Hai cercato:  Church --- Titoli trovati: : 6
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Church eros zeta and the parfumed guitars (ltd. galaxy green)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  2024  easy action 
punk new wave
Doppio album, edizione limitata in vinile verde ("galaxy green"), copertina apribile, senza barcode, adesivo di presentazione sul cellophane. Pubblicato nel marzo 2024, a distanza di soli undici mesi dal precedente "The Hypnogogue", il 26esimo album in studio per la storica band australiana, guidata da Steve Kilbey, ormai unico membro originario del gruppo. Descrizione completa a seguire. I Church sono un gruppo australiano di Sydney guidato da Steve Kilbey, coadiuvato dai chitarristi Marty Willson Piper e Peter Koppes (come Kilbey poi anche autori di vari lavori solisti), attivo dalla fine dei settanta, caratterizzato da una musica che pur non prescindendo da un inevitabile approccio post punk, si apriva anche ad evidenti influenze 60's, tra folk rock byrdsiano e psichedelia, anticipando il paisley underground ed evidenziando gia' un songwriting personalissimo, delicatamente intimista e malinconico, che caratterizzera' indelebilmente tutta la loro proficua produzione della quale citiamo il debutto del 1981, "of skins and heart", "Remote luxury" dell'84, "Heyday" dell'86 e "Starfish" dell'88.
Euro
33,00
codice 3034856
scheda
Church Starfish
Lp [edizione] nuovo  stereo  EU  1988  music on vinyl 
punk new wave
ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, pressoche' identica alla prima tiratura su Arista, e corredata di inserto. Pubblicato nel marzo del 1988, giunto al settimo posto delle classifiche australiane, dalla Arista in Gran Bretagna, dove non entro' in classifica, e negli USA, dove arrivo' al 41esimo posto, ''Starfish'' e' il sesto album del gruppo australiano di Sydney guidato da Steve Kilbey, coadiuvato dai soliti Marty Willson Piper e Peter Koppes (come Kilbey anche autori di vari lavori solisti), oltre al batterista Richard Ploog (vedi pure Beasts of Bourbon). Avevano sorpreso tutti con "Heyday" due anni prima, splendido lavoro che venne con questo "Starfish" forse addirittura superato, grazie ad una produzione meno "esuberante" ed un songwriting piu' delicatamente intimista, maturo e malinconico, come sempre debitore nei confronti del folk rock dei Byrds, vicino al paisley underground ed a certi Echo & the Bunnymen, mentre l' intrecciarsi delle chitarre di Wilson Piper e Koppes a tratti ricorda addirittura i Television. Il disco fu e restera' quello di maggior successo del gruppo, giungendo fino al settimo posto delle classifiche australiane. Uno dei dischi piu' belli della fine degli anni '80, seguito nel 1990 dal settimo lp ''Gold afternoon fix''. Ospite al mandolino nel brano "Antenna" (uno dei ben 4 singoli tratti dal disco, insieme alla indimenticabile "Under the Milky Way", "Destination" e "Reptile") il grande David Lindley dei Kaleidoscope americani.
Euro
31,00
codice 2126634
scheda
Church The hypnogogue (neon violet vinyl)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  2023  easy action 
punk new wave
Doppio album, edizione in vinile viola, copertina apribile, senza barcode, adesivo di presentazione sul cellophane. Pubblicato nell' aprile 2023, a distanza di cinque anni dal precedente "Man woman life death infinity", e prima di "Eros Zeta and the Parfumed Guitars", il 25esimo album in studio per la storica band australiana, guidata da Steve Kilbey, ormai unico mebro originario del gruppo. Descrizione completa a seguire. I Church sono un gruppo australiano di Sydney guidato da Steve Kilbey, coadiuvato dai chitarristi Marty Willson Piper e Peter Koppes (come Kilbey poi anche autori di vari lavori solisti), attivo dalla fine dei settanta, caratterizzato da una musica che pur non prescindendo da un inevitabile approccio post punk, si apriva anche ad evidenti influenze 60's, tra folk rock byrdsiano e psichedelia, anticipando il paisley underground ed evidenziando gia' un songwriting personalissimo, delicatamente intimista e malinconico, che caratterizzera' indelebilmente tutta la loro proficua produzione della quale citiamo il debutto del 1981, "of skins and heart", "Remote luxury" dell'84, "Heyday" dell'86 e "Starfish" dell'88.
Euro
37,00
codice 2123141
scheda
Church of misery Born under a mad sign
LP2 [edizione] nuovo  stereo  uk  2023  rise above 
heavy metal
Doppio album, versione in vinile nero, con la quarta facciata scolpita ("etched"), copertina apribile, label bianca, nera e blu sulle prime tre facciate, privo di etichetta sulla facciata scolpita, catalogo RISELP249. Pubblicato nel giugno del 2023 dalla Rise Above, il sesto album (senza contare "Vol. 1"), successivo ad "And there were none" (2016). A circa sette anni di disatnza dall'ultimo lp, il gruppo nipponico ritorna con un nuovo devastante, lugubre e morboso album di doom metal estremo, con i brani che ancora una volta fanno riferimento a famigerati serial killers e cattivi vari. La formazione guidata dal bassista e principale compositore Tatsu Mikami, unico membro fondatore rimasto, è completata qui da Toshiaki Umemura (batteria), Yukito Okazaki (chitarra, tastiere, già con gli Eternal Elysium, pionieristico gruppo doom / stoner nipponico) e Kazuhiro Asaeda (voce, già nei Sonic Flower, progetto collaterale dei Church Of Misery). Grooves densissimi, funerei e minacciosi, voce aggressiva e ruvida, ed una sezione ritmica che martella lentamente ma inesorabilmente sotto riffs graniticamente sabbathiani sono gli inevitabili ingredienti di questo annichilente 33 giri. I Church Of Misery, fondati a Tokyo nel 1995, sono stati uno dei primi gruppi di doom metal del Giappone, chiaramente influenzati sia dagli inevitabili Black Sabbath che dai nuovi gruppi americani come Kyuss e Saint Vitus come anche dallo hard rock degli anni '70; dopo aver inciso un primo progettato album autoprodotto nel 1996 ("Vol 1", poi uscito in forma non ufficiale nel 1997) ed alcuni ep, dopo qualche avvicendamento nell'organico pubblicano il loro primo lp ufficiale "Master of brutality" nel 2001, seguito nel 2004 da "Second coming", nel 2009 da "Houses of the unholy", nel 2014 da "Thy kingdom scum" e nel 2016 da "And there were none". Un altro aspetto caratterizzante della loro musica è l'interesse, mostrato in molti dei loro testi, per serial killers e feroci assassini...
Euro
36,00
codice 2128465
scheda
Church of misery Thy kingdom scum (ltd. gold sparkle vinyl, etched 4th side)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  uk  2013  rise above 
heavy metal
Edizione limitata in doppio vinile color oro con striature più scure, inciso su tre facciate e con la quarta scolpita ("etched"), copertina apribile. Ristampa del 2019 ad opera della Rise Above, pressoché identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 2013 dalla Rise Above, il quarto album (senza contare "Vol. 1"), successivo a "Houses of the unholy" (2009) e precedente "And there were none" (2016). Inciso con una formazione rinnovata nel chitarrista (qui suona Ikuma Kawabe, poi nei Dhidalah), a cui si affiancano l'immancabile bassista e principale compositore Tatsu Mikami, unico membro fondatore rimasto, il batterista Junji Narita ed il cantante Hideki Fukasawa (il quale manipola anche i sintetizzatori), "Thy kingdom scum" trasuda l'influenza dei Black Sabbath, dei St. Vitus e del movimento doom metal, attraverso grooves lenti e massicci, inesorabili e cupissimi, e riffs densi e pesanti; si aggiunge però anche un tocco particolare con l'impiego dei sintetizzatori, non invadente e nemmeno melodico. I brani, cantati con voce incattivita ed al vetriolo, sono come al solito incentrati su famigerati serial killers, tranne la cover del gruppo hard prog inglese degli anni '70 Quatermass, "One blind mice". I Church Of Misery, fondati a Tokyo nel 1995, sono stati uno dei primi gruppi di doom metal del Giappone, chiaramente influenzati sia dagli inevitabili Black Sabbath che dai nuovi gruppi americani come Kyuss e Saint Vitus come anche dallo hard rock degli anni '70; dopo aver inciso un primo progettato album autoprodotto nel 1996 ("Vol 1", poi uscito in forma non ufficiale nel 1997) ed alcuni ep, dopo qualche avvicendamento nell'organico pubblicano il loro primo lp ufficiale "Master of brutality" nel 2001, seguito nel 2004 da "Second coming", nel 2009 da "Houses of the unholy", nel 2014 da "Thy kingdom scum" e nel 2016 da "And there were none". Un altro aspetto caratterizzante della loro musica è l'interesse, mostrato in molti dei loro testi, per serial killers e feroci assassini...
Euro
36,00
codice 2126863
scheda
Churchill downs Churchill downs
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  shadoks 
rock 60-70
Edizione limitata a 500 copie numerate nell'interno copertina vicino all'apertura, vinile da 180 grammi, copertina cartonata lucida a busta, senza codice a barre e ''paste on'' sul retro, inserto con note storiche e foto. Pubblicato nel 2011 dalla Shadoks, questo album dei californiani Churchill Downs venne inciso nel 1968 ma rimase all'epoca inedito, per essere finalmente pubblicato quarantatre anni dopo grazie a questa edizione della Shadoks. Il gruppo, che all'epoca suonava nel circuito dei locali di Hollywood, si sfaldo' poco dopo la realizzazione dell'album, principalmente a causa della chiamata alla leva militare di alcuni membri. Il gruppo e' qui artefice di un pop rock psichedelico che puo' essere accostato a gruppi come la West Coast Pop Art Experimental Band, con un approccio piu' sbarazzino e meno allucinato rispetto a questi ultimi.
Euro
45,00
codice 3504505
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Church":
Church - half church - Harlem christian tabernacle church choir - Marching church - 

altri autori contnenti le parole cercate: