Hai cercato:  Agent orange --- Titoli trovati: : 0
cercando tra gli autori separatamente le parole:  Agent orange --- Titoli trovati:  24
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
lp2 [edizione] nuovo  stereo  usa  1970  now again 
soul funky disco
doppio album, allegato coupon per il download dell'album da internet e libretto di sedici pagine con foto, intervista ad Ed Nelson, immagini dei singoli e note biografiche, catalogo NA5093, adesivo di presentazione del disco sul cellophane. Pubblicata nel 2013 dalla Now Again, questa raccolta contiene la discografia completa del gruppo funk californiano Apple and the Three Oranges, guidato dal talentuoso batterista Ed ''Apple'' Nelson: furono artefici di una manciata di singoli su Stage, Stanson e Sagittarius che mostravano un'approccio diversificato al funk, dalle suggestioni talora psichedeliche (si senta ''Free and easy part 2''), ora invece intriso di un funk piu' fisico ed incalzante, ora rallentato e sensuale in morbide ed ammiccanti ballate. Il successo tuttavia li eluse, e solo pochi singoli vennero sfornati dalla band fra il 1970 ed il 1976. Questa la scaletta: ''What goes around comes around'' (1970), ''Free and easy pt. 1'' (1970), ''Free and easy pt. 2'' (1970), ''Down home publicity'' (1972), ''True love will never die'' (1972), ''My baby'' (1972), ''Curse upon the world'' (1974), ''Moonlight'' (1974), ''Gotta stand for something pt. 1'' (1974), ''Gotta stand for something pt. 2'' (1974), ''Love brings out the best of you'' (1972), ''My love needs your love (and everybody needs love)'' (1976), ''I'll give you a ring (When I come, if I come)'' (1976).
Euro
31,00
codice 3028915
scheda
Collins edwyn (orange juice) Hellbent on compromise
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1990  demon 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa inglese, copertina liscia fronte retro con barcode, inserto in carta liscia formato lp con testi e foto, label grigio/bianca con bordo rosso, scritte nere e logo Demon bianco e rosso in alto, catalogo FIEND195, scritta ''MPO'' incisa sul trail off di entrambi i lati. Pubblicato nell'ottobre del 1990 dalla Demon in Gran Bretagna, non uscito negli USA, questo e' il secondo album solista di Edwyn Collins, uscito dopo ''Hope and despair'' (1989) e prima di ''Gorgeous George'' (1994). Il musicista scozzese si cimenta qui con un autunnale e delicato guitar pop dagli influssi anni '60 come anche della west coast americana degli anni '70. Ex cantante e chitarrista degli Orange Juice, gruppo scozzese tra gli alfieri del guitar pop britannico durante la prima meta' degli anni '80, a distanza di oltre quattro anni dall'ultimo album della vecchia band Edwyn Collins ritorno' alla ribalta musicale con il primo album solista ''Hope and despair'' (1989, dopo un paio di singoli nel 1987), con un aggraziato pop come al solito dai forti sapori 60's, intinto nel soul, aggraziato e curatissimo sotto il profilo formale, che pero' non ebbe alcun riscontro commerciale, neppure con il successivo album "Hellbent on Compromise" del 1990; solo dopo un silenzio di altri quattro anni e l'inatteso ritorno il talentuoso Collins riusci' a trovare la strada del successo.
Euro
18,00
codice 312556
scheda
lp2 [edizione] originale  stereo  eu  2010  heavenly 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia ancora incellophanata, l' originale rara stampa, doppio album in vinile pesante, copertina apribile, label crema con scritte marroni e nere, catalogo HVNLP81. Pubblicato nel novembre del 2010 dalla Heavenly, il settimo album solista, uscito dopo ''Home again'' (2007) e prima di "Understated" (2013). Il musicista scozzese ritorna qui in compagnia di membri di Franz Ferdinand, Aztec Camera, Cribs e Drums, oltre a Johnny Marr ex Smiths (che suona nel brano ''Come tomorrow, come today''), realizzando un lavoro che si divide fra agili ed autunnali indie (guitar) pop e qualche ballata acustica dai toni piu' intimisti. Ex cantante e chitarrista degli Orange Juice, gruppo scozzese tra gli alfieri del guitar pop britannico durante la prima meta' degli anni '80, a distanza di oltre quattro anni dall'ultimo album della vecchia band Edwyn Collins ritorno' alla ribalta musicale con il primo album solista ''Hope and despair'' (1989, dopo un paio di singoli nel 1987), con un aggraziato pop come al solito dai forti sapori 60's, intinto nel soul, aggraziato e curatissimo sotto il profilo formale, che pero' non ebbe alcun riscontro commerciale, neppure con il successivo album "Hellbent on Compromise" del 1990; solo dopo un silenzio di altri quattro anni e l'inatteso ritorno il talentuoso Collins riusci' a trovare la strada del successo.
Euro
38,00
codice 2020875
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1990  CGM 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa statunitense, copertina liscia, etichetta grigia con scritte nere, pubblicato in Usa nel 1990, trattasi di un Lp autoprodotto, registrato a Chicago sotto la produzione di Chuck Uchida, chitarrista dei Defoliants, il cui suono e' ispirato alla musica inglese degli anni ottanta: basi ritmiche granitiche con rullanti reverberati, chitarre effettate e le voci machile e femminile che si alternano o che vanno ad unisono; la voce della cantante Mary Simmons assomiglia molto a quella di Siouxsie.
Euro
18,00
codice 600099
scheda
Druick and lorange Druick and lorange
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1975  e.a.r. 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima stampa USA, copertina (con moderati segni di invecchiamento) cartonata apribile, label nera con fascia circolare celeste, scritte bianche lungo il bordo in basso ed argentate al centro, logo E.A.R. Inc. bianco ed azzurro in alto, catalogo EARL2701, scritta "son" incisa sul trail off di entrambi i lati. Pubblicato nel 1975 dalla Goodear nel Regno Unito e dalla E.A.R. negli USA, l'unico album del duo canadese di Montreal composto da Kirk Lorange e Dwight Druick. Prodotto da Marty Lewis (poi collaboratore di Dan Fogelberg), inciso con un esperto gruppo che include l'ex King Crimson Mel Collins al sassofono, il chitarrista Neil Hubbard (già con Wynder K. Frog e Grease Band) ed il batterista Bruce Rowland (anch'egli dagli Wynder K. Frog), fra gli altri, è un lavoro di country rock e soft rock di pregevole fattura, con un sound che richiama molto la West Coast californiana di gruppi come Eagles e Poco, caldo, avvolgente e melodico, irrobustito da una vena "roots", con begli arrangiamenti elettroacustici, e guidato da distese e gentili armonie vocali. Il fallimento della label E.A.R., di lì a poco, avrebbe posto fine all'esperienza del duo e Lorange, eccellente chitarrista come si nota anche ascoltando questo lp, si sarebbe trasferito in Australia continuandovi la sua carriera, sia come solista che come componente della Marc Hunter Band.
Euro
14,00
codice 333508
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1993  doghouse 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good indie 90
l' originale stampa americana nella versione in vinile bianco (fu pressato anche in vinile nero), con copertina (con lievi segni di invecchiamento) fabbricata in Canada e senza barcode, inserto con foto e testi, label custom marrone e bianca con artwork diverso su ciascuna facciata, catalogo DOG021. Pubblicato nel 1993 dalla Doghouse negli USA, l'unico album di questa band newyorchese (da non confondere con gli omonimi irlandesi) dalle cui ceneri sarebbero nati gli Orange 9mm, composta da Chris Traynor (poi con Orange 9mm e Helmet), Larry Gorman (poi con Orange 9mm ed Asobi Seksu, fra gli altri), Scott Winegard (poi con Texas Is The Reason), Taylor McLam (anch'egli poi con gli Orange 9mm) e dal cantante Bill Kiernan. Prodotto da Eddie Sperry, già leader dei Lord Boy, "Drain" è un lavoro ascrivibile allo emo core, con un sound che intreccia le circonvoluzioni del post hardcore, i suoi cambi di ritmo e di stati emotivi fra raccolto e rabbioso, con tracce di metal nelle sonorità della chitarra, densa, cupa e basata su potenti riffs. Atmosfere ombrose ed inquiete ammantano i brani del disco, animatrici di una tensione pronta ad esplodere ma che non raggiunge mai gli estremi più radicali del genere, mantenendosi relativamente melodica, complice anche il cantato, caldo ed espressivo e non aggressivo, di Kiernan.
Euro
14,00
codice 333183
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1993  doghouse 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good indie 90
l' originale stampa americana nella versione in vinile nero (fu pressato anche in vinile bianco), con copertina (con diversi segni di usura) fabbricata in Canada e senza barcode, inserto con foto e testi, label custom marrone con artwork diverso su ciascuna facciata e scritte bianche, catalogo DOG021, vinile ambrato se posto controluce. Pubblicato nel 1993 dalla Doghouse negli USA, l'unico album di questa band newyorchese (da non confondere con gli omonimi irlandesi) dalle cui ceneri sarebbero nati gli Orange 9mm, composta da Chris Traynor (poi con Orange 9mm e Helmet), Larry Gorman (poi con Orange 9mm ed Asobi Seksu, fra gli altri), Scott Winegard (poi con Texas Is The Reason), Taylor McLam (anch'egli poi con gli Orange 9mm) e dal cantante Bill Kiernan. Prodotto da Eddie Sperry, già leader dei Lord Boy, "Drain" è un lavoro ascrivibile allo emo core, con un sound che intreccia le circonvoluzioni del post hardcore, i suoi cambi di ritmo e di stati emotivi fra raccolto e rabbioso, con tracce di metal nelle sonorità della chitarra, densa, cupa e basata su potenti riffs. Atmosfere ombrose ed inquiete ammantano i brani del disco, animatrici di una tensione pronta ad esplodere ma che non raggiunge mai gli estremi più radicali del genere, mantenendosi relativamente melodica, complice anche il cantato, caldo ed espressivo e non aggressivo, di Kiernan.
Euro
10,00
codice 250068
scheda
lp [edizione] originale  stereo  Uk  1980  groovy 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale , rarissima stampa, autoprodotta in sole 1000 copie, etichetta completamente nera su di un lato e rossa sull'altro, catalogo STP1, copertina in cartone neutro bianco con sagomatura per fuoriuscita del vinile e con fogli, riportanti litografie, incollati sul fronte e retro copertina, copertina senza codice a barre. Allegato piccolo foglio (unica testimonianza del credito autore/titolo) con estratto catalogo dell'etichetta indipendente Groovy di Pete Shelley dei Buzzcocks. Il primo ed unico album comunemente accreditato alla formazione Free Agents, progetto dedito a sonorita' sperimentali attraversando le attitudini post-punk sino a raggiungere sonorita' industrial ed esoteriche. Il progetto Free Agents in realta' cela l'identita' di un altro gruppo i TILLER BOYS, con in formazione PETE SHELLEY DEI BUZZCOCKS, Francis Coolson ed ERIC RANDOM, che vantera' una stretta collaborazione con Pete Shelley, Nico (la femme fatale dei Velvet Underground) e con igloriosi Cabaret Voltaire.Questo loro unico album uscito postumo racchiude le registrazioni ai Graveyard Studios e registrazioni estratte dalla loro esibizione al celeberrimo locale londinese YMCA nel 1979. Purtroppo il gruppo, non mancando in originalita' nei propri intenti, avra' una parabola artistica brevissima, questo lavoro ne e' unica testimonianza e ci dimostra una volta ancora le capacita' artistiche che muovevano questi giovanissimi teenagers destinati a segnare il corso di molta di quella musica underground che nei primi anni ottanta animera' la terra anglosassone e non solo. I Tiller Boys, condivideranno molte delle primissime esibizioni di gruppi come Joy Division, Cabaret Voltaire, Buzzcocks, Gang Of Four, Passage, Echo and the Bunnymen, A Certain Ratio, Psychedelic Furs, Manicured Noise, Teardrop Explodes, da ricordare inoltre una celeberrima collaborazione che vedra' partecipi Random, Cabaret Voltaire e A Certain Ratio che utilizzando lo pseudonimo Certain Random Cabaret saranno autori di un unica esibizione al Plan K in Brussels insieme agli A Certain Ratio e Section 25.
Euro
90,00
codice 502404
scheda
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1980  drag city/groovy 
punk new wave
ristampa pressocche' identica alla prima rarissima tiratura autoprodotta in sole 1000 copie, copertina in cartone neutro bianco con fogli con disegni incollati sul fronte e retro, senza barcode. Il primo ed unico album comunemente accreditato alla formazione Free Agents, progetto dedito a sonorita' sperimentali attraversando le attitudini post-punk sino a raggiungere sonorita' industrial ed esoteriche. Il progetto Free Agents in realta' cela l'identita' di un altro gruppo i TILLER BOYS che vedono in formazione PETE SHELLEY DEI BUZZCOCKS, Francis Coolson ed ERIC RANDOM che vantera' una stretta collaborazione con Pete Shelley, Nico (la femme fatale dei Velvet Underground) e con igloriosi Cabaret Voltaire.Questo loro unico album uscito postumo racchiude le registrazioni ai Graveyard Studios e registrazioni estratte dalla loro esibizione al celeberrimo locale londinese YMCA nel 1979. Purtroppo il gruppo, non mancando in originalita' nei propri intenti, avra' una parabola artistica brevissima, questo lavoro ne e' unica testimonianza e ci dimostra una volta ancora le capacita' artistiche che muovevano questi giovanissimi teenagers destinati a segnare il corso di molta di quella musica underground che nei primi anni ottanta animera' la terra anglosassone e non solo. I Tiller Boys, condivideranno molte delle primissime esibizioni di gruppi come Joy Division, Cabaret Voltaire, Buzzcocks, Gang Of Four, Passage, Echo and the Bunnymen, A Certain Ratio, Psychedelic Furs, Manicured Noise, Teardrop Explodes, da ricordare inoltre una celeberrima collaborazione che vedra' partecipi Random, Cabaret Voltaire e A Certain Ratio che utilizzando lo pseudonimo Certain Random Cabaret saranno autori di un unica esibizione al Plan K in Brussels insieme agli A Certain Ratio e Section 25.
Euro
23,00
codice 3006943
scheda
Marlowe (l'orange / solemn brigham) Marlowe (ltd. numbered)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2018  mello music group 
hip-hop
Edizione limitata a mille copie numerate sul retro copertina in alto. Ristampa del 2021 ad opera della Mello Music Group, pressoché identica alla molto rara prima tiratura ma con il codice a barre cambiato (qui è 843563138601). Originariamente pubblicato nel luglio del 2018 dalla Mello Music Group, il primo album del progetto Marlowe, precedente "Marlowe 2" (2020). L'Orange e Solemn Brigham danno il via alla loro ambiziosa collaborazione con questo originale lavoro di hip hop creativo, animato dal rap torrenziale e risoluto di Solemn e dalle peculiari basi musicali di L'Orange, il quale integra sonorità psichedeliche, funk scarnificato riecheggiante sullo sfondo, ritmiche minimali, campionamenti di metà '900 pre e post bellico, e contaminazioni elettroniche. Le parole di Solemn esprimono concetti diversificati, dalla religione alla lotta per i diritti civili, dalla marginalità sociale alle prevaricazioni di certi rappers, usando un linguaggio a tratti criptico ed aperto a contaminazioni con lo slang. Marlowe è un progetto animato da due giovani talenti della scena hip hop americana, L'Orange, producer basato a Seattle, e Solemn Brigham, rapper della Carolina del Nord, avviato nel 2018 e caratterizzato da un rap ad alti ritmi e da basi musicali lente e ricche di sfumature, che traggono suoni dagli anni '30 come dai '60 e '70; i temi trattati da Solemn nei brani sono spesso improntati da tematiche sociali che vertono sulla marginalità e sulle tensioni con il sistema. Il primo album "Marlowe" esce nel 2018, seguito nel 2020 da "Marlowe 2".
Euro
35,00
codice 3513827
scheda
Orange blossom sound Orange blossom sound
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1969  cbs 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa inglese, copertina laminata sul fronte e liscia sul retro, label arancione con scritte nere e logo CBS nero al centro, catalogo 63971. Pubblicato nel 1969 dalla CBS negli USA e dalla Epic negli USA, uno dei due albums degli Orange Blossom Sound; l' altro e' ''The exciting orange blossom sound'' (uscito nel 1969 su Hallmark in UK). Quartetto inglese di Londra, gli Orange Blossom Sound furono la principale formazione bluegrass britannica degli anni '60; dopo il loro trionfale concerto al London Palladium Bob Johnston, gia' in consolle con Byrds e Johnny Cash, se ne innamora e produce questo loro primo album, un lavoro di bluegrass, appunto, con influenze country ed un approccio marcatamente britannico che rende il sound del gruppo originale ed innovativo.
Euro
35,00
codice 323267
scheda
Orange goblin Thieving from the house of god
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2008  Rise above 
indie 2000
Edizione limitata in vinile colorato, copertina lucida apribile, label nera con scritte bianche posizionate circolarmente, adesivo circolare nero sul cellophane. Pubblicato nel 2004 dalla Rise Above, ''Thieving from the house of god'' e' il quinto album degli Orange Goblin, uscito dopo ''Coup the grace'' (2002) e prima di ''Healing through fire'' (2007). Il gruppo inglese, ridotto a quartetto dopo l'abbandono del chitarrista Pete O'Malley, si indirizza con questo album verso lo hard rock, dedicandosi solo in parte con lo stoner e con il doom di molta della loro produzione precedente. Influenze dei Black Sabbath come degli ZZ Top si fanno sentire lungo i solchi, e non mancano alcune affinita' con lo stoner di band piu' o meno contemporanee come Kyuss, Queens Of The Stone Age ed Electric Wizard. Formatisi nel 1995 a Londra, inizialmente sotto il nome di Our Haunted Kingdom, gli Orange Goblin sono ormai fra i veterani della scena doom/stoner britannica, ma nel corso del tempo si sono dedicati spesso anche allo hard rock. Il primo album ''Frequencies from planet ten'' esce nel 1997 dopo che il gruppo si e' fatto le ossa suonando in giro per l'Europa; il successivo ''Time travelling blues'' (1999) si accosta allo hard rock, mentre il potente ''The big black'' (2000) ritorna su territori stoner. Le uscite successive del gruppo oscilleranno in effetti fra questi stili del rock duro.
Euro
29,00
codice 2091335
scheda
Orange juice Felicity + 2
12'' [edizione] originale  stereo  uk  1982  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa inglese, copertina in cartoncino sottile senza costola e senza barcode, flipback su due lati sul retro, con vinile estraibile dall'alto e sagomatura sul lato di apertura, label azzurrina con scritte azzurre piu' scure, catalogo POSPX386, scritta ''Utopia'' incisa sul trail off di entrambi i lati. Pubblicato nel gennaio del 1982 dalla Polydor in Gran Bretagna, dove giunse al 63esimo posto in classifica, il secondo singolo che precedette l'album d'esordio ''You can't hide your love forever'' (1982). Accasatisi presso la major Polydor, gli Orange Juice levigano l' approccio talora grezzo ed underground dei lor primi singoli su Postcard, producendosi qui in un raffinato guitar pop, che tuttavia lascia ancora emergere toni esuberanti ed eccentrici in alcuni episodi, e soprattutto non manca di rivelare il purissimo e personalissimo talento compositivo di Edwyn Collins. Contiene tre brani: ''Felicity'' e ''In a nutshell'', poi inseriti nel primo sopra citato lp, e l'inedita su album ''You old eccentric'', esuberante gioiellino. Gruppo scozzese formatosi nel 1977 (inizialmente come Nu-Sonics) ad opera di Edwyn Collins, gli Orange Juice furono una delle piu' importanti tra le band artefici del ritorno alla canzone pop chitarristica con influenze anni '60 che caratterizzo' la scena inglese nei primi anni '80 preparando il terreno ad Aztec Camera prima e Smiths dopo. I primi grezzi singoli della band (1980/81) preludono al sofisticatissimo pop dei loro album, il primo dei quali e' ''You can't hide your love forever''. Si sciolgono dopo l'uscita del terzo album del 1984; Collins intreprende quindi una lunga e prolifica carriera solista.
Euro
18,00
codice 316907
scheda
Orange juice L.o.v.e. love
12'' [edizione] originale  stereo  uk  1981  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa inglese, con vinile pressato in Germania (come indicato dalla scritta ''made in germany'' incisa sul trail off), copertina in cartoncino sottile senza barcode e senza costola, con vinile estraibile dall'alto e sagomatura sul lato di apertura, label blu e bianca con scritte bianche e nome gruppo in arancio su di una facciata, con titolo della title track in arancio e disegno di gatto sull'altra, catalogo POSPX357. Pubblicato nell'ottobre del 1981 dalla Polydor, giunto al 65esimo posto in classifica in Gran Bretagna, il sesto singolo, precedente il primo album ''You can't hide your love forever'' (1982). Questa versione su 12'' contiene tre brani: ''L.o.v.e. Love'', ''Intuition told me'' e ''Moscow'', le prime due poi inserite nel sopracitato primo lp, la terza prezioso inedito su album, tratto dal primo 7"ep del febbraio 1980 su Postcard, strumentale deliziosamente acerbo; episodi di dinamico ed esuberante guitar pop, con indubbie influenze anni '60 collocate pero' in un contesto post punk, con atmosfere solari ed agrodolci. Gruppo scozzese formatosi nel 1977 (inizialmente come Nu-Sonics) ad opera di Edwyn Collins, gli Orange Juice furono una delle piu' importanti tra le band artefici del ritorno alla canzone pop chitarristica con influenze anni '60 che caratterizzo' la scena inglese nei primi anni '80 preparando il terreno ad Aztec Camera prima e Smiths dopo. I primi grezzi singoli della band (1980/81) preludono al sofisticatissimo pop dei loro album, il primo dei quali e' ''You can't hide your love forever''. Si sciolgono dopo l'uscita del terzo album del 1984; Collins intreprende quindi una lunga e prolifica carriera solista.
Euro
16,00
codice 315964
scheda
Orange juice Orange juice (the third album)
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1984  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia ancora incellophanata, prima rara stampa inglese, nella ricercata versione limitata con copertina APRIBILE e CUSTOM LABEL, copertina apribile con barcode, lucida all'esterno e liscia all'interno, label custom bianca con pesce e grattacielo, scritte nere, piccolo logo Polydor in basso. Pubblicato nel novembre del 1984 dalla Polydor in Gran Bretagna, non uscito negli USA, il terzo ed ultimo album, successivo al secondo ''Rip it up'' (1982) ed al mini lp ''Texas fever'' (1984). E' un disco caratterizzato da avvolgenti arrangiamenti di tastiere che sostengono quelli chitarristici, piu' in evidenza e vicini al guitar pop britannico dell'epoca; e' anche un lavoro complessivamente meno eccentrico e piu' accessibile rispetto agli esordi della banda scozzese, e che si mantiene in equilibrio fra originalita' ed aperture al pop mainstream non banale. Gruppo scozzese formatosi nel 1977 (inizialmente come Nu-Sonics) ad opera di Edwyn Collins, gli Orange Juice furono una delle piu' importanti tra le band artefici del ritorno alla canzone pop chitarristica con influenze anni '60 che caratterizzo' la scena inglese nei primi anni '80 preparando il terreno ad Aztec Camera prima e Smiths dopo. I primi grezzi singoli della band (1980/81) preludono al sofisticatissimo pop dei loro album, il primo dei quali e' ''You can't hide your love forever''. Si sciolgono dopo l'uscita del terzo album del 1984; Collins intreprende quindi una lunga e prolifica carriera solista.
Euro
32,00
codice 330012
scheda
Orange juice Orange juice (the third album)
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1984  domino 
punk new wave
ristampa in vinile 180 grammi, corredata di coupon con codice per scaricare l' album in formato mp3, pressocche' identica alla prima ormai rara tiratura su Polydor (nella sua versione con copertina non apribile), corredata di inner sleeve. Pubblicato nel novembre del 1984 dalla Polydor in Gran Bretagna, non uscito negli USA, il terzo ed ultimo album, successivo al secondo ''Rip it up'' (1982) ed al mini lp ''Texas fever'' (1984). E' un disco caratterizzato da avvolgenti arrangiamenti di tastiere che sostengono quelli chitarristici, piu' in evidenza e vicini al guitar pop britannico dell'epoca; e' anche un lavoro complessivamente meno eccentrico e piu' accessibile rispetto agli esordi della banda scozzese, e che si mantiene in equilibrio fra originalita' ed aperture al pop mainstream non banale. Gruppo scozzese formatosi nel 1977 (inizialmente come Nu-Sonics) ad opera di Edwyn Collins, gli Orange Juice furono una delle piu' importanti tra le band artefici del ritorno alla canzone pop chitarristica con influenze anni '60 che caratterizzo' la scena inglese nei primi anni '80 preparando il terreno ad Aztec Camera prima e Smiths dopo. I primi grezzi singoli della band (1980/81) preludono al sofisticatissimo pop dei loro album, il primo dei quali e' ''You can't hide your love forever''. Si sciolgono dopo l'uscita del terzo album del 1984; Collins intreprende quindi una lunga e prolifica carriera solista.
Euro
23,00
codice 3009475
scheda
Orange juice Orange juice (the third album)
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1984  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima rara stampa inglese, nella ricercata versione limitata con copertina APRIBILE e CUSTOM LABEL, copertina apribile con barcode, lucida all'esterno e liscia all'interno, label custom bianca con pesce e grattacielo, scritte nere, piccolo logo Polydor in basso. Pubblicato nel novembre del 1984 dalla Polydor in Gran Bretagna, non uscito negli USA, il terzo ed ultimo album, successivo al secondo ''Rip it up'' (1982) ed al mini lp ''Texas fever'' (1984). E' un disco caratterizzato da avvolgenti arrangiamenti di tastiere che sostengono quelli chitarristici, piu' in evidenza e vicini al guitar pop britannico dell'epoca; e' anche un lavoro complessivamente meno eccentrico e piu' accessibile rispetto agli esordi della banda scozzese, e che si mantiene in equilibrio fra originalita' ed aperture al pop mainstream non banale. Gruppo scozzese formatosi nel 1977 (inizialmente come Nu-Sonics) ad opera di Edwyn Collins, gli Orange Juice furono una delle piu' importanti tra le band artefici del ritorno alla canzone pop chitarristica con influenze anni '60 che caratterizzo' la scena inglese nei primi anni '80 preparando il terreno ad Aztec Camera prima e Smiths dopo. I primi grezzi singoli della band (1980/81) preludono al sofisticatissimo pop dei loro album, il primo dei quali e' ''You can't hide your love forever''. Si sciolgono dopo l'uscita del terzo album del 1984; Collins intreprende quindi una lunga e prolifica carriera solista.
Euro
28,00
codice 318305
scheda
Orange juice Poor old soul pt 1 & 2
7" [edizione] originale  stereo  uk  1981  postcard 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
singolo in formato 7", l' originale rara stampa inglese, copertina in cartoncino nero con disegni colorati, con parte "die-cut" sagomata al centro, in corrispondenza dell' etichetta, con apertura per il disco in alto , con sagomatura sul retro per l' estrazione del vinile e flipback su due lati sempre sul retro, che riporta un estratto del catalogo della Postcard (che arriva fino al giugno 1981), etichetta custom rosa e rossa da un lato, rosa con disegni in nero dall' altro, foro al centro piccolo, catalogo Postcard 81 2. Pubblicato nel marzo del 1981, il quarto singolo del gruppo scozzese di Edwyn Collins; contiene due versioni dello stesso brano, magnificamente grezze, validissimo esempio dell' estroso guitar pop con forti influenze post punk del primo corso creativo della band, che in questo caso ricorda da vicino certi Monochrome Set; una delle due versini comparira' nel 1984 sull' album antologico "In a Nuthshell". Gruppo scozzese formatosi nel 1977 (inizialmente come Nu-Sonics) ad opera di Edwyn Collins, gli Orange Juice furono una delle piu' importanti tra le band artefici del ritorno alla canzone pop chitarristica con influenze anni '60 che caratterizzo' la scena inglese nei primi anni '80 preparando il terreno ad Aztec Camera prima e Smiths dopo. I primi grezzi singoli della band (1980/81) preludono al sofisticatissimo pop dei loro album, il primo dei quali e' ''You can't hide your love forever''. Si sciolgono dopo l'uscita del terzo album del 1984; Collins intreprende quindi una lunga e prolifica carriera solista.
Euro
18,00
codice 252102
scheda
Orange juice texas forever (Six songs by...)
lpm [edizione] nuovo  stereo  uk  1984  domino 
punk new wave
ristampa in vinile 180 grammi, corredata di coupon con codice per scaricare l' album in formato mp3, pressocche' identica alla prima ormai rara tiratura su Polydor. Il minialbum uscito nel marzo 1984, tra il secondo album "Rip It Up" ed il terzo "Orange Juice", con sei brani altrimenti inediti ("Bridge", uscita anche su singolo, "Craziest Feeling", "Punch Drunk", "The Day I Went Down To Texas", "A Place In My Heart" e "A Sad Lament"). Piuttosto lontano dall' approccio talora grezzo ed underground dei lor primi singoli su Postcard, ormai da un paio di anni accasatosi presso la Polydor, il gruppo di Edwin Collins si produce in una miniraccolta di raffinato guitar pop, che non manca di rivelare il purissimo e personalissimo talento compositivo di Edwyn Collins. Gruppo scozzese formatosi nel 1977 (inizialmente come Nu-Sonics) ad opera di Edwyn Collins, gli Orange Juice furono una delle piu' importanti tra le band artefici del ritorno alla canzone pop chitarristica con influenze anni '60 che caratterizzo' la scena
Euro
23,00
codice 3009473
scheda
Orange juice / dire straits Flesh of my flesh / twisting by the pool (dee jay's gang promo)
12" [edizione] promozionale  stereo  ita  1983  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia ancora incellophanata, stampa solo promozionale, pressata in 2000 copie numerate sull'adesivo apposto sul fronte copertina (questo esemplare il numero 0695), copertina con logo Dee Jay's Gang, lucida fronte retro, senza barcode, con sagomatura centrale e con vinile estraibile dall'alto, label bianca con scritte nere, logo Polydor nero in alto, scritta ''AB mix promozionale'' in alto a sinistra, catalogo 5001 623. Realizzato nel 1983 dalla Polydor per la Dee Jay's Gang di DeeJay Television, questo 12'' contiene due brani editi di due diverse band: sulla prima facciata ascoltiamo ''Flesh of my flesh'' degli scozzesi Orange Juice, brano tratto dal loro album ''Rip it up'' del 1982, mentre sulla seconda trova posto il brano ''Twisting by the pool'' dei celeberrimi Dire Straits, canzone inedita su album, tratta dall'ep ''ExtendedancEPlay'', uscito all'inizio del 1983. Gruppo scozzese formatosi nel 1977 (inizialmente come Nu-Sonics) ad opera di Edwyn Collins, gli Orange Juice furono una delle più importanti tra le band artefici del ritorno alla canzone pop chitarristica con influenze anni '60 che caratterizzò la scena inglese nei primi anni '80, preparando il terreno ad Aztec Camera prima e Smiths dopo. I primi grezzi singoli della band (1980/81) preludono al sofisticatissimo pop dei loro album, il primo dei quali è ''You can't hide your love forever''. Si sciolgono dopo l'uscita del terzo album del 1984; Collins intreprende quindi una lunga e prolifica carriera solista.
Euro
16,00
codice 330762
scheda
Orange peel orange peel
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  long hair 
rock 60-70
ristampa in vinile pesante con copertina lucida apribile, l'unico raro album del gruppo hard prog tedesco, uscito originariamente nel 1970 su etichetta Bellaphon, che vedeva in formazione il batterista e percussionista Curt Cress (quest'ultimo comincia la sua lunga ed impressionante carriera musicale nel 1969, appena diciassettenne, registrando proprio con gli altri Orange Peel nei Dierks studios, successivamente entrera' a far parte di Emergency, Passport, Atlantis e altre bands). si tratta di uno dei primi esempi di musica progressiva tedesca, con brani fondamentalmente strumentali, con organo in evidenza, belle chitarre e ritmica impeccabile. riferimenti a Atomic Rooster, Deep Purple.
Euro
29,00
codice 2109080
scheda
Orange peels orange peels
lp [edizione] nuovo  mono  sve  1962  mystic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Rara ristampa del 2000, realizzata dalla svedese Mystic in sole 500 copie, copertina senza barcode, pressoche' identica alla prima rarissima tiratura. Per la prima volta ristampato, l' unico incredibilmente raro ed oscuro album realizzato dal gruppo del New Jersey, stampato in poche copie su etichetta Wight Audio nel 1962 (anche se alcune fonti, erroneamente, lo riportano come uscito intorno al 1965), in sostanza mai visto in vendita se non in aste collezionistiche private. Grezzo ed amatoriale, in gran parte strumentale, si tratta di un disco che possiede un rilevante peso storico, tra surf music e frat rock, ad anticipare, gia' prima dell' avvento della "british invasion", uno slancio visceralmente rock'n'roll che portera' poi alla nascita della scena garage americana. Registrato in assoluta poverta' di mezzi, primitivo e cavernoso, tra episodi suonati con un approccio gia' spiccatamente garagey, ed altri ispirati al "twangy rock" di Duene Eddy, con covers di brani noti come "Apache", "Runaway", "Honky Tonk", e qualche brano originale. Un reperto archeologico.
Euro
28,00
codice 247554
scheda
Orange revival Black smoke rising (reissue)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2011  fuzz club 
indie 2000
ristampa limitata a 500 copie edita nel 2017 in vinile bianco, copertina apribile lucida, etichette custom. Originariamente auto prodotto dalla band nel 2011, il debutto del gruppo svedese, piacevole riscoperta di un disco di canzoni jingle-jangle psichedeliche con influenze Stonesiane, Brian Jonestown massacre, Spacemen 3.
Euro
26,00
codice 2067222
scheda
Sagentoeter Prayers to othinn
Lp [edizione] nuovo  stereo  ost  2005  ahnstern 
indie 2000
Edizione limitata a 500 copie, copertina aperta su tre lati, senza codice a barre e con artwork e crediti anche nella parte interna, label bianca e grigia con scritte nere e nome gruppo stilizzato in grigio, catalogo AHNSTERN14. Pubblicato nel 2005 dalla austriaca Ahnstern, il primo e finora unico album di questo progetto che vede coinvolti membri dei Riharc Smiles (fra cui lo stesso Riharc), gruppo dedito a sonorita' neo folk medievaleggianti. Questi Sagentoeter si ispirano in ''Prayers to othinn'' alle saghe ed ai miti dell'antica cultura nordica europea, e danno luogo a brani in gran parte acustici, immersi in atmosfere brumose e vicini a tratti ai primi Comus, ma piu' raccolti e meno stridenti rispetto ad essi. Il gruppo fa uso di strumenti quali flauti, hurdy-gurdy, nyckelharpa, cornamusa fiamminga e percussioni a mano, che avvicinano l'album al versante apparentemente piu' vicino alla tradizione nell'area neo-folk.
Euro
16,00
codice 3505766
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Agent orange":


altri autori contnenti le parole cercate: