Hai cercato:  Black sabbath --- Titoli trovati: : 21
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Black sabbath black sabbath (uk version - 50th anniversary)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  sanctuary / bmg 
rock 60-70
ristampa del 2020, realizzata in occasione del 50esimo anniversario dall' uscita originaria del disco, come da adesivo sul cellophane, copertina apribile pressoche' identica a quella della prima molto rara tiratura inglese su Vertigo, ed il brano "Evil Woman (Don't Play Your Games With Me)" contenuto (come appunto nella versione inglese originaria del disco, mentre in quella americana fu sostituito dal brano "Wicked World"). Pubblicato in UK nel Febbraio del 1970 prima di "Paranoid", giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 23 di quelle USA dove fu invece stampato nel Luglio dello stesso anno. Il primo album del gruppo, lavoro diverso dagli altri che lo seguiranno, incorpora e trasfigura la tradizione del progressive blues e della psychedelia, in un clima dantesco, lento e potente, sempre uguale, intervallato dai riffs di chitarra distorta e dalla voce straziata di Osbourne, quasi portati da venti lontani, in un clima epico allucinato e irreale che ben si adatta all'immagine della copertina, una delle piu' riuscite dell'intero decennio. Contiene brani dall'anima apocalittica quali "Nib", "The Wizard", "Black sabbat", "Evil Woman". Da qui nasce la tendenza 'black magic' e demoniaca che giungera' evolvendosi e cambiando, ma diritta e senza interruzioni, fino alle manifestazioni di fine millennio del metal estremo nordeuropeo.
Euro
31,00
codice 2122212
scheda
Black sabbath Cross purposes
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1994  i.r.s. / private 
rock 60-70
Ristampa private press, copertina lucida pressoche' identica alla prima molto rara tiratura, corredata di inserto con testi e crediti. Pubblicato nel febbraio del 1994 dalla IRS in Gran Bretagna, dove giunse al 41esimo posto in classifica, e negli USA, dove arrivo' alla 122esima posizione, il diciottesimo album (diciassettesimo in studio), successivo a ''Dehumanizer'' (1992) e precedente ''Forbidden'' (1995). Dopo l'abbandono di Ronnie James Dio e Vinnie Appice, che erano tornati nei Sabbath per l'album ''Dehumanizer'', i fondatori Tony Iommi e Geezer Butler si fecero accompagnare in questo ''Cross purposes'' dal batterista Bob Rondinelli (ex Rainbow) e dal cantante Tony Martin gia' frontman della band nei tardi anni '80. E' un disco dal sound ancora duro e molto denso, sebbene nel complesso presenti atmosfere piu' rassicuranti rispetto ai loro album classici, alimentate anche dalla voce di Martin, piu' mainstream e priva dell'impeto apocalittico e malefico di quella di Ozzy; echi dei primi Sabbath emergono infine nel sulfureo brano di chiusura, ''Evil eye'', dall'incedere lento, inesorabile e lavico. La sezione ritmica di Butler e Rondinelli e' potente e compatta, mente Iommi e' ancora capace di tirar fuori alcuni ispirati e potentissimi riff.
Euro
23,00
codice 2126890
scheda
Black sabbath dehumanizer
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1992  i.r.s. 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima molto rara stampa italiana (come molto rara e' ogni stampa vinilica originaria di questo disco, che peraltro non fu pressato in vinile in Italia), copertina con barcode, completa di inner sleeve con testi, etichetta grigia con scritte e logo neri, catalogo 68 713155, data sul trail off di entrambi i lati "8-6-92". Pubblicato nel luglio del 1992 dopo ''TYR'' e prima di "Cross Purposes''. Il diciottesimo album. Lavoro che vede la reunion della formazione di Mob Rules, Dehumanizer presenta una delle migliori performances di Ronnie James Dio oltre al ritorno in campo del duo di Geezer Butler e Tony Iommi, i brani sono notevoli e potenti, tra di essi "Sins of the Father", "Time Machine", "After All (The Dead)", ed i testi sono ora scritti perlopiu' da Dio. Sara' l'ultimo lavoro con questa formazione perche' lo stesso Dio si rifiutera' di suonare live per aprire i concerti del tour di Ozzy Osbourne, al suo posto verra' ingaggiato il cantante dei Judas Priest Rob Halford, ma anche questa incarnazione della band sara' di breve durata perche' il gruppo rimarra' ai soli Iommi e Butler, che riuniranno una nuova line-up per Cross Purposes.
Euro
120,00
codice 257773
scheda
Black sabbath Forbidden
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1995  i.r.s. / private 
rock 60-70
ristampa private press, copertina senza barcode pressoche' identica alla prima rarissima tiratura, realizzata solo in Brasile in versione vinilica. Pubblicato nel giugno del 1995 dalla I.R.S., giunto al 71esimo posto in classifica in Gran Bretagna e non entrato in classifica negli USA, il diciottesimo album in studio, successivo a ''Cross purposes'' (1994) e precedente ''13'' (2013). Lavoro inciso con la stessa formazione che aveva registrato ''Tyr'' (1990), vale a dire Tony Iommi, in quel momento l'unico rimasto dei fondatori della band, il talentuoso batterista Cozy Powell, il cantante Tony Martin e il bassista Neil Murray, oltre a Geoff Nicholls, collaboratore di lungo corso dei Sabbath, ''Forbidden'' fu prodotto da Ernie C dei Body Count; il rapper Ice T, membro anch'egli dei Body Count, presto' la sua voce nel brano di apertura ''The illusion of power''. Disco stroncato dalla critica e poco amato anche dai fans del gruppo, ''Forbidden'' presenta comunque un eccellente lavoro da parte di Cozy Powell, la cui batteria e' davvero energica e scoppiettante, mentre Iommi ricama ancora tipici riff sabbathiani densi e funerei e la voce di Martin ha un tono epico e drammatico, ma senza la tensione psicologica e la lacerante espressivita' del primo Ozzy.
Euro
23,00
codice 3033647
scheda
Black sabbath live at fillmore west, san francisco, ca, nov 1970 fm broadcast
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  mind control 
rock 60-70
Pubblicato nel 2021, questo album contiene nove dei dieci brani del concerto effettuato dalla grande hard rock band inglese al Fillmore West di Los Angeles, California, il 19 novembre del 1970, tra il primo album "Black Sabbath" ed il secondo "Paranoid", di cui il concerto (di appena discreta qualita' sonora, nonostante fosse stato trasmesso anche radiofonicamente) propose alcune anticipazioni. Questa la lista dei brani: "Paranoid", "N.I.B.", "War Pigs", "Black Sabbath", "Iron Man", "Behind The Wall Of Sleep", "Hand Of Doom / Rat Salad", "Fairies Wear Boots".
Euro
23,00
codice 3028079
scheda
Black sabbath live evil
lp2 [edizione] originale  stereo  ita  1983  vertigo 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa italiana, copia con lievi segni di invecchiamento sul vinile del primo disco, doppio album con copertina apribile senza barcode, etichetta ''Spaceship'' con astronavi aliene su cielo notturno, catalogo 6650009 sulla copertina, 6302202 e 6302203 sui rispettivi vinili, data sul trail off "11-01-83". Pubblicato in Uk nel gennaio del 1983, dopo il live non autorizzato "Live at Last" (1980), si tratta del primo album dal vivo della storica hard rock band inglese a tutti gli effetti autorizzato dalla band. Giunto al numero 13 delle classifiche inglesi ed al numero 37 di quelle Usa, fu registrato durante il tour americano di "Mob Rules" a Seattle, San Antonio e Dallas dalla seconda incarnazione della band, con Tony Iommi, Geezer Butler, Ronnie James Dio e Vinnie Appice alla batteria; contiene i seguenti 15 brani: "E5150", "Neon Lights", "N.i.b.", "Children of the sea", "Voodoo", "Black sabbath", "War pigs", "Iron man", "The Mob rules", "Heaven and hell", "The sign of the southern cross", "Heaven and hell (continued)", "Paranoid", "Children of the grave", "Fluff".
Euro
26,00
codice 257347
scheda
Black sabbath mob rules
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1981  vertigo / private 
rock 60-70
ristampa private press, copertina lucida senza barcode, pressoche' identica a quella della prima tiratura, etichetta "Vertigo Spaceships" con navicelle spaziali su sfondo scuro. Pubblicato in Uk nel novembre del 1981 e giunto al numero 12 delle classifiche Uk ed al numero 29 di quelle Usa, uscito dopo ''Heaven and hell'' e prima di ''Live evil''. Il secondo lavoro registrato con Ronnie James Dio, che riesce qui nel non facile compito di non far rimpiangere Ozzy Osbourne. Lavoro sullo stile dell' ottimo precedente, e' nuovamente prodotto da Martin Birch, gia' con Deep Purple e Whitesnake, e vede anche in questo caso alle tastiere Geoff Nichols. Il disco suona come il debutto degli Iron Maiden, potentissimo e devastante, considerato magnifico da molta della critica metal internazionale, contiene molti celebri brani, come "Turn Up the Night" e "Voodoo" oltre alla strana "E5150'', ma anche la epica e straordinaria "The Sign of the Southern Cross", "Falling off the Edge of the World", "Slipping Away" e "Over and Over''. Sara' l'ultimo album di studio della band a godere di una grande reputazione, il live successivo e poi Dio lascera' e sara' il turno di Ian Gillan.
Euro
18,00
codice 3032879
scheda
Black sabbath mob rules (expanded 2lp)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1981  bmg / sanctuary 
rock 60-70
Doppio album, ristampa rimasterizzata del 2022, con copertina per l' occasione apribile ed ampliata a doppio album con un intero album bonus, con rarita' in studio ed inediti live. Questo il materiale contenuto nell' album aggiunto: "The Mob Rules" (Heavy Metal Soundtrack Version), "Die Young" (Live B-Side Of The Mob Rules), "The Mob Rules" (New 2021 Mix), "The Sign Of The Southern Cross / Heaven And Hell - Reprise" (Live In Portland, OR, U.S.A, April 22, 1982), "The Sign Of The Southern Cross", " Heaven And Hell", "Country Girl", "Slipping Away", "The Mob Rules", "Voodoo" (queste ultime quattro registrate dal vivo il 31 dicembre 1981 ed il 2 gennaio del 1982 all' Hammersith Odeon di Londra). Pubblicato in Uk nel novembre del 1981 e giunto al numero 12 delle classifiche Uk ed al numero 29 di quelle Usa, uscito dopo ''Heaven and hell'' e prima di ''Live evil''. Il secondo lavoro registrato con Ronnie James Dio, che riesce qui nel non facile compito di non far rimpiangere Ozzy Osbourne. Lavoro sullo stile dell' ottimo precedente, e' nuovamente prodotto da Martin Birch, gia' con Deep Purple e Whitesnake, e vede anche in questo caso alle tastiere Geoff Nichols. Il disco suona come il debutto degli Iron Maiden, potentissimo e devastante, considerato magnifico da molta della critica metal internazionale, contiene molti celebri brani, come "Turn Up the Night" e "Voodoo" oltre alla strana "E5150'', ma anche la epica e straordinaria "The Sign of the Southern Cross", "Falling off the Edge of the World", "Slipping Away" e "Over and Over''. Sara' l'ultimo album di studio della band a godere di una grande reputazione, il live successivo e poi Dio lascera' e sara' il turno di Ian Gillan.
Euro
43,00
codice 3030162
scheda
Black sabbath montreux 1970 (plus the lost bbc sessions)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  fallen angel 
rock 60-70
Doppio album, copertina apribile; realizzato nel 2021, contiene l' intera scaletta, bis compresi, del concerto effettuato dalla grande hard rock band inglese al Casino di Montreux, Svizzera, il 31 Agosto 1970, tra il primo album "Black Sabbath" ed il secondo "Paranoid", di cui il concerto (di buona qualita' sonora) propose alcune anticipazioni, e sette brani registrati tra il 1969 ed il 1970, ovvero "The Rebel" e "When I Came Down", registrati durante il 1969 quando ancora il nome del gruppo era Earth (gia' apparsi nella raccolta "Coming Of The Heavy Lords" uscita nel 2014), la cover di "Blue Suede Shoes" registrata dai Black Sabbath il 25 maggio 1970 al Beat-Club di Bremen, Germania, ed i quattro brani della straordinaria John Peel Session registrata per Radio One della BBC inglese il 26 aprile del 1970. Il concerto di Montreux e' stato negli anni pubblicato piu' volte in varie stampe private ed infine anche ufficialmente nel 2020 come parte di una versione in box di "Paranoid", ma quest' ultima non contiene il secondo dei due brani eseguiti nel bis, "Rat Salad". Questa la scaletta della parte del disco relativa al concerto suddetto: "Paranoid", "N.I.B.", "Behind The Wall Of Sleep", "Iron Man", "War Pigs", "Fairies Wear Boots", "Hand Of Doom" e "Rat Salad".
Euro
32,00
codice 2117267
scheda
Black sabbath never say die !
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  bmg / sanctuary 
rock 60-70
ristampa con copertina pressoche' identica alla prima tiratura, corredata di inner sleeve. Pubblicato in Inghilterra nell' ottobre del 1978 dopo ''Technical ecstasy'' e prima di ''Heaven and hell'', giunto al numero 12 delle clasifiche Uk ed al numero 69 di quelle Usa. Il nono album. Dopo aver lasciato la band alla fine del 1977 (rimpiazzato da Dave Walker, ex Savoy Brown), e' questo l' album del ritorno di Ozzy Osbourne; il disco riflette le tensioni interne al gruppo e gli abusi di achool, droghe e quant'altro a disposizione. Il brano di apertura e' uno dei classici del gruppo del decennio, "Never Say Die!", supportato da un grande riff chitarristico di tellurico har/rock'n'roll, per la prima volta e' proposto l'uso di strumenti inconsueti per il gruppo, il sax in "Breakout" o gli strani arrangiamenti di "Junior's Eyes" ed il synth di "Johnny Blade", ma il piu' riuscito capitolo e' secondo molti la ballata "Air Dance", decisamente innovativa per il repertorio abituale del gruppo. Alle sessions partecipa il tastierista Don Airey.
Euro
32,00
codice 2090222
scheda
Black sabbath never say die ! (gatefold)
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1978  sanctuary / universal 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa del 2009, ormai da tempo fuori catalogo, rimasterizzata ed in vinile 180 grammi, copertina per l' occasione apribile, con rare foto all' interno, completa di inner sleeve, etichetta Vertigo ''spaceship'' con navicelle spaziali su sfondo verde ed azzurro, catalogo 2716548. Pubblicato in Inghilterra nell' ottobre del 1978 dopo ''Technical ecstasy'' e prima di ''Heaven and hell'', giunto al numero 12 delle clasifiche Uk ed al numero 69 di quelle Usa. Il nono album. Dopo aver lasciato la band alla fine del 1977 (rimpiazzato da Dave Walker, ex Savoy Brown), e' questo l' album del ritorno di Ozzy Osbourne; il disco riflette le tensioni interne al gruppo e gli abusi di achool, droghe e quant'altro a disposizione. Il brano di apertura e' uno dei classici del gruppo del decennio, "Never Say Die!", supportato da un grande riff chitarristico di tellurico har/rock'n'roll, per la prima volta e' proposto l'uso di strumenti inconsueti per il gruppo, il sax in "Breakout" o gli strani arrangiamenti di "Junior's Eyes" ed il synth di "Johnny Blade", ma il piu' riuscito capitolo e' secondo molti la ballata "Air Dance", decisamente innovativa per il repertorio abituale del gruppo. Alle sessions partecipa il tastierista Don Airey.
Euro
30,00
codice 249726
scheda
Black sabbath Paranoid (180 g)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  bmg / sanctuary 
rock 60-70
ristampa del 2022, in vinile 180 grammi, copertina apribile pressoche' identica alla prima tiratura del 1971.. Pubblicato dalla Vertigo in Uk nel Settembre del 1970 dopo ''Black Sabbath'' e prima di ''Master of Reality'', giunto al primo posto delle classifiche inglesi ed al numero 12 di quelle USA, dove usci' pero' nel gennaio 1971. Il secondo album, uno dei massimi lavori della storia del rock piu' duro, e un assoluto masterpiece che creera' una scuola che porta diritto fino alla n.w.o.b.heavy metal, ma anche al grunge dei Soundgarden, incalcolabile l'impatto di questa titanica opera sui decenni successivi, include una serie di brani da brivido, solo per citarne alcuni: war pigs, paranoid, iron man, electric funeral, e' il disco che ridefinisce il termine ''hard rock'', meno improvvisato del predecessore, piu' conciso e carico di atmosfere oscure e soprannaturali, i brani parlano di olocausti nucleari, droghe allucinogene, mondi paralleli, guerra, morte, disperazione, il disco evoca i recessi dell'anima piu' nascosti ed inconsci, inoltre le partiture vocali e chitarristiche non indulgono mai al tecnicismo esasperato e sono invece improntate a creare una ''vibrazione'', una groove, che coinvolge e travolge i musicisti e gli ascoltatori in una dimensione stordente ed aliena. Come ebbe a dire di questo album la critica inglese di Melody Maker, ''Paranoid definisce lo stile ed il suono dell'hard rock piu' e meglio di qualunque altro album pubblicato nella storia del rock''.
Euro
29,00
codice 2125669
scheda
Black sabbath Sabbath bloody sabbath
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  sanctuary / universal 
rock 60-70
Ristampa con copertina apribile pressoche' identica alla prima tiratura del 1973, corredata di inner sleeve, etichetta custom nera con scritte bianche e grigie. Pubblicato in Inghilterra nel dicembre del 1973 dopo ''Volume 4'' e prima di ''Sabotage'', giunto al quarto posto delle classifiche Uk ed all' undicesimo di quelle Usa. Il quinto album. E' il disco che chiude il primo periodo della band di Birmingham, fino a qui paladini dell'hard rock piu' innovativo e underground e tra i gruppi piu' influenti della loro epoca. Qui i Sabbath, ancora in formazione originale e dopo il cambio di manager che li costringera' ad un lungo periodo di inattivita', danno una grande prova, pubblicando il quinto masterpiece in 4 anni; e' il loro album piu' prodotto ed arrangiato e sul quale lavoreranno per molti mesi in isolamento, con l'aiuto di Rick Wakeman degli Yes alla tastiera; i brani giungono ora a compiuta maturita' e divengono equilibrati e costruiti in maniera meticolosa, tra questi brani epocali quali, ''Sabbath bloody sabbath'', ''A national acrobat'', ''Killing yourself to live'', ''Sabbra cadabra'', ''Fluff'', con il memorabile assolo di Tony Iommi, la orchestrata e bizzarra ''Spiral architet'', e la inusuale ''Who are you'', con le complesse finiture di tastiera. Un lp classico che e'entrato di diritto e per sempre nella storia dell' hard rock di alta epoca.
Euro
31,00
codice 2124420
scheda
Black sabbath Sabotage
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1975  sanctuary 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi. Pubblicato in Inghilterra nel settembre del 1975 dopo ''Sabbath bloody sabbath'' e prima di ''Technical ecstasy'', giunto al settimo posto delle charts Inglesi ed al numero 28 di quelle Usa. Il sesto album. Finalmente uscito dopo un lungo tour inglese, che mette fine ai due anni di pausa dovuti a problemi legali e contrattuali, il disco, piu' hard rock e meno ''mantrico'' dei precedenti, non fu bene accolto dalla critica britannica, da sempre ostica nei confronti del gruppo, ma il pubblico lo apprezzo' invece in maniera consistente; contiene almeno due brani che diverranno classici della band: ''Am i going insane'' e ''Megalomania''.
Euro
29,00
codice 2125101
scheda
Black sabbath sabotage (4lp+7" box, with booklet and poster)
LPBOX [edizione] nuovo  stereo  eu  1975  bmg 
rock 60-70
"Super Deluxe Edition", box in cartone rigido (con adesivo di presentazione sul cellophane) contenente quattro lps, un 45giri, un booklet, un tour book ed un poster; piu' in dettaglio: la ristampa dell' album "Sabotage", rimasterizzata per l' occasione e completa di copertina (textured) pressoche' identica a quella originaria uscita in Inghilterra su Nems, la ristampa del raro singolo giapponese "Am I Going Insane"/"Hole in The Sky", con i due brani di "Sabotage" in versioni piu' brevi, un triplo album inedito registrato dal vivo durante il tour nordamericano del 1975, con copertina apribile in tre parti e parti embossed in rilievo (con i brani "Supertzar / Killing Yourself To Live", "Hole In The Sky", "Snowblind", "Symptom Of The Universe", "War Pigs", "Megalomania", "Sabbra Cadabra", "Jam 1 (Including Guitar Solo)", "Jam 2 (Including Drum Solo)", "Supernaut", "Iron Man", "Guitar Solo (Including Excerpts Of Orchid And Rock 'N' Roll Doctor)", "Black Sabbath", "Spiral Architect", "Embryo / Children Of The Grave" e "Paranoid"), un magnifico booklet formato lp con copertina cartonata, 40 pagine ricche di note, foto, riproduzioni di articoli, locandine di concerti, memorabilia e quant' altro, la riproduzione del raro concert book con note e foto distribuito in occasione del concerto al Madison Square Garden di New York del 3 dicembre 1975, riproduzione del poster relativo al tour inglese del 1975, apribile in sei parti. Queste le note relative all' album "Sabotage": Pubblicato in Inghilterra nel settembre del 1975 dopo ''Sabbath bloody sabbath'' e prima di ''Technical ecstasy'', giunto al settimo posto delle charts Inglesi ed al numero 28 di quelle Usa. Il sesto album. Finalmente uscito dopo un lungo tour inglese, che mette fine ai due anni di pausa dovuti a problemi legali e contrattuali, il disco, piu' hard rock e meno ''mantrico'' dei precedenti, non fu bene accolto dalla critica britannica, da sempre ostica nei confronti del gruppo, ma il pubblico lo apprezzo' invece in maniera consistente; contiene almeno due brani che diverranno classici della band: ''Am i going insane'' e ''Megalomania''.
Euro
140,00
codice 2102235
scheda
Black sabbath technical ecstasy (180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1976  sanctuary / bmg 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura, corredata di inner sleeve. Pubblicato in Uk nell' ottobre del 1976 dopo ''Sabotage'' e prima di ''Never say die'', giunto al numero 13 delle classifiche Uk ed al numero 51 di quelle Usa. L' ottavo album. Lavoro passato inosservato all' epoca della sua realizzazione, contiene invece alcuni brani che si riveleranno tra i migliori della produzione del periodo, come "Back Street Kids" potente e dinamica, "You Won't Change Me", un ritorno al blues del primissimo periodo, "Gypsy", "All Moving Parts (Stand Still)" che ricorda invece gli anni di "Sabbath bloody sabbath". Bill Ward canta "It's Alright," ''She's Gone" e' una ballata classica con Ozzy ai cori, e l' ultimo brano, "Dirty Women", e' invece un potente riff degno dei momenti migliori. Un album di rock and roll classico ingiustamente snobbato anche se non certo all'altezza di quelli classici dei primi anni '70.
Euro
32,00
codice 2093562
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1990  i.r.s. / private 
rock 60-70
Ristampa private press, copertina lucida pressoche' identica alla prima rara tiratura del 1990. Pubblicato nell'agosto del 1990 dalla I.R.S. in Gran Bretagna, dove giunse al 24esimo posto in classifica, e negli USA, dove non entro' in classifica, il sedicesimo album (quindicesimo in studio), uscito dopo ''Headless cross'' (1989) e prima di ''Dehumanizer'' (1992). E' un lavoro dai toni cupi similmente a quello che lo precedette, ma qui le canzoni sono piuttosto suggestionate dall'antica mitologia nordica e dalle sue divinita' che dal diavolo e dalla morte; ''Tyr'' presenta inoltre un sound molto potente ed al tempo stesso vede il gruppo deviare rispetto al loro sound piu' classico, con l'uso importante delle tastiere di Geoff Nichols, ma senza perdere la propria identita', mentre la voce di Martin ha un tono epico e drammatico ma senza la tensione psicologica e la lacerante espressivita' del primo Ozzy. Il gruppo era composto all'epoca da Tony Iommi, in quel momento l'unico rimasto dei fondatori della band, dal talentuoso batterista Cozy Powell, dal cantante Tony Martin e dal bassista Neil Murray, oltre a Nicholls, collaboratore di lungo corso dei Sabbath.
Euro
18,00
codice 3032875
scheda
Black sabbath vol 4 (180 gr.)
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1971  bmg / sanctuary 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa del 2015, in vinile 180 grammi, copertina apribile pressoche' identica a quella della molto rara edizione originaria, e corredata di esclusiva inner sleeve a colori con foto ed artwork, catalogo BMGRM056LP. Pubblicato in Inghilterra nel settembre del 1972 dopo ''Master Of Reality'' e prima di ''Sabbath Bloody Sabbath'', giunto al numero 8 delle classifiche Inglesi ed al numero 13 di quelle Usa dove usci' nell' ottobre dello stesso anno. Il quarto album. Il disco e' a cominciare dal titolo quello piu' vicino al sound Led Zeppelin, con brani epici ed un incedere drammatico ed hard blues, ma e' anche un lavoro che si allontana dai due predecessori, da qui inizia a prendere corpo la fase piu' sperimentale della band , avvertibile in alcuni dei brani presenti, la quasi psychedelico progressive ''wheels of confusion'', la complessa ''tomorrow's dream'' e la splendida ballata ''changes'' portano la band ad avventurarsi verso territori fino ad allora esplorati solo in minima parte, non mancano tuttavia i richiami alla tradizione piu' dura, qui compresa infatti la potentissima ''supernaut'' uno dei piu' devastanti ed elettrici brani che il gruppo abbia mai inciso. un album storico di importanza capitale e che mantiene oggi inalterato il climax maledetto ed innovativo presenta alla sua uscita.
Euro
26,00
codice 2125100
scheda
Black sabbath vol 4 (180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  bmg / sanctuary 
rock 60-70
Ristampa del 2015, in vinile 180 grammi, copertina apribile pressoche' identica a quella della molto rara edizione originaria, e corredata di esclusiva inner sleeve a colori. Pubblicato in Inghilterra nel settembre del 1972 dopo ''Master Of Reality'' e prima di ''Sabbath Bloody Sabbath'', giunto al numero 8 delle classifiche Inglesi ed al numero 13 di quelle Usa dove usci' nell' ottobre dello stesso anno. Il quarto album. Il disco e' a cominciare dal titolo quello piu' vicino al sound Led Zeppelin, con brani epici ed un incedere drammatico ed hard blues, ma e' anche un lavoro che si allontana dai due predecessori, da qui inizia a prendere corpo la fase piu' sperimentale della band , avvertibile in alcuni dei brani presenti, la quasi psychedelico progressive ''wheels of confusion'', la complessa ''tomorrow's dream'' e la splendida ballata ''changes'' portano la band ad avventurarsi verso territori fino ad allora esplorati solo in minima parte, non mancano tuttavia i richiami alla tradizione piu' dura, qui compresa infatti la potentissima ''supernaut'' uno dei piu' devastanti ed elettrici brani che il gruppo abbia mai inciso. un album storico di importanza capitale e che mantiene oggi inalterato il climax maledetto ed innovativo presenta alla sua uscita.
Euro
31,00
codice 2125943
scheda
Black sabbath vol 4 (5lp box, with booklet and poster)
LPBOX [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  bmg 
rock 60-70
"Super Deluxe Edition", box in cartone rigido (con adesivo di presentazione sul cellophane) contenente cinque lps, un booklet, un tour book ed un poster; piu' in dettaglio: la ristampa dell' album "Vol 4", rimasterizzata per l' occasione e completa di copertina apribile pressoche' identica a quella originaria uscita in Inghilterra su Vertigo, con booklet di quattro pagine all' interno; un doppio album di outtakes, con contenuto mixato da Steven Wilson ("Wheels Of Confusion / The Straightener", "Changes", "Supernaut", "Snowblind", "Laguna Sunrise" e "Under The Sun (Instrumental)", "Wheels Of Confusion (False Start With Studio Dialogue)", "Wheels Of Confusion (Alternative Take 1)", "Wheels Of Confusion (Alternative Take 2)", "Wheels Of Confusion (Alternative Take 3)", "Wheels Of Confusion (Alternative Take 4)", "The Straightener (Outtake)", "Snowblind (Alternative Take 1 - Incomplete)", "Supernaut (Outtake)", "Supernaut (Alternative Takes With False Starts)", "Under The Sun (False Start With Studio Dialogue)", "Under The Sun (Alternative Take With Guide Vocal) ), un doppio album registrato dal vivo durante il tour inglese del 1973 (con i brani "Tomorrow’s Dream", "Sweet Leaf", "War Pigs", "Snowblind", "Killing Yourself To Live", "Cornucopia", "Wicked World (Includes Excerpts Of: Guitar Solo, Orchid, Into The Void, Sometimes I’m Happy, Supernaut / Drum Solo)", "Wicked World (Reprise)", "Embryo", "Children Of The Grave" e "Paranoid"), un magnifico booklet formato lp con copertina cartonata, 40 pagine ricche di note, foto ed artwork, un poster apribile. Queste le note relative all' album "Vol 4": Pubblicato in Inghilterra nel settembre del 1972 dopo ''Master Of Reality'' e prima di ''Sabbath Bloody Sabbath'', giunto al numero 8 delle classifiche Inglesi ed al numero 13 di quelle Usa dove usci' nell' ottobre dello stesso anno. Il quarto album. Il disco e' a cominciare dal titolo quello piu' vicino al sound Led Zeppelin, con brani epici ed un incedere drammatico ed hard blues, ma e' anche un lavoro che si allontana dai due predecessori, da qui inizia a prendere corpo la fase piu' sperimentale della band , avvertibile in alcuni dei brani presenti, la quasi psychedelico progressive ''wheels of confusion'', la complessa ''tomorrow's dream'' e la splendida ballata ''changes'' portano la band ad avventurarsi verso territori fino ad allora esplorati solo in minima parte, non mancano tuttavia i richiami alla tradizione piu' dura, qui compresa infatti la potentissima ''supernaut'' uno dei piu' devastanti ed elettrici brani che il gruppo abbia mai inciso. un album storico di importanza capitale e che mantiene oggi inalterato il climax maledetto ed innovativo presenta alla sua uscita.
Euro
130,00
codice 2119976
scheda
Black sabbath walpurgis - peel session 1970 (red vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  shadow records 
rock 60-70
Ristampa private press in vinile rosso trasparente dell' album gia' uscito in forma privata nel 2011, copertina lucida senza barcode, etichetta bianca con scritte nere. Questo album contiene un prezioso demo di "The Rebel", brano rimasto inedito registrato durante il 1969, e soprattutto i quattro brani ("Black Sabbath", e "Behind the Wall of Sleep", inclusi nel primo album, e "Walpurgis", che poi diverra' "Warpigs" con il testo ed il titolo modificati e "Fairies Wear Boots", poi sul secondo album "Paranoid") registrati dalla hard rock band inglese nella storica session eseguita negli studi della radio inglese BBC per la trasmissione del compianto John Peel, il 36 aprile del 1970, ovvero poche settimane dopo l' uscita del primo album "Black Sabbath" per la Vertigo, nel frattempo giunto al primo posto delle classifiche inglesi. La band e' in uno stato di forma e di ispirazione straordinario, e da vita a versioni dei brani enormemente cariche di oscura tensione e non inferiori a quelle degli albums. Un pezzo di storia del rock inglese.
Euro
18,00
codice 3032868
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Black sabbath":
Black sabbath - 

altri autori contnenti le parole cercate: