavy rock. La band era capeggiata dal chitarrista e cantante Bill Richardson, gia' chitarra solista negli Hardtimes e nei T.I.M.E..
Euro
23,00
codice 3013984
scheda
Big mountain Baby i love your way (spanish version - 5 tracks)
12" [edizione] originale  stereo  spa  1994  rca 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
EP in formato 12", prima stampa europea di pressaggio spagnolo, nella versione con cinque brani, uno in più di quella USA e tre in più di quella inglese, copertina lucida fronte retro con barcode 743211980616, label nera con scritte bianche ed argento, logo RCA bianco a sinistra, catalogo 74321 19806 1. Pubblicato nel 1994 dalla RCA, giunto al secondo posto in classifica nel Regno Unito ed alla sesta posizione negli USA, il più famoso singolo dei Big Mountain, tratto dal loro secondo album "Unity" (7/94). "Baby I love your way", cover del brano degli anno '70 di Peter Frampton, interpretata qui in chiave reggae ed inserita anche nella colonna sonora del famoso film "Giovani, carini e disoccupati" (titolo originale "Reality bites"), rimane di gran lunga il più grande successo dei Big Mountain e la loro unica hit da top ten. Questa versione spagnola con cinque tracce contiene cinque diverse versioni della title track, tutte differenti da quella sull'album: "Radio version", "Radio version – no intro", "6 point 6 on the richter scale mix", "Baby, te quiero a ti" (versione in lingua spagnola) e "Baby I love your way" (in una versione più lunga di quella su album). Gruppo americano fondato a San Diego, California, inizialmente come Rainbow Warriors e poi come Shiloh (sigla sotto la quale pubblicarono un lp nel 1988), prima di assumere la loro ragione sociale definitiva, i Big Mountain sono da sempre dediti alla musica reggae, alleggerita da una sottile vena pop che li rende più appetibili presso il pubblico mainstream statunitense. Il loro primo album "Wake up" esce nel 1992, seguito poi da "Unity", inciso con due grandi veterani reggae giamaicani come Tony Chin e Carlton "Santa" Davis, nel 1994, anno in cui esce la loro unica grandissima hit, "Baby I love your way", cover di un vecchio pezzo di Peter Framtpon che i Big Mountain rifanno in chiave reggae pop, e che verrà anche inserita nella colonna sonora del celebre film "Giovani, carini e disoccupati". La loro via al reggae è stata accostata da alcuni critici a quella dei britannici UB40; la loro carriera prosegue poi ancora nei primi decenni del XXI secolo.
Euro
12,00
codice 334377
scheda
12" [edizione] nuovo  stereo  eu  2016  annibale 
indie 2000
etichette custom. 2016 Annibale Records – Split EP in dodici pollici di 4 tracce tra i romani Big Mountain County ed i torinesi LAME (unione e forza di musicisti provenienti da Movie Star Junkies, Cave Dogs e Two Bo’s Maniacs). Ad ogni band la sua facciata; tra i solchi del vinile scorrono ininterrottamente onde e vibrazioni rock’n’roll: da una parte il garage – pop – psych – boogie di “Fun fun Boogie” e di “Breakable” e dall’altra il feeling “blue(s)”, polveroso di “What I have done”, immerso nella primitività grezza della traccia di chiusura, la punk e buzzcocksiana “Sixteen”
Euro
15,00
codice 2064016
scheda
Black mountain Destroyer (ltd white)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2019  jagjaguwar 
indie 2000
edizione limitata in vinile bianco, adesivo su cellophane, coupon per download, inner sleeve. "Destroyer" (2019), ispirato ai primi anni ottanta e alla Los Angeles delle battaglie senza fine tra Punk ed appassionati di Hair Metal, è il ritorno discografico dei Black Mountain, accompagnati durante le session di registrazione dell'album da Rachel Fannan (Sleepy Sun) e Adam Bulgasem (Dommengang & Soft Kill), Kliph Scurlock (Flaming Lips), Kid Millions (Oneida) e John Congleton (St. Vincent, Swans). Il risultato unisce, come sempre, in maniera superlativa vibrazioni hard psichedeliche, suggestioni folk lisergiche e ondate prog. I Black Mountain sono un gruppo musicale nato dal collettivo artistico Black Mountain Army di Vancouver, British Columbia, con membri di Pink Mountaintops, Jerk With A Bomb, Sinoia Caves e Blood Meridian. il cantato del leader Stephen McBean, già Pink Mountaintops, è stato definito un'amalgama tra le voci di Neil Young, Mick Jagger e James Brown, la musica del gruppo affonda le radici nei classici del rock, le influenze più evidenti: Black Sabbath, Velvet Underground, Rolling Stones, Pink Floyd periodo "animals", Blue Cheer, Led Zeppelin, Can, tutto filtrato ovviamente attraverso una sensibilità più contemporanea.
Euro
28,00
codice 2093949
scheda
Black mountain Wilderness heart
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2010  jagjaguwar 
indie 2000
Coupon per scaricare digitalmente l'intero album e di ineer sleeve con testi e crediti, adesivo sul cellophane, etichetta bronzo, bordata bianco e scritte bianche, Lp, pubblicato dalla Jagjaguar nel settembre 2010, dopo "In the future", il terzo album del collettivo canadese. Opera di rock classicheggiante, basata su derivate hard rock con venature progressive e qualche traccia acustica ("Sadie" e "Radiant hearts"), Led Zeppelin, Deep Purple, Black Sabbath, modernizzate attraverso bands come i Black Crowes e i Mudhoney. I Black Mountain sono un gruppo musicale nato dal collettivo artistico Black Mountain Army di Vancouver, British Columbia, con membri di Pink Mountaintops, Jerk With A Bomb, Sinoa Caves e Blood Meridian. il cantato del leader Stephen McBean, gia' Pink Mountaintops, e' stato definito un'amalgama tra le voci di Neil Young, Mick Jagger e James Brown, la musica del gruppo affonda le radici nei classici del rock, le influenze piu' evidenti: Black Sabbath, Velvet Underground, Rolling Stones, Pink Floyd periodo "animals", Blue Cheer, Led Zeppelin, Can, tutto filtrato ovviamente attraverso una sensibilita' piu' contemporanea.
Euro
24,00
codice 2101733
scheda
Desert mountain tribe Om parvat mystery
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  membran 
indie 2000
inner sleeve, copertina ruvida, "Om Parvat Mystery" (2018) è il ritorno discografico degli inglesi Desert Mountain Tribe, a due anni di distanza da "Either That or the Moon" (2016). La band riprende il discorso musicale iniziato con il disco precedente, aprendo i propri orizzonti sonori a nuovi scenari, tra psichedelia e pop. Desert Mountain Tribe : gruppo di rock psichedelico londinese, formatosi nel 2012 e con all'attivo due album in studio, "Either That or the Moon" (2016) - che riscontra un buon successo e dà vita a un lungo tour - e "Om Parvat Mystery" (2018). La line up è composta da Jonty Balls (chitarra, voce), Philipp Jahn (basso) e Felix Jahn (batteria).
Euro
28,00
codice 2079083
scheda
Dust mountain Hymns for wilderness (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  svart 
indie 2000
edizione limitata in vinile rosso. copertina apribile ruvida. L'album di debutto per la band finnica, fondata nel 2016 dai fratelli Toni Hietamäki (Oranssi Pazuzu, Waste of Space Orchestra) e Henna Hietamäki (Cats of Transnistria, Henna & Houreet) , accompagnati dal batterista Jukka Rämänen (Hexvessel, Dark Buddha Rising) il bassista Riku Pirttiniemi (Death Hawks) e il chitarrista/corista Pauliina Lindell (Vuono). Band ispirata dal psych folk anni '60 e '70 come Fairport Convention, Pentangle, Jefferson Airplane, Coven e Linda Perhacs, ma con un suono non forzatamente retrò . Le loro storie celebrano il legame con la natura e gli antichi rituali, muovendosi tra fantasie immaginarie e credenze.
Euro
29,00
codice 2105419
scheda
Foggy mountain rockers Dressed in black
Lp [edizione] originale  stereo  ger  2001  diablo 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa, copertina senza barcode, label marrone scura, quasi nera, con scritte rosse e logo Diablo Records rosso e nero a destra, logo GEMA a sinistra, catalogo DIABLO014. Pubblicato nel 2001 dalla Diablo in Germania, il terzo album, successivo a ''Angel heart'' (1999) e precedente ''Ein hertz fur teds'' (2002). Inciso con una formazione ancora quasi identica a quella originaria (con l'eccezione del chitarrista Ingo Georges, subentrato nel 2000), e' un lavoro di rockabilly ancora fedele allo spirito degli anni '50, caratterizzato dalla innegabile perizia tecnica degli strumentisti e da un approccio che in molti brani si fa ombroso, un po' in controtendenza rispetto ai toni spassosi piu' frequenti in questo genere musicale; ancora una volta, quasi tutti i brani sono opera del gruppo, che in questo lavoro e' stato accostato da parte di alcuni appassionati a gruppi britannici quali Flying Saucers e Crazy Cavan & the Rhythm Rockers. Questa longeva formazione rockabilly tedesca venne fondata nel 1992 ed e' ancora in attivita' nel 2010; hanno sempre operato con una formazione a sestetto, i cui unici membri costanti sono i cofondatori Heiko Piecha (voce) e Domenico ''Duck'' Todaro (percussioni, voce). Esordirono su album nel 1996 con ''Dice in flames'', seguito da un discreto numero di ulteriori lp nel corso dei successivi quindici anni.
Euro
18,00
codice 321393
scheda
Foggy mountain rockers Hang him high
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1999  part 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa, realizzata dalla tedesca Part Records, copertina lucida fronte retro con barcode, label custom bianca e gialla con scritte nere e nome gruppo stilizzato in arancio in alto e titolo stilizzato in blu a destra, catalogo PART-LP327.002. Pubblicato nel 1999 dalla Part, questo album, sottotitolato ''early recordings'', e' una raccolta di registrazioni effettuate nei primi anni di attivita' del gruppo tedesco, che qui da' prova di un trascinante rockabilly ligio alla tradizione degli anni '50, chiuso a contaminazioni con generi musicali successivi; quasi tutti i brani sono comunque composizioni della band, a cui si aggiunge una manciata di cover come ''Long blonde hair'' e ''Unchained melody''. Questa la scaletta: ''The way of rock'n'roll'', ''I'm on the run'', ''Rheinland rock'n'roll'', ''Long blonde hair'', ''Blues train to hell'', ''Country roads'', ''You gonna rock'', ''Lonesome teddyboy'', ''Rock'n'roll will never die'', ''Der alptraum'', ''Unchained melody'', ''Hang him high'', ''Noch'n bier'', ''Ghostriders in the sky''. Questa longeva formazione rockabilly tedesca venne fondata nel 1992 ed e' ancora in attivita' nel 2010; hanno sempre operato con una formazione a sestetto, i cui unici membri costanti sono i cofondatori Heiko Piecha (voce) e Domenico ''Duck'' Todaro (percussioni, voce). Esordirono su album nel 1996 con ''Dice in flames'', seguito da un discreto numero di ulteriori lp nel corso dei successivi quindici anni.
Euro
18,00
codice 321392
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2012  domino 
indie 2000
Vinile pesante, copertina lucida completa di coupon per il formato digitale, poster apribile in due parti con testi e crediti, adesivo sul cellophane, etichette fotografiche, Lp pubblicato dalla Domino nel gennaio 2012, dopo "Her river raves recollections" (09), il quarto album per questo gruppo capitanato da Francois Marry, francese di Rochelle, trapiantato a Bristol, collaboratore, fra l'altro, dei Camera Oscura, Movietone, Crscent e Pastels. Indie pop dolce mieloso, allegro e spensierato, cantato anche in francese, con frequenti impasti ritmici che evocano i Vampire Weekend, e uno stile chitarristico che ricorda Ali Farka Toure; presenti inoltre matrici folkeggianti, pop orchestrali, elettronica e venature soul. Partecipano il percussionista Amaury Ranger, il tastierista Gerard Black e Petit Fantome della scena elettronica di Bordeaux, sotto la regia del produttore Jean Paul Roman, collaboratore del gruppo del Mali, Tinariwen.
Euro
21,00
codice 6002005
scheda
Holy mount We fell from the sky
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2015  white dwarf 
indie 2000
vinile 180 grammi, edizione limitata, coupon per download, adesivo su cellophane etichette custom. Pubblicato dalla tedesca White Dwarf verso la fine dell'agosto 2015, dopo il mini-alum (pubblicato solo in rete) "Alpic" (13), il primo full lengh per la band canadese, basata a Toronto "We fell from the sky" si muove in territori stoner psichedelici con elementi space e garage, caratterizzati da un approccio alla Earth con stratificazioni di languide distorsioni ed uno stile vocale evocativo. Black Sabbath ed Hawkwind appaiono essere i gruppi che maggiormente hanno influenzato questa band, il cui suono gli avvicina a bands contemporanee quali Dead Meadows, Quest for Fire, Shooting Guns e Blood Ceremony
Euro
23,00
codice 2056522
scheda
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1969  hifly sound anstalt 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
copia ancora incellophanata, ristampa del 2015, ormai fuori catalogo, copertina apribile pressoche' identica alla prima rara tiratura su Bell, ma con triangolo in alto a destra "Featuring Leslie West and Felix Pappalardi". Pubblicato nel 1969 dalla Bell, l' unico album dei Jolliver Arkansaw, nati sulle ceneri dei Bo Grumpus (anch'essi autori di un album, ''Before the war'', nel 1968) e come loro basati a New York; Mottau, Colegrove e Blake, con l' aiuto dei (presto) Mountain Felix Pappalardi (gia' presente nelle registrazioni dei Bo Grumpus) e Leslie West, pubblicarono questo piecevolissimo disco come Jolliver Arkansaw, un lavoro in cui convivono il tardo garage, rock americano post psichedelico di fine decennio, e pop psichedelico. Il gruppo si sciolse l'anno successivo, con la maggior parte dei membri che proseguirono a lungo carriere musicali.
Euro
24,00
codice 2051653
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2014  melodic 
indie 2000
Edizione a tiratura limitata a 300 copie in vinile 180 gr., corredato da coupon per download digitale, adesivo sul cellophane, etichetta verde con scritte nere e bianche, Lp pubblicato dalla Melodic nel 2014, esordio per questo progetto di Philip Kay, tastierista dei A Nuclear Free City. "Zoetrope" e' alimentato da un'interessante elettronica, connubio fra ambient, pop e IDM, mediante intersezioni di sintetizzatori, drum machines, ripetizioni in stile kraut, beats con melodie astrali, in un alchimia variabile che, qua' e la' tra i solchi, richiama i Boards of Canada, gli Air, Orb ed i Radiohead periodo "Amnesiac" piuttosto che Royksopp e Mice Parade. Influenzato piu' dall'architettura che da qualsiasi altra forma d'arte, (Kay stesso cita la Sagrada Familia di Barcellona come specifica ispirazione), "Zoetrope" e' un continuo vortice di istanze ambientali, che porgono al fruitore trasporto emotivo, ora ipnotico e/o malinconico ora piu' sostenuto, grazie al traino melodico e ritmico di cui dispone l'intero apparato sonoro.
Euro
27,00
codice 2045552
scheda
Laing corky (mountain) making ' it on the street
lp [edizione] originale  stereo  usa  1977  Elektra 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima stampa americana, copertina lucida senza barcode, con cut promozionale in alto a sinistra, inner sleeve con foto e testi, etichetta multicolore con farfalla. L' unico sorprendente album solista del batterista canadese gia' nei Mountain e in West, Bruce & Laing, qui impegnato anche alla chitarra ed alla voce. Un lavoro di notevole fattura, un ottimo disco tra cantautorato e rock blues, con ospite Eric Clapton in un brano; atmosfere rilassate ed influenze tanto westcoastiane quanto "sudiste", e persino un omaggio al sound di New Orleans con la cover dell' hit di Barbara George "I Know", brani sinceri ed intensi, come la title track o "See Me Through". Tra i musicisti Joe English, Paul Hornsby, Vanetta Fields, Clydie King, Sherlie Matthews e Randall Bramlett.
Euro
20,00
codice 20571
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2013  jagjaguwar 
indie 2000
Comprensivo di coupon per il download digitale e di inner sleeve, etichette fuxia con parti sfumate e scritte bianche, L pubblicato dalla Jagjaguwar nel giugno 2013, dopo "Infinite light" (09), il terzo album del duo canadese, costola dei Black Mountain. "Fantasy" accentua il loro lato piu' elettronico, in cupi e minimali trame sonore, vicine al synth pop anni ottanta, al trip hop anni novanta, con momenti piu' folk, che rimandano al folk-rock del loro esordio. Una sorta di miscelazione fra Depeche Mode, Cocteau Twins, Sinned O'Connor, Tricky, Bat for Lashes e Knife. Formatisi a Vancouver nei primi anni del nuovo secolo, i Lightning Dust sono un duo canadese formato da Amber Webber e da Joshua Wells, entrambi membri dei piu' noti connazionali Black Mountain; come questi ultimi, risentono dell'influenza del rock degli anni '70, ma seguono un approccio lontano dallo hard rock e dal prog, concentrandosi su composizioni atmosferiche dominate dalle tastiere e talvolta venate di folk rock. Il loro primo album epon
Euro
23,00
codice 2089284
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2009  jagjaguwar 
indie 2000
coupon per download, copertina con barcode 656605213910, inserto con artwork e crediti, label custom nera ed azzurra con tracklist su di una facciata ed immagine sull'altra, catalogo JAG139. Pubblicato nell'agosto del 2009 dalla Jagjaguar, questo è il secondo album dei Lightning Dust, successivo all'eponimo debutto del 2007 e precedente ''Fantasy'' (2013). Il gruppo canadese, costola dei Black Mountain, propone qui un melodico e malinconico indie rock minimale e brumoso, attraverso brani da acidi tappeti di tastiere vintage (organo e Wurlitzer) o da toccanti accompagnamenti archi, mentre la fragile ed emotiva voce di Amber Webber si alterna con quella più compassata di Joshua Wells, ed il groove dei brani si muove in una singolare terra di confine fra circolarità e minimalismo alla krautrock / Suicide e delicatissimo indie pop etereo e sottilmente drammatico. Formatisi a Vancouver nei primi anni del nuovo secolo, i Lightning Dust sono un duo canadese formato da Amber Webber e da Joshua Wells, entrambi membri dei piu' noti connazionali Black Mountain; come questi ultimi, risentono dell'influenza del rock degli anni '70, ma seguono un approccio lontano dallo hard rock e dal prog, concentrandosi su composizioni atmosferiche dominate dalle tastiere e talvolta venate di folk rock. Il loro primo album eponimo esce nel 2007, seguito nel 2009 da ''Infinite light'' e nel 2013 da ''Fantasy''.
Euro
23,00
codice 2090235
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  western vinyl 
indie 2000
edizione limitata in vinile arancio marmorizzato. "Spectre" (2019) è il quarto album in studio dei Lightning Dust: sempre sulla stessa lunghezza d'onda delle produzioni precedenti il duo - Amber Webber e Joshua Wells - continua a muoversi sulle stesse coordinate sonore, tra psichedelia, country cosmico e folk. I Lightning Dust sono un duo canadese formato da Amber Webber e da Joshua Wells, entrambi membri dei più noti connazionali Black Mountain; come questi ultimi, risentono dell'influenza del rock degli anni '70, ma seguono un approccio lontano dallo hard rock e dal prog, concentrandosi su composizioni atmosferiche dominate dalle tastiere e talvolta venate di folk rock.
Euro
29,00
codice 2090176
scheda
lp [edizione] originale  stereo  uk  1970  unicorn 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent classica cont.
Prima rara stampa inglese, copertina apribile laminata fronte retro, nella primissima versione con etichetta arancio con logo bianco e oro, catalogo RHS307. Registrato tra l' 1 ed il 2 ottobre del 1970, supervisionato dal registra di culto inglese Ken Russell, fu il primo di numerosi lavori ("Eight Songs For A Mad King" nel 1971 il successivo) suonato da Peter Maxwell Davies con i Fires Of London, un sestetto di musica da camera contemporanea noto per la bizzarria delle sue performances, attivo tra il 1965 (all' epoca come Pierrot Players) ed il 1987. Peter Maxwell Davies (conosciuto come MAX), nato nel 1934 a Salford, studia a Manchester, Roma ed all'universita' di Princeton; e' considerato da molta della critica contemporanea come uno dei piu' grandi compositori del nostro tempo, discograficamente autore del suo primo album nel 1963 ("O Magnum Mysterium"). I suoi lavori hanno un approccio originalissimo e molto diverso l'uno dall'altro, mischiando spesso musiche di epoche e stili diversi in un caleidoscopio sonoro e lirico di enorme fascino, che mette insieme la tradizione delle radici musicali europee con l' innovazione della sperimentazione, nella sua produzione opere, sinfonie, pieces teatrali.
Euro
35,00
codice 48401
scheda
Maxwell plumm Maxwell plumm (autografato)
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1973  fanfare 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
L' originale rara stampa inglese, con tanto di autografi dei cinque componenti del gruppo sul retrocopertina, etichetta nera con logo e scritte argento, catalogo FR.2042. Il primo album, uscito nel 1973 su Fanfare, prima di ''We can work it out'' (1974). L'oscuro gruppo britannico, formato qui da Butch Humber (voce), Alan Brooks (tastiere), Dave Chandler (batteria), Ray Doherty (chitarra) e Rich McGowan (basso), propone un pop rock smaccatamente ispirato agli anni '60, con arrangiamenti orchestrali in alcuni episodi, ed una scaletta composta in larga parte da cover, fra cui ''Eleanor rigby'' dei Beatles e ''Bridge over troubled water'' di Simon & Garfunkel.
Euro
28,00
codice 315931
scheda
Metal mountains Golden trees
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2011  amish 
indie 2000
Copertina senza codice a barre, completa di coupon per Mp3, etichetta bianca con disegno nero, Lp pubblicato dalla Amish Records nel 2011, esordio per la band, nata da cio' che resta dei Tower Recordings: Helen Rush alla voce e chitarra, Pat Gubler (P.G.Six) alla chitarra, piano e xilifono e Samara Lubelsky al violino e basso; costituito da sette tracce, mantriche, calaeidoscopiche ed eteree, senza percussioni, fra folk e dilatazioni psichedeliche, fra Popol Vuh e Velvet Underground, con arpeggi liquidi sognanti di chitarra sia acustica che elettrica e melodie dalla voce vellutata della Rush, punteggiati dal violino e dal basso della Lubelsky e da sporadici sintetizzatori, campanelli, xilofoni e tappeti space. Da Martin Venator: "Provate a immaginare ome in un mulinello dronico sospeso su una bolla velvetiana si stagli la voce di una donna (Helen Rush) dal riverbero magico e suggestioni cosmiche. Come chitarre ipnotiche e arpeggianti evochino archi subliminali e come echi muliebri si perdano nell'indefinitezza di sogni contemporaneamente mistici ed erotici". Tower Recordings: un collettivo newyorkese di folk psichedelico degli anni novanta, composto da Matt Valentine, Tim Barnes, Dean Roberts, P.G. Six, Helen Rush, Erika Elder, Samara Lubelsky e da altri meno conosciuti.
Euro
26,00
codice 6001236
scheda
Mount eerie (microphones) Live in bloomington, september 30th, 2011
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2011  crossroads of america 
indie 90
Allegato coupon per il download dell'album da internet, copertina senza codice a barre, label nera con scritte e disegni in grigio/argento, catalogo XRA-043. Pubblicato nel luglio del 2013 dalla Crossroads Of America negli USA, questo album dal vivo esce dopo ''Ocean roar'' (2012) e prima di ''Pre-human ideas'' (11/2013). Registrato a Bloomington, Indiana, il 30 settembre del 2011, con una configurazione inusuale per il gruppo, qui con due tastieristi e senza batteria, oltre a sparsi interventi chitarristici e voci, il concerto presenta sonorita' intimiste e sommesse, guidate da distese e minimali melodie di tastiere che rasentano spesso la ambient, e da un cantato altrettanto composto e trattenuto, mentre occasionali e fragili note di chitarra elettrica arricchiscono le scarne melodie. Questa la scaletta: ''Introduction'', ''House shape'', ''Between two mysteries'', ''Ancient questions'', ''Karl blau'', ''No inside, no out'', ''The place I live'', ''Lone bell'', ''See me'', ''Stone's ode'', ''The place lives''. Proveniente dalla zona di Washington D.C. Ed attivo anche negli Old Time Relijun, il prolifico musicista Phil Elvrum e' artefice di una corposa discografia con i suoi progetti Microphones e Mount Eerie, a partire dalla fine degli anni '90. Dotato di una voce fragile e soffusa, dai toni introspettivi e malinconici, Elvrum realizza con i suoi gruppi una musica eclettica che oscilla fra indie pop, canzone acustica, low e sperimentazione noise, riscuotendo il plauso della critica con lavori quali ''The glow part 2'' (2001), a nome Microphones. Quest'ultima sigla e' abbandonata fra il 2004 ed il 2006 a favore di Mount Eerie, per poi ricomparire in seguito in un singolo del 2007; da li' in poi, Elverum impieghera' principalmente la sigla Mount Eerie.
Euro
27,00
codice 3510873
scheda
Mount eerie (microphones) No Flashlight - Songs Of The Fulfilled Night
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2005  P.W. Elverum & Sun 
indie 90
Ristampa del 2015, autoprodotta e rimasterizzata da Phil Elvrum, in vinile bianco, copertina esclusiva, cartonata e senza barcode, con parti lucide all' esterno, corredata di coupon con codice per il download digitale. Originariamente autoprodotto nel 2005 su P.W. Elverum & Sun, Ltd., il primo vero album in studio a nome Mount Eerie, nonostante con questa sigla Phil Elvrum/Microphones (ex Old Time Relijun e D+) avesse gia' realizzato un triplo album dal vivo nel 2004 ("Live In Copenhagen"), e, nel 2005, l' album "collettivo" Singers" e quello di vecchie registrazioni "11 Old Songs". Un disco di grande bellezza, con brani di dolorosa intensita', ora delicati e sussurrati ed ora rumorosi, sempre segnati da un mood oscuro e personalissimo. Proveniente dalla zona di Washington D.C. Ed attivo anche negli Old Time Relijun, il prolifico musicista Phil Elvrum e' artefice di una corposa discografia con i suoi progetti Microphones e Mount Eerie, a partire dalla fine degli anni '90. Dotato di una voce fragile e soffusa, dai toni introspettivi e malinconici, Elvrum realizza con i suoi gruppi una musica eclettica che oscilla fra indie pop, canzone acustica, low e sperimentazione noise, riscuotendo il plauso della critica con lavori quali ''The glow part 2'' (2001), a nome Microphones. Quest'ultima sigla e' abbandonata fra il 2004 ed il 2006 a favore di Mount Eerie, per poi ricomparire in seguito in un singolo del 2007; da li' in poi, Elverum impieghera' principalmente la sigla Mount Eerie.
Euro
27,00
codice 3021082
scheda
Mount eerie (microphones) Pre-human ideas
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2013  P.W. Elverum & Sun 
indie 90
Copertina cartonata senza codice a barre, label grigia scura, quasi nera, e marrone, con scritte marroni, catalogo ELV034. Pubblicato nel novembre del 2013 dalla P.W. Elverum & Sun negli USA, questo particolare lp esce dopo ''Ocean roar'' (2012) e precede ''Sauna'' (2015). ''Pre-human ideas'' consiste di reincisioni effettuate con computer di brani gia' editi di Mount Eerie, le cui versioni originarie si trovano per la gran parte negli album ''Clear moon'' ed ''Ocean roar'' del 2012. In particolare le parti vocali sono state sintetizzate e distorte con tecnologia digitale, ed nuovi testi sono stati scritti per i brani, creando una sorta di effetto di stratificazione sulle vecchie canzoni. Pressoche' privi di ritmica percussiva, i brani presentano sonorita' distese e contemplative, spesso vicine alla ambient, in alcuni casi invece dai toni piu' scuri e dalle sonorita' piu' ronzanti; il primo brano e l'ultimo in scaletta, entrambi intitolati ''Organs'' sono invece suonati esclusivamente con l'organo, ed aprono e chiudono l'album su note quasi spirituali. Proveniente dalla zona di Washington D.C. Ed attivo anche negli Old Time Relijun, il prolifico musicista Phil Elvrum e' artefice di una corposa discografia con i suoi progetti Microphones e Mount Eerie, a partire dalla fine degli anni '90. Dotato di una voce fragile e soffusa, dai toni introspettivi e malinconici, Elvrum realizza con i suoi gruppi una musica eclettica che oscilla fra indie pop, canzone acustica, low e sperimentazione noise, riscuotendo il plauso della critica con lavori quali ''The glow part 2'' (2001), a nome Microphones. Quest'ultima sigla e' abbandonata fra il 2004 ed il 2006 a favore di Mount Eerie, per poi ricomparire in seguito in un singolo del 2007; da li' in poi, Elverum impieghera' principalmente la sigla Mount Eerie.
Euro
27,00
codice 3510872
scheda
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  usa  2015  P.W. Elverum & Sun 
indie 90
Copertina apribile cartonata, senza codice a barre, completa di coupon per il download digitale e inserto fotografico apribile in 4 parti, etichette "custom" crema con scritte e disegni rossi. Doppio Lp (gira a 45) autoprodotto, pubblicato nel febbraio 2015, dopo "Ocean roar" (2012) e prima di "A Crow Looked At Me" (2017), il nono bellissimo album in studio (in una discografia comunque complessa e variamente interpretabile) di Phil Elvrum sotto la sigla Mount Eerie. Registrato nelle natale Anacortes in una chiesa sconsacrata, adibita a studio, "Sauna" vede Mount Eerie alle prese con 12 tracce di personalissimo cantautorato indie, spesso acustiche o elettroacustiche, sospese fra folk ora delicatissimo ora spettrale ed episodi piu' atmosferici e dilatati, con melodie intense dai toni intimisti, talora apparentemente sbilenche, spesso minimali, capaci di assecondare una sorta di flusso di pensiero, e cantate con voce flebile, quasi sussurrata, spesso rafforzate da organi e da ovattate armonizzazioni vocali di Genevieve Castree' (la compagna di Elvrum, morta purtroppo il 9 luglio 2016), Allyson Foster, Ashley Eriksson e maschile di Paul Benson, sebbene non manchino neppure qui, come nei precedenti lavori, episodi piu' sperimentali o improvvise esplosioni elettriche ("Boat" e la successiva "Planets" ricordano i My Bloody Valentine). Commovente e bellissima "Pumpkin". Un suono sempre sperimentale e contemplativo, intersecato da chitarre elettriche, feedback, droni ed inserimenti percussivi, forse in questo caso, piu' cupo ed oscuro dei precedenti albums. I rimandi contemplano anche Robert Wyatt, Moondog, il minimalismo di Steve Reich, in una chiave contemporanea post-rock. Artista a 360°, scrittore ed editore, anche pittore, classe 78, Phil Elverum, membro solitario dei Microphones e di Mount Eerie, noto anche per la manipolazione di dispositivi analogici, per il particolare uso di registratori a bobine, sia 8 che 16 tracce, collabora con i Old time relijun, e' membro fondatore dei D+ ed ha prodotto fra i tanti, i Beat Happening, Mirah, Little Wings, Karl Blau, e Jason Anderson. La sua musica e' caratterizzata da un cantautorato lo-fi oscuro ed inquieto, ampliato da frequenti contaminazioni elettroniche.
Euro
32,00
codice 3019738
scheda
Mount mckinleys Portrait of a mindbender
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1995  get hip 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa USA, copertina lucida fronte retro con barcode 751707-1033-19, label custom blu con cielo stellato su di una facciata, con disegno di volto e spirale sull'altra, scritte bianche e nome gruppo in rosso, catalogo GH-1033. Pubblicato nel dicembre 1995 dalla Get Hip negli USA, il primo album, precedente ''The indescribable high rise sounds of today'' (1997). Quindici brani, tutti originali, per un album dal sound molto aggressivo e dinamico, in cui i chiari e fortissimi riferimenti al garage duro degli anni '60 (e talora a quello piu' psichedelico), vengono resi ancor piu' graffianti da un sound tirato che, sotto il fuzz, il tremolo e gli occasionali tuffi nel surf rock, rivela uno spirito punk che ben si abbina con un cantato altrettanto aggressivo. Garage punk quindi, ma non di quello piu' ortodosso e revivalista. Quartetto garage di Pittsburgh, Pennsylvania, attivo durante gli anni '90, i Mount McKinleys pubblicarono tre album, ''Portrait of a mindbender'' (1995), ''The indescribable high rise sounds of today'' (1997) e ''Stacked up (and get it!)'' (1999), oltre ad una manciata di 7''. Nella formazione militarono N. Dorphin (basso, voce, chitarra), J.F. Sebastian (chitarra, basso, voce), Frank Sands (batteria, voce, chitarra) e Prescott Hedgethrow (chitarra, voce, drums), l'organico del primo album, e piu' tardi vi suonarono anche Matt Coyne e Kurt Edwards; si avvalsero anche del contributo compositivo di Dave Vucenich dei Cynics in alcuni brani. Il loro stile si tingeva volentieri di sottili sfumature psichedeliche, oppure abbracciava il surf, e piu' tardi includeva l'impiego di sassofoni, elemento forse ereditato da certo rock'n'roll alla Sonics.
Euro
18,00
codice 329004
scheda

Page: 1 of 3


Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Mount maxwell":


altri autori contnenti le parole cercate: