Hai cercato:  dall'anno 2000 --- Titoli trovati: : 6477
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Almond marc shadows and reflections
lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2017  bmg 
punk new wave
Edizione regolare in vinile nero, copertina su sfondo rosso, apribile, corredata di inner sleeve e di codice per il download digitale. Pubblicato nel settembre del 2017 dalla BMG, a distanza di due anni dal precedente "Velvet Trail" (2015), e dopo la collaborazione con gli Starcluster per l' album "Silver City Ride" del 2016, il ventiduesimo album solista in studio dell' artista inglese ex Soft Cell e Marc & the Mambas. Un lavoro ancora una volta originale e spiazzante, ed al tempo stesso espresso con classe ed eleganza musicale, ''Shadows and reflections'' e' stato definito dal critico Thom Jurek come un lavoro che fa da ponte fra l'album di cover ed il concept album: in effetti sembra proprio una descrizione calzante per questo lp, nel quale Almond interpreta con gusto e con splendidi arrangiamenti elettroacustici ed orchestrali una serie di canzoni pop e rock degli anni '60 (oltre ad alcune composizioni proprie), legandole con un filo conduttore che percorre gli stati d'animo di un immaginario protagonista immerso nel lusso e nella peggiore solitudine, evocando immagini di rotture sentimentali, di conflitto fra isolamento e desiderio di connessione con l'altro, fra ricchezza matieriale e poverta' interiore. Tutto questo cantato da Almond con toni dolenti ma mai sopra le righe, lievi ed autunnali, ispirandosi fortemente alle atmosfere del pop anni '60 anglosassone da cui provengono molte delle cover del disco, ed al tempo stesso dando il suo personalissimo tocco a brani come la title track (cover degli Action), ''I know you love me not'' di Julie Driscoll, ''How can I be sure'' degli Young Rascals o ''Still I'm sad'' degli Yardbirds. Un disco che e' qualcosa di piu' di un semplice tributo a tema ad un'era musicale trascorsa.
Euro
29,00
codice 3018928
scheda
Almond marc stardom road (numbered gold vinyl)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2007  music on vinyl 
punk new wave
Edizione limitata in 1500 copie (numerate sul retro) in vinile dorato, pesante 180 grammi, prima edizione vinilica, realizzata nel settembre 2019 dalla Music On Vinyl, dell' album "Stardom Road", originariamente uscito nel giugno 2007 solo in cd (e giunto al numero 53 delle charts inglesi), realizzato dopo "Heart on Snow" (2003) e prima di "Orpheus in Exile" (2009). Il tredicesimo album solista dell' artista inglese ex Soft Cell e Marc & The Mambas, il primo dopo l' incidente del 2004 che gli stava quasi costando la vita. Ben accolto dalla critica e considerato uno dei lavori migliori della discografia solista di Almond, "Stardom Road" e' composto quasi interamente di covers, perlopiu' di popolari "oldies", proposte come al solito con straordinaria personalita', ed una grande eleganza unita ad una notevole sensibilita' interpretativa. Tra gli ospiti Sarah Cracknell, Jools Holland ed Antony Hegarty (Antony & The Johnsons). Questa la lista dei brani e l' interprete originario: 1. "I Have Lived" (Charles Aznavour), 2. "I Close My Eyes and Count to Ten" featuring Sarah Cracknell (Dusty Springfield), 3. "Bedsitter Images" (Al Stewart), 4. "The London Boys" (David Bowie), 5. "Strangers in the Night" (Frank Sinatra), 6. "The Ballad of the Sad Young Men" featuring Antony Hegarty (Roberta Flack), 7. "Stardom Road" (Third World War), 8. "Kitsch" (Barry Ryan) 9. "Backstage (I'm Lonely)" featuring Jools Holland & Kiki Dee (Gene Pitney), 10. "Dream Lover" (Bobby Darin), 11. "Happy Heart" (Andy Williams), 12. "Redeem Me (Beauty Will Redeem the World)" (brano originale), 13. "The Curtain Falls" featuring Igor Outkine (Bobby Darin).
Euro
17,00
codice 2098455
scheda
Alo girl / last rape Alo girl last rape
Lp [edizione] originale  stereo  ita  2009  urashima 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
L' originale stampa, pressata in sole 120 copie numerate sul retro copertina in basso a destra (questo esemplare il numero 29 / 120), copertina "texture" senza barcode, inserto formato A4 con artwork a colori e note, label neutra grigia scura, quasi nera, catalogo UMA006 inciso sul trail off. Pubblicato nel luglio del 2009 dalla italiana Urashima, l'album split fra Alo Girl e Last Rape, due progetti legati al noise radicale. Alo Girl è una creatura dell'italiano Cristiano Renzoni, il direttore della label Urashima, e qui propone "Dedicate to susan", sedici minuti in cui quelli che sembrano campionamenti da colonne sonore filmiche, organizzati in modo da assumere un andamento circolare ed ipnotizzante, vengono stravolti e torturati da aggressivi assalti di noise estremo; Last Rape è formato dagli americani Sean Matzus e Richard Ramirez, prolifici veterani di musica noise e sperimentale sulla scena da fine anni '80 con tantissimi progetti, e qui propongono una lunga traccia di quindici minuti, "Gathering the pieces", riconducibile allo allo Harsh Noise Wall (HNW), un filone della musica noise che si caratterizza per la costruzione di "muri sonori" rumoristi che presentano un suono costante, che non cambia quasi mai, nemmeno con microvariazioni, per durate temporali relativamente lunghe; il "white noise" è una materia frequentemente usata, ma non esclusivamente, dagli autori di musica HNW, la quale può assumere, accanto a manifestazioni aggressive ed urticanti, anche un suono meno graffiante, composto da semplici reiterazioni di scoppiettii e crepiti.
Euro
23,00
codice 332509
scheda
Alog amateur
Lp [edizione] originale  stereo  eu  2007  rune grammofon 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent indie 2000
copertina con cellophane. Edizione vinilica limitata a 500 copie. Doppio lp con copertina apribile, etichette custom bianche con scritte e simboli in nero. Pubblicato nel Maggio del 2007 dalla Rune Grammofon, etichetta specializzata nella pubblicazione di lavori di alcuni tra i piu' avventurosi e creativi artisti e compositori Norvegesi. Uscito dopo "Red Shift Swing", "Amateur" e' il quarto album, se si esclude la compilation di rarita' "Catch That Totem", del duo sperimentale norvegese elettro-acustico formato da Espen Sommer Eide e Dag-Are Haugan. Il titolo del disco "Amateur", si riferisce all'utilizzo di strumenti che in realta' nessuno dei due membri sa suonare veramente, infatti l'attenzione degli Alog nel creare musica sembra qui piu' spostata sul potenziale emotivo posseduto da ciascun timbro che sulla composizione stessa. Le sonorita' predominanti sono acustiche, in massima parte dovute a percussioni e chitarre, ma anche i silenzi hanno un peso determinante nello svolgere dei brani, con l'uso creativo e sensibile delle pause il duo riesce infatti a controllare l'atmosfera e la tensione con risultati piuttosto intriganti. Tra le proposte soniche piu' eccitanti e interessanti in ambito sperimentale degli ultimi anni.
Euro
28,00
codice 109323
scheda
Alt-j Reduxer
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  infectious 
indie 2000
adesivo su cellophane, coupon per download. Album di reinterpretazioni dei brani di "relaxer" con la collaborazione di artisti quali GoldLink, Danny Brown, Kontra K, Lomepal, Rejjie Snow, Little Simz & Twin shadow featuring Pusha T.
Euro
27,00
codice 2079755
scheda
Alt-j Relaxer
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2017  infectious 
indie 2000
copertina apribile con parti lucide e grafica nella parte interna, inner sleeve, coupon per download, etichette custom. Quartetto di Leeds, nato nel 2007 sui banchi dell'università, prima con i moniker Daljit Dhaliwal e The Film, poi mutato in Alt-J, coinciso con il trasferimento a Cambridge. Le coordinate sonore si collocano fra sperimentazione e attitudine pop, in una miscela seducente e fresca, fra trip hop classico alla Portishead o Tricky e folk tradizionale, vicino a ballate celtiche, con riferimenti ai Four Tet, Maccabees e Wild Beats. La critica specializzata ha etichettato il loro suono come 'folk step', un ibrido fra folk tradizionale, elettronica ed indie, con la voce narrante del cantante eccentrica e vagamente soul. "An awesome wave", album d'esordio del quartetto ora diventato trio, ha venduto oltre il milione di copie, ricevendo sei nomination al Brit Awards, vincendo un Mercury Prize nel 2013. Dopo il successo del primo disco arriva “This is all yours” (2014), con una gestazione problematica, che ha visto l'abbandono del bassista Gwil Sainsbury per troppo stress. “Relaxer” (2017), a tre anni di distanza, ne è il seguito, prodotto da Charlie Andrew e registrato in vari studi londinesi. Il disco segna un cambio di rotta della band, musicalmente parlando : qualcosa di completamente nuovo. L’album è diviso in due parti, ogni lato ha quattro canzoni, per un totale di otto pezzi : un lavoro breve, più corto rispetto alle produzioni precedenti. Questo nuovo vinile, il terzo della band, stravolge le regole del gioco : mostra il lato più sperimentale, imprevedibile del trio inglese, la band percorre diverse strade sonore, dalla rielaborazione/semi-cover di “The House of Rising sun” basata sulla sovrapposizioni di venti chitarristi classici al lo-fi grezzo di "Hit Me Like That Snare".
Euro
38,00
codice 2123382
scheda
Alt-j The dream (indie exclusive)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2022  infectious 
indie 2000
edizione limitata in vinile violetto trasparente per i negozi indipendenti, copertina apribile. Il quarto atteso album della band inglese. Un disco che prende spunto dal passato con riferimenti al pop-rock dei sixties e le colonne sonore del cinema classico hollywoodiano, il tutto filtrato dalla sensibilità del gruppo che in questo lavoro accantona in parte il lato elettronico per un suono più vintage elettro-acustico con cori ed atmosfere oniriche. Gruppo di Leeds, nato nel 2007 sui banchi dell'universita', prima con i monikers Daljit Dhaliwal e The Film, poi mutato in Alt-J, coinciso con il trasferimento a Cambridge. Le coordinate sonore si collocano fra sperimentazione e attitudine pop, in una miscela seducente e fresca, fra trip hop classico alla Portished o Tricky e folk tradizionale, vicino a ballate celtiche, con riferimenti ai Four Tet, Maccabees e Wild Beats. La critica specializzata ha etichettato il loro suono come 'folk step', un ibrido fra folk tradizionale, elettronica ed indie, con la voce narrante del cantante eccentrica e vagamente soul.
Euro
33,00
codice 2115497
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  uk  2013  peripheral 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good indie 2000
Bella copia con un leggero schiacciamento sull'angolo inferiore sinistro della copertina, l' originale rara stampa, pressata in sole 250 copie, senza barcode, label custom con particolari dello artwork di copertina su di una facciata, marrone scura con scritte bianche e logo Peripheral Records bianco al centro sull'altra, catalogo PR014. Pubblicato nel 2013 dalla effimera label britannica Peripheral, "Female" esce dopo "Tomrum" (2017, pubblicazione in forma di nastro a bobina aperta e CDr) e prima della cassetta "Inblick" (2020). I cinque brani di questo lp, della durata che varia dai cinque ai quindici minuti, furono incisi da Mattias Gustafsson fra il 2010 ed il 2011: lo svedese crea trame sonore elettroniche in cui una originale concezione psichedelica si incontra con esperimenti rumoristi che si ricollegano sia al noise che alle creazioni di Nurse With Wound. La dissonanza non assume un tratto necessariamente aggressivo, ma si va ad impastare con sonorità ipnotiche ed oniriche, ora spinte da trame meccanicistiche dagli echi industriali, ora immerse in ambientazioni liquide e fluttuanti, erette come impressionanti muri sonici di noise estremo. Mattias Gustafsson, nato nel 1978, è il musicista svedese di Mjolby che anima la sigla Altar Of Flies, con la quale ha prodotto una grande mole di lavori a partire dal 2006, impiegando i più diversi formati fisici: musicassette, cd, CDr, vinile e persino nastro a bobina aperta. Gustafsson lavora soprattutto con nastri magnetici, oltre ad utilizzare vari strumenti e sintetizzatori, fra cui il Moog; è influenzato sia dalle sperimentazioni elettronico-acustiche del '900 che dal rumorismo elettronico underground del primo scorcio del XXI secolo. La sua musica ha una qualità dissonante ma anche ipnotica e mesmerizzante.
Euro
16,00
codice 335091
scheda
Altered hours Sweet jelly roll
10" [edizione] nuovo  stereo  eu  2013  a records 
indie 2000
Copertina senza codice a barre, etichetta custom bianca con parziale immagine copertina, 10 " pubblicato dalla A Records nel maggio 2013, dopo l'Ep del novembre 2011, "Downstream", contenete 3 nuove tracce, "Sweet jelly roll", "Smoke your eyes" e "Everyone is inside", registrate a Berlino nello studio di Andrew Newcombe dei Brian Jonestown Massacre, sotto la produzione di Fabien Leseure. La musica di questa giovane band irlandese, basata a Cork, e' un pop psichedelico, il cui percorso e' ancora in fase di oscillazione fra il noise pop alla Black Tambourine dell'iniziale "Sweet jelly roll", in cui spicca l'etera e soffice voce della cantante Elaine Howley, il folk blues alla Raconteurs di "Smoke your eyes", cantato ad unisono sia dalla Howley che da una voce maschile, fino ai toni cupi della conclusiva "Everyone is inside", dove si odono echi post punk, tanto che la voce del cantante evoca Ian Curtis e Ian McCulloch.
Euro
11,00
codice 2038941
scheda
Alternative tv direct action
lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2023  fourth dimension 
punk new wave
Edizione limitata di 600 copie; pubblicato nel novembre del 2023, il primo album in studio della storica band inglese guidata come sempre da Mark Perry, dai tempi di "Opposing Forces" del 2015 (ma nel 2018 il gruppo pubblico' il 12" "Dark PLaces"). Registrato da una versione dei sempre cangianti Alternative Tv che vede il solito Mark Perry accompagnato come gia' da molti anni da Dave Morgan (Door + the Window, Loft, Weather Prophets, Primal Scream, Jazz Butcher, Sun Dial, e negli Alternative Tv sin dal 1990), e dai nuovi compagni di avventura Gareth Matthews, Cos Chapman e Ruth Tidmarsch (quest' ultima in realta' gia' in passato con gli Alternative Tv), l' album contiene sei brani strumentali, alcuni dei quali molto lunghi, che percorrono i sentieri della vena piu' ostica e sperimentale degli ATV, mai sopita a distanza degli anni, e che gia' in passato aveva fortemente segnato alcuni dei lavori del progetto di Perry, come il secondo album del 1979 "Vibing Up The Senile Man (Part One)". Un disco meritevole di attenzione, a prescindere da quella dovuta ad un personaggio, Mark Perry, tra i piu' importanti della prima scena punk inglese, e capace negli anni di mantenere intatta la sua credibilita', sempre lontano da ogni compromesso. Mark Perry e' figura principe animatrice del punk anglosassone autore della prima, piu' influente e anche piu' venduta fanzines, la storica Sniffin' Glue, scritta, impaginata, stampata e distribuita artigianalmente a partire dall'estate del 1976 (grazie anche all'aiuto della Rough Trade e di altre strutture indipendenti) dal giovane e disoccupato londinese Mark Perry. A differenza della conformista stampa musicale ufficiale, dalle pagine della sua rivista Perry incensava o maltrattava senza peli sulla lingua i gruppi punk del momento, che aveva modo di seguire e studiare da vicino, promuovendo fra grezzi collages e montaggi neo-dadaisti efficaci slogan del tipo "eccovi tre accordi, ora formate un gruppo musicale", o incitando i lettori a fondare le loro fanzines (appello che in molti non si fecero ripetere due volte). Nel punk ogni scioccante "rivolta nello stile" si e' bruciata e consumata con enorme rapidita', dopo poco piu' di un anno Perry fondava egli stesso un gruppo rock, gli Alternative TV, il cui singolo di esordio era allegato all'ultimo numero di Sniffin' Glue. Le realizzazioni degli Alternative TV sono tra le piu' atipiche, se non seminali e fondamentali , di tutto il movimento punk e post-punk anglosassone.
Euro
27,00
codice 3033062
scheda
Altin gun Ask
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2023  glitterbeat 
indie 2000
coupon per download digitale, adesivo su cellophane. Uscito dopo "Yol" del 2021, dove il gruppo flirtava con l'elettronica anni 80, il quarto album "ask" vede il gruppo olandese-turco ad un ritorno al suono folk-rock anatolico degli anni '70 che ha caratterizzato i primi due album di Altin Gün 'On' (2018) e 'Gece' (2019) per catturare l'atmosfera rauca dei suoi live set. Gli Altin gun sono un gruppo di stanza ad Amsterdam formato dal bassista olandese Jasper Verhulst, che affascinato dalla musica pop-rock turca degli anni 70, che mischiava in maniera originalissima folk tradizionale con il rock psichedelico, ha messo su la band con musicisti provenienti dalla Turchia per un progetto che si immerge nella musica anatolica di artisti quali Baris Manço, Erkin Koray, Selda aggiornata ai nostri tempi con chitarre fuzz e ritmi tra danza del ventre e funky. Riferimenti a Goat, Baba Zula, Jacco Gardner.
Euro
29,00
codice 2126067
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  bongo joe 
indie 2000
etichette custom. Il primo album, canzoni folk-pop turche passate attraverso una miscela di ritmica funky, chitarre psichedeliche con wah-wah e organi vintage. Gli Altin gun sono un gruppo di stanza ad Amsterdam formato dal bassista olandese Jasper Verhulst, che affascinato dalla musica pop-rock turca degli anni 70, che mischiava in maniera originalissima folk tradizionale con il rock psichedelico, ha messo su la band con musicisti provenienti dalla Turchia per un progetto che si immerge nella musica anatolica di artisti quali Baris Manço, Erkin Koray, Selda aggiornata ai nostri tempi con chitarre fuzz e ritmi tra danza del ventre e funky. Riferimenti a Goat, Baba Zula, Jacco Gardner.
Euro
21,00
codice 2128211
scheda
Altin gun Yol
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  glitter beat 
indie 2000
copertina ruvida, etichette custom. Il terzo album, continua la ricerca del gruppo nella musica rock Anatolica e psichedelia turca con un tocco di di synth-pop e dancefloor. Gli Altin gun sono un gruppo di stanza ad Amsterdam formato dal bassista olandese Jasper Verhulst, che affascinato dalla musica pop-rock turca degli anni 70, che mischiava in maniera originalissima folk tradizionale con il rock psichedelico, ha messo su la band con musicisti provenienti dalla Turchia per un progetto che si immerge nella musica anatolica di artisti quali Baris Manço, Erkin Koray, Selda aggiornata ai nostri tempi con chitarre fuzz e ritmi tra danza del ventre e funky. Riferimenti a Goat, Baba Zula, Jacco Gardner.
Euro
29,00
codice 2126858
scheda
Aluk todolo Occult rock
Lp2 [edizione] originale  stereo  fra  2012  Norma Evangelium Diaboli /Ajna Offensive 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
COPIA ANCORA INCELLOPHANATA, doppio album, la prima stampa, copertina apribile con parti interne nere, senza codice a barre, completa di inner sleeves, etichette nere con scritte grigie, catalogo NED 033, flame72, "101951E1/A", "101951E2/A", "101951E3/A" e "101951E4/A" sul trail off dei rispettivi lati. Pubblicato dalla francese Norma Evangelium Daiboli/Ajina Offensive nel settembre 2012, dopo "Finsternis" (2009) e prima di "Voix" (2016), il terzo album del gruppo francese. 8 tracce senza titolo, solo quello dell'album, un rock occulto e strumentale fra post rock alla Mogwai, derive fra Black Sabbath e black metal, dissonanze alla Black Flag e Butthole Surfers, grovigli alla Don Caballero, pulsazioni ipnotiche alla Oneida e ritmiche krautiane, in distorsioni cosmiche, ora abrasive ora piu' atmosferiche, giocate fra dissonanze, feedback ed arpeggi. Trio francese, composto da membri dei Gunlingers, dei black metal Diamatregon e Veldog Svaor, autori fino a questo momento di 3 Lp's (il debutto "Descension" del 2007, "Finsternis" del 2009 e "Occult rock" del 2012), con un suono esplosivo, distruttivo e apocalittico, (definito da loro stessi 'religious psychedelic trance') che attinge da ampi riferimenti: dal post punk al kraut rock, dalla psichedelia al noise, dal black metal al post rock, non lontano dalla musica incendiaria del progetto parallelo di 2/3 della band, i Gunlingers, dove suonano il bassista Matthieu Canaguier e il batterista Antoine Hadjioannou.
Euro
38,00
codice 255982
scheda
Aluminum group Happyness
Lp [edizione] originale  stereo  usa  2002  wishing tree 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good indie 90
prima stampa, pressata negli USA, copertina (con giusto lievi segni di invecchiamento) con barcode 803645053017, label bianca con disegni in bianco e nero e scritte nere, catalogo WTR-105. Pubblicato nel settembre del 2002 dalla Wishing Tree negli USA, il quinto album, successivo a ''Pelo'' (2000) e precedente ''Morehappyness'' (2003). ''Happyness'' vede il gruppo dei fratelli Navin proseguire sulla raffinata ed elegante strada degli acclamati lavori precedenti, integrando sonorita' indie pop delicate e morbide con richiami a stili pop e dance dei tardi anni '70 ed inserimenti dance elettronici non banali e qualche apparente affinita' con lo acid jazz, creando una musica leggera ma non triviale; brani come ''Kid'' e ''I blow you kisses'', con le loro ritmiche regolari ed agili, i riferimenti a sonorita' vintage (in questo caso si direbbero gli anni '70 pop funk e disco) e le atmosfere raffinate ed eleganti, fanno pensare ad una versione americana degli Stereolab piu' melodici e solari. Formati a Chicago nella prima meta' degli anni '90 dai fratelli John e Frank Navin, ex membri del gruppo hardcore Women In Love (attivo dalla prima meta' degli anni '80), gli Aluminum Group sono spesso descritti dalla critica come una band ''chamber pop''; ispirati da artisti come i Carpenters e Sergio Mendes, sono autori di un raffinato indie pop melodico arricchito da arrangiamenti di archi e poi apertosi anche ad inserimenti elettronici, sempre in mirabile equilibrio fra richiami a musiche dei decenni passati e modernismo. Esordirono su lp nel 1995 con ''Wonder boy'', a cui fece seguito nel 1998 l'acclamato ''Plano''; il loro terzo album ''Pedals'' (1999) fu prodoto da Jim O'Rourke.
Euro
14,00
codice 238408
scheda
Alva noto & sakamoto ryuichi Insen (2lp + bonus track)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2005  noton 
indie 2000
Vinile doppio, copertina apribile. Ristampa del 2022 ad opera della Noton, rimasterizzata nel 2021 in collaborazione con lo Studio Calyx, con copertina apribile e con i brani distribuiti su due vinili invece che su uno solo, diversamente dalla molto rara prima tiratura, e con una bonus track, l'inedita "Barco", posta alla fine della quarta facciata. Originariamente pubblicato nel 2005 dalla Raster-Noton, il secono album in collaborazione fra Alva Noto e Sakamoto, successivo a "Vrioon" (2002) e precedente "Utp_" (2009). Con "Insen", Alva Noto e Ryuichi Sakamoto sperimentano le interazioni fra sonorità elettroniche ed acustiche, in particolare quelle del pianoforte, le cui malinconiche e laconiche sono dilatate da effetti eco e manipolate da microfratture e loops, in un mirabile gioco di spazi e dissoluzioni che crea un effetto ipnotizzante, ma anche potentemente intimista e cinematico. Alva Noto e' uno dei progetti musicali dell'artista audiovisivo tedesco Carsten Nicolai, cresciuto nella Germania dell'Est e poi trasferitosi a Berlino, dopo aver studiato architettura e design di paesaggi, appassionandosi al tema del rapporto fra suono e spazio. Nicolai fonda quindi un'etichetta discografica, la Noton.Archiv Fuer Ton Und Nichtton (che alla fine degli anni '90 diventera' Raster-Noton in seguito ad una fusione), e nella seconda meta' degli anni '90 comincia a pubblicare lavori dietro le sigle Noto e Signal, progetti a cui si sovrappongono nel decennio successivo Alva Noto ed Aleph-1. Nel corso degli anni ha sperimentato con varie concezioni sonore elettroniche, dalla musica collage al glitch, dalla techno al dubstep. Uno dei musicisti pop giapponesi più celebri in Occidente, Ryuichi Sakamoto emerge negli anni '80 con un raffinato ed accattivante amalgama di sonorità occidentali e giapponesi, attraverso un pop elettronico guidato da tastiere e sintetizzatori; in quel periodo raggiunge il successo sia come membro del trio synth pop Yellow Magic Orchestra, influenzato dai Kraftwerk, che come solista. Lavora anche alla composizione di colonne sonore, fra cui quella de ''L'ultimo imperatore'' di Bertolucci; collabora nel corso degli anni con un gran numero di celebri musicisti di ogni continente, fra cui David Sylvian, Iggy Pop, Thomas Dolby, David Byrne e Youssou N'Dour.
Euro
43,00
codice 2120909
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2014  yep roc 
punk new wave
Sottotitolato: "Play and sing the songs of Bog Bill Broonzy". Vinile 180 gr., copertina apribile completa della versione in Cd in omaggio, adesivo di presentazione sulla busta esterna, etichetta custom fotografica con scritte bianche, inner grigio con foro centrale. Lp pubblicato dalla Yep Roc Records nel giugno 2014, dopo "Eleven eleven" di Dave Alvin (2011), il primo album, prima di "Lost in Time", che vede insieme Dave e Phil insieme a registrare dopo 30 anni (da "Hard line" del 1985). I fratelli Alvin, fondatori dei seminali Blasters, rendono omaggio alla leggenda del blues, Big Bill Broonzy, interpretando 12 tracce in un country blues sostenuto da una voce passionale e da ritmiche secche ed incalzanti. Ecco la scaletta: "All myself", "I feel so good", "How you want it done", "Southern flood blues", "Big Bill blues", "Key to highway", "Tomorrow", "Just a dream", "You've changed", "Stuff they call money", "Truckin' little woman", "Saturday night rub". Il californiano Dave Alvin e' considerato uno dei maggiori animatori di quello che e' stato il movimento roots rock americano, volto negli ultimi venticinque anni del XX secolo alla riscoperta delle radici musicali americane, alla luce dei piu' recenti sviluppi della musica rock. Fondatore insieme al fratello Phil della storica band Blasters, fra roots, rock'n'roll e rockabilly, Alvin vanta anche una lunga e prolifica carriera solista, oltre a vari progetti.
Euro
20,00
codice 2053868
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2015  yep roc 
punk new wave
Adesivo di presentazione del disco sul cellophane, vinile da 180 grammi, copertina a busta, label custom, catalogo YEP2447. Pubblicato dalla Yep Roc Records nel giugno del 2015, dopo "Common ground" (2014), il secondo album in dodici mesi a vedere Dave e Phil registrare insieme dopo trent'anni (dai tempi "Hard line" del 1985). I fratelli Alvin, fondatori dei seminali Blasters, dopo aver reso omaggio alla leggenda del blues, Big Bill Broonzy, interpretando dodici brani del suo repertorio in ''Common ground'' con arrangiamenti principalmente acustici, proseguono qui un'opera di riscoperta del blues d'altri tempi attraverso un set di cover di classici di autori come Blind Boy Fuller, Willie Dixon, Big Joe Turner, Leadbelly e James Brown, suonate con un approccio ora elettrificato ora acustico, vibrante e senza fronzoli, caratterizzato dall'efficacia della chitarra di Dave e dalle ispirate perfomance vocali di Phil, la cui voce impositiva e sicura ben si adatta al genere. Il californiano Dave Alvin e' considerato uno dei maggiori animatori di quello che e' stato il movimento roots rock americano, volto negli ultimi venticinque anni del XX secolo alla riscoperta delle radici musicali americane, alla luce dei piu' recenti sviluppi della musica rock. Fondatore insieme al fratello Phil della storica band Blasters, fra roots, rock'n'roll e rockabilly, Alvin vanta anche una lunga e prolifica carriera solista, oltre a vari progetti.
Euro
27,00
codice 3508179
scheda
Alvvays Antisocialites (ltd splatter)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2017  polyvinyl 
indie 2000
edizione limitata in vinile colorato splatter trasparente e giallo . coupon per download digitale. adesivo su cellophane. Il secondo album, pubblicato nel settembre 2017 dopo l'omonimo esordio del 2015. Disco che vede maturare la scrittura della band, con la voce della cantante Molly Rankin più presente pur continuando a mostrare la propria vulnerabilità ed arrangiamenti pieni e spaziosi. Alvvays è una band di indie pop originaria del Canada, formata nel 2011 a Toronto, Ontario. La band è composta da Molly Rankin (voce, chitarra), Kerri MacLellan (tastiere), Alec O'Hanley (chitarra), Brian Murphy (basso) e Sheridan Riley (batteria). Il loro album di debutto omonimo è stato pubblicato nel 2014 ed è stato accolto molto bene dalla critica, con pezzi come "Archie, Marry Me" e "Adult Diversion" che hanno guadagnato un'ampia diffusione radiofonica. Il loro stile musicale è caratterizzato da melodie orecchiabili, chitarre scintillanti e testi malinconici, indie pop agrodolce con radici nella new wave c86 degli anni 80, pop sporcato da flussi arpeggiati di chitarre distorte e vellutato dalla voce reverberata della cantante Molly Rankin. influenze che rimandano principalmente ai Camera Obscura, Teenage Fanclub, Vaselines e Blondie: un pop trasognato che fonde la solarita' del college rock americano con un certo indie pop britannico di stampo malinconico.
Euro
40,00
codice 2119694
scheda
Alvvays Blue rev (clear)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2022  transgressive 
indie 2000
edizione in vinile trasparente, inner sleeve, busta esterna con adesivo su di essa. Il terzo album della band canadese, formazione che amplia il proprio nucleo composto da Molly Rankin (voce e chitarra), Alec O'Hanley (chitarra) e Kerri MacLellan (tastiere) con Abbey Blackwell (basso) e Sheridan Riley (batteria). Raccolta di brani indie pop agrodolce con radici nella new wave c86 degli anni 80, pop sporcato da flussi arpeggiati di chitarre distorte e vellutato dalla voce reverberata della cantante Molly Rankin. influenze che rimandano principalmente ai Camera Obscura, Teenage Fanclub, Vaselines e Blondie: un pop trasognato che fonde la solarita' del college rock americano con un certo indie pop britannico di stampo malinconico.
Euro
32,00
codice 2117586
scheda
Amazing Gentle stream
Lp [edizione] nuovo  stereo  sve  2011  subliminal sounds 
indie 2000
Copertina senza codice a barre con estrazione disco dall'alto, adesivo sul cellophane, etichetta con foto in bianco e nero con spirale celeste su di un lato, con disegno multicolorato e scritte bianche sull'altro, Lp pubblicato dalla Subliminal Sound nel 2011, dopo "The Amazing" (08) e l'Ep "Wait for a light to come" (10), il secondo album della band svedese, composta da alcuni membri dei Dungen, Reine Fiske e Johan Holmegard, insieme al cantante/compositore Cristoffer Gunrup, al percussionista Moussa Fadera. Ne deriva un lavoro elegante, intimo ed equilibrato, fra psichedelia, progressive e folk-pop, con rimandi al rock classico, come CSNY, Pink Floyd e Nick Drake, ma a produzioni piu' recenti come quelle dei Belle & Sebastian e di Stuart Murdoch; le melodie sono in primo piano, supportate ottimamente da un vario assortimento di strumenti, che comprende anche flauti e pianoforti.
Euro
25,00
codice 2026506
scheda
Ameel brecht 8-Infinities (ltd.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  discos transgenero 
indie 2000
Edizione limitata a 250 copie, copertina ruvida senza codice a barre, inner sleeve stampata, label custom blu, catalogo TRANS-09. Pubblicato nel maggio del 2021 dalla Discos Transgenero, il terzo album, successivo a "Ghost tropic" (2020). "8-infinities" esce a nome Ameel Brecht, dopo che i primi due lp del musicista erano stati accreditati come Brecht Ameel. Brecht Ameel ed i suoi strumenti a corda (chitarra, resofonica, mandolino resofonico, ma anche vibrafono), sono i protagonisti di questa opera, con l'occasionale contributo, in alcuni episodi, di Bob Rutman (violoncello), Marnie Weber (voce e testi nel brano "Palmistry", poliedrica artista già componente della cult band losangelina Party Boys), Walter Hus (glockenspiel) e Jabir (elettronica). Un'affascinante sintesi fra sonorità acustiche e sottili manipolazioni elettriche ed elettroniche, fra influenze folk europee ed avanguardia, che si distanzia dalle influenze nordamericane come il blues, richiamando piuttosto una singolare sinergia fra influenze classiche e rinascimentali / barocche ed atmosfere contemporanee. Una musica introspettiva, caratterizzata da un approccio essenziale e da uno scorrere per lo più lento. Il chitarrista belga Brecht Ameel (o, se volete, Ameel Brecht) porta avanti la nobile arte della chitarra solista virtuosistica, ma con una propria originale visione, intrecciando le sonorità della chitarra resofonica con quelle del mandolino, l'avanguardia con le tradizioni finger-picking folk europee. Membro dei Razen, progetto basato a Bruxelles dal 2010, teso ad una ricerca musicale fra drone, misticismo medievaleggiante, folk e sperimentazione, Brecht Ameel pubblica nel 2018 il suo primo album solista "Polygraph heartbeat", seguito nel 2020 da "Ghost tropic" e nel 2021 da "8-infinities".
Euro
31,00
codice 2110068
scheda
Amen dunes Death jokes (loser edition)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2024  sub pop 
indie 2000
edizione limitata in vinile colorato "coke bottle clear", doppio inciso su tre lati. copertina apribile, inner sleeve. In questo nuovo capitolo (il sesto della discografia) a sei anni da "freedom" , McMahon ricalca il suo "pop" catartico ed avant-garde, psichedelico ed "inquietante", con brani che si dipanano su loops creati da samples contorti e lisergici (alcuni tratti da type o negative e coil). note complete a seguire. Amen Dunes e' il progetto individuale di Damon McMahon, iniziato nel 2006 a New York, prima del suo trasferimento in Cina, a Pechino, dove ha vissuto per qualche anno; successivamente, con il ritorno negli States, pubblica il primo lavoro dal titolo "Dia" nel 2009 su Locust Music, da uno sgangherato lo fi fra garage, lo fi e pop, cui seguono l'Ep "Murder dull mind" e il secondo full lenght, "Through donkey jaw" nel 2011. La sua musica e' un lo-fi psichedelico cupo, caratterizzato da improvvisazioni e da registrazioni in diretta, con miscelazioni di sonorita' acustiche ed elettriche.
Euro
38,00
codice 2129445
scheda
Amen dunes Freedom
Lp [edizione] originale  stereo  usa  2018  sacred bones 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
copia ancora incellophanata, con adesivo di presentazione sul cellophane, copertina senza barcode, completa di download card (non sappiamo se ancora utilizzabile), di inner sleeve in cartoncino con crediti e di booklet di otto pagine con testi, etichetta nera e bianca, catalogo SBR-195. Pubblicato dalla Sacred Bones nel marzo del 2018, dopo "Love" (2014), il quinto album realizzato a nome Amen Dunes dal talentuoso Damon McMahon (anche autore di un album con il fratello Alexander McMahon a nome Inouk nel 2004 ed un lavoro a proprio nome nel 2006). Un disco solo apparentemente piu' immediato e solare rispetto al precedente (il capolavoro "Love", uno dei dischi piu' belli degli ultimi dieci anni), rivela dopo alcuni ascolti uno spessore straordinario, e molti brani splendidi. Una promessa piu' che mantenuta.
Euro
35,00
codice 259898
scheda
Amen dunes Love (coloured vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2014  sacred bones 
indie 2000
Ristampa del 2023 in vinile bianco e blu marmorizzato, copertina senza codice a barre, completa di coupon per il download digitale, inner sleeve ed inserto con testi. Lp pubblicato dalla Sacred Bones nel maggio 2014, dopo "Spoiler" (13), il quarto album. Con il contributo di alcuni membri dei Godspeed You! Black Empereor, il sassofonista Colin Stetson e Elias Bender Ronnenfelt (Iceage), Damon McMahon continua nel suo processo di evoluzione del proprio suono, in un disco che fino ad ora, risulta il piu' curato della discografia; il suono e' un cantautorato moderno giocato sempre su miscelazioni acustiche ed elettriche, su una matrice velvetiana su cui via via McMahon aggiunge la propria personale impronta, talvolta vicina ad estetiche psichedeliche (Syd Barret e Opal), in altre situazioni evoca WIll Oldham o Devendra Banhart e il tocco agrodolce di David Kilgour e i suoi Clean. Amen Dunes e' il progetto individuale di Damon McMahon, iniziato nel 2006 a New York, prima del suo trasferimento in Cina, a Pechino, dove ha vissuto per qualche anno; successivamente, con il ritorno negli States, pubblica il primo lavoro dal titolo "Dia" nel 2009 su Locust Music, da uno sgangherato lo fi fra garage, lo fi e pop, cui seguono l'Ep "Murder dull mind" e il secondo full lenght, "Through donkey jaw" nel 2011. La sua musica e' un lo-fi psichedelico cupo, caratterizzato da improvvisazioni e da registrazioni in diretta, con miscelazioni di sonorita' acustiche ed elettriche.
Euro
30,00
codice 2122299
scheda

Page: 9 of 260


Pag.: oggetti: