Hai cercato:  immessi ultimi 30 giorni --- Titoli trovati: : 757
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Vile kurt Bottle it in (ltd blue)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  matador 
indie 2000
edizione limitata in doppio vinile blu, copertina apribile, inner sleeves, etichette custom. Dopo l'album collaborativo, "Lotta Sea Lice" (2017), con Courtney Barnett, Kurt vile ritorna con "Bottle It In" (2018), nuovo album in studio : 80 minuti dove ancora una volta a farla da padrone è la vena stralunata dell'artista americano, che - fatta eccezione per un vecchio brano di Charlie Rich, (Rollin With the Flow)? - si abbandona, come suo solito, a lunghi viaggi chitarristici, nati (quasi sicuramente) da jam session. Kurt Vile, musicista fin dall'adolescenza, negli anni - a partire dai The War on Drugs - si è sempre mosso, musicalmente parlando, tra folk, psichedelia e americana : dagli esordi lo-fi (God Is Saying This to You..., 2009) ai dischi folk psichedelici con la Matador, etichetta indipendente ma con una forte presenza sul mercato discografico. "Smoke Ring for My Halo" (2011) e il successivo "Wakin on a Pretty Daze" (2013), tra i momenti più riusciti della discografia del musicista americano, rappresentano al meglio l'anima ondivaga e psichedelica della scrittura di Vile, sempre in bilico tra folk e rock, annegati spesso in dilatazioni strumentali dalla forte venatura psichedelica.
Euro
39,00
codice 2111102
scheda
Von till steve (neurosis) A life unto itself
Lp [edizione] originale  stereo  usa  2015  neurot recordings 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
Copia ancora incellophanata, l' originale ormai rara stampa americana, nella versione in vinile nero, copertina ruvida, completa di inserto con testi ed artwork, etichetta bianca e marrone con artwork da un lato e titoli dall' altro lato, catalogo NR095. Pubblicato dalla Neurot Recordings nel maggio 2015, dopo "A grave is a grim horse" (2008) e prima di "No Wilderness Deep Enough" (2020), il quarto album solista del cantante dei Neurosis. Folk dai toni apocalittici, strutturato in ripetizioni minimali di manciate di accordi di chitarra acustica, su cui si intersecano stratificazioni dilatate (chitarra elettrica e violoncello), oltre alla tipica voce, bassa ed ossessiva, di Von Till, alla prese con melodie scarne, ma ugualmente superbe ed emozionanti. I rimandi si dirigono verso Mark Lanegan e Tom Waits. Chitarrista e cantante del gruppo metal Neurosis dal 1989 (sostituiì Chad Salter), Steve Von Till ha pubblicato 4 albums da solista, caratterizzati da un folk rock cupo e minimale: "As the crow flies" del 2000, "If I should fall to the field" del 2002 e, dopo un periodo in cui ha dato vita ad altri progetti con il nome di Harvestman e Culper ring, "A grave is a grim horse" (08) e "A life unto itself" (15). Nel 2012, insieme a Scott Kelly ha realizzato un album con cui reinterpreta pezzi di Townes Van Zandt, "Songs of Townes Van Zandt".
Euro
34,00
codice 252694
scheda
Waits Tom black rider (island version)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1993  island / private 
rock 60-70
Ristampa private press, in vinile argento, pressoche' identica alla prima rarissima tiratura uscita su Island nel 1993 (dopo una versione con copertina in bianco e nero completamente diversa e parte dei brani diversi, pressata nel 1992 non ufficialmente dalla Alka-Seltzer in Germania, poi ristampata anche nel 1999 ma con copertina ulteriormente cambiata), etichetta blu con logo giallo in basso. Registrato tra il 1989 ed il 1993, a distanza di un anno dall' album precedente "Blood Money", il disco conferma l' interesse e la fascinazione del grande artista californiano per il teatro, piu' volte affiorata nella sua storia artistica, musicale e non solo, e contiene brani composti da Waits per l' opera teatrale "The Black Rider", diretta da Robert Wilson and co-scritta da William S. Burroughs, basata sul racconto popolare tedesco "Der Freisch￾tz". Il disco, capitolo considerato da molti "minore" nell' ambito della ricca e straordinaria discografia di questo grande artista, ne testimonia la sempre vivissima ispirazione, al servizio qui di brani dal forte impatto evocativo, con atmosfere notturne ed insieme oniriche, ora struggenti ed ora bizarre e desiderose di giocare con la musica, e pur non proponendo nulla di sostanzialmente inedito si rivela ancora una volta pressocche' imperdibile. Tra i musicisti coinvolti nel progetto, il solito Ralph Carney e Grec Cohen.
Euro
18,00
codice 3028961
scheda
Waits Tom bounced checks
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1981  asylum 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima stampa destinata alla vendita in Italia, pressata in Germania (il disco fu pubblicato per il mercato dell' Europa continentale, e non fu pubblicato all' epoca ne' in Usa ne' in Uk), con marchio Siae stampato sull' etichetta a sinistra, copertina lucida senza barcode, completa di inner sleeve con testi, etichetta azzurra con il logo Asylum in alto nel cielo, catalogo AS 52316 sull' etichetta e AS K 52316 (EF-7200) sulla copertina, scritte lungo la circonferenza, in basso, su due righe. Pubblicata in Europa nel novembre del 1981, si tratta di una preziosa antologia del periodo trascorso dal grande artista americano con l' etichetta Asylum, con dieci brani, di cui otto dai primi sei albums, dal 1974 al 1981, e due inediti, una imperdibile "The Piano Has Been Drinking" registrata dal vivo a Dublino, Irlanda, nel marzo 1981, e la splendida e delicata ballata "Mr.Henry", registrata in studio nel 1980. Ecco la lista del materiale incluso: A1. Heartattack And Vine (dall' album "Heartattack and Vine" del 1980) A2. Jersey Girl (Alternate Master, dall' album "Heartattack and Vine"), A3. Eggs And Sausage (dall' album "Nighthawks at the Diner" del 1975) A4. I Never Talk To Strangers (Duet With Bette Midler) (dall' album "Foreign Affairs" del 1977) A5. The Piano Has Been Drinking (Live In Dublin, 1981) B1. Whistlin' Past The Graveyard (Alternate Master, dall' album "Blue Valentine" del 1978) B2. Mr. Henry (Previously Unreleased) B3. Diamonds On My Windshield (dall' album "The Heart of Saturday Night" del 1974) B4. Burma-Shave (dall' album "Foreign Affairs") B5. Tom Traubert's Blues (dall' album "Small Change" del 1976).
Euro
28,00
codice 252815
scheda
Waits Tom rain dogs
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1985  island / private 
rock 60-70
ristampa private press in vinile grigio, copertina lucida senza barcode, pressoche' identica alla prima tiratura su Island. Pubblicato nell' ottobre del 1985 dopo ''Swordfishtrombones'' e prima di ''Franks wild years'', giunto al numero 29 delle classifche inglesi e non entrato in quelle americane. L' ottavo vero album in studio del grande artista americano, il primo lavoro del nuovo corso dopo il matrimonio con conseguente nascita del figlio e il trasferimento da Los Angeles a New York. Meno "avventuroso" del precedente "Swordfishtrombones", registrato con la presenza di ospiti o collaboratori importanti come John Lurie, Robert Quine, Marc Ribot, e Keith Richards, questo "Rain Dogs" conferma lo stato di grazia di Waits, ormai lontanissimo dal cantautorato jazzy degli esordi ed autore di un personalissimo e straordinario blend di influenze diverse messe insieme da una personalita' artistica la cui maturita' ha reso ancora piu' fertile ed ispirata, facendo tesoro dell' influenza del blues del delta, tanto quanto delle stranite sonorita' mittleeuropee alla Kurt Weill, con Captain Beefheart a guardare compiaciuto. E quando Waits lascia da parte la sua vena piu' istrionica, ci regala delle ballate capolavoro come "Downton Trains", non a caso pubblicata anche come singolo, ma certo non l' unico gioiello di un disco bellissimo, di cui sono da citare anche almeno la paludosa e scarna "Clap Hands", la notturna "Jockey Full Of Bourbon", "Big Black Mariah", definita come "un incrocio fra i rituali voodoo e le sincopi degli Stones", la commovente, delicatissima "Time", la "broder music" di "Walking Spanish".
Euro
18,00
codice 3028960
scheda
Warwound A huge black cloud - the demos 1983 (ltd. coloured vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1983  back on black 
punk new wave
Edizione limitata in vinile colorato, copertina apribile. Ristampa del 2021 ad opera della Back On Black, pressoché identica alla molto rara prima tiratura, pressata in mille esemplari (800 in vinile nero e 200 in vinile verde). Originariamente pubblicata nel 2015 dalla Profane Existence, questa antologia compila i venticinque brani che compongono i primi tre demos degli Warwound, registrati fra il tardo 1982 e l'inizio del 1983; erano un gruppo hardcore punk inglese formatosi nel 1982 e scioltosi nell'autunno del 1983, senza aver pubblicato alcunché, quindi la confluenza di alcuni ex membri della band nei Varukers e poi nei Sacrilege ha acceso l'interesse dei cultori per questi Warwound. Molto influenzati dai Discharge, gli Warwound sono ricordati come uno dei primi gruppi a portare il D-beat punk ad un nuovo livello di ferocia ed intensità; la band, con l'originario chitarrista Damian, si è infine riformata nel 2015, suonando dal vivo ed incidendo nuovo materiale, poi confluito nei primi due album "Burning the blindfolfds of bigots" (2017) e "WWIII" (2020). Questa la scaletta: "Three Minute Warning", "Holocaust", "Ward Seven", "Fashion Follower", "Brutal Truth", "Final Nightmare", "Freedom Fighter", "Yopper Boy", "Never Again" (i brani del terzo demo); "Angel Of Death", "Falklands Fiasco", "Workaholic", "Three Minute Warning", "Ward Seven", "Brutal Truth", "Freedom Fighter", "Yopper Boy" (i brani del primo demo); "No Escape", "Brainwashed", "Neglected", "Holocaust", "Ward Seven", "Fashion Follower", "Brutal Truth", "Yopper Boy".
Euro
31,00
codice 3514488
scheda
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  music on vinyl 
rock 60-70
doppio album, ristampa in vinile 180 grammi epr audiofili, copertina apribile pressocche' identica a quella della prima tiratura uscita in America su Columbia. Pubblicato in Usa nel settembre del 1979 dopo ''Mr. gone'' e prima di ''Night passage'', giunto al numero 56 delle classifiche Usa ed al numero 68 di quelle Uk. Il nono album. Registrato live dal Gennaio del 1979 al Febbraio 1979, durante il tour mondiale del 1979, include 13 brani in versione live tratti da albums dal 1971 al 1977, nella formazione di questi concerti il gruppo presentava Peter Erskine e Jaco Pastorius, oltre a Joe Zawinul e Wayne Shorter. Ecco la lista dei brani contenuti: Black Market, Teen Town, A Remark You Made, Slang, In a Silent Way, Birdland, Thanks for the Memory, Medley: Badia/Boogie Woogie Waltz, 8:30 , Brown Street , The Orphan, Sightseeing .
Euro
33,00
codice 2111030
scheda
Who live at leeds
Lp [edizione] ristampa  stereo  ita  1970  polydor 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
Ristampa italiana del 1980, copertina senza barcode, etichetta etichetta rossa con logo in alto nero e bianco, data sul trail off del primo lato riferita al 1980, catalogo 2383579. Pubblicato in Inghilterra nel maggio del 1970 dopo "Tommy" e prima di "Who 's next'', giunto al numero 2 delle classifiche Uk ed al numero 4 di quelle Usa. Il quinto ed ultimo album del decennio, coglie il gruppo in stato di grazia durante il concerto a Leeds nel dicembre 1969, e' il loro unico live degli anni '60, di potenza assolutamente annichilente, dimostra come gli who, pur geniali in studio, raggiungevano il loro acme creativo solo a contatto con il pubblico. La scaletta e' incentrata sul periodo precedente a ''Tommy'' ed e' l' album in cui il suono r'n'b' e' piu' presente insieme al primo ''My generation'', la assoluta mancanza della meticolosa produzione che contraddistingue le opere del gruppo in questo periodo lo rende a questo ancora piu' affine. Sicuramente uno dei 10 albums live piu' riusciti ed importanti del rock classico. Questa la lista completa dei brani contenuti: "Young Man Blues", "Substitute", la cover di "Summertime Blues" di Eddie Cochran, quella di "Shakin' All Over" di Johnny Kidd & The Pirates, una versione incredibile di "My Generation" lunga quasi un quarto d' ora (che incorpora autocitazioni di "See Me, Feel Me", "Sparks" e della inedita "Naked Eye"), ed infine "Magic Bus".
Euro
23,00
codice 252686
scheda
Who quadrophenia (the movie)
lp2 [edizione] originale  stereo  ita  1979  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima stampa italiana, doppio album con copertina (con lievi segni di invecchiamento) apribile e senza codice a barre, completa di inner sleeves, etichette custom, data sul trail off "17/09/79", timbro Siae del terzo tipo, in uso dal 78/79 in avanti, catalogo 2625037. Pubblicato in Uk nel settembre del 1979 dopo ''Who are you'' e prima di ''Face Dances'', giunto al numero 23 delle classifiche Uk ed al numero 46 di quelle Usa. La colonna sonora originale del film di Franc Roddam del 1979, con brani e contenuto completamente diverso dal disco omonimo su track del 1973. Contiene brani degli Who in versioni inedite sulle prime tre facciate compreso, il leggendario ''Zoot suit'' a nome High Numbers, e la quarta con brani di James Brown, Kingsmen, Booker t and the Mg's, Cascades, Chiffons, Ronettes, Crystals. Ecco la lista completa dei brani: A1 Who – I Am The Sea A2 Who – The Real Me A3 Who – I'm One A4 Who – Love Reign O'er Me B1 Who – Bell Boy B2 Who – I've Had Enough B3 Who – Helpless Dancer B4 Who – Doctor Jimmy B5 High Numbers – Zoot Suit C1 Cross Section – Hi Heel Sneakers C2 Who – Get Out And Stay Out C3 Who – Four Faces C4 Who – Joker James C5 Who – The Punk And The Godfather D1 James Brown – Night Train D2 Kingsmen – Louie Louie D3 Booker T & The MG's – Green Onions D4 Cascades – Rhythm Of The Rain D5 Chiffons – He's So Fine D6 Ronettes – Be My Baby D7 Crystals – Da Doo Ron Ron.
Euro
26,00
codice 252688
scheda
Who who are you
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1978  mca 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima stampa americana, copertina senza barcode, nella versione con timbro dorato in rilievo sul fronte "MCA-180" (copia quindi distribuita poco dopo l' uscita effettiva del disco), etichetta marrocina con bordo marrone, catalogo MCA3050, "Biggles" inciso sul trail off del primo lato, "Sterling" su quello di entrambi, copia pressata negli stabilimenti MCA Pressing Plant di Gloversville, New York, con logo con due logos quadrati ed una G tra di essi incisi sul trail off di entrambi i lati. Pubblicato in Inghilterra nel settembre del 1978 dopo ''Who by numbers'' e prima di ''Face dances'' e giunto al numero 6 delle classifiche Uk ed al numero 2 di quelle Usa. L' ultimo album con la formazione originale, quello che a distanza di 13 anni da ''My generation'' (dicembre 1965) chiude il cerchio degli Who e dell' epoca d' oro del rock inglese. Prodotto da Glyn Johns e John Astley, registrato con la collaborazione di Andy Fairweather Low e Rod Argent, e' l' ultimo album prima della morte di Keith Moon, avvenuta il 7 settembre del 1978, dopo una festa e conseguente notte in bianco, per ''overdose di rock'n'roll'' (ma i medici si ostinano a dire overdose di eminevrin), registrato in un periodo di grande crisi della band, con due albums in studio in quattro anni. E' un lavoro con arrangiamenti elettronici, atipico, che tuttavia sara' un grande successo.
Euro
30,00
codice 252684
scheda
Williams hank 40 Greatest hits
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1947  music on vinyl 
blues rnr coun
Doppio album in vinile 180 grammi per audiofili, copertina ruvida apribile, ristampa del 2014 ad opera della Music On Vinyl, pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicata nel 1978 dalla Polyor in Gran Bretagna e nel 1984 negli USA, questa bella raccolta compila ben quaranta brani tratti da storici singoli usciti fra il 1947 ed il 1953, firmati dal grandissimo interprete e rinnovatore della musica country nordamericana, Hank Williams Sr. Una vasta panoramica sulla sua splendida produzione musicale, che purtroppo si eauri' nell'arco di pochi anni a causa della prematura scomparsa. Questa la scaletta: ''Move it on over'' (1947), ''A mansion on the hill'' (1948), ''Lovesick blues'' (1949), ''Wedding bells'' (1949), ''Mind your own business'' (1949), ''You're gonna change (or I'm gonna leave)'' (1949), ''Lost highway'' (1949), ''My bucket's got a hole in it'' (1949), ''I'm so lonesome I could cry'' (1949), ''I just don't like this kind of living'' (1950), ''Long gone lonesome blues'' (1950), ''My son calls another man daddy'' (1950), ''Why don't you love me'' (1950), ''Why should we try anymore'' (1950), ''They'll never take her love from me'' (1950), ''Moanin' the blues'' (1950), ''Nobody's lonesome for me'' (1950), ''Cold cold heart'' (1951), ''Dear john'' (1951), ''Howlin' at the moon'' (1951), ''I can't help it (if I'm still in love with you)'' (1951), ''Hey, good lookin''' (1951), ''Crazy heart'' (1951), ''(I heard that) Lonesome whistle'' (1951), ''Baby, we're really in love'' (1951), ''Ramblin' man'' (1951), ''Honky tonk blues'' (1952), ''I'm sorry for you my friend'' (1952), ''Half as much'' (1952), ''Jambalaya (on the bayou)'' (1952), ''Window shopping'' (1952), ''Settin' the woods on fire'' (1952), ''You win again'' (1952), ''I'll never get out of this world alive'' (1952), ''Kaw-liga'' (1953), ''Your cheatin' heart'' (1953), ''Take these chains from my heart'' (1953), ''I won't be home no more'' (1953), ''Weary blues from waitin''' (1953), ''I saw the light'' (1948). Hank Williams e' la massima icona del country moderno americano; nasce il 17 Settembre del 1923 in Georgia e muore a 30 anni il primo Gennaio del 1953 per infarto mentre si reca in automobile ad un concerto. La sua influenza sulla musica moderna e' incalcolabile, con uno stile innovativo, tra blues, folk, country, cajun, dotato di una voce evocativa e carismatica, e' tutt'oggi possibile vedere sue vecchie foto polverose incorniciate nei locali tradizionali del Sud degli States, nella posizione riservata in Italia al papa o al presidente della repubblica. I suoi brani, per certi versi simili al primo Johnny Cash, ma piu' mistici ed oscuri, con uno stile vocale originale che intreccia malinconia ed ironia ed arrangiamenti basati sulla slide guitar, il contrabbasso e l'armonica, saranno le basi della riscoperta della musica americana operata alla fine degli anni '60 da bands quali i Grateful Dead in dischi quali ''American Beauty'' o ''Workingman's Dead''.
Euro
36,00
codice 2110761
scheda
Winehouse amy Back to black (deluxe reissue)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2006  island 
indie 2000
Ristampa deluxe, Half-speed mastering agli Abbey studios dai nastri originali, doppio vinile 180 grammi, comprende oltre all'album ufficiale un disco di bonus tracks, copertina apribile, obi laterale. Uscito in vinile per la prima volta nel maggio 2007, con copertina diversa da quella americana ed un brano diverso: al posto della seconda versione di "You Know I'm No Good" c'e' il brano "Addicted". Uscito nell' ottobre 2006, giunto al primo posto delle classifiche inglesi, ed al secondo posto della classifica Billboard americana, ''Back to black'' e' il secondo album della cantante soul/jazz inglese purtroppo scomparsa il 23 luglio del 2011, uscito dopo ''Frank'' (2003). La talentuosa cantante inglese attua una svolta stilistica con questo secondo lp, lasciando in gran parte le influenze jazz di ''Frank'' (2003) per ispirarsi maggiormente al pop femminile degli anni '60 ed al soul/r'n'b. La sua voce piena e potente ma anche sofferta ed evocativa e' peraltro vicina alle classiche cantanti afroamericane degli anni '60, ma rievoca anche quella di Billie Holiday. ''Back to black'' offre un soul ammodernato ai primi anni del nuovo secolo, mantenendo al tempo stesso un legame forte con il passato. La cantante londinese Amy Winehouse riesce all'inizio del nuovo secolo a mettere d'accordo critica e pubblico con il suo ispirato amalgama di jazz, pop e soul dalle influenze classiche (Billie Holiday, il soul degli anni '60): la sua musica, accessibile ma evocativa come vuole la grande tradizione soul e r'n'b, la colloca giovanissima nei piani alti delle classifiche, quando appena ventenne pubblica il suo primo album "Frank" (2003) in Gran Bretagna. Il successivo "Back to black" (2006), meno jazz e piu' soul/pop anni '60 del precedente, diventa un successo mondiale mantenendo la considerazione della critica. Nell'estate 2010, la Winehouse muore, ventisettenne, nel suo appartemento londinese per un mix di alcool e droghe.
Euro
35,00
codice 2110676
scheda
Winehouse amy Live at glastonbury 2007
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2007  island 
indie 2000
adesivo su cellophane, inner sleeves, vinile 180 grammi. Doppio album, per la prima volta in vinile, il set completo del concerto effettuato al Pyramid Stage del festival di Glastonbury il 22 giugno 2007. La scaletta: Addicted - Just Friends - Tears Dry On Their Own - He Can Only Hold Her - Cherry - Back To Black - Wake Up Alone - Love Is A Losing Game - F*ck Me Pumps - Cupid - Hey Little Rich Girl - Monkey Man - You Know I'm No Good - Rehab - Me & Mr Jones - Valerie.
Euro
43,00
codice 2111275
scheda
Winehouse amy Ska collection
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2011   
indie 2000
Copertina lucida senza codice a barre, etichetta custo in bianco e nero, Lp che raccoglie le 4 tracce contemplate nel 7" "The ska ep" (2011 Soul Records), "Monkey man", Hey little rich girl", e "You're wondering now", tutte covers degli Specials e "Cupid" di Sam Cooke, piu' una serie di registrazioni dal vivo come " Free Nelson Mandela", "You're wondering now", "Ghost town", "Hey little girl", Monkey man" e la versione deluxe di "Cupid". La cantante londinese Amy Winehouse riesce all'inizio del nuovo secolo a mettere d'accordo critica e pubblico con il suo ispirato amalgama di jazz, pop e soul dalle influenze classiche (Billie Holiday, il soul degli anni '60): la sua musica, accessibile ma evocativa come vuole la grande tradizione soul e r'n'b, la colloca giovanissima nei piani alti delle classifiche, quando appena ventenne pubblica il suo primo album ''Frank'' (2003) in Gran Bretagna. Il successivo ''Back to black'' (2006), meno jazz e piu' soul/pop anni '60 del precedente, diventa un successo mondiale mantenendo la considerazione della critica.
Euro
17,00
codice 2110784
scheda
Winter johnny nothin' but the blues
lp [edizione] originale  stereo  usa  1977  blue sky 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa americana, copertina senza barcode, etichetta azzurra con nuvole, catalogo PZ34813. Pubblicato in Usa nell' agosto del 1977 dopo "Captured Live!" (1976) e prima di "White, Hot and Blue" (1978), il primo album in studio del grande chitarrista texano dai tempi di "John Dawson Winter III" (1974). Il disco e' un eccelso ritorno alle sonorita' piu' asciutte e ruvide del miglior Johnny Winter, dedicato come da note sul retrocopertina a quel Muddy Waters che di Winter fu una delle massime influenze e che nello stesso periodo incideva per la stessa etichetta Blue Sky, continuando a fare della grande musica, qui peraltro ospite alla voce. E' proprio dietro l' esempio di Muddy Waters che Johnny Winter ritrova la propria strada, che pareva smarrita, regalando uno dei suoi migliori lavori in assoluto secondo molti. Oltre a Muddy Waters, il disco e' stato inciso con la partecipazione di Willie "Big Eyes" Smith alla batteria, Pinetop Perkins al piano, Bob Margolin alla chitarra, James Cotton all' armonica e Charles Calmese al basso.
Euro
30,00
codice 252698
scheda
Winter johnny saints & sinners
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  usa  1974  Columbia 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Excellent rock 60-70
seconda stampa americana, di poco successiva alla prima tiratura, copia con lieve difetto di pressaggio che causa alcuni tic nel primo brano delle due facciate, etichetta rossa con scritto Columbia 6 volte lungo la circonferenza, catalogo PC32715 su copertina e vinile, retrocopertina con timbro "For Military Sale Only". Pubblicato in USA nel febbraio del 1974 dopo ''Still alive and well'' e prima di ''John Dawson Winter III '', giunto al numero 42 delle classifiche USA e non entrato in quelle UK dove usci' nel marzo dello stesso anno. Il settimo album. Il secondo lavoro dopo la disintossicazione dalle droghe, esce dopo che il precedente "Still Alive and Well" era stato il suo maggior risultato commerciale in assoluto. Il disco vede materiale eterogeneo: rock and roll degli anni '50, da Chuck Berry "Thirty Days" da Larry Williams "Bony Moronie" e da Leiber & Stoller "Riot in Cell Block #9", brani piu' recenti, come "Stray Cat Blues" dei Rolling Stones, oltre a diversi brani originali da lui scritti, ed anche l' inedito di Van Morrison "Feedback on Highway 101", registrata ma non incisa da Morrison nel 1973 per "Hard Nose the Highway". Nell' album suonano i vecchi membri della Johnny Winter Band: Rick Derringer, Randy Jo Hobbs e Richard Hughes, oltre al fratello Edgar Winter e Dan Hartman.
Euro
16,00
codice 252702
scheda
Wipers youth of america
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1981  jackpot 
punk new wave
ristampa in edizione limitata, copertina in cartoncino pesante senza barcode, pressoche' identica alla prima rarissima tiratura su Park Ave., ottenuta dalla rimasterizzazione dei master tapes originali, del capolavoro del grande gruppo di Portland, Oregon, secondo loro album dopo "Is This Real?" del 1979. Uscito nel novembre del 1981 per la piccola Park Avenue di Seattle che gia' ne aveva pubblicato l' esordio, "Youth Of America" e' uno tra gli albums piu' originali di tutta la prima meta' degli anni '80, comprensibilmente divenuto sempre piu' con il trascorrere degli anni un vero e proprio disco di culto, straordinariamente cupo e tagliente, distante dall' aggressivita' e dalla compattezza dell' esordio a favore di brani dilatati e complessi (la magnifica title track supera i 10 minuti...), che a tratti fanno pensare alle agghiaccianti visioni dei primi Suicide realizzate in un contesto almeno nella forma (chitarra, basso e batteria) piu' "rock", ma nella sostanza quasi altrettanto alieno. Un' opera "maledetta", oscura e assolutamente da scoprire, che richiede un impegno non indifferente ad essere compresa appieno, ma che possiede come pochi dischi dell' epoca la statura del classico ed una personalita' a tutt'oggi straordinariamente affascinante e sorprendente. Registrato dopo l' uscita dal gruppo dell' originario batterista Sam Henry (sostituito da Brad Naish che pero' non e' accreditato come facente parte del gruppo), e con il vecchio bassista Dave Koupal ed il nuovo Brad Davidson che si alternano nei brani, restera' un episodio unico nella ricca discografia di una delle band piu' importanti e seminali dell' underground americano degli anni '80, un oscuro e straordinario capolavoro da parte di una band mai troppo valutata, influenza riconosciuta dai Sonic Youth, idolatrati dai Nirvana che parteciperanno ad un album tributo a loro dedicato.
Euro
29,00
codice 2111204
scheda
Wire The ideal copy (gatefold sleeve)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1987  enigma 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
La originale stampa americana, copertina apribile a differenza di quella inglese, lucida e con barcode, etichetta crema con logo Enigma rosso a sinistra, catalogo SWAO-73270. Il quarto album in studio della seminale band inglese, uscito nell' aprile del 1987, e giunto al primo posto delle classifiche indipendenti inglesi, a segnare il ritorno (gia' preannunciato dal 12" Snakedrill" qualche mese prima), nella stessa formazione originale, a distanza di 8 anni dal precedente "154". Un disco molto bello, lontano da ogni tentazione "nostalgica" ed invece capace di mettere insieme le interessantissime esperienze compiute dai suoi artefici in quegli anni (Colin Newman solista, spesso aiutato dall' altro Wire Robert Gatobed, e Graham Lewis e B.C. Gilbert quasi sempre insieme, tra l' altro con la denominazione Dome), particolarmente vicino ai lavori solisti di Colin Newman realizzati nello stesso periodo, ma caratterizzato da una felicissima ispirazione che trova linfa vitale appunto nella ritrovata armonia tra gli stessi musicisti che avevano dato vita al progetto nel lontano ottobre del '76. Sebbene non paragonabile alla storica trilogia di albums "Pink Flag", "Chairs Missing" e "154", questo "The Ideal Copy" e' disco assolutamente meritevole di attenzione, e contiene una serie di episodi di grande efficacia, che rivestono di nuova forma l' humus musicale del gruppo, fatto di una costante ricerca di incontro tra armonia e obliquita', per solito lontano dalle asperita' spigolose di un tempo, e caratterizzato da suoni e ritmi assolutamente moderni, spesso vivaci. Tra gli episodi da segnalare l' iniziale "The Point Of Collapse", onirica e vagamente orientaleggiante, la vivace "Ahead", realizzata anche come singolo, la cupa ed affilata "Feed Me", la breve e sorprendente "Cheeking Tongues", la delicata ballata (ovviamente "sui generis") "Still Shows" e la conclusiva "Over Theirs", che gioca con l' elettronica con grande efficacia. Un disco insomma riuscitissimo, che convinse il gruppo a continuare a continuare insieme, producendo altri dischi negli anni a venire ("A Bell Is A Cup..." sara' nel 1988 il successivo).
Euro
30,00
codice 252649
scheda
Wire train Ten women
Lp [edizione] originale  stereo  Hol  1987  cbs 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa europea, pressata in OLanda, completa di inner sleeve con testi, etichetta rossa con logo bianco in alto, catalogo CBS4504401. Il terzo album del gruppo americano, dopo "In a Chamber" (1984) e "Between Two Words" (1985), registrato con ormai Kevin Hunter alla guida del gruppo, dopo l' abbandono di Kurt Herr. L' album prosegue lungo la strada tracciata dai predecessori, quella di un rock chitarristico di stampo classico, venato di influenze roots e pop. Formatisi a San Francisco nel 1983, inizialmente con il nome di Renegades, gli Wire Train nacquero su impulso dei due parolieri Kurt Herr e Kevin Hunter. Accasatisi presso la label 415, pubblicarono il primo album ''In a chamber'' nel 1984, suscitando positive reazioni in California con la loro new wave chitarristica. Il successivo ''Between two words'' (1985) venne inciso a Vienna e fu l'ultimo con Kurt Herr in formazione, che abbandono' poco dopo il gruppo per dedicarsi a porgetti solisti. ''Ten women'', inciso a Londra, usci' nel 1987, mentre in quel periodo il gruppo suonava in tour con Alarm, Bangles e Waterboys. La band ritorno' nel 1990 con il quarto album, senza titolo, che segno' un mutamento stilistico verso il pop rock, seguito dal quinto lp ''No soul no strain'' (1992), con echi del Madchester sound. Si sciolsero intorno al 1993. Un loro brano, ''I will not fall'', fu inserito nella colonna sonora del film ''Point break'', con Keanu Reeves e Patrick Swayze.
Euro
16,00
codice 252840
scheda
Wyatt Robert Rock bottom
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1974  domino 
rock 60-70
ristampa con copertina pressoche' identica alla prima tiratura su Virgin del 1974, ma con "cornice" bianca, corredata di inner sleeve esclusiva con una foto che ritrae Robert Wyatt insieme ad Alfreda Benge, e sull'altro lato della busta i testi dei brani e alcune note scritte da Wyatt nel 1998, che riguardano il periodo connesso alla realizzazione di questo album, adesivo trasparente sul cellophane con autore e titolo. Pubblicato in Inghilterra nel luglio del 1974 dopo ''End of an ear'' e prima di ''Ruth is stranger than Richard'', non entrato nelle classifiche UK ne' in quelle USA. Il secondo album. Molto piu' raro nell' edizione originale di quanto non si pensi comunemente, considerato da molti critici come il disco piu' bello uscito in tutti gli anni '70, opera immancabile in ogni collezione di ogni ordine e grado (la nostra opinione al riguardo e' chiara, visto che il nome che portiamo e' un omaggio a questo lp). Il secondo album solista di Wyatt, fu registrato con la creme de la creme del Canterbury e non solo, Richard Sinclair, Laurie Allan, Hugh Hopper, Ivor Cutler, Mongezi Feza, Gary Windo, Fred Frith, Mike Oldfield, prodotto da Nick Mason dei Pink Floyd, fu il primo lavoro ad essere inciso dopo che la caduta dal quinto piano lo rese paraplegico e quindi dalla batteria passo' alla tastiera, nonostante cio' che si crede, fu composto (anche se non registrato) prima che l'incidente avvenisse. I brani sono assolutamente straordinari, introspettivi e solenni, ma avvolti da un' atmosfera crepuscolare irripetibile, ''Sea Song'', ''Alifib'', ''Little Red Riding Hood Hit The Road'', ''Last Straw''; e' questo uno di quei rari casi in cui le parole non riescono a rendere giustizia alla qualita' ed originalita' assoluta di questo vero e proprio tesoro dell'arte del millennio trascorso, solo dopo ripetuti ed attenti ascolti diviene infatti possibile svelarne le molteplici magie. 10 e lode.
Euro
25,00
codice 2110653
scheda
Xhol caravan Electrip (numbered, with booklet)
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1969  garden of delights 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa del 2022, edizione limitata di 2000 copie, numerate a mano su retro (questa la numero 1532), copertina laminata pressoche' identica alla molto rara prima tiratura, corredata di ESCLUSIVO RICCO BOOKLET FORMATO LP DI 68 PAGINE, catalogo LP045. Originariamente pubblicato nel 1969 dalla Hansa in Germania, il primo ed unico album a nome Xhol Caravan, prima dell'accorciamento dello stesso in Xhol. Questa leggendaria band tedesca inizio' nella meta' degli anni '60 come gruppo soul rock con il nome di Soul Caravan, nome con il quale, nel 1967 registrarono un album intitolato ''Get in high'', poi i tempi cambiarono e la band si trasformo', alla vigilia del nuovo decennio, in questi Xhol Caravan. Sotto questo nuovo nome, esordirono con questo ''Electrip'' nel 1969, uno dei primi lavori di progressive pubblicati in Germania, la copertina, coloratissima e molto psichedelica, fu anch'essa una assoluta novita' in Europa continentale. Il disco segue un approccio che sta a meta' tra la psichedelia, il jazz ed il beat, ma vi sono anche assonanze con la fusion strumentale del primo Zappa; tra i brani la leggendaria "Raise Up High", una sorta di jazz-soul blues-psichedelia che fondera' tutto il jazz-rock fusion tedesco, movimento che nascera' di li' a poco e che sara' ispirato proprio da questo lp: gruppi quali Out Of Focus, Ardo Dombec, Ikarus, Kraan, Release Music Orchestra e Thirsty Moon, solo per citarne alcuni, devono moltissimo agli esperimenti ed alle intuizioni profetiche di questo album. Dopo la sua pubblicazione la band ottenne un contratto con la Ohr per la quale registro', con il nome abbreviato in Xhol, altri due album nel 1971 e 1972.
Euro
30,00
codice 252797
scheda
Yard act The overload
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2022  island 
indie 2000
vinile 180 grammi, adesivo su cellophane. L'atteso debutto del gruppo di Leeds, autrice di un ottimo post punk moderno e spigoloso sulla scia di Idles, Fontaines D.C, Sleaford mods etc. e bands del passato: Blur, Art brut, Xtc ed in particolar modo i Fall (con i quali il cantante condivide il cognome Smith) . Attitudine da pub, liriche riversate dal cantante James Smith in gran quantità con un spudorato, cinico e satirico sguardo "british" verso l'attualità britannica, la moderna società senza tralasciare riflessioni su aspetti personali di piccola quotidianetà. Note complete a seguire.
Euro
29,00
codice 2111099
scheda
Yardbirds for your love
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1965  epic 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
prima davvero oramai molto rara stampa americana in stereo, copertina cartonata con foratura promozionale in alto a sinistra, etichetta gialla con logo ovale in alto e con scritta "Nonbreakable" a sinistra, catalogo BN26167. Pubblicato in Usa nel luglio del 1965 dopo il live ''Five live Yardbirds'' e prima di ''Having a rave up'', giunto al numero 96 dele classifiche Usa. Il primo album in studio del gruppo, mai pubblicato in Uk. Uno dei capolavori assoluti del beat di sempre, contiene una serie di brani che in uk uscirono sotto forma di 6 ep's o singoli, la selezione del materiale fu fatta dal manager del gruppo, giorgio gomelsky, clapton, peraltro mai menzionato nell'lp, uscira' dal gruppo proprio a causa della title track, da lui ritenuta ''troppo lontana dal blues'', ma che avvalendosi dell'organo di brian auger, entrera' nelle classifiche uk. data la confusione imperante sulla discografia degli yardbirds, cerchiamo di chiare le idee sulla genesi dei brani presenti in questo album. il disco contiene 11 episdi , pubblicati, come detto, solo negli usa sotto forma di lp, i corrispondenti inglesi furono editi nel seguente ordine- for your love - got to hurry- singolo del marzo 1965, i wish you would - a certain girl- singolo del gennaio 1964, good morning little schoolgirls-ain't got you- singolo del ottobre del 1964, i'm not talking'', ''ain't done wrong'', ''my girl sloopy'' sono tratti dall'ep '' five live yardbirds'' del 1964, sweet music ( con paul jones ai cori ) e putty sono invece inediti, registrati nel dicembre del 1964 a londra. tutti i brani vedono eric clapton alla chitarra, ad eccezione di -'' i'm not talking'', ''i aint' done wrong'', '' my girl sloopy'' che vedono invece ivi impegnato jeff beck.
Euro
220,00
codice 110000
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1966  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, pressoche' identica alla prima rara tiratura su Mgm. Pubblicato in Usa nel 1966 ed il altri paesi nel 1967 (Inghilterra inclusa), registrato da un giovanissimo Herbie Hancock che agisce agli ordini di Michaelangelo Antonioni, e' il migliore e piu' conosciuto affresco della Londra dell' epoca swinging London; il groove del disco e' quello bluesy con brani lenti mantrici e dall'incedere funky; naturalmente il disco e' passato alla storia della musica rock per l'inclusione, insieme ai brani di Hancock, di un brano degli Yardbirds "Stroll On" (retitolazione del vecchio standard "The Train Kept A-Rollin'"), una delle sole tre registrazioni esistenti che vedono alla chitarra la coppia Jeff Beck e Jimmy Page. Forse non tutti sanno che, nei piani originali, la colonna sonora doveva essere composta dai Tomorrow, che registrarono anche allo scopo alcuni brani rimasti inediti. Questa la lista completa dei brani, tutti di Herbie Hancock eccetto la gia' citata "Stoll On", degli Yardbirds: Main Title / Verushka (Part I) / Verushka (Part II) / The Naked Camera / Bring Down The Birds / Jane's Theme / The Yardbirds - Stroll On / The Thief / The Kiss / Curiosity / Thomas Studies Photos / The Bed / End Title - "Blow Up".
Euro
29,00
codice 2110708
scheda
Yes The Yes album
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1971  rhino/atlantic 
rock 60-70
Ristampa in vinile pesante, pressoche' identica ala prima edizione del 1971, con copertina apribile. Pubblicato in Inghilterra nel marzo del 1971 dopo ''Time and a Word '' e prima di ''Fragile'', giunto al numero 7 delle calssifiche UK ed al numero 40 di quelle USA dove usci' nel maggio dello stesso anno. Il terzo album, il primo con Steve Howe, nonche' il primo a proporre il rock progressivo sinfonico e luminoso dai testi mistici ed ermetici che porra' il gruppo tra le leggende del rock inglese, registrato dalla formazione che prevedeva John Anderson, Chris Aquire, Steve Howe, Tony Kaye, Bill Bruford. Contiene ''Your Move'', brano simbolo degli anni classici del gruppo.
Euro
32,00
codice 2110718
scheda

Page: 30 of 31


Pag.: oggetti: