Hai cercato:  Allin g.g. --- Titoli trovati: : 4
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1988  performance awareness 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
La prima rara stampa vinilica, pressata nel 2010 dalla Performance Awareness Records, copertina ripiegata attorno al disco e senza barcode, label neutra nera. Originariamente pubblicata nel 1992 solo in cd, questa è la colonna sonora del documentario su GG Allin "Hated: GG Allin and the Murder Junkies", uscito nel 1993, e diretto da Todd Phillips, una vivida testimonianza della vita e dell'arte di uno dei più provocatori performers del rock dopo l'avvento del punk. La colonna sonora contiene brani risalenti in gran parte al 1988 (e tratti dall'album "Freaks, faggots, drunks & junkies") ed al 1991 (registrazioni live); i brani musicali sono intercalati con registrazioni di dialoghi del film. Questa la scaletta: GG Allin & Bulge, "Die When You Die"; GG Allin & the Murder Junkies, "Bite It You Scum"; GG Allin, "Carmalita (Acoustic)"; GG Allin & Bulge, "Snakeman's Dance", "Young Little Meat"; GG Allin & the Criminial Quartet, "Fuck Authority"; GG Allin & the Murder Junkies, "Gypsy Motherfucker"; GG Allin & Bulge, "Suck My Ass It Smells", "Outlaw Scumfuc"; GG Allin & the Murder Junkies, "Cunt Sucking Cannibal"; GG Allin & Bulge, "I Wanna Kill You"; GG Allin, "When I Die (Acoustic)". G.G. Allin e' stato un leggendario ed oltraggioso personaggio, morto per overdose nel 1993, manifesto del punk rock americano piu' devastante e devastato, estremista fino all' autoimmolazione, votato al superamento di ogni limite immaginabile dell' oscenita' nel rock'n'roll, come i testi dei suoi brani (sin dai titoli) e le cronache dei suoi concerti dimostrano ampiamente. Ricordato per motivi per solito extra musicali, ha anche occasionalmente inciso qualche buon disco; il primo album "Always was is and always shall be" e' forse migliore, insieme ad una parte dei brani disseminati su rarissimi singoli, pubblicati sotto varie denominazioni e varie etichette, in poche centinaia di copie. Grezzo e viscerale, sferragliante punk rock fatto di pochi accordi e decisamente ancora legato alla miglior tradizione del punk newyorkese, profondamente e sostanzialmente legata al r'n'roll ed al garage punk, quella che oltre ai Ramones va ascritta a New York Dolls, Heartbreakers e Dictators.
Euro
34,00
codice 336082
scheda
Allin g.g. & murder junkies Terror in america - live 1993
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1993  alive 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia ancora incellophanata, prima stampa vinilica, pressata nel 1998 negli USA, qui nella versione in vinile nero, copertina semilucida con barcode 095081001213, label nera con scritte bianche, catalogo ALIVE0012. Originariamente uscito solo in cd nel 1995 nel Regno Unito e l'anno dopo negli USA, questo album documenta l'ultimo tour di G.G. Allin, il "Terror in America tour", attraverso registrazioni dell'aprile / maggio del 1993 effettuate in diverse sale in giro per gli Stati Uniti. Allin (voce), che sarebbe morto di lì a poco, il 28 giugno successivo, è accompagnato in questi concerti dai Murder Junkies, composti dal fratello Merle Allin (basso, voce), Dino Sex (batteria) e William Weber (chitarra, voce). Una grezza qualità di registrazione è forse l'ideale per immortalare il trash punk rock espresso dal devastante e devastato performer, animalesco, viscerale ed esplicito, supportato da una musica grezza e pestona, decisamente punk'n'roll. Questa la scaletta: "Bite It", "Look Into My Eyes And Hate Me", "Take Aim And Fire", "Terror In America", "Highest Power", "Gypsy Motherfucker", "Outlaw Scumfuc", "Fuck Authority", "Cunt Suckin' Cannibal", "Outlaw Scumfuc (Acoustic)", "Wendy & Tilla", "I Like To Be Hated". G.G. Allin e' stato un leggendario ed oltraggioso personaggio, morto per overdose nel 1993, manifesto del punk rock americano piu' devastante e devastato, estremista fino all' autoimmolazione, votato al superamento di ogni limite immaginabile dell' oscenita' nel rock'n'roll, come i testi dei suoi brani (sin dai titoli) e le cronache dei suoi concerti dimostrano ampiamente. Ricordato per motivi per solito extra musicali, ha anche occasionalmente inciso qualche buon disco; il primo album "Always was is and always shall be" e' forse migliore, insieme ad una parte dei brani disseminati su rarissimi singoli, pubblicati sotto varie denominazioni e varie etichette, in poche centinaia di copie. Grezzo e viscerale, sferragliante punk rock fatto di pochi accordi e decisamente ancora legato alla miglior tradizione del punk newyorkese, profondamente e sostanzialmente legata al r'n'roll ed al garage punk, quella che oltre ai Ramones va ascritta a New York Dolls, Heartbreakers e Dictators.
Euro
26,00
codice 336083
scheda
Allin g.g. & the jabbers 1980'S rock'n'roll
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  orange / private 
punk new wave
Ristampa in vinile grigio marmorizzato, copertina senza codice a barre, label nera con scritte bianche e logo Orange Records bianco in alto, catalogo ORA-778. Pubblicazione non ufficiale, questa raccolta compila i primi rari e devastati singoli pubblicati da G.G. Allin solista ed alla guida dei suoi Jabbers, fra il 1979 ed il 1983, costose e ricercate reliquie nelle loro edizioni originali, a base di brutale e sferragliante punk rock a bassa fedelta'. Qui di seguito la scaletta. G.G. Allin: ''You hate me + I hate you'', ''Automatic'', ''Ass face'' (1982); ''No rules'', ''A fuck up'', ''Up against the wall'', ''New york city tonight'' (1982); Out for blood'', ''Sixty nine'' (5/1983); G.G. Allin & The Jabbers: ''Bored to death'', ''Beat beat beat'', ''One man army'' (1979); 1980's rock'n'roll'', ''Cheri love affair'' (1979); G.G. Allin: ''Gimme some head'', ''Dead or alive'' (1981); G.G. Allin & The Jabbers: ''Occupation'' (uscito nel 2000, registrato nel 1980/81). G.G. Allin e' stato un leggendario ed oltraggioso personaggio, morto per overdose nel 1993, manifesto del punk rock americano piu' devastante e devastato, estremista fino all' autoimmolazione, votato al superamento di ogni limite immaginabile dell' oscenita' nel rock'n'roll, come i testi dei suoi brani (sin dai titoli) e le cronache dei suoi concerti dimostrano ampiamente. Ricordato per motivi per solito extra musicali, ha anche occasionalmente inciso qualche buon disco; il primo album "Always was is and always shall be" e' forse migliore, insieme ad una parte dei brani disseminati su rarissimi singoli, pubblicati sotto varie denominazioni e varie etichette, in poche centinaia di copie. Grezzo e viscerale, sferragliante punk rock fatto di pochi accordi e decisamente ancora legato alla miglior tradizione del punk newyorkese, profondamente e sostanzialmente legata al r'n'roll ed al garage punk, quella che oltre ai Ramones va ascritta a New York Dolls, Heartbreakers e Dictators.
Euro
16,00
codice 3026307
scheda
Allin g.g. and the scumfucs Scumfuc tradition
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1986  fan club / private press 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Rara stampa private press tedesca, copertina senza barcode, label custom gialla e nera con scritte bianche, catalogo GGA01 inciso sul trail off. Pubblicato nel 2002, questo album è una riedizione del primo dei due vinili che componevano l'antologia del 1987 "Dirty love songs", della quale contiene quindi i primi venti brani. Si tratta di alcune delle prime, ma non le primissime, registrazioni di Allin con gli Scumfucs, risalenti al 1986 ed originariamente uscite su pubblicazioni come la cassetta "You'll never tame me", ancora indirizzate da un grezzo punk rock cantato con piglio nichilista, antisociale, viscerale ed indisponente. Questa la scaletta: "I Wanna Fuck Myself", "Fuck Woman I've Never Had", "Needle Up My Cock", "Ass Fuckin', Butt Suckin', Cunt Lickin', Masturbation", "You'll Never Tame Me", "Bite It, You Scum", "Scumfuc Tradition", "Fuck The Dead", "Abuse Myself, I Wanna Die", "Kill The Children, Save The Food", "I Wanna Piss On You", "I Don't Give A Shit", "Drink, Fight And Fuck", "Fucking The Dog", "Clit Licker", "God Of Fire In Hell", "Blowjobs", "Gimmie". G.G. Allin e' stato un leggendario ed oltraggioso personaggio, morto per overdose nel 1993, manifesto del punk rock americano piu' devastante e devastato, estremista fino all' autoimmolazione, votato al superamento di ogni limite immaginabile dell' oscenita' nel rock'n'roll, come i testi dei suoi brani (sin dai titoli) e le cronache dei suoi concerti dimostrano ampiamente. Ricordato per motivi per solito extra musicali, ha anche occasionalmente inciso qualche buon disco; il primo album "Always was is and always shall be" e' forse migliore, insieme ad una parte dei brani disseminati su rarissimi singoli, pubblicati sotto varie denominazioni e varie etichette, in poche centinaia di copie. Grezzo e viscerale, sferragliante punk rock fatto di pochi accordi e decisamente ancora legato alla miglior tradizione del punk newyorkese, profondamente e sostanzialmente legata al r'n'roll ed al garage punk, quella che oltre ai Ramones va ascritta a New York Dolls, Heartbreakers e Dictators.
Euro
34,00
codice 336085
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Allin g.g. ":


altri autori contnenti le parole cercate: