Hai cercato:  Deviants --- Titoli trovati: : 5
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Deviants deviants (3)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  music on vinyl 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, con copertina pressoche' identica alla originaria tiratura uscita in Uk su Transatlantic (non apribile, a differenza della versione americana del disco su Sire). Pubblicato in Inghilterra nel maggio del 1969 dopo ''Disposable'', non entrato nelle classifiche UK ne' in quelle USA. Il terzo album. L' ultimo lavoro dei classici Deviants ed uno dei piu' rappresentativi lp's dell'intero underground Inglese del periodo, registrato durante una fase di caos personale e creativo, con il gruppo lascia ora che il suono quasi fuoriesca da solo, in flussi disturbati e carichi di energia, tra i brani uno dei loro capolavori assoluti, "Billy the Monster", sinistra satira Zappiana in puro spirito hippie-freak, ma anche "Broken Biscuits", "First Line", "The People's Suite", sono da ricordare. Musicalmente il disco ricorda sia la prima Edgar Broughton Band, che i futuri Pink Fairies, gruppo in cui tutti i membri eccetto Farren si ritroveranno dopo lo scioglimento che avverra' nel 1970. I Deviants sono uno dei pilastri della psichedelia inglese dell' estate dell'amore, ma ne rappresentano il lato oscuro e punk barricadero che prese corpo a Notthing Hill Gate (quartiere dove risiederanno anche Pink Faires, Edgar Broughton Band, Hawkwind), in opposizione a quello gentile e floreale di Pink Floyd, Tomorrow, July, Kaleidoscope, etc; il gruppo nasce su impulso di Mick Farrenn, giornalista, agitatore sociale, organizzatore di eventi. Produrranno tre albums per poi trasformarsi nei Pink Faires dopo vari cambi di formazione.
Euro
30,00
codice 2124756
scheda
Deviants deviants (3)
Lp [edizione] ristampa  stereo  uk  1969  demon 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
ormai rara ristampa inglese del 1988, copertina lucida pressoche' identica alla prima tiratura inglese del 1969 su Transatlantic, etichetta grigia con fascia esterna rossa, catalogo TRANDO8. Pubblicato in Inghilterra nel maggio del 1969 dopo ''Disposable'', non entrato nelle classifiche UK ne' in quelle USA. Il terzo album. L' ultimo lavoro dei classici Deviants ed uno dei piu' rappresentativi lp's dell'intero underground Inglese del periodo, registrato durante una fase di caos personale e creativo, con il gruppo lascia ora che il suono quasi fuoriesca da solo, in flussi disturbati e carichi di energia, tra i brani uno dei loro capolavori assoluti, "Billy the Monster", sinistra satira Zappiana in puro spirito hippie-freak, ma anche "Broken Biscuits", "First Line", "The People's Suite", sono da ricordare. Musicalmente il disco ricorda sia la prima Edgar Broughton Band, che i futuri Pink Fairies, gruppo in cui tutti i membri eccetto Farren si ritroveranno dopo lo scioglimento che avverra' nel 1970. I Deviants sono uno dei pilastri della psichedelia inglese dell' estate dell'amore, ma ne rappresentano il lato oscuro e punk barricadero che prese corpo a Notthing Hill Gate (quartiere dove risiederanno anche Pink Faires, Edgar Broughton Band, Hawkwind), in opposizione a quello gentile e floreale di Pink Floyd, Tomorrow, July, Kaleidoscope, etc; il gruppo nasce su impulso di Mick Farrenn, giornalista, agitatore sociale, organizzatore di eventi. Produrranno tre albums per poi trasformarsi nei Pink Faires dopo vari cambi di formazione.
Euro
28,00
codice 259061
scheda
Deviants disposable
Lp [edizione] ristampa  stereo  ita  1968  get back 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
ristampa del 1998 in vinile 180 grammi, con copertina non apribile, corredata di inserto, catalogo GET512. Pubblicato in Inghilterra nel luglio del 1968 dopo ''Ptoof'' e prima di ''3'', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa, il secondo album del gruppo del compianto Mick Farren. Lavoro dall' impatto straordinario, rapresenta in pieno lo spirito dell'underground ''di strada'' inglese, equivalente nelle intenzioni agli americani Fugs e Mothers of Invention o MC5, ma qui direttamente discendente dal British R&B dei piu' potenti Yardbirds e Pretty Things della meta' degli anni '60, periodo nel quale la band affonda le proprie radici, evidenti in particolar modo in questo lavoro, insieme alle furiose invettive sociali ed ai commenti decisamente underground nei loro testi. Certamente una delle pietre miliari della musica britannica del decennio. I Deviants sono uno dei pilastri della psichedelia inglese dell' estate dell'amore, ne rappresentano pero' il lato oscuro e punk barricadero che prese corpo a Notthing Hill Gate (quartiere dove risiederanno anche Pink Faires, Edgar Broughton Band, Hawkwind), in opposizione a quello gentile e floreale di Pink Floyd, Tomorrow, July, Kaleidoscope, etc... Il gruppo nasce su impulso di Mick Farren, giornalista, agitatore sociale, organizzatore di eventi. Produrranno tre albums per poi trasformarsi nei Pink Faires dopo vari cambi di formazione. La loro musica era acidissima ed allo stesso tempo rock'n'roll, spesso improvvisata, e ricorda sia il r'n'b' britannico di scuola Yardbirds e Pretty Things, che i Rolling Stones di ''Aftermath'', ma le similitudini sono ancora piu' forti con la musica americana di bands quali i Fugs o le prime Mothers, ma anche dei 13th Floor Elevators ed il garage punk statunitense del 1966-1967, vi si avverte pero' anche una vena di sperimentazione alla Can, metropolitana e surreale, che fa di questo gruppo uno dei piu' originali e indimenticabili tra quelli della seconda meta' degli anni '60.
Euro
20,00
codice 259577
scheda
Deviants disposable
lp [edizione] originale  stereo  uk  1968  stable 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Very good rock 60-70
Prima davvero rara stampa inglese, copia con qualche segno di invecchiamento su copertina e vinile, copertina apribile e laminata esternamente, flipback all'interno, ''unipak'' con disco estraibile dal'interno, etichetta arancione ruvida con logo e scritte nere, matrice "SLP+7001+A" e "SLP+7001+B". Pubblicato in Inghilterra nel luglio del 1968 dopo ''Ptoof'' e prima di ''3'', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa, il secondo album del gruppo del compianto Mick Farren. Lavoro dall' impatto straordinario, rapresenta in pieno lo spirito dell'underground ''di strada'' inglese, equivalente nelle intenzioni agli americani Fugs e Mothers of Invention o MC5, ma qui direttamente discendente dal British R&B dei piu' potenti Yardbirds e Pretty Things della meta' degli anni '60, periodo nel quale la band affonda le proprie radici, evidenti in particolar modo in questo lavoro, insieme alle furiose invettive sociali ed ai commenti decisamente underground nei loro testi. Certamente una delle pietre miliari della musica britannica del decennio. I Deviants sono uno dei pilastri della psichedelia inglese dell' estate dell'amore, ne rappresentano pero' il lato oscuro e punk barricadero che prese corpo a Notthing Hill Gate (quartiere dove risiederanno anche Pink Faires, Edgar Broughton Band, Hawkwind), in opposizione a quello gentile e floreale di Pink Floyd, Tomorrow, July, Kaleidoscope, etc... Il gruppo nasce su impulso di Mick Farren, giornalista, agitatore sociale, organizzatore di eventi. Produrranno tre albums per poi trasformarsi nei Pink Faires dopo vari cambi di formazione. La loro musica era acidissima ed allo stesso tempo rock'n'roll, spesso improvvisata, e ricorda sia il r'n'b' britannico di scuola Yardbirds e Pretty Things, che i Rolling Stones di ''Aftermath'', ma le similitudini sono ancora piu' forti con la musica americana di bands quali i Fugs o le prime Mothers, ma anche dei 13th Floor Elevators ed il garage punk statunitense del 1966-1967, vi si avverte pero' anche una vena di sperimentazione alla Can, metropolitana e surreale, che fa di questo gruppo uno dei piu' originali e indimenticabili tra quelli della seconda meta' degli anni '60.
Euro
225,00
codice 239519
scheda
Deviants Ptooff! (poster sleeve)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  tiger bay 
rock 60-70
ristampa limitata del 2018, in vinile chiaro, con copertina pressoche' identica alla prima rarissima tiratura autoprodotta (senza barcode e ripiegata in sei parti attorno al disco, APRIBILE A POSTER), distribuita all' epoca soltanto tramite la fanzine It (International Times), e non venduta nei negozi, ristampato poi su Decca con copertina non piu' a poster. Pubblicato in Inghilterra nell' Agosto del 1967 prima di ''Disposable'' e non entrato in classifica ne' in Uk ne' in Usa dove fu pubblicato su Sire nel 1968, uno dei pilastri della psychedelia inglese dell' estate dell'amore, ne rappresenta il lato oscuro e punk barricadero che prese corpo a Notthing Hill Gate (quartiere dove risiederanno anche Pink Faires, Edgar Broughton Band, Hawkwind), in opposizione a quello gentile e floreale di Pink Floyd, Tomorrow, July, Kaleidoscope, etc, il gruppo nasce su impulso di Mick Farrenn, giornalista, agitatore sociale, organizzatore di eventi. Produrranno tre albums per poi trasformarsi nei Pink Faires dopo vari cambi di formazione. In questo lavoro, in cui suona Russel Hunter, la musica del gruppo e' acidissima ed allo stesso tempo rock'n'roll, largamente improvvisata, ricorda sia il r'n'b' britannico di scuola Yardbirds e Pretty Things, che i Rolling Stones di ''Aftermath'', ma le similitudini sono ancora piu' forti con la musica americana di bands quali i Fugs o le prime Mothers, ma anche dei 13th Floor Elevators ed il garage punk statunitense del 1966-1967, vi si avverte pero' anche una vena di sperimentazione alla Can, metropolitana e surreale, che fa di questa opera una delle piu' originali e indimenticabili tra quelle della seconda meta' degli anni '60. Il disco contiene alcune tra le perle assolute dell'underground inglese di tutti i tempi, ''i'm coming home'', la rilettura psycotica di ''gloria'', la micidiale ''garbage'', e riflette un mondo alternativo anche se parallelo alla ''swingin' london'', fatto di scontri con la polizia, happenings clandestini, concerti di protesta, le prime fanzines, l' impegno politico, ovvero l'embrione di quel movimento che evolvendosi nel corso degli anni attraverso bands quali Hawkwind o Ozric Tentacles, giungera' fino al nuovo millennio mantenendo, almeno in Inghilterra, una base solidamente piantata nei free festivals e nella controcultura militante.
Euro
27,00
codice 2122409
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Deviants":
deviants - 

altri autori contnenti le parole cercate: