Hai cercato:  Baker chet, bill evans --- Titoli trovati: : 0
cercando tra gli autori separatamente le parole:  Baker chet, bill evans --- Titoli trovati:  190
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Bonnie prince billy the letting go
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2006  drag city 
indie 2000
Inner a colori, inserto piegato in due con foto e testi, copertina ruvida senza codice a barre, etichette custom con disegni a colori. Pubblicato nel Settembre del 2006, uscito dopo l'album di studio 'superwolf' (scritto a quattro mani con Matt Sweeney) ed il live 'summer in the southeast'. Registrato a Reykjavik in Islanda, con il produttore Valgeir Sigurosson, vede Will Oldham accompagnato da Emmett Kelly alla chitarra, Dawn McCartney dei Faun Fable alla voce, Paul Oldham al basso e Jim White alla batteria. Intrigante come sempre, la musica di Oldham si arricchisce nelle armonie vocali anche grazie alla bella voce di Dawn McCartney, contribuendo ad amplificare il clima fatalista e struggente che permea i brani stile gothic-folk americana. Bonnie 'Prince' Billy e' uno degli pseudonimi usati da Will Oldham, cantautore di Louiseville, Kentucky, tra i principali esponenti del movimento lo-fi, alternative country, caratterizzato da un songwriting di tipo malinconico e oscuro e da brani lenti e atmosferici. Divenuto il suo principale moniker dalla fine degli anni '90 in poi, e' un progetto che lo vede orientato verso morbide e calde sonorita' elettrico acustiche, nella riscoperta, almeno nelle atmosfere e nello stile, della tradizione folk americana, una maturazione stilistica rispetto ad altre realizzazioni uscite a nome proprio, o come Palace o Palace Brothers, che presentavano un autore, senza dubbio originale, ostico, strambo e fuori dagli schemi. Riferimenti a Low, Neil Young, Smog.
Euro
26,00
codice 2121529
scheda
Bonnie prince billy Wolf of the cosmos
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  domino 
indie 2000
copertina cartonata con retro con foglio incollato, inserto testi, etichette custom. "Wolf of the Cosmos", giaà pubblicato nel 2017 negli Stati Uniti, viene pubblicato tramite Domino in Europa nell'aprile 2018. Il lavoro è un disco di cover in omaggio di "Sonata Mix Dwarf Cosmos" di Susanna & The Magical Orchestra, disco di intime ballate uscito su Rune Grammofon nel 2007. Bonnie Prince Billy risuona, canta tutto l'album : le canzoni, che in origine erano jazzate, diventano splendidi brani folk. Bonnie 'Prince' Billy è uno degli pseudonimi usati da Will Oldham, cantautore di Louiseville, Kentucky, tra i principali esponenti del movimento lo-fi, alternative country, caratterizzato da un songwriting di tipo malinconico e oscuro e da brani lenti e atmosferici. Divenuto il suo principale monicker dalla fine degli anni '90 in poi, è un progetto che lo vede orientato verso morbide e calde sonorità elettrico acustiche, nella riscoperta, almeno nelle atmosfere e nello stile, della tradizione folk americana, una maturazione stilistica rispetto ad altre realizzazioni uscite a nome proprio, o come Palace o Palace Brothers, che presentavano un autore, senza dubbio originale, ostico, strambo e fuori dagli schemi.
Euro
28,00
codice 2076604
scheda
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  37 Rec. 
indie 90
doppio vinile inciso su tre lati. copertina apribile. Album collaborativo tra Bonnie prince billy, il cantante dei National Bryce Dessner e l'ensemble di musica contemporanea Eight Blackbird. note a seguire ***clicca sul nome dell'autore per ascoltare brani da youtube****
Euro
32,00
codice 2089901
scheda
Bragg billy Best of Billy Bragg At the Bbc 1983 - 2019 (3lp)
lp3 [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  cooking vinyl / bbc 
punk new wave
Triplo album, in vinile 180 grammi, adesivo di presentazione sul cellophane, download card con codice per il download digitale, inner sleeves. Pubblicato nel novembre del 2019, contiene ben 38 brani registrati tra il 1983 ed il 2019 negli studi radiofonici della BBC in glese o anche durante eventi dal vivo, trasmessi anche quelli dalla BBC. Solo alcuni di questi brani sono stati gia' pubblicati ufficialmente. Questa la lista completa dei brani: A1 A New England A2 Fear Is A Man's Best Friend A3 Love Gets Dangerous (John Peel Session - Maida Vale 4, 27th July 1983) A4 Like Soldiers Do A5 The Man In The Iron Mask A6 The Saturday Boy (David Jensen Session - Studio 4, 22nd December 1983) A7 A Lover Sings B1 Between The Wars (John Peel Session - Maida Vale 5, 18th September 1984) B2 A13, Trunk Road To The Sea (Saturday Live - Live Studio 2, 13th October 1984) B3 There Is Power In The Union B4 Days Like These (John Peel Session - Maida Vale 5, 20th August 1985) B5 Scholarship Is The Enemy Of Romance (Janice Long Live - Studio 2, 18th December 1985) B6 Greetings To The New Brunette B7 Ideology B8 The Warmest Room (John Peel Session - Maida Vale 5, 2nd September 1986 ) C1 She's Got A New Spell C2 Valentine's Day Is Over C3 The Short Answer C4 Rotting On Remand (John Peel Session - Maida Vale 4, 30th August 1988) C5 The Few D1 Accident Waiting To Happen D2 Tank Park Salute (John Peel Session - Maida Vale 3, 12th May 1991) D3 Brickbat D4 The Gulf Between Us (John Peel Session - 13th October 1995) D5 Goal Hanger D6 The Boy Done Good E1 From Red To Blue (John Peel Divas Bar Live - 1st May 1997) E2 The Busy Girl Buys Beauty E3 It Says Here (Janice Long live - Paris Theatre, October 1999) E4 Lonesome Traveller (John Peel Session - 8th December 2004) E5 Goodbye, Goodbye (Phill Jupitus Live - 30th March 2007) E6 Way Over Yonder In The Minor Key (Bob Harris Live - 6th May 2012) E7 No-One Knows Nothing Anymore (Latitude Festival Live - 18th July 2014) F1 Levi Stubb's Tears (Glastonbury Festival Live - 26th June 2015) F2 Why We Build The Wall (Tom Robinson Live - Buxton Opera House, 21st January 2017) F3 I Ain't Got No House (Radio 2 Folk Awards Live - 5th April 2017) F4 The Space Race Is Over F5 St. Swithin's Day (Tom Robinson Now Playing 'Billy Bragg' Takeover - 14th July 2019). Cantautore inglese ispirato dal punk come dal folk di protesta di autori quali Woody Guthrie, Billy Bragg muove i primi passi nel gruppo punk Riff Raff alla fine degli anni '70, per poi intraprendere un'attivita' solista nel decennio successivo, quando diventa popolare in Gran Bretagna con le sue canzoni che trattano con spirito critico ed ironia, ma anche umanita', temi politici, sociali e sentimentali. Politicamente molto attivo ed avverso al conservatorismo della Tatcher, Bragg ha spesso coniugato la sua attivita' musicale con quella politica. Fra i suoi album, citiamo il primo ''Brewing up with Billy Bragg'' (1984), ''Talking with the taxman about poetry'' (1986) e ''Don't try this at home'' (1991); successivamente si avvale del contributo di una backing band, rendendo la sua musica leggermente piu' elettrica, come gli Wilco alla fine degli anni '90 e successivamente i suoi Blokes.
Euro
38,00
codice 3023310
scheda
Bragg billy Don't try this at home
12"x2 [edizione] originale  stereo  ger  1991  go! discs 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
Prima rara stampa europea, pressata in Germania, del doppio album (due vinili che girano a 45 giri, per un totale di 16 brani), copertina (in perfette condizioni se non per un piccolo strappetto di circa 1 cm. lungo il bordo destrao, sul fronte) lucida fronte retro con barcode, inner sleeve in carta liscia con testi e disegni in bianco e nero, label custom di colore diverso su ciascuna delle quattro facciate (rispettivamente blu, rosa, viola ed arancio) disegni in bianco sullo sfondo e scritte nere, catalogo 828 283/4 sulla label e 828 279 sulla copertina e sulla costola. Pubblicato nel settembre del 1991 dalla Go! Discs in Gran Bretagna, dove giunse all'ottavo posto in classifica, e dalla Elektra negli USA, dove non enro' in classifica, ''Don't try this at home'' e' il quarto album di Billy Bragg, uscito dopo ''Worker's playtime'' (1988) e prima di ''William Bloke'' (1996), ed e' considerato da molti il suo capolavoro insieme al secondo "Talking With A Taxman About Poetry". Il cantautore inglese si avvale qui di una schiera di ospiti e collaboratori per rimpolpare il proprio sound in chiave rock, fra i quali compaiono Michael Stipe e Peter Buck dei R.E.M., Kirsty MacColl e Johnny Marr ex Smiths (che aiuta nella produzione di un paio di brani). La musica resta comunque incentrata sulla voce e sui testi di Bragg, complessivamente meno taglienti rispetto ai lavori precedenti e piu' contemplativi, incentrati su temi riguardanti le relazioni sentimentali ma inevitabilmente anche politici e storici (''Everywhere'', ad esempio, contiene riferimenti alla condizione di segregazione subita negli USA dai cittadini americani di origini giapponesi durante la seconda guerra mondiale). Cantautore inglese ispirato dal punk come dal folk di protesta di autori quali Woody Guthrie, Billy Bragg muove i primi passi nel gruppo punk Riff Raff alla fine degli anni '70, per poi intraprendere un'attivita' solista nel decennio successivo, quando diventa popolare in Gran Bretagna con le sue canzoni che trattano con spirito critico ed ironia, ma anche umanita', temi politici, sociali e sentimentali. Politicamente molto attivo ed avverso al conservatorismo della Tatcher, Bragg ha spesso coniugato la sua attivita' musicale con quella politica. Fra i suoi album, citiamo il primo ''Brewing up with Billy Bragg'' (1984), ''Talking with the taxman about poetry'' (1986) e ''Don't try this at home'' (1991); successivamente si avvale del contributo di una backing band, rendendo la sua musica leggermente piu' elettrica, come gli Wilco alla fine degli anni '90 e successivamente i suoi Blokes.
Euro
28,00
codice 253766
scheda
Bragg billy Life's a riot with spy to spy +live (rsd 2022)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1983  cooking vinyl 
punk new wave
edizione per il record store day 2022 in vinile arancio, Titolo completo "Life's a riot with spy vs spy"; ristampa del 2013 in vinile 180 grammi, rimasterizzata, realizzata in occasione del trentennale dall' uscita originaria del disco, con i sette brani dell' originario minialbum sul primo lato e sul secondo gli stessi brani registrati in una bellissima esecuzione live il 5 giugno del 2013 all' Union Chapel di Londra, corredata di inner sleeve e di coupon con codice per scaricare il disco in formato mp3. Il bellissimo primo mini album del "combat folksinger" inglese, gia' autore di una manciata di singoli in piena era punk con i Riff Raff. Registrato in perfetta solitudine con chitarra e voce soltanto, e pubblicato nel giugno del 1983 dalla Go! Discs, rivelo' al mondo il talento e la personalita' straordinari di uno dei personaggi principali di tutta la scena inglese degli anni '80 ed oltre, capace di far rivivere le emozioni della musica dei primi Clash nei suoi pezzi piu' "incazzati" ed impegnati, ma anche di infinita delicatezza quando lascia spazio alla poesia ed ai sentimenti. "A new England" e "The man in the iron mask" spiccano tra i sette brani del disco, che giunse sorprendentemente al 30esimo posto della classifica inglese, e rimarranno infatti tra i suoi classici. Un anno dopo sara' la volta dell' album d'esordio "Brewing Up With Billy Bragg", che allarghera' ulteriormente la fama dell' artista fino al successo del magnifico capolavoro "Talking With the Taxman About Poetry", del 1986. Cantautore inglese ispirato dal punk come dal folk di protesta di autori quali Woody Guthrie, Billy Bragg muove i primi passi nel gruppo punk Riff Raff alla fine degli anni '70, per poi intraprendere un'attivita' solista nel decennio successivo, quando diventa popolare in Gran Bretagna con le sue canzoni che trattano con spirito critico ed ironia, ma anche umanita', temi politici, sociali e sentimentali. Politicamente molto attivo ed avverso al conservatorismo della Tatcher, Bragg ha spesso coniugato la sua attivita' musicale con quella politica. Fra i suoi album, citiamo il primo ''Brewing up with Billy Bragg'' (1984), ''Talking with the taxman about poetry'' (1986) e ''Don't try this at home'' (1991); successivamente si avvale del contributo di una backing band, rendendo la sua musica leggermente piu' elettrica, come gli Wilco alla fine degli anni '90 e successivamente i suoi Blokes.
Euro
32,00
codice 2111070
scheda
Bragg billy Million Things That Never Happened
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  cooking vinyl 
punk new wave
Adesivo di presentazione sul cellophane, download card inclusa, inner sleeve con testi, etichetta custom in bianco e nero. Pubblicato nell' ottobre del 2021, a distanza di otto anni dall' ultimo lavoro in proprio in studio ''Tooth & Nail" (2013), il nuovo lavoro del cantautore inglese. Descrizione completa a seguire, Cantautore inglese ispirato dal punk come dal folk di protesta di autori quali Woody Guthrie, Billy Bragg muove i primi passi nel gruppo punk Riff Raff alla fine degli anni '70, per poi intraprendere un'attivita' solista nel decennio successivo, quando diventa popolare in Gran Bretagna con le sue canzoni che trattano con spirito critico ed ironia, ma anche umanita', temi politici, sociali e sentimentali. Politicamente molto attivo ed avverso al conservatorismo della Tatcher, Bragg non ha spesso coniugato la sua attivita' musicale con quella politica. Fra i suoi album, citiamo il primo ''Brewing up with Billy Bragg'' (1984), ''Talking with the taxman about poetry'' (1986) e ''Don't try this at home'' (1991); successivamente si avvale del contributo di una backing band, rendendo la sua musica leggermente piu' elettrica, come gli Wilco alla fine degli anni '90 e successivamente i suoi Blokes.
Euro
29,00
codice 2108401
scheda
Bragg billy tooth and nail
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2013  cooking vinyl 
punk new wave
Vinile pesante 180 grammi, inner sleeve lucida con testi, etichette "custom", coupon con codice per scaricare l' album in formato mp3. Pubblicato nel marzo del 2013 dalla Cooking Vinyl, a distanza di cinque anni dall' ultimo lavoro in studio ''Mr love & justice'', prima di "Million Things That Never Happened" (2021), giunto al 13esimo posto delle classifiche inglesi. Prodotto da Joe Henry, questo lavoro di Billy Bragg contiene 12 nuovi brani elettroacustici, tra cui la bella cover di "I Ain't Got No Home" di Woody Guthrie, che si rivelano sin dal primo ascolto ispirati ed intensi, segnati da una vena agrodolce e malinconica, con testi come sempre attenti a temi politici e sociali, visti con occhio critico e raccontati in modo diretto da una voce che come sempre contribuisce in modo determinante a conferirgli una credibilita' ed una profondita' rare, tra influenze folk e quelle del rock ''d'autore'' degli anni '70 (Dylan e Neil Young). Cantautore inglese ispirato dal punk come dal folk di protesta di autori quali Woody Guthrie, Billy Bragg muove i primi passi nel gruppo punk Riff Raff alla fine degli anni '70, per poi intraprendere un'attivita' solista nel decennio successivo, quando diventa popolare in Gran Bretagna con le sue canzoni che trattano con spirito critico ed ironia, ma anche umanita', temi politici, sociali e sentimentali. Politicamente molto attivo ed avverso al conservatorismo della Tatcher, Bragg non ha spesso coniugato la sua attivita' musicale con quella politica. Fra i suoi album, citiamo il primo ''Brewing up with Billy Bragg'' (1984), ''Talking with the taxman about poetry'' (1986) e ''Don't try this at home'' (1991); successivamente si avvale del contributo di una backing band, rendendo la sua musica leggermente piu' elettrica, come gli Wilco alla fine degli anni '90 e successivamente i suoi Blokes.
Euro
25,00
codice 2042939
scheda
Bragg billy you woke up my neighbourhhod + 3
12" [edizione] originale  stereo  uk  1991  go! discs 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima rara stampa inglese, etichetta nera con scritte e logo argento, catalogo GODX60. Uscito nell' agosto del 1991, e giunto al 54esimo posto delle classifiche inglesi, nella versione in 12" con quattro brani, il singolo che anticipo' il quarto album di Billy Bragg, "Don't Try This At Home", con la title track, bell' episodio folk rock scritto a quattro mani con Peter Buck dei R.e.m. che vi suona anche mentre l' altro R.e.m. Michael Stipe e' presente alle backing vocals, poi inclusa nell' album, e tre notevoli episodi inediti: l' acustica, delicata "Ontario Quebec and Me", una fairportiana "Bread and Circuses" cantata dalla voce splendida di Natalie Merchant dei 10.000 Maniacs (con Bragg ai cori) e "Heart Like a Wheel" con Cara Tivey al piano ed ai cori. Cantautore inglese ispirato dal punk come dal folk di protesta di autori quali Woody Guthrie, Billy Bragg muove i primi passi nel gruppo punk Riff Raff alla fine degli anni '70, per poi intraprendere un'attivita' solista nel decennio successivo, quando diventa popolare in Gran Bretagna con le sue canzoni che trattano con spirito critico ed ironia, ma anche umanita', temi politici, sociali e sentimentali. Politicamente molto attivo ed avverso al conservatorismo della Tatcher, Bragg ha spesso coniugato la sua attivita' musicale con quella politica. Fra i suoi album, citiamo il primo ''Brewing up with Billy Bragg'' (1984), ''Talking with the taxman about poetry'' (1986) e ''Don't try this at home'' (1991); successivamente si avvale del contributo di una backing band, rendendo la sua musica leggermente piu' elettrica, come gli Wilco alla fine degli anni '90 e successivamente i suoi Blokes.
Euro
18,00
codice 216028
scheda
Broonzy big bill Big bill's blues
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1958  columbia 
blues rnr coun
Ristampa con copertina senza codice a barre, pressoche' identica alla prima rara tiratura. Il primo ed unico album di Big Bill Broonzy su Columbia. Uscito Nel 1958, anno della morte del grande bluesman, questo album lo presenta in veste acustica, accompagnato dalla sua sola chitarra, attraverso dieci brani, spesso carichi di ironia, ma sempre impregnati di spirito blues e sostenuti da uno stile robusto e dalla voce alta ed evocativa di Big Bill. Questa la scaletta dei brani: ''Bossie woman'', ''Texas tornado'', ''Tell me what kind of man Jesus is'', ''Trouble in mind'', ''See see rider'', ''When I've been drinkin'', ''Martha'', ''Swing low, sweet chariot'', ''Key to the highway'', ''Godbye baby blues''. William Lee Conley Broonzy nasce a Scott, Mississippi, il 26 giugno 1893, in una baracca vicino al fiume; da piccolo sfugge miracolosamente agli attacchi di orsi e serpenti che vivono vicino alla sua ''casa'' ed impara a suonare dallo zio Jerry, accompagnandosi con strumenti costruiti da lui stesso, poi nel 1926 e' a Chicago, e diviene negli anni '30 il piu' famoso cantante blues degli Stati Uniti. Continua a suonare per tutta la vita diventando uno dei maggiori miti del secolo, un'icona del blues di Chicaco (citta' dove opero' per lungo tempo) ed una grande influenza sulla musica popolare del XX secolo.
Euro
26,00
codice 2122961
scheda
Broonzy big bill The blues
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1965  scepter 
blues rnr coun
Copertina lucida senza codice a barre, label rossa con parte ovale bianca, grigia e marrone, scritte bianche lungo il bordo in basso e nere altrove, logo Scepter bianco a sinistra. Ristampa dell'album originariamente pubblicato negli USA dalla Scepter nel 1965. Registrato fra il 1951 ed il 1952 quando Big Bill era a Parigi, l'album comprende brani originali ed interpretazioni di tradionals, fra blues, spirituals e canti di lavoro, realizzati dal solo autore con voce e chitarra acustica, potenti ed evocativi grazie alla voce impositiva di Broonzy, ora ironica e solare, ora piu' profonda e malinconica. Questa la scaletta: ''Luoise, Louise blues'', ''Letter to my baby'', ''Stand your test in judgement'', ''Do right blues'', ''Low down blues'', ''The moppin' blues'', ''Coal black curly hair'', ''Hey! Bud blues'', ''Baby please don't go'', ''Down by the riverside'', ''Kind hearted blues'', ''When did you leave heaven'', ''John Henry'', ''Lonesome road blues''. William Lee Conley Broonzy nasce a Scott, Mississippi, il 26 giugno 1893, in una baracca vicino al fiume; da piccolo sfugge miracolosamente agli attacchi di orsi e serpenti che vivono vicino alla sua ''casa'' ed impara a suonare dallo zio Jerry, accompagnandosi con strumenti costruiti da lui stesso, poi nel 1926 e' a Chicago, e diviene negli anni '30 il piu' famoso cantante blues degli Stati Uniti. Continua a suonare per tutta la vita diventando uno dei maggiori miti del secolo, un'icona del blues di Chicaco (citta' dove opero' per lungo tempo) ed una grande influenza sulla musica popolare del XX secolo.
Euro
20,00
codice 2121362
scheda
Broonzy big bill Young big bill broonzy
Lp [edizione] nuovo  mono  usa  1928  yazoo 
blues rnr coun
Edizione limitata in vinile da 180 grammi, copertina a busta senza codice a barre. Ristampa pressoche' identica alla seconda stampa uscita intorno a meta' anni '70 (che aveva sfondo del fronte copertina in bianco e nero e non piu' porpora). Originariamente pubblicato nel 1968 dalla Yazoo, questa raccolta compila quattordici brani tratti del periodo 1928-1935 di Big Bill Broonzy, quando stava emergendo come uno dei piu' celebri bluesmen prebellici. Considerata dalla critica come una delle migliori raccolte dedicate al Broonzy giovane, insieme al disco gemello ''Do that guitar rag'' (uscito sempre su Yazoo), ''The young Big Bill Broonzy'' mette in risalto il suo blues eclettico ed inclassificabile, nel quale convivono elementi rurali ed urbani, caratteri del country blues con quelli del ragtime. Questa la scaletta: ''Brownskin shuffle'' (1932), ''Eagle ridin' papa'' (1930), ''Starvation blues'' (1928), ''Long tall mama'' (1932), ''Good liquor gonna carry me down'' (1935), ''Skoodle do do'' (1930), ''Banker's blues'' (1930), ''Saturday night rub'' (1930), ''I can't be satisfied'' (1930), ''Mississippi river blues'' (1934), ''Hip shakin' strut'' (1930), ''How you want it done?'' (1932), ''Hokum stomp'' (1930), ''Stove pipe stomp'' (1932). William Lee Conley Broonzy nasce a Scott, Mississippi, il 26 giugno 1893, in una baracca vicino al fiume; da piccolo sfugge miracolosamente agli attacchi di orsi e serpenti che vivono vicino alla sua ''casa'' ed impara a suonare dallo zio Jerry, accompagnandosi con strumenti costruiti da lui stesso, poi nel 1926 e' a Chicago, e diviene negli anni '30 il piu' famoso cantante blues degli Stati Uniti. Continua a suonare per tutta la vita diventando uno dei maggiori miti del secolo, un'icona del blues di Chicaco (citta' dove opero' per lungo tempo) ed una grande influenza sulla musica popolare del XX secolo.
Euro
24,00
codice 2127870
scheda
Bruford bill Rock goes to college (live 7/3/79)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  let them eat vinyl 
rock 60-70
Copertina apribile. Ristampa del 2014 ad opera della Let Them Eat Vinyl, con copertina apribile. Originariamente pubblicato nel 2007 dalla Winterfold in cd e nel 2009 in vinile dalla stessa etichetta, questo album contiene un concerto di quarantadue minuti tenuto dal gruppo di Bruford il 7 marzo del 1979 all'Universita' di Oxford; il concerto fu ripreso dalla BBC e trasmesso in televisione. Il gruppo era in quell'occasione composto da Bill Bruford (batteria, percussioni), Annette Peacock (voce), Allan Holdsworth (chitarra), Dave Stewart (tastiere) e Jeff Berlin (basso). Il gruppo suona qui un progressive rock molto energico e carico di tensione, vicino all'approccio ''modernista'' dei King Crimson del 1973/74, anche se meno spigoloso e nevrotico e piu' epico ed accessibile, oltreche' venato talora di fusion. Questa la scaletta: ''Sample and hold'', ''Beelzebub'', ''The sahara of snow (part one)'', ''The sahara of snow (part two)'', ''Forever until sunday'', ''Back to the beginning'', ''Adios a la pasada (goodbye to the past)'', ''5G''.
Euro
22,00
codice 2058433
scheda
Burnette billy Billy burnette (1979) promo white label
Lp [edizione] promozionale  stereo  usa  1979  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
stampa promozionale USA, copertina (con lievissimi segni di invecchiamento) semilucida fronte retro con timbro promozionale dorato sul retro e senza barcode, label bianca promozionale, catalogo PD-1-6187. Pubblicato nel 1979 dalla Polydor, il secondo album, eponimo come il primo del 1972 (e come il quarto del 1980), precedente il terzo ''Between friends'' (1979). Prodotto da Chips Moman, che vi suona pure, insieme ad un folto gruppo di abili strumentisti, fra cui troviamo Spooner Oldham, il musicista bluegrass Randy Scruggs e l'ex Flying Burrito Brothers Chris Ethridge, e' un disco di confine fra generi diversi, che spesso si incrociano fra loro: ascoltiamo pezzi country rock/pop come ''Shoo-be-doo'' e ''Living out our fantasies'', una bella ballata acustica dalle sfumature folk come ''You brought me back'', un episodio dalle sfumature blues quale ''Niki hoeki'', un pezzo piu' marcatamente country come ''Walkin' marsha home'', l'interssante ''Believe what you say'', composizione del padre Dorsey e dello zio Johnny Burnette, che Billy arrangia come un curioso rockabilly rallentato ed ammodernato, la bella ballata dalle sfumature country ''I ain't no spaceman'', ed il rustico e dondolante country rock di ''Mississippi line''. Quasi tutti i brani sono firmati dallo stesso Billy Burnette, che a fine anni '70 e' ormai un paroliere sicuro dei propri mezzi. Cantautore e cantante fra country e rock, l'americano Billy Burnette, classe 1953, proviene da una famiglia musicale: il padre e lo zio erano rispettivamente Dosey e Johnny Burnette, membri del leggendario Johnny Burnette Rock'n'Roll Trio, una delle prime e fondamentali formazioni del rockabilly anni '50. Billy comincio' la sua carriera musicale ancora bambino, quando nel 1960 incise ''Hey daddy'' con il gruppo di Ricky Nelson per la Dot; nel 1969, non ancora diciottenne, lo troviamo a Memphis dove lavora come chitarrista e produttore, quindi nel 1972 pubblica un primo eponimo album. Negli anni successivi viene valorizzato il suo talento di paroliere, quando cantanti come Dolly Parton e Kin Vassy interpretano suoi brani, quindi nel 1979 pubblica il suo secondo album, anch'esso eponimo, seguito presto dal terzo ''Between friends'' e da un quarto album, anch'esso eponimo, uscito nel 1980. Anni dopo, nel 1987, entra in pianta stabile della celeberrima band britannico-statunitense Fleetwood Mac, come sostituto di Lindsay Buckingham, e resta con loro fino a meta' anni '90; gia' nei primi anni '90 ritorna comunque alla musica country con i suoi dischi solisti.
Euro
18,00
codice 329435
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2011  drag city 
indie 90
Copertina lucida senza codice a barre, completa di iiner sleeve sagomato, adesivo sul cellophane, etichetta argento con scritte oro, Lp pubblicato dalla Drag City nell'aprile 2011, dopo "Something I wish we were an eagle" (09), il terzo album del cantante/musicista, pubblicato a suo nome. Lavoro registrato in presa diretta, senza sovraincisioni e quasi interamente basato su di un country-folk introverso, sommesso e cupo contraddistinto dalla tipica, profonda ed inconfondibile voce di Callaham, che revoca con frequenza quella di Johnny Cash. Fondatore degli Smog nel 1988, l'americano Bill Callahan comincia a pubblicare su cassetta le sue prime incisioni casalinghe alla fine del decennio. Considerato un precursore del movimento low fi, sebbene egli non ami questa etichetta, Callahan propone una musica estremamente cupa ed oscura, drammatizzata dagli interventi di archi e dai temi delle liriche, che trattano di alienazione, solitudine, disillusione. Con il tempo i suoi dischi si fanno piu' musicali, conservando pero' la cupezza e l'amarezza che lo contraddistinguono e che lo fanno accostare da alcuni al cosiddetto sadcore. Dopo numerose uscite a nome Smog, Callahan pubblica a suo nome l'album ''Woke on a whaleheart'' nel 2007, cui seguono "Something I wish we were an eagle" nel 2009 e "Apocalypse" nel 2011.
Euro
27,00
codice 2110251
scheda
Callahan bill (smog) Dream river
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2013  drag city 
indie 90
Copertina senza codice a barre, completa di inner sleeve con testi, etichette custom fotografiche, Lp pubblicato dalla Drag City nel settembre 2013, dopo "Apocalypse" (11), il quarto album del cantante/musicista, pubblicato a suo nome. 8 tracce, definite dallo stesso autore come fra i piu' viscerali e sensuali dell'intera discografia, in un suono meno cupo rispetto al precedente, integrato con frequenti partiture di flauto, che danno piu' respiro alle melodie cantate dal peculiare timbro profondo, baritonale e soffuso di Callahan, fra Nick Drake, John Martyn e Leonard Cohen. Altra novita', rispetto alle precedenti produzioni, e' l'uso di percussioni al posto della batteria. Fondatore degli Smog nel 1988, l'americano Bill Callahan comincia a pubblicare su cassetta le sue prime incisioni casalinghe alla fine del decennio. Considerato un precursore del movimento low fi, sebbene egli non ami questa etichetta, Callahan propone una musica estremamente cupa ed oscura, drammatizzata dagli interventi di archi e dai temi delle liriche, che trattano di alienazione, solitudine, disillusione. Con il tempo i suoi dischi si fanno piu' musicali, conservando pero' la cupezza e l'amarezza che lo contraddistinguono e che lo fanno accostare da alcuni al cosiddetto sadcore. Dopo numerose uscite a nome Smog, Callahan pubblica a suo nome l'album ''Woke on a whaleheart'' nel 2007, cui seguono "Something I wish we were an eagle" nel 2009 e "Apocalypse" nel 2011.
Euro
29,00
codice 2125638
scheda
Callahan bill (smog) Gold record
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2020  drag city 
indie 90
inner sleeve, copertina lucida. “Gold Record” (2020) esce ad un anno di distanza da “Shepherd in a Sheepskin Vest” (2019). Questo nuovo disco, registrato da Callahan in una sola settimana insieme a Matt Kinsey e Jamie Zurverza, raccoglie dieci brani. Il suono è quello di sempre - folk, acustico – e i testi raccontano storie, riflessioni ispirate dalla quotidianità, da storie di vita e di persone. Fondatore degli Smog nel 1988, l'americano Bill Callahan comincia a pubblicare su cassetta le sue prime incisioni casalinghe alla fine del decennio. Considerato un precursore del movimento low fi, sebbene egli non ami questa etichetta, Callahan propone una musica estremamente cupa ed oscura, drammatizzata dagli interventi di archi e dai temi delle liriche, che trattano di alienazione, solitudine, disillusione. Con il tempo i suoi dischi si fanno piu' musicali, conservando pero' la cupezza e l'amarezza che lo contraddistinguono e che lo fanno accostare da alcuni al cosiddetto sadcore. Dopo numerose uscite a nome Smog, Callahan pubblica a suo nome l'album ''Woke on a whaleheart'' nel 2007, cui seguono "Something I wish we were an eagle" nel 2009 , "Apocalypse" nel 2011, "Dream river" nel 2013, "Shepherd in a Sheepskin Vest" nel 2019 e “Gold Record” nel 2020.
Euro
29,00
codice 2109945
scheda
Callahan bill (smog) Shepherd in a sheepskin vest
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  usa  2019  drag city 
indie 90
doppio vinile pesante, copertina apribile cartonata, etichette custom. "Shepherd in a Sheepskin Vest" (2019), pubblicato a sei anni di distanza da "Dream River" (2013), è il ritorno discografico di Bill Calllahan. L'album raccoglie ben venti brani inediti, tutti nella migliore tradizione Alt-coutry, Americana a stelle e strisce. Un lavoro di grande classe e maturità autoriale. Bill Callahan, conosciuto anche con lo pseudonimo di Smog, è un songwriter e musicista americano, tra le figure più interessanti del cantautorato lo-fi degli anni novanta e duemila, i suoi brani sono, spesso, in bilico tra malinconia e fatalismo. Fondatore degli Smog nel 1988, l'americano Bill Callahan comincia a pubblicare su cassetta le sue prime incisioni casalinghe alla fine del decennio. Considerato un precursore del movimento low fi, sebbene egli non ami questa etichetta, Callahan propone una musica estremamente cupa ed oscura, drammatizzata dagli interventi di archi e dai temi delle liriche, che trattano di alienazione, solitudine, disillusione. Con il tempo i suoi dischi si fanno piu' musicali, conservando pero' la cupezza e l'amarezza che lo contraddistinguono e che lo fanno accostare da alcuni al cosiddetto sadcore. Dopo numerose uscite a nome Smog, Callahan pubblica a suo nome l'album ''Woke on a whaleheart'' nel 2007, cui seguono "Something I wish we were an eagle" nel 2009 e "Apocalypse" nel 2011.
Euro
37,00
codice 2120313
scheda
Callahan bill (smog) Sometimes i wish we were an eagle
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2009  drag city 
indie 90
ristampa con copertina ruvida a busta senza codice a barre, inner sleeve. Pubblicato nell'aprile del 2009 dalla Drag City, questo e' il secondo album di Bill Callahan ad uscire a proprio nome, dopo ''Woke on a whaleheart'' (2007). La mente del progetto Smog e' qui artefice di un lavoro dalle tinte meno cupe rispetto alle opere del vecchio progetto, attraverso un set di ballate rarefatte dalle sonorita' fluide ed avvolgenti, e dai toni soffusi e venati di malinconia ma che lasciano aperto qualche spiraglio di luce. Fondatore degli Smog nel 1988, l'americano Bill Callahan comincia a pubblicare su cassetta le sue prime incisioni casalinghe alla fine del decennio. Considerato un precursore del movimento low fi, sebbene egli non ami questa etichetta, Callahan Propone una musica estremamente cupa ed oscura, drammatizzata dagli interventi di archi e dai temi delle liriche, che trattano di alienazione, solitudine, disillusione. Con il tempo i suoi dischi si fanno piu' musicali, conservando pero' la cupezza e l'amarezza che lo contraddistinguono e che lo fanno accostare da alcuni al cosiddetto sadcore. Dopo numerose uscite a nome Smog, Callahan pubblica a suo nome l'album ''Woke on a whaleheart'' nel 2007.
Euro
30,00
codice 2119817
scheda
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  usa  2023  drag city 
indie 90
doppio vinile, copertina apribile senza barcode. Uscito digitalmente e su cd nell'ottobre 2022 ed in vinile nel marzo 2023. Diciannovesimo lavoro per il cantautore americano, già noto con il moniker Smog, ottavo uscito con il proprio nome. Più arrangiato e vario rispetto agli ultimi episodi, Ytilaer (Reality al contrario) è un disco dai toni riflessivi e noir, con la consueta nota di marginalità e distacco caratteristica della scrittura di Callahan. Descritto come un lavoro che punta a risvegliare rabbia, amore e gentilezza, vede la partecipazione di Matt Kinsey (chitarra), Emmett Kelly (basso), Sarah Ann Phillips (tastiere e piano), Jim White (batteria), Carl Smith, Mike St. Clair e Derek Phelps (fiati). Fondatore degli Smog nel 1988, l'americano Bill Callahan comincia a pubblicare su cassetta le sue prime incisioni casalinghe alla fine del decennio. Considerato un precursore del movimento low fi, sebbene egli non ami questa etichetta, Callahan Propone una musica estremamente cupa ed oscura, drammatizzata dagli interventi di archi e dai temi delle liriche, che trattano di alienazione, solitudine, disillusione. Con il tempo i suoi dischi si fanno piu' musicali, conservando pero' la cupezza e l'amarezza che lo contraddistinguono e che lo fanno accostare da alcuni al cosiddetto sadcore. Dopo numerose uscite a nome Smog, Callahan pubblica a suo nome l'album ''Woke on a whaleheart'' nel 2007 al quale fanno seguito vari albums sempre a proprio nome.
Euro
44,00
codice 2118504
scheda
Carney / Hild / kramer (shockabilly) Happiness finally came to them
lp [edizione] originale  stereo  usa  1987  shimmy disc 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa americana, copertina lucida senza codice a barre, etichette bianche e blu, catalogo shimmy-000000007, dell' album pubblicato dalla Shimmy Disc nel 1987, il primo album di uno dei numerosi progetti a cui ha preso parte il vulcanico musicista, discografico e produttore Mark Kramer dopo lo scioglimento degli Shockabilly, prima di dar vita a Bongwater e B.a.l.l.. In compagnia di Ralph Carney, l' ex Tin Huey (sottovalutato gruppo dell' Ohio, autore di uno stimolante "art punk" nella fine degli anni '70) pure collaboratore di Tom Waits, e del batterista Daved Hild (ex Girls), Kramer propone un low fi spettrale e scarnificato, dall'atmosfera notturna e nevrotica, dove un ruolo importante gioca il sax schizofrenico di Carney (che da' al tutto un sapore vagamente "no wave"), mentre Hild sorregge il tutto con un drumming scarno ed ipnotico. Storica figura dell'underground americano, Kramer inizia la sua carriera musicale suonando negli Shockabilly di Eugene Chadbourne; dopo lo scioglimento del gruppo si unisce brevemente ai Butthole Surfers come bassista, nel 1985, per poi fondare nello stesso anno l'etichetta newyorchese Shimmy Disc, tramite la quale produce svariati musicisti e gruppi noise, low fi e psichedelici. Oltre a cio' produce anche i leggendari Galaxie 500, gruppo dalla breve e seminale esistenza attivo fra la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90.
Euro
24,00
codice 208883
scheda
Childish billy, chatham forts All our forts are with you
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2013  damaged goods 
punk new wave
Copertina a busta in cartoncino grezzo grigio, con artwork e note applicate tramite foglio incollato sul fronte e su parte del retro, che funge anche da sigillo al lato di apertura della copertina, catalogo DAMGOOD415LP. Pubblicato nel 2013 dalla Damaged Goods, il primo album del nuovo ennesimo progetto del vulcanico musicista, poeta, scrittore e pittore Billy Childish, inglese del Kent (con Pop Rivets, Milkshakes, Mighty Caesars, Headcoats, Buff Medways, Musicians of the British Empire, Vermin Poets, e nel frattempo anche solista, oppure accompagnato dai Black Hands o i Singing Lions). Questo nuovo capitolo della lunga e prolificissima storia artistica di questo imprescindibile eroe della scena underground degli ultimi 30 anni (ed oltre...), un vero monumento vivente al rock'n'roll nella troppo spesso evanescente vecchia Inghilterra, e' il frutto, a quanto raccontano le note di copertina, di brani scritti intorno alla meta' degli anni '70 da un giovanissimo Billy (non ancora Childish) insieme ad alcuni amici in quel di Chatham, ma a quanto pare mai incisi all'epoca. Adesso, a oltre trentacinque anni di distanza, Billy Childish, senza piu' i vecchi compagni degli originari Chatham Forts ma con altri collaboratori (fra i quali, si vocifera, Jimmy Cauty e Bill Drummond), ha finalmente inciso questi vecchi brani, caratterizzati dal suo inconfondibile approccio ruvido, sgangherato ed a bassa fedelta' al punk/garage/rock'n'roll; nel corso dello stesso 2013 sono apparsi anche alcuni singoli sotto la sigla Wild Billy Childish & Chatham Forts, oltre a questo lp.
Euro
20,00
codice 3506281
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  hol  1979  cbs 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Prima stampa europea di pressaggio olandese, copertina senza barcode, inner sleeve grigia sfumata con crediti, label arancione che sfuma in giallo in basso, BIEM/STEMRA in riquadro a destra, catalogo CBS83641. Pubblicato nel 1979 dalla CBS nel Regno Unito e dalla Columbia negli USA, inciso con un folto cast di collaboratori che, accanto a Cobham (batteria, percussioni), vede la presenza di Nathaniel Phillips (basso), Vance Tenort (congas), Bobby Lyle (piano elettrico, sintetizzatore), David Duke (corno francese), Michel McGloiry (chitarra), Catherine Gotthoffer (arpa), Dorothy Ramsen (arpa), Garnett Brown (trombone), Oscar Brashear (tromba), Steve Madaio (tromba, flicorno), Ernie Tack (tuba, trombone basso) ed una sezione orchestrale di archi e legni. "B.C." vede Cobham lanciarsi senza indugio nella disco music e nel funk più ballabile, attraverso una scaletta dai toni leggeri e dalle sonorità accessibili. Episodi, alcuni dei quali cantati, puramente disco come "Oh mendocino" e "What is your fantasy" si alternano con levigati funk orchestrati come la sinuosa "Dana", mentre il jazz fa timidamente capolino fra le righe qua e là. Questa la scaletta: "Oh Mendocino", "Dana", "What Is Your Fantasy", "A Little Travelin' Music", "The Lonely Bull (El Solo Toro)", "I Don't Want To Be Without You", "Bring Up The House Lights", "Vlastar - An Encounter". Considerato uno dei più grandi batteristi della fusion, Billy Cobham si fece notare alla fine degli anni '60 suonando nell'ensemble del pianista Horace Silver e poi nei Dreams, uno dei primi complessi jazz rock, quindi nel 1969 si uni' a Miles Davis, prendendo parte alle incisioni del capolavoro elettrico ''Bitches brew'' (1970) e poi anche in altri importanti lavori elettrici del trombettista, come ''Live-evil'' (1971) e ''A tribute to Jack Johnson'' (1971). Lascia quindi Davis per partecipare con John McLaughlin al progetto Mahavisnu Orchestra, suonando nei primi storici album di questo gruppo, per poi avviare la sua carriera come band leader nel 1973, sempre all'insegna del jazz elettrico e della fusion.
Euro
20,00
codice 335535
scheda
Cobham billy Life and times
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1976  atlantic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
la prima stampa americana, copertina con piccolo cut promozionale lungo la costola in basso, con prezzo indicato di "0698" sulla costola ($6.98), nella versione con il catalogo indicato sotto il logo Atlantic in basso a destra sul fronte, label verde in alto e rossa in basso con banda bianca al centro, con piccolo logo W in basso lungo il bordo, catalogo SD18166, copia pressata negli stabilimenti Presswell del New Jersey, con codice in basso sull' etichetta con suffisso "-PR", e fornita ancora della originaria busta interna della Altlantic. Pubblicato nel 1976 dalla Atlantic, uscito dopo ''A funky thide of sings'' (1975) e prima di ''Magic'' (1977), inciso agli Electric Lady Studios di New York con formazione composta da Billy Cobham (batteria, sintetizzatore), John Scofield (chitarra), Dawilli Gonga (tastiere), Doug Rauch (basso), Richard Davis (basso in ''Siesta''), Alan Zavod (organo), Phil Boder (clarinetto basso e flauto), Gene Orloff (violino), Al Brown (viola) e Kermit Moore (violoncello). Un altro viaggio nella fusion, allora al suo apogeo, per il grande batterista che qui da' luogo ad un disco dai tre volti, con un set di brani che si divide fra episodi frenetici ed astratti, altri invece sorretti da una ipnotica e minimale groove funk, ed infine pezzi rarefatti e melodici oltreche' contemplativi. Questa la scaletta: ''Life & times'', ''29'', ''Siesta/Wake up!!!!!'', ''East bay'', ''Earthlings'', ''Song for a friend (part I)'', ''On a naturall high'', ''Song for a friend (part II)''. Considerato uno dei piu' grandi batteristi della fusion, Billy Cobham si fece notare alla fine degli anni '60 suonando nell'ensemble del pianista Horace Silver e poi nei Dreams, uno dei primi complessi jazz rock, quindi nel 1969 si uni' a Miles Davis, prendendo parte alle incisioni del capolavoro elettrico ''Bitches brew'' (1970) e poi anche in altri importanti lavori elettrici del trombettista, come ''Live-evil'' (1971) e ''A tribute to Jack Johnson'' (1971). Lascia quindi Davis per partecipare con John McLaughlin al progetto Mahavisnu Orchestra, suonando nei primi storici album di questo gruppo, per poi avviare la sua carriera come band leader nel 1973, sempre all'insegna del jazz elettrico e della fusion.
Euro
28,00
codice 258225
scheda
Cobham billy Magic
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1977  cbs 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
L' originale stampa italiana, copertina apribile, label gialla e arancio a sfumare, con "Made in Italy By Cbs" in basso, catalogo CBS82277, timbro Siae del secondo tipo, in uso tra il 1975 ed il 1978/79, con marchio Siae che ne occupa ancora l' intero cerchio centrale. Pubblicato dalla Columbia nel 1977, il primo album di Cobham per questa etichetta, successivo a ''Life & times'' (1976, su Atlantic) e precedente ''Simplicity of expression – depth of thought'' (1978). Inciso con una formazione che include, oltre a Cobham, Joachim Kuhn (tastiere, sintetizzatore), Mark Soskin (tastiere, sintetizzatore), Pete Maunu (chitarra), Randy Jackson (basso), Pete Escovedo (timbales, voce), Sheila Escovedo (congas), Alvin Batiste (clarinetto, voce) e Kathleen Kaan (voce), questo lavoro vede il celebrato batterista cimentarsi con una fusion melodica e dinamica, con forte preminenza degli elementi funk e rock. Questa la scaletta: ''On a magic carpet ride'', ''AC/DC'', ''Leaward winds'', ''Puffnstuff'', ''Anteres the star'', ''Magic/(Reflections in the clouds)/(Magic – recapitulation)''. Considerato uno dei piu' grandi batteristi della fusion, Billy Cobham si fece notare alla fine degli anni '60 suonando nell'ensemble del pianista Horace Silver e poi nei Dreams, uno dei primi complessi jazz rock, quindi nel 1969 si uni' a Miles Davis, prendendo parte alle incisioni del capolavoro elettrico ''Bitches brew'' (1970) e poi anche in altri importanti lavori elettrici del trombettista, come ''Live-evil'' (1971) e ''A tribute to Jack Johnson'' (1971). Lascia quindi Davis per partecipare con John McLaughlin al progetto Mahavisnu Orchestra, suonando nei primi storici album di questo gruppo, per poi avviare la sua carriera come band leader nel 1973, sempre all'insegna del jazz elettrico e della fusion.
Euro
28,00
codice 258821
scheda

Page: 3 of 8


Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Baker chet, bill evans":
Evans bill - 

altri autori contnenti le parole cercate: