Hai cercato:  immessi ultimi 15 giorni --- Titoli trovati: : 276
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Eilish billie Happier than ever
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  darkroom 
indie 2000
copertina apribile. Il secondo album in studio per la giovane artista statunitense. Prodotto dalla stessa cantante insieme al fratello FINNEAS a Los Angeles. Un disco in parte "sperimentale" con brani che intrecciano drum'n'bass, hip-hop e pop-rock in maniera originale. Ha avuto una buona accoglienza da parte della critica musicale. Note complete a seguire. Billie Eilish Pirate Baird O'Connell, conosciuta semplicemente come Billie Eilish è una cantante, songwriter statunitense, in bilico tra Alternative R&B, Electropop Ambient Pop, Pop Soul, Art Pop. Nel 2016 la sua canzone "Ocean Eyes" è diventata virale sulla piattaforma di streaming di musica digitale Spotify. Nell'agosto 2017 è uscito l'EP di debutto Don't Smile at Me. È stata nominata da Apple Music come UpNext nell'ottobre dello stesso anno. Nel 2019 ha pubblicato l'album in studio d'esordio !When We All Fall Asleep, Where Do We Go?", trainato dai singoli di successo planetario "When the Party's Over", "Bury a Friend" e "Bad Guy". Torna nel 2021 con il secondo disco "happier than ever".
Euro
29,00
codice 2126995
scheda
Eilish billie When we all fall asleep, where do we go?
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  interscope 
indie 2000
edizione in vinile giallo, copertina apribile, adesivo su cellophane, barcode 00602577427664. Disco dell'anno per diverse testate giornalistiche, "When We All Fall Asleep, Where Do We Go?" (2019), disco d'esordio di Billie Eilish, è stato scritto, prodotto e registrato interamente dalla diciassettenne songwriter nella sua casa d’infanzia a Highland Park, Los Angeles, con l’aiuto del fratello Finneas.Tra pop/r’n’b ed electro-Hip Hop, un ottimo debutto per un artista giovanissima ma che sta già facendo parlare di sé Billie Eilish Pirate Baird O'Connell, conosciuta semplicemente come Billie Eilish è una cantante, songwriter statunitense, in bilico tra Alternative R&B, Electropop Ambient Pop, Pop Soul, Art Pop. Nel 2016 la sua canzone "Ocean Eyes" è diventata virale sulla piattaforma di streaming di musica digitale Spotify. Nell'agosto 2017 è uscito l'EP di debutto Don't Smile at Me. È stata nominata da Apple Music come UpNext nell'ottobre dello stesso anno. Nel 2019 ha pubblicato l'album in studio d'esordio !When We All Fall Asleep, Where Do We Go?", trainato dai singoli di successo planetario "When the Party's Over", "Bury a Friend" e "Bad Guy".
Euro
36,00
codice 2127001
scheda
Electric light orchestra eldorado a symphony by the E. L.O. (180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1974  sony / legacy 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi, copertina presocche' identica alla prima tiratura, corredata di inserto con testi. Uscito nell' ottobre 1974 su Warner Bros in Inghilterra e su United Artists in America, giunto al 16esimo posto delle classifiche americane, non entrato in quelle inglesi, il quinto album (il quarto in studio), dopo il live "The Night The Light Went Out In Long Beach" e prima di "Face The Music", della band inglese di Birmingham nata dalle ceneri dei Move. Con il songwriting di Jeff Lynne a spingere in una direzione sempre piu' pop il gruppo, l' album apri' alla band la strada del successo in America, successo che si rispecchia anche nel riscontro del singolo "Can't Get It Out Of My Head", che entro' nella top ten americana. Formati nel 1969 sulle ceneri dei Move, da Bev Bevan, Jeff Lynne, Roy Wood, con violoncello, violino e corno francese, suonavano un progressive di matrice classicheggiante con melodie beatlesiane, di enorme successo nella seconda meta' del decennio.
Euro
25,00
codice 2126764
scheda
Electric wizard Electric wizard
LP [edizione] nuovo  stereo  uk  1994  Rise above 
indie 90
Copertina apribile, label custom verde con scritte bianche. Pubblicato nel nel 1994 dalla Rise Above, qui nella ristampa del 2006 ad opera della stessa etichetta, questo e' il primo eponimo album degli Electric Wizard, uscito prima di ''Come my fanatics...'' (1996). Il primo devastante album degli Electric Wizard rivaleggia in potenza con i leggendari Sleep, altro importante gruppo doom degli anni '90. Il gruppo inglese si cimenta con cupe ed inesorabili colate laviche sonore a base di chitarre distorte e basso e batteria martellanti di scuola Black Sabbath, derive acide e spaziali in brani come ''Mountains of Mars''; se fossero vissuti nella terra di mezzo sarebbero stati indubbiamente il gruppo preferito dei Nazgul. Formatisi in Inghilterra intorno al 1993, gli Electric Wizard sono considerati uno dei principali gruppi doom a cavallo fra il '900 ed il nuovo secolo; definiti da alcuni come la band ''piu potente dell'universo'', sono dediti ad un cupo e pesantissimo metal, dall'incedere lento ed ipnotico, indubbiamente influenzato dai Black Sabbath. Il loro primo eponimo lp esce nel 1994, ma e' con il terzo album ''Dopethrone'' che salgono in vetta alla oscura cima del doom metal, attraverso chilometrici e mantrici assalti chitarristici come ''Funeralopolis'' e ''I, the witchfinder''. Successivamente contrasti interni portano ad un massiccio rimaneggiamento nella formazione, che ruota sempre attorno al cantante e chitarrista Justin Oborn.
Euro
31,00
codice 2126871
scheda
Experimental audio research koner experiment (180 gr.)
lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1997  space age recordings 
indie 90
Edizione in vinile bianco, pesante 180 grammi; ristampa del 2023, con i dieci brani contenuti in un unico vinile, dell' album (ormai raro) originariamente doppio, pubblicato dalla Mille Plateaux nel marzo del 1997, dopo "Phenomena 256" (1996) e prima di "Millennium Music - A Meta-Musical Portrait" (1997). "The koner experiment" e' il quarto album del gruppo fondato fra il 1993 ed il 1994 da Sonic Boom (ex Spacemen 3), Kevin Shields (My Bloody Valentine), Eddie Prevost (A.M.M.) e Kevin Martin (God). Una sorta di "super gruppo" sperimentale, formato da personaggi di spicco della musica underground, gli E.A.R. propongono un suono piuttosto lontano dal rock, fra minimalismo, noise ed elettronica: il risultato e' una serie di spettrali ed onirici paesaggi sonori, in cui si incontrano la veglia ed il sogno. In questo lp, composto da dieci tracce senza titolo, il quartetto e' coadiuvato da Andy Mellwig e dal musicista minimalista Thomas Koner e da' vita ad un lavoro dalle tinte particolarmente scure, a tratti vicino alle sperimentazioni dei coevi Main. Un disco che potreste portare con voi sulla luna se mai avrete occasione di andarci e di farci una passeggiata. Pete Kember, in arte Sonic Boom, e' uno dei fondatori della storica band degli Spacemen 3 e poi degli Spectrum, e piu' tardi impegnato in produzioni di interessanti bands quali MGMT e Panda Bear. Dopo l'acrimonioso scioglimento dei grandi Spacemen 3 che aveva formato insieme a Jason Pierce, Sonic Boom dette avvio ad una carriera solista che lo porto' progressivamente piu' vicino alla musica sperimentale, partendo dagli esordi di pop psichedelico e minimale di ''Spectrum'', passando per l'esperienza della sua band dallo stesso nome, per arrivare al progetto sperimentale E.A.R. Il minimalismo e le sperimentazioni elettroniche di pionieri come Delia Derbyshire sono fra le maggiori e più costanti fonti di ispirazione per i suoi lavori solisti. Con il progetto Experimental Audio Research (E.A.R.), con il quale hanno collaborato illustri colleghi quali Thomas Köner e Andy Mellwig (Porter Ricks), Kevin Shields (My Bloody Valentine), Kevin Martin (The Bug, King Midas Sound) and Eddie Prévost (AMM), Sonic Boom esplora composizioni strumentali free-form, senza una precisa connotazione strutturale, fortemente evocative fra elettronica, minimalismo, influenze di musica cosmica tedesca ed ambient.
Euro
32,00
codice 2126872
scheda
Faith percy and his orchestra Younger than springtime
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1970  harmony 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soundtracks
prima stampa USA, copertina cartonata, label marrone con logo Harmony bianco in alto, catalogo H30020. Pubblicato nel 1970 dalla Harmony negli USA, sottoetichetta della Columbia, e dalla Hallmark nel Regno Unito, questo album vede Percy Faith proporre i suoi arrangiamenti di un set di brani del Great American Songbook, composti da autori come George Gershwin, Richard Rodgers, Cole Porter e Loerner & Loewe, fra gli altri, rivestendole con orchestrazioni avvolgenti e romantiche, ma anche moderatamente spumeggianti. Questa la scaletta: "Some Enchanted Evening", "Laura", "Begin The Beguine", "Deep Purple", "Summertime", "Younger Than Springtime", "Where Or When", "I Loved You Once In Silence", "If Ever I Would Leave You". Musicista americano di origini canadesi, Percy Faith (1908-1976) è ricordato come uno dei più famosi autori di musica easy listening degli anni '50 e '60; inoltre, al di fuori di una vasta produzione discografica propria, egli fu anche un brillante arrangiatore, contribuendo negli anni '50 al successo di brani interpretati da nomi come Doris Day, Johnny Matis e Tony Bennett, quando lavorava per la Columbia. Pianista di grande talento, si concentrò presto sulla carriera di arrangiatore dopo essere rimasto ferito alle mani in un incendio quando aveva appena diciotto anni, ma questa sventura lanciò la sua carriera di arrangiatore di grande successo, caratterizzato da uno stile ricco ed avvolgente. Divenne cittadino statunitense a metà anni '40 e nel 1950 entrò nella Columbia Records come produttore ed artista solista, facendosi strada come uno dei pionieri dello easy listening di una musica orchestrale d'atmosfera dai risvolti pop, suadente ed avvolgente, oltre a sperimentare con i ritmi latini (del 1952 è il suo primo singolo da numero uno in classifica, "Delicado"). Sempre negli anni '50 cominciò a lavorare nel mondo delle colonne sonore, e nel 1960 ottenne un grandissimo successo commerciale ed un Grammy con la sua interpretazione di "The theme from A Summer Place" di Max Steiner.
Euro
18,00
codice 335777
scheda
Fantasy paint a picture
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  absinthe 
rock 60-70
Ristampa del 2021, copertina apribile senza barcode, pressoche' identica alla prima rarissima tiratura su Polydor. Pubblicato in Inghilterra nel marzo del 1973, non entrato nelle classifiche Uk e non pubblicato all' epoca in Usa, il primo ed unico album. Uno dei piu' celebri lavori del progressive underground britannico, album dallo status leggendario e da sempre oggetto di ricerca da parte dei cultori del genere, e' l 'unico pubblicato dal gruppo, che si forma nel Kent come Chapel Farm nel 1970, denominazione con la quale producono un acetato (in formato 10" con quattro brani); nel 1971 entra nella formazione il nuovo cantante, Paul Lawrence, e nel 1972 cambiano il nome, prima in Firequeen e poi finalmente in Fantasy in 1973. "Paint A Picture" esce nello stesso anno e nonostante passi inosservato al grande pubblico, anche a causa della pressoche' inesistente promozione e distribuzione tipica degli act minori della Polydor dei primi ani '70, si conquista un seguito di culto tra gli appassionati del progressive in Inghilterra. La musica del gruppo, sognante e melodica, vicina nello spirito ai Genesis de periodo, vede numerosi passaggi radiofonici nei programmi di John peel, tra i brani molti quelli realmente notevoli, da segnalare almeno 'Circus', 'Award'￾, 'Icy River' e 'Young Man's Fortune'. Questa incarnazione della band si scioglie nel 1974 dopo aver registrato un secondo Lp rimasto inedito, 'Beyond The Beyond', mentre una nuova formazione dei Fantasy , con il cantante e bassista originari, tornera' sulle scene nel 1976, registrando 6 brani, anch'essi pero' non pubblicati all' epoca.
Euro
23,00
codice 2126873
scheda
Fauns How lost
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2024  invada 
indie 2000
Il terzo album a ben 11 anni dal precedente "lights" del 2013. Il gruppo inglese di Bristol riprende le fila del loro suono shoegaze con inserti sofisticati di ritmi dance ed elettronica. La voce ispirata della cantante Alison Garner risulta eterea e seducente in una scaletta altrettanto ispirata che fa' ricordare i My Bloody Valentine ed I Catherine Wheel. I Fauns provengono da Bristol, dove Alison Garner (voce e chitarra) e Lee Woods (chitarra) si attivano nel 2007 insieme al chitarrista Alliot Guise, al bassista Michael Savage ed al batterista Guy Davies. Debuttano nel 2009 con l'album eponimo, realizzato in pochissime copie sulla propria label Laser Ghost, cui segue "Lights" nel 2013. Le coordinate sonore si assetano su un mix fra shoegaze e dream pop molto accattivante e seducente.
Euro
31,00
codice 2127050
scheda
Fear The record (ltd. magenta)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1982  music on vinyl 
punk new wave
Ristampa del 2024, in vinile 180 grammi per audiofili, edizione limitata di 1500 copie, numerate sul retro, in vinile magenta trasparente, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura. Il mitico primo album del folle, dissacrante, furioso e trascinante gruppo californiano di Lee Ving attivo dal 1977. Uscito negli USA su Salsh nel febbraio del 1982, non pubblicato in Gran Bretagna, circa due anni dopo la partecipazione alla storica colonna sonora di "The Decline of the Western Civilization", "The Record" e' un disco controverso, soprattutto per le discutibili posizioni politiche del gruppo, ma, indiscutibilmente, uno dei piu' importanti di tutto il punk americano. "I don't care about you" e' uno degli inni di sempre del punk, e "No More Nothing" quasi la vale, "New York's allright if you like saxophones" e' l'ennesima testimonianza del campanilismo delle varie scene punk americane in quegli anni infuocati, la cover stravolta e geniale di "We Gotta Get Out Of This Place" degli Animals (sembra di sentire i Residents in versione punk!) impagabile. Mai piu' si ripeteranno su questi livelli. Il bassista Flea, poi nei Red Hot Chili Peppers, suono' con loro per un breve periodo, che frutto' l'ep ''Fuck christmas'' (1983), mentre il batterista Spit Stix ebbe un intermezzo nella band di Nina Hagen; dopo l'album ''Live... for the record'' (1991) scomparvero quasi dalla scena, per poi tornare nel 1996 con ''Have another beer with fear''.
Euro
31,00
codice 2126907
scheda
Foals Total life forever
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2010  warner/transgression 
indie 2000
Copertina liscia a busta di colore blu nella parte interna e con adesivo trasparente con nome gruppo/titolo applicato sul fronte, inner sleeve in cartoncino sottile liscio neutro nero e con sagomatura al centro, label nera con scritte bianche su di una facciata e con disegno in varie tonalita' di blu e azzurro senza scritte sull'altra, catalogo 5051865913900, scritta ''unity'' incisa sul trail off del lato A. Pubblicato nel maggio del 2010 dalla Warner/Transgression in Gran Bretagna e dalla Sub Pop negli USA, il secondo album dei Foals, uscito dopo ''Antidotes'' (2008). Il gruppo inglese realizza qui un lavoro meno esuberante e piu' disteso rispetto all'esordio, manentendo le influenze del post punk britannico ed echi dei Talking Heads, attraverso brani dalle sonorita' avvolgenti ed in bilico fra indie e mainstream. Formatisi ad Oxford intorno al 2005, gli inglesi Foals sono autori di uno indie rock asciutto ed ipnotico, influenzato dal post punk originario come dal revival di inizio del nuovo secolo; alcuni membri della band avevano precedentemente fatto parte dei The Edmund Fitzgerald. Il cantante originario Andrew Mears lascio' il gruppo dopo il primo singolo del 2006, ''Try this on your piano'', per concentrarsi sull'altro gruppo di cui faceva parte, gli Youthmovies. I Foals proseguono con l'aggiunta di un tastierista, dando alle stampe ulteriori singoli nel 2007 e nel 2008 che raggiungono posizioni progressivamente piu' alte nelle classifiche inglesi, oltre allo ep ''Live'' (2007) ed al primo album ''Antidotes'' (2008).
Euro
32,00
codice 2126985
scheda
Fontaines d.c. A hero's death
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  partisan 
indie 2000
edizione in vinile nero, adesivo su cellophane “A Hero’s Death” (2020) vede i Fontaines DC di nuovo al lavoro con il produttore Dan Carey (Black Midi, Bat For Lashes). Dopo l’apprezzato disco d’esordio “Dogrel” la band post-punk dublinese realizza un album malinconico, filosofico e spettrale. Diventa sempre più matura e “classica” nel rifarsi a certe sonorità dark. I Fontaines D.C. sono una band post-punk di Dublino, Irlanda, formatasi nel 2017. Amati da critica e pubblico, il loro album di debutto "Dogrel" del 2019 è stato considerato album dell'anno da Rough Trade e BBC 6 Music. Il secondo disco, "A Hero's Death", appena uscito, si candida di già ad essere una delle produzioni discografiche più apprezzate del 2020.
Euro
29,00
codice 2127041
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  partisan 
indie 2000
copertina ruvida,, etichette custom, inner sleeve. "Dogrel" (2019), album di debutto dei dublinesi Fontaines D.C., è una delle più interessanti uscite discografiche dell'anno : post punk tiratissimo, di forte impatto e con testi sempre sul pezzo, in grado di raccontare senza filtri la quotidianità irlandese. Fontaines D.C., quintetto post punk dublinese, formato da Grian Chatten (voce), Conor Deegan III (basso), Carlos O'Connell (chitarra), Conor Curley (chitarra) eTom Coll (batteria). Con il disco d'esordio, "Dogrel" (2019), si candidano a diventare una della realtà più promettenti della scena irlandese e(o) forse lo sono già, anche a grazie a canzoni come "Boys in the Better Land", "Liberty Belle", "Dublin City Sky", con cui rivendicano orgogliosamente il proprio vissuto irlandese.
Euro
29,00
codice 2126845
scheda
Fontaines d.c. Dogrel (ltd gold-black)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2019  partisan 
indie 2000
Copia nuova aperta per controllo edizione. Ristampa limitata in versione con vinile nero e oro swirl, copertina ruvida, etichette custom, inner sleeve catalogo PTKF 2166-8. "Dogrel" (2019), album di debutto dei dublinesi Fontaines D.C., è una delle più interessanti uscite discografiche dell'anno : post punk tiratissimo, di forte impatto e con testi sempre sul pezzo, in grado di raccontare senza filtri la quotidianità irlandese. Fontaines D.C., quintetto post punk dublinese, formato da Grian Chatten (voce), Conor Deegan III (basso), Carlos O'Connell (chitarra), Conor Curley (chitarra) eTom Coll (batteria). Con il disco d'esordio, "Dogrel" (2019), si candidano a diventare una della realtà più promettenti della scena irlandese e(o) forse lo sono già, anche a grazie a canzoni come "Boys in the Better Land", "Liberty Belle", "Dublin City Sky", con cui rivendicano orgogliosamente il proprio vissuto irlandese.
Euro
41,00
codice 2126851
scheda
Foo fighters Greatest hits
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2009  rca / sony 
indie 90
Vinili pesanti, copertina lucida apribile con piccoli punti in rilievo, completa di inner sleeves in carta ruvida con foto e di foglio inserto in cartoncino semi-rigido con foto, notizie sui pezzi presenti e lettera di David Grohl, etichette meta' nere e meta' grigie con scritte bianche e nere, doppio Lp pubblicato dalla RCA nel novembre 2009, dopo "Echoes, silence, patience & grace" (07), contenente 16 tracce, 3 delle quali inedite: "All my life", da "One by one" (02), "Best of you" da "In your honor" (05), "Everlong" da "The colour and the shape" (97), "The pretender" da "Echoes, silence, patience & grace" (07), "My hero" da "The colour and the shape", "Learn to fly" da "There is nothing left to lose" (99), "Times like these" da "One by one" (02), "Monkey wrench" da "Colour and the shape", "BIg me" da "Foo fighters" (95), "Breakout" da "There is nothing to lose", "Long road to ruin" da "Echoes, silence, patience & grace", "This is a call" da "Foo fighters", "Skin and bones" da "Skin and bones" (06), l'inedite "Wheels", "Word forward" e la versione acustica di "Everlong". Formatisi nel 1994 dopo la scomparsa di Kurt Cobain ed il conseguente scioglimento dei Nirvana, i Foo Fighters sono guidati dall'ex batterista del gruppo di Seattle, Dave Grohl, che Grohl aveva cominciato a scrivere canzoni gia' durante la sua militanza nei Nirvana. Il primo album del gruppo esce nel 1995 ed ottiene subito un ottimo successo, con il suo crossover fra grunge e punk diretto e meno pesante di quello dei Nirvana. Il gruppo ammorbidisce progressivamente il proprio approccio, inserendo venature pop e mainstream, e nel 1999 firma con la RCA continuando a sfornare singoli ed album di successo all'inizio del nuovo millennio.
Euro
30,00
codice 2126730
scheda
Foo fighters The essential
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1995  rca 
indie 90
doppio vinile, copertina apribile. raccolta di 19 brani. Estratta dalla loro discografia la compilation include una selezione dei brani preferiti dai fan e dei singoli di successo. Questa la tracklist: 1. "Everlong" 2. "Making a Fire" 3. "Times Like These" 4. "Rope" 5. "Monkey Wrench" 6. "My Hero" 7. "Cold Day in the Sun" 8. "Big Me" 9. "Long Road to Ruin" 10. "Shame Shame" 11. "Best of You" 12. "All My Life" 13. "The Pretender" 14. "This Is a Call" 15. “Waiting on a war” 16. "Walk" 17. "Learn to Fly" 18. "The Sky Is a Neighborhood" 19. “Breakout” 20. "These Days" 21. "Everlong" (Acoustic Version) Tracce extra in vinile: “Breakout” “Waiting on a war” Formatisi nel 1994 dopo la scomparsa di Kurt Cobain ed il conseguente scioglimento dei Nirvana, i Foo Fighters sono guidati dall'ex batterista del gruppo di Seattle, Dave Grohl, che aveva cominciato a scrivere canzoni gia' durante la sua militanza nei Nirvana. Il primo eponimo album del gruppo (in cui Grohl suona praticamente tutti gli strumenti), esce nel 1995 ed ottiene subito un ottimo successo, con il suo crossover fra grunge e punk diretto e meno pesante di quello dei Nirvana. Il gruppo ammorbidisce progressivamente il proprio approccio, inserendo venature pop e mainstream, gia' nel secondo Lp "The colour and the shape" (97) e nel 1999 firma con la RCA continuando a sfornare singoli ed album di successo all'inizio del nuovo millennio. Escono infatti, "There is nothing left to lose" (99), "One by one" (02), "In your honor" (05) e "Echoes, silence, patience & grace" (07).
Euro
32,00
codice 2126908
scheda
Four tet Rounds
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2003  domino 
indie 2000
Ristampa per il decennale, vinile doppio pesante, contiene CD con un live a Copenhagen del 2004, coupon per mp3,copertina ruvida apribile con codice a barre stampato in forma di semiarco sull'angolo a desta in basso del retrocopertina, inner sleeve in carta ruvida neutra nera, con sagomatura al centro, label custom neutra gialla con sfumature arancioni e verdi, leggermente differenti su ciascuna delle quattro facciate. Pubblicato dalla Domino nel 2003, ''Rounds'' e' il terzo album di Four Tet, uscito dopo ''Paws'' (2001) e prima di ''Everything ecstatic'' (2005). Considerato da alcuni critici uno dei lavori migliori nella gia' apprezzata discografia del progetto di Kieran Hebden, questo lp consiste di una indefinibile mescolanza di elettronica da ascolto, trip hop, melodie minimali ed ipnotiche a base di strumenti acustici e percussioni che ricordano i gamelan, suadenti tappeti di tastiere e chitarre dilatate. Album dall'atmosfera sognante e vagamente malinconica, ''Rounds'' si basa su sonorita' delicate e melodiche ma al tempo stesso sperimentali e poco convenzionali. Four Tet e' un progetto musicale avviato intorno al 1997 da Kieran Hebden, uno dei fondatori del gruppo indie sperimentale Fridge. Four Tet frutta lavori suadenti dalle diverse sfaccettature, dovute forse alla varieta' delle influenze e degli stili a cui si ispira Hebden, dal Trip hop al minimalismo, dal post rock all'elettronica da ascolto. Il primo lp ''Dialogue'', assai apprezzato dalla critica, esce nel 1999, seguito nel 2001 da ''Paws'' e nel 2003 da ''Rounds''; ''everything ecstatic'' vede la luce nel 2005.
Euro
31,00
codice 2126844
scheda
Franz ferdinand Franz ferdinand (ltd 20th)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2004  domino 
indie 2000
ristampa limitata in vinile arancio e nero, in occasione del ventesimo anniversario, con copertina embossed, con parti in rilievo. Pubblicato nel 2004 dalla Domino, questo e' l'eponimo album d'esordio dei Franz Ferdinand, uscito prima di ''You could have it so much better'' (2005). Il gruppo inglese propone qui un indie rock con sensibili influenze del post punk inglese a cavallo fra anni '70 e '80, oltre a reminiscenze dei Talking Heads, ma con sonorita' non derivative che tradiscono l'appartenenza ad una generazione di due decenni piu' giovane. Simile agli Interpol ed in misura minore ai Liars meno sperimentali, l'album e' sostenuto da ritmi scattanti e chitarre che riecheggiano il punk come il funk (con ricordi di Wire e Gang Of Four), attraverso brani briosi guidati dalla voce istrionica e quasi teatrale di Alex Kapranos. Formatisi a Glasgow in Scozia nel 2001, i Franz Ferdinand sono spesso collocati nella schiera di gruppi inglesi ed americani che in quel periodo si cimentavano con un indie rock ispirato dal post punk dei primi anni '80; nella loro musica si possono avvertire echi di Wire, Gang Of Four, Talking Heads e Chameleons. Definiti da alcuni come la risposta scozzese agli Interpol, esordirono su album con un lavoro eponimo nel 2004, dopo un ep ed alcuni singoli che avevano contribuito a far circolare il loro nome. L'attenzione di MTV e dei media spande ulteriormente la fama del gruppo, che nel 2005 pubblica il secondo album ''You could have it so much better''.
Euro
32,00
codice 2126826
scheda
Frusciante john (red hot chili peppers) The empyrean (10th anniversary reissue)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  usa  2009  record collection 
indie 90
Ristampa del 2019, realizzata in occasione del decimo anniversario dall' uscita originaria, doppio album in vinile 180 grammi, ottenuto dai master tapes analogici originali, copertina pressoche' identica a quella della prim arara tiratura, corredata di inner sleeves con testi. Pubblicato nel gennaio del 2009 dalla Record Collection, ''The empyrean'' e' l' ottavo album solista di John Frusciante (collaborazioni escluse), successivo a ''Curtains'' (2005) e precedente "Letur-Lefr" (2012), e giunto al numero 151 delle classifiche americane. Il chitarrista dei Red Hot Chili Peppers riprende il lungo filo della sua attivita' solista con questo lavoro in larga parte soffuso, introspettivo ed autunnale, attraverso un set di brani melodici ed evocativi, in cui emergono lontani echi del crossover del gruppo di origine, con inevitabili riferimenti a Jimi Hendrix ma anche contaminazioni elettroniche e pop sognante e rarefatto. Tra i brani una intensa versione di "Song To The Siren" di Tim Buckely. I brani ''Enough of me'' e "Central" registrano la presenza del chitarrista Johnny Marr, ex Smiths, e tra i musicisti coinvolti in questo disco registrato tra il 2006 ed il 2008 ci sono anche gli altri Red Hot Chili Peppers Josh Klinghoffer e Flea (al basso in sei brani). Il talentuoso e tormentato chitarrista dei Red Hot Chili Peppers John Frusciante entro' nel gruppo in seguito alla morte del membro fondatore Hillel Slovak; il gruppo divento' una delle maggiori realta' della scena pop rock mondiale proprio negli anni con Frusciante, attraverso album come ''Mother's milk'' (1989) e soprattutto ''Blood sugar sex magik'' (1991), dopo il quale lascio' la band ed attraverso' un periodo problematico, tuttavia avviando anche una carriera solista lunga e produttiva, che prosegue anche dopo il suo rientro nei RHCP.
Euro
34,00
codice 2126874
scheda
Fu manchu Fu30 vol i-iii (ltd silver)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2023  cargo 
indie 90
edizione limitata di 2000 copie in vinile argento e copertina con parti in rilievo. La raccolta definitiva della serie in vinile del 30° anniversario di Fu Manchu, Fu30, Volume I-III, non solo include tutte le 9 canzoni deii 10"pubblicati negli ultimi 2 anni, ma presenta una traccia bonus ddella cover della band di "Working Man" dei Rush. Il primo nucleo embrionale dei Fu Manchu si forma nel 1987 sotto il nume di Virulence, band hardcore che trovava ispirazione dai lavori di Black Flag e Bl'ast. Successivamente alla pubblicazione di un primo album nel 1989 e ad alcuni cambiamenti nella formazione, i Virulence cambiarono orientamento musicale e nome in Fu Manchu. I primi lavori a nome Fu Manchu risalgono tra il 1991 ed il 1992, anni in cui il gruppo pubblico tre singoli che riuscirono ben presto ad attirare l'attenzione della critica specializzata; ma sara' nel 1994, anno di uscita del primo album "No One Rides for Free" ed il successivo "The Action is Go" del 1997 che la band ottenerra' successo e fama mondiale grazie all'energico stoner rock che cattura lo spirito degli anni '70 con un tocco moderno. La band ha spesso espresso il suo amore per la cultura skate punk che si riflette nella loro proposta e nell'estetica associata ai loro album e copertine. Diversi brani del gruppo sono finiti in colonne sonore di videogiochi e film. Nel corso degli anni, la formazione della band ha subito alcune modifiche, girando attorno al membro fondatore Scott Hill.
Euro
43,00
codice 2126788
scheda
Future islands People who aren't there anymore (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2024  4ad 
indie 2000
edizione limitata in vinile trasparente per i negozi indipendenti. Il settimo album, segue "as long as you are" del 2020. 12 brani che il frontman Samuel Thompson Herring definisce molto autobiografici , in particolare la fine della relazione con l'ex compagna. Musicalmente un lavoro di synth-pop maturo che guarda con "distacco e ammirazione" agli anni 80. Capitanati da Samuel T. Herrring ed attivi dal 2003 in quel di Baltimora sotto il nome Art Lord & Self-Portraits, poi mutato in Future Islands nel 2006, propongono una wave elettro pop, di forte derivazione 80's, ma con elementi piu' moderni e sperimentali, con una sensibilita' romantica. Spinti dal loro concittadino Dan Deacon, Herring (voce), William Cashion (basso e chitarre) e Gerrit Elmers (tastiere), realizzano il proprio debutto nel 2008, "Wave like home", con la produzione di Chester Endersby Gwazda, che continua a collaborare nell'Ep "In the fall", nel secondo full lenght, "In evening air", entrambi del 2010, e nel terzo "On the water". Un gruppo che pennella avvolgenti, malinconiche e romantiche canzoni di moderno synth pop, influenzato da gruppi come i Talk Talk, i Cure e certe produzioni 4AD di alta epoca, ed anche indubbiamente dal David Bowie newyorchese, dagli arrangiamenti nel corso del tempo via via più barocchi ma comunque moderati da sonorità di sintetizzatori fatte di poche distese ed ammalianti note e sostenuti da una ritmica regolare ed ipnotizzante. Il cantato da crooner amaro e caldamente sentimentale di Samuel T. Herring continua ad essere un elemento calamitante l'attenzione nel loro impasto sonoro. Un incontro affascinante, per chi ha orecchie sensibili a questo tipo di musica, fra i primi anni '80 ed il XXI secolo, che riesce a suonare fresco e non si limita al mero revivalismo
Euro
30,00
codice 2126814
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  pol  1994  blue pentagram 
punk new wave
Copertina senza codice a barre. Ristampa ad opera della Blue Pentagram, con artwork che riprende quello della rarissima prima tiratura ma con diversa colorazione. Originariamente pubblicato nel settembre del 1994 dalla Mute, "The sporting life" è frutto della collaborazione fra la cantante Diamanda Galas ed il versatile multistrumentista ed arrangiatore inglese John Paul Jones, già bassista e tastierista dei Led Zeppelin; la partecipazione di Jones avvicina la cantante americana alla musica rock, o perlomeno al suo groove ritmico, che l'inglese costruisce partendo da fondamenta zeppeliniane, preciso, denso e potente, e che richiama più di una volta il lato più funkeggiante delle trame ritmiche degli Zeppelin di metà anni '70: su di esso non si stagliano le grida di Plant né le virtuosistiche partiture chitarristiche di Page, bensì le idiosincratiche, urticanti, inquietanti, sensuali declamazioni della carismatica voce della Gallas, mentre Pete Thomas si occupa delle percussioni. Rare le incursioni degli strumenti melodici, come l'organo frenetico di "You're mine", che supporta le torturate evoluzioni della cantante, la cui voce rimane saldamente al centro della scena. Nata a San Diego nel 1955 da immigrati greci, Diamanda Galas ha studiato opera e pianoforte; nei primi anni '70 suonava a Los Angeles con jazzisti d'avanguardia come David Murray, Butch Morris e Mark Dresser, ma conduceva anche un'esistenza precaria e pericolosa. La sua prima occasione di proporsi come cantante solista gli fu' offerta dal Living Theatre, che la invito' ad esibirsi nei manicomi, alimentando cosi' ulteriormente l'ombra di mistero intorno all'artista. In seguito a questa esperienza il compositore Vinko Globokar le propose di partecipare alla sua opera "Un Jour Comme Une Autre", quest'ultima fu prova fondamentale per la Galas, in seguito alla quale maturo' la sua idea di musica e di canto. L'arte di Diamanda Galas si presenta come un incrocio fra tragedia greca, teatro espressionista e seduta psicanalitica, composizioni estreme convulse e dissonanti sono caratteristiche della sua espressivita'. Grida rapidissime e concitate si alternano a vagiti disumani, da assatanati, spasmi, lamenti strozzati, sibili, urla viscerali, scariche epilettiche, questo e' il background dell'arte di Diamanda Galas, sperimentazioni vocali vicine agli astrattismi di Meredith Monk e Joan La Barbara ma che a differenza trovano fondo direttamente dalla vita, costituendo una vera colonna sonora del dolore in tutte le sue manifestazioni. Galas non si astrae dal mondo reale, ma anzi vi immerge totalmente la propria psiche, con risultati apocalittici.
Euro
23,00
codice 3515712
scheda
Gallagher liam / john squire Just another rainbow
7" [edizione] nuovo  stereo  ger  2024  warner 
indie 90
edizione limitata, lato B etched (scolpito). il singolo che anticipa l'album collaborazione tra due pezzi da novanta della scena britannica anni 80-90, Liam Gallagher frontman degli Oasis si unisce all'inventiva chitarra di John Squire degli Stone Roses. Singolo che ha raggiunto le prime posizioni delle classifiche inglesi.
Euro
25,00
codice 2127016
scheda
Gandalf gandalf
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  capitol / private 
rock 60-70
Ristampa degli anni 2000, con copertina lucida senza barcode, pressoche' identica alla prima rarissima tiratura pubblicata in Usa su Capitol nel 1969, etichetta Capitol "black rainbow", catalogo ST121. L' unico album del gruppo proveniente da New York, gia' intestatario di due singoli con il nome di Barracuda per la Rca; pubblicato nel 1969 per la Capitol, uno dei lavori piu' celebri della scena americana tardo-psichedelica, disco dai connotati difficilmente inquadrabili, tra baroque pop e psichedelia, con brani originali ed inusuale scelta di covers che vanno da Belafonte a Tim Hardin passando per Bing Crosby; questo lavoro dei Gandalf e' vicino nel suono al pop barocco dei Left Banke o a certe produzioni dell' area di Los Angeles (non distante da albuni deu gruppi a cui aveva messo mano Curt Boettcher), con una la musica che vede forti influssi barocchi e melodie vocali in grande risalto, il tutto accompagnato da tastiere e con rimandi alla musica classica settecentesca, non mancano le atmosfere spaziali cosmiche e acidule, belle in particolare le versioni di "Scarlet Ribbons", la cover di Tim Hardin "Hang on to a Dream", "You Upset the Grace of Living" e "Can You Travel in the Dark Alone''.
Euro
23,00
codice 2126894
scheda
Gaye Marvin What's going on
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  tamla motown 
soul funky disco
Ristampa in vinile 180 grammi, rimasterizzata, copertina apribile pressoche' identica a quella della originaria tiratura. Uscito nel giugno del 1972 su Tamla Motown in America, e giunto al sesto posto delle classifiche Usa, pubblicato dopo "That's the Way Love" e prima di "Trouble man", uno dei dischi fondamentali nell'evoluzione della musica soul e non esclusivamente di quella, un album storico ed innovativo, dalle sonorita' decisamente all'avanguardia; inserito da All Music tra i 600 album fondamentali di sempre e considerato il piu' grande disco di soul mai uscito. Un album politico, che si esprime attraverso una serie di considerazioni critiche su quello che era stato fino ad allora il cosidetto "sogno americano". La canzone che da' il titolo all'album e' scritta da Obie Benson dei Four Tops. Per molti il suo piu' grande lavoro. Marvin Gaye, nato a Washington il 2 Aprile del '39. Nel '55 si unisce ai Rainbows di Billy Stewart e Don Covay, poi, dopo una parentesi in Marina, entra nei Marquees, nei Moonglows e lavora come batterista e "backing vocalist". Infine, nel '61 entra alla Motown ed inizia la sua carriera da solista.
Euro
20,00
codice 2126751
scheda
Genesis and then there were three
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  charisma / umc 
rock 60-70
ristampa del 2018, copertina apribile pressoche' identica a quella della prima tiratura su Charisma. Pubblicato in Inghilterra nell' aprile del 1978 dopo ''Wind and wuthering'' e prima di ''Duke'', giunto al numero 3 delle classifiche Uk ed al numero 14 di quelle Usa. Il il decimo album. Il terzo in studio senza Gabriel ed il primo senza Steve Hackett; concepito con formazione a trio, ''And Then There Were Three'' e' il disco di passaggio tra i suoni progressive degli anni ''70 ed nuovo pop con influenze soul che li rendera' ancor piu' celebri nel nuovo decennio, anche se l'astro nascente di Collins inizia a risplendese, sono ancora Banks e Rutherford a tenere lo scettro compositivo, "Snowbound.", "Say It's Alright Joe.", "Ballad of Big," e soprattutto, le celeberrime e davvero splendide "Many Too Many" e "Follow You Follow Me,". in questo album le atmosfere si ammantano di sonorita' jazz e notturne, le chitarre iniziano a farsi sentire e l'elettronica fa' il suo ingresso, in un lavoro che fu un successo enorme e che riusci' nella non facile impresa di essere apprezzato sia dai vecchi appassionati della saga Genesis e di portare in dote milioni di nuovi adepti.
Euro
25,00
codice 3033863
scheda

Page: 5 of 12


Pag.: oggetti: