Hai cercato:  immessi ultimi 30 giorni --- Titoli trovati: : 554
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Dire straits On every street
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1991  vertigo/back to black 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, rimasterizzata dai master tapes originali, con gli stessi 12 brani dell' edizione originaria distribuiti su due dischi per una migliore qaulita' di ascolto, corredata di inner sleeves e di coupon con codice per il download digitale, pressoche' identica alla prima rara tiratura. Il primo vero album uscito dopo "Brothers In Arms" del 1985 al quale segui' nel 1988 "Money For Nothing", raccolta di singoli, inediti e di brani celeberrimi dal 1978 al 1984. (ndr Claudio Carpentieri/DeBaser) ...quando questo disco comparve nelle vetrine dei record shops, per me fu gia' una vittoria e la prima cosa che pensai - volente o nolente - era che il gruppo di Mark Knopfler agli anni '90 c'era arrivato, attraversando (per modo di dire, naturalmente) comunque tre decadi. A questo disco Mark Knopfler ci approda facendo soprattutto tesoro di quanto successo nel dopo "Brothers In Arms": dai piu' di 230 concerti in un anno, passando per due egregie colonne sonore come "Princess Bride" e "Last Exit To Brooklin", arrivando all'estemporanea avventura a nome Notting Hillbillies. A "Calling Elvis" spetta il ruolo di opener e lo fa alla grande, rivelandoci un appeal rock 'n' roll prima in maniera molto dimessa, poi di prepotenza dove e' un rovente stacco chitarristico a fare da ponte di congiunzione. La commovente citazione "There's gotta be a record of you somewhere, you gotta be on somebody's book" - che testimonia una vena poetica ad altissimi livelli - ci guida alla titletrack, che dispiega una calma e toccante interpretazione vocale per culminare in un limpido susseguirsi di accordi che si dimostra ancor piu' trascinante nel finale. Uno dei compiti piu' ardui di un disco - a mio sindacabilissimo giudizio - e' quello di riuscire a far peregrinare la mente di chi si cimenta nell'ascolto, tra i propri pensieri, ricordi (e perche' no?!) anche nei sogni, affermando il ruolo di personale colonna sonora, compito nel quale le dodici composizioni di questo album riescono pienamente. Questo e' dovuto anche alla diversita' di atmosfere che vengono a librarsi durante l'ascolto, infatti non e' difficile immaginare di consumare un gradevole doppio whiskey al bancone di un saloon sulle note di "When It Comes To You", o seduto in un elegante jazz club ascoltanto la garbata "Fade To Black" o fantasticando di attraversare le gloriose strade di Broadway alla fine degli anni '50 magicamente trasportati dall'amorevole "Ticket To Heaven". Bisogna prenderne atto che i Dire Straits non sono piu' il gruppo dove Mark Knopfler crea canzoni che vengono suonate solo dai suoi fidi, incaricati esclusivamente di preparare il campo ai suoi interminabili ed immortali assoli, ma con "On Every Street" Knopfler si circonda di eccezionali session men come Phil Palmer alla chitarra, Paul Franklin che fa da contraltare con la pedal steel guitar, Chris White al sax, Manu Katche e Jeff Porcaro (R.i.p.) alla batteria, oltre ad aver commissionato una completa gamma di ottoni per "My Parties" che parte in maniera poco pretenziosa e dove le esperienze extra-Straits del leader vengono ad essere convogliate in un brano dai toni innovativi. La volonta' di Knopfer di non voler rendere "On Every Street" la copia carbone di "Brothers In Arms", trova sicuramente conferma ascoltando il disco, dove la ritmata "The Bug" puo' parlare una lingua vicino a quella di "Walk Of Life", mentre la coriacea "Heavy Fuel" trovare l'intuibile accostamento a "Money For Nothing" senza subire pero' l'accusa di plagio. Di certo capolavori ricercati come "Planet Of New Orleans" o "You And Your Friend" (nonostante composta circa dieci anni prima), non avrebbero mai potuto trovare posto su alcuna delle pubblicazioni precedenti a On Every Street, cosi' come senza il "training" dei citati Notting Hillbillies ed il tirocinio pubblicato a nome "Chet&Mark", forse non avremmo potuto godere di perle rare come "Iron Hand" e la conclusiva "How Long".
Euro
48,00
codice 2129216
scheda
Dmz Lift Up Your Hood + 3
7" [edizione] nuovo  stereo  eu  1977  munster 
punk new wave
Ep in formato 7", ristampa del 2024, con copertina senza barcode pressoche' identica alla prima rara tiratura, del primo storico 7"ep (uscito per la Bomp! nell' anno di grazia 1977), il disco che piu' di ogni altro testimonia la grandezza della band bostoniana attiva dal '76 e gia' sullo storico "Live at the Rat", guidata da Jeff Connely/Mono Mann, presto con i Lyres. Enormemente superiore all' unico album della band che uscira' per la Sire un anno dopo, contiene quattro incredibili brani tra cui l' irresistibile "Busy man", che poi riprendera' piu' volte Connely negli anni, e la piu' travolgente cover di "You're gonna miss me" mai udita. All'epoca i DMZ erano davvero gli unici in grado di mettere insieme il garage e la psichedelia piu' acida con il punk rock settantasettino, con risultati che lasciano davvero senza fiato ancor oggi, anche negli altri due splendidi brani ("When I Get Off" e "Lift Up Your Hood").
Euro
14,00
codice 3034735
scheda
Dolly mixture Bbc radio sessions (+ poster)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  sealed 
punk new wave
Copertina senza codice a barre, corredata da poster apribile, label verde, di tonalità più su scura su di una facciata rispetto all'altra, scritte bianche e verdi, catalogo SEAL-029. Pubblicata nel settembre del 2023 dalla Sealed, questa antologia compila tutte e quattordici le tracce, rimasterizzate dalle fonti originali, registrate dalle Dolly Mixture per la radio BBC fra il 1979 ed il 1983, durante tre diverse sessioni, la prima con John Peel il 7 agosto del 1979, dalla straordinaria freschezza con la sua armoniosa sintesi fra melodia pop zuccherina ed urgenza e spiogolosità punk (e contenente l'inedita "Dolly Mixture theme song"), le altre due con Kid Jensen, il 9 settembre del 1982 ed il 27 ottobre del 1983, che evidenziano un gruppo più maturo, ed al tempo stesso più aperto alle influenze dei girl groups degli anni '60. Questa la scaletta: "Theme Song", "Dream Come True", "He's So Frisky", "New Look Baby", "Ernie Ball", "The Locomotion" (brani registrati il 7/8/79); "Spend Your Wishes", "Side Street Walker", "Dead Rainbow", "Understanding" (brani registrati il 9/9/82); "Winter Seems Fine", "Grass Is Greener", "Dust To Dust", "Whistling In The Dark" (brani registrati il 27/10/83). Le Dolly Mixture erano una band inglese tutta al femminile di Cambridge, protetta da Captain Sensible dei Damned, che ne produsse un paio di singoli; pubblicarono una manciata di 7" ed EPs fra il 1983 ed il 1984, anno in cui si sciolsero, oltre ad un rarissimo doppio album antologico, "Demonstration tapes" (1984). La loro musica è una pura delizia di low fi pop, un po' naif e caratterizzato da un umore agrodolce, tra le Shangri Las e le Raincoats piu' pop, imperdibile per tutti i cultori dell' indie pop di orientamento 60's, anche perche' queste ragazze anticiparono in modo clamoroso le migliori cose della scena Creation pre-Jesus & Mary Chain, molta della scena C-86 e quelli che saranno gli sviluppi di questo filone tra i piu' vitali ed importanti degli ultimi 30 anni in Inghilterra (ed ormai non solo).
Euro
30,00
codice 2129309
scheda
Dome (wire) Dome 3
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1981  editions mego 
punk new wave
Ristampa del 2019, rimasterizzata, con copertina con grafica rinnovata. Pubblicato nell'ottobre del 1981 su Dome in Gran Bretagna, il terzo album di questo progetto, successivo a ''Dome 2'' (1981). Si tratta di un lavoro in linea di massima ancor piu' astratto e lontano dal rock rispetto ai due precedenti, con brani scanditi da partiture minimali ed atmosfere oscure, con indubbie suggestioni minimaliste ma anche affinita' con lo industrial britannico che si manifestava all'epoca (Nurse With Wound, Throbbing Gristle...). Sotto questa sigla Bruce Gilbert e Graham Lewis, membri dei temporaneamente sciolti Wire, realizzarono tre ostici e sperimentali album fra il 1980 ed il 1981, ''Dome 1'', ''Dome 2'' e ''Dome 3'', in cui il lato piu' sperimentale della musica degli Wire era portato all'estremo e fuori dai confini del rock.
Euro
29,00
codice 3034751
scheda
Doom (mf doom) Born like this
LP2 [edizione] nuovo  stereo  uk  2009  lex 
hip-hop
Doppio album, ristampa del 2021 ad opera della Lex, pressoché identica alla rara prima tiratura, copertina con parti in rilievo sul fronte e sul retro e parti argentate sul retro, adesivo sul cellophane con nome dell' artista e titolo. Originariamente pubblicato nel marzo del 2009 dalla Lex, giunto al 52esimo posto in classifica negli USA, il primo ed unico album ad uscire a nome Doom, ed il sesto ed ultimo in totale, per il rapper Daniel Dumile, successivo a "MM... food" (2004, uscito a nome MF Doom). Dopo un periodo trascorso lontano dai riflettori musicali, Doom ritorna con un lavoro impreziosito dalle partecipazioni di J Dilla e Madlib (produttori di alcuni episodi), Raekwon, Bumpy Knuckles e Ghostface Killah (dietro l'alias Tony Starks), fra gli altri. Doom mantiene la sua brillante dizione nel rap, che si esprime su basi musicali dai toni dark e cinematici, molto ricche di sfumature e di riferimenti a differenti stili. MF Doom e' lo pseudonimo, preso in prestito da uno dei personaggi dei fumetti Marvel, Dr. Doom (MF sta per metal face), dietro al quale si cela l'alternative rapper e produttore Daniel Dumile (1971-2020), conosciuto anche come Zev Love X e Viktor Vaughn. Originario di Londra, poi trasferitosi a New York, e' stato uno dei membri della band hip hop KMD. Debutta come MF Doom nel 1999 con l'album "Operation: doomsday", seguito nel 2004 da "MM... food", ma ci sono state una miriade di realizzazioni con altri pseudonimi, o sideprojects, bootleg e remix; importante la collaborazione con Madlib battezzata Madvillain, che fruttò un solo splendido album, "Madvillainy" del 2004.
Euro
28,00
codice 3034698
scheda
Doors the doors
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  elektra / rhino 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi, nella sua versione stereofonica, copertina senza barcode pressoche' identica alla prima tiratura del 1967. Pubblicato originariamente negli USA nel Marzo del 1967 e giunto al numero 1 delle classifiche americane e non entrato nelle charts inglesi. Il primo album, uscito prima di ''Strange Days'', certamente uno dei dischi piu' importanti della storia del rock ed uno dei migliori lp's di debutto di sempre. E' l'album che rivela alla California prima, all' America dopo ed al mondo poi le incredibili potenzialita' della band di Los Angeles, la loro musica e' psychedelia totale e prende gli spunti da rock, blues, classica, jazz e poesia con una potenza devastante e mai ascoltata prima dovuta in massima parte alle doti vocali, poetiche e sceniche del suo perfetto cantante, la chitarra e l'organo si scambiano continuamente il ruolo di solista donando ai brani un' atmosfera ipnotica e notturna, la voce di Jim Morrison e' giustamente considerata uno dei vertici della musica rock in assoluto, le composizioni sono tra quelle epocali, "Light My Fire", "Break On Through", "The Crystal Ship", "End of the Night", "Take It as It Comes", "Soul Kitchen", "Twentieth Century Fox" e soprattutto gli 11 minuti di "The End" uno dei brani cardine della storia della musica rock in assoluto e simbolo della migliore stagione psychedelica californiana. Vera opera d'arte totale, certamente uno dei 5 o 10 albums di tutti i tempi, non sara' mai piu' eguagliato da nessuno, Doors compresi, nella intensita' e nella creativita' dirompente e senza limiti. Piu' che un disco una icona del secolo passato.
Euro
29,00
codice 2128994
scheda
Dopethrone Hochelaga
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2015  totem cat 
indie 2000
ristampa limitata a 250 copie, rimasterizzata del 2024, inserto, adesivo su cellophane. Il quarto album del trio canadese, formatosi nel 2008 a Hochelaga-Maisonneuve, Montréal, Québec, autore di uno stoner/doom figlio di Electric wizard (dal loro capolavoro traggono il nome del gruppo) ma con una proprensione più sludge "marcio", con riffs lenti, assoli stoner e la voce demoniaca del cantante.
Euro
27,00
codice 2128991
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1991  50 seel street 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima rara stampa inglese, copertina ruvida fronte e retro, completa dell' adesivo di presentazione sul fronte, etichetta custom rossa e argento, catalogo SEEL002LP, copia corredata di inserto per l' acquisto del merchandise del gruppo. Pubblicato in Inghilterra nel febbraio del 1991, il primo album, seguito nel 1993 dal secondo ed ultimo "Hypnotwister", della originalissima band di Liverpool, tra le piu'interessanti e misconosciute rivelazioni dei primi '90, mantrici, cosmici, chitarristici, con influenze che andavano da Hendrix, al blues, al funk, alla psichedelia fino al post punk ed al kraut rock; furono inseriti nella scena shoegazer inglese inizio anni '90 con gruppi quali Chapterhouse, Slowdive, Swervedriver o Ride, ma la loro musica era assai diversa, piu' dura e matura, suonata con formazione triangolare; si fecero conoscere suonando live ai festival di Glanstonbury e Reading, questo album, registrato live in studio, e i primi due 12'' sono senz'altro da considerarsi tra le opere di maggiore interesse espresse dall' Inghilterra del periodo; un album eccezionale, che non deludera' chi comprende la groove delle sonorita' di cui sopra. Provenienti dal nord ovest dell'Inghilterra, I Dr. Phibes furono attivi nella prima meta' degli anni '90. Autori di due album e di una manciata di ep, sono stati senza dubbio uno dei gruppi inglesi piu' sottovalutati del periodo; vennero accostati al contemporaneo movimento shoegazer, con il quale in verita' non avevano molto a che spartire, se non le atmosfere ipnotiche e le influenze psichedeliche: il loro approccio era piu' vicino all'acid rock che al pop, il loro aspetto rockettaro era decisamente distante da quello dei Ride ed i loro brani, lunghi e ricchi di passaggi strumentali, mal si adattavano ai canoni della canzone pop. I loro pochi dischi mescolano hard rock psichedelico con reminiscenze hendrixiane, space rock atmosferico e dilatato ed ottundenti muri sonori vicini allo shoegazer. Il loro primo ep ''Sugarblast'' esce nel 1990, seguito nel 1991 dal pregevole album ''Whirlpool'' e dal secondo 12'' ''Hazy''. Il secondo album ''Hypnotwister'' vede la luce nel 1993 ed il gruppo, assai apprezzato dal vivo, da' il suo ultimo concerto nel 1995 prima di sciogliersi di li' a poco.
Euro
26,00
codice 261032
scheda
Dragonfly ( usa ) dragonfly (+ insert)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  guerssen 
rock 60-70
Ristampa del 2024, rimasterizzata, con copertina apribile senza barcode pressoche' identica a quella della prima rarissima tiratura (sebbene con apertura per il disco non piu' all' interno ma a destra), uscita in Usa su Megaphone, corredata di inserto esclusivo con note e foto, e con tanto dell' adesivo dorato presente sul cellophane dell' edizione originaria qui sulla busta esterna plastificata. Pubblicato secondo alcune fonti (piu' attendibili in questo caso) nel 1970 e secondo altre nel novembre 1968, questo e' l' unico album della leggendaria band americana proveniente da Durango, Colorado, gia' autrice di un album nel 1968 a nome Legend; la loro musica e' un travolgente heavy rock chitarristico psichedelico, con influenze blues e progressive, potentissimo, distorto e graffiante, paragonato a Who, Src, Savage Resurrection o Plastic Cloud, ricco di effetti e sorretto da una inappuntabile produzione ed un songwriting superbo (una sola la cover presente, una versione iperdistorta di "Hootchie Cootchie Man" di Willie Dixon); il tutto concorre a fare dell' album uno dei vertici della produzione americana non solo underground dell' apoca, lavoro assurto presto allo status di culto assoluto. Tra i brani dell' album, segnaliamo le oramai leggendarie perle dell' underground ''I Feel lt'', "Enjoy Yourself", ''Portrait Of Youth'' e la spaziale '' Miles Away'', ma la qualita' del materiale e' tutta elevatissima. Lo stesso gruppo aveva realizzato un album per la stessa etichetta Megaphone sotto la denominazione ''Legend'' nel 1968, di orientamento piu' 60's pop, ed un 45 con una versione diversa di ''Portrait Of Youth'' un paio di anni prima. La band, per quanto oscura, e' sempre stata consideratissima nell' ambiente degli appassionati della psichedelia americana, tanto che numerosi loro brani tratti da questo rarissimo lavoro sono stati inseriti nel corso degli anni in celebri compilations, tra questi ''She Don't Care'' su "Reverberation IV", ''Blue Monday'' su "Sixties Archive Vol. 8" e ''Crazy Woman'' sull' EP allegato al libro francese "Le Rock Psychedelique Vol.1".
Euro
29,00
codice 2128937
scheda
Drake nick five leaves left
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  island 
rock 60-70
Bella ristampa in vinile pesante per audiofili, pressoche' identica alla prima tiratura pubblicata in Inghilterra su Island ed oggi rarissima, copertina apribile, etichetta Island rosa con logo nero. Pubblicato in Inghilterra nel Settembre del 1969 prima di ''Bryter Layter'', non entrato nelle classifiche Uk e non pubblicato all'epoca in USA. Il primo album. Vendette all'epoca della sua prima realizzazione meno di 500 copie, e questo da' la misura di quale dovesse essere la frustrazione di Drake per il risultato commerciale paragonato alla qualita' dell'opera, prodotto da Joe Boyd e suonato dal Fairport Convention Richard Thompson e dal Pentangle Danny Thompson, arrangiato dal compagno di scuola Robert Kirby, l'album e' uno dei capolavori assoluti della musica ''rock '' e certamente uno degli albums piu' artisticamente rilevanti e toccanti di ogni epoca, con un senso di struggimento, malinconia e un feeling autunnale che e' la quintessenza stessa della musica Inglese, i testi sono poetici e straordinariamente originali, mentre la musica riesce a fondere la ricerca strumentale con la piu' spontanea (e totalmente non artefatta ) perizia chitarristica, i brani sono tutti capolavori assoluti e non vi sono episodi minori, basti ricordare "The Thoughts of Mary Jane", "Way to Blue", "Three Hours", "Cello Song", solo per nominarne alcune. Assolutamente immancabile.
Euro
36,00
codice 2129003
scheda
Dream syndicate Days of wine & roses (expanded 2lp)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1983  fire america 
punk new wave
Doppio album, ristampa del 2023, corredata di codice per il download digitale, ampliata a doppio album, con il primo lp che contiene il primo album "The Days Of Wine and Roses" (1983) ed il secondo vinile che contiene i quattro brani del primo minialbum "The Dream Syndicate" (1982), copertina per l' occasione apribile, senza barcode, con esclusive inner sleeves con note e foto. Queste le note all' album ed al minialbum dei Dream Syndicate qui ristampati in un' unica confezione: "THE DAYS OF WINE AND ROSES": Pubblicato nel novembre del 1983 dalla Rough Trade in Gran Bretagna, dove giunse al settimo posto nella classifica indipendente, e dalla Ruby negli USA, ''The days of wine and roses'' e' il primo magnifico album della band di Los Angeles guidata da Steve Wynn, registrato a Los Angeles nel settembre del 1982 con la produzione dell' ex Flesh Eaters e quindi Divine Horsemen Chris D. (sua anche la produzione, qualche tempo prima, di "Fire of Love" dei Gun Club, con cui questo disco possiede molti punti di contatto) ed uscito nel novembre dello stesso anno, ultimo disco con la formazione originale del gruppo, con Kendra Smith (poi magnifica voce in "Rainy Day" e negli Opal, oltre che, sporadicamente, solista) al basso (con lei Wynn aveva formato gia' nel '78 gli Icons, poi divenuti Suspects, che avevano inciso anche un singolo nel '79 prima di separarsi, e dopo di loro Wynn aveva formato i 15 Minutes, un singolo anche per loro), oltre al gia' citato Precoda alla chitarra. Il disco fu capace addirittura di superare le grandi aspettative legittimate dalla bellezza del mini album d'esordio uscito qualche mese prima, e sara' destinato a divenire tra i dischi piu' osannati ed importanti degli interi anni '80. Vi si dispiega un suono molto piu' graffiante, acido e "velvettiano" dei lavori successivi (eccezion fatta per la delicatissima "Too Little Too Late", cantata da una splendida Kendra Smith, che qui esordisce al microfono, presto sirena incantatrice nei Rainy Day, con i Clay Allison/Opal ed in una manciata di dischi a suo nome), ma aldila' di un suono a tratti stordente in cui le chitarre di Wynn e Precoda duettano mirabilmente ("Then She Remembers" e la title track), "Days Of Wine and Roses" e' anche una impressionante carrellata di classici immortali, di cui vanno almeno citati brani che negli anni a venire resteranno un marchio di fabbrica del gruppo, come "Tell Me When It's Over", "That's What You Always Say", "Halloween", la toccante "When You Smile" (in una versione diversa da quella che era sul mini) ed "Until Lately". Uno dei dischi piu' belli degli anni '80, cosi' come il successivo "The Medicine Show". "THE DREAM SYNDICATE": Il primo disco della grandissima band californiana, uscito nel marzo del 1982 su Down There negli USA e solo tre anni dopo su Zippo in Gran Bretagna; grezzo e magnifico, con due brani acidissimi ("Sure thing" e "Some kinda itch", con le chitarre graffianti di Steve Wynn e Karl Precoda a resuscitare fantasmi velvettiani) e due ballate intense fino allo struggimento che diverranno classici del loro repertorio, riproposti fino agli ultimi concerti ("That' s what you always say" e "When you smile"), sul finire del decennio. Un capolavoro grezzo ed indimenticabile, con la band ancora nella prima formazione con Kendra Smith (poi magnifica voce in "Rainy Day" e negli Opal, oltre che, sporadicamente, solista) al basso (con lei Wynn aveva formato gia' nel '78 gli Icons, poi divenuti Suspects, che incisero anche un singolo nel '79 prima di separarsi, e dopo di loro Wynn aveva formato i 15 Minutes, che sempre su singolo proposero una prima versione di "That's What You Always Say"), oltre al gia' citato Precoda alla chitarra. Un esordio memorabile, oltre che uno degli atti di nascita per quella che sara' la splendida scena "paisley underground", per una delle band piu' grandi e giustamente amate degli anni '80.
Euro
44,00
codice 3034689
scheda
Dylan bob nashville skyline (180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  columbia / legacy 
rock 60-70
Ristampa con copertina pressoche' identica alla prima tiratura del 1969. Pubblicato in USA il 9 Aprile del 1969 dopo ''John Wesley Harding'' e prima di ''New Morning'', giunto al primo posto delle classifiche inglesi ed al terzo di quelle americane. Fu registrato a Nashville con Johnny Cash e musicisti locali semisconosciuti, suscitando grandissime polemiche per il tono ''roots'' e per niente rock, purtroppo per i suoi detrattori, il vecchio Bob come al solito annusa l'aria prima di tutti gli altri ed anticipa il ripiegamento del decennio successivo che vedra' sia in UK che in USA un ritorno ed una riscoperta delle radici folk e blues country, come ben dimostreranno i Grateful Dead in USA e il nascente folk rock britannico, contiene brani storici quali ''Lay lady lay'', ''To be alone with you'', ''I threw it all away'', ''Tonight i'll be staying here with you'', oltre alla straordinaria ''Girl from the north country'', cantata in duo con Johnny Cash. Un capolavoro assoluto.
Euro
25,00
codice 3034797
scheda
Eagles Hotel california (+ poster)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1976  asylum 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1976, in vinile 180 grammi, realizzata dai mastertapes originali, copertina apribile completa di inserto apribile che riproduce l' originaria inner sleeve e di inserto / poster apribile in tre parti. Pubblicato in Usa nel dicembre del 1976, dopo ''One of these nights'' e prima di ''The long run'', giunto al numero 1 delle classifiche Usa ed al numero 2 di quelle Uk, il quinto album. Un grande lavoro, sottovalutatissimo e tutt' altro che un lp di pop commerciale come da alcuni frettolosamente etichettato; "Hotel California" e' un concept che narra il lato oscuro della vita delle rockstar della California, tra droghe pesanti, squallide storie di sesso ed esistenze senza scopo gettate alle ortiche; album tetro e pessimista, nonostante le atmosfere musicali possano far pensare il contrario, contiene alcuni dei migliori brani di tutta la musica americana della seconda meta' degli anni '70, come la celeberrima ''Hotel California'', ''Wasted time'' o ''The last resort''. Anticipa nelle tematiche ''The wall'' dei Pink Floyd, uscito nel novembre del 1979: l' isolamento, la morte, la totale fagocitazione degli artisti rock da parte dello star system e dei fans. Provate a leggerne i testi, avrete delle grosse sorprese.
Euro
35,00
codice 2129047
scheda
Eagles One of these nights
Lp [edizione] ristampa  stereo  ger  1975  asylum 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Ristampa europea degli anni '80, pressata in Germania, copertina (con qualche segno di invecchiamento) in cartoncino ruvido con parti in rilievo "embossed" sul fronte, pressoche' identica alla prima edizione, ma con barcode sul retro, completa di inner sleeve con foto e crediti, etichetta con logo Asylum in alto nel cielo, "Gema / Biem" a sinistra, catalogo K53014. Pubblicato in Usa nel giugno del 1975 dopo ''On The Border'' e prima di ''Hotel California'', giunto al numero 1 delle classifiche Usa ed al numero 8 di quelle Uk. Il quarto album. Gli Eagles avevano la tendenza, almeno nei primi anni di carriera, a registrare gli albums in maniera relativamente veloce, tanto e' vero che dall' ottobre del 1972 al giugno del 1975 ne erano stati pubblicati 4, tutti in studio. "One of These Nights" usci' dopo 14 mesi dal precedente, l' opera era stata anticipata dal singolo "The Best of My Love"; al numero 1 in classifica nel novembre del 1974, nei mesi intercorrenti tra il 45 e l'uscita dell'album il gruppo era riuscito a produrre una nuova selezione di brani, tra questi 6 quelli di Don Henley e 5 quelli di Glenn Frey, mentre Randy Meisner canta due dei tre hits dell'opera tra cui in "Take It to the Limit," e Bernie Leadon compone lo strumentale "Journey of the Sorcerer" (diverra' celeberrimo per essere poi utilizzato dalla televisione Inglese nell' epocale serie Guida Intergalattica per Autostoppisti ). L'album, che non rivoluziona ma perfeziona ancora il sound degli inizi, e' considerato uno dei capolavori della musica Californiana degli anni '70, la musica vede una decisa influenza R&B, con momenti vicini al Western swing, vedi "Hollywood Waltz" o "Lyin' Eyes", ed al folk-rock. One of These Nights e' considerato il culmine assoluto del suono di confine tra rock, country e folk che ha reso celeberrimi gli Eagles e la musica di Los Angeles negli anni '70, da non dimenticare poi l'aspetto relativo ai testi, cupi e disillusi ma allo stesso tempo disperatamente carichi di speranza, e agli arrangiamenti, sempre piu' preziosi raffinati e cristallini. Il risultato venne considerato all'epoca dell'uscita come il piu' riuscito dei loro lavori e divenne in breve anche il piu' venduto ed apprezzato dalla critica.
Euro
16,00
codice 261041
scheda
Eilish billie Hit me hard and soft (ltd sea blue)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2024  interscope 
indie 2000
edizione limitata in vinile blu marino. adesivo su cellophane, copertina apribile. note a cura della label : vinile riciclato al 100%. Tutti gli imballaggi in vinile sono realizzati con carta/cartoni riciclati certificati FSC®, realizzati al 100% con rifiuti post-consumo e fibre riciclate pre-consumo. L'inchiostro utilizzato è vernice a dispersione vegetale e a base d'acqua. l terzo album in studio di Billie Eilish, "HIT ME HARD AND SOFT" è il suo lavoro più audace fino ad oggi, una raccolta diversificata ma coesa di canzoni, idealmente ascoltate nella sua interezza dall'inizio alla fine. Esattamente come suggerisce il titolo dell'album, ti colpisce forte e dolcemente sia dal punto di vista lirico che sonoro, piegando i generi e sfidando le tendenze lungo il percorso. Con l'aiuto di suo fratello e unico collaboratore, FINNEAS, la coppia ha scritto, registrato e prodotto insieme l'album nella loro città natale di Los Angeles. Questo album arriva sulla scia dei suoi due album di grande successo "WHEN WE ALL FALL ASLEEP, WHERE DO WE GO?" e "Happier Than Ever" ed è uno nuovo per l’ulteriore crescita del mondo di Billie Eilish. descrizione completa a seguire
Euro
42,00
codice 2129177
scheda
Eilish billie Hit me hard and soft (ltd yellow)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2024  interscope 
indie 2000
edizione limitata in vinile giallo, poster. adesivo su cellophane, copertina apribile. note a cura della label : vinile riciclato al 100%. Tutti gli imballaggi in vinile sono realizzati con carta/cartoni riciclati certificati FSC®, realizzati al 100% con rifiuti post-consumo e fibre riciclate pre-consumo. L'inchiostro utilizzato è vernice a dispersione vegetale e a base d'acqua. l terzo album in studio di Billie Eilish, "HIT ME HARD AND SOFT" è il suo lavoro più audace fino ad oggi, una raccolta diversificata ma coesa di canzoni, idealmente ascoltate nella sua interezza dall'inizio alla fine. Esattamente come suggerisce il titolo dell'album, ti colpisce forte e dolcemente sia dal punto di vista lirico che sonoro, piegando i generi e sfidando le tendenze lungo il percorso. Con l'aiuto di suo fratello e unico collaboratore, FINNEAS, la coppia ha scritto, registrato e prodotto insieme l'album nella loro città natale di Los Angeles. Questo album arriva sulla scia dei suoi due album di grande successo "WHEN WE ALL FALL ASLEEP, WHERE DO WE GO?" e "Happier Than Ever" ed è uno nuovo per l’ulteriore crescita del mondo di Billie Eilish. descrizione completa a seguire
Euro
42,00
codice 2129176
scheda
Eilish billie Hit me hard and soft (ltd yellow)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2024  interscope 
indie 2000
edizione limitata in vinile giallo, poster. adesivo su cellophane, copertina apribile. note a cura della label : vinile riciclato al 100%. Tutti gli imballaggi in vinile sono realizzati con carta/cartoni riciclati certificati FSC®, realizzati al 100% con rifiuti post-consumo e fibre riciclate pre-consumo. L'inchiostro utilizzato è vernice a dispersione vegetale e a base d'acqua. l terzo album in studio di Billie Eilish, "HIT ME HARD AND SOFT" è il suo lavoro più audace fino ad oggi, una raccolta diversificata ma coesa di canzoni, idealmente ascoltate nella sua interezza dall'inizio alla fine. Esattamente come suggerisce il titolo dell'album, ti colpisce forte e dolcemente sia dal punto di vista lirico che sonoro, piegando i generi e sfidando le tendenze lungo il percorso. Con l'aiuto di suo fratello e unico collaboratore, FINNEAS, la coppia ha scritto, registrato e prodotto insieme l'album nella loro città natale di Los Angeles. Questo album arriva sulla scia dei suoi due album di grande successo "WHEN WE ALL FALL ASLEEP, WHERE DO WE GO?" e "Happier Than Ever" ed è uno nuovo per l’ulteriore crescita del mondo di Billie Eilish. descrizione completa a seguire
Euro
42,00
codice 2129175
scheda
Eilish billie When we all fall asleep, where do we go?
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  interscope 
indie 2000
edizione in vinile giallo, copertina apribile, adesivo su cellophane, barcode 00602577427664. Disco dell'anno per diverse testate giornalistiche, "When We All Fall Asleep, Where Do We Go?" (2019), disco d'esordio di Billie Eilish, è stato scritto, prodotto e registrato interamente dalla diciassettenne songwriter nella sua casa d’infanzia a Highland Park, Los Angeles, con l’aiuto del fratello Finneas.Tra pop/r’n’b ed electro-Hip Hop, un ottimo debutto per un artista giovanissima ma che sta già facendo parlare di sé Billie Eilish Pirate Baird O'Connell, conosciuta semplicemente come Billie Eilish è una cantante, songwriter statunitense, in bilico tra Alternative R&B, Electropop Ambient Pop, Pop Soul, Art Pop. Nel 2016 la sua canzone "Ocean Eyes" è diventata virale sulla piattaforma di streaming di musica digitale Spotify. Nell'agosto 2017 è uscito l'EP di debutto Don't Smile at Me. È stata nominata da Apple Music come UpNext nell'ottobre dello stesso anno. Nel 2019 ha pubblicato l'album in studio d'esordio !When We All Fall Asleep, Where Do We Go?", trainato dai singoli di successo planetario "When the Party's Over", "Bury a Friend" e "Bad Guy".
Euro
36,00
codice 2129004
scheda
Einsturzende neubauten Rampen - APM: Alien Pop Music (ltd. yellow vinyl + 5 photos and poster)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2024  potomak / indigo 
punk new wave
Doppio album, EDIZIONE LIMIATA DI 500 COPIE, NUMERATE A MANO SUL RETRO, IN VINILE GIALLO, con nome e logo del gruppo sul fronte non in nero ma in giallo in rilievo embossed, adesivo di presentazione sul cellophane, corredato di inner sleeves, ed in questa edizione arricchito dalla presenza di 5 foto ed un poster. Pubblicato nell' aprile del 2024, quattro anni dopo il precedente "Alles in allem", il tredicesimo album (colonne sonore escluse) dello storico gruppo tedesco capitanato da Blixa Bargeld. Descrizione completa a seguire. Sicuramente sono stati il piu' importante gruppo della scena industriale tedesca, ignorati agli albori dalla critica verranno poi idolatrati (la mercedes benz mise a loro disposizione una macchina, il partito dei verdi tedesco utilizzo' una delle loro prime canzoni per la propria campagna elettorale, vennero inclusi nelle guide turistiche di Berlino, il tabloid tedesco Bild inizio' con loro uno speciale sui musicisti pazzi, all'expo '86 rappresentarono ufficialmente l'avanguardia tedesca, i teatri nazionali misero in scena un balletto classico con la loro musica), ma proprio nel momento di maggior consenso, quasi a confermare la loro ideologia, iniziarono un processo di totale ridefinizione musicale riuscendo a produrre qualcosa di veramente nuovo.
Euro
62,00
codice 2129191
scheda
Eno brian before and after science
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1977  virgin / universal 
rock 60-70
Ristampa rimasterizzata ed in vinile 180 grammi, copertina pressoche' identica a quella della prima rara tiratura su Polydor. Pubblicato in Uk nel dicembre del 1977 prima della versione definitiva di ''Music for films'' e dopo ''After the heat'', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa dove usci' nel maggio del 1978. Il settimo album. Registrato con Roedelius, Fred Frith, Manzanera, Phil Collins, Moebius e Dave Mattacks, concepito e strutturato utilizzando il sistema sperimentale delle carte ''oracolo'' progettate in Germania dallo stesso Eno con Peter Schmidt, e gia' utilizzate nel periodo della collaborazione con David Bowie, il disco ci restituisce un Eno musicista che coniuga qui perfettamente le sue due anime, quella piu' sperimentale e quella rock in un mix tra i maggiori della sua produzione.
Euro
36,00
codice 2129286
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1975  decca 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima assai rara stampa inglese, copertina in cartoncino liscio fronte e retro completa di inserto testi, ma priva dell' originario poster apribile, etichetta blue boxed con scritte e logo argento, catalogoTXS-R 114, "Tich & Quakers Happy Happy He He" inciso sul trail off della seconda facciata. Pubblicato in Inghilterra nel marzo del 1975 dopo ''Rigor mortis set in'' e prima di ''Too late the hero'', non entrato nelle classifiche Usa ne' in quelle Uk, il quinto album, l' unico accreditato a John Entwistle's Ox. Considerato come uno degli episodi piu' riusciti del bassista degli Who, contiene alcuni dei suoi brani piu' celebri, comel' autobiografica "I Fall to Pieces", la parodia country di "Who in the Hell?" e la celebre "Mad Dog" con un coro femminile alla Phil Spector; "I'm So Scared" e' invece un chiaro outtake degli Who, mentre "Cell Number Seven" racconta la celebre storia dell' arresto degli Who a Montreal nel 1974.
Euro
35,00
codice 51546
scheda
Fahey john Proofs and refutations
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1995  drag city 
rock 60-70
Copertina senza codice a barre, label marrone e oro con replica del logo della Perfect Records in alto, logo Drag City a sinistra, catalogo DC759. Pubblicato nel settembre del 2023 dalla Drag City, questo album raccoglie brani frutto di registrazioni casalinghe effettuate intorno al 1995/96 da John Fahey a Salem, Oregon; quattro di questi brani erano già stati pubblicati nel raro doppio 10" a 78 giri "Double 78", uscito nel 1996, ed anch'esso con etichetta Perfect, una oscura casa discografica statunitense degli anni '20 e '30. In questa fase John Fahey sperimenta sia con la voce, con echi e vocalizzi che sembrano fondere avanguardia e tradizioni popolari americane ("All the rains"), che con la chitarra acustica, tramite la quale pennella spettrali melodie di blues in bilico fra post-moderno ed ancestrale ("Evening, not night, pt. 2"). Questa la scaletta completa: "All The Rains", "F For Fake", "Morning (Pt. 1)", "Morning (Pt. 2)", "For LMC 2", "Evening, Not Night (Pt. 1)", "Evening, Not Night (Pt. 2)", "Untitled (w/o Rain)". Nato nel '39 a Takoma Park nel Maryland, da genitori tedeschi, John Fahey inizio' a suonare la chitarra a tredici anni, subito influenzato dai grandi bluesmen afroamericani, di cui prese a collezionare i dischi accaparrandoseli con la tecnica del "porta a porta". Nonostante il suo interesse "filologico" alla materia blues (svolse la sua tesi di laurea su Charlie Patton), lo stile strumentale che sviluppo' fu subito personalissimo, arricchendosi man mano di nuovi elementi acquisiti negli anni trascorsi a studiare armonia e composizione in giro per il mondo. I suoi dischi, registrati per solito in perfetta solitudine e senza l' uso della voce, sono un vero e proprio compendio della storia della musica americana, ma non rinunciano alla sperimentazione di formule nuove, con influenze "altre" (la musica orientale e quella hawaiiana, per esempio). E' morto il 22 febbraio del 2001.
Euro
28,00
codice 3515911
scheda
Fairport convention Liege and lief
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  island / universal 
rock 60-70
Ristampa del 2023, copertina apribile pressoche' identica alla prima rara tiratura. Pubblicato in Inghilterra dalla Island nel dicembre del 1969 dopo ''Unhalfbricking '' e prima di ''Full house'', giunto al numero 17 delle classifiche inglesi e non entrato in quelle Usa. Il quarto album. Registrato da Sandy Denny, Ashley Hutchings, Dave Mattacks, Simon Nicol, Dave Swarbrick, Richard Thompson. Ultima parte della trilogia del 1969, che comprende, oltre a questo, ''Unhalfbricking'' e ''What we did on our holydays'', e che chiude la seconda fase del gruppo, e' considerato dalla critica inglese il testo base del folk rock; si tratta infatti dell'opera che completa la trasformazione del gruppo da una rock band che utilizza il folk inglese come una delle tante fonti del loro suono e ispirazione per i propri brani, ad una band completamente dedita alla trasformazione e riscoperta di materiale appartenente alla cultura britannica. vi e' un solo brano scritto dal gruppo, la splendida "Come All Ye," tutto il resto sono riletture di vecchi e vecchissimi brani del folk inglese, operazione che all'epoca dell'uscita di questo lavoro era assolutamente avanguardistica, almeno in questa chiave, che fondeva acustico ed elettrico, con il risultato di rivelare a migliaia di ascoltatori la dimenticata eredita' dell' isola, "Farewell Farewell," "Matty Groves," "Reynardine," e "Tam-Lin" sono assoluti capolavori, suonati con eccezionale perizia, enorme creativita' e proposti con un urgenza creativa che li rende capolavori assoluti, ed il resto dell'lp non e' da meno, purtroppo non vi sara' un seguito, perche' sia Sandy Denny che Ashley Hutchings lasceranno, aprendo le porte ad una nuova e non meno creativa anche se forse meno storicamente rilevante, stagione del gruppo.
Euro
38,00
codice 2129139
scheda
Falco tav & panther burns Conjurations: Seance For Deranged Lovers
lp [edizione] originale  stereo  eu  2010  bang! records 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
L' originale stampa, realizzata i esclusiva dalla spagola ang! Records, copertina apribile con barcode adesivo sul retro, etichetta in due tonalita' di rosso/marrone con scritte bianche, completa di inserto con note, catalogo BANGLP004. Accreditato a Tav Falco & The Unapproachable Panther Burns, a distanza di ben 10 anni dal suo precedente album in studio "Panther Phobia", che era peraltro interamente composto da covers (nel 2002 c'era anche il live "Live At Subsonic"), e prima del successivo "Commad Performace" (2015), un nuovo inatteso e sorprendente album del grande Tav Falco, questa volta con 12 brani tutti originali, una ispiratissima summa di tutte le sue passate straordinarie esperienze musicali, dal rock'n'roll piu' grezzo e primitivo dei lavori dei primi anni '80, che lo avevano visto splendido protagonista insieme ai ben piu' noti Cramps (non a caso scoperti come lui da Alex Chilton) di una riscoperta fondamentale delle radici piu' autentiche ed oscure della musica americana degli anni '40 e '50, ad una parallela tradizione musicale legata alla ballata popolare, persino al tango, che si era affacciata nei suoi lavori dalla seconda meta' di quel decennio. L' ennesima edizione dei Panther Burns e' del tutto rinnovata (tra gli altri con la batterista Giovanna Pizzorno, gia' nelle Hellcats, e Laurent Lanouziere al basso ed alla chitarra slide, ex Reverberation), ma immutata e' la sostanza della musica di questo indimenticato eroe della nostra musica, tra r'n'r, blues, il rockabilly piu' autentico e viscerale, escursioni nella musica popolare. Aveva esordito con un 7" ep d'esordio nel 1980 Gustavo Anthony Falco (origini siciliane certo non dissimulate dal look...), pubblicando nel 1981 l' album "Behind the Magnolia Courtain", disco che trova la sua collocazione ideale accanto al contemporaneo primo album dei Cramps, e ad esso paragonabile per la straordinaria opera di recupero delle radici piu' sporche e selvagge del blues e del rock'n'roll americano degli anni '40 e '50, scarnificate e riproposte con spirito insieme iconoclasta e rispettoso dei modelli originari, oltre che con una verve interpretativa particolarissima e stralunata. Negli anni la sua discografia si arricchira' di episodi, in un percorso di ricerca delle radici della musica popolare non solo americana, fino a questo ritorno alle sue piu' intime origini, con alcuni titoli particolarmente efficaci (tra cui l' album "The World We Knew") a cui ci sentiamo di affiancare questo lavoro.
Euro
28,00
codice 261158
scheda
Falco tav & panther burns Sugar ditch revisited
lpm [edizione] originale  stereo  fra  1985  new rose 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima rara stampa uscita in esclusiva per la etichetta francese New Rose, che presenta ancora l'etichetta rosa e nera (che cambio' in rossa, bianca e nera in quello stesso anno), copertina laminata senza codice a barre, completa di inner sleeve in carta liscia con note e sagomatura sul lato di apertura, catalogo ROSE73. Pubblicato nel novembre del 1985, registrato a Memphis, Tennessee, con la produzione di James Luther Dickinson, questo eccellente minialbum con sei brani, uscito a due anni di distanza dal 12" "Blow Your Top", inauguro' il fruttuoso rapporto con la etichetta francese, che caratterizzo' il periodo piu' prolifico di Gustavo Anthony Falco (origini siciliane): sei riuscitissime covers di oscuri brani che fanno parte dello stesso patrimonio "sotterraneo" ma anche fertile e vitale della musica americana gia' esplorato nei primissimi lavori, forse con un maggiore rispetto filologico, il che tuttavia non impedisce l' affiorare di una personalita' interpretativa come sempre stralunata e particolarissima, che ha fatto di Tav Falco uno dei personaggi di culto del rock americano degli anni '80. Dickinson oltre a produrre vi suona anche le tastiere, della partita sono anche il solito Alex Chilton, alla chitarra, ed il batterista gia' dei primi lavori, Ross Johnson, insieme ad una folta schiera di ottimi musicisti di Memphis, tra cui Andrew Love dei Memphis Horns e Ben Cauley, ex Bark-Kays, ai fiati. Aveva esordito con un 7" ep d'esordio nel 1980 pubblicando nel 1981 l' album "Behind the Magnolia Courtain", disco che trova la sua collocazione ideale accanto al contemporaneo primo album dei Cramps (e come quello prodotto da Alex Chilton che vi suono' anche), e ad esso paragonabile per la straordinaria opera di recupero delle radici piu' sporche e selvagge del blues e del rock'n'roll americano degli anni '40 e '50, scarnificate e riproposte con spirito insieme iconoclasta e rispettoso dei modelli originari. I suoi lavori negli anni a venire proseguiranno questo percorso "archeologicamente" ed artisticamente piu' che lodevole.
Euro
26,00
codice 261157
scheda

Page: 8 of 23


Pag.: oggetti: