Hai cercato:  Ultimi arrivi (lista aggiornata ogni giovedi' sera) --- Titoli trovati: : 363
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1975  sony / rca 
cantautori
ristampa del 2018, rimasterizzata ed in vinile pesante, copertina pressoche' identica alla prima rara tiraura, corredata di inserto fotografico. Pubblicato in Italia nel gennaio del 1975 dopo ''Francesco De Gregori'' e prima di ''Bufalo Bill'', giunto al secondo posto delle classifiche italiane, il quarto album. Tutti i brani sono di De Gregori tranne ''Pablo'', co-scritto con Lucio Dalla, arrangiamenti di Fracesco De Gregori, tecnico del suono Ubaldo Consoli, partecipano Lucio Dalla, Mario Schiano, Nicador Parra. Contiene i seguenti brani: "Rimmel", "Pezzi di vetro", "Il signor Hood", "Pablo", "Buonanotte Fiorellino", "Le storie di ieri", "Quattro cani", "Piccola mela", "Piano bar". Uno dei capolavori assoluti della musica italiana, un album bellissimo, con testi che sono tra i piu' poetici ed originali mai ascoltati e la musica anch' essa notevole, con un tono notturno, delicato e malinconico, che ben si confa' alle parole; anche l' incisione e' passata alla storia, per la perfezione tecnica insolita in un album italiano del periodo. Questo sara' anche il disco che con le sue atmosfere colorate e con i suoi contenuti piu' comprensibili, gli attirera' la contestazione che puntuale lo colpira' nel 1975, in uno storico concerto al Palalido, dopo il quale De Gregori si ritirera' dalle scene per qualche tempo.
Euro
28,00
codice 3034915
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1975  sony / rca 
cantautori
ristampa del 2018, rimasterizzata ed in vinile pesante, copertina pressoche' identica alla prima rara tiraura, corredata di inserto fotografico. Pubblicato in Italia nel gennaio del 1975 dopo ''Francesco De Gregori'' e prima di ''Bufalo Bill'', giunto al secondo posto delle classifiche italiane, il quarto album. Tutti i brani sono di De Gregori tranne ''Pablo'', co-scritto con Lucio Dalla, arrangiamenti di Fracesco De Gregori, tecnico del suono Ubaldo Consoli, partecipano Lucio Dalla, Mario Schiano, Nicador Parra. Contiene i seguenti brani: "Rimmel", "Pezzi di vetro", "Il signor Hood", "Pablo", "Buonanotte Fiorellino", "Le storie di ieri", "Quattro cani", "Piccola mela", "Piano bar". Uno dei capolavori assoluti della musica italiana, un album bellissimo, con testi che sono tra i piu' poetici ed originali mai ascoltati e la musica anch' essa notevole, con un tono notturno, delicato e malinconico, che ben si confa' alle parole; anche l' incisione e' passata alla storia, per la perfezione tecnica insolita in un album italiano del periodo. Questo sara' anche il disco che con le sue atmosfere colorate e con i suoi contenuti piu' comprensibili, gli attirera' la contestazione che puntuale lo colpira' nel 1975, in uno storico concerto al Palalido, dopo il quale De Gregori si ritirera' dalle scene per qualche tempo.
Euro
28,00
codice 2129610
scheda
De ville willy Backstreets of desire
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1992  fnac 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
l' originale stampa italiana su Fnac; molto raro in ogni edizione vinilica (peraltro non usci' in vinile ne' in Usa ne' in Uk, ma solo in alcuni paesi europei), copertina (con lievi segni di invecchiamento sul retro) lucida fronte retro con barcode 3383005910862, completa di inner sleeve con testi e crediti, label nera con scritte bianche e logo Fnac Music bianco in alto, catalogo WML220. Pubblicato nell'ottobre del 1992 in Europa da diverse etichette (fra cui Fnac in Francia e Italia e EastWest in Germania), uscito negli USA solo nel maggio del 1994, suonato con ospiti come Zachary Richard, Dr.John e David Hidalgo, il terzo bellissimo album solista, successivo a ''Victory mixture'' (1992) e precedente ''Loup garou'' (1996). Uscito per lo piu' fra l'indifferenza generale, ''Backstreets of desire'' e' tuttavia considerato da molti critici come un grande album, da alcuni addirittura il capolavoro del De Ville solista. Il disco fonde il rock con una miriade di tradizioni musicali americane, da quelle latine a New Orleans fino al rockabilly, pur restando ancorato ad un rock elettrificato asciutto e senza fronzoli, e si contraddistingue anche per il notevole livello compositivo. Ciliegina sulla torta e' l'eccezionale cover di ''Hey Joe'' in chiave mariachi. Il cantante e compositore Willy DeVille (vero nome William Boray), nativo di New York, gia' nel 1971 aveva cercato di formare la sua prima band trasferendosi a Londra, ma insoddisfatto dei risultati, decise di tornare in America, a San Francisco, dove nel 1974 naquero i Mink DeVille con lui, Ruben Siguenza e Tom "Manfred" Allen; dopo aver suonato innumerevoli concerti nella Bay Area sotto nomi di fantasia, tornano a New York appena in tempo per debuttare con tre brani sulla leggendaria compilation ''Live at CBGB's''. Jack Nitzsche li ascolta e decide di produrre il loro primo album, ''Cabretta'', del 1977: il disco rivela una band dal suono potente e dalle forti influenza soul, ispaniche, bohemienne e blues. Nel 1978 e' la volta del secondo lp, Return to Magenta, sempre prodotto da Nitzsche e che conclude la prima fase della carriera, infatti Willy DeVille licenzia tutto il gruppo, ad eccezione di Erlanger, e si sposta a Parigi dove registrera' il bizzarro ''Le Chat Bleu''. I Mink De Ville si sciolsero nel 1985, e Willy continuo' poi come solista, pubblicando il suo primo lp a proprio nome nel 1988, con il titolo di ''Miracle''.
Euro
30,00
codice 261295
scheda
Death ss In death of steve sylvester (picture disc + poster ltd)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1988  lucifer rising 
heavy metal
ristampa rimasterizzata, edizione limitata in VINILE PICTURE DISC e corredata di POSTER in formato 50x70 cm. del tour 1988, copertina senza barcode, sagomata "die-cut" sul fronte e con parti lucide ed adesivo con brani sul retro, adesivo di presentazione sulla busta plastificata esterna. Pubblicato nel 1988 dalla Metal Master in Italia, il primo album, uscito dopo la raccolta "The Story of Death SS" del 1987, e seguito nel 1989 dal secondo "Black Mess", della hard rock band di orientamento satanico italiana di Pesaro attiva sin dal 1977, ed autrice del singolo "Evil Metal" uscito nel 1983. Una band non poco affine musicalmente alla prima New Wave of British Heavy Metal, con una musica che attinge certo in modo esplicito da certo hard rock di impronta Black Sabbath, dark ed affilato, dei primi anni '70. Qui' Paul Chain, spesso una sorta di membro esterno del gruppo, contribuisce compositivamente in tre brani. Longeva formazione metal italiana, i Death SS si formano a Pesaro alla fine degli anni '70; il gruppo resta negli annali per essere uno dei principali esponenti del filone ''horror metal'', e viene definito da alcuni critici come ''il parallelo musicale del cinema di Roger Corman''. Guidati dall'enigmatico frontman Steve Sylvester, unico membro costante di una formazione frequentemente rimaneggiata, pubblicano la raccolta ''The story of death ss'' nel 1987, prima dell'album d'esordio ''...in death of Steve Sylvester'' (1988) e del successivo ''Black mass'' (1989). Il gruppo resta fedele al proprio stile ed alla propria caratteristica immagine stregonesca e funerea nel corso degli anni, proseguendo la sua attivita' ben oltre l'inizio del nuovo secolo.
Euro
28,00
codice 3031488
scheda
Death ss Ten (+ comic book)
Lp [edizione] originale  stereo  eu  2021  lucifer rising 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good heavy metal
l' originale stampa nella versione normale in vinile nero e con allegato il libretto di 28 pagine con fumetto, testi e disegni, copertina (con leggeri segni di usura in alto a destra) apribile e senza barcode, label custom a colori su di una facciata, nera e viola con scritte arancio, gialle e bianche sull'altra, catalogo LR560LP. Pubblicato nell' ottobre 2021 dalla Lucifer Rising, il decimo album in studio, a distanza di tre anni dal precedente "Rock'n Roll Armageddon" (2018). Inciso con la formazione composta da Steve Sylvester (voce), Al De Noble (chitarra), Glenn Strange (basso), Mark Lazarus (batteria) e Freddy Delirio (tastiere), "Ten" si dipana fra riferimenti esoterici al numero 10, odi agli eretici visti come spiriti ribelli intolleranti ai dogmi imposti dall'alto, incontri fra occultismo e ribellione, e tributi all'immaginario horror fumettistico e cinematografico, spinto da un metal epico, lugubre e teatrale, in cui il glam si incontra con il gotico. Longeva formazione metal italiana, i Death SS si formano a Pesaro alla fine degli anni '70; il gruppo resta negli annali per essere uno dei principali esponenti del filone ''horror metal'', e viene definito da alcuni critici come ''il parallelo musicale del cinema di Roger Corman''. Guidati dall'enigmatico frontman Steve Sylvester, unico membro costante di una formazione frequentemente rimaneggiata, pubblicano la raccolta ''The story of death ss'' nel 1987, prima dell'album d'esordio ''...in death of Steve Sylvester'' (1988) e del successivo ''Black mass'' (1989). Il gruppo resta fedele al proprio stile ed alla propria caratteristica immagine stregonesca e funerea nel corso degli anni, proseguendo la sua attivita' ben oltre l'inizio del nuovo secolo.
Euro
23,00
codice 336123
scheda
Del fuegos Smoking in the fields
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1989  rca 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
L' originale stampa americana, copertina (con piccolo cut promozionale in basso a destra) con barcode, completa di inner sleeve con foto e crediti, etichetta custom, catalogo 9860-1-R, vinile che se posto in controluca assume una colorazione ambrata. Pubblicato nel 1989 dalla RCA, ''Smoking in the fields'' e' il quarto album in studio dei Del Fuegos, uscito dopo ''Stand up'' (1987) e prima di "Silver Star" (2012). Ultimo lp del gruppo americano prima dello scioglimento (una ricostituzione del gruppo fruttera' un ulteriore lavoro molti anni dopo), questo lavoro fu anche il primo loro 33 giri senza il produttore Mitchell Froom. Lasciata la Slash per la RCA, i Del Fuegos propongono qui un classico rock chitarristico di stampo sudista, devoto anche allo sporco rock blues dei Rolling Stones di ''Exile on Main Street'' (1972). Il risultato e' un disco lineare, diretto e senza fronzoli, in cui accessibilita' pop rock e durezza rock'n'roll si bilanciano a vicenda. Il successo commerciale dell'album fu insoddisfacente e, nonostante che la critica fosse piu' favorevole rispetto al precedente ''Stand up'', il gruppo si sciolse poco dopo. Formatisi nel 1983 a Boston, i Del Fuegos furono autori di un roots rock senza fronzoli che mostrava alcune affinita' con il paisley, e si guadagnarono nei primi anni di attivita' la stima della critica oltre ad un pubblico di culto; esordirono su lp nel 1984 con ''The longest day'', seguito l'anno dopo da ''Boston, Mass.'', che fu il loro momento di gloria. Gli ultimi lp non risposero alle attese di critica e pubblico, ed il gruppo si sciolse nel 1989. Il frontman Dan Zanes avvio' la carriera solista ed ottenne il successo con una serie di album di musica per bambini, mentre il fratello e chitarrista Warren pubblico' un album solista nel 2002, ''Memory girls''.
Euro
20,00
codice 261287
scheda
Depeche mode 101 (+Booklet)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1989  sony / legacy 
punk new wave
ristampa del 2016, doppio album in vinile 180 grammi, copertina apribile pressoche' identica alla prima tiratura su Mute. Pubblicato nel marzo del 1989 dalla Mute in Gran Bretagna, dove giunse al quinto posto in classifica, e dalla Sire negli USA, dove arrivo' alla 45esima posizione, il doppio live album registrato il 18 Giugno al Rose Bowl di Pasadena, Usa. Un anno prima l' album "Music for the Masses" aveva lasciato intravvedere per la prima volta la possibilita' della conquista del mercato americano da parte della band inglese, questo doppio bellissimo live album e' la migliore testimonianza possibile della lunga tournee in America che segui' e che preparo' il terreno allo straordinario successo negli States del successivo album in studio "Violator", che giunse al settimo posto delle classifiche americane. Contemporaneamente, si svolge l' ennesima metamorfosi della band, il cui sound si fa sempre piu' essenziale, efficace e potente, come ben dimostra questo doppio dal vivo, la cui qualita' di esecuzione e registrazione e' assolutamente perfetta. Ecco i brani: Pimpf , Behind The Wheel, Strangelove, Something To Do, Blasphemous Rumours, Stripped, Somebody, The Things You Said, Black Celebration, Shake The Disease, Pleasure Little Treasure, People Are People, A Question Of Time, Never Let Me Down Again, Master And Servant, Just Can't Get Enough, Everything Counts. La storia dei Depeche Mode inizia nel 1977 quando Andrew Fletcher e Vince Clark incontrano Martin Gore e insieme fondano i Composition Of Sound. Dave Gahan al tempo si esibiva in un locale eseguendo una cover di Heroes di Bowie; notato dal trio venne reclutato nelle fila del gruppo che cambio' nome in Depeche Mode decidendo altresi' di abbandonare gli strumenti acustici per dedicarsi a tempo pieno all'uso dei sintetizzatori. Il riferimento dei primi Depeche Mode sono principalmente i Kraftwerk, grazie ai consensi riscossi durante le prime esibizioni dal vivo il gruppo inizia a godere di un piccolo culto che ben presto gli permettera' di ottenere un contratto con la Mute Records di Daniel Miller. Nel 1981 viene dato alle stampe il singolo Dreaming Of Me che segna l'inizio della brillante carriera di uno dei gruppi pionieri del synth-pop nei prmi anni ottanta, capaci di creare un suono che ha fatto scuola e che ha saputo costantemente rinnovarsi ed evolversi senza dover troppo concedere in termini commerciali. I Depeche Mode attraverso una carriera piu' che ventennale hanno acquisito milioni di fan nel mondo, centinaia di band si sono ispirate ai loro brani e diversi album tributo continuano a glorificare una delle formazioni piu' importanti ed influenti nate dalla decade ottanta.
Euro
30,00
codice 2129632
scheda
Depeche mode 101 (+Booklet)
lp2 [edizione] ristampa  stereo  eu  1989  mute / sony 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Doppio album in vinile 180 grammi, ristampa del 2017, copertina apribile pressoche' identica alla prima tiratura su Mute, senza piu' logo Legacy sul retro (presente nella riedizione del 2016), completa dell' originario booklet fotografico di 16 pagine, catalogo STUMM101 88985337711. Pubblicato nel marzo del 1989 dalla Mute in Gran Bretagna, dove giunse al quinto posto in classifica, e dalla Sire negli USA, dove arrivo' alla 45esima posizione, il doppio live album registrato il 18 Giugno al Rose Bowl di Pasadena, Usa. Un anno prima l' album "Music for the Masses" aveva lasciato intravvedere per la prima volta la possibilita' della conquista del mercato americano da parte della band inglese, questo doppio bellissimo live album e' la migliore testimonianza possibile della lunga tournee in America che segui' e che preparo' il terreno allo straordinario successo negli States del successivo album in studio "Violator", che giunse al settimo posto delle classifiche americane. Contemporaneamente, si svolge l' ennesima metamorfosi della band, il cui sound si fa sempre piu' essenziale, efficace e potente, come ben dimostra questo doppio dal vivo, la cui qualita' di esecuzione e registrazione e' assolutamente perfetta. Ecco i brani: Pimpf , Behind The Wheel, Strangelove, Something To Do, Blasphemous Rumours, Stripped, Somebody, The Things You Said, Black Celebration, Shake The Disease, Pleasure Little Treasure, People Are People, A Question Of Time, Never Let Me Down Again, Master And Servant, Just Can't Get Enough, Everything Counts. La storia dei Depeche Mode inizia nel 1977 quando Andrew Fletcher e Vince Clark incontrano Martin Gore e insieme fondano i Composition Of Sound. Dave Gahan al tempo si esibiva in un locale eseguendo una cover di Heroes di Bowie; notato dal trio venne reclutato nelle fila del gruppo che cambio' nome in Depeche Mode decidendo altresi' di abbandonare gli strumenti acustici per dedicarsi a tempo pieno all'uso dei sintetizzatori. Il riferimento dei primi Depeche Mode sono principalmente i Kraftwerk, grazie ai consensi riscossi durante le prime esibizioni dal vivo il gruppo inizia a godere di un piccolo culto che ben presto gli permettera' di ottenere un contratto con la Mute Records di Daniel Miller. Nel 1981 viene dato alle stampe il singolo Dreaming Of Me che segna l'inizio della brillante carriera di uno dei gruppi pionieri del synth-pop nei prmi anni ottanta, capaci di creare un suono che ha fatto scuola e che ha saputo costantemente rinnovarsi ed evolversi senza dover troppo concedere in termini commerciali. I Depeche Mode attraverso una carriera piu' che ventennale hanno acquisito milioni di fan nel mondo, centinaia di band si sono ispirate ai loro brani e diversi album tributo continuano a glorificare una delle formazioni piu' importanti ed influenti nate dalla decade ottanta.
Euro
25,00
codice 261259
scheda
Depeche mode Delta machine
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2013  columbia / mute 
punk new wave
Ristampa del 2016, doppio album in vinile pesante, copertina apribile pressoche' identica a quella della originaria tiratura, corredata di inner sleeves con foto e testi. Uscito il 22 marzo del 2013, il tredicesimo album in studio per la band inglese, a quattro anni di distanza dal precedente "Sound of the Universe" e prima di "Spirit" (2017). Registrato durante il 2012 a Santa Barbara, California ed a New York, e mixato da Flood, preceduto dai singoli "Heaven" e "Soothe My Soul", il disco completa una trilogia di lavori prodotti da Ben Hillier. Accolto positivamente dalla critica, e considerato dai piu' il loro migliore lavoro del nuovo millennio, il disco propone diciassette brani di atmosferico pop elettronico, sospesi tra luce ed oscurita', e vagamente decadenti, in gran parte composti da Martin L.Gore, segnati come sempre dalla personalita' inconfondibile del gruppo e dalla bella voce di Dave Gahan. La storia dei Depeche Mode inizia nel 1977 quando Andrew Fletcher e Vince Clark incontrano Martin Gore e insieme fondano i Composition Of Sound. Dave Gahan al tempo si esibiva in un locale eseguendo una cover di Heroes di Bowie; notato dal trio venne reclutato nelle fila del gruppo che cambio' nome in Depeche Mode decidendo altresi' di abbandonare gli strumenti acustici per dedicarsi a tempo pieno all'uso dei sintetizzatori. Il riferimento dei primi Depeche Mode sono principalmente i Kraftwerk, grazie ai consensi riscossi durante le prime esibizioni dal vivo il gruppo inizia a godere di un piccolo culto che ben presto gli permettera' di ottenere un contratto con la Mute Records di Daniel Miller. Nel 1981 viene dato alle stampe il singolo Dreaming Of Me che segna l'inizio della brillante carriera di uno dei gruppi pionieri del synth-pop nei prmi anni ottanta, capaci di creare un suono che ha fatto scuola e che ha saputo costantemente rinnovarsi ed evolversi senza dover troppo concedere in termini di commercialita'. I Depeche Mode attraverso una carriera piu' che ventennale hanno acquisito milioni di fan nel mondo, centinaia di band si sono ispirate ai loro brani e diversi album tributo continuano a glorificare una delle formazioni piu' importanti ed influenti nate dalla decade ottanta.
Euro
30,00
codice 2129630
scheda
Depeche mode spirit
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2017  columbia/mute/sony 
punk new wave
doppio album in vinile 180 grammi, inner sleeves, copertina apribile. Pubblicato nel marzo 2017, il quattordicesimo album in studio della storica band inglese, successivo a ''Delta machine'' (2013) e precedente "Memento Mori" (2023). L' ultimo album prima della morte del tastierista Andrew Fletcher, fu inciso con il nuovo produttore James Ford (collaborazioni con Simian Mobile Disco ed Arctic Monkeys); ''Spirit'' e' carico di riferimenti alla problematica realta' sociopolitica attuale, alle sue paure, frustrazioni ed insicurezze, cosi' come al vuoto spirituale e culturale dell'individuo; temi cosi' gravi sono espressi da Dave Gahan con un cantato quasi funereo, cupo e disperato ma senza facile teatralita', sostenuto da un sound elettronico pulsante ed in equilibrio fra elegante minimalismo e moderate decorazioni pop, che rimane ombroso anche in episodi che sembrano accennare ad atmosfere quasi danzerecce come ''You move''. La storia dei Depeche Mode inizia nel 1977 quando Andrew Fletcher e Vince Clark incontrano Martin Gore e insieme fondano i Composition Of Sound. Dave Gahan al tempo si esibiva in un locale eseguendo una cover di Heroes di Bowie; notato dal trio venne reclutato nelle fila del gruppo che cambio' nome in Depeche Mode decidendo altresi' di abbandonare gli strumenti acustici per dedicarsi a tempo pieno all'uso dei sintetizzatori. Il riferimento dei primi Depeche Mode sono principalmente i Kraftwerk; grazie ai consensi riscossi durante le prime esibizioni dal vivo il gruppo inizia a godere di un piccolo culto che ben presto gli permettera' di ottenere un contratto con la Mute Records di Daniel Miller. Nel 1981 viene dato alle stampe il singolo Dreaming Of Me che segna l'inizio della brillante carriera di uno dei gruppi pionieri del synth-pop nei primi anni ottanta, capaci di creare un suono che ha fatto scuola e che ha saputo costantemente rinnovarsi ed evolversi senza dover troppo concedere in termini di commercialita'. I Depeche Mode attraverso una carriera piu' che ventennale hanno acquisito milioni di fan nel mondo, centinaia di band si sono ispirate ai loro brani e diversi album tributo continuano a glorificare una delle formazioni piu' importanti ed influenti nate dalla decade ottanta.
Euro
30,00
codice 2111937
scheda
Destroy all monsters bored: the asheton singles compilation
lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1978  tigers archive 
punk new wave
Realizzato nel 2021, questo album e' la ristampa vinilica, con copertina esclusiva, del cd realizzato dalla Cherry Red nel 1991, poi stampato anche in vinile dalla italian Get Back nel 1998 con titolo semplicemente "Destroy All Monsters". Si tratta del disco definitivo di questa leggendaria band attiva in quel di Detroit, Michigan, con TUTTI I 6 BRANI DEI 3 SINGOLI PUBBLICATI (tra il 1978 ed il 1979) PIU' UN PREZIOSO INEDITO ("Goin' to Lose"). Attivi sin dal 1973, dopo aver animato per anni la scena locale con un art rock avanguardista e sperimentale, videro sul finire del '77 unirsi a loro due leggende della scena cittadina: RON ASHETON, l' immenso chitarrista (e poi bassista) degli STOOGES, che aveva smesso di suonare dallo scioglimento degli effimeri New Order, ed il bassista degli MC5 Mike Davis, appena uscito di prigione. Immediata la trasformazione del gruppo in una delle punk rock band piu' grandi che abbiano mai calcato le scene, capace di rinnovare la magia del suono detroitiano di fine anni '60 grazie alla rigenerante energia del primo punk rock americano, grezzo e diretto, ma nel loro caso anche personalissimo, tanto per l' inconfondibile impronta della incendiaria chitarra di Asheton, quanto per le le straordinarie performance vocali della bella e sensuale Niagara, cantante dotata di carisma e fascino mozzafiato, sorta di incrocio tra il piu' selvaggio Iggy Pop e la migliore Patti Smith. Con questa formazione incisero nell' arco di un paio d' anni 3 mitici singoli i cui 6 favolosi brani sono qui tutti inclusi, insieme all' inedita "Goin' To Lose", esempi tra i piu' esaltanti del rock duro di tutti i tempi. Assurdo fare a meno di episodi da leggenda come la travolgente "November 22nd 1968" o le taglienti "Bored" e "You're Gonna Die", in cui la tensione diventa addirittura parossistica. Asheton e Niagara si ritroveranno insieme anni dopo nei Dark Carnival, ma da ricordare e' anche la breve avventura del chitarrista con i New Race.
Euro
29,00
codice 2111868
scheda
Diaframma in perfetta solitudine
lp [edizione] originale  stereo  ita  1990  ricordi 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
l' originale, ormai introvabile, stampa italiana, corredata di inner sleeve con testi, copertina (con qualche segno di invecchiamento) lucida, etichetta azzurra con logo arancio e bianco a destra, catalogo SMRL6417, data sul trail off dei due lati "27-3-90". Pubblicato nell' Aprile 1990, il quarto vero album dello storico gruppo fiorentino guidato da Federico Fiumani, dopo "Siberia", "3 Volte Lacrime" e "Boxe", il primo in cui oltre a comporre le musiche ed i testi e' Fiumani stesso a cantare, esperimento gia' a dire il vero sviluppato nel minialbum "Gennaio" di un anno prima (il mini con 4 brani che tra lo scetticismo generale "ufficializzo' la sua scelta di relevare le parti vocali, anticipata dal brano "Caldo" nel terzo album "Boxe"). Si tratta dell' unico album dei Diaframma pubblicato da una etichetta "major", la Ricordi, che confermo' la fiducia a Fiumani pubblicando un anno dopo la raccolta "Da Siberia Al Prossimo Weekend", prima di arrendersi alla "invendibilita'" della musica di questo artista. L' album e' un capitolo fondamentale del nuovo cantautorato italiano per come si sarebbe sviluppato negli anni a venire, con una inedita impronta rock che nulla toglie alla attenzione ai testi ed alle melodie tipiche del suo filone piu' nobile, ed in questa chiave va senz' altro sottolineata la sua straordinaria importanza, ma merita di essere considerato anche e soprattutto per le sue intrinseche qualita' artistiche, efficacissima raccolta di canzoni intense ed appassionate, a volte venate di ironia, a volte di rabbia, di romanticismo e disillusione insieme, un disco da abbinare assolutamente a quel piccolo capolavoro che sara' un anno dopo "Anni Luce", ormai lontano dai "vecchi" Diaframma, in una sorta di rock cantautoriale che, cosi' come i testi esplorano le piccole storie ed emozioni del quotidiano senza piu' nascondersi nel cripticismo affascinate ma un po' fine a se stesso del passato, non ha paura di confrontarsi con il "gia' sentito", rendendo il miglior servizio possibile alla sensibilita' ed alla personalita' di Fiumani.
Euro
35,00
codice 261291
scheda
Dio ronnie james the last in line
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1984  Vertigo / mercury / umc 
heavy metal
Ristampa del 2021, rimasterizzata, copertina pressoche' identica alla prima tiratura, e corredata di inner sleeve. Pubblicato nel luglio del 1984, dopo "Holy Diver" (1983) e prima di "The Last in Line", giunto al numero 23 delle classifiche americane ed al 4 di quelle inglesi, il secondo album solista del cantante americano ex Elf e Black Sabbath. Registrato con formazione a cinque con Vinny Appice, Vivian Campbell, Jimmy Bain e Claude Schnell, fu seguito da un monumentale tour americano a base di mitologia egizia, che porto' Dio in collisione con gli Iron Maiden, che contemporaneamente presentavano dal vivo l' album ''Powerslave'', basato sugli stessi temi egittologi. Contiene i singoli "The Last in Line", "We Rock" e "Mystery". Il cantante americano Ronnie James Dio (1942-2010) e' ormai un'icona dell' heavy metal, ma la sua attivita' musicale comincio' nei lontani primi anni '60, con piccole formazioni che si trasformarono poi all'inizio degli anni '70 negli Elf, gruppo hard rock con tre album all'attivo, prima di sciogliersi e confluire in gran parte (Dio compreso) nei Rainbow di Ritchie Blackmore. Dio si uni' quindi ai Black Sabbath nel 1979, dopo l'abbandono di Ozzie, fronteggiandoli per alcuni anni fino a che non formo' i suoi Dio, che esordirono nel 1983 con l'album ''Holy diver'', ovviamente ancora all'insegna dello heavy metal ed autori di una vasta discografia.
Euro
22,00
codice 3034893
scheda
Diskonto Diskontinued
Lp [edizione] originale  stereo  eu  2013  rawmantic disasters 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
La prima rara stampa, nella versione in vinile nero, pressata in 400 copie, copertina senza barcode, inner sleeve con artwork e testi, label nera e bianca con artwork diverso su ciascuna facciata, catalogo 014. Pubblicato nell'aprile del 2013 dalla Rawmantic Disasters, il sesto album, successivo a "Watch us burn" (2005) ed allo split lp con i Massgrav "A blaze in the Northern sky" (2006). Inciso da Steffe (voce), Martin (chitarra), Rikard (basso) e Jonas (batteria), "Diskontinued" rimane il capitolo finale della loro discografia, un assalto sonico a 45 giri con nove tiratissimi brani, dalla ritmica tempestosa e travolgente, dal cantato rabbiosamente declamatorio e dal sound chitarristico che abbina la furia dello HC estremo con la spinta liberatoria del rock'n'roll; il loro stile è stato accostato a Mob 47, Massgrav e Slaktrens. Attivi fra il 1992 ed il 2013, autori di sei album, di uno split lp con i Massgrav e di una manciata di EP, I Diskonto, da Uppsala, furono formati dal chitarrista e cantante Martin e dal batterista Malmen, a cui poi si unirono altri membri; la loro formazione rimase stabile fino al 1996, poi fu suggetta ad alcuni avvicendamenti. Autori di un hardcore punk tiratissimo e spinto da una furia punk'n'roll che richiama anche i primissimi Hellacopters, registrarono il loro primo demo nel 1994 e quindi gli EP "A shattered society" e "Silenced by oppression", usciti nello stesso anno; il primo album "Destroy! Rebuild!" arrivò nel 1996, l'ultimo "Diskontinued" uscì nel 2013.
Euro
16,00
codice 336132
scheda
Dominique lisa Rock 'n' roll lady
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1989  fm 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good heavy metal
Prima stampa europea di pressaggio tedesco su FM, copertina (con una lieve piegatura in basso a destra sul retro e con alcune minuscole abrasioni in alto a destra, sempre sul retro) lucida fronte retro con barcode ed indirizzo della BMG Ariola che riporta la dicitura "West Germany", label arancio e blu con disegno di antenne radio in basso, scritte nere e logo FM Coast To Coast bianco, nero e oro in alto, catalogo WKFMLP117. Pubblicato nel 1989 dalla FM nel Regno Unito, il primo album, precedente "Gypsy ryder" (1991). Inciso con il fratello Marino Roberts (chitarre), Ian Spicer (basso) e Pete Jupp (batteria, già con Samson e FM), con i testi composti in gran parte dalla stessa Lisa Dominique (fanno eccezione le covers di "One foot back in your door" dei Roman Holiday e "Trouble", resa famosa da Elvis Presley negli anni '50, scritta da Leiber & Stoller), "Rock 'n' roll lady" è un lavoro che oscilla fra hard rock melodico e spinto da un groove molto ballabile, e rock'n'roll dai rimandi agli anni '50, ma ammodernato ed irrobustito a sua volta da elementi hard rock; la voce di Lisa è melodica ma decisa. Cantante inglese, sorella del chitarrista Marino Roberts, Lisa Dominique inizia come voce solista del gruppo del fratello, la Marino's Band, autori di un album di hard rock nel 1985, "Wanna keep you satisfied". Diviene famosa nel mondo del metal per le sue apparizioni come pin-up nella rivista Kerrang!, quindi lancia la sua carriera solista, che la porterà a realizzare tre albums, "Rock 'n' roll lady" (1989), "Gypsy ryder" (1991) e "Vampire love" (1998), lavori più dentro lo hard rock'n'roll che lo heavy metal. Suo fratello Marino ha a sua avuto una carriera solista, produttiva in particolare nel corso degli anni '90.
Euro
14,00
codice 336136
scheda
Dorham kenny Una mas (one more time)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1963  blue note / universal 
jazz
Ristampa del 2019, pressoche' identica alla prima rara tiratura, dell'album originariamente pubblicato nel 1963 dalla Blue Note, inciso al Rudy Van Gelder Studio di Englewood Cliffs, New Jersey, il primo aprile del 1963, con formazione a cinque composta da Kenny Dorham (tromba), Joe Henderson (sax tenore), Herbie Hancock (pianoforte), Butch Warren (contrabbasso) e Tony Williams (batteria). Dorham si circonda di giovani talenti in questo apprezzato album, e la sua capacita' di ''talent scout'' e' dimostrata poi dagli exploit che Hancock e Williams avranno nel secondo grande quintetto di Miles Davis; questo lavoro e' anche una delle prime prove di Joe Henderson nel quintetto di Dorham, altro giovane jazzista che fara' strada. Il gruppo realizza tre lunghi brani dalle atmosfere solari e dai toni frizzanti, con una sezione ritmica vivace che riecheggia piu' di una volta la musica brasiliana pur senza abbandonare l'approccio bop. Questi i brani presenti: ''Una mas (one more time)'', ''Straight ahead'', ''Sao Paulo''. Il texano Kenny Dorham (1924-1972) e' stato un eccellente ed originale trombettista, sebbene poco noto al grande pubblico; a meta' degli anni '40 suona nelle orchestre di Billy Eckstine e di Dizzy Gillespie ed alla fine del decennio e' il trombettista del quintetto di Charlie Parker. Successivamente suona con i Jazz Messengers ed il Max Roach Quintet, per poi iniziare la sua carriera di band leader con il Kenny Dorham Quintet (1953). I primi anni '60 lo vedono proseguire una apprezzata carriera solista, che andra' poi eclissandosi pochi anni dopo ed avra' termine con la morte avvenuta nel 1972 per malattia. Trombettista essenziale e lirico, Dorham e' considerato uno dei migliori esponenti del bop degli anni '40 e '50.
Euro
23,00
codice 2129614
scheda
Dylan bob Time Out Of Mind (+ bonus 7")
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1997  columbia / sony / legacy 
rock 60-70
Ristampa del 2017 in edizione limitata, rimasterizzata, CORREDATA DI BONUS 7" CON DUE BRANI INEDITI ("Love Sick - Remix" e "Cold Irons Bound - Live, 2004"); doppio album, copertina pressoche' identica alla prima rarissima stampa americana, completa di inner sleeves. Pubblicato in USA nell' ottobre del 1997 dopo ''MTV Umplugged'' e prima di ''Love and Theft'', giunto al numero 10 delle classifiche USA ed al numero 10 di quelle UK. Il trentaseiesimo album. Dopo aver passato la maggior parte del decennio suonando live e non publicando alcunche' in studio, Bob Dylan ritorna nel 1997 con "Time Out of Mind", il suo primo album di nuovi brani in sette anni. Il disco e' sorprendentemente a fuoco, presenta composizioni dettagliate e lucidissime e vede una produzione oscura, malinconica e molto atmosferica sullo stile di "Oh Mercy", prodotto da Daniel Lanois; ma "Time Out of Mind" e' meno ''pulito'', piu' denso e sporco, mentre la produzione di Lanois rimane, a detta di molti critici, anche se molto meno levigata rispetto al passato, troppo luminosa e non abbastanza fedele allo spirito dei testi e delle interpretazioni. Considerato il suo maggiore lavoro in molti anni, e' decisamente superiore ad "Oh Mercy", sia come composizioni che come interpretazioni, e decisamente uno dei pochissimi ultimio lavori di Dylan a ripropore i soi standards piu' alti.
Euro
30,00
codice 2129619
scheda
Eaglin snooks That's all right (180 gr. + bonus tracks)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1962  blues joint 
blues rnr coun
Vinile da 180 grammi. Ristampa del 2023 ad opera della Blues Joint, con copertina esclusiva e con due bonus tracks ("St. James infirmary", posta alla fine della prima facciata, e "Drifting blues", posta alla fine della seconda). Originariamente pubblicato nel 1962 dalla Prestige Bluesville negli USA, registrato nel 1961 a New Orleans dal solo Snooks Eaglin (voce, chitarre acustiche a 6 e 12 corde), questo album documenta mirabilmente il lato più rustico e folk blues del grande artista afroamericano, esprimendone una interpretazione ora relativamente solare e spensierata, ora potentemente malinconica e riflessiva, con una voce particolarissima (qui non proprio somigliante a Ray Charles, al quale è stato spesso accostato), e con una tecnica chitarristica versatile e di alto livello, che lo vede eccellere sia con melodie semplici che con soluzioni di raffinato fingerpicking. Questa la scaletta: "Mama Don't You Tear My Clothes", "Mailman Passed", "I'm A Country Boy", "I Got A Woman", "Alberta", "Brown Skinned Woman", "Don't You Lie To Me", "That's All Right", "Well I Had My Fun (Goin' Down Slow)", "Bottle Up And Go", "The Walkin' Blues", "One More Drink", "Fly Right Baby". Fird Eaglin Jr., in arte Snooks Eaglin (1936-2009), è stato un bluesman cieco di New Orleans, molto amato sulla scena locale, e ricordat come un "jukebox umano", in possesso di un bagaglio artistico immenso riguardo al ricco retaggio della città della Louisiana, una delle culle fondamentali della musica afroamericana. Le sue prime incisioni, pubblicate alla fine degli anni '50 ed all'inizio dei '60 da etichette come la Folkways e la Prestige Bluesville, ci testimoniano di un cantante e chitarrista acustico che suona il blues senza gruppo di supporto, esprimendosi con un repertorio molto variegato e con una sopraffina tecnica fingerpicking, ma presto Eaglin eccellerà anche con lo r'n'b e con la chitarra elettrica, accompagnato da un gruppo di supporto, con l'aiuto del produttore Dave Bartholomew, sfornando brani efficaci quanto particolari rispetto allo r'n'b di New Orleans, come "Yours truly" e "Cover girl" nei primi anni '60. Accostato come cantante a Ray Charles, la sua carriera, fra periodi più attivi ed altri più silenziosi, andrà avanti fino all'inizio del XXI secolo.
Euro
18,00
codice 3515978
scheda
Elijah and jammz Make the thing
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2023  make the thing 
hip-hop
Copertina senza codice a barre, label gialla e nera con artwork diverso su ciascuna facciata, catalogo CTAMTT001. Pubblicato nell'ottobre del 2023 dalla Make The Thing, etichetta che dà il titolo all'opera stessa, "Make the thing" è il primo album in collaborazione fra i britannici Elijah, DJ e discografico, fondatore della sopracitata Make The Thing, e Jammz, MC attivo sulla scena grime, autore di un album solista nel 2022, "Pink lemonade". Il progetto Make The Thing prende forza con la fine del lungo lockdown britannico durante la pandemia COVID-19, quando anche la scena musicale si riallaccia e si rianima fuori dal mondo virtuale. Attivo a sua volta sulla scena grime, Elijah prende spunto dalla sua attività creativa online denominata "yellow squares" ("quadrati gialli"), condotta attraverso brevi annotazioni virtuali che richiamano i tipici post it, che sono poi trasformate in canzoni. Le lavorazioni dell'album sono state poi portate a termine in circa una settimana, spingendo ai limiti la creatività dei due artisti, che sono sfuggiti alla pressione del perfezionismo come a quella delle produzioni accuratamente confezionate dell'industria discografica mainstream, a vantaggio di un approccio vivido e spontaneo, in cui rap e partiture lente ed ipnotiche di natura elettronica generano un set di otto brevi episodi di musica grime.
Euro
22,00
codice 3515942
scheda
Ellington duke Money jungle (+ bonus tracks)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1962  waxtime 
jazz
ristampa limitata in vinile 180 grammi, rimasterizzata con sistema DMM (Direct Metal Mastering), con quattro brani non inclusi nell' album originario aggiunti per l' occasione (tratti dalle stesse sessions, si tratta di "Switch Blade", "A little wax (parfait)", "Rem Blues" e "Backward Country Boy Blues"). Il bellissimo album originariamente pubblicato dalla United Artists nel 1962, inciso a New York il 17 settembre del 1962 con formazione a tre composta da Duke Ellington (pianoforte), Charles Mingus (contrabbasso) e Max Roach (batteria). Ellington stupi' il mondo del jazz nel 1962 con questo incredibile album, realizzato con due pezzi da novanta del jazz moderno, Mingus e Roach: Duke compose buona parte dei brani appositamente per questa sessione, sfiorando a tratti l'hard bop ed addirittura l'avanguardia in certi episodi come "Money jungle" e la magnifica ed impressionista (come e' stata definita appropriatamente) "Le fleurs africaines" e realizzando magistrali paesaggi melodici ed emotivi in brani come "Warm valley". Un disco che merita l'ascolto di chiunque ami la musica. La scaletta comprende i seguenti brani: "Money jungle", "Le fleurs africaines", "Very special", "Warm valley", "Wig wise", "Caravan" e "Solitude". Il compositore, pianista e band leader Duke Ellington (1899-1974) e' senza dubbio una delle massime figure della storia del jazz e della musica del '900; uno dei massimi protagonisti dell'era swing, giunse a New York dalla natia Washington D.C. e gia' nella seconda meta' degli anni '20 divenne uno dei jazzisti piu' rispettati, grazie anche alle esibizioni con la sua leggendaria big band. Amato e rispettato anche dagli esponenti di correnti musicali successive, Ellington e' apprezzato dai conoscitori del jazz anche per il suo stile pianistico essenziale ed elegante, spesso sottovalutato perfino dallo stesso Duke.
Euro
22,00
codice 2129680
scheda
Embryo Rocksession
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1973  brain 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima molto rara stampa tedesca, copertina apribile laminata fronte e retro, etichetta verde con scitte e logo neri, con "Metronome" sotto il logo Brain in alto, catalogo BRAIN1036. Pubblicato dalla Brain nel 1973 prima di "We keeep on" (73) e dopo "Steig aus" (73), il sesto album della band tedesca. Lavoro nato dalle stesse sessioni di "Steig aus", con il piano di Mal Waldron e il mellotron di Jimmy Jackson in evidenza, contenente quattro tracce, due per facciate, lunghe sperimentazioni che miscelano il jazz mistico e il rock psichedelico. Formatisi nel 1969 a Monaco di Baviera, all'epoca culla di altre storiche formazioni germaniche come Amon Duul 2 e Popol Vuh, gli Embryo erano inizialmente dediti ad un incrocio fra jazz rock ed acid rock, aggiungendo nel corso del tempo innesti progressivi e di musica etnica di varie parti del mondo, in particolare Africa e Medio Oriente. Uno dei gruppi piu' longevi e prolifici dello underground tedesco, gli Embryo sono ancora attivi all'inizio del nuovo secolo, attraverso vari cambiamenti nell'organico, che lasciano tuttavia in formazione alcuni membri fondatori come Christian Burchard.
Euro
200,00
codice 261266
scheda
Embryo We keep on
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1973  basf 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good rock 60-70
Prima molto rara stampa tedesca, copertina apribile laminata all' esterno, in belle condizioni se non per le tracce della presenza di strisce di nastro adesivo lungo i bordi, visibili soprattutto all' interno, etichetta rossa con logo Basf in alto, e marchio Gema, catalogo 20 21865-1. Pubblicato dalla Basf in Germania, questo e' il sesto album degli Embryo, uscito dopo ''Steig aus'' (1973) e prima di ''Surfin''' (1975). Il gruppo tedesco e' qui catturato dal Dieter Dierks in session con il jazzista americano Charlie Mariano e con il chitarrista Roman Bunka (che suona anche il saz); il risultato e' un disco come c'e' da aspettarsi molto eclettico, in cui il gruppo amalgama o alterna jazz rock, progressive e forti influenze di musica mediorientale, dando spazio ad un largo numero di strumenti, dal sax alla chitarra elettrica, dal flauto alle tastiere a strumenti etnici. Formatisi nel 1969 a Monaco di Baviera, all'epoca culla di altre storiche formazioni germaniche come Amon Duul 2 e Popol Vuh, gli Embryo erano inizialmente dediti ad un incrocio fra jazz rock ed acid rock, aggiungendo nel corso del tempo innesti progressivi e di musica etnica di varie parti del mondo, in particolare Africa e Medio Oriente. Uno dei gruppi piu' longevi e prolifici dello underground tedesco, gli Embryo sono ancora attivi all'inizio del nuovo secolo, attraverso vari cambiamenti nell'organico, che lasciano tuttavia in formazione alcuni membri fondatori come Christian Burchard.
Euro
60,00
codice 261265
scheda
Evans bill Momentum (180 gr.)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  music on vinyl / timeless 
jazz
Vinile doppio da 180 grammi, label rossa con scritte nere e logo Timeless nero in alto, catalogo MOVLPI3742. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2024 ad opera della Music On Vinyl / Timeless, questo album dal vivo fu originariamente pubblicato nel 1992 solo in cd. "Momentum" contiene le registrazioni del concerto dato da Bill Evans (pianoforte) con Eddie Gomez (contrabbasso) e Marty Morell (batteria) presso lo Stadsschouwburg a Groningen, Olanda, il 4 febbraio del 1972, e rimasto inedito per un ventennio. Registrato con il permesso della manager di Evans, Helen Keane, con un'ottima qualità sonora, il concerto immortala un trio in ottima forma, con il pianista che brilla negli episodi più riflessivi ed introspettivi, come "Re: person I knews" e "Quiet now", e le splendide ballate "The two lonely people" e "What are you doing the rest of your life", ma che si fa apprezzare anche nella lunga e vivace "Gloria's step", composta dal compianto Scott LaFaro ed a lungo rimasta nel repertorio di Evans; nella finale "Nardis", brano modale composto da Miles Davis, ha modo di esprimersi lungamente il contrabbassista Gomez. Questa la scaletta completa: "Re: Person I Knew", "Elsa", "Turn Out The Stars", "Gloria's Step", "Emily", "Quiet Now", "My Romance", "Sugar Plum", "The Two Lonely People", "Who Can I Turn To", "What Are You Doing The Rest Of Your Life", "Nardis". Bill Evans (1929-1980) e' considerato uno dei pianisti piu' influenti del jazz: l'apporto di influenze della musica classica europea all'impianto musicale afro-americano e' menzionato come uno dei suoi tratti distintivi, cosi' come la tendenza a realizzare un rapporto paritario del pianoforte con gli altri strumenti ritmici, il contrabbasso e la batteria. Evans comincia a suonare a New York insieme al clarinettista Tony Scott nel 1956, anno in cui pubblica anche il suo primo album come band leader, "New jazz conceptions"; nel 1958 entra nella formazione di Miles Davis, contribuendo in modo significativo alla realizzazione del capolavoro "kind of blue" (1959). Dopo soli nove mesi abbandona il gruppo di Davis e prosegue la sua carriera solista, affermandosi a livello internazionale con "Conversations with myself" (1963).
Euro
40,00
codice 3515950
scheda
Everly brothers Rip it up
Lp [edizione] originale  mono  uk  1957  ace 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good blues rnr coun
l' originale stampa inglese, in mono, copertina (con una piccola abrasione sul fronte) lucida senza barcode, label nera con scritte argento e logo Ace Records argentato a sinistra ed in basso, catalogo CH64, scritta "boppin' bob" incisa sul trail off del lato A. Pubblicata nel 1983 dalla Ace nel Regno Unito, questa antologia compla dodici brani tratti dai primi singoli ed albums degli Everly Brothers, originariamente usciti fra il 1958 ed il 1960. Sebbene manchino in scaletta alcune delle loro più grandi hits del periodo quali ''Wake up little susie'', "Bird dog", "Bye bye love" e ''All I have to do is dream'', questo set è un interessante compendio ai loro "Greatest hits" contenenti solo i brani più famosi, in quanto riporta all'attenzione alcuni pezzi meno popolari, a partire dalla title track, di un periodo in cui comunque i due fratelli Everly sfornavano una hit dietro l'altra, proponendo un freschissimo inctrocio di rock'n'roll e moderno pop melodico impreziosito dalle loro splendide armonie vocali. Questa la scaletta: "Rip It Up" (1959), "Leave My Woman Alone" (1958), "Hey Doll Baby" (1958), "Brand New Heartache" (1958), "Problems" (1958), "Be-Bop-A-Lula" (1958), "Poor Jenny" (1959), "This Little Girl Of Mine" (1958), "Claudette" (1958), "Should We Tell Him" (1958), "When Will I Be Loved" (1960), "Keep A Knockin'" (1958). Gli Everly Brothers furono una delle principali influenze, così come i Crickets di Buddy Holly con cui condividevano un approccio solare ed una estrema attenzione per l'aspetto melodico della loro musica, di innumerevoli artisti e gruppi dei 60's, a partire dai Beatles, dagli Hollies o da Simon & Garfunkel, che ripresero dai fratelli Everly, soprattutto, l' innovativa capacità di produrre delle splendide armonie vocali in cui le due parti vocali, apparentemente indissolubilmente legate, erano in realtà anche autonome, ovvero egualmente importanti, senza alcuna distinzione tra canto e controcanto. Nati a Brownie nel Kentucky ed attivi fino dalla fine degli anni '40, insieme ai genitori, in un radioshow a Shenandoah, nello Iowa, Don e Phil Everly furono scoperti in seguito a Knoxville, nel Tennessee da Chet Atkins, vecchio amico di famiglia e rivelati ad un pubblico maggiore, grazie all'interessamento di Roy Acuff e di Wes Rose, da Archie Bleyer, promotore della musica country per la Cadence Records. La loro storia artistica sarà lunga e ricca di successi.
Euro
14,00
codice 334324
scheda
Fairport convention airing cupboard tape '71-'74 (original tracklist)
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1971  talking elephant records 
rock 60-70
edizione in vinile pesante, etichetta "custom". Pubblicato dalla Talking Elephant nel 2014, per la prima volta questo album traspone in vinile il contenuto della rara cassetta omonima pubblicata originariamente nel 1981 dalla Woodworm Records, mentre il doppio album, ormai raro, pubblicato in 500 copie numerate nel 2009 dalla Stamford ne rappresentava una versione ampliata. Pubblicato nel 1981 come cassetta ordinabile solo per posta dalla Wormwood Records, contiene brani registrati live durante svariati concerti dei Fairport Convention tra il febbraio 1971 e l' aprile 1974 in varie localita', tra cui Francoforte, San Antonio, Canterbury, Sydney e Los Angeles; la cassetta fu originariamente compilata dal batterista dei Fairport Dave Mattacks e divenne da subito uno dei piu' ricercati e rari lavori del gruppo, i musicisti coinvolti nelle registrazioni sono i seguenti: Trevor Lucas, Sandy Denny, Dave Swarbrick, Simon Nicol, Jerry Donahue, Dave Mattacks. Ecco la lista del materiale incluso: The Hexamshire Lass, Hens March Through The Midden (The Four Poster Bed), Sloth, Walk Awhile, It'll Take A Long Time, Firs And Feathers, Cell Song, Who Knows Where The Time Goes e That'll Be The Day.
Euro
31,00
codice 2094463
scheda

Page: 4 of 15


Pag.: oggetti: