Hai cercato:  immessi ultimi 30 giorni --- Titoli trovati: : 757
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Symarip Skinhead Moonstomp (red vinyl)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  burning sounds 
reggae
ristampa limitata in vinile 180 grammi di colore rosso, copertina pressoche' identica sul fronye alla prima rara tiratura, corredata di esclusiva inner sleeve con note ed arricchita della presenza di una traccia aggiunta, una versione extended della title track, uscita solo su 12"; il leggendario album uscito nel 1970 per la Trojan. L' unico album realizzato a nome Symarip dal gruppo giamaicano ska-reggae guidato da Roy Ellis e noto anche come Bees, Pyramids (da cui l' anagramma Symarip), Seven Letters e Zubaba. Roy Ellis era stato un esponente di spicco della scena ska giamaicana sin dalla meta' degli anni '60, ottenendo i suoi primi successi con la produzione di Laurel Aitken; gia' i suoi Pyramids (autori nel '69 di un omonimo album su etichetta President) erano stati uno dei guppi piu' amati dal numeroso pubblico inglese che in quegli anni segui' l' evoluzione della musica giamaicana, ma ancora di piu' furono seguiti ed amati questi Symarip, che presso la nascente scena skinhead britannica ebbero uno strepitoso successo con il loro storico singolo "Skinhead Moonstomp" e con questo unico loro album, che dallo stesso brano prende il nome, disco capace negli anni di vendere oltre 7 milioni di copie, forte di altri brani-manifesto come "Skinhead Girl" e "Skinhead Jamboree", oltre che di una deliziosa cover della classica "These Boots are Made for Walking". Un vero culto ha alimentato negli anni l' interesse nei confronti di questo disco, anche per l' incredibile copertina che ne ha fato un vero e proprio manifesto del movimento skinhead; anche se giunse per la prima volta in classifica in Uk solo in concomitanza con l' esplosione della nuova scena ska tra la fine degli anni '70 ed i primi anni '80, spingendo il cantante e percussionista Roy Ellis ed il tastierista Monty Naismith a riesumare la vecchia sigla piu' volte nel corso degli anni. Opportuno mettere chiarezza sul contenuto del disco e sulla storia del movimento skinhead, generalmente associato alla seconda scena punk inglese nel suo versante piu' orientato a destra, tanto da corteggiare i movimenti nazionalisti piu' estremi. La scena skinheads e' invece nata nella seconda meta' dei '60, da una sorta di scisma nell' ambito della scena mod, allorche' gli "hard mods" (lo "zoccolo duro", fieramente proletario, della scena) vollero distinguersi dai "peacock mods" (meno violenti e fin troppo interessati alla perfezione del loro costoso look), adottando un nuovo look che prevedeva capelli ancora piu' corti (piu' adatti al lavoro in fabbrica ma anche alle risse...), bretelle, pantaloni arrotolati e scarponi alti sopra la caviglia (anche quelli perfetti per le quotidiane "battaglie"); veri reietti della societa' inglese, svilupparono ulteriormente l' interesse per la musica giamaicana che gia' era stato dei mods, interessati allo ska, al rocksteady ed al primo reggae, oltre che affascinati dalla cultura che li aveva prodotti. Non si trattava all' epoca infatti di un movimento con implicazioni razziste e nazionaliste (sebbene di tanto in tanto gli skinheads prendessero di mira pakistani e sud asiatici) a tal punto che molti di essi facevano parte di associazioni anti-razziste o avevano posizioni politiche schierate a sinistra.
Euro
27,00
codice 2111029
scheda
T. rex electric warrior (half speed mastering)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  back to black / a&m / universal 
rock 60-70
ristampa del 2022, rimasterizzata con sistema Half-speed Mastering presso i prestigiosi Abbey Road Studios, copertina pressoche' identica a quella della prima rara tiratura uscita in Uk su Fly, con fascetta di presentazione ripiegata attorno alla costola e corredata di inserto. Pubblicato in Inghilterra nel Settembre del 1971 dopo ''T. Rex'' e prima di ''The Slider'' giunse al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 32 di quelle USA dove fu pubblicato nell'Ottobre dello stesso anno. Il secondo album dei T. Rex, il disco che fece scoppiare il glam rock in Inghilterra, completa la metamorfosi del gruppo da band hippie folk a gruppo di rock & roll, ma questo, incredibilmente, senza perdere la delicatezza e la bizzaria lunare dei primi dischi a nome Tyrannosaurus Rex, ora la musica del gruppo e' un caleidoscopio sonorovisivo carico di lustrini con dentro rock & roll, sesso, spiritualismo trascendente, visioni spaziali, il tutto racchiuso in una unica miscela, il glam rock, appunto. Tony Visconti provvede ad una produzione piena di echi e spaziale con suoni duri ma cristallini, il tutto acquista quella visione teatrale, melodica ed elettrica che ha influenzato quasi tutti, dall' hard rock al punk alla new wave. Inoltre, il disco suona oggi perfetto e fresco come nel 1971. Decisamente uno dei capolavori del rock di sempre.
Euro
37,00
codice 3028997
scheda
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1977  sire / rhino 
punk new wave
ristampa in vinile 180 grammi, pressocche' identica alla prima rara tiratura uscita su Sire Records, copertina senza barcode, inner con foto e testi. Il primo album (il secondo sara' "More Songs About Buildings and Food") della storica band newyorkese di David Byrne attiva dal' 75 nei circuiti locali del GBGB's e dal '76 con l' ex Modern Lovers Jerry Harrison in formazione. Nel febbraio del '77 il singolo "Love Goes To a Building on Fire" aveva ufficializzato il ruolo guida della band nell' ambito della scena locale, nel settembre dello stesso anno questo "77" li impose all' attenzione internazionale, gia' straordinario frutto di una straripante personalita' artistica, che da' vita ad alcuni brani che rimarranno dei classici di sempre della band, "Psycho killer" innanzitutto, che rimarra' forse il brano piu' famoso dei Talking Heads, ma anche "New Feelings", "Don't Worry About the Government" e la nervosa "Pulled Up", accanto ad altri geniali episodi di originalissimo "pop", su tutti forse la deliziosa e sublime "Happy Day". La musica della band si arricchira' presto di influenze nuove e sempre diverse, ma restare indifferenti alla freschezza contagiosa di questo "77", che gia' comunque rivela molti degli ingredienti che renderanno unica ed originalissima la musica del gruppo, e' davvero impossibile...
Euro
32,00
codice 2111141
scheda
Talking heads More songs about buildings and food
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  sire 
punk new wave
ristampa pressocche' identica alla prima tiratura, copertina senza barcode (il barcode e' posto su un adesivo sul cellophane), corredata di inner sleeve (la copertina e' qui' nella prima versione, senza nome del gruppo e titolo sul fronte. Il secondo album del geniale gruppo newyorchese di David Byrne, uscito nel luglio del 1978 e giunto al 21esimo posto delle classifiche inglesi ed al 29esimo di quelle americane. Dopo l' acerbo ma gia' geniale "77", questo secondo lavoro, prodotto da Brian Eno, che letteralmente ''soffia'' il gruppo al vecchio amico John Cale, vede la musica della band aprirsi ad influenze nuove aspirando a piu' alti e consapevoli risultati artistici; meno "pop", grezzo ed immediato dell' esordio, sebbene ancora caratterizzato da un suono nervoso e spigoloso (tipico della scena newyorkese dell' epoca e comune anche ai Television), contiene classici straordinari come "With Our Love", "Warning Sign", "Found A Job", la cover di "Take me to the River" di Al Green (pubblicata anche su singolo) e la magnifica "Artists Only". Il disco e' registrato alle Bahamas, e vi si affacciano per la prima volta, timidamente, quelle influenze multietniche che gia' a partire dal successivo "Fear of Music" rappresenteranno una parte fondamentale dell' evoluzione artistica della band. Straordinaria e geniale la copertina, composta da 529 Polaroid che sezionano e ricompongono rimescolandola l' immagine del gruppo, che trovera' proprio in questa febbrile volgia di evoluzione e metamorfosi la propria straordinaria linfa vitale.
Euro
29,00
codice 2111140
scheda
Tamburi sandro (neon) Tam tamburi
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1982  kindergarten 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good punk new wave
la originale molto rara stampa, copertina (con diversi segni di invecchiamento) senza barcode, inner sleeve con testi, label nera con scritte verdi e logo Kindergarten verde lungo il bordo e scritte bianche al centro su di una facciata, bianca e nera con logo Kindergarten verde sull'altra, catalogo ZPLKG34174. Pubblicato nel 1982 dalla Kindergarten in Italia, il primo album solista di Sandro Tamburi, inciso a Firenze e registrato con Fabrizio e Roberto Federighi, Renzo Franchi (batterista ex Cafe' Caracas, poi nei Litfiba tra l' 82 e l' 83) e Martine Michellod (nel 1983 autrice di un 12" a proprio nome registrato a sua volta con gran parte dei musicisti qui coinvolti), tra gli altri. Un disco dallo stile piuttosto variegato, basato principalmente su di un incrocio intrigante fra melodia pop e new wave, con influssi synth pop, e soluzioni compositive e di arrangiamento spesso tutt' altro che banali, con l'uso del sitar in un brano, ed una curiosa rilettura di "Love Me Tender" in chiusura. Il tutto a delineare il quadro di un moderno ed originale cantautorato che purtroppo non ebbe grande risonanza ne' tantomeno seguito. Tamburi sara' anni dopo tastierista dei Neon, storica band new wave fiorentina, nell' ep ''Crimes of passion II'' (1987), Fabrizio Federighi produrra' piu' volte lo stesso storico gruppo fiorentino, Roberto Federighi ne sara' il batterista tra l' 82 e l' 85.
Euro
23,00
codice 252758
scheda
Tame impala live versions
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2014  fiction/caroline 
indie 2000
Ristampa pressocche' identica alla prima tiratura, corredata di inner sleeve semirigida. Uscito per la prima volta nell' aprile del 2014 in occasione del Record Store Day in 5000 copie in vinile verde, quindi nel maggio dello stesso anno in vinile nero, contiene otto tracce registrate dal vivo a Chicago durante il tour americano effettuato dalla band nel 2013. Si tratta di versioni spesso assai diverse da quelle gia' note, a rendere ancora piu' interessante questa uscita. Questa la lista completa dei brani: "Endors Toi", "Why Won't You Make Up Your Mind?", "Sestri Levante", "Mind Mischief", "Desire Be, Desire Go", "Half Glass Full of Wine", "Be Above It", "Feels Like We Only Go Backwards", "Apocalypse Dreams". Quartetto proveniente da Perth, Australia occidentale, attivo dal 2007, facente parte a pieno diritto della neonata scena psichedelica australiana, insieme a bands come Pond, Silents, These Slhipwrecks, i cui membri, capitanati dal chitarrista cantante Kevin Parker, fanno parte del collettivo Mink Mussel Creek. Sviluppano una musica che coniuga una tipica attitudine psichedelico-spaziale attraverso dilatazioni sonore che spesso sconfinano nell'elettronica, nel trip hop e nella trance dance, con un range immenso di riferimenti che spaziano dall'hard rock dei Cream, dai Beatles, dallo space dei Can, fino ai Kyuss. Nel 2010 hanno pubblicato il primo album, "Innerspeaker" su Modular recordings, seguito nell'autunno 2012 dal secondo "Lonerism".
Euro
15,00
codice 2111270
scheda
Tame impala The slow rush
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  ger  2020  island 
indie 2000
copertina apribile, vinile 180 grammi. "Slow Rush" (2020), quarto album dei Tame Impala, è stato anticipato dai quattro singoli “Bordeline”, “It Might Be Time”, “Postumhous Forgiveness” e “Lost In Yesterday” ed è stato registrato tra Los Angeles e lo studio di Kevin Parker a Fremantle, sua città natale in Australia. Già con il precedente "Currents" Parker si era allontanato dal concetto classico di "psichedelia", con questo nuovo album - se possibile - continua il proprio percorso creativo, personale e solitario: crea un flusso sonoro formato da correnti funk, disco, synth pop. Un vortice temporale senza via di uscita. Tame Impala, provenienti da Perth (Australia) e attivi dal 2007, fanno parte a pieno diritto della neonata scena psichedelica australiana, insieme a band come Pond, Silents, i cui membri, capitanati dal chitarrista cantante Kevin Parker, fanno parte del collettivo Mink Mussel Creek. Sviluppano una musica che coniuga una tipica attitudine psichedelico-spaziale attraverso dilatazioni sonore che spesso sconfinano nell'elettronica, nel trip hop e nella trance dance, con un range immenso di riferimenti che spaziano dall'hard rock dei Cream, dai Beatles, dallo space dei Can, fino ai Kyuss. Nel 2010 hanno pubblicato il primo album, "Innerspeaker" su Modular recordings, seguito nell'autunno 2012 dal secondo "Lonerism", nel 2015 da "Currents" e nel 2020 da "Slow Rush".
Euro
30,00
codice 2111271
scheda
Telegraph avenue Volumen 2 (+ bonus track)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1975  munster 
rock 60-70
Copertina senza codice a barre, inserto con foto e note. Ristampa del 2022 ad opera della Munster, la prima in assoluto in vinile, pressoché identica alla rara prima tiratura ma con una bonus track ("If the sun refused to shine", incisa nel 1972, posta alla fine della seconda facciata, già inserita nella ristampa su cd del 2007 di questo album). Originariamente pubblicato nel 1975 dalla Mag in Perù, il secondo album, succesivo all'eponimo primo lp del 1971 e precedente "Telegraph ave III" (2011). Considerato l'ultimo album classico dell'epoca d'oro del rock peruviano (intercorsa fra il 1965 ed il 1975), fu inciso da Bo Ishikawa (chitarra, voce, flauto), Walo Carrillo (batteria, voce), German Cabieses (chitarra, armonica, voce), Chachi Lujan (voce, tastiere, synth) e Alex Nathanson (basso, voce), l'album sintetizza il pop degli ultimi Beatles con un sound più duro e rock che si avvicina al glam e tracce folk, un po' hippie, un po' andine. Le belle armonie vocali, che configurano un cantato molto melodico ed avvolgente, presentano influssi sia beatlesiani che della West Coast statunitense. Gruppo fra pop, rock west coast, soul e musica latina, i Telegraph Avenue si formarono in Peru' nel 1970, dopo il ritorno del cantante Bo Ichikawa da un soggiorno a San Francisco. Il gruppo pubblico' due album: il primo eponimo vide la luce nel 1971, mentre il successivo ''Vol. 2'' usci' nel 1974; si sciolsero di li' a poco, dopodiche' il cantante ed il batterista fondarono i Tarkus insieme ad altri musicisti.
Euro
28,00
codice 3514456
scheda
Ten Years After rock'n'roll music to the world
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, copertina apribile pressocche' identica alla prima tiratura uscita in Inghilterra nel 1972 su Chrysalis. Pubblicato nell' ottobre del 1972 dopo ''A space in time'', e prima di ''Ten Years After recorded live'', giunto al numero 27 delle classifiche Uk ed al numero 43 di quelle Usa, l' ottavo album della storica formazione rock blues inglese guidata da Alvin Lee. E' l' opera nella quale i Ten Years After espandono e perfezionano il loro blues boogie, continuando a figurare tra le piu' popolari rock bands della loro epoca. Il disco contiene diversi brani storici per il gruppo, tra cui la amara "Turned Off T.V. Blues". Assunta la loro definitiva sigla nel novembre del 1966, dopo un breve periodo iniziale come Jaybirds, gli inglesi Ten Years After sono stati uno dei più celebri gruppi del vivace movimento rock blues britannico della seconda metà degli anni '60: sono ricordati di loro soprattutto i funambolici assoli del virtuoso chitarrista Alvin Lee (1944-2013). Dopo un interessante album d'esordio eponimo uscito nel 1967, il gruppo ebbe il suo periodo di maggiore popolarità fra il 1969 ed il 1971, facendosi apprezzare soprattutto dal vivo: fu proprio la loro performance al festival di Woodstock che li consacrò presso il pubblico internazionale. Nel corso della prima metà degli anni '70 il successo scemò progressivamente ed il gruppo si sciolse nel 1975, per poi riformarsi brevemente nel 1983 per suonare al festival di Reading. Qualche anno dopo, ci sarebbe stata una nuova riunione della formazione originaria del celebre gruppo rock blues britannico: Alvin Lee, Ric Lee, Leo Lyons e Chick Churchill si rimisero insieme nel 1988 per alcuni concerti europei e per incidere un nuovo lavoro in studio. Realizzato il disco, i Ten Years After si sciolsero nuovamente, per poi rimettersi insieme nei primi anni del nuovo secolo, senza però il leader Alvin Lee, sostituito da Joe Gooch, e portare avanti un tour mondiale ed un nuovo album in studio (2004).
Euro
29,00
codice 2110759
scheda
Tenor jimi and tony allen Inspiration information
LP2 [edizione] nuovo  stereo  ger  2009  strut 
soul funky disco
Vinile doppio, Ristampa del 2021, pressoché identica alla prima tiratura, da cui è riconoscibile per la presenza dell'adesivo di presentazione sul cellophane, che riporta la sigla "RIP" ("Rest In Peace") dopo il nome di Tony Allen (scomparso nel 2020, e quindi ancora in vita all'epoca dell'originaria pubblicazione). Originariamente pubblicato nell'ottobre del 2009 dalla Strut, questo lavoro in collaborazione fra Jimi Tenor e Tony Allen fu il quarto volume della serie "Inspiration information" curata dalla label inglese. Incisocon un grezzo e denso approccio analogico ai Lovelite Studios di Berlino nel novembre del 2008, e poi in altre località in Finlandia ed a Parigi, coinvolgendo un gruppo che accanto a Tenore (tastiere, flauto, mini koto, sax tenore, tamboura elettrica, voce) ed Allen (batteria), includeva Ilkka Mattila (bowed mosquito guitar), Daniel Allen Oberto (percussioni, tromba), Ekow Alabi Savage (percussioni), Akinola Famson (percussioni) e Momo Diafone (tamburo soruba), questo lungo album è una sintesi fra elettronica, afrobeat, rap e jazz funk futuristico, propulsa da un groove ritmico proverbialmente inesauribile, incalzante ed articolato, come ci si può aspettare da un maestro dell'afrobeat come Allen, mentre Tenor ricama alcuni brillanti assoli sia di sassofono che di flauto, molto funkeggianti. Uno degli esponenti più eclettici fra i volti noti dell'underground finlandese degli anni '90, il cantante e sassofonista Jimi Tenor si è cimentato nella sua vasta discografia con stili differenti come la techno, il jazz, il funk, incidendo anche per la celebre Warp. Dopo aver guidato fra il 1986 ed il 1992 il gruppo Jimi Tenor & His Shamans, vicino all'approccio industriale, Tenor avvia la sua carriera solista e vive fra New York, Londra, Barcellona e Berlino, pubblicando il primo album ''Sahkomies'' nel 1994; il suo stile mescola la canzone pop con la techno, il jazz, il funk e influenze africane come quella di Fela Kuti. Esponente di spicco della musica nigeriana, Tony Allen (1940-2020) e' stato per molti anni, in qualita' di batterista degli Africa 70 di Fela Kuti, uno dei maggiori contributori allo sviluppo dello afrobeat, stile musicale in cui le influenze soul e funk provenienti dagli USA si fusero con le melodie ed i complessi ritmi della musica africana, prendendo piede principalmente nella Nigeria degli anni '70 e poi affermandosi a livello internazionale. Allen e' un musicista eclettico, che ha sperimentato le sue concezioni con stili etnici diversi come con il dub e lo hip hop. Il suo primo album come leader, ''Progress'', usci' nel 1975 e segno' l'inizio di una carriera solista che prosegue oltre l'inizio del nuovo secolo.
Euro
33,00
codice 3514495
scheda
The ocean Precambrian
Lp3 [edizione] nuovo  stereo  eu  2007  metal blade 
indie 2000
ristampa del 2017 su Pelagic, copertina sagomata apribile, triplo vinile. Il quarto album, concept sulla prima epoca preistorica (Precambriano) sul nostro pianeta, musicalmente è un monumentale lavoro di assemblaggio da parte di Robin Staps di registrazioni avvenute in varie parti da vari musicisti (Tre chitarristi, tre bassisti, un batterista, un percussionista, un tastierista, una pianista, un quartetto d’archi e nove cantanti) per un risultato di ottima fattura. La prima parte è più violenta e metal, le successive con atmosfere più raffinate e melodiche. Un must del post-metal degli anni 2000, con riferimenti che spaziano dai Tool ai Converge o ai Neurosis.
Euro
41,00
codice 2110622
scheda
The smile (radiohead) A light for attracting attention
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2022  xl recordings 
indie 2000
doppio vinile nero. copertina apribile, adesivo su cellophane. Il primo (e forse unico??) lavoro del progetto dei due Radiohead Thom Yorke e Jonny Greenwood , con il batterista Tom Skinner del gruppo jazz contemporaneo "Sons of Kemet ". Album concepito durante il periodo covid-19, sviluppatosi poi con l'aiuto del produttore Nigel Godrich, musicisti jazz del panorama inglese e la sezione archi della London Contemporary Orchestra. Nelle 13 tracce del disco si ritrovano soluzioni care alla scrittura del duo Yorke/Greenwood quali angoscia, paranoia, rabbia ed intima malinconia. Appassionate performance vocali attorno alle quali si sviluppa una concezione sonora espansa dei lavori dei Radiohead, con soluzioni inedite, ipnotiche e cinematiche ad alternarsi ed incastrarsi nell'elettronica e rock tipiche del gruppo madre.
Euro
40,00
codice 2110872
scheda
The smile (radiohead) A light for attracting attention (ltd yellow)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2022  xl recordings 
indie 2000
edizione limitata in doppio vinile giallo. copertina apribile, adesivo su cellophane. Il primo (e forse unico??) lavoro del progetto dei due Radiohead Thom Yorke e Jonny Greenwood , con il batterista Tom Skinner del gruppo jazz contemporaneo "Sons of Kemet ". Album concepito durante il periodo covid-19, sviluppatosi poi con l'aiuto del produttore Nigel Godrich, musicisti jazz del panorama inglese e la sezione archi della London Contemporary Orchestra. Nelle 13 tracce del disco si ritrovano soluzioni care alla scrittura del duo Yorke/Greenwood quali angoscia, paranoia, rabbia ed intima malinconia. Appassionate performance vocali attorno alle quali si sviluppa una concezione sonora espansa dei lavori dei Radiohead, con soluzioni inedite, ipnotiche e cinematiche ad alternarsi ed incastrarsi nell'elettronica e rock tipiche del gruppo madre.
Euro
40,00
codice 2110874
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2014  castle face 
indie 2000
Copertina senza codice a barre con scritte e disegno un rilievo sul retro, corredata da coupon per il download digitale ed inserto apribile in 2 parti, adesivo di presentazione sul cellophane, etichetta azzurra con scritte rosse sul lato A, rossa con scritte azzurre sul B Lp (gira a 45) pubblicato dalla Castle Face nell'aprile 2014, dopo "Floating coffin" (13), il dodicesimo album della band californiana. Suono saldamente radicato in rock garagista dalle tinte psichedeliche che spaziano da richiami cupi e rumoristi con echi kraut alla Can, a momenti serrati caleidoscopici (i Pink Floyd alla Interstellar overdrive, Syd Barret in alcune melodie, oltre a Lennon e Bolan). I riferimenti contemporanei includono Ty Segall e i Smith Westeners. Un'inclinazione sempre scapestrata e istintiva, meno rumorista, piu' avvolgente, in un pop sempre spigoloso e molto camaleontico, espresso da pezzi piu' vari rispetto alla norma. I Thee Oh Sees sono una delle incarnazioni del progetto in continuo cambiamento di John Dwyer, musicista attivo nella scena indipendente di San Francisco dagli anni '90, che inizialmente da' vita agli OCS (sigla che assume significati diversi nel corso del tempo), quindi gli Ohsees, circondandosi di collaboratori che cambiano con notevole frequenza nel corso degli anni. Thee Oh Sees, in formazione a quattro, pubblicano un primo album sotto questo nome nel 2008, con il titolo di "The master's bedroom is worth spending a night in", lavoro dai forti connotati garage punk, in bilico fra anni '60 e rinnovamento del garage della fine degli anni '90.
Euro
30,00
codice 2111190
scheda
Thin lizzy Tokyo 1980 - the full japanese concert
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1980  parachute 
rock 60-70
Vinile doppio, copertina apribile, label custom a colori, catalogo PARA426LP. Pubblicato nel 2020 dalla Parachute, questo album contiene le registrazioni del concerto dato dai Thin Lizzy alla Nakano Sunplaza di Tokyo, il 25 settembre del 1980, poco prima dell'uscita del loro decimo album in studio, "Chinatown" (10/80), inciso con il nuovo chitarrista Snowy White, già collaboratore di Pink Floyd e Peter Green, subentrato nei Thin Lizzy al posto di Gary Moore. Il gruppo alterna alcuni brani del nuovo album come "Hey you", "Chinatown" e "Sugar blues", con molti cavalli di battaglia del loro granitico repertorio live, da "Jailbreak" e "The boys are back in town", con la solita verve hard rock diretta e compatta. Qui di seguito la scaletta completa. SIDE 1: 1. Are You Ready 2. Hey You 3. Waiting For An Alibi 4. Jailbreak 5. Genocide (Killing Of The Buffalo) SIDE 2: 1. Do Anything You Want 2. Don't Believe A Word 3. Killer On The Loose 4. Got To Give It Up SIDE 3: 1. Memory Pain 2. Chinatown 3. The Cowboy Song 4. The Boys Are Back In Town SIDE 4: 1. Suicide 2. Black Rose/Drum Solo 3. Sugar Blues. Fondamentale gruppo hard rock degli anni '70, i Thin Lizzy vennero formati nel 1969 a dublino dal brasiliano/irlandese Phil Lynott e da Brian Downey, entrambi ex Skid Row, Sugarshack e Orphanage, con l'ex Them Eric Bell. Il gruppo produsse una serie di album di rock molto duro nel corso degli anni '70, che incorporava hard rock, blues, influenze hendrixiane e persino di musica celtica, abbinati ad un songwriting vicino alla sensibilità working class ma anche ricco di riferimenti alla letteratura irlandese, opera del brillante Phil Lynott; nonostante i continui cambiamenti di formazione la band riscosse apprezzamento da critica e pubblico anche nelle fasi finali della carriera, fino al primo scioglimento avvenuto nel 1983. Phil Lynott scomparve prematuramente nel 1986.
Euro
31,00
codice 3514483
scheda
Thin white rope Moonhead
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1987  frontier 
punk new wave
ristampa del 2018 in vinile colorato e pesante 180 grammi, corredata di card con codice per il download digitale, copertina pressoche' identica a quella della originaria tiratura, e corredata di inserto con testi. Il secondo album del gruppo californiano, uscito (su Frontier in Usa, su Zippo in Uk) nel febbraio del 1987, forse il massimo capolavoro di uno dei gruppi piu' importanti ed amati degli anni '80 e certo uno degli albums piu' belli di tutta le seconda meta' degli anni '80. Dopo lo splendido esordio di "Exploring the Axis", che era stato uno degli albums di debutto piu' belli e importanti degli anni '80, tocca vette forse ancora piu' alte il magico incontro di roots rock e psichedelia chitarristica ora acida ora sognante, capace di rinnovare i fasti della scena californiana dopo che il paisley underground aveva ormai esaurito le sue spinte creative maggiori, in torridi brani polverosi che parlano la lingua dell' America piu' desolata e dura ("musica del deserto", venne battezzata), con un' intensita' dolorosa e rabbrividente. Vennero paragonati subito a Quicksilver e Television, due dei pochi gruppi che gia' avevano offerto esempi alla pari mirabili di come due chitarre si possono intrecciare creando mirabili vortici di tensione, senza dimenticare la voce ruvidissima e lirica insieme di Guy Kayser. Un irrinunciabile capitolo di una discografia tra le piu' affascinanti ed importanti della seconda meta' degli anni '80 ed oltre, piu' che consigliato: chi non lo possiede rischia grosso in un eventuale incontro con i coyotes del deserto del Nevada...Assolutamente, un masterpiece da non perdere. Dopo un lungo silenzio, nel 1996 Guy Kyser formo' i Mummydogs (giungendo all' sordio discografico solo nel 2002), mentre il chitarrista Roger Kunkel formo gli Acme Rocket Quartet, autori di vari albums.
Euro
34,00
codice 2110958
scheda
Thomas irma Full time woman - the lost cotillion album (coloured vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1971  real gone music / rhino 
soul funky disco
Vinile di colore celeste, copertina senza codice a barre, label bianca con scritte nere e titolo turchese, logo Real Gone Music a sinistra e logo Rhino a destra, catalogo RGM-1337. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2022 ad opera della Real Gone Music / Rhino, l'album, originariamente pubblicato nel 2014 solo in cd, contenente quindici incisioni fino ad allora inedite, effettuate nel corso del 1971/72. Dopo una breve permanenza presso la Chess Record di Chicago ed una collaborazione con la Canyon, Irma Thomas firmò con la Atlantic su iniziativa di Jerry Wexler e pubblicò per la Cotillion, sottoetichetta della Atlantic, il singolo "Full time woman" nel 1971 (prodotto da uno stimato personaggio della scena di New Orleans, Wardell Quezergue), che purtroppo non fu baciato dal successo e rimase l'unico della cantante per quella label. Tuttavia, la Atlantic organizzò ulteriori sessioni di studio per la Thomas, che si tennero nel corso del 1972 a Detroit, Miami e Philadelphia e fruttarono diversi brani, nessuno dei quali però ricevette una pubblicazione, fino all'uscita di questa antologia nel 2014. Il marchio potente della splendida voce di Irma si stampa su questo set di episodi stilisticamente variegati, fra Southern soul, morbido pop soul e proto-Philly soul. Questa la scaletta (con date di incisione fra parentesi): 1. Full Time Woman (12/11/71, Malaco Studios, Jackson, Mississippi), 2. All I Wanna Do Is Save You (12/11/71, Malaco Studios, Jackson, Mississippi), 3. She’s Taken My Part (12/11/71, Malaco Studios, Jackson, Mississippi), 4. Shadow of the Sun (3/5/72, Pac-Three Studios, Detroit, Michigan), 5. Waiting for Someone (3/5/72, Pac-Three Studios, Detroit, Michigan), 6. Fancy (3/5/72, Pac-Three Studios, Detroit, Michigan), 7. Time After Time (3/5/72, Pac-Three Studios, Detroit, Michigan), 1. Our Love Don’t Come That Easy (3/5/72, Pac-Three Studios, Detroit, Michigan), 2. Turn Around and Love You (4/5/72, Pac-Three Studios, Detroit, Michigan), 3. Tell Me Again (4/5/72, Pac-Three Studios, Detroit, Michigan), 4. Try to Be Thankful (4/5/72, Pac-Three Studios, Detroit, Michigan), 5. It’s Eleven O’Clock (26/7/72, Criteria Studios, Miami, Florida), 6. Could It Be Differently (26/7/72, Criteria Studios, Miami, Florida), 7. No Name (12/9/72, Sigma Sound Studios, Philadelphia, Pennsylvania), 8. Adam and Eve (12/9/72, Sigma Sound Studios, Philadelphia, Pennsylvania). Definita ''la regina del soul di New Orleans'', Irma Thomas e' considerata una delle piu' grandi cantanti soul/r'n'b dagli anni '60 in poi, anche se non ha raggiunto la fama di altre colleghe come Aretha Franklin. Formatasi con la musica gospel, divenne professionista giovanissima con la musica secolare, pubblicando il suo primo singolo nel 1960, e realizzo' nel corso del decennio notevoli singoli soul, sebbene talora non premiati dal successo commerciale. Trasferitasi a Los Angeles nel 1969, abbandono' per un breve periodo la carriera musicale, tornando pero' nei primi anni del decennio successivo con alcuni singoli ed un album su Fungus (in cui suonava anche Duane Allman!), continuando poi la sua carriera discografica e sul palco, ed e' ancora attiva nel nuovo secolo.
Euro
40,00
codice 2110862
scheda
Thomas rufus bear cat / walking in the rain
7" [edizione] nuovo  mono  usa  1953  sun 
soul funky disco
singolo in formato 7", copertina neutra, etichetta gialla e marrone, foro al centro largo; ristampa del rarissimo singolo uscito originariamente su Sun Records nel marzo del 1953 come 78 giri. Fu il primo grande hit della leggendaria Sun Records di Memphis, Tennessee, ma la porto' anche vicino alla bancarotta: La facciata A, "Bear Cat", e' una irresistibile risposta all' hit di Big Mama Thornton "Hound Dog", basata sulla stessa traccia musicale dell' originale, cosa che provoco' una causa per palgio che duro' a lungo e fu parecchio costosa. Sul retro "Walking In The Rain", ruvidamente blues. Celebre cantante afroamericano (il suo primo 78 giri risale addirittura al 1943), uno dei simboli della Memphis musicale, Rufus Thomas (1917-2001), padre della cantante soul Carla, e' stato autore, soprattutto nel suo periodo d'oro degli anni '60, di un energico e rauco soul/r'n'b, arricchito da un estro spiritoso ed eccentrico, che senza dubbio ispiro' anche molti gruppi rock all'inizio del decennio, oltre ad accennare, secondo alcuni critici, agli sviluppi del funk del decennio successivo. Sua e' la famosa ''Walking the dog'', brano entrato nella storia del rock oltreche' del soul.
Euro
11,00
codice 2110959
scheda
Thompson richard 13 rivers
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  proper 
rock 60-70
Doppio album in vinile pesante, copertina apribile, catalogo PRPLP150. Pubblicato nel settembre del 2018, a distanza di tre anni dal precedente "Still" (2018), questo è il diciassettesimo album solista in studio di Richard Thompson. Inciso con la sua affiatata sezione ritmica composta da Michael Jerome (batteria, percussioni) e Taras Prodianuk (basso, voce), con cui collabora a questo punto da oltre un decennio, ''13 rivers'' ci offre tredici canzoni finemente modellate da Thompson, con il suo approccio tipicamente essenziale, riflessivo, spesso introspettivo ed ombroso, sia nelle atmosfere che nei testi, stilisticamente influenzato dal folk e dal blues, che però confluiscono in un sound moderno e non tradizionalista. La voce di Richard, narrativa e mai sopra le righe, è ancora incisiva e riconoscibile, e ci riporta ancora una volta ai suoi capolavori dei primi anni '70, così come il suo stile chitarristico sobrio e carico di una quieta intensità. Stimatissimo e leggendario chitarrista inglese, Richard Thompson e' famoso per la sua attivita' nei Fairport Convention (1967-71), ma anche per una serie di pregiati album solisti ed in compagnia di Linda Thompson, fra cui ''Henry the human fly'' (1972) e ''I want to see the bright lights tonight'' (1974). Dotato di uno stile essenziale ed altamente evocativo, e' apprezzato anche dal punto di vista compositivo. La sua lunga carriera e' stata soggetta a periodi di relativa oscurita', in buona parte dovuti alla sua volonta' di indipendenza dalle direttive e dai compromessi dell'industria discografica, ma a lungo andare e' arrivata la stima di diverse generazioni di musicisti, a testimonianza della modernita' della sua musica, che non rinuncia comunque alle influenze folk.
Euro
24,00
codice 2111272
scheda
lp [edizione] originale  stereo  ita  1978  sonet 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good rock 60-70
la prima stampa italiana, copertina (con alcuni segni di invecchiamento) senza barcode, etichetta multicolore Sonet, catalogo SNTL2781. Pubblicato in Usa nel novembre del 1978 dopo ''George Thorogood and the Destroyers'' e prima di ''More George Thorogood and the Destroyers'', giunto al numero 33 delle classifiche ameircane, "Move it On Over" e' il secondo album di Thorogood e dei suoi fidi Destroyers (di cui sara' pubblicato nel '79 anche un album di registrazioni effettuate nel '74, "Better Than the Rest"). Considerato tra i capolavori di una discografia che si arricchira' di molti altri albums, "Move it on Over" vede il rock blues di Thorogood esprimersi al meglio, con un suono che oggi suona forse ''classico'' ma era allora fresco e innovativo, basato sull'energia, la potenza e la chitarra travolgente, il corrispondente del miglior pub rock inglese della stagione che accompagno' l' esplosione della scena punk. Composto interamente da covers, vede alcuni brani straordinari, dalla cover di Elmore James "The Sky Is Crying," a quella di Bo Diddley "Who Do You Love", passando per il Chuck Berry di "It Wasn't Me" e per il Brownie McGhee di "So Much Trouble". Il disco successivo vedra' Thorogood giungere al successo con suoni piu' puliti e adatti al pubblico, ma lo spirito e la freschezza di questo periodo non verranno piu' ritrovati.
Euro
12,00
codice 252711
scheda
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1977  mpl / capitol 
rock 60-70
Ristampa del 2018, rimasterizzata presso gli Abbey Road Studios ed in vinile 180 grammi per audiofili, corredata di codice per il download digitale, copertina senza barcode, pressoche' identica a quella della originaria rarissima tiratura uscita in Inghilterra su Regal Zonophone, corredata di inner sleeve. Un album veramente rarissimo e dalla fama leggendaria, inciso da Paul McCartney nel 1971, ma pubblicato sotto lo pseudonimo ''Percy Thrills Thrillington'' nel 1977. Il disco fu stampato in pochissime copie e sostanzialmente mai distribuito, e' un lp ufficiale a tutti gli effetti, ma non e' mai stato accreditato ufficialmente a McCartney. Contiene brani in versioni orchestrali tratti dall' album di Paul e Linda "Ram"; arrangiato e condotto da Richard Hewson, ha un' angolazione dettagliatissima e assai spigolosa, che ne fa un' opera tutt' altro che di sottofondo. Le orchestrazioni incorporano elementi di swing e musica pop, con occasionali cori delle Swingle Singers. La versione di "Three Legs" e' stata paragonata a Count Basie. Il jazz e' sempre molto presente, in questo lavoro, ma il brano piu' riuscito e' certo "Uncle Albert/Admiral Halsey", il piu' complesso dell' album, che per molti fans e' superiore alla pur magnifica versione originale di ''Ram''. Per ironia della sorte, quasi nessuno ha mai ascoltao uno dei piu' interessanti lavori di Paul McCartney, registrato ricordiamo nel 1971, e dimenticato fino a quando Paul e Linda non si sono convinti della sua estrema validita' artistica e lo hanno riproposto con questo pseudonimo e senza alcuna pubblicita'. Il disco usci' tra "Wings Over America" e "London Town", e fu completamente ignorato al'epoca della sua realizzazione.
Euro
29,00
codice 3029037
scheda
Tiffany shade tiffany shade
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1967  mainstream 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi, copertina senza barcode pressoche' identica alla prima molto rara tiratura. Pubblicato nel dicembre 1968 dall' etichetta di culto Mainstream in Usa, e dalla Fontana in Uk, l' unico album della band psichedelica americana di Lakewood, Ohio. Un disco misconosciuto ed eccellente, caratterizzato da un gusto nella composizione e negli arrangiamenti ricco di influenze inglesi sia negli episodi di matrice pop-psichedelica, che hanno determinato paragoni anche con Yellow Balloon o Millennium, che in quelli piu' sognanti e psichedelici, come "A Quiet Revolution" e "Can I Take My Mind Out For A Wolk", ma anche con brani vicini ad un folkrock di matrice westcoastiana, ed altri piu' ruvidi ed aggressivi, come l' incalzante garage psichedelico della splendida "An Older Man", che fu uno dei due singoli tratti dall' album, oltre a "One Good Reason". Tra i brani una sola cover, riuscita versione di "Softly to Me", che purtroppo sul retrocopertina e sull' etichetta del disco fu erroneamente indicata come "Come Softly to Me", brano degli anni '50 portato al successo dai Fleetwoods, e con cui il brano non ha invece nulla a che fare.
Euro
22,00
codice 2111273
scheda
Tirey wes Black wind (ltd. numbered)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2016  scissor tail 
indie 2000
Edizione limitata a 250 copie numerate sul retro copertina, che è ruvida, aperta su tre lati, senza codice a barre e con scritte in incavo sul retro, allegato coupon per il download digitale dell'album, label cusotom gialla e grigia con artwork diverso su ciascuna facciata e scritte nere, catalogo ST42 inciso sul trail off. Pubblicato nel novembre del 2016 dalla Scissor Tail, il primo album vinilico, successivo ad un CDr ed a una serie di cassette, e precedente la cassetta "No winners in the blues" (2019), del cantautore americano di Asheville, Carolina del Nord, che fra il 2013 ed il 2015 aveva appunto debuttato con alcune cassette ben accolte dalla critica. Wes Tirey (voce, chitarra), accompagnato qu da Luke Norton (chitarra elettrica) e Tyler Hoskinson (batteria), realizza qui un lavoro meno introspettivo e più proiettato verso un immaginario fatto di vasti spazi e praterie, scandito da ritmi lenti e cullanti, che sorreggono austere melodie di chitarre acustiche ed elettriche dalla chiara ispirazione roots rock: l'incipit del brano di apertura "All the livelong day" è stato non casualmente accostato a Karen Dalton (quella del secondo album del 1971), ma lo stile di "Black wind" è più scarno e minimalista, e la voce maschile di Tirey è più laconica ed inevitabilmente profonda (in un pezzo come "Sojourn" il suo canto ricorda un po' quello dell'ultimo Johnny Cash).
Euro
31,00
codice 3514459
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1981  island 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
prima stampa italiana, copertina (con giusto assai lievi segni di invecchiamento) senza barcode, label azzurra sfumata con logo con sole e palma in basso su di una facciata, blu sfumata con logo con luna e palma in basso sull'altra, catalogo ILPS19686. Il primo album del progetto di Chris Frantz e Tina Weymouth dei Talking heads, uscito nell' ottobre del 1981 (su Sire in America e su Island in Inghilterra) e giunto al 78esimo posto delle classifiche americane ed al 23esimo di quelle inglesi, due anni prima del secondo "Close to the Bone". Anticipato dai singoli "Wordy Rappinghood" e "Genius of Love", il primo dei quali ebbe un successo davvero notevole in tutta Europa, l' album, ad un anno esatto dall' epocale capolavoro dei Talking Heads "Remain In Light", sviluppa con grande originalita' il lato piu' ludico della musica delle "teste parlanti", aggiungendo nuove influenze, come il reggae, il soundsystem, il primo rap newyorkese, il funky, la disco, sempre all' insegna di una mescolanza di stili e linguaggi (non solo musicali, talvolta...) che conferisce a questo disco uno spessore ben maggiore rispetto a quello che traspare al primo ascolto. Ma comunque, soprattutto, "Tom Tom Club" e' un disco piacevole e divertente come pochi, esilarante e riuscitissimo, un gioellino pop da affiancare magari ai primi tre albums di quei B'52's chedi li' a poco il Talking Heads qui' assente, David Byrne, produrra' (nel sottovalutato album "Mesopotamia"). Tra i musicisti Adrian Belew, in quegli anni vero e proprio memro aggiunto dei Talking Heads. Storico gruppo, progetto della base ritmica dei seminali Talking Heads, ossia Tina Weymouth, basso e voce e suo marito Chris Frantz (batteria e voce), i Tom Tom Club sono stati attivi dal 1981. I due coniugi hanno sempre inteso il progetto inglobando ingegneri del suono, artisti del Compass Point Family, come la sorella di Tina, Laura, il chitarrista Adrian Belew, proponendo una musica che assembla funk e disco con una spiccata attitudine pop, capace in qualche occasione di scalare le classifiche.
Euro
22,00
codice 252731
scheda
Tomberlin I don't konw who needs to hear this... (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2022  saddle creek 
indie 2000
edizione limitata in vinile colorato arancio trasparente per i negozi indipendenti, copertina apribile ruvida senza barcode (su adesivo) Il secondo album per Sarah Beth Tomberlin, cantautrice statunitense del Kentucky, emersa su Bandcamp e scritturata dalla Saddle Creek. Uscito a quattro anni dal debutto ‘At Weddings’ del 2018, rispetto al precedente questo album vede evolvere gli arrangiamenti e la scrittura indie-folk dell'artista, grazie anche alla collaborazione di Phil Weinrobe (già al lavoro con membri di Big Thief). Brani di intima e delicata malinconia con riferimenti a Phoebe Bridgers, Soccer Mommy, Snail Mail.
Euro
34,00
codice 2111280
scheda

Page: 28 of 31


Pag.: oggetti: