Hai cercato:  Ultimi arrivi (lista aggiornata ogni giovedi' sera) --- Titoli trovati: : 510
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1980  editions mego 
punk new wave
Ristampa con copertina esclusiva. Pubblicato nell'agosto del 1980 su Dome in Gran Bretagna, prima di ''Dome 2'' (1981), questo e' il primo e piu' album del progetto di Gilbert e Lewis, messo in atto appena disciolti (momentaneamente) i Wire. Un disco davvero ostico, in cui i due diedero sfogo alle velleita' sperimentali solo in parte rivelate dal gruppo-madre, manipolando voci, strumenti, nastri. ai limiti con la musica industriale, con momenti cupi e pesanti ed altri rarefatti, sognanti ma sempre molto inquieti; alla voce nella stranita "Cruel When Complete" Angela Conway, qui indicata come A.M.C., cantante degli A.C.Marias e collaboratrice anche del progetto He Said di Graham Lewis. Sotto questa sigla Bruce Gilbert e Graham Lewis, membri dei temporaneamente sciolti Wire, realizzarono tre ostici e sperimentali album fra il 1980 ed il 1981, ''Dome 1'', ''Dome 2'' e ''Dome 3'', in cui il lato piu' sperimentale della musica degli Wire era portato all'estremo e fuori dai confini del rock.
Euro
26,00
codice 3023855
scheda
Dr. john babylon
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa del gennaio 2020, in vinile 180 grammi per audiofili, copertina non apribile, del secondo album del grande musicista di New Orleans, scomparso il 6 giugno 2019, pubblicato nel gennaio del 1969 in Usa su Atco, dopo il primo album "Gris-Gris" (1968) e prima di "Remedies" (1970). Disco forse meno messo a fuoco del magnifico esordio, e' cionondimeno assai stimolante ed intrigante, oltre che ricchissimo di idee nel suo approccio apparentemente caotico, che d'altro canto l' artista stesso considera specchio del caos dei tempi. E ben da' l' idea dei mirabolanti spettacoli live dell' epoca di Mr. Rebennack, omaggio alla tradizione Mardi Gras della sua New Orleans. Pianista, chitarrista, compositore e cantante di New Orleans, Dr. John e' stato uno dei massimi esponenti della musica '' di fusione'' degli anni '60, il suo stile era originalissimo, ed incorporava elementi che vanno dal r'n'b' al cajun, dalla musica caraibica al jazz, dal blues alla psichedelia; molto pittoreschi erano anche i costumi che indossava, coerenti con l'eclettismo della sua musica e con lo spirito della natia New Orleans. Il suo primo album ''Gris gris'' (1968) e' considerato una perla nascosta nel vasto panorama musicale degli anni '60. Comincio' a suonare come professionista appena adolescente, a meta' anni '50; la sua nutrita discografia contiene lavori assai apprezzati, in particolare quelli usciti a cavallo fra gli anni '60 ed i '70.
Euro
29,00
codice 2108321
scheda
Dr. k's blues band Dr. k's blues band
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  trading places 
rock 60-70
Copertina senza codice a barre. Ristampa del 2024 ad opera della Trading Places, pressoché identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1968 dalla Spark nel Regno Unito ed intorno al 1970 dalla World Pacific negli USA, l'unico album dei Dr. K's Blues Band, formazione British blues attiva nei tardi anni '60 e formata da Richard Kay (pianoforte), Eric Peachy (batteria), Harold Vickers (basso), Roger Holt (chitarra, chitarra slide, resonator guitar), Geoff Krivit (chitarra) e Mick Hasse (voce, armonica); Krivit era stato brevemente un membro dei Bluesbreakers di John Mayall nel tardo 1965, in qualità di sostituto temporaneo di Eric Clapton. Il loro eponimo album è un lavoro di rock blues senza fronzoli con valide parti di piano boogie, dal sapore davvero vecchio stile in alcuni episodi come "Crippled Clarence", che sembra uscito da qualche disco degli anni '30 o '40 (ma i brani sono tutti composti da membri della band), una competente chitarra slide e cantato melodico, decisamente "bianco", supportate da una sezione ritmica granitica e competente; non a caso Eric Peachy si sarebbe più tardi unito ai Khan di Steve Hillage. Questa la scaletta: "I Can't Lose", "Walking", "Key To The Highway", "Crippled Clarence", "Pet Cream Man", "Messin' With The Kid", "Don't Quit The Man You Love For Me", "Rolty's Banjo Shuffle", "Strobe Lemming's Lament", "Long Distance Call", "Feel So Bad".
Euro
23,00
codice 3515702
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1969  Mercury 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
la prima molto rara stampa inglese, copertina (con moderati segni di invecchiamento) laminata fronte e retro, etichetta nera e argento con "griglia", catalogo SMCL20136. Uscito nel 1969, prima di "John Dummer Blues Band", il primo album della blues band formatasi nell'estate del 1967 a Londra, non entrato nelle clasasifiche Uk ne' in quelle Usa. Amatissimo dalla critica dell' epoca, vede alla voce Jo-Anne Kelly impegnata in due brani, inciso con una formazione che vede nella line-up Dave Kelly (alla chitarra ed alla voce, fratello di Jo-Anne e presto autore anche di due albums solisti), T.S.McPhee (chitarra e voce, presto nei grandi GROUNDHOGS), John O'leary (armonica) e Thumper Thompson (basso), oltre a John Dummer (ovviamente alla batteria). Si tratta di uno dei piu' importanti e celebrati capitoli del "British Blues", da accostare alle prime incisioni dei Fleetwood Mac. John Dummer, musicista (esattamente batterista) amatissimo dalla critica inglese dell' epoca, formo' la sua band nell' estate del 1967 a Londra; nel gruppo transitarono personaggi del calibro di Dave Kelly e Tony Mc Phee dei Groundhogs. La band , una delle piu' importanti realta' del nuovo blues inglese, suonava un potente e serrato blues nello stile di Chicago, piu' tradizionalisti rispetto ai Fleetwood Mac ma piu' incisivi ed ortodossi.
Euro
190,00
codice 219384
scheda
Dummer john blues band john dummer band (second album)
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1969  MERCURY 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
Realizzato a nome John Dummer Band, prima molto bella e molto rara stampa inglese, copertina laminata sul fronte e sul retro, etichetta nera ed argento, catalogo 20167SMCL. Pubblicato in Inghilterra nell' ottobre del 1969 dopo ''Cabal'' (che era stato pubblicato a nome John Dummer Blues Band) e prima di ''Famous music band'' (accreditato a John Dummer`s Famous Music Band), non entrato nelle clasasifiche Uk ne' in quelle Usa, il secondo album dello storico gruppo inglese guidato dal batterista John Dummer. Registrato con i nuovi arrivi Bob Hall al piano (in realta' gia' nelle prime line up del gruppo), ed Adrian Pietryga alla chitarra (nello stesso 1969 nell' album di Dave Kelly "Keeps It In The Family", ed entrato nel gruppo per sostituire Tony McPhee, che ne era uscito per riformare i Groundhogs), oltre ai fratelli Dave e Jo-Ann Kelly ed a Ian Thumper-Thompson, tutti gia' nell' album precedente, e' un lavoro amatissimo dalla critica dell'epoca. Il disco, che contiene tra gli altri il singolo "Try Me One More Time", sara' l' ultimo lavoro inciso con Dave Kelly, che qui' compone o arrangia gran parte dei brani (divisi appunto tra originali, covers e traditionals); Melody Maker lo recensi' con le seguenti parole ''A lively collection of British type blues and allied songs which gets away from the conteporary image''. John Dummer, musicista (esattamente batterista) amatissimo dalla critica inglese dell' epoca, formo' la sua band nell' estate del 1967 a Londra; nel gruppo transitarono personaggi del calibro di Dave Kelly e Tony Mc Phee dei Groundhogs. La band , una delle piu' importanti realta' del nuovo blues inglese, suonava un potente e serrato blues nello stile di Chicago, piu' tradizionalisti rispetto ai Fleetwood Mac ma piu' incisivi ed ortodossi.
Euro
300,00
codice 109052
scheda
Dylan bob world gone wrong
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1993  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa rimasterizzata, pressocche' identica alla prima rarissima tiratura. Pubblicato dalla Columbia nell' ottobre del 1993, dopo "Good As I Been To You" e prima di "Time Out of Mind" (senza considerare live e raccolte varie), giunto al 70esimo posto delle classifiche americane, ed al 35esimo di quelle inglesi. Ancora piu' bello del disco precedente, come il suo predecessore, anche questo disco, il 29esimo in studio del grande artista americano, fu registrato in assoluta solitudine, con chitarra acustica, armonica e voce, con un Dylan ispiratissimo che, con toni sepolcrali, si cimenta con classici brani della tradizione folk e blues americana, con un tono che ricorda il primo album del 1962, ma anche indubbiamente ed inevitabilmente con il segno di una dolente maturita', immediatamente rintracciabile sin dalla voce, roca ed indolente. Scarse vendite ma grandi recensioni.
Euro
29,00
codice 2108405
scheda
Egg egg
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  deram nova / private 
rock 60-70
Ristampa private press, copertina lucida senza barcode, pressoche' identica alla prima rara tiratura, etichetta rossa con logo e scritte nere. Pubblicato in Inghilterra nel marzo del 1970 prima di ''Polite Force'', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il primo album. Lavoro dalla forti influenze Canterbury ma anche progressive, e' dominato dalle tastiere di Dave Stewart, che mischiano in un amalgama magistrale jazz e progressive con lunghe fughe strumentali ed un angolazione tipicamente rock , numerosi anche i riferimenti classici e la sperimentazione, vedi "Bulb" e "The Song of McGillicudie the Pussilanimous", mentre "Blane" e "I Will Be Absorbed" sono brani piu' vicini al canonico rock Britannico del periodo. Nati dalle ceneri degli Uriel, gruppo attivo dal vivo per qualche tempo con Steve Hillage, Clive Brooks, Mont Campbell e Dave Stewart, divennero Egg dopo l' abbandono di Hillage (che sara' con Khan, Gong, e solista), pubbliando un singolo per la Deram nel 1969 ma riunendosi con Hillage per un unico album, uscito nello stesso 1969 sotto la denominazione di Arzachel, mentre gli Egg pubblicheranno il loro primo album nel 1970, diventando uno dei gruppi di culto del Canterbury sound con i loro tre album pubblicati fra il 1970 ed il 1974 (nell' ultimo dei quali e' ospite lo stesso Hillage in un brano). Il gruppo proponeva una musica con influenze jazz e classiche, dominata dall'organo di Dave Stewart, dalle ritmiche complesse e non scevra da tentativi sperimentali che talvolta sfioravano il rumore, in particolare nel secondo album, "The polite force" (1971). Molti brani consistono in lunghe e complesse suite, come "Symphony no. 2" che occupa l'intero secondo lato di questo album. Dave Stewart si uni' successivamente ai Khan (con Steve Hillage) e poi agli Hatfield And The North insieme a Mont Campbell, mentre Clive Brooks si aggrego' ai Groundhogs. Gruppo assai interessante per quanto poco noto, gli Egg potranno interessare in particolare gli estimatori di Soft Machine, Caravan e Matching Mole, ai quali possono essere accostati pur mantenendo una propria originale identita' artistica.
Euro
23,00
codice 2126869
scheda
Eilish billie Happier than ever
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  darkroom 
indie 2000
copertina apribile. Il secondo album in studio per la giovane artista statunitense. Prodotto dalla stessa cantante insieme al fratello FINNEAS a Los Angeles. Un disco in parte "sperimentale" con brani che intrecciano drum'n'bass, hip-hop e pop-rock in maniera originale. Ha avuto una buona accoglienza da parte della critica musicale. Note complete a seguire. Billie Eilish Pirate Baird O'Connell, conosciuta semplicemente come Billie Eilish è una cantante, songwriter statunitense, in bilico tra Alternative R&B, Electropop Ambient Pop, Pop Soul, Art Pop. Nel 2016 la sua canzone "Ocean Eyes" è diventata virale sulla piattaforma di streaming di musica digitale Spotify. Nell'agosto 2017 è uscito l'EP di debutto Don't Smile at Me. È stata nominata da Apple Music come UpNext nell'ottobre dello stesso anno. Nel 2019 ha pubblicato l'album in studio d'esordio !When We All Fall Asleep, Where Do We Go?", trainato dai singoli di successo planetario "When the Party's Over", "Bury a Friend" e "Bad Guy". Torna nel 2021 con il secondo disco "happier than ever".
Euro
29,00
codice 2126995
scheda
Eilish billie When we all fall asleep, where do we go?
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  interscope 
indie 2000
edizione in vinile giallo, copertina apribile, adesivo su cellophane, barcode 00602577427664. Disco dell'anno per diverse testate giornalistiche, "When We All Fall Asleep, Where Do We Go?" (2019), disco d'esordio di Billie Eilish, è stato scritto, prodotto e registrato interamente dalla diciassettenne songwriter nella sua casa d’infanzia a Highland Park, Los Angeles, con l’aiuto del fratello Finneas.Tra pop/r’n’b ed electro-Hip Hop, un ottimo debutto per un artista giovanissima ma che sta già facendo parlare di sé Billie Eilish Pirate Baird O'Connell, conosciuta semplicemente come Billie Eilish è una cantante, songwriter statunitense, in bilico tra Alternative R&B, Electropop Ambient Pop, Pop Soul, Art Pop. Nel 2016 la sua canzone "Ocean Eyes" è diventata virale sulla piattaforma di streaming di musica digitale Spotify. Nell'agosto 2017 è uscito l'EP di debutto Don't Smile at Me. È stata nominata da Apple Music come UpNext nell'ottobre dello stesso anno. Nel 2019 ha pubblicato l'album in studio d'esordio !When We All Fall Asleep, Where Do We Go?", trainato dai singoli di successo planetario "When the Party's Over", "Bury a Friend" e "Bad Guy".
Euro
36,00
codice 2127001
scheda
Electric prunes underground (180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  mono  eu  1967  music on vinyl 
rock 60-70
Ristampa in mono del gennaio 2020, in vinile 180 grammi per audiofili, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura su Reprise. Pubblicato in Usa nell'agosto del 1967 dopo ''I Had Too Much To Dream Last Night'' e prima di ''Mass in F Minor'', non entrato nelle classifiche USA e non pubblicato all'epoca in UK. Il secondo album. Lavoro da considerarsi a pieno titolo tra i masterpieces del suono Americano del decennio, registrato in un clima fuzz sognante non dissimile dall'esordio, forse ancora piu' potente e dinamico, ma privo delle hits "I Had Too Much to Dream (Last Night)" e "Get Me to the World on Time", vede il gruppo in forte crescita sia nello stile che nella personalita' compositiva con oltre meta' dei brani scritti da loro stessi, o dai collaboratori storici Annette Tucker e Nancie Mantz che con i loro testi misteriosi ed atmosferici conferiscono un tono flower power e surreale a episodi quali "The Great Banana Hoax", "Children of Rain", "Dr. Do-Good", "Antique Doll". musicalmente l'opera e' stata piu' volte accostata allo psychedelic pop anche a causa del grosso utilizzo dei reverberi, specie nelle chitarre, e degli effetti di studio, tra i brani "Hideaway", "Dr. Do-Good", "Long Day's Flight", quest' ultima certamente uno dei capolavori del garage psychedelico Americano, "I Happen to Love You", uno dei piu' oscuri e sottovalutati episodi blues di Goffin/King.
Euro
29,00
codice 2108406
scheda
Electric wizard Electric wizard
LP [edizione] nuovo  stereo  uk  1994  Rise above 
indie 90
Copertina apribile, label custom verde con scritte bianche. Pubblicato nel nel 1994 dalla Rise Above, qui nella ristampa del 2006 ad opera della stessa etichetta, questo e' il primo eponimo album degli Electric Wizard, uscito prima di ''Come my fanatics...'' (1996). Il primo devastante album degli Electric Wizard rivaleggia in potenza con i leggendari Sleep, altro importante gruppo doom degli anni '90. Il gruppo inglese si cimenta con cupe ed inesorabili colate laviche sonore a base di chitarre distorte e basso e batteria martellanti di scuola Black Sabbath, derive acide e spaziali in brani come ''Mountains of Mars''; se fossero vissuti nella terra di mezzo sarebbero stati indubbiamente il gruppo preferito dei Nazgul. Formatisi in Inghilterra intorno al 1993, gli Electric Wizard sono considerati uno dei principali gruppi doom a cavallo fra il '900 ed il nuovo secolo; definiti da alcuni come la band ''piu potente dell'universo'', sono dediti ad un cupo e pesantissimo metal, dall'incedere lento ed ipnotico, indubbiamente influenzato dai Black Sabbath. Il loro primo eponimo lp esce nel 1994, ma e' con il terzo album ''Dopethrone'' che salgono in vetta alla oscura cima del doom metal, attraverso chilometrici e mantrici assalti chitarristici come ''Funeralopolis'' e ''I, the witchfinder''. Successivamente contrasti interni portano ad un massiccio rimaneggiamento nella formazione, che ruota sempre attorno al cantante e chitarrista Justin Oborn.
Euro
31,00
codice 2126871
scheda
Eno Brian here come the warm jets
Lp [edizione] ristampa  stereo  ita  1974  polydor 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
ristampa italiana della fine degli anni '70, copertina (con davvero lievissimi segni di invecchiamento) pressoche' identica alla prima rara tiratura su Island, senza barcode, etichetta rossa con logo nero e bianco in alto, catalogo 2310574, data sul trail off dei due lato "25/10/77", timbro Siae del terzo tipo, in uso dal 1978/79, con marchio Siae che non ne occupa piu' l' intero cerchio centrale. Pubblicato in Inghilterra nel gennaio del 1974 dopo ''No Pussyfooting'' e prima di "Taking Tiger Mountain By Strategy'', giunto al numero 26 delle classifiche Uk e non entrato in quelle Usa. Il primo album solista. "Here Come the Warm Jets", leggendaria opera tra sperimentazione e pop mutante che mischia melodie decadenti ad arrangiamenti postmoderni e sofisticati, vede Eno riprendere il discorso interrotto dopo l'uscita dai Roxy Music, registrato con i Roxy Phil Manzanera e Andy Mackay, oltre a Robert Fripp tra gli altri, vede straordinarie composizioni dello stesso Eno dalla vena musicale e lirica originalissima ed al limite della bizzarria, tra di esse "Baby's on Fire," "Dead Finks Don't Talk", grande merito della '' stranezza'' dell'opera e' da attribuirsi comunque alle manipolazioni sonore di eno stesso, che inizia qui a dare prova dell'immane talento produttivo che lo portera' in futuro a divenire uno dei piu' celebri e richiesti suomini di studio del mondo. Opera assolutamente Avant-garde ma allo stesso tempo pop ed accessibile, Here Come the Warm Jets suona immaginifico e complesso oggi come nel 1974 e conferma che la sua fama di opera straordinaria e visionaria e' del tutto meritata.
Euro
26,00
codice 259870
scheda
Evil (florida garage punk) from a curbstone / short life
7" [edizione] nuovo  mono  eu  1966  florida archive 
rock 60-70
singolo in formato 7", edizione in vinile nero, copertina con apertura per il disco in alto, flipback sul retro, senza barcode, etichetta nera con scritte argento, foro al centro largo. Uscito nel gennaio del 2014, questo singolo contiene due dei cinque brani registrati in un unico giorno in studio durante la primavera del 1966 dalla grande garage band americana di Miami, Florida, autrice di un unico singolo nello stesso 1966, pubblicato prima da una piccola etichetta locale e poi dalla Capitol su scala nazionale (la facciata A di quel singolo, "Always Running Around", era stata registrata nella stessa session di cui sopra), ma omaggiata da varie pubblicazioni postume, tra cui un album nel 1997 coaccreditato ai Montells, formazione nella quale aveva militato il batterista Jeff Allen, che ad intermittenza suonava con la band, alternando viaggi in Inghilterra da cui importava le migliori gemme della scena del momento sottoponendole ai compagni prima che divenissero note e fossero coverizzate da altri. Non abbiamo pero' qui' a che fare con due covers, ma due splendidi brani originali. Il garage punk di "From a Curbstone" e "Short Life", precedentemente inedite, dimostra ampiamente la statura di una grande band!
Euro
13,00
codice 3028136
scheda
Experimental audio research koner experiment (180 gr.)
lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1997  space age recordings 
indie 90
Edizione in vinile bianco, pesante 180 grammi; ristampa del 2023, con i dieci brani contenuti in un unico vinile, dell' album (ormai raro) originariamente doppio, pubblicato dalla Mille Plateaux nel marzo del 1997, dopo "Phenomena 256" (1996) e prima di "Millennium Music - A Meta-Musical Portrait" (1997). "The koner experiment" e' il quarto album del gruppo fondato fra il 1993 ed il 1994 da Sonic Boom (ex Spacemen 3), Kevin Shields (My Bloody Valentine), Eddie Prevost (A.M.M.) e Kevin Martin (God). Una sorta di "super gruppo" sperimentale, formato da personaggi di spicco della musica underground, gli E.A.R. propongono un suono piuttosto lontano dal rock, fra minimalismo, noise ed elettronica: il risultato e' una serie di spettrali ed onirici paesaggi sonori, in cui si incontrano la veglia ed il sogno. In questo lp, composto da dieci tracce senza titolo, il quartetto e' coadiuvato da Andy Mellwig e dal musicista minimalista Thomas Koner e da' vita ad un lavoro dalle tinte particolarmente scure, a tratti vicino alle sperimentazioni dei coevi Main. Un disco che potreste portare con voi sulla luna se mai avrete occasione di andarci e di farci una passeggiata. Pete Kember, in arte Sonic Boom, e' uno dei fondatori della storica band degli Spacemen 3 e poi degli Spectrum, e piu' tardi impegnato in produzioni di interessanti bands quali MGMT e Panda Bear. Dopo l'acrimonioso scioglimento dei grandi Spacemen 3 che aveva formato insieme a Jason Pierce, Sonic Boom dette avvio ad una carriera solista che lo porto' progressivamente piu' vicino alla musica sperimentale, partendo dagli esordi di pop psichedelico e minimale di ''Spectrum'', passando per l'esperienza della sua band dallo stesso nome, per arrivare al progetto sperimentale E.A.R. Il minimalismo e le sperimentazioni elettroniche di pionieri come Delia Derbyshire sono fra le maggiori e più costanti fonti di ispirazione per i suoi lavori solisti. Con il progetto Experimental Audio Research (E.A.R.), con il quale hanno collaborato illustri colleghi quali Thomas Köner e Andy Mellwig (Porter Ricks), Kevin Shields (My Bloody Valentine), Kevin Martin (The Bug, King Midas Sound) and Eddie Prévost (AMM), Sonic Boom esplora composizioni strumentali free-form, senza una precisa connotazione strutturale, fortemente evocative fra elettronica, minimalismo, influenze di musica cosmica tedesca ed ambient.
Euro
32,00
codice 2126872
scheda
Ezra winston Myth of the chrysavides (+ booklet)
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1988  ezra works 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima rara e ricercata stampa, pressata solo in Italia, copertina (con giusto lievissimi segni di invecchiamento ed una scritta a penna biro sul retro in basso, su sfondo scuro e quindi poco visibile) senza barcode, completa del libretto di sedici pagine con testi ed artwork, label nera con scritte bianche, catalogo EWLP01. Pubblicato nel 1988 in forma privata su Ezra Works solo in Italia, il primo raro album degli Ezra Winston, precedente "Ancient afternoons" (1990). Il primo album della prima fase della storia della band, "Ancient afternoons" fu inciso con la formazione a cinque composta da Mauro Di Donato (synth, samplers, basso, voce), Paolo Lucini (flauto, ottavino), Fabio Palmieri (chitarre elettriche ed acustiche), Daniele Iacono (batteria, vibrafono, percussioni) e Mario Bianchi (samplers ritmici, synth, piano, organo). E' un lavoro in gran parte strumentale, composto da due lunghissimi brani fra i sedici ed i diciotto minuti di durata, e da due di media durata; il gruppo suona un delicato ed intricato progressive rock, dalle complesse articolazioni e dall'andamento dinamico, ma anche capace di esprimere passaggi fiabeschi e delicatissimi dagli arrangiamenti elettroacustici, con le tastiere ed i sintetizzatori in particolare evidenza; vari appassionati non a caso hanno evocato accostamenti ai Genesis ed al progressive sinfonico, come anche, in episodi come "The journey in the world above", ai Marillion. Il sound della band è qui avvolgente, solenne ma non eccessivamente centrato sul virtuosismo, bensì su atmosfere distese ed immaginifiche tipiche del classico progressive melodico degli anni '70. Formatisi a Roma nel 1979, gli Ezra Winston sono stati fra i maggior gruppi di rock neo-progressivo italiano degli anni '80, caratterizzandosi per uno stile eclettico che incorporava elementi jazz, classici e medievaleggianti; pubblicarono due apprezzati album, "Myth of the chrysavides" (1988) e "Ancient afternoons" (1990), prima di sciogliersi nel 1992. Si sono poi riformati negli anni '90 e 2000, e nel 2021 è uscito un nuovo lp con materiale registrato nei primi due decenni del XXI secolo.
Euro
50,00
codice 259886
scheda
Faith percy and his orchestra Younger than springtime
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1970  harmony 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soundtracks
prima stampa USA, copertina cartonata, label marrone con logo Harmony bianco in alto, catalogo H30020. Pubblicato nel 1970 dalla Harmony negli USA, sottoetichetta della Columbia, e dalla Hallmark nel Regno Unito, questo album vede Percy Faith proporre i suoi arrangiamenti di un set di brani del Great American Songbook, composti da autori come George Gershwin, Richard Rodgers, Cole Porter e Loerner & Loewe, fra gli altri, rivestendole con orchestrazioni avvolgenti e romantiche, ma anche moderatamente spumeggianti. Questa la scaletta: "Some Enchanted Evening", "Laura", "Begin The Beguine", "Deep Purple", "Summertime", "Younger Than Springtime", "Where Or When", "I Loved You Once In Silence", "If Ever I Would Leave You". Musicista americano di origini canadesi, Percy Faith (1908-1976) è ricordato come uno dei più famosi autori di musica easy listening degli anni '50 e '60; inoltre, al di fuori di una vasta produzione discografica propria, egli fu anche un brillante arrangiatore, contribuendo negli anni '50 al successo di brani interpretati da nomi come Doris Day, Johnny Matis e Tony Bennett, quando lavorava per la Columbia. Pianista di grande talento, si concentrò presto sulla carriera di arrangiatore dopo essere rimasto ferito alle mani in un incendio quando aveva appena diciotto anni, ma questa sventura lanciò la sua carriera di arrangiatore di grande successo, caratterizzato da uno stile ricco ed avvolgente. Divenne cittadino statunitense a metà anni '40 e nel 1950 entrò nella Columbia Records come produttore ed artista solista, facendosi strada come uno dei pionieri dello easy listening di una musica orchestrale d'atmosfera dai risvolti pop, suadente ed avvolgente, oltre a sperimentare con i ritmi latini (del 1952 è il suo primo singolo da numero uno in classifica, "Delicado"). Sempre negli anni '50 cominciò a lavorare nel mondo delle colonne sonore, e nel 1960 ottenne un grandissimo successo commerciale ed un Grammy con la sua interpretazione di "The theme from A Summer Place" di Max Steiner.
Euro
18,00
codice 335777
scheda
Fall yarbles (22nd september 2002, blackburn)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2002  secret records 
punk new wave
Edizione limitata, in vinile 180 grammi, etichetta nera ed oro. Pubblicato nell' ottobre 2014, questo album contiene la testimonianza del concerto eseguito dalla seminale band inglese di Manchester guidata da Mark E. Smith (r.i.p.) al King George's Hall di Blackburn il 22 settembre del 2002, tra gli albums in studio "Are You Are Missing Winner" (2001) e "The Real New Fall LP (Formerly Country on the Click)" (2003). Da un concerto (splendidamente registrato) realizzato anche in dvd, una scaletta in perfetto equilibrio tra vecchi classici del gruppo, brani piu' recenti ed una manciata di covers, suonati con una band eccellente (tra le innumerevoli line up dei Fall, in cui il dispotico Smith e' stato l' unica costante). Questa la lista dei brani contenuti: A1 To Nkroachment: Yarbles A2 Cyber Insekt A3 Behind The Counter A4 Touch Sensitive A5 Hey! Luciani A6 There's A Ghost In My House (vecchio classico soul) B1 Mr. Pharmacist (cover di un classico del garage punk americano, dagli Other Half) B2 Bourgeois Blues (da Leadbelly) B3 I Wake Up In City/My Ex-Classmate's Kids B4 Victoria (cover dai Kinks) B5 White Lightnin' (cover di un classico minore del rock'n'roll) B6 Hit The North. Nati nell'epoca punk, hanno sempre conservato l'etica del Do It Yourself mantenendo la semplicita' strutturale dei brani e le storpiature vocali autodidatte di Mark Smith, ibride melodie che si accostano al post-punk mantenendo un piglio artistico personale e distintivo, realizzazioni che grazie alla alta qualita' dei testi, sono riuscite a mantenere costanti nel tempo le attenzioni e le lodi, di critica e pubblico. La critica paragonera' Mark Smith ad un Captain Beefheart della new wave , e il progetto Fall come alter ego delle emanazioni Pere Ubu; senza eccedere in oscurita' introspettive o cadere nel romanticismo synth-pop e contemporaneamente lontani dalla sperimentazione piu' estrema, i brani dei Fall, popolari quanto intellettuali, godono di un incedersi monotono, specchio di una estetica che trova energia espressiva in un minimalismo composito quanto sofisticato nell'esecuzione.
Euro
25,00
codice 3023845
scheda
Family cat Furthest from the sun
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1992  dedicated 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent indie 90
Prima stampa Uk, copertina lucida, etichetta bianca con scritte nere e rosse, Lp pubblicato in Uk dalla Dedicated nel giugno 1992, dopo "Tell'em we're surfin'" (89), prima di "Magic happens" (94), il secondo album del gruppo inglese, giunto alla posizione n.53 delle classifiche inglesi. Album che vede una giovane PJ HARVEY ai cori in 2 tracce ("Colour me gey" e "River of diamonds") e che attua un'autentica miscela di riffs chitarristici grunge alla Mudhoney con flussi madchester e shoegazer in una sorta di versione piu' pigra dei Jesus and Mary Chain, con dinamiche che ricordano anche i Television e i Chameleons e una voce a che talvolta evoca Morrisey. Quartetto inglese attivo dal 1988 a Yeovil nel Somerset, autori di tre albums, da un suono indie chitarristico con elementi garage-punk; molto apprezzati dalle riviste specializzate inglesi, quali Melody Maker e New Musical Express, si sono fatti apprezzare per alcuni azzeccati singoli, come quello del debutto dall'inequivocabile titolo, "Tom Verlaine", pubblicato nell'estate 89, ma anche "Place with name" del 90, "Steamroller" del 92, "Springing the atom" e "Airplane gardens" del 93.
Euro
18,00
codice 103183
scheda
Fantasy paint a picture
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  absinthe 
rock 60-70
Ristampa del 2021, copertina apribile senza barcode, pressoche' identica alla prima rarissima tiratura su Polydor. Pubblicato in Inghilterra nel marzo del 1973, non entrato nelle classifiche Uk e non pubblicato all' epoca in Usa, il primo ed unico album. Uno dei piu' celebri lavori del progressive underground britannico, album dallo status leggendario e da sempre oggetto di ricerca da parte dei cultori del genere, e' l 'unico pubblicato dal gruppo, che si forma nel Kent come Chapel Farm nel 1970, denominazione con la quale producono un acetato (in formato 10" con quattro brani); nel 1971 entra nella formazione il nuovo cantante, Paul Lawrence, e nel 1972 cambiano il nome, prima in Firequeen e poi finalmente in Fantasy in 1973. "Paint A Picture" esce nello stesso anno e nonostante passi inosservato al grande pubblico, anche a causa della pressoche' inesistente promozione e distribuzione tipica degli act minori della Polydor dei primi ani '70, si conquista un seguito di culto tra gli appassionati del progressive in Inghilterra. La musica del gruppo, sognante e melodica, vicina nello spirito ai Genesis de periodo, vede numerosi passaggi radiofonici nei programmi di John peel, tra i brani molti quelli realmente notevoli, da segnalare almeno 'Circus', 'Award'￾, 'Icy River' e 'Young Man's Fortune'. Questa incarnazione della band si scioglie nel 1974 dopo aver registrato un secondo Lp rimasto inedito, 'Beyond The Beyond', mentre una nuova formazione dei Fantasy , con il cantante e bassista originari, tornera' sulle scene nel 1976, registrando 6 brani, anch'essi pero' non pubblicati all' epoca.
Euro
23,00
codice 2126873
scheda
Farr gary and the t-bones live on radio & tv 1965-66
7" [edizione] nuovo  mono  uk  1966  1960s 
rock 60-70
ep in formato 7", copertina senza barcode, flipback su due lati sul retro; pubblicato nell' aprile del 2019, questo ep contiene cinque brani (piu' uno stralcio di intervista) registrati durante tre differenti partecipazioni a trasmissioni televisive o radiofoniche, tra il 1965 ed il 1966, da Gary Farr insieme ai T-Bones (con KEITH EMERSON all' organo), autori di tre singoli ed un ep usciti fra il 1964 ed il 1965. "Maggie’s Farm" di Bob Dylan e "Give All She's Got" sono registrate il 28 giugno del 1965 per il Saturday Club della BBC, "Rock Candy" e "The Right Place" sono registrate per la Tv francese durante l' agosto del 1966, "Wooly Bully" di Sam the Sham & The Pharaohs e' registrata nell' agosto del 1965 per la trasmissione televisiva americana Shindig. Il gruppo era autore di un notevole e vibrante r'n'b bianco, che faceva ben poche concessioni al gusto pop e mostrava con orgoglio le sue radici nella musica afroamericana, fruttando una manciata di canzoni vicine ai primi Stones, agli Animals ed in certi casi ai primi Pretty Things. Dopo aver suonato in innumerevoli clubs Inglesi il suo R&B con i T-Bones, fra il 1964 ed il 1967 (autori di una manciata di notevoli singoli e di un ep), il cantante inglese del Sussex Gary Farr alla fine degli anni '60 cambia radicalmente stile e si avvicina ad un genere assai piu' acustico e sognante con atmosfere incantate e pastorali vicine al progressive. Il suo esordio solista ''Take somothing with you'' (1969) e' una superba collezione di ballate acide e malinconiche che vede la sua voce accompagnata da musicisti di Mighty Baby e Blossom Toes, oltre che da Meic Stevens. Il suo secondo album, ''Strange fruit'' (1971), vedeva anch'esso la presenza di membri dei Mighty Baby oltre a quella del grande Richard Thompson, ex Fairport Convention. Segui' il terzo lp ''Addressed to the censors of love'' (1973), inciso ai Muscle Shoals Sound in Alabama con musicisti diversi ed influssi r'n'b e pop.
Euro
11,00
codice 2108368
scheda
Fatback band keep on steppin'
Lp [edizione] nuovo  stereo  ger  1974  southbound/ace 
soul funky disco
ristampa pressocche' identica all' originale, copertina in cartoncino liscio, etichetta multicolore, del fantastico quarto album del gruppo di colore americano, originario di New York ed attivo sin dal 1969. Dopo i primi eccellenti "Let's Do It Again" e "Feel My Soul", il precedente "People Music" aveva rappresentato il definitivo capolavoro del gruppo, tra le pietre miliari di tutta la ricchissima scena funky afro-americana della prima meta' dei '70, a questo "Keep On Steppin' " l' ingrato compito di raccoglierne l' eredita', compito assolto egregiamente da un disco superlativo, magnificamente suonato, carico di una "groove" irresistibile e senza alcun episodio in tono minore. Ne vennero tratti i singoli "Keep On Steppin'" e "Wicky Wacky", tra gli episodi di un disco da taluni inspiegabilmente sottovalutato. La band si era formata come "houseband" dell' etichetta discografica Fatback guidata da Bill Curtis che, visto lo scarso riscontro di Diplomats, Puzzles e Mary Davis, tra i nomi della scuderia, decise nel '72 di abbandonare la sua label e dedicarsi a questo gruppo, procurandogli un contratto presso la etichetta Perception, impegnato in prima persona alla batteria. Nonostante il potenziale commerciale del primo singolo "Soul March" e la validita' del primo album, il riscontro commerciale non fu inizialmente pari alle attese, ma presto la fama del gruppo inizio' a crescere, e qualche piccolo successo arrivo'. Uno dei gruppi piu' ammirati ed imitati della funk music dell' epoca pre-disco, poi capace di mille metamorfosi, riuscendo spesso a mantenere elevata la proposta della sua musica.
Euro
29,00
codice 2108408
scheda
Fauns How lost
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2024  invada 
indie 2000
Il terzo album a ben 11 anni dal precedente "lights" del 2013. Il gruppo inglese di Bristol riprende le fila del loro suono shoegaze con inserti sofisticati di ritmi dance ed elettronica. La voce ispirata della cantante Alison Garner risulta eterea e seducente in una scaletta altrettanto ispirata che fa' ricordare i My Bloody Valentine ed I Catherine Wheel. I Fauns provengono da Bristol, dove Alison Garner (voce e chitarra) e Lee Woods (chitarra) si attivano nel 2007 insieme al chitarrista Alliot Guise, al bassista Michael Savage ed al batterista Guy Davies. Debuttano nel 2009 con l'album eponimo, realizzato in pochissime copie sulla propria label Laser Ghost, cui segue "Lights" nel 2013. Le coordinate sonore si assetano su un mix fra shoegaze e dream pop molto accattivante e seducente.
Euro
31,00
codice 2127050
scheda
Fear The record (ltd. magenta)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1982  music on vinyl 
punk new wave
Ristampa del 2024, in vinile 180 grammi per audiofili, edizione limitata di 1500 copie, numerate sul retro, in vinile magenta trasparente, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura. Il mitico primo album del folle, dissacrante, furioso e trascinante gruppo californiano di Lee Ving attivo dal 1977. Uscito negli USA su Salsh nel febbraio del 1982, non pubblicato in Gran Bretagna, circa due anni dopo la partecipazione alla storica colonna sonora di "The Decline of the Western Civilization", "The Record" e' un disco controverso, soprattutto per le discutibili posizioni politiche del gruppo, ma, indiscutibilmente, uno dei piu' importanti di tutto il punk americano. "I don't care about you" e' uno degli inni di sempre del punk, e "No More Nothing" quasi la vale, "New York's allright if you like saxophones" e' l'ennesima testimonianza del campanilismo delle varie scene punk americane in quegli anni infuocati, la cover stravolta e geniale di "We Gotta Get Out Of This Place" degli Animals (sembra di sentire i Residents in versione punk!) impagabile. Mai piu' si ripeteranno su questi livelli. Il bassista Flea, poi nei Red Hot Chili Peppers, suono' con loro per un breve periodo, che frutto' l'ep ''Fuck christmas'' (1983), mentre il batterista Spit Stix ebbe un intermezzo nella band di Nina Hagen; dopo l'album ''Live... for the record'' (1991) scomparvero quasi dalla scena, per poi tornare nel 1996 con ''Have another beer with fear''.
Euro
31,00
codice 2126907
scheda
Ferrari luc Photophonie
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  transversales 
classica cont.
Edizione limitata, inserto esterno a protezione della costola e con note di presentazione dell'album, copertina senza codice a barre, inner sleeve con note e foto, label bianca e nera, catalogo TRS14. Pubblicato nel settembre del 2019 dalla Transversales Disques, questo album compila incisioni finora inedite del geniale compositore francese. Per la celebrazione dei novant'anni della nascita di Ferrari, la Transversales ha approntato questa raccolta di inediti, incisi fra il 1973 ed il 1992, splendidi esempi di creazione musicale (dalle suadenti melodie) fondata sulla manipolazione di sonorità ambientali e "musique concrete". Un artista da riscoprire, capace di creare pezzi di stupefacente bellezza. Questa la scaletta: "Photophonie" (1989, musica per la mostra fotografica of Alain Willaume), "Il était une fois" (1973, commissionata dal G.M.E.B.), "Trans-Voices" (1992, curata dallo American Center, Parigi), "Tu m'écoutes" (1975). Luc Ferrari (1929-2005) fu uno dei fondatori con il grande Pierre Schaeffer del GRM (Groupe de Recherches Musicales) nei tardi anni '50, ed è ricordato come uno dei massimi protagonisti della "musique concrete" del '900. Formatosi negli anni '50 con Arthur Honegger, Alfred Cortot ed Olivier Messiaen, quindi nei primi anni '60 crea l'opera musicale "Hétéreozigote", composta da suoni ambientali, poi nel 1970 completò la composizione dell'opera di "musica fotografica" "Presque rien no. 1", creata con suoni ambientali provenienti da un villaggio iugoslavo. Ormai uno stimatissimo artista, negli anni '70 e '80 Ferrari allestì gli studi per l'incisione di musica elettronica ed elettroacustica Billig (1972) e "La muse en circuit" (1982).
Euro
29,00
codice 3512814
scheda
Fifth angel Time will tell
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1989  epic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent heavy metal
Prima rara stampa USA, copertina con barcode, label Epic blu, catalogo FE45021. Pubblicato nell'agosto del 1989 dalla Epic negli USA ed in Europa, il secondo album, successivo all'eponimo esordio del 1986 e precedente "The third secret" (2018). Inciso senza più il chitarrista James Byrd, che aveva lasciato la band per la carriera solista, e con la prima fase della carriera dei Fifth Angel ormai agli sgoccioli, "Time will tell" combina l'indubbio talento dei membri del gruppo con un approccio che strizza l'occhiolino ad un pubblico più vasto ed abituato a sonorità meno estreme rispetto alle avanguardie metal di fine anni '80: i brani del disco appaiono come un punto d'incontro fra la NWOBHM ed il pop metal, potenti e tecnici ma anche rivestiti di una patina melodica ed accattivante per un pubblico meno specialistico. Accostato dal critico Edoardo Rivadavia alla musica dei losangelini Dokken, "Time will tell" contiene anche una fedele cover di "Lights out" degli UFO. Fu il canto del cigno per la band, affossata dalle nuove tendenze del rock duro all'alba degli anni '90. I Fifth Angel sono un gruppo heavy metal originario di Bellevue, Stato di Washington, dove si formano nel 1984. Il gruppo si distanziava dall'emergente scena thrash, e si ispirava piuttosto all'epica e complessivamente più melodica NWOBHM, ma anche a gruppi del Nord Ovest statunitense come Metal Church e Queensryche. Nella loro musica sono evidenti gli influssi di gruppi come gli Iron Maiden, ma inseriti in un contesto più melodico e privo dei frequenti riferimenti storici e filosofici dei brani dei Maiden. Il quintetto pubblicò due album, un primo eponimo nel 1986 ed il secondo "Time will tell" nel 1989, prima che i cambiamenti nel gusto del pubblico li allontanassero definitivamente dalle luci della ribalta, portandoli allo scioglimento alla fine degli anni '80. Il gruppo riapparve nel 2010 e poi si ricompose in forma più solida nel 2017, per pubblicare nuovi lp, "The third secret" nel 2018 e "When angels kill" nel 2023.
Euro
34,00
codice 335768
scheda

Page: 8 of 21


Pag.: oggetti: