Hai cercato:  Fahey john --- Titoli trovati: : 4
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Fahey john blind joe death (1959 lp)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1959  takoma 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi, copertina senza barcode pressoche' identica a quella della prima rarissima tiratura. Lo straordinariamente storico primissimo album del grande chitarrista nato nel '39 a Takoma Park nel Maryland, totalmente strumentale, registrato dal solo Fahey e dalla sua magica chitarra nel lontano 1959 e da lui pressato in totale autoproduzione in sole 100 copie (cinque delle quali andarono subito distrutte) e venduto direttamente da Fahey per corrispondenza o alla stazione di benzina dove all' epoca lavorava. L' album non fu solo rieditato piu' volte, ma totalmente riregistrato sia nel '63 che nel 1967 (in quest' ultimo caso con copertina cambiata ed un brano aggiunto). Si tratta di un autentico pezzo di storia della musica americana del '900 che viene riportato alla luce, persino con l' esatta riproduzione della originaria copertina bianca con 'John Fahey' stampato da un lato e 'Blind Joe Death' dall' altro (i due lati del disco sono infatti accreditati il primo ad un immaginario Blind Joe Death e l' altro a Fahey stesso). L' inizio di uno straordinario percorso di ricerca delle radici della musica americana, gia' con il segno di una personalita' aristica che fara' di lui uno dei personaggi musicali piu' importanti del decennio che stava iniziando, sebbene approdato solo in tempi recenti al meritato culto, cosa che peraltro non gli ha purtroppo impedito di morire in assoluta poverta'.
Euro
21,00
codice 2117053
scheda
Fahey john christmas guitar volume one
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1968  varrick 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Copia ancora incellophanata, ma con qualche piegatura nell' angolo in alto a sinistra, prima stampa americana, copertina senza barcode, pressata in Canada come tutte le copie, con adesivo "Independent Record Labels Make Good Music" sul cellophane, etichetta nella versione azzurra con logo bianco in alto e scritte nere, catalogo 002. Pubblicato nel 1982 dalla Varrick (sottoetichetta della piu' nota Rounder), questo album vede il grande chitarrista americano rileggere uno dei suoi piu' grandi classici, l' album "The New Possibility: John Fahey's Guitar Soli Christmas Album" del 1968, con versioni spesso parecchio diverse di gran parte dei brani di quel disco, e brani che non vi erano inlclusi (mancano all' appello due brani, ma ce ne sono ben sei nuovi). Quel che resta invariata e' la magia delle interpretazioni di Fahey, artista in costante evoluzione. Nato nel '39 a Takoma Park nel Maryland, da genitori tedeschi, inizio' a suonare la chitarra a 13 anni, subito influenzato dai grandi bluesmen neri di cui prese a collezionare i dischi accaparrandoli con la tecnica del "porta a porta". Nonostante il suo interesse "filologico" alla materia blues (svolse la sua tesi di laurea su Charlie Patton), lo stile strumentale che sviluppo' fu subito personalissimo, arricchendosi man mano di nuovi elementi acquisiti negli anni trascorsi a studiare armonia e composizione in giro per il mondo. I suoi dischi, registrati per solito in perfetta solitudine e senza l' uso della voce, sono un vero e proprio compendio della storia della musica americana, ma non rinunciano alla sperimentazione di formule nuove, con influenze "altre" (la musica orientale e quella hawaiiana, per esempio).
Euro
23,00
codice 256072
scheda
Fahey john of rivers and religion
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1972  reprise / rhino 
rock 60-70
ristampa limitata, in vinile 180 grammi, copertina senza barcode. Accreditato a John Fahey and His Orchestra, pubblicato in Usa nel maggio del dopo ''America'' e prima di ''After the ball'', non entrato nelle classifiche Usa ne' in quelle Uk, il dodicesimo album. Come riportato da Chris Darrow nelle note originali del disco, "I remember the first time I ever heard him, I thought they'd turned the record from 45 to 33 or something, 'cause I couldn't believe how slow he played." L' uscita del 1972 fu la prima di Fahey per la Reprise, dopo un decennio di autoproduzione (sua la benemerita etichetta Takoma) ed un paio di dischi per la Vanguard, ed anche il primo lavoro in cui il chitarrista si pote' permettere una vera band con tanto di fiati e archi (molti dei musicisti avevano suonato nella colonna sonora del film della Disney "Song of the South", e suoneranno anche nell' album successivo di Fahey). In questo omaggio alla musica dixieland, la chitarra di Fahey e' comunque sempre naturalmente in primo piano; tra i brani "Steamboat Gwine 'Round de Bend", "Deep River", "Ol' Man River". Certamente uno dei suoi apici crativi. Nato nel '39 a Takoma Park nel Maryland, da genitori tedeschi, inizio' a suonare la chitarra a 13 anni, subito influenzato dai grandi bluesmen neri di cui prese a collezionare i dischi accaparrandoli con la tecnica del "porta a porta". Nonostante il suo interesse "filologico" alla materia blues (svolse la sua tesi di laurea su Charlie Patton), lo stile strumentale che sviluppo' fu subito personalissimo, arricchendosi man mano di nuovi elementi acquisiti negli anni trascorsi a studiare armonia e composizione in giro per il mondo. I suoi dischi, registrati per solito in perfetta solitudine e senza l' uso della voce, sono un vero e proprio compendio della storia della musica americana, ma non rinunciano alla sperimentazione di formule nuove, con influenze "altre" (la musica orientale e quella hawaiiana, per esempio). E' morto il 22 febbraio del 2001.
Euro
21,00
codice 2067887
scheda
Fahey john of rivers and religion (white promo label!)
lp [edizione] promozionale  stereo  usa  1972  reprise 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
COPIA ANCORA INCELLOPHANATA, prima stampa americana nella particolarmente rara VERSIONE PROMOZIONALE CON ETICHETTA BIANCA PROMOZIONALE ("WHITE PROMO LABEL"), copertina con parti in rilievo "embossed"sul fronte, e l' originaria apertura frontale "die cut", completa di inner sleeve e di inserto promo, etichetta bianca promozionale SENZA il piccolo logo "W" (Warner) in basso a destra. Accreditato a John Fahey and His Orchestra, pubblicato in Usa nel maggio del dopo ''America'' e prima di ''After the ball'', non entrato nelle classifiche Usa ne' in quelle Uk, il dodicesimo album. Come riportato da Chris Darrow nelle note originali del disco, "I remember the first time I ever heard him, I thought they'd turned the record from 45 to 33 or something, 'cause I couldn't believe how slow he played." L' uscita del 1972 fu la prima di Fahey per la Reprise, dopo un decennio di autoproduzione (sua la benemerita etichetta Takoma) ed un paio di dischi per la Vanguard, ed anche il primo lavoro in cui il chitarrista si pote' permettere una vera band con tanto di fiati e archi (molti dei musicisti avevano suonato nella colonna sonora del film della Disney "Song of the South", e suoneranno anche nell' album successivo di Fahey). In questo omaggio alla musica dixieland, la chitarra di Fahey e' comunque sempre naturalmente in primo piano; tra i brani "Steamboat Gwine 'Round de Bend", "Deep River", "Ol' Man River". Certamente uno dei suoi apici crativi. Nato nel '39 a Takoma Park nel Maryland, da genitori tedeschi, inizio' a suonare la chitarra a 13 anni, subito influenzato dai grandi bluesmen neri di cui prese a collezionare i dischi accaparrandoli con la tecnica del "porta a porta". Nonostante il suo interesse "filologico" alla materia blues (svolse la sua tesi di laurea su Charlie Patton), lo stile strumentale che sviluppo' fu subito personalissimo, arricchendosi man mano di nuovi elementi acquisiti negli anni trascorsi a studiare armonia e composizione in giro per il mondo. I suoi dischi, registrati per solito in perfetta solitudine e senza l' uso della voce, sono un vero e proprio compendio della storia della musica americana, ma non rinunciano alla sperimentazione di formule nuove, con influenze "altre" (la musica orientale e quella hawaiiana, per esempio). E' morto il 22 febbraio del 2001.
Euro
70,00
codice 42277
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti: