Hai cercato:  dall'anno 2000 --- Titoli trovati: : 6387
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Young neil who's gonna stand up?
12" [edizione] nuovo  stereo  usa  2014  reprise 
rock 60-70
Dodici pollici uscito nel novembre del 2014, adesivo dipresentazione sul cellophane, etichetta nera con scritte bianche. Contiene quattro versioni del brano "Who's Gonna Stand Up?", due delle quali anticipazione dell' imminente album "Storytone", quelle della prima facciata: una orchestrale e l' altra (che noi preferiamo) "solo version", che vede il grande Neil accompagnarsi della sola chitarra acustica, in una versione del brano scarna ed intensa. Sul retro, le due versioni del brano che rimarranno inedite: una eseguita dal vivo con i Crazy Horse, decisamente elettrica, cavalcata chitarristica di oltre cinque minuti, e l' altra denominata "Children's Version", cantata da un coro di bambini.
Euro
28,00
codice 3013019
scheda
Young neil world record
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2022  reprise 
rock 60-70
doppio album (inciso su tre facciate con la quarta facciata scolpita "etched"), catalogo 093624869016, adesivo di presentazione sul cellophane, copertina apribile senza barcode, corredata di inner sleeve e booklet di 12 pagine. Pubblicato nel novembre 2022, a distanza di tre mesi da "Noise and Flowers" (registrato con i Promise of the Real) e di meno di un anno dal precedente lavoro con i fidi Crazy Horse "Barn" (novembre 2021). Dalle note dell' etichetta: Registrata allo Shangri-La di Malibu e prodotta da Rick Rubin e Neil Young, questa vivace raccolta di 10 brani è una meditazione cautamente ottimista sul passato, sul presente e sul futuro del nostro pianeta e su ciò che significa viverci. “World Record” contiene tanta saggezza e il tipo di osservazioni toccanti che si possono raccogliere solo nel corso di una vita movimentata. Il leggendario cantautore ricorda con gratitudine i doni che la Terra gli ha fatto e guarda ad un futuro incerto con la speranza di poter raddrizzare questa grande nave blu e verde. E lo fa in modo vitale e fermo. C'è un folk che emoziona ("This Old Planet (Changing Days)", "Love Earth"), un rock feroce ("Break The Chain", "The World (Is In Trouble Now)") e una monumentale, classica odissea chitarristica dei Crazy Horse in cui si rende omaggio al rapporto con le automobili affermando la necessità di un futuro senza combustibili fossili ("Chevrolet"). “World Record” è una visione coesa che diffonde energia positiva senza negare la situazione attuale. Come ha detto lo stesso Young in un messaggio sul Times-Contrarian durante la realizzazione di “World Record”: "La vera magia dura e noi pensiamo di averla". Registrato live per poter esprimere al meglio lo spirito degli Horse, fatto di performance spontanee, basate sulla collaborazione ed elettrizzanti, l'album è stato mixato su nastro analogico allo Shangri-La sotto la sapiente guida di Rubin. La qualità dell'esperienza d'ascolto che ne deriva porta i fan direttamente in studio, mentre Young e la leggendaria band fanno ciò che sanno fare meglio.
Euro
49,00
codice 3030050
scheda
Young neil world record (clear vinyl)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2022  reprise 
rock 60-70
VERSIONE LIMITATA IN VINILE CHIARO, CON CATALOGO 093624866510; doppio album (inciso su tre facciate con la quarta facciata scolpita "etched", adesivo di presentazione sul cellophane, copertina apribile senza barcode, corredata di inner sleeve e booklet di 12 pagine. Pubblicato nel novembre 2022, a distanza di tre mesi da "Noise and Flowers" (registrato con i Promise of the Real) e di meno di un anno dal precedente lavoro con i fidi Crazy Horse "Barn" (novembre 2021). Dalle note dell' etichetta: Registrata allo Shangri-La di Malibu e prodotta da Rick Rubin e Neil Young, questa vivace raccolta di 10 brani è una meditazione cautamente ottimista sul passato, sul presente e sul futuro del nostro pianeta e su ciò che significa viverci. “World Record” contiene tanta saggezza e il tipo di osservazioni toccanti che si possono raccogliere solo nel corso di una vita movimentata. Il leggendario cantautore ricorda con gratitudine i doni che la Terra gli ha fatto e guarda ad un futuro incerto con la speranza di poter raddrizzare questa grande nave blu e verde. E lo fa in modo vitale e fermo. C'è un folk che emoziona ("This Old Planet (Changing Days)", "Love Earth"), un rock feroce ("Break The Chain", "The World (Is In Trouble Now)") e una monumentale, classica odissea chitarristica dei Crazy Horse in cui si rende omaggio al rapporto con le automobili affermando la necessità di un futuro senza combustibili fossili ("Chevrolet"). “World Record” è una visione coesa che diffonde energia positiva senza negare la situazione attuale. Come ha detto lo stesso Young in un messaggio sul Times-Contrarian durante la realizzazione di “World Record”: "La vera magia dura e noi pensiamo di averla". Registrato live per poter esprimere al meglio lo spirito degli Horse, fatto di performance spontanee, basate sulla collaborazione ed elettrizzanti, l'album è stato mixato su nastro analogico allo Shangri-La sotto la sapiente guida di Rubin. La qualità dell'esperienza d'ascolto che ne deriva porta i fan direttamente in studio, mentre Young e la leggendaria band fanno ciò che sanno fare meglio.
Euro
56,00
codice 2121336
scheda
Young neil world record (clear vinyl)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2022  reprise 
rock 60-70
VERSIONE LIMITATA IN VINILE CHIARO, CON CATALOGO 093624866510; doppio album (inciso su tre facciate con la quarta facciata scolpita "etched", adesivo di presentazione sul cellophane, copertina apribile senza barcode, corredata di inner sleeve e booklet di 12 pagine. Pubblicato nel novembre 2022, a distanza di tre mesi da "Noise and Flowers" (registrato con i Promise of the Real) e di meno di un anno dal precedente lavoro con i fidi Crazy Horse "Barn" (novembre 2021). Dalle note dell' etichetta: Registrata allo Shangri-La di Malibu e prodotta da Rick Rubin e Neil Young, questa vivace raccolta di 10 brani è una meditazione cautamente ottimista sul passato, sul presente e sul futuro del nostro pianeta e su ciò che significa viverci. “World Record” contiene tanta saggezza e il tipo di osservazioni toccanti che si possono raccogliere solo nel corso di una vita movimentata. Il leggendario cantautore ricorda con gratitudine i doni che la Terra gli ha fatto e guarda ad un futuro incerto con la speranza di poter raddrizzare questa grande nave blu e verde. E lo fa in modo vitale e fermo. C'è un folk che emoziona ("This Old Planet (Changing Days)", "Love Earth"), un rock feroce ("Break The Chain", "The World (Is In Trouble Now)") e una monumentale, classica odissea chitarristica dei Crazy Horse in cui si rende omaggio al rapporto con le automobili affermando la necessità di un futuro senza combustibili fossili ("Chevrolet"). “World Record” è una visione coesa che diffonde energia positiva senza negare la situazione attuale. Come ha detto lo stesso Young in un messaggio sul Times-Contrarian durante la realizzazione di “World Record”: "La vera magia dura e noi pensiamo di averla". Registrato live per poter esprimere al meglio lo spirito degli Horse, fatto di performance spontanee, basate sulla collaborazione ed elettrizzanti, l'album è stato mixato su nastro analogico allo Shangri-La sotto la sapiente guida di Rubin. La qualità dell'esperienza d'ascolto che ne deriva porta i fan direttamente in studio, mentre Young e la leggendaria band fanno ciò che sanno fare meglio.
Euro
56,00
codice 3031700
scheda
7" [edizione] nuovo  stereo  usa  2004  narnack 
indie 2000
7" in vinile blu trasparente, copertina non incollata, split ep con due cover di "where the streets have no name" degli U2, una interpretata da Young People, trio indie rock americano, l'altra da Friends Forever, da Denver, Colorado.
Euro
8,50
codice 4008579
scheda
Young the giant Mirrorball (rsd 2015)
10" [edizione] nuovo  stereo  usa  2015  fueled by ramen 
indie 2000
In occasione del Record Store Day, copertina con disegno in rilievo metallizzato sul fronte e con estrazione disco dall'alto, completa di coupon per il download digitale, adesivo RDS sul cellophane, etichetta grigia con scritte bianche, 10" pubblicato dalla Fueled by Ramen nell'aprile 2015, dopo il secondo album "Mind over matter" (14), contenente l'inedito "Mirrorball" e una versione diversa di "Mind over matter" denominata 'evolution tour version". Da Irvine, California, gli Young The Giant si attivano nel 2004 con il nome Jakes per poi cambiarlo in quello attuale nel gennaio 2010. Debuttano nell'ottobre dello stesso anno con il disco eponimo prodotto da Joe Chiccarelli, mettendo in mostra un indie-rock seducente con rimandi a King of Leon, My Morning Jckets e Coldplay. Nel gennaio 2014 esce il secondo full lenght, "Mind over matter" (sotto la produzione di Justin Meldal-Johnsen), con cui la band conferma quanto di buono fatto vedere con il debutto: un indie emozionale ben suonato e dinamico, paragonato dalla critica specializzata ai Coldplay e Phoenix.
Euro
26,00
codice 6004969
scheda
Younge adrian Something about april (instrumentals)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2015  linear labs 
soul funky disco
Label marrone, catalogo LL-013. Pubblicato nel giugno del 2015 dalla Linear Labs, questo album e' la versione strumentale di ''Something about april'' (contenente pero' una bonus track, ''Niacin''), disco pubblicato originariamente nel 2011 dalla Wax Poetics e poi ristampato nel 2015 dalla Linear Labs. La versione vocale di ''Something about april'' e' stata acclamata dalla critica e dagli appassionati come un efficace ed innovativa opera di moderno soul dalle sfumature psichedeliche ed hip hop, che attinge dalle sonorita' vintage e dalle atmosfere degli anni '60 e '70, calandole pero' in un contesto attuale e lontano dal mero revivalismo; tra i musicisti, l' ex Green On Red Jack Waterson al basso, ed il grande Dennis Coffey alla chitarra in un brano. Nato nel 1978, l'artista afroamericano Adrian Younge e' una personalita' eclettica e creativa: attivo come compositore, produttore, arrangiatore e multistrumentista, e' anche un professore di diritto dello spettacolo e si occupa di cinema, in particolare di colonne sonore. Appassionato di colonne sonore italiane come di musica soul, Younge compose l'acclamata colonna sonora del film ''Black dynamite'' (2009), parodia del genere blaxploitation, e poi l'altrettanto applaudito album concettuale ''Something about april'' (2011). La stima per la sua opera e' tale che presto musicisti hip hop come Jay-Z, Common e Royce da 5'9'' hanno campionato le sue musiche.
Euro
29,00
codice 3508882
scheda
Youngs richard Amplifying host
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2011  jagjaguwar 
indie 90
Completo di coupon per Mp3 e di adesivo sul cellophane, etichetta blu scuro con bordo bianco e scritte bianche, Lp pubblicato dalla Jagjaguwar, nell'estate 2011, dopo "I dream of mezzanine/cloudplanes" (11), circa il trentesimo album del musicista britannico; lavoro, vicino al suo precedente "Autumn response" (07), basato su di un folk arido, con una chitarra talvolta dissonante che avvolge gli arpeggi scheletrici, la voce lamentosa di Youngs e dai lievi colpi di spazzola e piatti curati per l'occasione da Damon Krukowski (Galaxie 500, Damon and Naomi). Il musicista inglese Richard Youngs e' autore a partire dai primi anni '90 di una discografia eclettica ed assai nutrita, difficile da inserire in una particolare corrente, come quella dell'altro contemporaneo sperimentatore Jim O'Rourke. Nel corso egli anni Youngs ha realizzato musiche assai diverse, cimentandosi con l'elettronica come con una musica acustica influenzata dal folk britannico, il minimalismo, ed il low fi. Oltre ad una prolifica attivita' solista, Youngs ha anche dato vita a numerose collaborazioni, ad esempio quelle con Simon Wickham-Smith, Makoto Kawabata e Neil Campbell.
Euro
21,00
codice 6001660
scheda
Youngs richard Beyond the valley of ultralights
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2009  jagjaguwar 
indie 90
Rimasterizzato in vinile per la prima volta, copertina completa di coupon per scaricare digitalmente l'intero album, adesivo sul cellophane, etichetta verde con bordo bianco e scritte bianche, Lp, pubblicato dalla Jagjaguwar nel 2010, originariamente uscito nel 2009, solo in versione Cd, a tiratura limitata, su Sonic-Oyster records, dopo "Under stellar stream" (09). Lavoro condiserato fra i suoi piu' accessibili, nonche' da accostare capolavori come l'esordio "Advent" (90), "Sapphie" (98) e "The naive Shaman" (05), in quanto capace di mettere in luce, in un modo naturale, una fluidita' melodica quasi pop, con la voce particolare di Youngs, impastata di folk, registrata in multitraccia, continuamente circondata da loops ipnotici, da sonorita' calde, da qualche feedbacks atonale e da sintetizzatori analogici. Mentre la ritmica, basso dinamico e drum machine decisamente delicata, fungono da collante, operando linee tendenti alla new wave. I riferimenti portano a Peter Gabriel, Brian Eno e i Silver Apples. Il musicista inglese Richard Youngs e' autore a partire dai primi anni '90 di una discografia eclettica ed assai nutrita, difficile da inserire in una particolare corrente, come quella dell'altro contemporaneo sperimentatore Jim O'Rourke. Nel corso egli anni Youngs ha realizzato musiche assai diverse, cimentandosi con l'elettronica come con una musica acustica influenzata dal folk britannico, il minimalismo, ed il low fi. Oltre ad una prolifica attivita' solista, Youngs ha anche dato vita a numerose collaborazioni, ad esempio quelle con Simon Wickham-Smith, Makoto Kawabata e Neil Campbell.
Euro
21,00
codice 2017258
scheda
Youngs richard Richard Youngs Tirath Singh Nirmala
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2007  hp cycle 
indie 90
Copertina lucida a busta senza codice a barre, piccolo inserto a colori in carta ruvida, label custom fotografica a colori. Pubblicato nel 2007 dalla Hp-Cycle, questo album e' frutto della collaborazione fra Richard Youngs e Tirath Singh Nirmala, nome assunto da John Clyde-Evans degli Hood dopo la conversione alla religione Sikh. Il duo da' vita ad un disco meditativo ed atmosferico, contraddistinto da ipnotici e minimali tappeti di organo e di strumenti a fiato, mentre in alcuni brani si fanno strada echi di gamelan di Bali. L'atmosfera dell'album e' decisamente orientaleggiante e vagamente psichedelica. Il musicista inglese Richard Youngs e' autore a partire dai primi anni '90 di una discografia eclettica ed assai nutrita, difficile da inserire in una particolare corrente, come quella dell'altro contemporaneo sperimentatore Jim O'Rourke. Nel corso egli anni Youngs ha realizzato musiche assai diverse, cimentandosi con l'elettronica come con una musica acustica influenzata dal folk britannico, il minimalismo, ed il low fi. Oltre ad una prolifica attivita' solista, Youngs ha anche dato vita a numerose collaborazioni, ad esempio quelle con Simon Wickham-Smith, Makoto Kawabata e Neil Campbell.
Euro
25,00
codice 4016787
scheda
Youngs richard Rurtain
12" [edizione] nuovo  stereo  uk  2012  alter 
indie 90
Edizione a tiratura limitata a 300 copie, copertina senza codice a barrre, etichetta nera con scritte bianche, parte centrale multicolortaa, 12" pubblicato dalla Alter nel 2012, dopo il full lenght "Amplifying host (estate 11), contenente 5 differenti missaggi di "Rurtain": Shony Don, Keyomarno, Astral Social Club, John Clyde Evans e Oneohtrix Point Never. Il musicista inglese Richard Youngs e' autore a partire dai primi anni '90 di una discografia eclettica ed assai nutrita, difficile da inserire in una particolare corrente, come quella dell'altro contemporaneo sperimentatore Jim O'Rourke. Nel corso egli anni Youngs ha realizzato musiche assai diverse, cimentandosi con l'elettronica come con una musica acustica influenzata dal folk britannico, il minimalismo, ed il low fi. Oltre ad una prolifica attivita' solista, Youngs ha anche dato vita a numerose collaborazioni, ad esempio quelle con Simon Wickham-Smith, Makoto Kawabata e Neil Campbell.
Euro
20,00
codice 6002497
scheda
Youngs richard the naive shaman
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2005  jagjaguwar 
indie 90
ristampa pressoché identica alla prima tiratura. Pubblicato dalla Jagjaguar nel 2005, ''The naive shaman'' esce dopo ''River through howling sky'' (2004). In questo lavoro Youngs da' vita ad un originale amalgama di elettronica ed atmosfere folk; la musica e' realizzata con chitarra e basso distorti elettronicamente fino a diventare irriconoscibili in un ipnotico e liquido tappeto sonoro, mentre il canto meditativo ed oscuro di Youngs sembra ispirarsi sia al folk che a Robert Wyatt. Il musicista inglese Richard Youngs e' autore a partire dai primi anni '90 di una discografia eclettica ed assai nutrita, difficile da inserire in una particolare corrente, come quella dell'altro contemporaneo sperimentatore Jim O'Rourke. Nel corso egli anni Youngs ha realizzato musiche assai diverse, cimentandosi con l'elettronica come con una musica acustica influenzata dal folk britannico, il minimalismo, ed il low fi. Oltre ad una prolifica attivita' solista, Youngs ha anche dato vita a numerose collaborazioni, ad esempio quelle con Simon Wickham-Smith, Makoto Kawabata e Neil Campbell.
Euro
20,00
codice 2059665
scheda
Lp+cd [edizione] nuovo  stereo  usa  2007  vhf 
indie 90
Copertina liscia a busta senza codice a barre, allegato il cd ''Lotus edition'' con copertina in cartoncino a colori, registrato dal vivo nel luglio del 2006 dai due musicisti, label custom bianca con scritte nere e disegni differenti su ciascuna facciata, adesivo circolare sul cellophane. Pubblicato nel giugno del 2007 dalla VHF, questo album e' frutto della collaborazione fra i due musicisti indie: il vinile ''Electric lotus'' e' composto da lunghe improvvisazioni elettriche, dissonanti, aggressive ed ossessive, continuamente tese verso il noise, mentre il cd ''Lotus edition'' presenta lo stesso duo in un set a base di batteria e shakuhachi, piu' disteso ed ipnotico. Il musicista inglese Richard Youngs e' autore a partire dai primi anni '90 di una discografia eclettica ed assai nutrita, difficile da inserire in una particolare corrente, come quella dell'altro contemporaneo sperimentatore Jim O'Rourke. Nel corso egli anni Youngs ha realizzato musiche assai diverse, cimentandosi con l'elettronica come con una musica acustica influenzata dal folk britannico, il minimalismo, ed il low fi. Oltre ad una prolifica attivita' solista, Youngs ha anche dato vita a numerose collaborazioni, ad esempio quelle con Simon Wickham-Smith, Makoto Kawabata e Neil Campbell.
Euro
22,00
codice 3501131
scheda
Youngsters The army of 1-0
LP2 [edizione] originale  stereo  ger  2004  f communications 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good indie 2000
Bella copia con leggeri segni di usura sull'angolo superiore destro della copertina, prima stampa, pressata in Germania, vinile doppio, copertina apribile con barcode 5413356646313, label custom grigia su di una facciata ed a colori sull'altra, con artwork diverso su ciascuna delle quattro facciate, catalogo F194DLP, scritta ''nilz – the exchange'' incisa sul trail off di tutte le facciate. Pubblicato nel marzo del 2004 dalla F Communications, il secondo dei loro due album, successivo a ''Lemonorange'' (2001). Dopo l'interessante esordio che mostrava forti influenze della techno di Detroit, il duo francese sforna qui un lavoro piu' maturo e personale, ancora ispirato dalla dance elettronica degli anni '80 ma ricco di sfumature che vanno da quelle jazzate a quelle ambient. Nonostante una partenza scatenata e hooliganistica come quella di ''Place, race & face'', uno dei soli due brani cantati, l'album prosegue su toni meno spigolosi e spesso aperti alle visioni distensive della ambient techno, al groove funk-tronico, ai glitch ed alla drum'n'bass. Questo duo techno di Montpellier, composto da Olivier Mateu e Gilles Escoffier, e' stato nei primi anni 2000 tra i nomi piu' considerati della nuova scena europea, con uno stile maturo e raffinato influenzato dall'ambient, dal jazz, dalla new wave, ed in particolare dall'electro. Hanno pubblicato due album, ''Lemonorange'' (2001) e ''The army of 1-0'' (2004), oltre ad un buon numero di singoli e 12'' usciti fra il 1999 ed il 2008.
Euro
16,00
codice 329089
scheda
Your 33 black angels Moon amd morning star
Lp [edizione] originale  stereo  usa  2012  self-produced 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
Prima stampa americana, autoprodotta in 1000 copie, copertina stampata a mano, qui' nella versione viola ed amaranto, senza codice a barre, etichetta custom. Pubblicato nel febbraio 2012, dopo "Songs from the near bleak future" (10), il quinto ottimo album del gruppo americano di Brooklyn, composto da una line-up di sette elementi con 4 chitarre, tastiera e batteria, ed autore di un rock psichedelico dai forti aromi 60's, con brani ora chitarristici e graffianti, che possono richiamare i Velvet Underground o certi Dream Syndicate, ora piu' dilatati ed atmosferici, pur mantenendo sempre un approccio genuinamente grezzo e "garagey", quasi una risposta dalla 'east coast' ai gruppi californiani contemporanei come Thee Oh Sees, Fresh & Onlys e Sic Alps. La band nel corso della propria carriera si e' affermata soprattutto grazie a chiassose performances dal vivo, con sets che spesso contemplano anche 2 batterie. Debuttano nel 2007 con "Lonely street", cui succedono "Tals of my pop-rock love life" nel 2008, "Pagan princess" nel 2009, "Songs from the near bleak future" nel 2010 e "Moon and morning star" nel 2012.
Euro
23,00
codice 601511
scheda
Your 33 black angels Moon amd morning star
Lp [edizione] originale  stereo  usa  2012  self-produced 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
Prima stampa americana, autoprodotta in 1000 copie, copertina stampata a mano, qui' nella versione amaranto e grigia, senza codice a barre, etichetta custom. Pubblicato nel febbraio 2012, dopo "Songs from the near bleak future" (10), il quinto ottimo album del gruppo americano di Brooklyn, composto da una line-up di sette elementi con 4 chitarre, tastiera e batteria, ed autore di un rock psichedelico dai forti aromi 60's, con brani ora chitarristici e graffianti, che possono richiamare i Velvet Underground o certi Dream Syndicate, ora piu' dilatati ed atmosferici, pur mantenendo sempre un approccio genuinamente grezzo e "garagey", quasi una risposta dalla 'east coast' ai gruppi californiani contemporanei come Thee Oh Sees, Fresh & Onlys e Sic Alps. La band nel corso della propria carriera si e' affermata soprattutto grazie a chiassose performances dal vivo, con sets che spesso contemplano anche 2 batterie. Debuttano nel 2007 con "Lonely street", cui succedono "Tals of my pop-rock love life" nel 2008, "Pagan princess" nel 2009, "Songs from the near bleak future" nel 2010 e "Moon and morning star" nel 2012.
Euro
23,00
codice 236918
scheda
Your 33 black angels Songs from the near bleak future
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  can  2010  optical sounds 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
Seconda stampa realizzata, come la prima tiratura, dalla etichetta canadese Optical Sounds, (la prima in edizione limitata a 1000 copie in vinile 180 gr.), copertina senza codice a barre con scritte e disegni in rilievo fronte/retro, etichetta nera con scritte bianche, Lp pubblicato in Canada dalla Optical Sounds (OSLP 002) nel dicembre 2010, dopo "Pagan princess" (09), prima di "Moon and morning star" (12), il quarto album della band di Brooklyn. "Songs from the near bleak future" presenta tastiere spaziali ed arrangiamenti molto ritmici, in un suono che integra riffs chitarristici lo-fi alla Pavement e Built to Spill, con la sempre presente componente velvetiana che fa' capolino qua' e la' tra i solchi, mentre la voce di Josh Westfal e' assestata su coordinate che evocano Daniel Johnston. Your 33 Black Angels e' un collettivo di Brooklyn, composto da una line-up di sette elementi con 4 chitarre, tastiera e batteria, con la voce del cantante, Josh Westfal, che ricorda quella di Lou Reed. La band nel corso della propria carriera si e' affermata soprattutto grazie a chiassose performances dal vivo, con sets che spesso contemplano anche 2 batterie. Debuttano nel 2007 con "Lonely street", cui succedono "Tals of my pop-rock love life" nel 2008, "Pagan princess" nel 2009, "Songs from the near bleak future" nel 2010 e "Moon and morning star" nel 2012.
Euro
18,00
codice 601512
scheda
Yves tumor Heaven to a tortured mind
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  warp 
indie 2000
adesivo su cellophane, coupon per download, copertina apribile. Il quarto album del produttore Sean Bowie a nome Yves Tumor, seconda opera uscita per casa Warp, un disco che mischia il Glam di Bowie alle tentazioni funky di Beck o Prince. note a seguire Sean Bowie, meglio conosciuto con l'alias Yves Tumor, è un producer e polistrumentista americano : nato e cresciuto in Tennessee, poi trasferitosi in California nei suoi primi vent'anni e influenzato fortemente dai Throbbing Gristle, diventa parte della scena sperimentale losangelina collaborando con Star Slinger, James Ferraro e Jónó Mí Ló. Yves Tumor è una delle tante anime di Sean Bowie, "Serpent Music" (2016) e "Safe in the Hands of Love" (2018) sono i due album in studio a nome Yves Tumor. Il primo ha una forte matrice free nell'approcciarsi ai generi, dal sound collage all'hypnagogic Pop; il secondo disco, invece, è leggermente più accessibile pur mantenendo le coordinate stilistiche del precedente.
Euro
30,00
codice 2111777
scheda
Yves tumor Safe in the hands of love
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  warp 
indie 2000
doppio vinile, copertina apribile, inserto, 2 adesivi su cellophane. Con "Safe in the Hands of Love" (2018) Yves Tumor passa dalla Pan alla Warp ma continua a sperimentare sfuggendo a qualsivoglia catalogazione viaggiando da un genere all'altro, da scenari post industrial a sfumature dream pop, da vibrazioni future-r&b a battiti trip hop. Sean Bowie, meglio conosciuto con l'alias Yves Tumor, è un producer e polistrumentista americano : nato e cresciuto in Tennessee, poi trasferitosi in California nei suoi primi vent'anni e influenzato fortemente dai Throbbing Gristle, diventa parte della scena sperimentale losangelina collaborando con Star Slinger, James Ferraro e Jónó Mí Ló. Yves Tumor è una delle tante anime di Sean Bowie, "Serpent Music" (2016) e "Safe in the Hands of Love" (2018) sono i due album in studio a nome Yves Tumor. Il primo ha una forte matrice free nell'approcciarsi ai generi, dal sound collage all'hypnagogic Pop; il secondo disco, invece, è leggermente più accessibile pur mantenendo le coordinate stilistiche del precedente.
Euro
32,00
codice 2118843
scheda
Z'ev Outer bounds of sound
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2008  noiseville 
punk new wave
Edizione limitata a 300 copie, copertina liscia a busta senza codice a barre e con disegni su foglietti di carta incollati sul fronte e sul retro, piccolo inserto promozionale dell'etichetta Noiseville, label nera con scritte bianche, catalogo NOISEVILLE81. Pubblicato nel 2008 dalla Noiseville, nell'ambito della sua serie di lp ''Outer bound of sound'', questo album del seminale progetto del musicista sperimentale americano Stefan Weisser si compone di due lunghi brani in bilico fra una sorta di dark ambient siderale e rumorismo ''calmo'', e su oscuri tappeti percussivi riecheggianti dal profondo che sostengono voci narranti, il tutto vicino ai lavori di musicisti come Nurse With Wound ed i primi Current 93. Stefan Weisser, nella incarnazione della creatura Z'ev, e' tra i personaggi piu' importanti e sottovalutati della musica d'avanguardia e sperimentale; sovversivo e rivoluzionario culturale, studioso e praticante del suono e dei suoi significati profondi senza alcun confine tra teoria e pratica, le sue analisi su "usi pratici di numeri, ritmi e suoni" sono state pubblicate nel libro Rhythmajik del 1992 dove riformula completamente la tradizione mistica della Cabala, testo complesso e difficile che offre accesso a piani piu' elevati di coscienza. Nato a Los Angeles riceve due nomi Stefan Joel Weisser ed il nome giudaico Sha'ul Z'ev. Personaggio eccentrico e fantomatico inizio' ad utilizzare nomi diversi per indicare personalita' creative diverse. Yoel si e' occupato di musica percussiva, Shau'l Z'ev s'interesso' di studi cabalistici, Shau'l compose musica per organo e nastri, quest'ultimo sotto lo pseudonimo traslitterato in inglese Saul Zev compose voce e parole per il gruppo Uns che produceva ritmi e deliri a bassa teconologia. Weisser inizia i suoi studi musicali nel 1957, nel 1963 inizia la sua militanza in gruppi rock'n'roll a Los Angeles fino a giungere al 1966 quando formera' il gruppo Ariel che si sciogliera' dopo alcune trattative con l'etichetta Bizarre Records di Frank Zappa, dal 1969 al 1975 studia la musica tribale ghanese Ewe (ei-uei) con Alfred Ladzekpo per poi passare, insieme a Emmet Williams appartenente al movimento Fluxus, allo studio della poesia concreta che lo vedra' esecutore di alcune sue poesie a nome Stefan Weisser, ritorna alla musica e forma i Cellar M dalle cui ceneri si formeranno i Rythm and Noise, nel 1977 forma il gruppo To che si sciogliera' dopo un tour in Giappone, sempre nel 1977 si esibira' per la prima volta in un suo spettacolo percussivo, a nome Z'ev lavora e si esibisce con Johanna Went, Non, Dna, Rythm And Noise, Throbbing Gristle, Clock Dva, Cabaret Voltaire, Uns.
Euro
25,00
codice 2044101
scheda
Zaimph / j. graf Zaimph / j. graf (ltd. clear vinyl)
7" [edizione] originale  stereo  swe  2010  ideal recordings 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
Singolo in formato 7", prima rarissima stampa, pressata in edizione limitata in un totale di 100 esemplari in tre diverse versioni viniliche (una in vinile nero, una trasparente con sfumature rosa, e l'altra, come questo esemplare, uniformemente trasparente), copertina costituita da inserto con artwork in bianco e nero sul fronte e sul retro, label neutra bianca con logo iDEAL Recordings apposto con timbro in bianco e nero su di una facciata, catalogo iDEAL067. Pubblicato nel 2010 dalla svedese iDEAL Recordings, lo split 7" fra Zaimph e J.Graf, due progetti sperimentali femminili provenienti dagli Stati Uniti. Zaimph contribuisce con "Infinite higher demons", una trama chitarristica elettrica al confine fra noise e psichedelia, con un tocco orientaleggiante che si sente fra le increspature del suono; J. Graf propone invece "Gnawing the root", un brano più dilatato, melodico ed ipnotico, con delicate melodie di chitarra che si intrecciano con arie di flauto disperse dall'eco in un mantra sonico anch'esso dai contorni psichedelici. Zaimph è i progetto solista di Marcia Bassett, artista indipendente che crea una musica al confine fra il concettualismo ed il puro senso, impiegando strumento elettronici fai da te, chitarra preparata, field recordings e sintetizzatori digitali ed analogici; ha pubblicato numerose opere a partire dai primi anni del XXI secolo. J. Graf è sigla dietro la quale si cela Jenny Graf Sheppard / Bibulah, musicista e regista basata a Baltimora in Maryland, già attiva da metà anni '90 nel progetto Metalux con MV Carbon.
Euro
8,00
codice 335809
scheda
Zamboni massimo (cccp, c.s.i.) L'inerme è l'imbattibile (ltd. numbered)
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  2008  la scena dischi 
punk new wave
Edizione limitata a 300 copie numerate sul retro copertina, senza codice a barre, label custom, catalogo LSD006. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2021 ad opera de La Scena Dischi, originariamente uscito solo in cd per Il Manifesto nel 2008, il secondo album solista di Massimo Zamboni, già membro cofondatore dei CCCP e poi dei CSI, successivo a "Sorella sconfitta" (2004) ed alla colonna sonora "L'orizzonte degli eventi" (2005), e precedente "La macchia mongolica" (2020). In origine "L'inerme imbattibile" uscì contestualmente ad un DVD video di Stefano Savona, "Il tuffo della rondine", ed a un "quaderno" di 52 pagine di riflessioni e testi scritte da Zamboni sulla città di Mostar in Bosnia. Un'opera sulla fragilità della condizione umana, come situazione oggettiva ma anche come tema da riscoprire, ma anche sulla tragedia di Mostar afflitta dalle devastazioni della guerra. Rispetto al suo primo album, Zamboni fa qui un uso maggiore della sua voce, affidandosi meno alle voci ospiti, cantando testi ermetici, supportato da una musica soffusa, minimale ed introspettiva, dagli scarni arrangiamenti elettroacustici. Questa la scaletta: "Quasi Tutti", "Prove Tecniche Di Resurrezione", "Cranja", "Gloria Gracile", "Rivolta Cranica", "Quando Se Non Ora", "L'ovvio Diritto Al Nucleare Di Una Vergine Iraniana", "Nel Mattino Estremo", "Don't Forget", "Persona Non Grata".
Euro
29,00
codice 3515241
scheda
Zamboni massimo (cccp, c.s.i.) La macchia mongolica
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  universal 
punk new wave
Copertina apribile, catalogo 0864615. Pubblicato nel gennaio del 2020 dalla Universa, il nuovo album solista di Massimo Zamboni, già membro cofondatore dei CCCP e poi dei CSI, è parte di un progetto che si articola in tre lavori distinti ma collegati, e che condividono lo stesso titolo: un libro, scritto da Zamboni con la figlia Caterina Russia, un film documentario, girato da Piergiorgio Casotti, e questo album, realizzato da Massimo (chitarra) con Cristiano Roversi (basso) e Simone Beneventi (percussioni). Tutta l'opera è ispirata dal forte rapporto di Zamboni e della sua famiglia con la Mongolia, paese già visitato negli anni '90 insieme a Giovanni Lindo Ferretti, in un viaggio che avrebbe poi ispirato il terzo bellissimo album dei CSI, "Tabula rasa elettrificata", uscito nel 1997, e poi un libro scritto dallo stesso Zamboni, "Mongolia in retromarcia" (2009); la figlia Caterina, nata pochi anni dopo quel viaggio con una peculiare macchia sulla pelle, nota come "macchia mongolica", che ricorre frequentemente nei bambini dell'Asia orientale per poi scomparire con la crescita, ma che mantiene nella cultura mongola anche una valenza culturale e spirituale, ha manifestato il desiderio di tornare in Mongolia, ed ecco che ora emerge questa suggestiva opera multimediale. L'album contiene musiche quasi interamente strumentali, con un unico pezzo cantato, "Lunghe d'ombre", ed è un lavoro dalle sonorità contemplative e dilatate, che sembrano riflettere lo sconfinato orizzonte dei paesaggi mongolici.
Euro
27,00
codice 2091695
scheda
Zamboni massimo (cccp, c.s.i.) La mia patria attuale
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2022  universal 
punk new wave
Copertina apribile, inner sleeve con testi, label custom a colori con particolari dello artwork di copertina, diversi su ciascuna facciata, catalogo 4524558. Pubblicato nel gennaio del 2022 dalla Universal Music Group, il nuovo album solista di Massimo Zamboni, già membro cofondatore dei CCCP e poi dei CSI, successivo a "La macchia mongolica" (2020). "La mia patria attuale" è una profonda, spesso dolente e disillusa, riflessione su ciò che il paese e la società italiana sono divenuti nel corso degli ultimi decenni, sotto la luce (o forse meglio, sotto l'ombra) della pesante situazione generatasi con gli anni della pandemia, fra speranze tradite, incapacità di superare le contraddizioni della cultura e della mentalità italiana moderna, e forse anche nodi che vengono al pettine dopo anni di circoli viziosi. Musicalmente Zamboni, qui prodotto da Alessandro Stefana, chitarrista collaboratore di Vinicio Capossela, si muove fra scarni arrangiamenti acustici ed atmosferiche sonorità elettroacustiche, esprimendo una musica molto vicina al cantautorato (la critica ha suggerito accostamenti a De André e Guccini), come anche a gruppi come i CSI ed a vocalità che richiamano Giovanni Lindo Ferretti. Questa la scaletta: "Gli altri e il mare", "Canto degli sciagurati", "Ora ancora", "Italia chi amò", "Il nemico", "Tira ovunque un'aria sconsolata", "Nove ore", "La mia patria attuale", "Fermamente collettivamente", "Il modo emiliano di portare il pianto".
Euro
27,00
codice 2120001
scheda
Zappa frank zappa (original motion picture soundtrack - crystal clear)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  zappa records / universal 
rock 60-70
doppio album, in vinile trasparente pesante 180 grammi, copertina apribile, adesivo di presentazione sul cellophane, inserto apribile. Pubblicato nel maggio del 2021, un prezioso estratto dalla colonna sonora del film realizzato dal regista Alex Winter, che ha riunito Gail Zappa, la sua vedova, e diversi suoi collaboratori musicali, tra cui Mike Keneally, Ian Underwood, Steve Vai, Pamela Des Barres, Bunk Gardner, David Harrington, Scott Thunes, Ruth Underwood, Ray White e altri per parlare del grande musicista americano. Il materiale contenuto, attinto dagli archivi della famiglia del musicista, e' in parte del tutto inedito, in parte inedito in vinile, e in altri casi, comunque, di ardua reperibilita'. Questa la lista dei brani di questa versione in doppio lp, un condensato di quella uscita in un box quintuplo: A1. Motherly Love (da FREAK OUT!), A2. Memories Of El Monte (Live from the Whisky 1968), A3. Oh! In The Sky (Live from the Whisky 1968), A4. The Duke (Live from the Whisky 1968), A5. How Could I Be Such A Fool? (dall' album, inizialmente una stampa privata, MYSTERY DISC), A6. Absolutely Free (da WHERE ONLY IN IT FOR THE MONEY), B1. Call Any Vegetable (Excerpts) (Live at Fillmore West November 6, 1970), B2. Road Ladies (da CHUNGA'S REVENGE), B3. Cheepnis (Live at the Roxy, 12/10/73, Show 1, da THE ROXY PERFORMANCES), B4. Apostrophe (Live in Los Angeles, Rehearsal Hall June 21, 1974), B5. Sofa (1977 Mix, Live, da ZAPPA IN NEW YORK Deluxe), C1. The Black Page #1 (Piano Version, da ZAPPA IN NEW YORK Deluxe), C2. Mo's Vacation (Live in Munich 1978), C3. Dancin' Fool (Live on Saturday Night Live, October 21, 1978), C4. Valley Girl (da SHIP ARRIVING TOO LATE TO SAVE A DROWNING WITCH), C5. The Meek Shall Inherit Nothing (Live at The Pier, NYC, 1984), C6. R. 2911 (da FRANK ZAPPA MEETS THE MOTHERS OF PREVENTION), D1. Envelopes (1983 Original Vinyl Mix), D2. Get Whitey (da THE YELLOW SHARK), D3. G-Spot Tornado (da THE YELLOW SHARK), D4. Watermelon In Easter Hay (Live, 1978, da FRANK ZAPPA PLAYS THE MUSIC OF FRANK ZAPPA: A MEMORIAL TRIBUTE).
Euro
52,00
codice 3031877
scheda

Page: 254 of 256


Pag.: oggetti: