Hai cercato:  Santana and john mclaughlin --- Titoli trovati: : 0
cercando tra gli autori separatamente le parole:  Santana and john mclaughlin --- Titoli trovati:  587
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Cale john animal justice
12" [edizione] originale  stereo  uk  1977  illegal 
  [vinile]  Very good  [copertina]  excellent rock 60-70
Prima molto rara stampa inglese, copia con giusto lievi segni di invecchiamento sul vinile, etichetta ruvida rossa con logo e scritte nere, catalogo IL003. Pubblicato nel settembre del 1977 dopo '' Guts'' e prima di '' Sabotage '', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il bellissimo ep (in formato 12") con tre brani: "Chicken Shit", "Memphis" e la leggendaria "Hedda Gabbler". Il ritorno alle incisioni di John Cale dopo due anni di pausa vede l'uscita di questo "Animal Justice ep", anticipato dalla celeberrima performance al Croydon Greyhound nella quale Cale fa a pezzi sul palco un pollo (gia' morto...), atto che viene stigmatizzato dalla stampa ma che trova la naturale approvazione dei punks inglesi. Per tutta risposta Cale scrive a proposito dell' episodio il brano iniziale dell'opera, "Chicken Shit", seguita dalla stravoltissima cover da Chuck Berry di "Memphis" e dalla finale "Hedda Gabbler", lungo brano atmosferico ed oscuro, dedicato all' eroina di Ibsen, per molti critici uno dei capolavori assoluti del musicista.
Euro
23,00
codice 109894
scheda
Cale john Comes alive
lp [edizione] originale  stereo  uk  1984  island / ze 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa inglese, copertina lucida senza barcode, catalogo ILPS7026, etichetta "custom", "Jolz" e "Sound Clinic" incisi sul trail off dei rispettivi lati. Pubblicato nel settembre del 1984 dopo ''Caribbean sunset'' e prima di ' Artificial intelligence'', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. L' undicesimo album. Pubblicato 5 anni dopo il maestoso live "Sabotage/Live", vede un ritorno dell' artista gallese ex_Velvet Underground alla dimesione live, registrato a Londra al Lyceum il 26 febbraio del 1984 con Dave Young, Andy Heermans, Dave Lichtenstein, ma include anche due nuovi brani in studio: "Ooh La La" e "Never Give Up On You". I brani sono selezionati da una scaletta di 90 minuti e vedono la presenza di numerosi classici di Cale, che dimostra dal vivo un ottimo stato di forma, a differenza dei coevi albums in studio, incerti sulla direzione da prendere; ecco la lista del materiale incluso- Ooh la la, Evidence, Dead or alive, Leaving it up to you, Dr. mudd, Waiting for the man, Heartbreak hotel, Fear, Never give up on you.
Euro
26,00
codice 226218
scheda
Cale john extra playful
lpm [edizione] nuovo  stereo  eu  2011  double six 
rock 60-70
etichetta "custom", coupon per scaricare anche i brani in formato MP3, con adesivo di presentazione sul cellophane. Questo estemporaneo 12" uscito nel settembre 2011 contiene cinque brani altrimenti inediti, registrati in studio a sei anni di distanza dall' ultimo album in studio del grande artista gallese, ex Velvet Underground. Molto bella la prima facciata, con dura "Ctastrofuk", segnata da un granitico riff chitarristico, e la delicata e romantica ballata "Whaddya Mean By That"; sul retro "Hey Ray", "Pile L' Heure" e "Perfection", piu' "moderniste" e protese a sperimentare soluzioni diverse, ma non altrettanto riuscite sebbene non prive di spunti interessanti. Registrato tra gli altri con Erick Sanko, ex Lounge Lizards, e Michael Jerome, dei Better Than Ezra ed ex Course of Empire.
Euro
11,00
codice 2095020
scheda
Cale john face to the sky / living with you (organic mix)
7" [edizione] originale  stereo  eu  2012  double six 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
singolo in formato 7", l' originale stampa, copertina in cartoncino rigido, con apertura per il disco in alto, copia distribuita in Italia con adesivo Siae metallizzato sul retro, etichetta custom, foro al centro piccolo, catalogo DS065. Pubblicato nell' ottobre 2012 dalla Double Six, ad accompagnare l' uscita del 16esimo album solista in studio "Shifty Adventures In Nookie Wood", contiene sul lato A uno dei brani piu' rappresentativi dell' album, la cupa "Face to the sky", e sul retro un altro brano dell' album, "Living With You", in una inedita versione "organic mix". "Shifty Adventures..." fu il primo lp in studio in sette anni di John Cale; il disco e' stato inciso in gran parte dal Cale nel proprio studio di Los Angeles e da lui prodotto, con l'eccezione di ''I wanna talk 2 u'', co-prodotto da Danger Mouse; dopo che Cale aveva speso l'anno precedente suonando dal vivo l'intero classico lp ''Paris 1919'', uno dei suoi primi album, questo ''Shifty adventures...'' lo vede cimentarsi con lo stesso approccio eclettico dei suoi primi lavori solisti, mantenendo anche un'attitudine aperta alle sperimentazioni art rock ed aprendosi a sorprendenti influssi electro pop.
Euro
6,00
codice 246139
scheda
Cale john Honi soit
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1981  A&M 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
Prima stampa americana, copertina (realizzata da Andy Warhol) con barcode sul retro in basso e completa di inner sleeve con testi e foto, con piccola sagomatura in alto, etichetta grigio/argento con grande logo ''A & M'' marrone/oro, catalogo SP-4849. Pubblicato in Inghilterra nel marzo del 1981 dopo ''Sabotage'' e prima di ''Music for a new society'', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il nono album. Registrato a New York con Sturgis Nikides, Jim Godwin, Peter Muny, Robert Medici, Prodotto da Mike Thorne. Registrato nel momento clou dell' ascesa del movimento punk/new wave che vide in John Cale una delle sua icone e massimi ispiratori, e' un passo ulteriore nella ricerca sui suoni ruvidi e potenti che aveva prodotto il live "Sabotage/Live". "Honi Soit" e' il primo album di studio in sei anni, piu' eclettico e ''pulito'' del predecessore, e' considerato insieme a "Fear" il piu' estremo ed oscuro lavoro nell' intera discografia di Cale; pochi ne sono i momenti ''accessibili '' al pubblico meno attento, come "Riverbank", "Dead or Alive" e "Magic & Lies", mentre il cuore dell' album e' da ricercarsi negli affreschi oscuri di "Wilson Joliet", "Strange Times in Casablanca", "Russian Roulette". Album tetro e completamente ''on time'', preannuncia in una sorta di bozzetti surreali caleidoscopici ed apocalittici l'avvento della terza guerra mondiale e di una nuova era oscura.
Euro
30,00
codice 103031
scheda
Cale john Honi soit (andy warhol artwork)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1981  A&M 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Prima stampa americana, copertina (realizzata da Andy Warhol) con lievi segni di invecchiamento, con barcode sul retro in basso e completa di inner sleeve con testi e foto, con piccola sagomatura in alto, etichetta grigio/argento con grande logo ''A & M'' marrone/oro, catalogo SP-4849. Pubblicato in Inghilterra nel marzo del 1981 dopo ''Sabotage'' e prima di ''Music for a new society'', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il nono album. Registrato a New York con Sturgis Nikides, Jim Godwin, Peter Muny, Robert Medici, Prodotto da Mike Thorne. Registrato nel momento clou dell' ascesa del movimento punk/new wave che vide in John Cale una delle sua icone e massimi ispiratori, e' un passo ulteriore nella ricerca sui suoni ruvidi e potenti che aveva prodotto il live "Sabotage/Live". "Honi Soit" e' il primo album di studio in sei anni, piu' eclettico e ''pulito'' del predecessore, e' considerato insieme a "Fear" il piu' estremo ed oscuro lavoro nell' intera discografia di Cale; pochi ne sono i momenti ''accessibili '' al pubblico meno attento, come "Riverbank", "Dead or Alive" e "Magic & Lies", mentre il cuore dell' album e' da ricercarsi negli affreschi oscuri di "Wilson Joliet", "Strange Times in Casablanca", "Russian Roulette". Album tetro e completamente ''on time'', preannuncia in una sorta di bozzetti surreali caleidoscopici ed apocalittici l'avvento della terza guerra mondiale e di una nuova era oscura.
Euro
23,00
codice 249965
scheda
Cale john m : fans
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2016  domino 
rock 60-70
doppio album in vinile 180 grammi, adesivo di presentazione sul cellophane, inserto con note e foto, coupon con codice per il download digitale, etichetta "custom" bianca, nera e verde. Uscito nel gennaio del 2016, si tratta di una versione totalmente reincisa e rielaborata di uno dei massimi capolavori dell' artista gallese, l' indimenticabile "Music for a New Society", originariamente uscito nel 1982. Di quell' album sono presenti quasi tutti i brani, totalmente reinventati in una nuova veste elettronica, spesso davvero difficilmente riconoscibili, oltre ad una nuova "Prelude" che ovviamente apre il disco, e a due brani registrati gia' all' epoca nelle stesse sessions di quel disco ma rimaste escluse dalla scaletta originaria: "LIbrary of Force" e "Back To the End".
Euro
30,00
codice 2093856
scheda
Cale john music for a new society
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1982  domino 
rock 60-70
ristampa del gennaio 2016, rimasterizzata ed in vinile 180 grammi, corredata di inserto con note e foto e di codice per il download (che include tre tracce aggiunte), copertina pressoche' identica a quella della prima rara tiratura, uscita su Ze-Island ed in Usa su Ze-Passport. Pubblicato in Inghilterra nell' agosto del 1982 dopo ''Honi soit'' e prima di ''Caribbean sunset'', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il decimo album. Considerato il suo capolavoro del decennio, lontanissimo dai lavori dei '70, e' calato in una atmosfera rarefatta e eterea, con rimandi ai migliori episodi di "Paris 1919" ma anche con un Climax pregno della nuova musica post punk verso la quale l' ex Velvet Underground dimostra un grande interesse. Lavoro assai meno paranoico e rabbioso dei due che lo precedono, e' un' opera spettrale, profonda ed eterea, dominato dalle lunghe note di tastiera e dagli spazi vuoti che riciamano alla memoria i giorni di ''Academy in Peril'', con testi che narrano di vite devastate e di spazi profondi dell' inconscio. Tra i brani le splendide "Taking Your Life in Your Hands", "Sanities", "Thoughtless Kind" e "Damn Life". Lavoro ''diverso'' e carico di momenti riflessivi e meditativi, e' considerato da molta della critica moderna un vero capolavoro ed un album troppo complesso ed ''avanti'' perche' venisse appieno compreso nei primi anni '80.
Euro
27,00
codice 2075602
scheda
Cale john Shifty adventures in nookie wood (+ concert poster)
lp2 [edizione] originale  stereo  eu  2012  double six / electric drone 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
copia ancora incellophanata, con adesivo di presentazione sul cellophane, CORREDATA DI POSTER-LOCANDINA RELATIVO AL CONCERTO DEL 10 MARZO DEL 2007 AD URBINO, l' originale stampa, doppio album in vinile 180 grammi, copertina apribile senza codice a barre, allegato coupon per il download dell'album da internet (non sappiamo se ancora utilizzabile), inserto in carta con testi ed artwork a colori, label custom, catalogo DS047LP, "Guy's ELECTRIC" inciso sul trail off del primo e del terzo lato. Pubblicato nell' ottobre del 2012 dalla Double Six, il 16esimo album solista in studio, uscito dopo ''BlackAcetate'' (2005). Il primo lp in studio in sette anni, il disco e' stato inciso in gran parte dal Cale nel proprio studio di Los Angeles e da lui prodotto, con l'eccezione di ''I wanna talk 2 u'', co-prodotto da Danger Mouse; dopo che Cale aveva speso l'anno precedente suonando dal vivo l'intero classico lp ''Paris 1919'', uno dei suoi primi album, questo ''Shifty adventures...'' lo vede cimentarsi con lo stesso approccio eclettico dei suoi primi lavori solisti, mantenendo anche un'attitudine aperta alle sperimentazioni art rock ed aprendosi a sorprendenti influssi electro pop.
Euro
29,00
codice 2033430
scheda
Cale john slow dazzle
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1975  wax cathedral 
rock 60-70
ristampa del 2015, con copertina pressocche' identica alla prima tiratura su Island. Il sesto album, pubblicato il 25 maggio del 1975, dopo ''Fear'' e prima di ''Helen of Troy'', registrato con Chris Spedding e Phil Manzanera alle chitarre e Brian Eno alle tastiere, e' la seconda parte della trilogia uscita per la Island a meta' degli anni '70, disco forse non tra i capolavori della discografia dell' artista gallese basato per anni a New York (dove aveva militato nella prima e migliore formazione dei Velvet Underground), ma segnato dalla presenza di almeno un brano di straordinaria bellezza; una versione leggendaria, destrutturata e totalmente reinventata, del classico del r'n'roll reso famoso da Presley, ''Heartbreak hotel''.
Euro
25,00
codice 2098362
scheda
Cale john The academy in peril
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1972  4 men with beards 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi, copertina pressocche' identica alla prima rara tiratura su Reprise, apribile "die cut" con "finestre", progettata da Andy Warhol, con disco estraibile dall' interno. Pubblicato nel luglio del 1972 dopo ''Church of Anthrax'' e prima di ''Paris 1919'', non entrato in classifica ne' in America ne' in Uk. Il terzo album, uno dei capolavori assoluti dell' ex Velvet e per molta della critica il suo album migliore in assoluto; un lavoro difficile, vicino alla sperimentazione ed alla musica colta, a base di stralunate composizioni per pianoforte, tastiere, chitarre, archi e rumori che cattura in pieno il lato colto e deviato dei migliori velvet underground. registrato con la Royal Philharmonic Orchestra in due brani, dimostra come in piena era classical/progressiverock si potesse lavorare alla fusione dei due stili anche in maniera diversa rispetto al rock romantico imperante in inghilterra. opera prevalentemente strumentale, l'unico brano cantato e' "King Harry,", da non sottovalutare inoltre i sublimi passaggi di piano solo tra i piu' belli della musica rock del decennio. album dallo sprito orginale e deviato, ancora oggi desta impressione per la tecnica compositiva, la esecuzione ed il coraggio del progetto . curioso il ringraziamento nelle note fatto da Cale a Ron Wood, allora con i Faces, che pero' non suona nell'album.
Euro
36,00
codice 2107976
scheda
Cale john vintage violence (180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1970  columbia 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180grammi, copertina pressoche' identica alla prima tiratura uscita in Usa su Columbia. Pubblicato in Inghilterra nel dicembre del 1970 prima di "Academy In Peril'', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa dove usci' il 25 maggio dello stesso anno, il primo album. John Cale era certamente stato il musicista dei Velvet Underground piu' vicino all' avant-garde ma nonostante questo la sua carriera solista si e' svolta all'insegna dell' erraticita' e della bizzarria, con episodi diversissimi tra di loro che vanno dal pop alla sperimentazione. Questo esordio solo, Vintage Violence, e' capitolo vicino al pop mutante di classe sopraffuina, lontano dalle lancinanti note della viola dei memoria Velvet e vicino invece alla piu' raffinata e sostanziosa tradizione rock Inglese, con arrangiamenti talvolta orchestrali e sognanti ed un clima musicalmente terso e rilassato, tra i brani "Adelaide" e "Cleo," , "Amsterdam," "Big White Cloud." il gruppo che lo accompagna, che compare con il nome di "Penguin" e' formato dai membri della Garland Jeffreys' band, ovvero i Grinder's Switch. I testi sono criptici e letterari, coltissimi e lontani dalla routine della musica rock del periodo, e certamente questo album dimostra come Cale non intendesse vivere di rendita sul suono dei Velvet e fosse perfettamente in grado di creare una nuova e diversa avventura solista che lo avrebbe portato in futuro a allontanarsi anche di moltio dai suoni di questo Vintage Violence.
Euro
29,00
codice 2091978
scheda
Cale john words for the dying
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1989  Opal/Warner Bros 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
prima rara stampa americana, copia promozionale con timbro dorato promozionale sul fronte in basso, copertina con barcode, completa di inner sleeve, etichetta con sfondo color senape e nome dell' artista in rosso, catalogo 9 26024-1 sulla copertina e 1-26024 sull' etichetta, vinile che se posto in controluce assume una colorazione verde-marrone. Pubblicato nell' ottobre del 1989 dopo ''Artificial Intelligence'' e prima di ''Paris S'eville D'autres Compositions'', non entrato nelle classifiche Usa ne' in quelle Uk. Il quattordicesimo album. Prodotto da Brian Eno (autore anche delle musiche del brano "The Soul Of Carmen Miranda" di cui co-scrive con Cale il testo), e' un lavoro basato sulla notevole "The Falklands Suite", in cui John Cale utiliza la poetica di Dylan Thomas per dare conto della guerra delle Falkland; e' diviso in sei parti piu' una introduzione, con arrangiamenti classicheggianti a cura della ''Orchestra of Symphonic and Popular Music of Gosteleradio, USSR'' e del ''Choir of Llandaff Cathedral Choir School''. Un lavoro ambizioso, lontanissimo dal pop e dal rock, come gia' lo storico capolavoro "Academy in Peril". Gallese di nascita, John Cale studio' musica classica ed elettronica a Londra e composizione moderna nel Massachussetts. In America entro' in contatto con il maestro d' avanguardia La Monte Young, e con lui e Tony Conrad incise, suonandovi la viola, un album stampato in sole 98 copie. L' incontro con Lou Reed risale all' anno successivo: fu con lui nei Velvet Underground fino al '68, mettendo a frutto le esperienze maturate in ambiti normalmente lontani dal mondo del rock, ed altrettanto fece nella sua, pur discontinua, carriera solista, caratterizzata da un eclettismo che ha pochi eguali. Almeno altrettanto importante Cale e' stato inoltre come produttore eo collaboratore tra gli altri, di Nico, Earth Opera, Stooges, Nick Drake, Modern Lovers, Patti Smith, Brian Eno.
Euro
30,00
codice 108719
scheda
Cale john words for the dying
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1989  Opal/Warner Bros 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima rara stampa americana, copertina con barcode sul retro, completa di inner sleeve, etichetta con sfondo color senape e nome dell' artista in rosso, catalogo 9 26024-1 sulla copertina e 1-26024 sull' etichetta. Pubblicato nell' ottobre del 1989 dopo ''Artificial Intelligence'' e prima di ''Paris S'eville D'autres Compositions'', non entrato nelle classifiche Usa ne' in quelle Uk. Il quattordicesimo album. Prodotto da Brian Eno (autore anche delle musiche del brano "The Soul Of Carmen Miranda" di cui co-scrive con Cale il testo), e' un lavoro basato sulla notevole "The Falklands Suite", in cui John Cale utiliza la poetica di Dylan Thomas per dare conto della guerra delle Falkland; e' diviso in sei parti piu' una introduzione, con arrangiamenti classicheggianti a cura della ''Orchestra of Symphonic and Popular Music of Gosteleradio, USSR'' e del ''Choir of Llandaff Cathedral Choir School''. Un lavoro ambizioso, lontanissimo dal pop e dal rock, come gia' lo storico capolavoro "Academy in Peril". Gallese di nascita, John Cale studio' musica classica ed elettronica a Londra e composizione moderna nel Massachussetts. In America entro' in contatto con il maestro d' avanguardia La Monte Young, e con lui e Tony Conrad incise, suonandovi la viola, un album stampato in sole 98 copie. L' incontro con Lou Reed risale all' anno successivo: fu con lui nei Velvet Underground fino al '68, mettendo a frutto le esperienze maturate in ambiti normalmente lontani dal mondo del rock, ed altrettanto fece nella sua, pur discontinua, carriera solista, caratterizzata da un eclettismo che ha pochi eguali. Almeno altrettanto importante Cale e' stato inoltre come produttore eo collaboratore tra gli altri, di Nico, Earth Opera, Stooges, Nick Drake, Modern Lovers, Patti Smith, Brian Eno.
Euro
25,00
codice 50043
scheda
Cale john words for the dying
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1989  land records 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima rara stampa inglese, con inner sleeve con testi, note e foto, etichetta bianca con scritte nere, catalogo LAND09. Pubblicato nell' ottobre del 1989 dopo ''Artificial Intelligence'' e prima di ''Paris S'eville D'autres Compositions'', non entrato nelle classifiche Usa ne' in quelle Uk. Il quattordicesimo album. Prodotto da Brian Eno, e' un lavoro basato sulla notevole "The Falklands Suite," in cui John Cale utiliza la poetica di Dylan Thomas per dare conto della guerra delle Falkland; e' diviso in sei parti piu' una introduzione, con arrangiamenti classicheggianti a cura della ''Orchestra of Symphonic and Popular Music of Gosteleradio, USSR'' e del ''Choir of Llandaff Cathedral Choir School''. Lavoro ambizioso, lontanissimo dal pop e dal rock, come gia' lo storico capolavoro "Academy in Peril", vede nel brano finale, "The Soul of Carmen Miranda", all' opera Brian Eno e Neil Catchpole. Gallese di nascita, John Cale studio' musica classica ed elettronica a Londra e composizione moderna nel Massachussetts. In America entro' in contatto con il maestro d' avanguardia La Monte Young, e con lui e Tony Conrad incise, suonandovi la viola, un album stampato in sole 98 copie. L' incontro con Lou Reed risale all' anno successivo: fu con lui nei Velvet Underground fino al '68, mettendo a frutto le esperienze maturate in ambiti normalmente lontani dal mondo del rock, ed altrettanto fece nella sua, pur discontinua, carriera solista, caratterizzata da un eclettismo che ha pochi eguali. Almeno altrettanto importante Cale e' stato inoltre come produttore e\o collaboratore tra gli altri, di Nico, Earth Opera, Stooges, Nick Drake, Modern Lovers, Patti Smith, Brian Eno.
Euro
26,00
codice 224205
scheda
Cale john / riley terry church of anthrax
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  uk  1971  cbs 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
seconda stampa inglese della meta' degli anni '70, etichetta arancio e gialla a sfumare, con "Made in England" in basso, frecce a sinistra e catalogo S64259. Pubblicato nel febbraio del 1971 dopo ''Vintage violence'' (1970) e prima di ''Academy in Peril'' (1972), non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il secondo album di John Cale, qui in collaborazione con Terry Riley. Capitolo a se' stante nella discografia dell' ex Velvet Underground, ebbe dei riscontri di critica assai contrastanti; composto e suonato con il maestro della nuova avanguardia minimalista elettronica, uscito originariamente nel 1971, ma registrato alla fine degli anni '60, si tratta di un album che riprende appieno il lato piu' oscuro e sperimentale dei Velvet Underground con una fusione tra musica contemporanea, sperimentazione e progressive minimalista che restera' un punto fermo per decenni, e che qui' vede i suoi frutti migliori nei due brani della prima facciata, la spigolosa ed ossessiva "Church of Antrax" e la autunnale e sognante "The Hall of Mirrors in the Palace At Versailles". Registrato dai soli John cale e Terry Riley, include cinque brani, tutti strumentali tranne la bella e delicata ballata "The Soul Of Patrick Lee" che apre la seconda facciata. Gallese di nascita, John Cale studio' musica classica ed elettronica a Londra e composizione moderna nel Massachussetts. In America entro' in contatto con il maestro d' avanguardia La Monte Young, e con lui e Tony Conrad incise, suonandovi la viola, un album stampato in sole 98 copie. L' incontro con Lou Reed risale all' anno successivo: fu con lui nei Velvet Underground fino al '68, mettendo a frutto le esperienze maturate in ambiti normalmente lontani dal mondo del rock, ed altrettanto fece nella sua, pur discontinua, carriera solista, caratterizzata da un eclettismo che ha pochi eguali. Almeno altrettanto importante Cale e' stato inoltre come produttore eo collaboratore tra gli altri, di Nico, Earth Opera, Stooges, Nick Drake, Modern Lovers, Patti Smith, Brian Eno.
Euro
28,00
codice 251763
scheda
Cale john / riley terry church of anthrax
Lp [edizione] ristampa  stereo  usa  1971  columbia 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
ristampa degli anni 2000, copertina lucida senza barcode, pressoche' identica alla prima rara tiratura uscita in Usa su Columbia, etichetta rossa con logo bianco in alto. Pubblicato nel febbraio del 1971 dopo ''Vintage violence'' (1970) e prima di ''Academy in Peril'' (1972), non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il secondo album di John Cale, qui in collaborazione con Terry Riley. Capitolo a se' stante nella discografia dell' ex Velvet Underground, ebbe dei riscontri di critica assai contrastanti; composto e suonato con il maestro della nuova avanguardia minimalista elettronica, uscito originariamente nel 1971, ma registrato alla fine degli anni '60, si tratta di un album che riprende appieno il lato piu' oscuro e sperimentale dei Velvet Underground con una fusione tra musica contemporanea, sperimentazione e progressive minimalista che restera' un punto fermo per decenni, e che qui' vede i suoi frutti migliori nei due brani della prima facciata, la spigolosa ed ossessiva "Church of Antrax" e la autunnale e sognante "The Hall of Mirrors in the Palace At Versailles". Registrato dai soli John cale e Terry Riley, include cinque brani, tutti strumentali tranne la bella e delicata ballata "The Soul Of Patrick Lee" che apre la seconda facciata. Gallese di nascita, John Cale studio' musica classica ed elettronica a Londra e composizione moderna nel Massachussetts. In America entro' in contatto con il maestro d' avanguardia La Monte Young, e con lui e Tony Conrad incise, suonandovi la viola, un album stampato in sole 98 copie. L' incontro con Lou Reed risale all' anno successivo: fu con lui nei Velvet Underground fino al '68, mettendo a frutto le esperienze maturate in ambiti normalmente lontani dal mondo del rock, ed altrettanto fece nella sua, pur discontinua, carriera solista, caratterizzata da un eclettismo che ha pochi eguali. Almeno altrettanto importante Cale e' stato inoltre come produttore eo collaboratore tra gli altri, di Nico, Earth Opera, Stooges, Nick Drake, Modern Lovers, Patti Smith, Brian Eno.
Euro
18,00
codice 246529
scheda
Cale john / riley terry church of anthrax
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  uk  1971  cbs 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
seconda stampa inglese della meta' degli anni '70, etichetta arancio e gialla a sfumare, con "Made in England" in basso, frecce a sinistra e catalogo S64259. Pubblicato nel febbraio del 1971 dopo ''Vintage violence'' (1970) e prima di ''Academy in Peril'' (1972), non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il secondo album di John Cale, qui in collaborazione con Terry Riley. Capitolo a se' stante nella discografia dell' ex Velvet Underground, ebbe dei riscontri di critica assai contrastanti; composto e suonato con il maestro della nuova avanguardia minimalista elettronica, uscito originariamente nel 1971, ma registrato alla fine degli anni '60, si tratta di un album che riprende appieno il lato piu' oscuro e sperimentale dei Velvet Underground con una fusione tra musica contemporanea, sperimentazione e progressive minimalista che restera' un punto fermo per decenni, e che qui' vede i suoi frutti migliori nei due brani della prima facciata, la spigolosa ed ossessiva "Church of Antrax" e la autunnale e sognante "The Hall of Mirrors in the Palace At Versailles". Registrato dai soli John cale e Terry Riley, include cinque brani, tutti strumentali tranne la bella e delicata ballata "The Soul Of Patrick Lee" che apre la seconda facciata. Gallese di nascita, John Cale studio' musica classica ed elettronica a Londra e composizione moderna nel Massachussetts. In America entro' in contatto con il maestro d' avanguardia La Monte Young, e con lui e Tony Conrad incise, suonandovi la viola, un album stampato in sole 98 copie. L' incontro con Lou Reed risale all' anno successivo: fu con lui nei Velvet Underground fino al '68, mettendo a frutto le esperienze maturate in ambiti normalmente lontani dal mondo del rock, ed altrettanto fece nella sua, pur discontinua, carriera solista, caratterizzata da un eclettismo che ha pochi eguali. Almeno altrettanto importante Cale e' stato inoltre come produttore eo collaboratore tra gli altri, di Nico, Earth Opera, Stooges, Nick Drake, Modern Lovers, Patti Smith, Brian Eno.
Euro
28,00
codice 246258
scheda
Cale john / riley terry church of anthrax
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1971  columbia 
rock 60-70
ristampa limitata in vinile 180 grammi, pressocche' identica alla prima rara tiratura uscita in Usa su Columbia, coeprtina lucida, etichetta rossa con logos arancioni lungo la circonferenza. Pubblicato nel febbraio del 1971 dopo ''Vintage violence'' (1970) e prima di ''Academy in Peril'' (1972), non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il secondo album di John Cale, qui in collaborazione con Terry Riley. Capitolo a se' stante nella discografia dell' ex Velvet Underground, ebbe dei riscontri di critica assai contrastanti; composto e suonato con il maestro della nuova avanguardia minimalista elettronica, uscito originariamente nel 1971, ma registrato alla fine degli anni '60, si tratta di un album che riprende appieno il lato piu' oscuro e sperimentale dei Velvet Underground con una fusione tra musica contemporanea, sperimentazione e progressive minimalista che restera' un punto fermo per decenni, e che qui' vede i suoi frutti migliori nei due brani della prima facciata, la spigolosa ed ossessiva "Church of Antrax" e la autunnale e sognante "The Hall of Mirrors in the Palace At Versailles". Registrato dai soli John cale e Terry Riley, include cinque brani, tutti strumentali tranne la bella e delicata ballata "The Soul Of Patrick Lee" che apre la seconda facciata. Gallese di nascita, John Cale studio' musica classica ed elettronica a Londra e composizione moderna nel Massachussetts. In America entro' in contatto con il maestro d' avanguardia La Monte Young, e con lui e Tony Conrad incise, suonandovi la viola, un album stampato in sole 98 copie. L' incontro con Lou Reed risale all' anno successivo: fu con lui nei Velvet Underground fino al '68, mettendo a frutto le esperienze maturate in ambiti normalmente lontani dal mondo del rock, ed altrettanto fece nella sua, pur discontinua, carriera solista, caratterizzata da un eclettismo che ha pochi eguali. Almeno altrettanto importante Cale e' stato inoltre come produttore eo collaboratore tra gli altri, di Nico, Earth Opera, Stooges, Nick Drake, Modern Lovers, Patti Smith, Brian Eno.
Euro
26,00
codice 2062505
scheda
Campbell john Howlin mercy
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1993  music on vinyl 
blues rnr coun
Ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, pressoche' identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1993 dalla Elektra in Gran Bretagna e negli USA, dove non entro' in classifica, il terzo ed ultimo album di John Campbell, successivo a ''One believer'' (1991). Acclamato lavoro che avrebbe meritato piu' successo presso il pubblico, ''Howlin mercy'' e' un disco ancor piu' ombroso e potente rispetto al suo predecessore e segna forse il vertice della troppo ristretta produzione discografica di Campbell. La sua voce potente e graffiante, il cui timbro evoca l'immagine un grosso rospo in qualche palude del Sud come gia' fecero quelle di alcuni vecchi e grandi bluesmen afroamericani, ed il suo eccellente stile chitarristico (bravo anche con la slide), potente e vicino allo hard rock ma saldamente radicato nel blues elettrico (si ascolti la buona e verace cover di ''When the levee breaks'' dei Led Zeppelin), contribuiscono a rendere la musica di questo lp una riuscita opera di vivificazione di un genere musicale gia' venerabile e ''vecchio'' nei primi anni '90 come il blues, senza snaturarlo ne' renderlo banalmente commerciale. Un peccato che ''Howlin mercy'' sia divenuto precoce epitaffio per questo talentuoso alfiere del blues. Originario di Shreveport in Louisiana, John Campbell (1952-1993) fu un chitarrista, cantante e compositore blues bianco, attivo soprattutto negli anni '80 e nei primi '90, ed influenzato da Ligthnin' Hopkins. Alcuni critici hanno paragonato la sua importanza per la diffusione del blues nei primi anni '90 a quella avuta nel decennio precedente da un mostro sacro come Steve Ray Vaughan; sia la sua voce che la sua chitarra esprimevano grande potenza e carisma, ma la sua carriera e la sua vita ebbero prematuramente termine a causa di una salute fragile. Dopo aver suonato in Texas ed in Louisiana, si stabili' nel 1985 a New York, attraendo un seguito entusiasta e pubblico' il suo primo album ''A man and his blues'' nel 1988; la label Elektra si interesso' a lui e pubblico' i suoi due successivi lp, ''One believer'' (1991) e ''Howlin mercy'' (1993).
Euro
29,00
codice 2107125
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  can  1981  cmdc 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia ancora parzialmente incellophanata, prima rara stampa, pressata solo in Canada, ma non uno degli esemplari numerati ed autografati da Young (è presente il riquadro bianco con la scritta "limited edition" sul fronte copertina in alto a sinistra, ma in questo esemplare è privo di numerazione e di autografo, al contrario delle prime 441 copie), copertina senza barcode, label nera con scritte argento, catalgoo SC7811. Accreditato a John Paul Young And Cardboard Brains, pubblicato nel 1982 dalla CMDC solo in Canada, questo album contiene registrazioni dal vivo effettuate il 26 aprile del 1981 da John Paul Young (voce, Minimoog), insieme ad una configurazione dei Cardboard Brains, la band di cui egli era il cantante, composta da un altro membro originario, Vincent Carlucci (chitarra, ARP Odyssey), e da Donald Dingwall (Polymoog, voce), Rey Rattan (percussioni) e Rob Ross (basso). Young, da non confondere con l'omonimo cantante scozzese-australiano, aveva già pubblicato un album solista, "The life of ermie scub" (1980). Questo "Live at the edge" contiene performances di brani sia del suo album solista che dei pochi rari dischi pubblicati sul finire degli anni '70 dai Carboard Brains, il tutto interpretato con un approccio molto originale, sospeso fra post punk spigoloso, nervoso e dai toni dark ma non goticheggianti, e fra un bizzarro garage postmoderno, sottilmente psichedelico ma per niente derivativo, che richiama in spirito i Seeds ed i ? Mark & the Mysterians con il suo groove circolare ed il sound tastieristico che in alcuni episodi richiama un tagliente organo sixties, ma con un approccio per l'appunto futuristico. Questa la scaletta: "And so I hide", "Have you seen the boy in the gutter with the broken mind?", "Is what why?", "Summertime!", "The monster in ed", "Babies run my world", "Jungles", "Caesa drives a fast car", "Ermie has feelers". Questa storica band di Toronto, Canada, fu autrice di un paio di ep (rispettivamente nel 1977 e nel 1979), fino all'abbandono del cantante e tastierista John Paul Young intorno al 1980 (impegnato anche in progetti solisti); successivamente il gruppo si riformo' brevemente per un concerto effettuato nell'aprile del 1981, documentato poi nel loro unico album ''Live at the edge'' (1982), quindi si sciolsero definitivamente, salvo qualche estemporanea riunione per dare concerti. Il bassista Patrick Gregory entrò in seguito nei Woods Are Full Of Cuckoos e nei Lawn, mentre il chitarrista Vincent Carlucci formo' gli Station Twang insieme a Carl Tafel dei Terraced Garden.
Euro
35,00
codice 331393
scheda
Carpenter john (soundtrack) Dark star ost (+bonus 7")
LP+7" [edizione] nuovo  stereo  eu  1974  we realease whatever the fuck we want 
soundtracks
Edizione limitata a 500 copie, con inner sleeve, con bonus 7'' in vinile rosso. Ristampa del 2016 ad opera della We Release Whatever The Fuck We Want, con copertina esclusiva ed un bonus 7'' contenente ben otto brani (''When twilight falls on NGC 891'' a nome Martin Segundo and the Scintilla Strings, ''Doolittle's solo (remake)'', a nome Alan Howarth, ''Loop 1'', ''Loop 2'', ''Benson arizona (remake)'' a nome Dominik Hauser, ''Loop 3'', ''Loop 4''). Originariamente pubblicata nel 1980 dalla Citadel negli USA, la colonna sonora del cult movie di fantascienza ''Dark star'' (1974), diretto da John Carpenter; questi fu anche l'autore delle musiche, come sarebbe accaduto anche per opere successive quali ''Assault on precint 13'', ''The fog'' e ''Halloween''. Sonorita' completamente elettroniche e minimali e parti vocali narrate sono il principale contenuto di questo disco, che offre solo due lunghe tracce di venticinque minuti ciascuna, ''Music, sound effects and dialogue excerpts part 1'' e ''Music, sound effects and dialogue excerpts part 1''.
Euro
29,00
codice 2111436
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2014  sacred bones 
soundtracks
Adesivo di presentazione del disco sul cellophane, copertina apribile senza codice a barre, allegato coupon per il download dell'album da internet, inserto formato lp con note, label nera e argento, catalogo SBR123LP. Pubblicato nel gennaio del 2015 dalla Sacred Bones negli USA, ''The lost themes'' e' promosso come l'album di debutto del regista John Carpenter; in verita' egli e' uno stimato compositore di musiche oltreche' regista, in quanto le notevoli colonne sonore di molti dei suoi film sono opera sua, talora in collaborazione con altri artisti, ad esempio Alan Howarth. ''The lost themes'' contiene nuovo materiale composto e suonato da Carpenter insieme a Cody Carpenter e Daniel Davies, seguendo l'approccio elettronico minimalista e le atmosfere cariche di ansia e di tensione che contraddistinguono le musiche dei suoi film. Gli appassionati delle opere del regista non mancheranno di apprezzare le affinita' di questi brani con le diverse sfaccettature delle classiche colonne sonore carpenteriane, dai ripetitivi e cupi motivi di sintetizzatore, alle potenti bordate che richiamano le musiche di film come ''Vampires'' ed alle intricate partiture di tastiere vicine a quelle di ''Halloween''. Questa la scaletta: ''Vortex'', ''Obsidian'', ''Fallen'', ''Domain'', ''Mystery'', ''Abyss'', ''Wraith'', ''Purgatory'', ''Night''.
Euro
29,00
codice 2106335
scheda
Carpenter john (soundtrack) Lost themes 2 (blue)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2016  sacred bones 
soundtracks
Ristampa del 2021, edizione limitata in vinile blu ("blue smoke vinyl"), copertina ''die cut'' con sagomature centrali sul fronte, allegato codice per il download dell'album da internet (con una traccia in piu') inner sleeve con artwork, catalogo SBR150. Pubblicato nel 2016 dalla Sacred Bones negli USA, ''The lost themes II'' segue quello che fu promosso come l'album di debutto del regista John Carpenter, ''The lost themes'', uscito nel 2015; in verita' egli e' uno stimato compositore di musiche oltreche' regista, in quanto le notevoli colonne sonore di molti dei suoi film sono opera sua, talora in collaborazione con altri artisti, ad esempio Alan Howarth. ''The lost themes II'' contiene nuovo materiale composto e suonato da Carpenter insieme a Cody Carpenter e Daniel Davies, seguendo l'approccio elettronico minimalista e le atmosfere cariche di ansia e di tensione che contraddistinguono le musiche dei suoi film. Gli appassionati delle opere del regista non mancheranno di apprezzare le affinita' di questi brani con le diverse sfaccettature delle classiche colonne sonore carpenteriane, dai ripetitivi e cupi motivi di sintetizzatore, alle potenti bordate che richiamano le musiche di film come ''Vampires'' ed alle intricate partiture di tastiere vicine a quelle di ''Halloween''. Questa la scaletta: ''Distante dream'', ''White pulse'', ''Persia rising'', ''Angel's asylum'', ''Hofner dawn'', ''Windy death'', ''Dark blues'', ''Virtual survivor'', ''Bela lugosi'', ''Last sunrise'', ''Utopian facade''.
Euro
29,00
codice 2101798
scheda
Carpenter john (soundtrack) Lost themes 2 (white / red swirl)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  2016  sacred bones 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Excellent soundtracks
Copia ancora incellophanata, ma con lievi segni di invecchiamento sul vinile, adesivo di presentazione sul cellophane, la prima ormai rara stampa, nella versione in vinile bianco con striatura rosso/rosa, copertina ''die cut'' con sagomature centrali sul fronte, inner sleeve con artwork, etichetta nera e boanca, catalogo SBR150. Pubblicato nel 2016 dalla Sacred Bones negli USA, ''The lost themes II'' segue quello che fu promosso come l'album di debutto del regista John Carpenter, ''The lost themes'', uscito nel 2015, prima del terzo "Lost themes 3: alive after death" (2021); in verita' egli e' uno stimato compositore di musiche oltreche' regista, in quanto le notevoli colonne sonore di molti dei suoi film sono opera sua, talora in collaborazione con altri artisti, ad esempio Alan Howarth. ''The lost themes II'' contiene nuovo materiale composto e suonato da Carpenter insieme a Cody Carpenter e Daniel Davies, seguendo l'approccio elettronico minimalista e le atmosfere cariche di ansia e di tensione che contraddistinguono le musiche dei suoi film. Gli appassionati delle opere del regista non mancheranno di apprezzare le affinita' di questi brani con le diverse sfaccettature delle classiche colonne sonore carpenteriane, dai ripetitivi e cupi motivi di sintetizzatore, alle potenti bordate che richiamano le musiche di film come ''Vampires'' ed alle intricate partiture di tastiere vicine a quelle di ''Halloween''. Questa la scaletta: ''Distante dream'', ''White pulse'', ''Persia rising'', ''Angel's asylum'', ''Hofner dawn'', ''Windy death'', ''Dark blues'', ''Virtual survivor'', ''Bela lugosi'', ''Last sunrise'', ''Utopian facade''.
Euro
26,00
codice 252212
scheda

Page: 3 of 24


Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Santana and john mclaughlin":
mclaughlin john - 

altri autori contnenti le parole cercate: