Hai cercato:  Ultimi arrivi (lista aggiornata ogni giovedi' sera) --- Titoli trovati: : 194
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1991  glitterhouse 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
L' originale rara stampa, realizzata in esclusiva dalla tedesca Glitterhouse, copertina lucida senza barcode, etichetta nera con scritte bianche, e logo in bianco e nero in un rettangolo in alto, con indirizzo "Gruner Weg 25 3472 Beverungen...", come sul retrocopertina, catalogo GR0158. Pubblicato nell'ottobre del 1991 dalla Glitterhouse in Germania e solo nel maggio del 1993 dalla Caroline negli USA, questo lungo ep (la durata e' praticamente quella di un album), usci' dopo il primo lp eponimo del 1990 e prima del secondo ''Spine of god'' (1992). Considerato da molti uno dei migliori dischi del gruppo nonche' il loro lavoro piu' psichedelico, ''Tab'' comprende quattro brani, tra cui la lunghissima title track, che occupa un'intera facciata, e la lunga ''25'', oltre alle piu' brevi ''Longhair'' e ''Lord 13'', tutte inedite su album. Fortissima e' l'influenza degli Hawkwind nell'acido e potente impasto sonoro dei brani, in particolare quello della title track, ma non mancano anche affinita' con gli inglesi Loop ed ovviamente con lo stoner, di cui questo album puo' essere visto come l'estremita' psichedelica, davvero stordente. Band formata nel New Jersey nel 1989, grazie a Dave Wyndorf (gia' attivo con la punk-band Shrapnel), John McBain (dal terzo album 'superjudge' sostituito da Ed Mundell), Joe Callandra, Jon Kleiman e Tim Cronin; quest'ultimo dopo aver suonato e cantato nell'album di debutto diventera' un membro "ombra" principalmente concettuale. Idolatrati dalla critica, seguiti da un pubblico di culto affezionato ai limiti del fanatismo (il cui seguito ricorda negli States quello dei fans dei Grateful Dead), sono stati uno dei principali punti di riferimento per la scena "stoner rock" che, alla fine degli anni '90, ne ha decretato un successo per anni sfuggito, ma il primo album "Spini of God" (alle cui sessions si devono anche i brani pubblicati poi nell'Ep "Tab") e il secondo "Superjudge" definiti "gli album metal per la gente a cui non piace il metal" restano i loro capolavori.
Euro
60,00
codice 261650
scheda
Monster magnet Dopes to infinity
Lp2 [edizione] seconda stampa  stereo  eu  1995  A&M 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent indie 90
doppio vinile, seconda comunque molto rara stampa del 2003, "Made in Eu" come la prima rarissima tiratura, (la prima edizione non europea del disco sara' la ristampa americana del 2012), copertina con barcode inserito in un riquadro sul retro in cui il label code e' indicato come "LC00485" e non piu' come "LC0485", etichetta nera con logos in bianco, nero ed oro nella fascia centrale, con lo stesso label code "LC00485" in basso, catalogo 540 315, copia ancora corredata di inserto con questionario da riempire e rispedire all' etichetta ed estratto del catalogo. Il quarto album del quintetto stoner americano, prodotto da dave wyndordf e steve rosenthal. seguitissimi in usa. si formano nel new jersey nel 1989 grazie a Dave Wyndorf (gia' attivo con la punk-band Shrapnel), John McBain (dal terzo album 'superjudge' sostituito da Ed Mundell), Joe Callandra, Jon Kleiman e Tim Cronin; quest'ultimo dopo aver suonato e cantato nell'album di debutto diventera' un membro "ombra" principalmente concettuale (in questo album e' presentato, sempre come parte nel gruppo, con funzioni di "atomic propaganda, live visuals, motorman, slave drum on 'Ego, the living planet'") . L'album, uscito negli Usa il 21 marzo 1995, arrivo' ad un'ottima 22esima posizione delle classifiche statunitensi. La loro musica e' una miscela di metal, punk, space rock, psychedelia con influenze che spaziano dai black sabbath ai grateful dead. riferimenti a black crowes, kyuss, white zombie.
Euro
120,00
codice 261649
scheda
Monster magnet Monster magnet
lpm [edizione] originale  stereo  ger  1990  glitterhouse 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
prima rara stampa vinilica, pressata in Germania, copertina lucida fronte retro senza barcode, label nera con scritte bianche e logo Glitterhouse Records bianco in alto, catalogo GR0123, indirizzo ''Gruner Weg 25 3422 Beverlungen West Germany'' su label e retro copertina. Pubblicato nel febbraio del 1990 dalla tedesca Glitterhouse, questo eponimo 12'' fu il disco d'esordio dei Monster Magnet, precedente il mini lp ''Tab'' (1991, considerato da alcuni come un ep, e' lungo in effetti quanto un lp) ed il primo album ''Spine of god'' (1992). L'esordio della band americana contiene cinque brani dal sound grezzo e punkedelico, la cui crudezza ed aggressivita' e' vicina alla frangia del grunge piu' garagistica e cattivella, quella dei primissimi Mudhoney, ma con un taglio piu' psichedelico, evidente in particolare nella lunga ''Nod scene''. Quel brano e ''Snake dance'' saranno poi reincisi per il primo album ''Spine of god'', mentre un altro episodio, ''Tractor'', sara' poi riproposto in una nuova versione nel 33 giri ''Powertrip'' del 1998. Band formata nel New Jersey nel 1989, grazie a Dave Wyndorf (gia' attivo con la punk-band Shrapnel), John McBain (dal terzo album 'superjudge' sostituito da Ed Mundell), Joe Callandra, Jon Kleiman e Tim Cronin; quest'ultimo dopo aver suonato e cantato nell'album di debutto diventera' un membro "ombra" principalmente concettuale. Idolatrati dalla critica, seguiti da un pubblico di culto affezionato ai limiti del fanatismo (il cui seguito ricorda negli States quello dei fans dei Grateful Dead), sono stati uno dei principali punti di riferimento per la scena "stoner rock" che, alla fine degli anni '90, ne ha decretato un successo per anni sfuggito, ma il primo album "Spini of God" (alle cui sessions si devono anche i brani pubblicati poi nell'Ep "Tab") e il secondo "Superjudge" definiti "gli album metal per la gente a cui non piace il metal" restano i loro capolavori.
Euro
65,00
codice 261647
scheda
Monster magnet spine of god
lp [edizione] originale  stereo  ger  1991  glitterhouse 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
prima rara stampa, realizzata dalla tedesca Glitterhouse (unica originaria stampa vinilica oltre quella della francese Go Get Organized), copertina lucida SENZA BARCODE, con logo sul retro a destra in basso, ed indirizzo dell' etichetta "Gruner Weg 25 - 3472 Beverungen...", nella versione con etichetta nera ed argento e non bianca e nera, catalogo GR0172. Pubblicato nel 1991, il primo album, dopo il mini "Monster Magnet" (1990) e prima del secondo "Superjudge", dell' influente e longeva band del New Jersey, autrice di un potentissimo hard rock ricco di influenze psichedeliche e space rock, dai Grateful Dead ai Black Sabbath piu' oscuri. Idolatrati dalla critica, seguiti da un pubblico di culto affezionato ai limiti del fanatismo, sono stati uno dei principali punti di riferimento per la scena "stoner rock" che, alla fine degli anni '90, ne ha decretato un successo per anni sfuggito, ma questo primo album (alle cui sessions si devono anche i brani pubblicati poi in "Tab"), definito "l' album metal per la gente a cui non piace il metal" resta forse il loro capolavoro, realizzato ancora con John McBain alla chitarra, presto fuori dal gruppo. Band formata nel New Jersey nel 1989, grazie a Dave Wyndorf (gia' attivo con la punk-band Shrapnel), John McBain (dal terzo album 'superjudge' sostituito da Ed Mundell), Joe Callandra, Jon Kleiman e Tim Cronin; quest'ultimo dopo aver suonato e cantato nell'album di debutto diventera' un membro "ombra" principalmente concettuale. Idolatrati dalla critica, seguiti da un pubblico di culto affezionato ai limiti del fanatismo (il cui seguito ricorda negli States quello dei fans dei Grateful Dead), sono stati uno dei principali punti di riferimento per la scena "stoner rock" che, alla fine degli anni '90, ne ha decretato un successo per anni sfuggito, ma il primo album "Spine of God" (alle cui sessions si devono anche i brani pubblicati poi nell'Ep "Tab") e il secondo "Superjudge" definiti "gli album metal per la gente a cui non piace il metal" restano i loro capolavori.
Euro
75,00
codice 261648
scheda
Motorhead ace of spades
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1980  bmg / sanctuary 
punk new wave
Ristampa del 2022, copertina pressoche' identica alla prima tiratura, e corredata di inner sleeve con testi. Il quarto album della dirompente band nata a Londra nel '75 per iniziativa di Lemmy (vero nome Ian Kilmister), appena uscito dagli Hawkwind nei quali aveva militato sin dal terzo album "Doremi Fasol Latido", e con cui aveva appena registrato "Warrior on the Edge of Time" (ma e' bene ricordare anche la sua militanza nei leggendari Sam Gopal....). Precursori dello speed metal, furono pero' capaci di mantenere sempre uno spirito essenzialmente rock'n'roll, mettendo in atto in questi primi dischi incisi una incendiaria fusione tra hard rock dalle tinte "detroitiane" e punk rock, con una attitudine fieramente underground ed una grinta ed un' ironia degna degli amici Damned, marchiati a fuoco dal basso martellante e dalla voce incredibilmente roca e graffinate di Lemmy; abbastanza da tenere chiunque lontanissimo dal successo, ma non loro: se gia' l' album precedente "Bomber" aveva fatto sorprendentemente irruzione nella "top ten" inglese, questo "Ace of Spades", uscito nell' ottobre del 1980, giunse addirittura al quarto posto, e rimarra' il disco in studio di maggior successo della band, che peraltro con il successivo live "No Sleep 'Til Hammersmith" arrivo' addirittura in vetta alle classifiche inglesi. Il disco, che fu anticipato dal travolgente singolo omonimo che apre l' album, e' senz'altro uno dei classici del gruppo, da molti indicato come il loro assoluto capolavoro. Nel 1982 "Iron Fost" sara' l' ultimo disco inciso dalla band con questa storica formazione, prima di una serie incessante di avvicendamenti nell' organico.
Euro
22,00
codice 2129238
scheda
Motorhead bomber
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  sanctuary / bmg 
punk new wave
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura. Pubblicato nell'ottobre del 1979 dalla Bronze in Gran Bretagna, dove giunse al 12esimo posto in classifica, ''Bomber'' e' il terzo album dei Motorhead, uscito dopo ''Overkill'' (1979) e prima di ''Ace of spades'' (1980). Prodotto da Jimmy Miller come il precedente lp, questo album di Lemmy e compagni percorre la stessa strada del suo acclamato predecessore e dell'altrettanto amato successore, con un potente, ruvido e cattivissimo rock'n'roll in cui si incontrano i ritmi tirati del punk e la potenza del metal, ma dove l'aspetto tecnico e' in secondo piano rispetto alla furia devastatrice della band. Formatisi a Londra nel giugno del 1975 dopo la fuoriuscita di Lemmy (Ian Kilmister) dagli Hawkwind, i Motorhead registrarono gia' nel '75 un primo album ("On Parole") che rimase pero' per anni nei cassetti della United Artists, e dopo un primo singolo anch'esso pronto per la pubblicazione ma poi cancellato (sarebbe dovuto uscire per la Stiff), pubblicarono per la indipendente Chiswick prima il singolo "Motorhead", poi l'omonimo album nell'agosto del '77. All'epoca ancora lontana dallo speed metal di cui fu principale anticipatrice, la band suonava una incandescente miscela di hard rock, e proto punk, con uno spirito genuinamente rock'n'roll che li accompagnera' durante i decenni a venire. Nel marzo del '79 il secondo "Overkill" lascio' intravedere tutto il potenziale commerciale del gruppo, che nel 1981, con il live "No Sleep Til Hammersmith", raggiungera' addirittura la vetta della classifica inglese, con un successo che li accompagnera' ancora a lungo.
Euro
24,00
codice 3035030
scheda
Motorhead motorhead / city kids (picture disc)
12'' [edizione] ristampa  stereo  uk  1977  chiswick 
  [vinile]  Excellent punk new wave
Singolo in formato 7", la rara ristampa del 1979 in picture disc, nella versione senza parti in blu su nessuno dei due lati, quindi in bianco e nero, foro al centro piccolo, catalogo NSP13. Pubblicato nel giugno del 1977 dalla Chiswick in Gran Bretagna, questo e' il primo singolo dei Motorhead, precedente l'omonimo album d'esordio. Contiene due brani: ''Motorhead'', poi inserita nel primo lp, reinterpretazione di un vecchio brano che Lemmy aveva scritto per gli Hawkwind, e ''City kids'', rimasta inedita su album. Due esempi di quello che diventera' il classico sound dei primi anni del gruppo, un tiratissimo, sporco e potente rock'n'roll che raccoglieva in se' elementi punk e metal. Formatisi a Londra nel giugno del 1975 dopo la fuoriuscita di Lemmy (Ian Kilmister) dagli Hawkwind, i Motorhead registrarono gia' nel '75 un primo album ("On Parole") che rimase pero' per anni nei cassetti della United Artists, e dopo un primo singolo anch'esso pronto per la pubblicazione ma poi cancellato (sarebbe dovuto uscire per la Stiff), pubblicarono per la indipendente Chiswick prima il singolo "Motorhead", poi l'omonimo album nell'agosto del '77. All'epoca ancora lontana dallo speed metal di cui fu principale anticipatrice, la band suonava una incandescente miscela di hard rock, e proto punk, con uno spirito genuinamente rock'n'roll che li accompagnera' durante i decenni a venire. Nel marzo del '79 il secondo "Overkill" lascio' intravedere tutto il potenziale commerciale del gruppo, che nel 1981, con il live "No Sleep Til Hammersmith", raggiungera' addirittura la vetta della classifica inglese, con un successo che li accompagnera' ancora a lungo.
Euro
20,00
codice 261634
scheda
Nebbia litto (los gatos) Muerte en la catedral
Lp [edizione] nuovo  stereo  arg  1973  melopea 
rock 60-70
Copertina apribile senza codice a barre. Ristampa del 2018 ad opera della Melopea, pressoché identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1973 dalla RCA Vik in Argentina, il quinto album solista, successivo a "Despertemos en America" (1972) e precedente "Melopea" (1974). Nebbia suona chitarra e piano elettrico, oltre a cantare, in questo lp, e si appoggia su un un gruppo di strumentisti che include elementi di ambito jazz, come il batterista Nestor Astarita, il trombonista e trombettista Gustavo Moretto. La scaletta si apre con una malinconica ballata dal sapore folk, "Vals de mi hogar" (stile poi ripreso nella spettrale "Senora muerte), ma poi la musica si elettrifica e si fa più densa e ritmica, configurando un ibrido fra progressive rock e jazz rock, che culmina nella lunga title track, con ottime trame strumentali di organo e chitarra wah wah. Lito Nebbia è stato un importante chitarrista per il rock argentino degli anni '60 e '70, la cui carriera è inizialmente intrecciata con quella dei Gatos Salvajes / Los Gatos. Formatisi a meta' anni '60 sulle spoglie degli Wild Cats, gli argentini Gatos Salvajes provenivano dalla citta' di Rosario. Erano autori di un energico garage beat con marcate influenze mersey, cantato in spagnolo, e pubblicarono nel 1965 un album eponimo, uno ep e due singoli, prima di trasformasi in Los Gatos, gruppo piu' noto e con una discografia piu' corposa, attivo negli ultimi anni del decennio. Con lo scioglimento dei Los Gatos, nel 1971, Nebbia, che già aveva pubblicato due album a proprio nome ed entrambi senza titolo, "Lito Nebbia" (1969) e "Lito Nebbia" (1970, poi ristampato come "Hijo de America), si concentrò in seguito sulla carriera solista, proponendo una musica eclettica che incorporava elementi di folk argentino, rock internazionale, ballata melodica e persino jazz rock, attraverso numerosi albums usciti nel corso degli anni '70 e '80, ed ancora nel primo scorcio del XXI secolo.
Euro
27,00
codice 3516030
scheda
Negative approach negative approach ep
7"ep [edizione] ristampa  stereo  usa  1982  touch & go 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Ep in formato 7", ristampa del 2010, rimasterizzata, copertina con apertura per il disco in alto, con barcode, con fronte che rielabora quello della originaria tiratura, etichetta bianca con scritte azzurre, foro al centro piccolo, catalogo TG407, copia completa di inserto apribile con testi da un lato e foto dall' altro. Uscito su Touch & Go nel 1982, il micidiale esordio della grande hardcore band di Detroit, che nel 1983 realizzera' il suo primo album "Tied Down"; 10 brevissimi brani, violentissimi ed abrasivi, che lasciano pero' intravedere chiaramente lo spessore del gruppo; l' album successivo rivelera' una ulteriore maturazione della band, i suoi brani si faranno piu' lunghi ed articolati, altrettanto feroci e potenti. Questo gruppo, oggetto di culto per pochi appassionati negli anni '80, e' ormai considerato un classico dell' hardcore punk americano, da molti addirittura stimato tra i migliori di sempre (non sara' un caso che i tipi di Flex assegnino ai due dischi citati rispettivamente 9 e 10 di voto!). Il cantante John Brannon qualche anno dopo diede vita ad un' altra cult band dell' underground statunitense, i Laughing Hyenas, dando concretezza al legame con il rock piu' duro di scuola detritiana, rivisitato in una chiave psycho noise decisamente moderna; il bassista Graham McCulloch sara' invece negli Earth Eighteen.
Euro
12,00
codice 261630
scheda
Negazione Condannati a morte nel vostro quieto vivere ep (+ original insert)
7" ep [edizione] originale  stereo  ita  1985  negazione 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
L'originale rarissima stampa autoprodotta dello storico secondo 7" ep, copertina (con lievi segni di invecchiamento) senza barcode, con vinile estraibile dall'alto e con prezzo massimo di Lire 2.500 indicato sul retro, completa di INSERTO APRIBILE NELLA PRIMISSIMA VERSIONE con foto e testi solo in lingua italiana, e con il riquadro bianco con titolo in nero accanto al logo del gruppo su uno dei due lati, label arancio e nera con artwork diverso su ciascuna facciata, foro centrale piccolo, groove message ''tato disco??'' sul lat A e ''...eh?! Suca'' sul lato B. Pubblicato dal gruppo nel 1985 dopo il primo ep ''Tutti pazzi'' (1985) e prima dell'album d'esordio ''Lo spirito continua'' (1986), ''Condannati a morte...'' e' , insieme al sopracitato primo leggendario 7''ep, uscito poco prima, uno dei dischi in assoluto piu' imprtanti di tutta la storia della ricca scena hardcore italiana. Inserito da Luca Frazzi nella sua guida allegata a Rumore tra i dischi fondamentali della storia dell' harcore italiano (e ci mancherebbe...), contiene cinque brani (registrati in studio nell' aprile del 1985 ad Amsterdam) straordinariamente abrasivi, potenti, gia' marchiati a fuoco dalla chitarra di Tax e dalla voce di Zazzo: ''Noi...!'', ''Cannibale'', ''Tutto dentro'', ''Ancora qui'' e ''Incubo di morte'', che rimarranno tutti inediti su album. Cosi' ne parla lo steso Frazzi: "... potenza convulsa, suoni aspri, una tempesta musicale e vocale lucida e senza ipocrisie contenuta in un 7" prodotto e registrato come si deve. una leganta allo stomaco". Attivi dal 1983, grazie agli straordinari riscontri ottenuti da questi due ep e dai numerosi travolgenti concerti in giro per l' Europa, erano gia' un' istituzione dell' hardcore europeo quando usci' il loro primo album nel 1986, con i loro brani tiratissimi, di straordinaria ferocia, nelle migliori tradizioni dell' hardcore italiano, ma caratterizzati da una potenza e da capacita' tecniche e compositive fino ad allora mai udite in una hc band italica, contarddistinti dalla voce inconfondibile del cantante Zazzo (molto belli i testi, peraltro quasi tutti cantati in italiano) e dalla chitarra quasi metallica di "Tax" Farano, che portera' la band ad esprimersi negli anni a venire in territori sempre piu' prossimi ad un punk "evoluto" con influenze hard e metal, di cui ancora una volta, nei due albums pubblicati prima dello scioglimento, saranno grandi interpreti. Un pezzo di storia!
Euro
75,00
codice 261622
scheda
Nice elegy
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1971  philips 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima stampa italiana, copertina apribile laminata all' esterno, etichetta blu ed argento, catalogo 6303011L, timbro Siae del primo tipo, in uso tra il 1970 ed il 1975, con diametro di circa 13 mm., piu' piccolo dei successivi, data sul trail off "03-4-71". Pubblicato in Inghilterra nell'aprile del 1971 dopo ''Five bridges suite'', giunto al numero 5 delle classifiche Uk e non entrato in quelle USA. Il quinto album. Lavoro registrato in parte in studio ed in parte live al Fillmore East di New York, molto orchestrato e complesso , degno prologo del primo Emerson , Lake & Palmer, comprende quattro lunghi brani, secondo molti le migliori performances di tutta l'era del gruppo di Keith Emerson al pianoforte, come in particolare la versione di "Hang On to a Dream" di Tim Hardin, e vede la proposizione di riarrangiamenti completamente inediti e mai prima pubblicati di materiale che va da Tchaikovsky a Dylan. Ecco la lista dei brani compresi: "Hang On to a Dream" (di Tim Hardin, registrata dal vivo), "My Back Pages" (di Dylan), "Third Movement, Pathetique (Group Only)" (da Tchaikowski), "America (Second Amendment)" (di Bernstein / Sondheim, registrata dal vivo).
Euro
35,00
codice 261554
scheda
O level (television personalities) Pseudo punk (rsd 2014)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  munster 
punk new wave
EDIZIONE LIMITATA USCITA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2014, copertina a busta senza codice a barre, label bianca con scritte nere e scaletta dei brani posta su di una facciata, catalogo MR344, adesivo di presentazione del disco sul cellophane. Pubblicata nel 2014 dalla Munster, questa raccolta compila i brani degli unici due dischi non postumi degli O-Level, usciti su 7'' nel 1978, oltre a quattro brani inediti fino al 1992, anno in cui emersero nella cd compilation ''1977-1980: a day in the life of gilbert and george'', uscita su Rev-Ola e contenente brani sia degli O-Level che dei Teenage Filmstars. Gli O-Level furono uno dei primissimi gruppi di rilievo a cui partecipo' il vulcanico Ed Ball; nella loro formazione militavano anche John e Gerard Bennett (poi nei TV Personalities). Pubblicarono un singolo ed un ep nel 1978, caratterizzati da un crudissimo sound a bassa fedelta' non lontano dai primi Fall, ma a differenza di questi meno ferocemente sarcastico ed ossessivo, e piu' marcato dai toni solari delle sonorita' anni '60, seppure sposate con la ruvidezza del punk e spogliate di ogni orpello. Presto Ball si sarebbe lanciato nel suo nuovo progetto, i Teenage Filmstars, che avrebbero ripreso il filo musicale di questi O-Level, nelle loro prime e poche pubblicazioni del 1979/80. Questa la scaletta: ''East sheen'' (dal primo 7'', 7/78), ''Pseudo punk'' (dal primo 7'', 7/78), '''O' levels'' (indicato come tratto dal primo 7'', 7/78, dove pero' non risulta accreditato), ''We love malcolm'' (dal secondo 7'' ''The malcolm ep'', 12/78), ''Leave me'' (dal secondo 7'' ''The malcolm ep'', 12/78), ''Everybody's on revolver tonight'' (dal secondo 7'' ''The malcolm ep'', 12/78), ''Satirway to boredom'' (dal secondo 7'' ''The malcolm ep'', 12/78), ''Many unhappy returns'' (inciso nel 3/78, poi sulla raccolta ''1977-1980...'' del 1992), ''I love to clean my polaris missile'' (inciso nel 3/78, poi sulla raccolta ''1977-1980...'' del 1992), ''Don't play god with my life'' (inciso nel 3/78, poi sulla raccolta ''1977-1980...'' del 1992), ''East sheen revisited'' (inciso nel 2/79, poi sulla raccolta ''1977-1980...'' del 1992).
Euro
25,00
codice 3035012
scheda
Osanna Landscape of life
LP [edizione] ristampa  stereo  ita  1974  vinyl magic / fonit 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa del 2013, in vinile 180 grammi, copertina ruvida apribile pressoche' identica alla prima rara tiratura del 1974, con barcode adesivo sul retro ed adesivo Siae metallizzato, etichetta nera con scritte e logo bianco/crema, catalogo VMLP136 sull' etichetta e sulla costola, LPX32 sul fronte della copertina. Originariamente publicato dalla Fonit in Italia nell'aprile del 1974 dopo ''Palepoli'' (1973).e prima di ''Suddance'' (1978), questo e' il quarto album degli Osanna. Il disco venne inciso in un periodo difficile per la band, a causa di tensioni che poi sfociarono nello scioglimento durante le registrazioni del disco, che venne completato con il contributo di Corrado Rustici e di Enzo Valicelli (in seguito negli Uno). Il disco era stato pensato per uscire anche all'estero, ed infatti cinque dei sette brani sono cantati in inglese; musicalmente si caratterizza per l'alternanza di passaggi di sognante progressivo melodico, guidato da tastiere e chitarra acustica, con momenti piu' duri e potenti ed assoli di chitarra elettrica, vicini allo hard prog. Uno dei piu' stimati gruppi del rock progressivo italiano, gli Osanna provenivano da Napoli: furono formati nel 1971 da ex componenti di Volti di Pietra e Citta' Frontale, mentre il sassofonista e flautista Elio D'Anna proveniva dagli Showmen. Realizzarono nella loro breve carriera quattro album, fra cui ''Preludio, tema, variazioni e canzona'' (1972), usato per la colonna sonora del film ''Milano calibro 9'', e ''Palepoli'' (1973), considerato da molti appassionati uno dei migliori lavori del progressivo italiano. Si sciolsero temporaneamente dopo il quarto album ''Landscape of life'' (1974), per riformarsi nel 1977 e realizzare il quinto lp ''Suddance'' (1978). Si sono poi riuniti in piu' occasioni nel corso dei decenni successivi.
Euro
24,00
codice 261597
scheda
Pale Blue agents
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1982  italian records 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
la rara originale stampa italiana, copertina senza barcode, completa di inner sleeve in carta ruvida con testi e foto, label rossa e blu, catalogo EXIT909, data sul trail off 12/2/82. Pubblicato dalla benemerita Italian Records nel 1982, l' unico album dei parmensi ex "Pale TV", uno dei dischi fondamentali di tutto il panorama italiano della prima meta' del decennio; tra i pochissimi albums davvero degni di nota usciti nel nostro paese nei primissimi anni '80 in ambito "nuovo rock", e' un riuscitissimo lavoro a base di un post punk ora armonioso ora piu' nervoso, guidato dalle tastiere e dalle istrioniche performance vocali di Alex, in un insieme che, pur mantenendo delle peculiarita' legate alla forte personalita' del gruppo ed alle sonorita' tipiche della scena bolognese di quegli anni, puo' essere a tratti accostato alla musica di gruppi come i Sound, i Virgin Prunes meno sperimentali o gli americani Polyrock. Tra i brani, la splendida "Teutonic Knight" o l' interessantissima "Tatuate e Contuse", che sperimenta con successo l' uso della lingua italiana. Le radici dei Pale si trovano alla fine degli anni '70 nella band Electric Nerves, una formazione inusuale composta da tre strumentiste ed un cantante. Ribattezatosi Pale T.V., il gruppo pubblica un singolo per la Italian Records e poi, cambiato nuovamente il nome in Pale, il proprio unico album ''Blue agents'' (1982); in questo periodo suonano in giro per l'Italia e compaiono anche in trasmissioni della RAI, e nel 1983 aprono quattro concerti italiani dei Simple Minds, ma rifuggono le prospettive di un maggiore successo per non compromettere la loro musica, quindi si sciolgono dopo un ultimo singolo autoprodotto.
Euro
45,00
codice 261578
scheda
Parchment farm Parchment farm
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1972  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile nero, copertina ruvida senza codice a barre, inserto con foto, note e testi, label custom bianca con scritte nere su di una facciata e fotografica in bianco e nero sull'altra, catalogo EZRDR-178. Pubblicato nel 2024 dalla Ridingeasy, questo album compila registrazioni inedite, effettuate nei primi mesi del 1972 in studi privati nell'area del Missouri, dalla formazione a tre dei Parchment Farm composta da Robert Williams (basso, voce), Paul Cockrum (chitarra, voce) e Mike Dulany (batteria, voce). Questo gruppo statunitense proveniente dalla zona orientale del Missouri si formò nel 1968 e fu in attività fino al 1973; prendevano il nome dal devastante brano interpretato dai Blue Cheer nel loro primo album "Parchment farm" (una cover di Mose Allison), e la loro formazione si configurava anch'essa come power trio, così come il solo stile era orientato verso il primo hard rock, sebbene non feroce ed estremo come quello dei primi Blue Cheer, ma non meno stradaiolo. Debuttarono dal vivo sul finire del 1968, aprendo i concerti locali di gruppi più famosi come Sons Of Champlin, Bian Auger and the Trinity e poi nei primi anni '70, ZZ Top, Ted Nugent e Velvet Underground. Nel corso della loro storia attraversarono alcuni avvicendamenti nell'organico, prima di sciogliersi nel tardo 1973. Le registrazioni in studio conservate in questo album evidenziano un gruppo che, ancora nel 1972, suona un graffiante hard rock stradaiolo e leggermente inacidito, con sfumature blues nei pezzi più lenti, un sound grezzo e privo di orpelli tipici delle produzioni più commerciali. Questa la scaletta: "Song of the Dead", "Midnight Ride", "Devil's Film Festival", "Medici", "Summer's Coming Soon", "Blind Man", "Blue Skies Comin", "My Lady".
Euro
29,00
codice 3516027
scheda
Parchment farm Parchment farm (ltd. coloured vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1972  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile colorato, pressata in una edizione limitata a 500 copie, copertina ruvida senza codice a barre, inserto con foto, note e testi, label custom bianca con scritte nere su di una facciata e fotografica in bianco e nero sull'altra, catalogo EZRDR-178. Pubblicato nel 2024 dalla Ridingeasy, questo album compila registrazioni inedite, effettuate nei primi mesi del 1972 in studi privati nell'area del Missouri, dalla formazione a tre dei Parchment Farm composta da Robert Williams (basso, voce), Paul Cockrum (chitarra, voce) e Mike Dulany (batteria, voce). Questo gruppo statunitense proveniente dalla zona orientale del Missouri si formò nel 1968 e fu in attività fino al 1973; prendevano il nome dal devastante brano interpretato dai Blue Cheer nel loro primo album "Parchment farm" (una cover di Mose Allison), e la loro formazione si configurava anch'essa come power trio, così come il solo stile era orientato verso il primo hard rock, sebbene non feroce ed estremo come quello dei primi Blue Cheer, ma non meno stradaiolo. Debuttarono dal vivo sul finire del 1968, aprendo i concerti locali di gruppi più famosi come Sons Of Champlin, Bian Auger and the Trinity e poi nei primi anni '70, ZZ Top, Ted Nugent e Velvet Underground. Nel corso della loro storia attraversarono alcuni avvicendamenti nell'organico, prima di sciogliersi nel tardo 1973. Le registrazioni in studio conservate in questo album evidenziano un gruppo che, ancora nel 1972, suona un graffiante hard rock stradaiolo e leggermente inacidito, con sfumature blues nei pezzi più lenti, un sound grezzo e privo di orpelli tipici delle produzioni più commerciali. Questa la scaletta: "Song of the Dead", "Midnight Ride", "Devil's Film Festival", "Medici", "Summer's Coming Soon", "Blind Man", "Blue Skies Comin", "My Lady".
Euro
30,00
codice 3516028
scheda
Parker evan, derek bailey, han bennink Topography of the lungs
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  otoroku 
jazz
Edizione limitata a 500 copie, copertina ruvida fronte retro senza codice a barre, inner sleeve con note a cura di Evan Parker. Ristampa del 2018 ad opera della Otoroku, pressoche' identica alla assai rara e ricercata prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1970 dalla Incus in Gran Bretagna, il leggendario album di free jazz radicale frutto della collaborazione fra Evan Parker (sassofoni), Derek Bailey (chitarra) e Han Bennink (percussioni): fu il primo album da band leader per Parker, destinato a diventare uno dei massimi sassofonisti del free jazz britannico, e fu anche il primo disco pubblicato dalla Incus, label fondata dallo stesso Parker con Derek Bailey e Tony Oxley. ''The topography of the lungs'' contiene quattro brani che esprimono la via britannica al free jazz, molto cerebrale e tendente con costanza all'astrattismo radicale; un ascolto ostico e faticoso quindi, destinato a chi ama le esplorazioni piu' esterne e coraggiose della musica improvvisata. Questi i brani presenti: ''Titan moon'', ''For peter b. & peter k.'', ''Fixed elsewhere'', ''Dogmeat''. Considerato uno dei piu' importanti improvvisatori della chitarra free jazz della Gran Bretagna, Derek Bailey (1930-2005) e' stato un musicista aperto alle contaminazioni stilistiche e teso alla ricerca sonora che trascende i confini di genere, realizzando una musica in bilico fra free ed avanguardia, molto cerebrale e spesso ostica all'ascolto. Bailey suonava inizialmente un jazz abbastanza convenzionale, negli anni '50 e nei primi anni '60, per poi spostarsi sulle coordinate del free e della sperimentazione, partecipando all'esperienza dello Spontaneous Music Ensemble e poi formando il suo trio Iskra nel 1970 e nel 1976 i Company, dediti all'improvvisazione free. Un artista radicale e senza compromessi, che rimane ancorato allo status di culto.
Euro
30,00
codice 2130260
scheda
Penetrators gotta have her + 3
7"ep [edizione] ristampa  stereo  ita  1979  Fred Records / Rave up 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Ep in formato 7", stampato nel 1999 in esclusiva dall' etichetta romana Rave Up, ed ormai raro; copertina con apertura per il disco in alto, senza barcode, questo 7" contiene tutti i quattro brani degli unici due 7" pubblicati dalla punk rock band di Syracuse, New York: "Gotta Have Her" / "Baby, Dontcha Tell Me" e "Teenage Lifestyle" / "Rock`n'Roll Face", autprodotti entrambi nel 1979, prima dell' album postumo "Kings of basement rock" uscito nel 1988, con registrazioni effettuate pero' tra il 1976 ed il 1981. Brani grezzi ed essenziali di strascicato punk rock ispirato non poco al garage punk dei '60, davvero convincenti e coinvolgenti, vero e proprio manifesto del punk rock piu' crudo e viscerale. Un piccolo grande gruppo. Punk rock band di Syracuse, New York, attiva tra il 1976 ed i primi anni '80 e guidata da Eliot "Spike" Kagan, personaggio chiave della scena newyorkese piu' underground, attivo sin dal '73 (varie sue registrazioni di quel periodo sono comparse nel 2013 in un album accreditato agli Spike, denominazione anche per un 7"ep pubblicato nel 1980), e da Jack "Penetrator" Lipton. Brani grezzi ed essenziali, ispirati tanto ai Ramones quanto al garage punk dei '60, vero e proprio manifesto del punk rock piu' crudo e viscerale. La band, con formazione in parte rinnovata tornera' a sorpresa con il suo primo vero album "Bad woman" nel 2008, riuscendo a non far rimpiangere assolutamente il passato, dando vita ad un nuovo piccolo-grande disco, con 14 brani grezzi ed essenziali, magnificamente sporchi e low-fi, che evidenziano ancor piu' esplicitamente che in passato il legame della band con il piu' selvaggio 60's garage punk (con molte covers ad esplicitare ulteriormente il concetto).
Euro
14,00
codice 261624
scheda
Penetrators kings of basement rock
lp [edizione] ristampa  stereo  ita  1980  rave up 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
ristampa del 2000, realizzata dalla taliana Rave Up, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura uscita nel 1988 su Fred Records, senza barcode, con adesivo Siae metallizzato sul retro, etichetta gialla e nera, catalogo 0012. Il bellissimo album postumo dalla punk rock band di Syracuse, New York, attiva tra il 1976 ed i primi anni '80 e guidata da Eliot "Spike" Kagan, personaggio chiave della scena newyorkese piu' underground, attivo sin dal '73 (varie sue registrazioni di quel periodo sono comparse nel 2013 in un album accreditato agli Spike, denominazione anche per un 7"ep pubblicato nel 1980), e da Jack "Penetrator" Lipton. "Kings of Basement Rock" contiene registrazioni effettuate pare tra il 1976 ed il 1981, tra cui quelle dei due singoli del 1979 "Gotta Have Her / Baby, Dontcha Tell Me" e "Teenage Lifestyle / Rock`n'Roll Face". 12 brani grezzi ed essenziali, ispirati tanto ai Ramones quanto al garage punk dei '60 (prova ne sia la bella cover della classica "It's My Life"), davvero convincenti e coinvolgenti, vero e proprio manifesto del punk rock piu' crudo e viscerale. Un piccolo grande disco. La band, con formazione in parte rinnovata tornera' a sorpresa con il suo primo vero album "Bad woman" nel 2008, riuscendo a non far rimpiangere assolutamente il passato, dando vita ad un nuovo piccolo-grande disco, con 14 brani grezzi ed essenziali, magnificamente sporchi e low-fi, che evidenziano ancor piu' esplicitamente che in passato il legame della band con il piu' selvaggio 60's garage punk (con molte covers ad esplicitare ulteriormente il concetto).
Euro
28,00
codice 260751
scheda
Percolator Sestra
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2017  penske 
indie 2000
adesivo su cellophane. Il primo album del gruppo di Dublino formato nel 2009 da Ian Chestnutt e John 'Spud' Murphy e la cantante Eleanor Myler. Suonano un interessante indie rock articolato, con influenze tratte da suoni diversi come il Krautrock, lo shoegaze figlio dei migliori My bloody Valentine (sentire il brano di chiusura Binkle), l'avanguardia, il rock sperimentale (Eno-Bowie periodo berlinese) e il prog.
Euro
22,00
codice 2130285
scheda
Pink floyd opening in philly (26/09/70)
lp2 [edizione] originale  stereo  eu  1970  harvest / private 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
doppio album, la prima ormai molto rara stampa, nella versione in vinile nero, copertina lucida senza barcode, etichetta verde chiara e verde scuro "Harvest", catalogo SHLP260970. Realizzato in forma privata nel 2013, questo disco include nei suoi due dischi la completa registrazione (ottenuta direttamente dal mixer, e di buona qualita' sonora) del primo concerto della seconda tournee americana effettuata durante il 1970 dal gruppo inglese, famoso concerto che si tenne all' Electric Factory di Philadelphia, il 26 settembre del 1970, poco dopo la pubblicazione di "Atom Earth Mother". Questa la lista dei brani contenuti: A1 Astronomy Domine A2 Cymbaline B A Saucerful Of Secrets C Intersteller Overdrive D1 Fat Old Sun D2 Green Is The Colour D3 Careful With That Axe, Eugene.
Euro
85,00
codice 261580
scheda
Pixies Bossanova
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1990  4ad / vinyl180 
punk new wave
ristampa in vinile 180 grammi, pressoche' identica alla prima tiratura su 4AD, con inner sleeve, etichetta crema e verde. Uscito nell'Agosto 1990 per la storica label 4AD, il terzo album della band americana formata a Boston, Massachusset, dal vulcanico Black Francis che pubblica un annuncio per cercare musicisti ''tra Peter Paul & Mary e gli Husker Du''; diverranno in Inghilterra una delle maggiori e piu' influenti bands del decennio, con la loro musica capace di mettere insieme noise e pop, punk e psichedelia, vera deflagrazione di creativita' con pochi riscontri nella storia recente del rock. I loro albums sono ormai considerati pietre miliari dell'indie rock, Bossanova, pubbblicato tra il masterpiece "Doolittle" e la deflagrazione finale di "Trompe le Monde", e' forse il loro piu' "pop", e non a caso giunse al terzo posto delle classifiche Uk, ma senza rinunciare alla solita vena stralunata ed imprevedibile dei dischi precedenti. I Pixies sono stati una delle formazioni piu' importanti degli anni ottanta capaci di influenzare gran parte del rock alternativo degli anni successivi, il gruppo nasce nel 1986 a Boston, nel Massachussets, con Black Francis, ovvero Charles Thompson al canto, Joey Santiago alla chitarra, David Lovering alla batteria e Kim Deal al basso, i Pixies ebbero il grande merito di rinnovare uno degli linguaggi piu' abusati della musica: il garage-rock. Lo fecero trasmettendo la passione per l'eccentricita', le spigolosita', la prospettiva post-moderna, humour ed un pizzico di alienazione, riuscendo cosi' a fondere un garage-pop melodico e incalzante con armonie caotiche e dissonanti. Dopo il successivo "Trompe Le Monde" Frank Black dara' vita a una brillante carriera solista, Santiago e Lovering formeranno i Martinis e Kim Deal i Breeders, ponendo cosi' fine alla parabola Pixies.
Euro
30,00
codice 2130277
scheda
Pogues Best of the pogues
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1984  warner music 
punk new wave
ristampa Pubblicata nel settembre del 1991 dalla Warner in Europa, giunta all' undicesimo posto in classifica in Gran Bretagna, uscita negli USA con titolo ''Essential'' e con alcuni brani diversi, la prima storica raccolta (CON DIVERSI BRANI INEDITI SU ALBUM, tratti da rari singoli ed ep) dei grandi Pogues, che mette insieme quattordici brani del periodo 1984-1991, cioe' il periodo con Shane McGowan, che usci' dal gruppo proprio nell'anno di uscita di questa compilation, che rappresenta una significativa introduzione alla musica di questa grande band, fra punk e folk irlandese. Questa la scaletta: ''Fairytale of New York'' (dal terzo album ''If I should fall of grace with god'', 1/88), ''Sally MacLennane'' (dal secondo album ''Rum, sodomy & the lash'', 8/85), ''Dirty old town'' (da ''Rum, sodomy & the lash''), ''The Irish rover'' (singolo con i Dubliners, inedito su album, 3/87), ''A pair of brown eyes'' (da "Rum Sodomy & The Lash"), ''Streams of whiskey'' (dal primo album ''Red roses for me'', 9/84), ''A rainy night in Soho'' (dall'ep ''Poguetry in motion'', inedito su album, 2/86), ''Fiesta'' (da ''If I should fall of grace with god'', 1/88), ''Rain street'' (dal quinto album ''Hell's ditch'', 9/90), ''Misty morning, albert bridge'' (dal quarto album ''Peace and love'', 7/89), ''White city'' (da ''Peace and love''), ''Thousands are sailing'' (da ''If I should fall of grace with god''), ''The broad majestic shannon'' (da ''If I should fall of grace with god''), ''The body of an American'' (dall'ep ''Poguetry in motion'', inedito su album, 2/86). Storica formazione fra punk, folk delle isole britanniche e pop, i Pogues vennero formati a Londra nel 1983 dal cantante Shane MacGowan con Spider Stacey e Jim Finer, insieme ad altri musicisti; MacGowan aveva fatto parte in precedenza nel gruppo punk Nipple Erectors (poi solamente Nips). Il loro originale ed alcolico stile miete' grande successo in patria nel corso degli anni '80, con acclamati album quali ''Rum, sodomy & the lash'' (1985), ma il successo si accompagno' alla progressiva autodistruzione del carismatico frontman MacGowan, che abbandono' il gruppo nel 1991 con una salute devastata dagli stravizi (fu sostituito anche da Joe Strummer per un breve periodo); i Pogues proseguirono la loro attivita' attraverso ulteriori avvicendamenti nell'organico ma senza eguagliare i fasti degli anni '80.
Euro
27,00
codice 2125402
scheda
Porcupine tree In absentia
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2002  transmission 
indie 90
Ristampa rimasterizzata con copertina apribile pressoche identica all'originale, completa di inner sleeves, del sesto album della band, uscito originariamente nel settembre 2002 su Lama Records, dopo "Metanoia" (98) e prima di "Warszava" (04). Album che, dopo una serie di Lp's fra rave music e ambient psichedelico fra Pink Floyd ed Hawkind, apre piu' marcatamente verso sonorita' piu' prog rock, molto piu accessibili, sostituendo la batteria elettronica con quella acustica con suggestioni Radiohead e sonorita' fra goth metal, elettroniche ed acustiche, che generano atmosfere tempestose fra aperture a volte solari a volte oscure. Inizialmente un progetto solista del cantante e multi-strumentista Steven Wilson, i Porcupine Tree nascono a Londra nel 1989; Wilson, molto influenzato dalla psichedelia e dal rock progressivo, aveva in precedenza suonato negli Altamont e nei No Man, progetto che Wilson continuera' a portare avanti parallelamente ai Porcupine Tree. Il primo album ''On the sunday sude of life'' esce nel 1992 dopo due cassette, e successivamente Wilson invita vari ospiti a partecipare alle incisioni dei dischi del gruppo, fino a che i Porcupine Tree non diventano un vero gruppo intorno al 1996, con l'uscita di ''Signify'': oltre a Wilson, la formazione e' a questo punto completata da Colin Edward, Richard Barbieri (ex Japan) e Chris Maitland. Il gruppo continua poi a proporre il suo apprezzato rock spaziale, fra progressivo, elementi elettronici, echi di psichedelia e tocchi di pop sognante
Euro
47,00
codice 2130279
scheda
Pretty Things s.f. sorrow (uk sleeve)
Lp [edizione] nuovo  stereo  ger  1968  madfish 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi, copertina apribile pressoche' identica alla rarissima edizione inglese su Columbia (con copertina diversa ma stessi brani rispetto a quella americana su Rare Earth del 1969). Pubblicato in Inghilterra nel Dicembre del 1968 dopo ''Emotions'' e prima di ''Parachute'', non entrato nelle classifiche inglesi ne' in quelle USA dove usci' nel Febbraio del 1970. Il quarto album. Uno dei capolavori assoluti e riconosciuti della psychedelia britannica, registrato da Phil May, Wally Allen, Dick Taylor, John Povey e Twink, prodotto da Norman Smith. Passato alla storia come la prima rock opera della storia, Pete Townshend si ispirera' proprio a questo lp per Tommy degli Who che uscira' nel Maggio del 1969, narra la vicenda di Sebastian F Sorrow, dalla sua nascita alla maturita' dalla vecchiaia ed infine alla morte. Taylor e May effettuarono drastici cambi di formazione per questo lp, arrivarono Wally Allen e John Povey gia' nei Bern Elliott and The Fenmen e soprattutto il batterista Twink (vero nome John Alder) dai Fairies. Fu questa nuova formazione a registrare S.F. Sorrow, concept basato su un racconto di Phil May, il disco e' riconosciuto come uno degli autentici capolavori del decennio e propone un suono immaginifico ed innovativo che trattiene il feeling della psychedelia e lo coniuga con le migliori intuizioni del nascente progressive, sara' un' influenza enorme per molti musicisti inglesi, per esempio, il brano ''Private Sorrow'' ricorda molto da vicino i Jethro Tull di Aqualung. Nonostante il riconoscimento e gli onori tributati da parte di critica e musicisti (Roger Waters dei Pink Floyd racconta di averlo mantenuto sul piatto per oltre tre mesi senza ascoltare altro), il disco passo' del tutto inosservato e le copie vendute si calcolano nella misura di 1.000 (mille) tra mono e stereo, il che da' un'idea del perche' abbia raggiunto alte quotazioni. In questo periodo il gruppo, sempre attanagliato da problemi economici, registro' anche un lp in Francia, conosciuto come ''The Philippe De Barge album'', fu finanziato dal miliardario francese Philippe De Barge che innamoratosi del suono swinging London del gruppo, li persuase a recarsi nel suo Chateau per registrare un LP. Il risultato fu trasferito su di un acetato e mai stampato a causa della morte del finanziatore avvenuta subito dopo le registrazioni. Alcuni dei brani registrati in questo lp sono gli stessi che poi appariranno in Electric Banana. Dick Taylor, disilluso dalle scarsissime vendite e dalla sfortuna da sempre accanitissima contro il gruppo, lascio' la band proprio dopo S.F. Sorrow e divenne un produttore per la Clearwater Productions. Il gruppo sopravvisse anche a questo ed incise il notevolissimo ''Parachute'', un disco tra progressive ed hard rock, come al solito incensato da critici e addetti ai lavori ma dalle vendite, anche in questo caso, irrisorie.
Euro
31,00
codice 3035047
scheda

Page: 6 of 8


Pag.: oggetti: