Hai cercato:  immessi ultimi 90 giorni --- Titoli trovati: : 2629
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Vaughan stevie ray couldn't stand the weather (2lp)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1984  music on vinyl 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, ampliata a doppio album con l' inserimento di ben undici tracce in piu' rispetto alla prima tiratura su Epic (i brani Empty Arms / Come On (Pt. III) (E. King) / Look At Little Sister (Hank Ballard) / The Sky Is Crying (C. Lewis, E. James, M. Robinson) / Hide Away (F. King, S. Thompson) / Give Me Back My Wig (cover da T. R. Taylor) / Boot Hill (traditional) / Wham! (cover da Lonnie Mack) / Close To You (cover da Willie Dixon) /Little Wing (cover di Hendrix) / Stang's Swang (Alternate Take), etichetta Epic blu. Pubblicato in Usa nel giugno del 1984 dopo ''Texas flood'' e prima di ''Soul to soul'', giunto al numero 31 delle classifiche americane e non entrato in quelle inglesi, il secondo album. Uno dei caplavori assoluti del blues elettrico e chitarristico americano degli anni '80, contiene la straordinaria rilettura della hendrixiana ''Voodoo Chile'', l' hit ''Cold shot'', ed altri brani considerati dei classici del repertorio di Vaughan come ''Thinghs that i used to do'', "Couldn't stand the weather'', o ancora le strumentali ''Stang swang'' e "Scuttle Buttin' ". Nato a Dallas in Texas nel 1955, Vaughan e' considerato il piu' grande chitarrista degli anni '80, con uno stile che ricorda Albert King, Hendrix ed il blues classico; con il suo gruppo, i Double Trouble, registra 5 albums e svariati live prima della morte avvenuta il 27 agosto 1990 nella caduta dell' elicottero che lo portava a Chicago.
Euro
37,00
codice 2125850
scheda
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1989  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, copertina pressoche' identica a quella della prima rara tiratura su Epic. Pubblicato in Usa nel luglio del 1989 prima di ''Family style'' e dopo ''Live Alive'', giunto al numero 33 delle classifiche Usa e al numero 63 di quelle Uk. Il quinto album del grande chitarrista texano di Dallas attivo dai primi anni '70, realizzato con i fidi Double Trouble che vedevano all' opera al basso Tommy Shannon, gia' con Johnny Winter. Stevie Ray Vaughan era sempre stato un chitarrsita eccelso, ma prima di "In Step", le sue composizioni non erano all' altezza della tecnica, in questo album invece il chitarrista riesce a fondere in uno stile personale blues, soul e rock e questa volta le covers sono inferiori agli originali scritti con Doyle Bramhall, album splendidamente e pienamente realizzato, presenta e riscrive ogni faccia della complessa personalita' di Vaughan e solo la morte che avverra' un anno piu' tardi impedira' al geniale musicista di divenire uno dei piu' grandi personaggi del rock contemporaneo. Con i Double Trouble registro' 5 albums e svariati live prima della morte il 27 agosto 1990 nella caduta dell'elicottero che lo portava a Chicago.
Euro
29,00
codice 2126923
scheda
Vaughan stevie ray music city usa - austin broadcast 1984
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1984  parachute 
rock 60-70
doppio album realizzato nel 2023, copertina apribile. Contiene la testimonianza quasi integrale (quattordici brani su quindici) del concerto eseguito dal grande chitarrista texano (morto il 27 agosto 1990 nella caduta di un elicottero che lo portava a Chicago), con i suoi Double Trouble, il 15 aprile del 1984 all' Austin Opry House di Austin, Texas, concerto caratterizzato da una splendida qualita' di registrazione, degna di un live album ufficiale, tra il primo album "Texas Flood" ed il secondo album "Couldn't stand the weather". Questa la scaletta: A1 Testify A2 Voodoo Child (Slight Return) A3 Honey Bee B1 Mary Had A Little Lamb B2 Tin Pan Alley B3 Pride And Joy C1 Texas Flood C2 Band Introduction C3 Cold Shot C4 The Things (That) I Used To Do D1 Couldn’t Stand The Weather D2 Stang’s Swang D3 Testify D4 Band Introductions D5 Rude Mood D6 Scuttle Buttin’.
Euro
33,00
codice 2124648
scheda
Vaughan stevie ray and friends solos, sessions and encores (ltd. blue vinyl)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1980  music on vinyl 
rock 60-70
Doppio album in vinile 180 grammi, EDIZIONE LIMITATA DI 2500 COPIE, NUMERATE SUL RETRO, IN VINILE BLU TRASPARENTE, adesivo di presentazione sul cellophane, corredata di inserto. Per la prima volta in vinile in questa edizione, ma gia' pubblicato in cd nel 2007, accreditato a Stevie Vaughan & Friends, questo album contiene quattordici brani registrati nel corso della carriera del grande chitarrista texano insieme ad altri grandi musicisti, in varie occasioni, dal vivo ed in studio. Questa la lista completa dei brani: A1 Stevie Ray Vaughan With Albert King, B.B. King And Paul Butterfield "The Sky Is Crying" [Live], Marcia Ball "Soulful Dress", Johnny Copeland "Don't Stop By The Creek, Son", A.C. Reed "Miami Strut", Bill Carter "Na-Na-Ne-Na-Nay", Stevie Ray Vaughan With Jeff Beck "Going Down" [Live], Stevie Ray Vaughan With Lonnie Mack "Oreo Cookie Blues" [Live], Stevie Ray Vaughan With Katie Webster "On The Run" [Live], Stevie Ray Vaughan With Albert Collins "Albert's Shuffle" [Live], Stevie Ray Vaughan With Jimmie Vaughan "Change It" [Live], Lou Ann Barton "You Can Have My Husband", Stevie Ray Vaughan With Bonnie Raitt "Texas Flood" [Live], Stevie Ray Vaughan With Dick Dale "Pipeline", David Bowie "Let's Dance".
Euro
45,00
codice 3033274
scheda
Vecchioni Roberto L'Uomo Che Si Gioca Il Cielo A Dadi (ltd. blue vinyl, rsd 2023)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  warner music 
cantautori
EDIZIONE LIMITATA E NUMERATA SUL RETROCOPERTINA, IN VINILE 180 GRAMMI DI COLORE BLU TRASPARENTE, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL BLACK FRIDAY RECORD STORE DAY DEL NOVEMBRE 2023, e del 50esimo anniversario dall' uscita originaria, ristampa con copertina non apribile. Pubblicato in Italia nel marzo del 1973 dopo ''Saldi Di Fine Stagione'' e prima di '' Il Re Non Si Diverte'', il terzo album. Si tratta di una raccolta, che pero' contiene pero' tre brani inediti su album: ''L'Uomo Che Si Gioca Il Cielo A Dadi'' che fu presentata a San Remo nel 1973 e quindi pubblicata su singolo, la sua b-side "Sono solamente stanco da morire" e l' assolutamente inedita "Il fiume e il salice"; inoltre e' presente "La tua Assenza", presente solo nelle prime stampe del secondo album "Saldi di fine stagione" ma poi sostituita. Contiene i seguenti brani: "L'Uomo che si gioca il cielo a dadi" (singolo, 1973), "Luci a San Siro" (dal primo album "Parabole" del 1971), "Sono solamente stanco da morire" (b-side del singolo gia' citato), "I pazzi sono fuori" (dal secondo album "Saldi di fine stagione" del 1972), "Povero ragazzo" (dal primo album), "Il fiume e il salice" (inedita), "La tua assenza" (dal secondo album), "Io non devo andare in via Ferrante Aporti" (dal primo album), "Archeologia" (dal secondo album), "Fratelli ?" (dal secondo album).
Euro
31,00
codice 3033196
scheda
Vega alan (suicide) Saturn strip (yellow vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1983  real gone / elektra 
punk new wave
Ristampa del 2022, edizione limitata di sole 300 copie, in VINILE GIALLO, copertina senza barcode pressoche' identica alla prima tiratura. Pubblicato nel settembre del 1983 dalla Elektra negli USA ed in Gran Bretagna, il terzo album solista del newyorkese Alan Vega, messi per qualche anno da parte i Suicide. In questo lavoro bellissimo e da molti sottovalutato Vega utilizzera' prosegue il discorso intrapreso dai precedenti "Alan Vega" (1981) e "Collision Drive" (1982), approdando cosi' ad una impenetrabile e glaciale fusione di elettronica e rockabilly ("Video Babe", "Saturn Strip"), naturalmente con tracce neppure troppo velate delle devianze metropolitane allucinate ("American Dreamer") di cui i Suicide erano stati geniali maestri, cogliendo l' eredita' dei primi Velvet Underground sin dai primi anni '70, quando iniziarono a calcare i palchi dei pochi locali newyorkesi tanto coraggiosi da ospitarli. Registrato a Boston tra il novembre ed il dicembre del 1982, prodotto da Ric Ocasek dei Cars che vi suona anche le tastiere in gran parte dei brani, e la chitarra in "Wipeout Beat" (nello stesso periodo impegnato anche a produrre il magnifico "Rock for Light" dei Bad Brains), l'album lo riconcilia con il pubblico, perdendo solo in superfice la grinta luciferina che lo aveva sempre contraddistinto. Anche se ermetico e gotico, lo stile di Alan Vega rimane il piu' autentico discendente dei deliri dei Suicide, autori di agghiaccianti incubi metropolitani in salsa elettro-punk, capaci di creare un sound tra i piu' innovativi dell'intera new wave, gettando le basi per quasi tutto il rock di matrice elettronica delle generazioni successive.
Euro
28,00
codice 3033141
scheda
Veloso caetano Araca Azul (clear vinyl)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  lilith 
rock 60-70
Ristampa in vinile chiaro, limitata in 500 copie, copertina senza barcode non apribile. Pubblicato nel 1972, dopo "Transa" (1972) e prima di "Qualquer Coisa", "Araca Azul" segna la fine della prima fase artistica del grande artista brasiliano, quella legata alla nuova scena pop ed al movimento Tropicalia; opera unica nella sua discografia, e' questo anche il piu' sperimentale e difficile lavoro che Veloso abbia mai pubblicato, molto diverso dai suoi primi albums ma anche da quelli successivi. All' epoca della sua uscita la critica brasiliana accolse con entusiasmo l' opera, mentre il pubblico ne fu totalmente spiazzato, tanto che nella prima settimana di distribuzione la maggior parte delle copie acquistate furono riportate indietro nei negozi. Nell' album figurano brani quali "De Conversa", senza melodia ne' testo, la stranissima "Gilberto Misterioso", la psichedelia punk di "Eu Quero Essa Mulher", le delicate e sognanti "Julia / Moreno" e "Tu Me Acostumbraste", cantata quest' ultima in spagnolo; proprio queste due canzoni danno un' idea del suono che Veloso costruira' nei '70. Un disco eccezionale, completamente ''diverso'' e vicino alle pagine piu' estreme della musica europea tedesca o al progressive inglese piu' avant garde.
Euro
28,00
codice 3033761
scheda
Velvet underground andy warhol's factory broadcast - new york city 1966
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1966  mind control 
rock 60-70
doppio album, edizione limitata di 500 copie; ristampa della pubblicazione private press data alle stampe dalla stessa Mind Control nel 2019, questo album e' caratterizzato dallo stesso contenuto del doppio "New york rehearsal 1966 - the factory broadcasts" uscito su Parachute sempre nel 2019. Contiene sedici preziosi brani registrati in tre differenti occasioni tra il gennaio ed il marzo 1966 (assai prima quindi dell' uscita del primo epocale album "The Velvet Underground & Nico", pubblicato nel marzo del 1967) dalla fondamentale band newyorkese. I primi 11 brani ("Walk Alone", "Venus In Furs/Crackin' Up", "Rhythm & Blues Instrumental", "Run Run Run/Miss Joanie Lee", "Day Tripper/Boom Boom", "Rockabilly Instrumental", "Blues Instrumental", "Heroin", "There She Goes Again", "Green Onions", "There She Goes Again") sono prove registrate il 3 gennaio del 1966 presso la Factory di Andy Warhol, "Heroin", "I'll Keep It With Mine" e "European Son" sono registrate all' Up-tight, The Cinematheque, di New York City, il 6 febbraio del 1966, "Get It On Time" e "I'll Be Your Mirror" sono prove registrate alla Factory di Warhol in preparazione del "The Exploding plastic Inevitable tour", il 7 marzo 1966.
Euro
25,00
codice 3033657
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  Cotillion / atlantic 
rock 60-70
ristampa con copertina pressoche' identica alla prima tiratura del 1970. Pubblicato in USA nell' Agosto del 1970 e non entrato nelle classifiche USA ne' in quelle UK dove venne pubblicato nell' Aprile del 1971. Il quarto album. L' ultimo lavoro dei Velvet, che chiudono qui la loro carriera ''storica'' congedandosi con alcuni classici del calibro di "Who Loves The Sun", ''Sweet Jane'' e ''Rock'n'roll''; il disco fu registrato con Doug Yule, Sterling Morrison e Lou Reed (mentre Moe Tucker, per quanto accreditata, non fu presente alle sessions, all' epoca in dolce attesa, sostituita in parte da Yule), con la produzione di Geoffrey Haslam e Shel Kagan. "Loaded" presenta una band meno oscura ed alle prese con brani piu' vicini a quelli del primo Lou Reed solista, e' anche il primo lavoro su una vera major, la Atlantic / Cotillon, dopo i primi tre su Verve, etichetta specializzata in jazz e, dopo che a Lou Reed sara' vietato di parlare di droghe e sesso nelle canzoni, sara' anche il primo ad avere un certo impatto sulle radio americane. Un ruolo piu' importante di quanto non sia generalmente ritenuto lo ha nelle registrazioni del disco Doug Yule, che oltre a suonare il basso canta in quattro brani ("Who Loves the Sun", "New Age", "Lonesome Cowboy Bill" e "Oh! Sweet Nuthin'"), e suona anche il piano e le tastiere e varie parti di chitarra, tra cui diversi assolo. Album denso ma anche piu' accessibile, nasce in un momento in cui le tensioni interne stanno distruggendo il gruppo; Lou Reed lascia infatti prima che il disco esca e questo fa si' che anche questa ultima opportunita' che la band avra' prima dello scioglimento non trovi, al solito, molto riscontro commerciale.
Euro
29,00
codice 2125406
scheda
Velvet underground unripened (1st lp in original form)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1966  xtv 
rock 60-70
ristampa, in vinile verde, copertina in cartoncino lucido con banana verde, etichette nere con scritte bianche, dell' album uscito in forma privata nel 2007, e solo successivamente (nel 2012) pubblicato anche ufficialmente con il titolo "Scepter Studio Session" (con copertina diversa). Questo album costituisce un vero e proprio straordinario pezzo di storia della nostra musica, contenendo i brani, registrati a New York in quattro giorni della fine dell' aprile del 1966 nello Scepter Studio's, con la produzione di Andy Warhol, che furono proposti alla Columbia per la pubblicazione del primo album della band "The Velvet Underground & Nico" ma vennero rifiutati per il loro contenuto troppo estremo e quindi approdarono alla Verve / Mgm che richiese al gruppo pero' di riregistrare parte del materiale (cosa che venne fatta a Los Angeles con la produzione di Tom Wilson) e remixare i rimanenti brani, per quello che sara' l' album forse piu' importante della storia del rock, e che vedra' anche l' aggiunta, rispetto a questo qui presentato nella sua forma originaria, di due brani, "Sunday Morning" e "There She Goes Again", che contribuirono non poco a rendere piu' potabile il risultato finale. Ecco allora il contenuto di questo disco, il cui ascolto quindi, sia per le versioni diverse dei brani e la loro diversa disposizione, sia per l' assenza dei due episodi citati, costituisce una esperienza di ascolto piuttosto diversa da quella dell' album come sara' nella sua forma definitiva. "European Son" (uno dei brani poi completamente rieseguiti, qui' assai piu' lunga ed ancora piu' stravolta), "The Black Angel's Death Song" (con il suo primitivo mixaggio), "All Tomorrow's Parties" (nel suo mix originario), "I'll Be Your Mirror" (il mix originario, con meno echo sulla voce di Nico e le backing vocals meno in evidenza), "Heroin" (in una versione assai diversa da quella dell' album, con sostanziali differenze nella chitarra e nella parte vocale, con parte del testo addirittura poi cambiato), "Femme Fatale" (mix originario con la parte ritmica piu' accentuata e le backing vocals piu' in evidenza), "Venus in Furs" (in una versione poi assai cambiata, molto piu' basata sulla viola di John Cale rispetto a quella ri-registrata), "I'm Waiting for the Man" (una versione completamente diversa, senza batteria, le parti vocali e parte del testo assai diversi, ed un assolo di chitarra dagli accenti marcatamente blues), "Run Run Run" (in un mix poi cambiato).
Euro
23,00
codice 2125921
scheda
Velvet underground Velvet underground and nico (banana sticker + 1 track)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  vinyl lovers 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi, pressoche' identica alla prima tiratura uscita nel 1967 su Verve, copertina in cartoncino lucido, apribile, COMPLETA DELLA ORIGINARIA BANANA GIALLA ADESIVA STACCABILE, con il retrocopertina nella versione "definitiva" con la foto del gruppo sul retro con l' originario torso maschile capovolto oscurato (caratterizzava solo le primissime copie del disco) per il veto della persona inconsapevolmente ritratta), senza codice a barre, e con il meraviglioso brano "Chelsea Girl" aggiunto in questa edizione, scritto dai Velvet Lou Reed e Sterling Morrison e registrato poco dopo le sessions dell' album con John Cale alla viola e Nico alla voce, incluso presto nel primo album "Chelsea Girl" di Nico stessa. Pubblicato negli USA dalla Verve all'inizio del 1967, giunto solo al 171ø posto in classifica negli Stati Uniti, questo e' l'epocale album d'esordio del gruppo di New York, la cui edizione originale e' valutata attorno ai 600/700 euro (con la versione mono piu' quotata rispetto a quella stereo) se la mitica banana adesiva sulla copertina e' ancora integra. Uno dei dischi piu' belli ed importanti della storia del rock e non solo, "The Velvet Underground & Nico" venne prodotto in larga parte da Andy Warhol, che ne disegno' anche la copertina, ed in parte da Tom Wilson. Uscito in piena epoca flower power, il disco si pose subito in scioccante contrasto sia con gli ideali di pace ed amore professati dagli Hippies che con il decoro puritano della cultura americana ufficiale: i brani trattano di perversioni sessuali, tossicodipendenza ed in generale della vita dissoluta nelle grandi metropoli statunitensi. Musicalmente l'album fu altrettanto rivoluzionario, con la scarna e minimale batteria di Maureen Tucker a scandire i tempi in modo quasi rituale (come in "Venus in furs"), la viola dissonante di John Cale che produceva un senso di estraniamento, la voce fredda e spietata di Lou Reed e quella misteriosa e fatale di Nico a cantare storie metropolitane vissute in qualche fumoso club ("Femme fatale") o sul marciapiede in attesa dello spacciatore ("I'm Waiting for the man"); il tutto condito da un approccio sonoro eclettico per quanto minimale che, partendo dallo splendido pop melodico di "Sunday morning", finiva con il rumore caotico di "European son". L'influenza dell'album, passato quasi inosservato all'epoca, sara' enorme nel corso dei decenni successivi sul punk, il post punk, il noise ed il rock psichedelico. Un disco essenziale in ogni collezione rock.
Euro
29,00
codice 2126132
scheda
Velvet underground Velvet underground and nico (original artwork verve)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  universal 
rock 60-70
bella ristampa in edizione pressoche' identica alla primissima tiratura del 1967, vinile 180 grammi, rimasterizzata dai masters originali, copertina apribile cartonata COMPLETA DELLA ORIGINARIA BANANA GIALLA ADESIVA STACCABILE, e con tanto di "TORSO COVER", ovvero la foto del gruppo sul retro con visibile un torso maschile capovolto sovrapposto con un montaggio, che caratterizzava solo le primissime copie del disco (su detta foto del gruppo del retro copertina un adesivo nero ando' a coprire il torso maschile capovolto, che venne cosi' censurato, in attesa di approntare una seconda stampa della copertina, per il veto della persona inconsapevolmente ritratta). Pubblicato negli USA dalla Verve all'inizio del 1967, giunto solo al 171ø posto in classifica negli Stati Uniti, questo e' l'epocale album d'esordio del gruppo di New York, la cui edizione originale e' valutata attorno ai 600/700 euro (con la versione mono piu' quotata rispetto a quella stereo) se la mitica banana adesiva sulla copertina e' ancora integra. Uno dei dischi piu' belli ed importanti della storia del rock e non solo, "The Velvet Underground & Nico" venne prodotto in larga parte da Andy Warhol, che ne disegno' anche la copertina, ed in parte da Tom Wilson. Uscito in piena epoca flower power, il disco si pose subito in scioccante contrasto sia con gli ideali di pace ed amore professati dagli Hippies che con il decoro puritano della cultura americana ufficiale: i brani trattano di perversioni sessuali, tossicodipendenza ed in generale della vita dissoluta nelle grandi metropoli statunitensi. Musicalmente l'album fu altrettanto rivoluzionario, con la scarna e minimale batteria di Maureen Tucker a scandire i tempi in modo quasi rituale (come in "Venus in furs"), la viola dissonante di John Cale che produceva un senso di estraniamento, la voce fredda e spietata di Lou Reed e quella misteriosa e fatale di Nico a cantare storie metropolitane vissute in qualche fumoso club ("Femme fatale") o sul marciapiede in attesa dello spacciatore ("I'm Waiting for the man"); il tutto condito da un approccio sonoro eclettico per quanto minimale che, partendo dallo splendido pop melodico di "Sunday morning", finiva con il rumore caotico di "European son". L'influenza dell'album, passato quasi inosservato all'epoca, sara' enorme nel corso dei decenni successivi sul punk, il post punk, il noise ed il rock psichedelico. Un disco essenziale in ogni collezione rock.
Euro
37,00
codice 3033636
scheda
Velvet underground Velvet underground and nico (original artwork)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  verve 
rock 60-70
bella ristampa in vinile 180 grammi, con copertina pressoche' identica alla primissima tiratura del 1967, apribile e COMPLETA DELLA ORIGINARIA BANANA GIALLA ADESIVA STACCABILE, e con tanto di "TORSO COVER", ovvero la foto del gruppo sul retro con visibile un torso maschile capovolto sovrapposto con un montaggio, che caratterizzava solo le primissime copie del disco (su detta foto del gruppo del retro copertina un adesivo nero ando' a coprire il torso maschile capovolto, che venne cosi' censurato, in attesa di approntare una seconda stampa della copertina, per il veto della persona inconsapevolmente ritratta). Pubblicato negli USA dalla Verve all'inizio del 1967, giunto solo al 171ø posto in classifica negli Stati Uniti, questo e' l'epocale album d'esordio del gruppo di New York, la cui edizione originale e' valutata attorno ai 600/700 euro (con la versione mono piu' quotata rispetto a quella stereo) se la mitica banana adesiva sulla copertina e' ancora integra. Uno dei dischi piu' belli ed importanti della storia del rock e non solo, "The Velvet Underground & Nico" venne prodotto in larga parte da Andy Warhol, che ne disegno' anche la copertina, ed in parte da Tom Wilson. Uscito in piena epoca flower power, il disco si pose subito in scioccante contrasto sia con gli ideali di pace ed amore professati dagli Hippies che con il decoro puritano della cultura americana ufficiale: i brani trattano di perversioni sessuali, tossicodipendenza ed in generale della vita dissoluta nelle grandi metropoli statunitensi. Musicalmente l'album fu altrettanto rivoluzionario, con la scarna e minimale batteria di Maureen Tucker a scandire i tempi in modo quasi rituale (come in "Venus in furs"), la viola dissonante di John Cale che produceva un senso di estraniamento, la voce fredda e spietata di Lou Reed e quella misteriosa e fatale di Nico a cantare storie metropolitane vissute in qualche fumoso club ("Femme fatale") o sul marciapiede in attesa dello spacciatore ("I'm Waiting for the man"); il tutto condito da un approccio sonoro eclettico per quanto minimale che, partendo dallo splendido pop melodico di "Sunday morning", finiva con il rumore caotico di "European son". L'influenza dell'album, passato quasi inosservato all'epoca, sara' enorme nel corso dei decenni successivi sul punk, il post punk, il noise ed il rock psichedelico. Un disco essenziale in ogni collezione rock.
Euro
36,00
codice 2126289
scheda
Velvet underground white light / white heat (+3 tracks)
Lp [edizione] nuovo  mono  eu  1967  vinyl lovers 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi, copertina pressoche' identica alla prima tiratura del '67, in cartoncino liscio senza barcode, con teschio visibile in controluce in basso a sinistra, ma con piccolo logo "Vinyl Lovers" in alto, senza codice a barre sul retro; tre brani aggiunti in questa edizione a quelli originari ("Stephanie Says", "Temptation Inside Your Heart" e "Hey Mr. Rain", registrate nell' ultima session in studio con John Cale in formazione, nel febbraio del 1968). Il secondo album, uscito dopo ''Velvet Underground & Nico'' e prima di ''The Velvet Underground", pubblicato negli Usa nel dicembre del 1967 e giunto al 199esimo posto della classifica americana, non entrato invece nella classifica inglese dove usci' nel giugno del 1968. Registrato in un unica session nel settembre del 1967, con un suono scarno, quasi proto punk, notturno e metropolitano, quasi improvvisando, senza piu' la musa ispiratrice Nico ed Andy Warhol, contiene brani assolutamente devastanti, tra cui le leggendarie ''Sister ray'', di 17 minuti, e 'White light white heat''. Opera per alcuni anche superiore, nella sua perversa carica (auto)distruttiva, al primo album, sara' influenza determinante per tutta la scena newyorkese del CBGB's della seconda meta' degli anni '70, certamente un esempio incredibile ed inarrivabile di come la musica, nel secolo trascorso, sia stata lo specchio fedele delle pulsioni e tensioni sociali ed artistiche, qui mirabilmente rappresentate nella raffigurazione sonora delle fredde e dure strade di New York, dove imperava l' eroina e non l' Lsd, lontanissime, non solo geograficamente, dalla assolata, ricca e psychedelica california degli studenti con i vestiti a fiori di Berkeley, all' epoca ancora in piena estate dell'amore. Un capolavoro colossale.
Euro
28,00
codice 3033588
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  sony / de agostini 
cantautori
ristampa del 2020, rimasterizzata ed in vinile 180 grammi, originariamente distribuita nel circuito delle edicole italiane nell' ambito della serie "Francesco De Gregori The Vinyl Collection", copertina apribile senza barcode, che riprende quella della prima rarissima tiratura dell' album originariamente uscito nel 1972 su IT con titolo '' Theorius Campus'', quindi ristampato su Rca a partire dal gennaio del 1974 con copertina rossa con titolo "Roma Capoccia" ed i due autori indicati sul fronte (i brani sono pero' gli stessi), poi ristampato molte volte anche con copertine diverse. Pubblicato in italia nel maggio del 1972, non entrato nelle classifiche italiane, il primo album. Contiene i seguenti brani: Ciao Uomo ( Venditti ), Signora Aquilone ( De Gregori ), La Cantina ( Venditti ), E' Caduto l'Inverno ( Venditti ), Dolce Signora Che Bruci ( De Gregori ), La casa Del Pazzo ( De Gregori ), Vocazione 1 e 1/2 ( Venditti / De Gregori ), L'Amore e' Come Il Tempo ( Venditti ), In Mezzo Alla Citta' ( Venditti / De Gregori ), Little Snoring Willy ( De Gregori ), Sora Rosa ( Venditti ). Nel Disco suonano: Antonello Venditti ( pianoforte ), Francesco De Gregori ( chitarra ), Giorgio Lo Cascio ( chitarra 12 corde ), Dave Summer ( chitarra elettrica ), Donald Meakin ( chitarra acustica ), Mick Brill ( basso elettrico ), Derek Wilson ( batteria ), Maurizio Giammarco ( flauto ); effetti spereciali di Paolo Dossena e Italo Greco. Prodotto da Italo Greco e Paolo Dossena. L' esordio di Francesco De Gregori e Antonello Venditti si presenta (nella sua veste originaria) con una copertina senza neanche i nomi dei cantautori ma solo con la raffigurazione della ''Ofelia'' capolavoro preraffaellita di Millais; il disco viene pubblicato nella Roma dei primi anni Settanta. De Gregori, appena sedicenne, approda al Folkstudio, presentato dal fratello maggiore Luigi, anche lui musicista. Nel piccolo locale di Trastevere esordisce come interprete. Qui incontra altri giovani cantautori: Mimmo Locasciulli, Stefano Rosso, Giorgio Lo Cascio, Ernesto Bassignano, Paolo Pietrangeli, Mario Schiano e Marcello Melis. E soprattutto Antonello Venditti. con cui nasce il sodalizio artistico che dara' vita a questo primo album, Theorius Campus, che e' infatti inciso a quattro mani. Opera seminale non solo per la futura 'scuola romana'. De Gregori suona la chitarra, Venditti il pianoforte. I loro stili sono diversi, Uno e' introverso, discreto; l' altro piu' aperto. Nelle parole di Giorgio Lo Cascio la genesi del progetto: "Francesco e Antonello avevano composto insieme un paio di canzoni in Ungheria; realizzare un solo disco era meno oneroso che realizzarne due. Nacque cos￾ Theorius Campus". Prodotto nel 1971 da Italo (Lilly) Greco e Paolo Dossena, i brani co-firmati sono due, "Vocazione 1" e "In mezzo alla citta'". La coppia canta insieme anche "Dolce signora che bruci". Il disco vende poco, ma la It insiste e produce l' anno successivo ''Alice non lo sa'' del solo De Gregori. "Theorius Campus" e' l' archetipo della nuova musica italiana, qui i due esordiscono e si presentano. Venditti e' piu' maturo, gia' capace di scrivere brani che faranno scuola, "Roma Capoccia" ne e' l'esempio piu' evidente, ma anche "Sora Rosa" e' brano da ricordare; De Gregori e' piu' inquieto e il suo stile ancora non ben definito, accanto alle straordinarie "Signora Aquilone" e "La Casa Del Pazzo", vi sono la oscura "Vocazione 1 e 1/2" e soprattutto il folk-beat cantato in Inglese di "Little Snoring Willy", ma i momenti piu' ineressanti si hanno quando i due non si limitano a suonare l' uno per l'altro ma cantano i pezzi assieme , in "Dolce signora che bruci" e "In mezzo alla citta' ". Un album straordinariamente importante, innovativo ed anche davvero bello.
Euro
18,00
codice 2127013
scheda
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1972  sony / de agostini 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent cantautori
Copia ancora incellophanata, ristampa del 2020, rimasterizzata ed in vinile 180 grammi, originariamente distribuita nel circuito delle edicole italiane nell' ambito della serie "Francesco De Gregori The Vinyl Collection", copertina apribile senza barcode, che riprende quella della prima rarissima tiratura dell' album originariamente uscito nel 1972 su IT con titolo '' Theorius Campus'', quindi ristampato su Rca a partire dal gennaio del 1974 con copertina rossa con titolo "Roma Capoccia" ed i due autori indicati sul fronte (i brani sono pero' gli stessi), poi ristampato molte volte anche con copertine diverse. Pubblicato in italia nel maggio del 1972, non entrato nelle classifiche italiane, il primo album. Contiene i seguenti brani: Ciao Uomo ( Venditti ), Signora Aquilone ( De Gregori ), La Cantina ( Venditti ), E' Caduto l'Inverno ( Venditti ), Dolce Signora Che Bruci ( De Gregori ), La casa Del Pazzo ( De Gregori ), Vocazione 1 e 1/2 ( Venditti / De Gregori ), L'Amore e' Come Il Tempo ( Venditti ), In Mezzo Alla Citta' ( Venditti / De Gregori ), Little Snoring Willy ( De Gregori ), Sora Rosa ( Venditti ). Nel Disco suonano: Antonello Venditti ( pianoforte ), Francesco De Gregori ( chitarra ), Giorgio Lo Cascio ( chitarra 12 corde ), Dave Summer ( chitarra elettrica ), Donald Meakin ( chitarra acustica ), Mick Brill ( basso elettrico ), Derek Wilson ( batteria ), Maurizio Giammarco ( flauto ); effetti spereciali di Paolo Dossena e Italo Greco. Prodotto da Italo Greco e Paolo Dossena. L' esordio di Francesco De Gregori e Antonello Venditti si presenta (nella sua veste originaria) con una copertina senza neanche i nomi dei cantautori ma solo con la raffigurazione della ''Ofelia'' capolavoro preraffaellita di Millais; il disco viene pubblicato nella Roma dei primi anni Settanta. De Gregori, appena sedicenne, approda al Folkstudio, presentato dal fratello maggiore Luigi, anche lui musicista. Nel piccolo locale di Trastevere esordisce come interprete. Qui incontra altri giovani cantautori: Mimmo Locasciulli, Stefano Rosso, Giorgio Lo Cascio, Ernesto Bassignano, Paolo Pietrangeli, Mario Schiano e Marcello Melis. E soprattutto Antonello Venditti. con cui nasce il sodalizio artistico che dara' vita a questo primo album, Theorius Campus, che e' infatti inciso a quattro mani. Opera seminale non solo per la futura 'scuola romana'. De Gregori suona la chitarra, Venditti il pianoforte. I loro stili sono diversi, Uno e' introverso, discreto; l' altro piu' aperto. Nelle parole di Giorgio Lo Cascio la genesi del progetto: "Francesco e Antonello avevano composto insieme un paio di canzoni in Ungheria; realizzare un solo disco era meno oneroso che realizzarne due. Nacque cos￾ Theorius Campus". Prodotto nel 1971 da Italo (Lilly) Greco e Paolo Dossena, i brani co-firmati sono due, "Vocazione 1" e "In mezzo alla citta'". La coppia canta insieme anche "Dolce signora che bruci". Il disco vende poco, ma la It insiste e produce l' anno successivo ''Alice non lo sa'' del solo De Gregori. "Theorius Campus" e' l' archetipo della nuova musica italiana, qui i due esordiscono e si presentano. Venditti e' piu' maturo, gia' capace di scrivere brani che faranno scuola, "Roma Capoccia" ne e' l'esempio piu' evidente, ma anche "Sora Rosa" e' brano da ricordare; De Gregori e' piu' inquieto e il suo stile ancora non ben definito, accanto alle straordinarie "Signora Aquilone" e "La Casa Del Pazzo", vi sono la oscura "Vocazione 1 e 1/2" e soprattutto il folk-beat cantato in Inglese di "Little Snoring Willy", ma i momenti piu' ineressanti si hanno quando i due non si limitano a suonare l' uno per l'altro ma cantano i pezzi assieme , in "Dolce signora che bruci" e "In mezzo alla citta' ". Un album straordinariamente importante, innovativo ed anche davvero bello.
Euro
18,00
codice 259982
scheda
Venom black metal (ltd. 40th anniversary ed. silver and black vinyl)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1982  sanctuary / bmg 
heavy metal
ristampa del 2022, edizione limitata, realizzata in occasione del 40esimo anniversario dall' uscita originaria del disco, con vinile nero ed argenrto, e nome del gruppo in caratteri "embossed" in rilievo in basso sul fronte, nero su nero, proprio come la prima rara tiratura, e completa di inserto/poster apribile in due parti e di inner sleeve. Inserito nella lista dei 100 migliori dischi della New Wave of British Heavy Metal pubblicata dalla Tsunami Edizioni. Il secondo storico album, uscito dopo "Welcome to Hell" e prima di "At War With Satan", pubblicato originariamente per la Neat in Uk, della black e thrash metal band inglese formata a Newcastle nel '79 da Cronos (Conrad Lant), Mantas (Jeff Dunn) e Abaddon (Tony Bray). Il gruppo che molti appassionati considerano l'iniziatore della scena metal estrema all'inizio degli anni '80. I Venom hanno preceduto anche i Metallica, il cui album di debutto del 1983, "Kill 'Em All", deve molto alle loro prime incisioni. Hanno inoltre avviato due generi musicali: i loro brani veloci e basati sul blues hanno formato le basi per un approccio di tipo "thrash", mentre questo loro secondo album, come da titolo, ha dato origine e sostegno al "black metal" di stampo satanico. Memorabili i loro concerti dal vivo che hanno visto persino i Metallica come supporto nel primissimo Seven Dates Of Hell Tour.
Euro
23,00
codice 3033334
scheda
Venom Sons of satan - rare and unreleased
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  bmg 
heavy metal
Vinile doppio, copertina apribile, label custom in bianco e nero con artwork esoterico e design diverso sulla prima facciata di ciascun vinile rispetto alla seconda, catalogo BMGCAT665DLP. Pubblicata nel 2020 dalla BMG, questa antologia compila registrazioni di prova ed i primi demo dei Venom, registrati fra il 1979 ed il 1983. La qualità sonora è decisamente grezza in queste registrazioni, ma ciò non impedisce l'emergere dell'estremismo sonico, della ferocia e dell'attitudine decisamente underground della band in quei primi fatidici anni di attività; un sound primitivo ma cattivissimo, in cui il punk ed una vena rock'n'roll motorheadiana vanno talora a braccetto con il metal. Questa la scaletta: "Angel Dust (Church Hall Rehearsals 1979)", "Buried Alive (Church Hall Rehearsals 1979), "Raise The Dead (Church Hall Rehearsals 1979)", "Red Light Fever (Church Hall Rehearsals 1979)", "Venom (Church Hall Rehearsals 1979)", "Sons Of Satan (1980 Impulse Studios - £50 Demo Recordings)", "In League (1980 Impulse Studios - £50 Demo Recordings)", "Angel Dust (1980 Impulse Studios - £50 Demo Recordings)", "Live Like An Angel (1980 Impulse Studios - £50 Demo Recordings)", "Schizo (1980 Impulse Studios - £50 Demo Recordings)", "Venom (1980 Impulse Studios - £50 Demo Recordings)", "Angel Dust (Impulse Studio Demo Session 1980)", "Raise The Dead (Impulse Studio Demo Session 1980)", "Red Light Fever (Impulse Studio Demo Session 1980)", "At War With Satan (1983 Impulse Studio 2 - At War Demos)". Questa black e thrash metal band inglese formata a Newcastle nel '79 da Cronos (Conrad Lant), Mantas (Jeff Dunn) e Abaddon (Tony Bray), è il gruppo che molti appassionati considerano l'iniziatore della scena metal estrema all'inizio degli anni '80. I Venom hanno preceduto anche i Metallica, il cui album di debutto del 1983, "Kill 'Em All", deve molto alle loro prime incisioni (il primo lp dei Venom "Welcome to hell" uscì nel 1981). Hanno inoltre avviato due generi musicali: i loro brani veloci e basati sul blues hanno formato le basi per un approccio di tipo "thrash", mentre il loro secondo album "Black metal" (1983), come da titolo, ha dato origine e sostegno al "black metal" di stampo satanico. Memorabili i loro concerti dal vivo che hanno visto persino i Metallica come supporto nel primissimo Seven Dates Of Hell Tour. Il chitarrista Jeffrey Dunn fu poi anche nei Mantas e nei Warfare.
Euro
23,00
codice 3515622
scheda
Verdena Radar (ejabbabbaje) (rsd 2017)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2011  universal 
indie 2000
edizione limitata numerata a mano, uscita per il record store day 2017, inner sleeve, etichette custom. Trattasi di una raccolta dei Verdena pubblicata nel 2011 in formato CD come allegato alla rivista XL. Il disco contiene 10 brani di cui 3 inediti.
Euro
21,00
codice 2126291
scheda
Verdena Spaceman ep
10" [edizione] originale  stereo  eu  2001  black out / mercury / universal 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
Ep in formato 10", l' originale stampa vinilica, ormai fuori catalogo, realizzata per la prima volta nel 2016, copertina con adesivo SIae metallizzato sul retro, corredata di inner sleeve, catalogo 00602547956293. Originariamente uscito solo in cd nel 2001, questo ep contiene quattro brani, uno dei quali, "Spaceman"m estratto dall' album "Il grande sasso". Gli altri sono invece inediti: "Blue", la cover di "Reverberation" dei 13th Floor Elevators, e la strumentale "Sipario". Provenienti da Albino in provincia di Bergamo, i Verdena si formano nel 1996 ad opera dei fratelli Alberto e Luca Ferrari insieme alla bassista Roberta Sammarelli; il gruppo si cimenta con cover di Sham 69, Melvins e Nirvana ma al tempo stesso comincia a comporre i propri brani. Dopo anni di concerti ed alcuni demo, il gruppo incide e pubblica il proprio eponimo album d'esordio nel 1999. Segue ''Solo un grande sasso'' l'anno successivo. I lunghi tour dei Verdena allargano il pubblico del gruppo in patria; il terzo lp ''Il suicidio dei samurai'' esce nel 2004, seguito da ''Requiem'' nel 2007. I Verdena propongono un indie rock melodico dalle tinte scure ma anche psichedeliche, che sembra ispirarsi allo shoegazer ed al grunge; molto noti in Italia, hanno effettuato anche tour internazionali, uno dei quali insieme agli Oceansize.
Euro
18,00
codice 259875
scheda
Viagra boys Cave world
Lp [edizione] nuovo  stereo  swe  2022  year0001 
indie 2000
adesivo su cellophane, inner sleeve. Il terzo album, prodotto dai precedenti collaboratori Pelle Gunnerfeldt (The Hives, The Knife, ecc.) e DJ Haydn. Riflessione su la follia e la confusione in cui si trova attualmente la società, con il black-humor del frontman Sebastian Murphy rivolto verso le teorie cospirazioniste degli ultimi anni, e toccato dalla tragica perdita del chitarrista e membro fondatore Benjamin Vallé. Musicalmente un omogeneo concentrato di dance-punk con influenze no-wave e Devo. Vede la collaborazione di Jason Williamson degli Sleaford Mods in un brano. Viagra Boys, formazione svedese di Stoccolma, capace di far viaggiare sulle stesse frequenze rock'n'roll, punk, garage, art punk e musica dance, hanno pubblicato due albums "street worms" nel 2018 e "welfare jazz" nel 2021 con ampi consensi di critica e pubblico specializzato grazie ad un'attitudine che mescola in maniera attuale denuncia sociale e satira.
Euro
24,00
codice 2125261
scheda
Viagra boys Street worms (clear)
Lp [edizione] nuovo  stereo  cz  2018  year0001 
indie 2000
ristampa del 2023 in vinile trasparente, adesivo su cellophane, inserto. Viagra Boys sono un gruppo post punk svedese formato da Henrik "Benke" Höckert (basso), Benjamin "Benis" Vallé (chitarra), Tor Sjödén (batteria), Sebastian Murphy (vocale), Konie (synth), Oskar Carls (sax). Hanno all'attivo un disco, "Street Worms" (2018). "Street Worms" (2018) è il disco di debutto dei Viagra Boys, formazione svedese di Stoccolma, capace di far viaggiare sulle stesse frequenze rock'n'roll, punk, garage, art punk e musica dance.
Euro
29,00
codice 2125604
scheda
Vibravoid 2001 - love is freedom (ltd. yellow vinyl)
Lp [edizione] originale  quadrifonico  ger  2000  nasoni 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
L' originale molto rara stampa, nella versione, limitata in 500 copie, in vinile giallo, copia ancora custodita nell' originaria busta plastificata esterna con adesivo di presentazione, copertina (con davvero lievissimi segni di invecchiamento) lucida apribile senza codice a barre, completa di poster apribile in quattro parti, inserto con testi, tre adesivi ancora da staccare ed un inserto plastificato con motivo optical nero su sfondo trasparente, etichetta custom in bianco e nero, catalogo 017. Pubblicato nel 2000 in Germania in Giappone dalla Triggerfish in cd, e dalla Nasoni nel 2001 in vinile, prima di "Void vibration" (2002), l' album di debutto per il quartetto psichedelico tedesco, con base a Dusseldorf, i quali dopo una manciata di splits e singoli esordiscono con questo lavoro di forte derivazione psichedelica retro, attingendo dai Pink Floyd del primo periodo, dal rock cosmico e dal migliore kraut rock, fra Hawkwind e Popol Vuh, fra suggestione e misticismo, con propri tocchi eterei e liquidi piu' personali e meno derivativi. Quartetto psichedelico tedesco, con base a Dusseldorf, i Vibravoid sono degni rappresentanti della nuova scena psichedelica europea; sono composti da Sven S. alle percussioni, Peter M al basso, Michael G. e Christan K. alle chitarre, pedaliere, synths analogici e persino il buon vecchio theremin, i quali dopo una manciata di splits e singoli esordiscono con un lavoro di forte derivazione psichedelica retro, attingendo dai Pink Floyd del primo periodo, dal rock cosmico e dal krautrock, fra Hawkwind e Popol Vuh, fra suggestione e misticismo, con propri tocchi eterei e liquidi piu' personali e meno derivativi. Fra live, splits ed Lp's, hanno realizzato circa venti albums, spaziando fra rock cosmico, psichedelia piu' o meno pesante e neo-krautrock.
Euro
100,00
codice 259788
scheda
Vicious sid (sex pistols) live at max's 1978
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1978  get back 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
L' originale stampa, in vinile nero pesante 180 grammi, copertina lucida senza barcode (con adesivo Siae metallizzato sul retro), etichetta nera con scritte bianche e gialle, catalogo GET57. Pubblicato dalla italiana Get Back nel 2000, questo album contiene diciassette brani registrati dal vivo, tratti da due dei pochi concerti effettuati al Max's Kansas City di New York nel settembre del 1978, concerti da cui gia' nel dicembre 1979 era in gran parte stato tratto l' album ufficiale "Sid Sings". Sid, qui soltanto cantante, si avvalse per questi pochi concerti di una notevolissima band, ovvero gli Idols, poi senza di lui autori di un singolo su Ork Records, con l' inglese Steve Dior alla chitarra (presto nei London Cowboys) ed i due ex-New York Dolls Jerry Nolan (alla batteria, redice dall' esperienza con gli Heartbreakers) ed Arthur Kane (al basso). L' ex bassista dei Sex Pistols, e vera icona del punk rock inglese nei suoi aspetti piu' autodistruttivi, mise in piedi la band piu' che altro per raggranellare i soldi per le copiose dosi di eroina di Sid stesso e della sua compagna Nancy Spungen, che morira' a pochi giorni di distanza (il 12 ottobre) accoltellata in circostanze mai del tutto chiarite, probabilmente dallo stesso Sid in uno stato di assoluta confusione mentale. Sid si rivela un ottimo animale da palcoscenico eseguendo versioni grezze e devastate, ma davvero efficaci nonostante la grezzissima registrazione, di brani (alcuni presenti in due versioni tratte evidentemente da concerti diversi) di Sex Pistols ("Belsen Was a Gas"), New York Dolls ("Take a Chance on Me"), Heartbreakers ("Chatterbox" e "Chinese Rock"), Stooges ("I Wanna Be Your Dog" e "Search & Destroy"), Monkees ("Steppin' Stone"), Eddie Cochran ("Something else"), Dave Berry ("No Lip"), oltre al classico successo di Frank Sinatra "My Way", che era anche stata incisa in studio a Parigi pochi mesi prima. Gia' "The Great Rock'n'roll Swindle" e soprattutto "Some Product: Carry On Sex Pistols", qualche mese prima, avevano dato il via alla interminabile serie di speculazioni sulle ceneri dei Sex Pistols; questa, sebbene animata da intenti lucrosi squallidissimi, e' una delle poche che abbiano in qualche modo lasciato il segno.
Euro
28,00
codice 259242
scheda
Vile kurt Back to moon beach
Lpm [edizione] nuovo  stereo  cze  2023  verve 
indie 2000
Uscito ad un anno di distanza da '(watch my moves)' questo disco è presentato come un 'ep" ma sfiora con i suoi 6 brani la lunghezza di un album vero e proprio. Trattasi perlopiù di brani registrati nel 2019 presso lo studio Panoramic House di Marin County, in California , e hanno segnato l'ultimo contributo del membro dei Violators Rob Laakso, morto di cancro all'inizio del 2023. Un piacevole disco che niente di nuovo aggiunge alla discografia di Vile ma che delizierà i fans dell'artista con ballate folk psichedeliche dallo spirito indolente e rilassato. Kurt Vile, musicista fin dall'adolescenza, negli anni - a partire dai The War on Drugs - si è sempre mosso, musicalmente parlando, tra folk, psichedelia e americana : dagli esordi lo-fi (God Is Saying This to You..., 2009) ai dischi folk psichedelici con la Matador, etichetta indipendente ma con una forte presenza sul mercato discografico. "Smoke Ring for My Halo" (2011) e il successivo "Wakin on a Pretty Daze" (2013), tra i momenti più riusciti della discografia del musicista americano, rappresentano al meglio l'anima ondivaga e psichedelica della scrittura di Vile, sempre in bilico tra folk e rock, annegati spesso in dilatazioni strumentali dalla forte venatura psichedelica.
Euro
29,00
codice 2125362
scheda

Page: 99 of 106


Pag.: oggetti: