Hai cercato:  Akiyoshi toshiko �� lew tabackin big band --- Titoli trovati: : 0
cercando tra gli autori separatamente le parole:  Akiyoshi toshiko �� lew tabackin big band --- Titoli trovati:  548
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Lp [edizione] originale  mono  usa  1967  reprise 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Excellent rock 60-70
COPIA ANCORA INCELLOPHANATA, sebbene con lievi segni di invecchiamento sul vinile, della rara stampa originale americana nella piu' rara e ricercata versione MONO!!!!!!, copertina cartonata, etichetta Reprise tricolore. Pubblicato nel 1967 prima di "Volume 2" e dopo "West Coast Pop Art Experimental Band". Non entrato nelle classifiche USA, ne' in di quelle UK. Il secondo album. Il primo propriamente distribuito e pubblicato dalla Reprise, e' certamente uno dei migliori lavori della psychedelia underground americana, album dai connotati particolari che mischia sperimentazione e pop, psychedelia e suoni folk rock, si compone di brani brevi della durata di 2 o 3 minuti, anche se molte sono le somiglianze con i gruppi del periodo, quali i Byrds, i Jefferson, e persino i Kinks, tra i brani moltissimi quelli da ricordare, "Transparent Day," la cover di P.F. Sloan "Here's Where You Belong" e "If You Want This Love", la barocca ed orchestrale "Will You Walk With Me", "Shifting Sands", con le chitarre effettatissime e distorte, "I Won't Hurt You", "Leiyla", la cover di Frank Zappa "Help, I'm a Rock", "1906", colonna sonora di un ''viaggio'' in acido, "I don't feel well" e "Scuse Me, Miss Rose", composizione di Bob Johnston, il produttore di Bob Dylan/Johnny Cash/Simon & Garfunkel". Un album bellissimo, degno di figurare tra i massimi esempi della psychedelia di grande epoca americana.
Euro
175,00
codice 230795
scheda
West coast pop art experimental band vol. 2 (mono, color vinyl ltd.)
Lp [edizione] nuovo  mono  usa  1967  jackpot 
rock 60-70
ristampa ufficiale, ottenuta dai masters analogici originali nella loro versione in mono, EDIZIONE LIMITATA IN VINILE COLORATO, copertina senza barcode pressoche' identica a quella della originaria tiratura su Reprise. Pubblicato nel 1967 dopo "Part One" e prima di "A child's guide to good and evil", non entrato nelle classifiche Usa, ne' in quelle Uk, il terzo album. Assai piu' sperimentale e meno concentrato su brani di breve durata di quanto non fosse ''Part One'', rispetto a quello e' un lavoro dalla struttura piu' free e propriamente psychedelica ma anche assai piu' sperimentale, che tuttavia mantiene ancora un sapore ed uno spirito pop e melodico, come nella splendida "Smell of Incense" o nella bizzarra "Suppose They Give a War and No One Comes". Il compositore principale del gruppo, Bob Markley, si cimenta poi con un testo del 1936 di Franklin Roosevelt su un muro di chitarre in feedback, mentre in altri brani quali "In the Arena" e "Overture - WCPAEB Part II" prende campo la psichedelia free-form, ed in altri ancora la sperimentazione, come in "Buddha". Uno splendido lavoro di psichedelia, pubblicato nell'anno canononico del movimento, 1967, purtroppo ancora non sufficentemente considerato come il suo valore artistico imporrebbe. Formati dai fratelli Harris e Michael Lloyd nel 1964 quando erano ancora studenti all' Hollywood Professional School; Shaun e Danny erano i figli del conosciutissimo compositore classico Roy Harris, mentre Michael era una sorta di picolo genio, gia' al lavoro con i New Dimensions. Iniziano con il nome di The Laughing Wind, e registrano un 45 per la Tower Records ("Good To Be Around"/"Don't Take Very Much To See Tomorrow"). La formazione si allarga per i primi concerti, includendo John Ware p Hal Blaine e Jimmy Gordon mentre Bob Markley, allora gia' 30enne, viene inserito nella band su consiglio di Kim Fowley ma, come da sua stessa ammissione, Markley non era in grado di cantare ne' tantomeno suonare alcuno strumento, quindi quale fosse in questo periodo il suo ruolo nel gruppo rimane un mistero. La West Coast Pop Art Experimental Band era il primo gruppo di Los Angeles ad avere un light show oltre ad essere una delle principali attrazioni dell' Underground citatdino, con le Mothers Of Invention che aprivano come gruppo di supporto i loro concerti. I fratelli Dan Harris e Shawn Harris furono anche nei California Spectrum autori di alcuni 45 giri (talora con la partecipazione dell' altro WCPAEB Michael Lloyd), poi Shawn pubblichera' anche un lavoro solista nel 73 per la Capitol. La discografia piu' ricca e' pero' quella del talentuosissimo Michael Lloyd, che interrompera' periodicamente la sua partecipazione al progetto West Coast Pop Art Experimental Band per conflitti creativi con Markley, partecipando al progetto Fire Escape nel '67, pubblicando nel 68 un album con gli October Country per la Epic ed uno splendido album con gli Smoke per la Sidewalk, diversi lavori con la studio band Rubber Band per la GRT, partecipando in varia misura a lavori di St. John Green, American Revolution, A.B. Skhy e Grains Of Sand, spesso anche come arrangiatore e sovente in coppia con Kim Fowley.
Euro
34,00
codice 3028861
scheda
West coast pop art experimental band vol. 3 - a child's guide to good and evil (180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa del 2021, in vinile 180 grammi per audiofili, copertina pressoche' identica a quella della originaria tiratura su Reprise. Pubblicato dalla Reprise in Usa nel 1968, dopo "Vol.2" e prima di "Where is my daddy ?", il quarto album. E' l' episodio piu' vicino al rock californiano della fine degli anni 60 dell' intera loro produzione, ma con un tocco di stranezza ed originalita', memore della psichedelia del secondo e del terzo album, che e' spesso mancante nei gruppi del periodo. Il leader della band, Bob Markley, non si adagia certo su di una musica di routine, basta ascoltare la provocante e radicale 'Anniversary of World War III', interamente silenziosa, piu' vicina ad un episodio di John Cage che ad un comune album di rock and roll della L.A. del 1968, o la bellissima melanconica ballata 'Eighteen Is Over the Hill', dal testo oscuro e profetico. Formati dai fratelli Harris e Michael Lloyd nel 1964 quando erano ancora studenti all' Hollywood Professional School; Shaun e Danny erano i figli del conosciutissimo compositore classico Roy Harris, mentre Michael era una sorta di picolo genio, gia' al lavoro con i New Dimensions. Iniziano con il nome di The Laughing Wind, e registrano un 45 per la Tower Records ("Good To Be Around"/"Don't Take Very Much To See Tomorrow"). La formazione si allarga per i primi concerti, includendo John Ware p Hal Blaine e Jimmy Gordon mentre Bob Markley, allora gia' 30enne, viene inserito nella band su consiglio di Kim Fowley ma, come da sua stessa ammissione, Markley non era in grado di cantare ne' tantomeno suonare alcuno strumento, quindi quale fosse in questo periodo il suo ruolo nel gruppo rimane un mistero. La West Coast Pop Art Experimental Band era il primo gruppo di Los Angeles ad avere un light show oltre ad essere una delle principali attrazioni dell' Underground citatdino, con le Mothers Of Invention che aprivano come gruppo di supporto i loro concerti. I fratelli Dan Harris e Shawn Harris furono anche nei California Spectrum autori di alcuni 45 giri (talora con la partecipazione dell' altro WCPAEB Michael Lloyd), poi Shawn pubblichera' anche un lavoro solista nel 73 per la Capitol. La discografia piu' ricca e' pero' quella del talentuosissimo Michael Lloyd, che interrompera' periodicamente la sua partecipazione al progetto West Coast Pop Art Experimental Band per conflitti creativi con Markley, partecipando al progetto Fire Escape nel '67, pubblicando nel 68 un album con gli October Country per la Epic ed uno splendido album con gli Smoke per la Sidewalk, diversi lavori con la studio band Rubber Band per la GRT, partecipando in varia misura a lavori di St. John Green, American Revolution, A.B. Skhy e Grains Of Sand, spesso anche come arrangiatore e sovente in coppia con Kim Fowley.
Euro
29,00
codice 3028553
scheda
Westbrook mike concert band Marching song vol. 1
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1969  deram 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good jazz
prima molto rara stampa inglese, copertina (con qualche segno di invecchiamento) laminata sul fronte e liscia sul retro, con buco stereo-mono sul retro, pressata da Clout & Baker, ancora corredata della originaria inner sleeve della Decca/Deram bianca ed azzurra "stereo", etichetta bianca e rossa con scritte lungo la circonferenza in alto, senza logo "r" accanto al logo Deram, catalogo SML1047. Pubblicato nel 1969 dalla Deram nel Regno Unito, contemporaneamente al secondo volume (che ha numero di catalogo immediatamente superiore), questo è il primo volume della doppia opera "Marching song", accreditata alla Mike Westbrook Marching Band, è un'ambiziosa opera di jazz per big band sul tema della guerra e della vita del soldato: l'ensemble sembra voler trasporre in note musicali le atmosfere, le speranze, le nevrosi di una nazione in guerra, dall'entusiasmo (dalle venature sottilmente sinistre espresse dalle lievi dissonanze) di "Hooray!", alla confusione ed all'incertezza di chi si trova in mezzo ad un conflitto di "Other world", ma anche la apparente e lirica calma della pianistica "Landscape". Ispirato da Duke Ellington, William Blake e Kurt Weill, il jazzista inglese Mike Westbrook è uno dei maggiori esponenti nell'ambito delle big band del Regno Unito durante gli anni '60 e '70. Suona anche jazz rock all'inizio degli anni '70 con i Solid Gold Cadillac, tornando poi al jazz orchestrale e cimentandosi sovente con musiche per opere teatrali.
Euro
100,00
codice 331554
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  rus  1968  audio clarity 
jazz
Vinile da 180 grammi, copertina senza codice a barre. Ristampa del 2020 ad opera della Audio Clarity, pressoché identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1968 dalla Deram nel Regno Unito, il secondo album della Mike Westbrook Concert Band, successivo a "Celebration" (1967) e precedente il primo capitolo del dittico "Marching song" (1969). Inciso il 7 ed il 9 agosto del 1968 da Mike Westbrook (pianoforte), John Surman (sax baritono), Mike Osborne (sax alto), Bernie Living (sax alto), Nisar Ahmed Khan (sax tenore), Dave Holdsworth (tromba, flicorno), Malcolm Griffiths (trombone), Paul Rutherford (trombone), Harry Miller (contrabbasso) ed Alan Jackson (batteria). "Release" combina la vitalità festante e la coralità di molto jazz per big band con l'individualità del bop e del post bop, generando una scoppiettante dialettica fra improvvisazioni di gruppo e soliste fra i robusti assoli di trombone di Rutheford e Griffiths, il solido groove ritmico elaborato da Alan Jackson e Harry Miller (quest'ultimo poi con i Brotherhood Of Breath del sudafricano Chris McGregor), i ricami vivaci, talora al confine fra melodia e dissonanza, degli ottoni. Questa la scaletta: "The few (I)", "For ever and a day", "Lover man", "We salute you!", "The few (II)", "Folk song (I)", "Flying home", "Sugar", "Take me back (I)", "Rosie", "Who's who", "Gee baby, ain't I good to you?", "Can't get it out of my mind", "The girl from ipanema", "Folk song (II)", "Take me back (II)". Ispirato da Duke Ellington, William Blake e Kurt Weill, il jazzista inglese Mike Westbrook è uno dei maggiori esponenti nell'ambito delle big band del Regno Unito durante gli anni '60 e '70. Suona anche jazz rock all'inizio degli anni '70 con i Solid Gold Cadillac, tornando poi al jazz orchestrale e cimentandosi sovente con musiche per opere teatrali.
Euro
17,00
codice 2107201
scheda
White boy & average rat band white boy and the average rat band
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1981  roach records 
punk new wave
copertina senza barcode, etichetta bianca con scritte nere. La ristampa dell' enormemente raro album uscito originariamente intorno al 1981 su etichetta Tradewind, unico per questa oscura band americana di Toledo, Ohio (da non confondere con una omonima e contemporanea band operativa nel Maryland) guidata dal cantante e chitarrista Mike Matney, ed autrice di un torrido hard rock suonato con un' attitudine definibile come proto punk, grezzo e distortissimo, ma anche tentato talora, in una riuscitissima combinazione di elementi, da certo space rock underground inglese degli anni '70, in territori Hawkwind, o da certo post punk non estraneo peraltro ad esso, come il sound oscuro e psicotico di certi lavori dei Chrome. Tra i brani pero' anche un episodio strumentale acustico, davvero a se' stante in un disco piuttosto devastato (nel senso migliore del termine). Molto interessante.
Euro
27,00
codice 3009407
scheda
Whopping big naughty Your not coming (white vinyl)
7" [edizione] originale  stereo  usa  1993  amphetamine reptile 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Singolo in formato 7", prima stampa USA, nella versione in vinile bianco, copertina semirigida senza barcode e con vinile estraibile dall'alto, label bianca con foro centrale largo, scritte nere e logo Amphetamine Reptile bianco e nero a destra, catalogo SCALE59. Pubblicato nel 1993 dalla Amphetamine Reptile negli USA, il singolo tratto dal primo eponimo mini album uscito nel 1992 solo in Australia. Contiene tre brani tratti dal sorpacitato mini, "Your not coming", "Up here fadrinkin" e "Stiffy", episodi di sguaiato garage rock intriso di urgenza ed aggressività punk ed aperto a dissonanze noise rock, guidato da un cantato anthemico che rimanda al punk 77ettino alla Clash e Sex Pistols. Gli Whopping Big Naughty sono un gruppo australiano formatosi nel 1988, la cui formazione, soggetta a frequenti avvicendamenti, ruota attorno al cantante e chitarrista Justin Hayes (aka Stanley Claret), originario della zona di Canberra; fedeli all'estetica selvaggia e rock'n'roll di molta musica indie australiana, hanno pubblicato almeno un mini cd eponimo (1992) ed un album, "Bender" (2001).
Euro
6,00
codice 332617
scheda
Williams big joe 1973-1980 Field recordings
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1973  L + R 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent blues rnr coun
Prima stampa europea, pressata in Germania, copertina lucida fronte retro senza barcode con note in lngua inglese sul retro e ''made in western germany'' in basso sempre sul retro, label nera con bordo rosso, scritte nere lungo il bordo ed argento al centro, logo L + R bianco al centro, catalogo LR42.047. Pubblicata nel 1983 dalla L + R in Germania, questa raccolta contiene registrazioni di pezzi musicali del grande bluesman Big Joe WIlliams effettutate fra il 1973 ed il 1980 a Crawford nel Mississippi da Alex Kustner (tranne due brani registrati a Berlino); nonostante o forse grazie all'eta' ormai avanzata, questa leggenda del folk blues del Sud degli Stati Uniti era ancora capace di esprimere il suo blues con immane potenza e forza evocativa, con un originalissimo e vibrante stile chitarristico ed una voce graffiante e stagionata da una esistenza trascorsa a vivere il blues. Questa la scaletta: ''Tailor made baby'' (26/8/78), ''Prison bound blues'' (5/9/80), ''Dark road blues'' (28/7/78), ''Hold up the light, let it shine'' (20/8/78), ''Delta blues'' (25/8/80), ''Lord have mercy'' (3/8/78), ''Don't your house look lonesome'' (31/3/73), ''Somebody's been borrowin' that heavy stuff o' mine'' (26/8/78), ''Deal 'em on down'' (3/8/78), ''Snitchin' blues'' (26/8/78), ''Jesus gonna make up my dyin' bed'' (26/8/78), ''Lonesome train blues'' (5/9/80), ''No more whiskey'' (15/10/80), ''Liza jane blues'' (26/8/78), ''Texas blues'' (30/3/77), ''When I lay my burden down'' (26/8/78). Importante ed originalissimo protagonista del blues del delta, ''Big'' Joe Williams (1903-1982) e' apprezzato per le sue composizioni come per il suo stile chitarristico in cui e' molto forte la componente ritmica oltre che quella melodica, in cui venivano messe in risalto le radici africane del blues. Dotato di una voce profonda e potente, ed accompagnato dalla sua caratteristica chitarra a nove corde, Williams suono' per decenni in giro per gli USA, da New Orleans a Chicago, e si fece apprezzare anche in Europa.
Euro
18,00
codice 327530
scheda
Williamson robin (incredible string band) Legacy of the scottish harpers
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1984  flying fish 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Prima stampa USA, copertina (con leggeri segni di invecchiamento) senza barcode, completa di inner sleeve con ricche note storico-musicali e sagomatura sul lato di apertura, label rossa con sritte nere e logo Flying Fish nero e rosso in alto, catalogo FF358, vinile che assume colore ambrato se posto controluce. Pubblicato nel 1984 dalla Claddagh Records in Gran Bretagna, uscito anche negli USA su Flying Fish nel 1984, il settimo album solista, uscito dopo ''Mabinogi'' (1983) e prima di ''The dragon has two tongues'' (1985). Questo affascinante progetto del musicista scozzese è frutto di un appassionato studio della grande tradizione dei suonatori di arpa folk della propria terra, che ha antiche e prestigiose origini nel mondo dei bardi medievali. Tutti i brani sono tradizionali, collezionati in forma scritta principalmente nel XVII e XVIII secolo, tranne alcuni provenienti da tradizioni orali, qui riarrangiati e suonati dal solo Williamson nella primavera del 1984, facendo uso di un'arpa celtica costruita da Chris e Teresa Caswell; la musica mostra le sue poetiche radici celtiche, attraverso le melodie delicate e gentili dell'arpa, che richiamano immagini mitologiche, fiabesche e medievaleggianti ma con un calore ed un lirismo senza tempo né confini, dal linguaggio essenziale. Quando la Incredible String Band si sciolse nel 1974 iniziarono le carriere soliste dei due leaders: Mike Heron si dedico' ad esperimenti piu' vicini al rock, mentre Robin Williamson si concentro' sullo studio dell'arpa celtica divenendo dopo alcuni anni una delle figure piu' rispettate ed eminenti del folk inglese.
Euro
20,00
codice 334132
scheda
Woods band the woods band
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1971  greenwich gramophone 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima, davvero rarissima, stampa inglese, copertina apribile (con qualche segno di invecchiamento), pressata da "Robert Stace" come indicato all' interno, etichetta bianca con scritte e logo rosso/marrone, catalogo GSLP1004. Pubblicato in inghilterra nel settembre del 1971, non entrato elle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il primo album. Si tratta di uno dei lavori cardine del folk progressive anglosassone, il solo album dei fratelli Woods, gia' con Sweeney's Men, Steeleye Span, Dr.Strangely Strange. Il disco alterna brani di spettrale bellezza, lenti e sognanti, con la magnifica voce di Pat Nash, ad altri in cui le chitarre di Ed Deane sono maggiormente in risalto. Non inferiore per qualita' ad opere celeberrime, quali i primi Steelaye Span, ma anche al pari di capolavori dell' underground quali i dischi di C.o.b. o Oberon, sia per equilibrio che per raffinatezza, originalita' e perfezione formale, questo lp fa parte da sempre dell' olimpo del folk rock britannico e solo la sua rarita' gli impedisce di essere conosciuto ed apprezzato da un pubblico piu' largo di quello dei grandi appassionati e collezionisti del genere.
Euro
200,00
codice 243798
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1978  rockburgh 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima rara stampa inglese, etichetta grigia con effetto pietra con logo rosso in alto, catalogo ROC104. Pubblicato in Irlanda su Mulligan ed in Inghilterra su Rockburch Records nel 1978 dopo ''Renowned'', non entrato nelle classifiche Uk, non pubblicato all'epoca in Usa, il quarto ed ultimo album. Registrato con Phil Palmer, Jim Russell, Kate Mcgarrigle, Pat Donaldson, Keith Donald, Martin O' Connor, Neil Toner, Fran Breen, Joyon Jackson . Nati sulle ceneri della Woods Band , sono assistiti in tutti e tre i loro albums dai massimi esponenti del folk rock Britannico, tutte le loro opere sono considerate essenziali nello sviluppo del folk rock Inglese, lo stile dei brani, lungi dall'adagiarsi su banali revisitazioni, include una attitudine sperimentale ed immaginifica con un atmosfera mantrica ed ipnotica sulla quale si inseriscono le millenarie melodie Irlandesi, Terry Woods sara' poi nei Pogues. (la Woods Band, sulle cui ceneri nascono come detto gli albums di Gay & Terry Woods, produsse un unico album, nel 1971, capitanata dai fratelli Woods, gia' con sweeney's men, steelaye span, dr. strangely strange.
Euro
30,00
codice 232383
scheda
Young tuxedo brass band Jazz begins – sounds of new orleans streets: funeral and parade music
Lp [edizione] originale  mono  ita  1959  atlantic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good jazz
prima stampa italiana, copertina apribile laminata all'esterno (con diverse increspature nella laminatura dovute non ad usura ma ad un problema di pressaggio) con vinile estraibile dal lato interno e con sagomatura sul lato di apertura, label nera con scritte argento e logo Atlantic argentato in alto, logo ''D.R.'' (Diritti Riservati) (quest'ultima sigla, ''D.R.'', fu utilizzata tra il 1966 ed il '69 alternativamente a quella Biem o insieme ad essa, prima dell' introduzione del marchio Siae che comparira' nel '70), senza logo ne' timbro SIAE, catalogo 1297. Pubblicato nel 1959 dalla Atlantic negli USA, il primo album della Young Ruxedo Brass Band di John Casimir. Inciso con formazione composta da John Casimir (clarinetto, leader), Andrew Anderson, John Brunious e Albert Walters (trombe), Clement Tervalon, Eddie Pierson e Jim Robinson (tromboni), Herman Sherman (sax alto), Andrew Morgan (sax tenore), Wilbert Tillman (sousaphone), Emile Knox (grancassa) e Paul Barbarin (rullante), l'album e' un aclassico esempio di musica di strada di New Orleans, la citta' che fu il primo fondamentale terreno di coltura della musica jazz, diffusamente riconosciuta come luogo di nascita di quel genere musicale. Artisti di enorme importanza e talento, come Jelly Roll Morton, King Oliver e Louis Armstrong, emersero dalla vitale scena musicale di New Orleans dei primi decenni del Novecento, prima di imporsi a livello nazionale, lavorando anche in metropoli del Nord come Chicago. La musica proposta in questo lp dalla Young Tuxedo Brass Band e' quella tipicamente suonata nell'accompagnare i funerali tradizionali di New Orleans durante i cortei e le funzioni, triste e luttuosa durante la marcia verso il cimitero, ed invece apertamente festosa all'uscita dal luogo di sepoltura, e le pittoresche parate che hanno luogo per le vie della citta'. Questa la scaletta: Going to the cemetery: ''Lead me saviour'', ''Eternal peace'', ''Medley of hymns: Flee as a bird / Nearer my god to thee / Pleyel's hymn''; Coming back from the cemetery: ''Just a closer walk to thee'', ''Bourbon street parade''; Coming back: ''Lord lord lord'', ''Just a little while to stay here'', ''Panama'', ''It feels so good'', ''Joe avery's piece'', ''John Casimir's whoopin' blues''. Formata nel 1938 da John Casimir (1898-1963), clarinettista e band leader, la Young Tuxedo Brass Band fu una delle principali orchestre che tennero viva la musica bandistica di strada di New Orleans intorno all meta' del '900, rinvigorendola negli anni immediatamente successivi alla fine della seconda guerra mondiale; fecero le prime incisioni nel 1958, fra l'altro con il leggendario batterista Paul Barbarin in formazione, e Casimir li guido' fino alla morte. Nei decenni successivi l'orchestra e' stata diretta da Herman Sherman (1971-1984) e da Gregg Stafford (dalla fine degli anni '90).
Euro
20,00
codice 329635
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  absinthe 
rock 60-70
ristampa del 2021 con copertina apribile, pressoche' identica alla prima straordinariamente rara tiratura giapponese uscita su Columbia nel 1969. Il primo ed unico album del gruppo di Uchida Yuya, personaggio storico ed animatore del rock psichedelico giapponese negli anni '60 e '70; il disco e' composto quasi esclusivamente da covers di brani dell' underground inglese ed americano del periodo, tra cui ''Greasy heart'' dei Jefferson Airplane, ''Stone free'' ed ''Hey Joe'' di Hendrix (si, beh, quest' ultima non e' esattamente di Hendrix...), ''White room'' dei Cream, ''Piece of my heart '' e "Summertime" dei Big Brother & the Holding Co. (anche "Summertime" in realta' ha crediti autoriali ben diversi). Da un punto di vista artistico si tratta di un' opera rilevante soprattutto nell' ambito della scena nipponica, con versioni dei brani efficaci, rispettose dei maestri anglosassoni, sebbene spesso sopra le righe e spinte in una direzione piu' acida ed aggressiva, il che le rende particolarmente interessanti; inoltre soprattutto si tratta di un disco molto importante per cio' che riguarda la storia del rock giapponese perche' i Flowers furono il gruppo da cui naquero i Flower Travelling Band, autori tra gli altri di ''Satori'' (1971), uno dei massimi capolavori dell' hard/acid rock giapponese; in secondo luogo il disco presenta una serie di covers di brani di psichedelia ed acid rock in luogo delle riproduzioni di canzoni di Beatles, Chuck Berry o Beach Boys che erano assai piu' comuni nei dischi rock giapponesi degli anni '60 e da questo punto di vista puo' essere considerato un apri strada del rock underground nel mercato discografico giapponese, insieme ai piu' originali April Fool, sebbene gia' all'epoca fossero in vita gruppi assai piu' estremi ma troppo sotterranei come Les Rallizes Denudes di Mizutani Takashi; infine la copertina del disco mostra i membri del gruppo completamente nudi e sebbene questa non sia la prima copertina con nudo nella storia del rock, essa rientra sicuramente tra le prime. Degne di nota sono le versioni di ''Hey Joe'' e di ''Greasy Heart" nonche' l'unico brano originale, ''Hidariashi No Otoko'', un pezzo strumentale sullo sile dei voli acidi dei Jefferson Airplane.
Euro
21,00
codice 2105623
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2016  thrill jockey 
indie 90
inner sleeve, etichette custom. “Eve” è il sesto album solista di Thalia Zedek, figura di spicco della scena underground anni novanta, parte di diversi gruppi, Uzi, Live Skull, Dangerous Birds, Come. Il disco, registrato e missato da Andy Hong ai Kimchee Studio, è un lavoro da vagabondi del rock: canzoni mai prevedibili e con un malinconia tracciata da passaggi chitarristici blues, crudi ed inquieti. La Zedek è accompagnata da David Michael Curry (viola), Mel Lederman (piano), Winston Braman (basso) e Jonathan Ulman (batteria).Veterana della musica indipendente americana attiva dei primi anni '80, Thalia Zedek ha fatto parte di gruppi di rilievo come Uzi, Live Skull ed in particolare i Come insieme a Chris Brokaw, (precedentemente batterista dei Codeine, pionieri dello slow-core): guidati dalla sua voce rauca, rabbiosa e disperata, realizzano un grande album, divenuto un classico per la musica indie dei 90's, "Eleven:elven" (1992). I Come si sciolgono nel 1999 e Zedek dà avvio all'attività solista pubblicando lavori come "Been here and gone" (2001) e "Liars and prayers" (2008).
Euro
25,00
codice 2061913
scheda
Zedek thalia band Fighting season (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2018  thrill jockey 
indie 90
edizione limitata in vinile colorato viola, inner sleeve. "Fighting season" (2018) è - ad oggi - l'ultimo capitolo discografico di Thalia Zedek, protagonista della scena underground americana. Con questo nuovo album ritrova vecchi amici, come J Mascis, e l'ex compagno Chris Brokaw, è il caso della traccia d'apertura "Bend Again". Il resto del disco è un viaggio, musicalmente parlando, tra presente e passato della musicista americana : lotta tra l'intimità del suo chitarrismo e il travolgente pathos (emotivo e) post-punk degli esordi. Veterana della musica indipendente americana attiva dei primi anni '80, Thalia Zedek ha fatto parte di gruppi di rilievo come Uzi, Live Skull ed in particolare i Come insieme a Chris Brokaw, (precedentemente batterista dei Codeine, pionieri dello slow-core): guidati dalla sua voce rauca, rabbiosa e disperata, realizzano un grande album, divenuto un classico per la musica indie dei 90's, "Eleven:elven" (1992). I Come si sciolgono nel 1999 e Zedek dà avvio all'attività solista pubblicando lavori come "Been here and gone" (2001) e "Liars and prayers" (2008).
Euro
27,00
codice 2080178
scheda
Zedek thalia band Perfect vision (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2021  thrill jockey 
indie 90
edizione limitata in vinile trasparente. A tre anni di distanza da "fighting season" e dopo la parentesi con la band E, torna Thalia Zedek con un nuovo disco a nome della sua band. Album di canzoni cantautoriali ruvide ed emozionali, con uno sguardo riflessivo sull'america contemporanea, come da sempre ci delizia l'artista ex Come. Qui accompagnata da Winston Braman (basso), Gavin McCarthy (batteria ex Karate, compagno negli E) e David Michael Curry (viola). Veterana della musica indipendente americana attiva dei primi anni '80, Thalia Zedek ha fatto parte di gruppi di rilievo come Uzi, Live Skull ed in particolare i Come, guidati dalla sua voce rauca, rabbiosa e disperata in oscuri classici come ''Eleven:elven'' (1992). I Come si sciolgono nel 1999 e Zedek da' avvio all'attivita' solista, pubblicando lavori come ''Been here and gone'' (2001) e ''Liars and prayers'' (2008).
Euro
29,00
codice 2104506
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2013  thrill jockey 
indie 90
Completo di coupon per il download digitale e di inner sleeve, etichetta crema con scritte e disegni geometrici neri sul lato A, grigo/azzurro con scritte e disegni geometrico neri, Lp pubblicato dalla Thrill Jockey nel marzo 2013, dopo "Liars and prayers" (08), il quinto album di Thalia Zedek, qui a nome Thalia Zedek Band, come il precedente; disco con una formazione classica a 5 elementi, dove spiccano i contrappunti 'torturati' della viola di David Curry (Empty House Cooperative, Metal & Glass Ensamble), che enfatizzano maggiormente la voce sofferta e vissuta della Zelek, fra rabbia, orgoglio e malinconia, in un rock certamente vicino a Patti Smith, ma con un piglio piu' disincantato e perdente tipico dei novanta. Veterana della musica indipendente americana attiva dei primi anni '80, Thalia Zedek ha fatto parte di gruppi di rilievo come Uzi, Live Skull ed in particolare i Come insieme a Chris Brokaw, (precedentemente batterista dei Codeine, pionieri dello slow-core): guidati dalla sua voce rauca, rabbiosa e disperata, realizzano un grande album, divenuto un classico per la musica indie dei 90's, "Eleven:elven" (1992). I Come si sciolgono nel 1999 e Zedek da' avvio all'attivita' solista, pubblicando lavori come "Been here and gone" (2001) e "Liars and prayers" (2008).
Euro
20,00
codice 2102205
scheda
Zoot money's big roll band Big time operator (singles comp.)
Lp [edizione] nuovo  mono  spa  1964  wah wah 
rock 60-70
Adesivo di presentazione del disco sul cellophane, edizione MONO limitata di 500 copie, copertina a busta lucida sul fronte e liscia e flipback su tre lati sul retro, scritta ''made and printed in Catalonia'' sul retro, senza codice a barre, inserto con foto e note, label bianca con scritte nere e logo Wah Wah nero in alto, catalogo LPS143. Pubblicata nel 2014 dalla Wah Wah, questa raccolta compila quasi tutti i singoli piu' una versione inedita in vinile degli Zoot Money's Big Roll Band, in gran parte inediti sugli album del gruppo. Il gruppo guidato dal funambolico Zoot Money suonava un frizzante intreccio fra r'n'b, soul, jazz e blues dagli echi di Chicago, nel quale l'organo del leader ed il sax di Clive Burrows eranp bene in evidenza; il loro stile era un esempio classico del British blues di meta' anni '60, piuttosto distante dal filone piu' vicino al rock ed al beat di band quali Stones e Pretty Things. Questa la scaletta: ''The uncle willy'' (1964), ''Zoot's suit'' (1964, b-side del precedente brano), ''Good'' (1965), ''Bring it on home to me'' (1965, b-side del precedente brano), ''Please stay'' (1965), ''You know you'll cry'' (1965, b-side del precedente brano), ''Something is worrying me'' (1965), ''Stubborn kind of fellow'' (1965, b-side del precedente brano), ''It should've been me'' (1965, versione alternativa, inedita in vinile fino a questa pubblicazione), ''Jump back'' (1965, b-side di ''The many faces of love''), ''Let's run for cover'' (1966), ''Self-discipline'' (1966, b-side del precedente brano), ''Big time operator'' (1966), ''Zoot's sermon'' (1966, b-side del precedente brano), ''Star of the show'' (1966), ''The mound moves'' (1966, b-side del precedente brano). Gli Zoot Money's Big Roll Band furono il primo gruppo importante del tastierista britannico Zoot Money (vero nome George Bruno): attivi dalla prima meta' degli anni '60, attraverso vari cambi di formazione elaborarono intono alla meta' del decennio un raffinato melange di r'n'b, soul e venature jazzate, che raccolse il plauso del pubblico dei locali londinesi e propizio' la pubblicazione di due album, usciti nel 1965 e nel 1966. Il nucleo del gruppo, guidato da Money, si trasformo' nel luglio del 1967 in uno dei piu' leggendari gruppi della psichedelia inglese, i Dantalian's Chariot, con in formazione anche un certo Andy Somers (aka Summers), a sua volta gia' membro della Big Roll band. Divennero nei mesi successivi uno dei piu' apprezzati gruppi dello underground londinese, e le loro esibizioni dal vivo ai club come il Middle Earth e l'UFO sono rimaste nella leggenda sia per il loro sound che per il loro light show, considerato generalmente il migliore in circolazione all'epoca. Scioltsi i Dantalion's Chariot, Money ando' negli USA, dove pochi mesi dopo si ritrovo' insieme a Summers nei New Animals di Eric Burdon, con i quali incisero l'album ''Love is'', che contiene fra l'altro una lunga versione di ''Madman running through the fields''.
Euro
27,00
codice 2097877
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  rus  1968  audio clarity 
rock 60-70
Vinile a 45 giri, copertina senza codice a barre. Ristampa del 2021 ad opera della Audio Clarity, pressoché identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1968 dalla Direction nel Regno Unito, il terzo album, successivo a "Zoot!" (1966) e precedente "Zoot money" (1970). Inciso da una formazione che, sebbene conservasse quello della Big Roll Band, era ormai quella dei Dantalion's Chariot, "Transition" è in effetti un'opera di transizione, nella quale Money ed i suoi collaboratori tentano diverse strade, da canzoni pop soul accostate a quelle di Georgie Fame, episodi con inflessioni jazzate e r'n'b, ma anche il groove dai richiami bossa nova della delicata "Just a passing phase", la cullante litania quasi psichedelia di "Coffee song", e soprattutto la brillante "Soma", in cui il sitar si intreccia con il flauto in un delizioso e fluttuante strumentale jazzy/psych, distante anni luce dal resto dell'album. Gli Zoot Money's Big Roll Band furono il primo gruppo importante del tastierista britannico Zoot Money (vero nome George Bruno): attivi dalla prima meta' degli anni '60, attraverso vari cambi di formazione elaborarono intono alla meta' del decennio un raffinato melange di r'n'b, soul e venature jazzate, che raccolse il plauso del pubblico dei locali londinesi e propizio' la pubblicazione di due album, usciti nel 1965 e nel 1966. Il nucleo del gruppo, guidato da Money, si trasformo' nel luglio del 1967 in uno dei piu' leggendari gruppi della psichedelia inglese, i Dantalian's Chariot, con in formazione anche un certo Andy Somers (aka Summers), a sua volta gia' membro della Big Roll band. Divennero nei mesi successivi uno dei piu' apprezzati gruppi dello underground londinese, e le loro esibizioni dal vivo ai club come il Middle Earth e l'UFO sono rimaste nella leggenda sia per il loro sound che per il loro light show, considerato generalmente il migliore in circolazione all'epoca. Scioltsi i Dantalion's Chariot, Money ando' negli USA, dove pochi mesi dopo si ritrovo' insieme a Summers nei New Animals di Eric Burdon, con i quali incisero l'album ''Love is'', che contiene fra l'altro una lunga versione di ''Madman running through the fields''.
Euro
26,00
codice 2113322
scheda
Zoot money's big roll band Zoot ! live at klook's kleek
Lp [edizione] originale  mono  uk  1966  columbia 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima estremamente rara stampa inglese in mono, copertina (con lievi segni di invecchiamento) laminata sul fronte e flipback su tre lati sul retro, pressata da "Garrod & Lofthouse", etichetta nera con scritta Columbia nera e blu ("blue/black") con scitta lungo la circonferenza che inizia con "The Gramophone co'', con catalogo preceduto dal prefisso ''SX'', con ''Sold in the Uk subject to resale price, see price list''. Pubblicato in Inghilterra nell' ottobre del 1966 dopo ''It should' ve been me'' e prima di "Welcome to my head'', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il secondo album. Registrato live al leggendario Klook's Kleek con una formazione che vedeva Zoot Money, un giovanissimo Andy Summers , Johnny Almond , Nick Newall, Paul Williams, e' certamente da considerarsi uno dei piu' importanti capitoli dell'intero British R&B tmai registrati su disco, musicalmente l'opera vede influenze che vanno dal Memphis Sound al Motown, con la gia' straordinaria ed originalissma chitarra di Andy Summers. Gli Zoot Money's Big Roll Band furono il primo gruppo importante del tastierista britannico Zoot Money (vero nome George Bruno): attivi dalla prima meta' degli anni '60, attraverso vari cambi di formazione elaborarono intono alla meta' del decennio un raffinato melange di r'n'b, soul e venature jazzate, che raccolse il plauso del pubblico dei locali londinesi e propizio' la pubblicazione di due album, usciti nel 1965 e nel 1966. Il nucleo del gruppo, guidato da Money, si trasformo' nel luglio del 1967 in uno dei piu' leggendari gruppi della psichedelia inglese, i Dantalian's Chariot, con in formazione anche un certo Andy Somers (aka Summers), a sua volta gia' membro della Big Roll band. Divennero nei mesi successivi uno dei piu' apprezzati gruppi dello underground londinese, e le loro esibizioni dal vivo ai club come il Middle Earth e l'UFO sono rimaste nella leggenda sia per il loro sound che per il loro light show, considerato generalmente il migliore in circolazione all'epoca. Scioltsi i Dantalion's Chariot, Money ando' negli USA, dove pochi mesi dopo si ritrovo' insieme a Summers nei New Animals di Eric Burdon, con i quali incisero l'album ''Love is'', che contiene fra l'altro una lunga versione di ''Madman running through the fields''.
Euro
160,00
codice 110341
scheda
Zoot money's big roll band Zoot ! live at klook's kleek
Lp [edizione] nuovo  mono  uk  1966  repertoire 
rock 60-70
ristampa del 2016, in vinile 180 grammi, copertina pressoche' identica alla prima molto rara tiratura uscita in Uk su Columbia. Pubblicato in Inghilterra nell' ottobre del 1966 dopo ''It should' ve been me'' e prima di "Welcome to my head'', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il secondo album. Registrato live al leggendario Klook's Kleek con una formazione che vedeva Zoot Money, un giovanissimo Andy Summers , Johnny Almond , Nick Newall, Paul Williams, e' certamente da considerarsi uno dei piu' importanti capitoli dell'intero British R&B tmai registrati su disco, musicalmente l'opera vede influenze che vanno dal Memphis Sound al Motown, con la gia' straordinaria ed originalissma chitarra di Andy Summers. Gli Zoot Money's Big Roll Band furono il primo gruppo importante del tastierista britannico Zoot Money (vero nome George Bruno): attivi dalla prima meta' degli anni '60, attraverso vari cambi di formazione elaborarono intono alla meta' del decennio un raffinato melange di r'n'b, soul e venature jazzate, che raccolse il plauso del pubblico dei locali londinesi e propizio' la pubblicazione di due album, usciti nel 1965 e nel 1966. Il nucleo del gruppo, guidato da Money, si trasformo' nel luglio del 1967 in uno dei piu' leggendari gruppi della psichedelia inglese, i Dantalian's Chariot, con in formazione anche un certo Andy Somers (aka Summers), a sua volta gia' membro della Big Roll band. Divennero nei mesi successivi uno dei piu' apprezzati gruppi dello underground londinese, e le loro esibizioni dal vivo ai club come il Middle Earth e l'UFO sono rimaste nella leggenda sia per il loro sound che per il loro light show, considerato generalmente il migliore in circolazione all'epoca. Scioltsi i Dantalion's Chariot, Money ando' negli USA, dove pochi mesi dopo si ritrovo' insieme a Summers nei New Animals di Eric Burdon, con i quali incisero l'album ''Love is'', che contiene fra l'altro una lunga versione di ''Madman running through the fields''.
Euro
12,00
codice 2102896
scheda
Zoot money's big roll band Zoot ! live at klook's kleek
Lp [edizione] nuovo  mono  uk  1966  repertoire 
rock 60-70
ristampa del 2016, in vinile 180 grammi, copertina pressoche' identica alla prima molto rara tiratura uscita in Uk su Columbia. Pubblicato in Inghilterra nell' ottobre del 1966 dopo ''It should' ve been me'' e prima di "Welcome to my head'', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il secondo album. Registrato live al leggendario Klook's Kleek con una formazione che vedeva Zoot Money, un giovanissimo Andy Summers , Johnny Almond , Nick Newall, Paul Williams, e' certamente da considerarsi uno dei piu' importanti capitoli dell'intero British R&B tmai registrati su disco, musicalmente l'opera vede influenze che vanno dal Memphis Sound al Motown, con la gia' straordinaria ed originalissma chitarra di Andy Summers. Gli Zoot Money's Big Roll Band furono il primo gruppo importante del tastierista britannico Zoot Money (vero nome George Bruno): attivi dalla prima meta' degli anni '60, attraverso vari cambi di formazione elaborarono intono alla meta' del decennio un raffinato melange di r'n'b, soul e venature jazzate, che raccolse il plauso del pubblico dei locali londinesi e propizio' la pubblicazione di due album, usciti nel 1965 e nel 1966. Il nucleo del gruppo, guidato da Money, si trasformo' nel luglio del 1967 in uno dei piu' leggendari gruppi della psichedelia inglese, i Dantalian's Chariot, con in formazione anche un certo Andy Somers (aka Summers), a sua volta gia' membro della Big Roll band. Divennero nei mesi successivi uno dei piu' apprezzati gruppi dello underground londinese, e le loro esibizioni dal vivo ai club come il Middle Earth e l'UFO sono rimaste nella leggenda sia per il loro sound che per il loro light show, considerato generalmente il migliore in circolazione all'epoca. Scioltsi i Dantalion's Chariot, Money ando' negli USA, dove pochi mesi dopo si ritrovo' insieme a Summers nei New Animals di Eric Burdon, con i quali incisero l'album ''Love is'', che contiene fra l'altro una lunga versione di ''Madman running through the fields''.
Euro
12,00
codice 2100584
scheda
Zoot money's big roll band Zoot ! live at klook's kleek
Lp [edizione] originale  mono  uk  1966  columbia 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
prima estremamente rara stampa inglese in mono, copertina laminata sul fronte e flipback su tre lati sul retro, pressata da "Garrod & Lofthouse", etichetta nera con scritta Columbia nera e blu ("blue/black") con scitta lungo la circonferenza che inizia con "The Gramophone co'', con catalogo preceduto dal prefisso ''SX'', con ''Sold in the Uk subject to resale price, see price list''. Pubblicato in Inghilterra nell' ottobre del 1966 dopo ''It should' ve been me'' e prima di "Welcome to my head'', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il secondo album. Registrato live al leggendario Klook's Kleek con una formazione che vedeva Zoot Money, un giovanissimo Andy Summers , Johnny Almond , Nick Newall, Paul Williams, e' certamente da considerarsi uno dei piu' importanti capitoli dell'intero British R&B tmai registrati su disco, musicalmente l'opera vede influenze che vanno dal Memphis Sound al Motown, con la gia' straordinaria ed originalissma chitarra di Andy Summers. Gli Zoot Money's Big Roll Band furono il primo gruppo importante del tastierista britannico Zoot Money (vero nome George Bruno): attivi dalla prima meta' degli anni '60, attraverso vari cambi di formazione elaborarono intono alla meta' del decennio un raffinato melange di r'n'b, soul e venature jazzate, che raccolse il plauso del pubblico dei locali londinesi e propizio' la pubblicazione di due album, usciti nel 1965 e nel 1966. Il nucleo del gruppo, guidato da Money, si trasformo' nel luglio del 1967 in uno dei piu' leggendari gruppi della psichedelia inglese, i Dantalian's Chariot, con in formazione anche un certo Andy Somers (aka Summers), a sua volta gia' membro della Big Roll band. Divennero nei mesi successivi uno dei piu' apprezzati gruppi dello underground londinese, e le loro esibizioni dal vivo ai club come il Middle Earth e l'UFO sono rimaste nella leggenda sia per il loro sound che per il loro light show, considerato generalmente il migliore in circolazione all'epoca. Scioltsi i Dantalion's Chariot, Money ando' negli USA, dove pochi mesi dopo si ritrovo' insieme a Summers nei New Animals di Eric Burdon, con i quali incisero l'album ''Love is'', che contiene fra l'altro una lunga versione di ''Madman running through the fields''.
Euro
220,00
codice 110001
scheda

Page: 22 of 22


Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Akiyoshi toshiko �� lew tabackin big band":


altri autori contnenti le parole cercate: