Hai cercato:  Moody blues --- Titoli trovati: : 15
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Moody blues A question of balance
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  usa  1970  threshold 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Seconda stampa americana del 1974, copertina apribile cartonata, completa di inserto apribile con testi ed artwork, etichetta blu con logo multicolorato in alto, catalogo THS3, data sul trail off "1-27-71". Pubblicato in Inghilterra nell' agosto del 1970 dopo "To our children's children's children'' e prima di "Every good boy deserve favour'', giunto al numero 1 delle classifiche Uk ed al numero 3 di quelle Usa dove usci' nel settembre dello stesso anno. Il sesto album. Il primo dei lavori del gruppo ad assumere una veste piu' vicina al rock piu' duro contiene ancora alcuni elementi psychedelici, vedi "The Balance", testi piu' impegnati e vicini al sociale, "Question", oltre a memorabili brani quali il singolo "Don't You Feel Small", "It's Up to You", "Tortoise and the Hare", ''And the Tide Rushes In". Un album eccellente, un classico del suono dei '70 Inglesi e piu' che degno di riscoperta.
Euro
28,00
codice 252457
scheda
Moody blues a question of balance
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  ita  1970  threshold 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
seconda bella stampa italiana, copertina cartonata apribile, laminata all' esterno, etichetta bianca con scritte blu/viola, con marchio "Siae" a sinistra, e timbro Siae del primo tipo, in uso tra il 1970 ed il 1975, con diametro di circa 13 mm., piu' piccolo dei successivi, catalogo THSI 3, copia corredata dell' originario inserto apribile con i testi. Pubblicato in Inghilterra nell' agosto del 1970 dopo "To our children's children's children'' e prima di "Every good boy deserve favour'', giunto al numero 1 delle classifiche Uk ed al numero 3 di quelle Usa dove usci' nel settembre dello stesso anno. Il sesto album. Il primo dei lavori del gruppo ad assumere una veste piu' vicina al rock piu' duro contiene ancora alcuni elementi psychedelici, vedi "The Balance", testi piu' impegnati e vicini al sociale, "Question", oltre a memorabili brani quali il singolo "Don't You Feel Small", "It's Up to You", "Tortoise and the Hare", ''And the Tide Rushes In". Un album eccellente, un classico del suono dei '70 Inglesi e piu' che degno di riscoperta.
Euro
28,00
codice 249860
scheda
Moody blues Collected (ltd. numbered 180 gr. violet vinyl)
LP2 [edizione] originale  stereo  eu  1965  music on vinyl 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ancora custodita nella busta di plastica trasparente con chiusura a linguetta ed adesivo di presentazione, la prima rara stampa vinilica del 2017, edizione limitata a 1500 copie numerate sul retro copertina in basso a sinistra (questo esemplare il numero 000289), in doppio vinile da 180 grammi di colore viola, copertina laminata fronte retro con barcode 0602557107326, inserto apribile con note e foto a colori, label nera con scritte bianche e celesti, loghi Universal Music e Music On Vinyl bianchi a sinistra, catalogo MOVLP1816. Originariamente pubblicata nel 2007 in cd e poi nel 2017 in vinile, con una scaletta condensata, questa antologia compila ventiquattro dei più rappresentativi brani della discografia dei Moody Blues dagli esordi del 1965 fino al 1981, anno in cui uscì il decimo album in studio "Long distance voyager". Compilati in ordine cronologico, i brani forniscono una sintetica ma coerente carrellata sull'impressionante percorso artistiico del gruppo britannico, capace di crescere e proporre originali innovazioni pop sopratutto a cavallo fra la seconda metà degli anni '60 ed i primi '70, passando dal beat degli esordi alle suggestioni progressive a cavallo fra gli anni '60 e '70 ed al pop del decennio successivo, con alcuni elementi distintivi sempre presenti, quali una costante attenzione alla melodia, voci corali, atmosfere sognanti e frequente uso di arrangiamenti di archi. Questa la scaletta: "Go Now" (da "The magnificent moodies", 7/65), "Boulevard De La Madelaine" (B-side del singolo "This is my house", 1966), "Nights In White Satin" (da "Days of the future passed", 11/67), "Tuesday Afternoon (Forever Afternoon)" (da "Days of the future passed", 11/67), "Voices In The Sky" (da "In search of the lost chord", 7/68), "Dr. Livingstone, I Presume" (da "In search of the lost chord", 7/68), "Ride My See-Saw" (da "In search of the lost chord", 7/68), "Legend Of A Mind" (da "In search of the lost chord", 7/68), "Never Comes The Day" (da "On the threshold of a dream", 4/69), "Dear Diary" (da "On the threshold of a dream", 4/69), "Gypsy (Of A Strange And Distant Time)" (da "To our children's children's children", 11/69), "Watching And Waiting" (da "To our children's children's children", 11/69), "I Never Thought I'd Live To Be A Hundred" (da "To our children's children's children", 11/69), "Candle Of Life" (da "To our children's children's children", 11/69), "Melancholy Man" (da "A question of balance", 7/70), "Question" (da "A question of balance", 7/70), "The Story In Your Eyes" (da "Every good boy deserves favour", 7/71), "Isn't Life Strange" (da "Seventh sojourn", 10/72), "I'm Just A Singer (In A Rock 'N' Roll Band)" (da "Seventh sojourn", 10/72), "Emily's Song" (da "Every good boy deserves favour", 7/71), "King And Queen" (da "Caught live + 5", 4/77), "Had To Fall In Love" (da "Octave", 6/78), "Driftwood" (da "Octave", 6/78), "The Voice" (da "Long distance voyager", 5/81).
Euro
35,00
codice 334354
scheda
Moody blues every good boy deserves favour
Lp [edizione] ristampa  stereo  uk  1971  threshold 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Ristampa inglese dei primi anni '80, copertina (con moderati segni di invecchiamento) apribile lucida, etichetta azzurra con scritte blu, catalogo THS5. Pubblicato in Inghilterra nel luglio del 1971 dopo ''A question of balance'' e prima di ''Seventh sojour'', giunto al primo posto delle classifiche inglesi ed al numero 2 di quelle Usa dove usci' nell' agosto dello stesso anno. Il settimo album. "Every Good Boy Deserves Favour" e' considerato da gran parte della critica il migliore degli albums classici dei Moody Blues; le melodie raffinatissime e la perfezione delle sonorita' del Mellotron di Michael Pinder sono ineguagliati, la chitarra, qui addirittura pirotecnica, vedi la partitura della celeberrima "The Story in Your Eyes", contiene alcune tra le tracce piu' rilevanti e meglio costruite dell'intera saga dell band, che sono allo stesso tempo capolavori del progressive della piena maturita' britannica, "Emily's Song", "Nice to Be Here", "My Song", oltre alla gia' citata "The Story in Your Eyes" che e' in assoluto il loro miglior brano rock di tutti i tempi, con un suono ed un intensita' paragonabili alle migliori pagine soliste del primo George Harrison.
Euro
14,00
codice 252130
scheda
Moody blues In search of the lost... (acetato!)
Lp [edizione] acetato  mono  uk  1968  deram 
  [vinile]  Good rock 60-70
UN INCREDIBILE REPERTO STORICO! SI TRATTA DELLA COPIA IN ACETATO, COPIA QUINDI UNICA, PRESSATA DI PRASSI APPUNTO IN UNA SOLA COPIA, PRECEDENTE SIA LE COPIE TEST PRESSING SIA CHELLE POI DEFINITIVE. La copia e' pressata in materiale non vinilico, ed e' caratterizzata da etichette bianche con indicazioni di autore, titolo e facciata scritte a mano, mentre stampate in nero sono sole le indicazioni "Made in Great Britain Emidisc Recording Blank" e "Keep Surface Clean - Use Lightweight Pick Up - E-m-i- Tape Limited - Hayes - Middlesex - England". La stampa di prova dopo la registrazione, copia appartenuta al manager del gruppo; come ovvio la copia non e' fornita di copertina, ed e' caratterizzata da diversi segni di invecchiamento. Pubblicato in Inghilterra nel Luglio 1968 dopo ''Days Of Future Past'' e prima di ''On The Threshold Of A Dream'', giunto al numero 5 delle charts britanniche ed al numero 23 di quelle USA dove usci' nel Settembre dello stesso anno. Il terzo album, probabilmente il piu' sperimentale, e' questo il primo lavoro ad esprimere in maniera compiuta il sound tipico del gruppo, a base di citazioni classiche e lunghe fughe barocche. Il loro primo concept album, con 33 diversi strumenti tutti suonati dal gruppo, contiene i due brani manifesto del primo periodo, le magnifiche ''Ride My See Saw'' e ''Voices In The Sky'', condizionato pesantemente dalla scoperta da parte della band del misticismo e delle droghe, e' certamente la loro opera piu' vicina alla psychedelia, tanto e' vero che diversi dei brani citano l'opera di Timothy Leary, i piani astrali, la trascendenza ed altre amenita' tipiche del periodo, qui le orchestrazioni hanno un ruolo decisamente di secondo piano perche' in evidenza e' il mellotron, ma anche flauti, sitar, violoncelli, tablas, l'opera non si discosta piu' di tanto da quanto prodotto in quegli anni dai maggiori gruppi psychedelici britannici, un progetto di studio, basato sull'idea del superamento dei limiti della musica rock, ed enormemente influenzato sia dalla musica indiana ed orientale che dagli effetti e dal lavoro sui nastri registrati, sara' l'unico episodio di questo genere per i Moody Blues, che gia' dall'album successivo torneranno ad una musica piu' vicina al progressive romantico.
Euro
300,00
codice 21391
scheda
Moody blues octave
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  decca 
rock 60-70
ristampa del 2018, in vinile 180 grammi, rimasterizzata presso gli Abbey Road Studios, e corredata di download card, copertina apribile pressoche' identica a quella della prima tiratura, corredata di inserto. Pubblicato in Inghilterra nel giugno del 1978 dopo ''Seventh sojour'' e prima di ''Long distance voyager'', giunto al numero 6 delle classifiche Uk ed al numero 13 di quelle Usa. Il nono album. L' 'unico LP in nove anni, il primo pubblicato dal 1972 , sara' anche l'ultimo fino al 1981, vendutissimo in tutto il mondo, fu addirittura disco di platino, include due brani celeberrimi, ''steppin' in a slide zone'' e ''driftwood'', e' l'ultimo disco con la partecipazione del membro fondatore tastierista Mike Pinder, che abbandona rimpiazzato da Patrick Moraz, gia' negli Yes.
Euro
27,00
codice 3020715
scheda
Moody blues On the thresold of a dream
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1969  deram 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
la rara prima stampa inglese, copertina laminata apribile , pressata da "Garrod & Lofthouse" come indicato all' interno, con foro stereo/mono sul retro ed etichetta bianca e rossa con scritte sia in alto che in basso e logo "Deram" grande, nella versione con "Stereo" in alto sotto il foro centrale non in un rettangolo nero, completo del libro di 12 pagine inserito all'interno della copertina, trail off matrix "..2W" su entrambi i lati, copia corredata dell' originaria inner sleeve "stereo" della Decca/Deram. Pubblicato in Inghilterra nell' Aprile del 1969 prima di ''To our children's children's children'' e dopo ''In search of the lost chord'', giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 20 di quelle USA dove usci' nel Maggio dello stesso anno. Il quarto album. I Moody Blues abbandonano qui le influenze Orientali ed Indiane presenti nel loro album precedente in favore di una musica progressiva e completamente ''British'', anche le connotazioni religioso filosofiche e fantascientifiche del passato se ne vanno insieme ai suoni dei sitar e delle tablas, che sono sostituiti da un uso massiccio del Mellotron e del grand piano. E' questo il lavoro che fondera' il sound del gruppo nella sua stagione piu' complessa e progressive, tra i brani "Have You Heard/The Voyage", uno dei massimi capolavori di Mike Pinder, ancora sospeso tra progressive e psychedelia e la dura e quasi heavy "To Share Our Love" che ha un suono molto piu' potente e deciso di qualunque brano la band avesse inciso prima di allora. Un album chiave della musica inglese ed uno dei piu' rappresentativi del momento di passaggio tra la psychedelia ed il primo progressive. Sottovalutatissimo.
Euro
65,00
codice 102877
scheda
Moody blues On the thresold of a dream ( mono )
Lp [edizione] originale  mono  uk  1969  deram 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Excellent rock 60-70
molto rara versione in MONO della prima stampa inglese, copertina laminata apribile con foro stereo/mono sul retro, pressata da "Garrod & Lofthouse" come indicato all' interno, etichetta marrone e bianca, nella prima versione con scritta "Deram" in alto piu' grande che nella seconda stampa, con scritte sia in basso che in alto lungo la circonferenza, nella variazione con indicazione ''mono'' sulla label non all' interno di un rettangolo nero, completa del libro di 12 pagine con testi, note e disegni, spillato all' interno, trail off matrix "..2W" su entrambi i lati. Pubblicato in Inghilterra nell' Aprile del 1969 prima di ''To our children's children's children'' e dopo ''In search of the lost chord'', giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 20 di quelle USA dove usci' nel Maggio dello stesso anno. Il quarto album. I Moody Blues abbandonano qui le influenze Orientali ed Indiane presenti nel loro album precedente in favore di una musica progressiva e completamente ''British'', anche le connotazioni religioso filosofiche e fantascientifiche del passato se ne vanno insieme ai suoni dei sitar e delle tablas, che sono sostituiti da un uso massiccio del Mellotron e del grand piano. E' questo il lavoro che fondera' il sound del gruppo nella sua stagione piu' complessa e progressive, tra i brani "Have You Heard/The Voyage", uno dei massimi capolavori di Mike Pinder, ancora sospeso tra progressive e psychedelia e la dura e quasi heavy "To Share Our Love" che ha un suono molto piu' potente e deciso di qualunque brano la band avesse inciso prima di allora. Un album chiave della musica inglese ed uno dei piu' rappresentativi del momento di passaggio tra la psychedelia ed il primo progressive. Sottovalutatissimo.
Euro
75,00
codice 26479
scheda
Moody blues On the thresold of a dream ( mono )
Lp [edizione] originale  mono  uk  1969  deram 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
molto rara versione in MONO della prima stampa inglese, copertina laminata apribile con foro stereo/mono sul retro, pressata da "Garrod & Lofthouse" come indicato all' interno, etichetta marrone e bianca, nella prima versione con scritta "Deram" in alto piu' grande che nella seconda stampa, con scritte sia in basso che in alto lungo la circonferenza, nella variazione con indicazione ''mono'' sulla label all' interno di un rettangolo nero, completa del libro di 12 pagine con testi, note e disegni, spillato all' interno, trail off matrix "..2W" su entrambi i lati. Pubblicato in Inghilterra nell' Aprile del 1969 prima di ''To our children's children's children'' e dopo ''In search of the lost chord'', giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 20 di quelle USA dove usci' nel Maggio dello stesso anno. Il quarto album. I Moody Blues abbandonano qui le influenze Orientali ed Indiane presenti nel loro album precedente in favore di una musica progressiva e completamente ''British'', anche le connotazioni religioso filosofiche e fantascientifiche del passato se ne vanno insieme ai suoni dei sitar e delle tablas, che sono sostituiti da un uso massiccio del Mellotron e del grand piano. E' questo il lavoro che fondera' il sound del gruppo nella sua stagione piu' complessa e progressive, tra i brani "Have You Heard/The Voyage", uno dei massimi capolavori di Mike Pinder, ancora sospeso tra progressive e psychedelia e la dura e quasi heavy "To Share Our Love" che ha un suono molto piu' potente e deciso di qualunque brano la band avesse inciso prima di allora. Un album chiave della musica inglese ed uno dei piu' rappresentativi del momento di passaggio tra la psychedelia ed il primo progressive. Sottovalutatissimo.
Euro
110,00
codice 104689
scheda
Moody blues On the thresold of a dream ( mono )
Lp [edizione] originale  mono  uk  1969  deram 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
molto rara versione in MONO della prima stampa inglese, copertina laminata apribile con foro stereo/mono sul retro, pressata da "Garrod & Lofthouse" come indicato all' interno, etichetta marrone e bianca, nella prima versione con scritta "Deram" in alto piu' grande che nella seconda stampa, con scritte sia in basso che in alto lungo la circonferenza, nella variazione con indicazione ''mono'' sulla label non all' interno di un rettangolo nero, completa del libro di 12 pagine con testi, note e disegni, spillato all' interno, trail off matrix "..2W" su entrambi i lati. Pubblicato in Inghilterra nell' Aprile del 1969 prima di ''To our children's children's children'' e dopo ''In search of the lost chord'', giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 20 di quelle USA dove usci' nel Maggio dello stesso anno. Il quarto album. I Moody Blues abbandonano qui le influenze Orientali ed Indiane presenti nel loro album precedente in favore di una musica progressiva e completamente ''British'', anche le connotazioni religioso filosofiche e fantascientifiche del passato se ne vanno insieme ai suoni dei sitar e delle tablas, che sono sostituiti da un uso massiccio del Mellotron e del grand piano. E' questo il lavoro che fondera' il sound del gruppo nella sua stagione piu' complessa e progressive, tra i brani "Have You Heard/The Voyage", uno dei massimi capolavori di Mike Pinder, ancora sospeso tra progressive e psychedelia e la dura e quasi heavy "To Share Our Love" che ha un suono molto piu' potente e deciso di qualunque brano la band avesse inciso prima di allora. Un album chiave della musica inglese ed uno dei piu' rappresentativi del momento di passaggio tra la psychedelia ed il primo progressive. Sottovalutatissimo.
Euro
110,00
codice 109207
scheda
Moody blues Other side of life
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1986  polydor / treshold 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Copia ancora incellophanata, con adesivo sul fronte che pubblicizza la presenza di alcuni brani, prima stampa USA, copertina con barcode, inner sleeve con testi e foto, label rossa con scritte nere lungo il bordo in basso e bianche al centro, logo Treshold bianco e nero in basso, logo Polydor bianco e nero in alto, logo del gruppo con titolo stilizzato a destra in alto, catalogo 829 179-1 Y-1. Pubblicato nell'aprile del 1986 dalla Polydor / Treshold nel Regno Unito, dove giunse al 24esimo posto in classifica, e negli USA, dove arrivò alla nona posizione, il dodicesimo album in studio della grande band britannica, successivo a "The present" (1983) e precedente "Sur la mer" (1988). Prodotto da Tony Visconti ed inciso con la formazione composta da Justin Hayward, John Lodge, Graeme Edge, Ray Thomas e Patrick Moraz, l'album è ricordato come uno dei migliori lavori degli anni '80 per i Moody Blues, che qui trovarono anche una hit con "Your wildest dreams", giunta al nono posto nella classifica americana billboard hot 100. La band presta qui la sua maestria negli arrangiamenti ed il suo fine senso britannico della melodia ad un sound dalla forte componente elettronica, con i sintetizzatori molto in evidenza, i ritmi sbarazzini e ballabili, ed un sound tipicamente pop anni '80; questa volta l'approccio compositivo di Thomas è quasi inesistente, e la scrittura dell'album è opera principalmente di Hayward e Lodge, con contributi di Moraz. Questa la scaletta: "Your wildest dreams", "Talkin' talkin'", "Rock'n'roll over you", "I just don't care", "Running out of love", "The other side of life", "The spirit", "Slings and arrows", "It may be a fire".
Euro
19,00
codice 334014
scheda
Moody blues seventh sojourn
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  threshold 
rock 60-70
ristampa del 2018, in vinile 180 grammi, rimasterizzata presso gli Abbey Road Studios, e corredata di download card, copertina apribile pressoche' identica a quella della prima tiratura, completa dell' inserto con foto a colori. Pubblicato in Inghilterra nel novembre del 1972 dopo ''Every good boy deserve fudge'' e prima di ''Octave'', giunto al quinto posto delle classifiche inglesi ed al numero 1 di quelle Usa. L' ottavo album. L' ultimo lavoro del periodo classico e precedente alla pausa di sei anni, fu un successo straordinario sia in America che in Inghilterra, e' un' opera elaboratissima, con una struttura a base di orchestrazioni e lunghe fughe progressive. Genaralmente considerato come uno dei masterpiece del progressive sinfonico inglese, all' album seguira' un estenuamnte tour mondiale dopo il quale il gruppo si prendera' una pausa durata ben sei anni. Il disco e' frutto del periodo di profonda crisi personale e di stress che portera' allo pseudoscioglimento; e' certamente la loro opera piu' hard e quella in cui John Lodge vi si rivela come compositore, "Isn't Life Strange"e "I'm Just a Singer in a Rock & Roll Band" sono entrambe sue. Vi e' inoltre da segnalare l' introduzione del ''Chamberlain'', tastiera che affianca ora il Mellotron e che rende il sound della band molto piu' potente.
Euro
27,00
codice 2079126
scheda
Moody blues seventh sojourn
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1972  threshold 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
prima stampa inglese, copertina apribile, completa dell' inserto con foto a colori e testi, etichetta bianca con logo e scritte viola, catalogo THS.7. Pubblicato in Inghilterra nel novembre del 1972 dopo ''Every good boy deserve fudge'' e prima di ''Octave'', giunto al quinto posto delle classifiche inglesi ed al numero 1 di quelle Usa. L' ottavo album. L' ultimo lavoro del periodo classico e precedente alla pausa di sei anni, fu un successo straordinario sia in America che in Inghilterra, e' un' opera elaboratissima, con una struttura a base di orchestrazioni e lunghe fughe progressive. Genaralmente considerato come uno dei masterpiece del progressive sinfonico inglese, all' album seguira' un estenuamnte tour mondiale dopo il quale il gruppo si prendera' una pausa durata ben sei anni. Il disco e' frutto del periodo di profonda crisi personale e di stress che portera' allo pseudoscioglimento; e' certamente la loro opera piu' hard e quella in cui John Lodge vi si rivela come compositore, "Isn't Life Strange"e "I'm Just a Singer in a Rock & Roll Band" sono entrambe sue. Vi e' inoltre da segnalare l' introduzione del ''Chamberlain'', tastiera che affianca ora il Mellotron e che rende il sound della band molto piu' potente.
Euro
30,00
codice 109175
scheda
Moody blues The Present
lp [edizione] originale  stereo  can  1983  threshold 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa canadese, copertina apribile senza abrcode, con microforo promozionale in basso a destra, etichetta azzurra con scritte e logo neri, catalogo TRLS-1-2902. Pubblicato nel settembre del 1983 dopo ''Long distance voyager'' e prima di "Other side of life'', giunto al numero 24 delle classifiche Uk ed al numero 9 di quelle Usa. L' undicesimo album. Lavoro meno basato sugli arrangiamenti grandiosi ma invece piu' solido e melodico, e' un ritorno al passato dei primi anni '70; Patrick Moraz, meno in evidenza che su £Long Distance Voyager£, e' in ombra rispetto alla chitarra di Justin Hayward . Tra i brani "Blue World", "Sitting at the Wheel" e "Meet Me Halfway".
Euro
18,00
codice 241647
scheda
Moody blues to our childrens childrens children
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  treshold 
rock 60-70
ristampa del 2018, in vinile 180 grammi, rimasterizzata presso gli Abbey Road Studios, e corredata di download card, copertina apribile pressoche' identica a quella della prima tiratura, corredata di inserto. Pubblicato in Inghilterra nel novembre del 1969 dopo ''On the thresold of a dream'' e prima di ''Question of balance'', giunto al numero 2 delle classifiche inglesi ed al numero 14 di quelle Usa dove usci' nel gennaio del 1970. Il settimo album. Il loro lavoro piu' originale e psichedelico, nonche' il meno venduto, registrato senza concessioni al facile ascolto, con un feeling oscuro e cosmico, narra i parallelismi tra gli spazi siderali che l'uomo anela a raggiungere con la solitudine che inevitabilmente alberga all'interno di ogni essere umano, strutturato in canzoni e non in suites, contiene due tra quelli che vengono considerati come assoluti capolavori del gruppo e del progressive di alta scuola in generale, ovvero i brani ''Gipsy'' e ''Watching the waiting''.
Euro
27,00
codice 3020711
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Moody blues":
Moody blues - 

altri autori contnenti le parole cercate: