Hai cercato:  Ultimi arrivi (lista aggiornata ogni giovedi' sera) --- Titoli trovati: : 380
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Ayers kevin shooting at the moon
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, copertina pressoche' identica a quella della prima rara tiratura uscita in Uk su Harvest. Pubblicato in Inghilterra a nome ''Kevin Ayers & the Whole World'' nell' ottobre del 1970 dopo ''Joy of a toy'' e prima di "Whatevershebringwesing'', non entrato in classifica in Uk e non pubblicato in Usa. Il secondo album. Registrato con, David Bedford, Lol Coxhill, Mick Fincher, ed un Mike Oldfield allora 17enne al basso tra gli altri, con Bridget St.John ospite alla voce e Robert Wyatt presente in un brano, e' uno dei pilastri assoluti dell' art rock inglese, il disco ha un feeling assai diverso dal primo lavoro, molto piu' sperimentale e complesso, con la musica che ora fonde le intuizioni del lavoro di debutto in un mix senza soluzione di continuita' in cui jazz, psichedelia, progressive, folk acido e Canterbury sound si uniscono alla patafisica e all' avanguardia del gruppo madre, i Soft Machine. Il brano che da il titolo all' album e' recuperato peraltro dalle sessions dei Soft Machine del 1967, e questo la dice lunga sullo spirito in cui questa opera nasce, un opera straordinaria che dimostra come Kevin Ayers sia stato uno dei piu' grandi geni della musica d' albione e solo la sua lunaticita' e bizzarria lo abbiano ( volutamente ? ) tenuto lontano dal successo che gli era dovuto. Include brani dalla potenza espressiva strepitosa, quali ''May I'', ''Pisser dans un violon'', ''The oyster and the flying fish''.
Euro
29,00
codice 2111113
scheda
Bacharach burt Arthur the album (o.s.t.)
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1981  warner bros 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
copia ancora incellophanata, prima stampa italiana, copertina senza barcode, label bianca con scritte lungo la circonferenza, e con linee orizzontali sullo sfondo, catalogo W56930. Pubblicata nel 1981 dalla Warner Bros, la colonna sonora del film ''Arthur'', diretto da Steve Gordon. Le musiche del film, basate su di un pop orecchiabile ma elegante, furono composte da Burt Bacharach ed i testi invece furono scritti da Carole Bayer Sager; buona parte dei brani sono strumentali, altri invece sono cantati da Christopher Cross, Nicolette Larson e Stephen Bishop, ed uno dal gruppo rock Ambrosia. Questa la scaletta: ''Arthur's theme (best that you can do)'', ''Fool me again'', ''Poor rich boy'', ''It's only love'', ''Touch'', ''It's only love'', ''Money'', ''Moving pictures'', ''Arthur's theme (best that you can do)''. Burt Bacarach e' stato uno dei pilastri della musica degli anni '60, compositore i cui arrangiamenti, rafinatissimi e molto originali, uniti a liriche sempre interessanti e mai scontate, ne hanno fatto un vero monumento del periodo, e che scelse, volutamente, di rappresentare la faccia ''per bene'' dell'America, negli anni difficili della contestazione e delle marce contro la guerra in Vietnam, non tanto perche' approvasse la politica USA ma perche', come nel caso di altri artisti, si rifiuto' sempre di mescolare la musica con il sociale. La sua opera e' stata molto rivalutata recentemente, ed i suoi brani, originalissimi, sono oggi in assoluta sintonia con la moderna musica lounge e easytronica europea di Stereolab e Air.
Euro
15,00
codice 240484
scheda
Bad brains rock for light (remastered)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1983  org / bad brains records 
punk new wave
Ristampa del 2021, rimasterizzata, con l' originario mix del disco, copertina senza barcode pressoche' identica alla prima molto rara tiratura, e corredata di inner sleeve. Lo storico album d' esordio uscito nel marzo del 1983 su etichetta PVC negli USA (prodotto da Rick Ocasek dei Cars!!!) del gruppo di colore di Washington DC, dopo un demo registrato nel '79 (e poi pubblicato molti anni dopo come "Black Dots") ed una cassetta distribuita un paio di anni prima e poi stampata anche in vinile con il titolo "Bad Brains". La grandissima band era quindi gia' da anni autrice di una musica dall'altissimo potenziale corrosivo e di grande originalita', gia' le registrazioni del '79 contengono molti episodi che possono senza problemi definirsi "hardcore", caratterizzati da una velocita' e da quei continui cambi di ritmo che presto diverranno i canoni del genere ma che all' epoca erano ancora pressocche' inauditi; "Bad Brains" testimonia l' accresciuta maturita' della band, ormai perfettamente padrona dei propri mezzi, ma e' questo "Rock For Light" ad imprimere il loro nome nella storia del rock, disco di enorme bellezza ed originalita', che inanella una serie di brani al vetriolo di granitica durezza ma compositivamente complessi e sovente geniali (che dire di "Sailin' On"?), intervallati da un paio di magnifici episodi di puro reggae che hanno il necessario compito di allentare un po' la tensione di un disco mozzafiato (splendida "The Meek Shall Inherit The Earth"). Un classico non solo dell' hardcore, ma della musica degli ultimi 25 anni. Oltre due anni dopo "I Against I" avrebbe rivelato una evoluzione nella musica del gruppo forse preannunciata da una manciata di brani di questo "Rock For Light", ma che lascio' spiazzati molti, verso territori contaminati dall' hard rock, in brani piu' lunghi ed articolati; il tempo rivelera' anche quell' album come uno dei piu' influenti della sua epoca. Poi, negli anni a venire, ancora vari dischi, di livello altalenante, tra scioglimenti e ricostituzioni.
Euro
31,00
codice 2111150
scheda
Badu erykah Baduizm (complete version)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1997  motown / universal 
soul funky disco
Ristampa del 2016 finalmente pubblicata nella versione completa, ampliata a doppio album con 5 BRANI in piu' rispetto alle precedenti versioni in vinile ("otherside of the game", "afro (freestyle skit)", "certainly", "drama", "rimshot (outro)") , che corrisponde di fatto alla versione in cd per quanto riguarda la lista dei brani, in vinile da 180 grammi, con COPERTINA APRIBILE. Il primo album di Eyrkah Badu, originariamente pubblicato nel febbraio del 1997 dalla Kedar, giunto al secondo posto in classifica negli USA ed al 17esimo in Gran Bretagna. Uscito prima di ''Mama's gun'' (2000), questo esordio solista della cantante americana raccolse notevoli consensi con il suo intreccio fra scarne e lente basi musicali hip hop e vocalizzi fra soul e jazz, con la voce di Badu morbida e soffusa ma anche incisiva, senza mai essere aggressiva. Erykah Badu, nata a Dallas nel 1972, cresciuta ascoltando lo R&B degli anni '70 e lo hip-hop degli '80 e spesso paragonata a Billie Holiday per l' inflessione della sua voce, e' considerata una delle esponenti femminili piu' importanti dello hip hop fra la fine del '900 e l'inizio del nuovo secolo. Esordisce dal vivo per il concerto del '94 di D' Angelo. Incide in seguito una versione di "Precious Love", pezzo scritto da Marvin Gaye e Tammi Terrell. Il suo primo album solista, "Baduizm", esce nel '97 ed il primo singolo estratto dall'album, "On & On", arriva al n.1 nelle classifiche R&B del 1997. Incide un live nello stesso anno e poi, nel 2000, il suo secondo album "Mama's Gun". Nel corso degli anni si e' sempre distinta per la sua voce davvero particolare e per aver sempre occupato posti alti nelle classifiche americane.
Euro
37,00
codice 2111151
scheda
Baez joan farewell angelina (italian sleeve)
Lp [edizione] terza stampa  stereo  ita  1965  vanguard 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
terza stampa italiana del 1970, ancora caratterizzata dalla bella copertina esclusiva della versione italiana del disco, laminata fronte e retro, etichetta marroncina/oro con cavaliere bianco in basso, catalogo SVAL33006, senza timbro Siae, data sul trail off riferita al 1970; quasta copia presenta la particolarita' di avere apposta sulla seconda facciata la etichetta di un altro disco della Baez, "One Day At A Time", ma i brani contenuti sono invece quelli corretti. Il sesto album (il quarto in studio), uscito negli Stati Uniti nell' ottobre del 1965 ed in Inghilterra nel novembre dello stesso anno, a distanza di meno di un anno dal precedente ''Joan Baez 5'' e prima del successivo ''Joan". Giunto al decimo posto della classifica americana ed al quinto di quella inglese, resta uno dei suoi dischi piu' rappresentativi ed amati; delicatamente acustico, contiene ben 4 brani scritti da Bob Dylan, delicate interpretazioni di "Farewell, Angelina"; "Daddy You Been On My Mind", "It's All Over Now Baby Blue" e "A Hard Rain's Gonna Fall", oltre ad una manciata di traditionals, una "Ranger's Command" di Woody Guthrie ed una rilettura di "Colours" di Donovan, che la aveva accompagnata in alcune tappe della sua tournee inglese durante la primavera e sotenuta nella sua campagna di protesta contro la guerra in Vietnam. E' un album importante nella sua discografia, perche' e ' quello che chiude il periodo vissuto in compagnia di Bob Dylan aprendo la seconda fase della sua carriera, segnata ancora da grandi battaglie civili che le valsero l' ostracismo di gran parte dei media in America, ormai piu' popolare in Europa che in patria.
Euro
22,00
codice 252823
scheda
Balletto di bronzo Sirio 2222 (ltd red)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  sony / rca 
rock 60-70
Ristampa del 2022, edizione limitata in vinile rosso numerata. copertina pressoche' identica alla prima straordinariamente rara tiratura su RCA uscita in Italia nel 1970. Il primo storico album del Balletto Di Bronzo, disco assai importante nello sviluppo del rock nostrano, vede il gruppo napoletano cimentarsi con un hard rock post psichedelico che accenna al progressivo. I brani sono dominati da chitarre elettriche potenti e distorte, tirati e con reminiscenze dei Cream, mentre il canto e' melodico e di impostazione tipicamente italiana; alcuni episodi sono piu' melodici e dominati dalle tastiere, ma sempre con un sapore acido. Due canzoni, ''Neve calda'' e ''Ti risveglierai con me'', vennero utilizzate da Mario Bava per la colonna sonora del suo film ''Cinque bambole per la luna d'agosto'' (1970). Il Balletto Di Bronzo si forma a Napoli alla fine degli anni '60, inizialmente con il nome di Battitori Selvaggi, e comincia ad esibirsi nelle basi NATO della zona. Il gruppo pubblica due singoli ed il primo album fra il 1969 ed il 1970, seguendo un approccio ancora vicino al pop ed all'acid rock, con derive hard ed accenni al progressivo. Il 1971 vede l'ingresso in formazione di Gianni Leone e di Vito Manzari, mentre il gruppo si sposta sul rock progressivo dominato dalle tastiere; l'anno successivo esce il secondo lp ''Ys'', considerato da alcuni uno dei capolavori del prog italiano. Il gruppo si sciolse nel 1973 dopo aver pubblicato l'ultimo singolo ''La tua casa comoda''.
Euro
29,00
codice 2111067
scheda
Balthazar Rats
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2014  play it again sam 
indie 90
ristampa copertina ruvida apribile. Il secondo album della band belga, primo per la major p.i.a.s. Disco che si distacca dal debutto "applause" del 2012, e vede la maturazione del suono e fonti di ispirazione, che passano da jazz retrò a soul-pop o folk balcanico, in un contesto omogeneo. I Balthazar sono un gruppo indie pop belga formatosi nel 2004 e sono considerati nei loro primi dieci anni di attivita' una delle formazioni piu' promettenti della musica alternativa del paese nordeuropeo. Il loro raffinato ed atmosferico indie rock, con svariate influenze dal soul, jazz e folk, ha suscitato il plauso della critica con i primi tre album ''Applause'' (2010), ''Rats'' (2012) e ''Thin walls'' (2015); seguiranno "Fever" (2018) e "Sand" (2021).
Euro
26,00
codice 2111281
scheda
lp [edizione] originale  stereo  ita  1980  ricordi 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Copia ancora quasi integralmente incellophanata, prima rara stampa italiana, copertina apribile laminata sia all' esterno che all' interno, completa di inner sleeve con foto e note, etichetta arancio e bianca, catalogo SMRL6260, con data nel trail off ''10-1-80". Pubblicato in Italia nel gennaio del 1980, dopo "Canto di Primavera" e prima di "Urgentissimo", il decimo album, il primo dal vivo, registrato al Capolinea Jazz Club di Milano tra il 28 ed il 29 novembre del 1979. Un viaggio a ritroso nella music della storica band progressiva di Roma, a chiusura ideale della prima fase della sua storia artistica, ma anche anticipandone gli sviluppi imminenti, particolarmente con una scelta dei brani piu' concisi e diretti. Ecco la lista completa degli episodi: Il ragno - Canto di primavera - 750.000 anni fa ... l'amore? - Capolinea (prima parte) - Capolinea (seconda parte) - R.I.P. - Garofano rosso - Non mi rompete. Uno dei piu' importanti gruppi del rock progressivo italiano, il Banco Del Mutuo Soccorso si forma a Roma nel 1969, ed esordiscono su album nel 1972 con il leggendario album eponimo che ha la copertina a forma di salvadanaio, considerato uno dei piu' rilevanti lp di rock progressivo italiano; la loro carriera proseguira' nel quarant'anni successivi con numerosi dischi e costante entusiasmo. Il loro grande cantante Francesco Di Giacomo scompare in un incidente stradale nel 2014.
Euro
38,00
codice 252781
scheda
Battiato franco hierro forjado (ltd. yellow vinyl)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2001  sony 
cantautori
Edizione limitata di sole 600 copie, numerate sul retro, in vinile giallo, pesante 180 grammi, e corredata di inner sleeve; per la prima volta in vinile in questa edizione del maggio 2022, la versione in lingua spagnola dell' album "Ferro Battuto", originariamente pubblicato solo in Spagna e solo in cd nel 2001. Da Wikipedia: Ferro battuto e' il ventiduesimo album di Franco Battiato. Dell'album e' uscita, durante l'anno seguente, una versione interamente cantata in spagnolo con il titolo Hierro forjado. La raccolta si avvale ancora dei testi di Manlio Sgalambro e contiene un duetto con Jim Kerr dei Simple Minds (Running against the grain). Secondo posto in classifica nell'aprile del 2001. La musica del brano Personalità empirica contiene un'ampia citazione tratta dal Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 di Cajkovskij. Il brano e' cantato anche da Natacha Atlas e Manlio Sgalambro. Il testo di Sarcofagia e' ispirato all'opera dello scrittore e filosofo greco Plutarco "Del mangiar carne". Hey Joe e' una cover dell'omonimo brano portato al successo da Jimi Hendrix, al quale Battiato ha mutato gli interi accordi in minore, dando una componente piu' etnica al brano, che tratta di un uomo, Joe appunto, che fugge in Messico dopo aver ucciso la fedifraga moglie. Assieme a Battiato, nel brano canta anche la cantante Natacha Atlas, belga di padre tunisino e madre egiziana esperta nel campo della musica araba e dell'etno-elettronica. Il cammino interminabile e' cantata in lingua siciliana (Franco Battiato e' infatti nato a Ionia, l'attuale Riposto, in provincia di Catania), esattamente come l'artista aveva fatto in Stranizza d'amuri del 1979 (tratta dall'album L'era del cinghiale bianco), Veni l'autunnu del 1988 (tratta dall'album Fisiognomica) e come fara' nel 2009 con 'U cuntu, tratta dall'album Inneres Auge - Il tutto e' più della somma delle sue parti. La decima ed ultima traccia e' Il potere del canto, della durata di undici minuti e diciassette secondi, in cui si accentuano incredibilmente i suoni da campionatura, radicalizzando quindi il ritorno dello "sperimentalismo elettronico" che aveva caratterizzato il Battiato dal 1972 al 1978, "ritorno" che aveva già trovato spazio nel visionario album dello stesso Battiato del 1998 Gommalacca, ed in particolare nel brano progressive Shakleton. Ne Il potere del canto, Battiato afferma che "Il canto e' potere, si bagna come un prato, si arrampica sugli alberi" e che "Smuove il cuore al Faraone". Il brano presenta due parti, intervallate da una pausa di quasi dieci secondi al minuto quattro. I primi quattro minuti sono infatti quelli cantati, mentre i restanti sette sono interamente strumentali ed "inglobano" il movimento campionato Ode (del tutto distinto dal primo, che invece è cantato) assumendo il ruolo di ardita "ghost track", ovvero una traccia che per scelta dell'autore non viene accreditata nell'elenco dei brani nel libretto del disco ma e' presente nell'album medesimo. Ode venne anche ripresa nel 2014 da Battiato stesso nel brano The implicate order, tratta dall'album sperimentale scritto a quattro mani con Pino "Pinaxa" Pischetola Joe Patti's experimental group. Singoli estratti dall'album, oltre alla già citata Running against the grain, sono Bist du bei mir (Tu sei con me) ed Il cammino interminabile.
Euro
32,00
codice 2111152
scheda
Battisti lucio amore e non amore
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1971  ricordi 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent cantautori
prima rara stampa italiana, copertina laminata fronte e retro, etichetta con "small deep groove", arancio in alto e nera in basso con fascia esterna bianca, e con scritte in argento sulla porzione nera, con marchio Siae riquadrato a sinistra, trail off con data "12-3-71" su entrambi i lati, timbro Siae del primo tipo, in uso tra il 1970 ed il 1975, con diametro di circa 13 mm., piu' piccolo dei successivi, catalogo SMRL 6074. Pubblicato in Italia nel luglio del 1971 dopo ''Emozioni'' e prima di ''Volume 4''; tutte le musiche sono di Battisti e tutti i testi di Mogol, contiene otto brani di cui quattro dai titoli lunghissimi, fu registrato con la Premiata Forneria Marconi ed Alberto Radius, ed e' considerato il suo lavoro piu' progressive e sperimentale. La registrazione del disco risale all' ottobre del 1970, ma la Ricordi , considerando l' lp troppo estremo, preferi'￾ non rischiare e al posto di questo pubblico' un disco che, pur essendo in discografia il secondo album ufficiale di Battisti, e' a tutti gli effetti un'antologia, intitolata "Emozioni"; inoltre nel frattempo Battisti inauguro' un nuovo contratto discografico, con la Numero1, e questo ritardo' ulteriormente la distribuzione dell' album, stampato nel marzo 1971 ma distribuito solo a luglio. Il disco contiene i seguenti brani: "Dio mio no", "Seduto sotto un platano con una margherita in bocca guardando il fiume nero macchiato dalla schiuma bianca dei detersivi", "Una", "7 agosto di pomeriggio. Fra le lamiere roventi di un cimitero di automobili solo io, silenzioso eppure straordinariamente vivo", "Se la mia pelle vuoi", "Davanti ad un distributore automatico di fiori dell'aeroporto di Bruxelles anch'io chiuso in una bolla di vetro", "Supermarket", "Una poltrona, un bicchiere di cognac, un televisore. 35 morti ai confini di Israele e Giordania". Si tratta del primo tentativo da parte di Battisti e Mogol di dare vita ad un album unitario, una sorta di concept mutuato dall' arrivo del progressive in Italia, nello stile tuttavia l'opera e' assai vicina al rock ed al rock and roll e ricorda e predata curiosamente anche nei toni della voce cio' che avrebbe fatto oltre 10 anni dopo Zucchero Fornaciari, mentre i 4 brani dai titoli lunghissimi sono degli strumentali basati su una estetica nuova e rivoluzionaria, per la musica Italiana d'autore, che propongono continue novita' in sede di composizione ed arrangiamento.
Euro
65,00
codice 252780
scheda
Battlefield band Anthem for the common man
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1984  temple 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima stampa inglese, copertina lucida fronte retro senza barcode, label blu ed argento, catalogo TP015. Pubblicato nel 1984 dalla Temple in Gran Bretagna, l'ottavo album, successivo a ''There's a buzz'' (1982) e precedente ''Music in trust'' (1986). Album inciso con i membri originari Brian McNeill ed Alan Reid, affiancati dai due nuovi innesti Dougie Pincock ed Alistair Russell, ''Anthem for the common man'' vede il gruppo proseguire con la sua rielaborazione del folk scozzese e celtico, suonando ancora in gran parte strumenti acustici, in particolare, flauto, cornamusa e chitarra, ma con evidenti arrangiamenti di tastiere elettriche, che non snaturano in ogni caso le sonorita' fortemente folk ed evocative dell'album. Gruppo scozzese di Glasgow, i Battlefield Band sono attivi fin dal 1970 ma arrivano al debutto su album solo molti anni dopo con ''Scottish folk'' (1976); fortissimi di esperienze live con i Boys of the Lough, con i quali girano l'Europa, sono autori di una musica che fortissimamente improntata dal folk scozzese, in gran parte suonata con strumenti acustici ma con la presenza dell'organo, che rende peculiare il loro suono, e con arrangiamenti che rivelano sottilmente le influenze del rock. I brani sono quelli classici della tradizione folk del nord dell'isola, ballate medievaleggianti e veloci jigs e reels riletti e mischiati agli echi celtici, provenienti dalla vicina Irlanda.
Euro
20,00
codice 252831
scheda
Be bop deluxe Singles' as and bs
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1981  Harvest heritage 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa inglese, copertina semilucida senza codice a barre, label verde chiara e verde scura, con loghi EMI e Harvest Heritage sopra quello Harvest a sinistra, catalogo SHSM2034. Pubblicata nel 1981 dalla Harvest, questa raccolta dedicata ai sottovalutati Be Bop Deluxe di Bill Nelson contiene singoli e rispettive B-sides (alcuni brani sono rimasti inediti su album all'epoca) usciti originariamente fra il 1974 ed il 1978. Una interessante introduzione alla musica modernista del gruppo inglese, che ha anche il merito di mettere in risalto il valore artistico dei singoli dei Be Bop Deluxe, sovente non inferiore a quello degli album. Questa la scaletta, con data di uscita del singolo fra parentesi: "Jet silver and the dolls of venus" (6/74), "Between the worlds" (2/75), ''Maid in heaven'' (5/75), "Ships in the night" (1/76), "Kiss of light" (7/76), "Japan" (9/77), "Panic in the world" (1/78), "Electrical language" (5/78), "Third floor heaven" (B-side di "Jet silver and the dolls of venus"), "Lights" (B-side di "Between the worlds" e "Maid in heaven", inedita su album), "Crying to the sky" (B-side di "Ships in the night"), "Shine" (B-side di "Kiss of light"), "Futurist manifesto" (B-side di "Japan", inedita su album), "Blue as a jewel" (B-side di "Panic in the world", inedita su album), "Surreal estate" (B-side di "Electrical language"). Questa band inglese guidata da Bill Nelson negli anni '70 suonava un art rock certamente legato all'influenza dei Roxy Music, dagli accenti talora vagamente glam, ma con un approccio sovente decisamente duro, che predatava in qualche modo il punk. Musicista eclettico e prolifico, che non ha temuto di mescolare generi molto diversi come ad esempio il progressivo e la new wave, l'inglese Bill Nelson è anche un apprezzato e spettacolare chitarrista, oltre che pittore. Si fa notare inizialmente negli Astral Navigation e negli A To Austr all'inizio degli anni '70, quindi nel 1971 pubblica il suo primo album solista ''Northen dreamm'' e poi fonda i Be Bop Deluxe, attivi nel corso degli anni '70 e sciolti intorno al 1978; dopo la parentesi del progetto Red Noise riprende ad incidere a proprio nome, sperimentando con svariati generi musicali fra cui la ambient, e sfuggendo alle facili classificazioni.
Euro
26,00
codice 334216
scheda
Beatles free as a bird / real love
7" [edizione] ristampa  stereo  eu  1995  apple 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
singolo in formato 7", tratto dal box di 23 singoli "Singles Collection" uscito nel novembre 2019, copertina senza barcode, etichetta con mela su sfondo scuro. Contiene sul lato A la A-side del singolo uscito nel dicembre del 1995, giunto al secondo posto delle classifiche inglesi ed al sesto di quelle americane, la deliziosa "Free As A Bird", traccia inedita di John Lennon ritrovata, risalente al 1977, su cui gli altri Beatles hanno sovrainciso splendidamente nuove parti strumentali, ricreando magicamente la sensazione di un salto temporale all' indietro, con un risultato persino commovente. Sul retro pero', invece della "Chrismas Time (in here again)" dell' edizione originaria di quel singolo (traccia originariamente su un rarissimo flexi disc natalizio uscito nel 1967), troviamo "Real Love", altra operazione di "reunion postuma" dei Beatles, con una traccia demo di Lennon registrata nel 1979 e sovraincisioni degli altri Fab 4 registrate nel febbraio del 1995; il brano cosi' ultimato usci' nel marzo del 1996 su singolo ed anche nella raccolta "Anthology 2".
Euro
12,00
codice 245872
scheda
Beatles i want to hold your hand / this boy (chile sleeve)
7" [edizione] ristampa  mono  eu  1963  odeon 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
singolo in formato 7", ristampa del novembre 2019, rimasterizzata, tratta dal box di 23 singoli "Singles Collection", corredata di copertina senza barcode che riproduce quella dell' originaria rara versione cilena del singolo (con il nome del gruppo sulla copertina indicato come Los Beatles ed i brani sull' etichetta indicati anche come "Quiero Tomar Tu Mano" e "Este Muchacho", etichetta verde ed argento. Pubblicato in Inghilterra nel novembre del 1963, giunto al numero 1 delle classifiche inglesi, il singolo contiene le memorabili "I Want To Hold Your Hand" e "This Boy", quest' ultima scritta da John Lennon anche se accreditata come sempre a Lennon-McCartney). Entrambi i brani rimarranno inediti, successive raccolte escluse, in Inghilterra, ma saranno presto inclusi nell' album americano "Meet The Beatles".
Euro
12,00
codice 245870
scheda
Beatles lady madonna / the inner light (japanese gatefold sleeve)
7" [edizione] ristampa  mono  eu  1968  odeon 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
singolo in formato 7", ristampa del novembre 2019, rimasterizzata, tratta dal box di 23 singoli "Singles Collection", corredata di copertina apribile senza barcode che riproduce quella dell' originaria rara versione giapponese del singolo, etichetta nera con logo e scritte argento. Pubblicato nel marzo del 1968, giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al quarto di quelle americane, il singolo contiene sul lato A la memorabile "Lady Madonna", composta da Paul McCartney anche se come sempre accreditata a Lennon-McCartney), trascinante brano rock'n'roll che riporta ai primi anni di attivita' del gruppo, e che rimarra' inedito fino alla pubblicazione della raccolta "Hey Jude" del 1970, e sul retro la meravigliosa "The Inner Light" di George Harrison, una delle gemme nascoste piu' preziose nella discografia dei Fab 4, che comparira' su album per la prima volta nell' lp "Rarities", pubblicato come parte del box "The Beatles Collection" nel 1978 ed individualmente nel 1979; la parte strumentale di questo brano fu registrata da Harrison a Bombay, in India, durante le sessione per il suo album "Wonderwall Music", poi completata a Londra con la registrazione della sua parte vocale, mentre il contributo degli altri Beatles consiste qui esclusivamente nei cori.
Euro
12,00
codice 245871
scheda
Beatles Shindig october 1964
7" [edizione] nuovo  mono  uk  1964  1960s 
rock 60-70
EP in formato 7", in mono, copertina rigida senza codice a barre e flipback su due lati sul retro, catalogo REP044. Pubblicato nel 2021 dalla 1960s, questo EP contiene brani registrati dal vivo dai Beatles nel corso di una performance data al Granville Theatre di Fulham per il programma televisivo statunitense Shindig!, il 3 ottobre del 1964; particolarmente degna di nota è la versione di "I'm a loser", la prima in assoluto dal vivo di questo brano. Ringo canta la voce solista in "Boys". Questa la scaletta: SIDE ONE "Kansas City/Hey-Hey-Hey-Hey!", "I’m A Loser" SIDE TWO "Boys", "Kansas City/Hey-Hey-Hey-Hey! (clean version)", "Old Folks At Home (closing titles").
Euro
16,00
codice 3513944
scheda
Beau brummels triangle
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1967  Warner Bros 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Davvero molto rara prima stampa americana in stereo, copertina (con giusto assai lievi segni di invecchiamento ed una micropunzonatura promozionale in alto a sinistra) cartonata, e la magnifica e storica etichetta Warner Bros dorata, catalogo WS1692. Pubblicato in Usa nel luglio del 1967 prima di ''Bradley's barn" e dopo ''Beau Brummels '66'', non entrato nelle classifiche Usa ne' in quelle Uk, il quarto album. Registrato con Van Dyke Parks all' harpsicord nel brano "Magic Hollow", e' una di quelle opere che per la loro originalita' sono di difficile catalogazione, un blend di psichedelia, folk, country, venature blues ed accenni di sperimentazione, marchiato dagli splendidi giochi vocali che anticipano quelli del primo album di David Crosby nelle atmosfere. Tra i brani "Nine Pound Hammer" di Merle TRavis e "Old Kentucky Home" di Randy Newman, ma sono i brani originali a rivelare appieno la sorprendente maturazione del gruppo, ed il grende talento nella scrittura e negli arrangiamenti di Ron Elliott e Sal Valentino, Un VERO capolavoro che figura di diritto tra i massimi albums degli anni '60 non solo Californiani e di San Francisco. Guidati da Ron Elliott e Sal Valentino, fondatori, con i Byrds, prima del folk-rock e poi del country-rock, conservarono sempre nel loro sound un' impronta vagamente britannica, acquisita facendosi le ossa su brani di Beatles, Searchers e Stones. Strano destino il loro: baciati da un notevole successo sin dal primo singolo pubblicato, lo persero, con formazione gia' in via di sfaldamento, in corrispondenza dei loro dischi piu' belli e maturi.
Euro
90,00
codice 245876
scheda
Bertoli pierangelo Pierangelo bertoli (1974/1978)
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1979  record bazaar 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good cantautori
prima stampa italiana, copertina con qualche segno di invecchiamento, label azzurra con scritte nere e logo Record Bazaar nero in alto, logo Ascolto nero in basso, catalogo RB215, data sul trail off 18/7/79, con timbro SIAE del terzo tipo, in uso dal 1978/79, con marchio Siae che non ne occupa più l'intero cerchio centrale. Pubblicata nel 1979 dalla Record Bazaar in Italia, questa antologia compila dieci brani tratti dai primi album del cantaurore di Sassuolo, usciti fra il 1974 ed il 1978, alcuni dei quali tratti dai primi due molto rari albums "Rosso - Colore Dell'Amore" del 1974 e "Roca Blues" del 1975), prima della pubblicazione del fondamentale quinto lp "A muso duro", uscito nello stesso anno di questa raccolta. Il disco si apre con una delle più forti canzoni ecologiste ed antimilitariste del cantautorato italiano, "Eppure soffia", fra denuncia di meschinità desolanti e speranza per il futuro, "Rosso colore", "Il centro del fiume", che dà il titolo ad uno dei suoi album migliori. Uno degli autori più politici ed allo stesso tempo poetici della fine del decennio, genuinamente popolare, che muove le sue divagazioni esistenziali nella direzione del quasi conterraneo Guccini, ma utilizza, rispetto a questo, matrici poetiche meno ricche eppure molto più dirette, nella loro scarna essenzialità, che lo posizionano come una delle figure piu coerenti e genuine dell'intero cantautoriato italiano. Questa la scaletta: "Eppure soffia", "Sera di gallipoli", "Povera mary", "Per te", "Per dirti t'amo", "Rosso colore", "Il centro del fiume", "Roca blues", "Ridere di un'ora", "Verso l'europa".
Euro
13,00
codice 332275
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  uk  2019  outré 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good indie 2000
Copia ancora incellophanata, ma con una leggera piega sull'angolo inferiore sinistro della copertina, la prima stampa, con ancora allegato il coupon per il download digitale dell'album (non sappiamo se ancora utilizzabile), copertina con barcode 5052571082119, inserto a colori formato cartolina, label nera con scritte bianche e "manufactured in the united kingdom" lungo il bordo, catalogo 12OUTRE4. Pubblicato nel luglio del 2019 dalla Outré, il primo album di Bess Of Bedlam, progetto solista della francese Fanny L'Héritier, impegnata anche come cantante e tastierista del trio indie "baroque" pop transalpino Odessey and Oracle, autori di tre albums fra il 2014 ed il 2020. L'artista lionese mette in secondo piano le sfumature pop psichedeliche della sopracitata band, per elaborare con "Folly tales" un delicato melange fra le influenze folk anglosassoni degli anni '70, lo psych folk etereo alla Linda Perhacs, le liriche e fluttuanti melodie degli United States Of America più onirici e rarefatti, il tutto ad accompagnare un impianto testuale vagamente surreale, sospeso al confine con il sogno e l'alienazione ma sempre espresso con una voce gentile e carezzevole. Fanny impiega per questa realizzazione una strumentazione priva di sezione ritmica, suonando pianoforte, piano elettrico, vecchi sintetizzatori analogici degli anni '70, chitarre acustiche ed elettriche, banjo e dobro.
Euro
14,00
codice 332276
scheda
Beths Jump rope gazers (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  carpark 
indie 2000
edizione limitata in vinile trasparente. adesivo su cellophane. Il secondo album seguente l'acclamato "future hates me" del 2018, scritto a cavallo di tourneé a supporto di artisti quali Pixies e Death cab for cutie, registrato tra la fine del 2019 e l'inizio del 2020 (ancora con la produzione del chitarrista Jonathan Pearce) vede il gruppo attenuare la vivacità del debutto con brani più riflessivi che si alternano al fresco guitar pop rumoroso che li contraddistingue. Gruppo di Auckland, Nuova Zelanda, formati alla fine del 2014, autori di indie pop chitarristico con influenze Strokes, Weezer e gruppi della scena neozelandese anni 80-90. Debuttano nel 2018 con ""future hates me", disco ben recensito dalle testate specializzate.
Euro
33,00
codice 2111291
scheda
Bevis frond we're your friends, man
lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  2018  fire 
punk new wave
doppio album, copertina apribile, adesivo di presentazione sul cellophane, corredata di codice per il download digitale e di inserto. Pubblicato dalla Fire nel dicembre del 2018 dopo "Example 22" (2015), il diciannovesimo album in studio. Prodotto da Dave Palmer, inciso da Nick Saloman con la consolidata formazione composta da Paul Simmons (Alchemysts, Jello Biafra, Oddfellows Casino), Adrian Shaw (Hawkwind, Arthur Brown) e Dave Pearce (Psycho's Mum, Limehouse Lizzy), oltre che con l'ospite Bari Watts (dagli Outskirts Of Infinity) nel lungo brano di chiusura ''You're on your own'', questo doppio lp evidenzia l'ormai grandissima esperienza a livello compositivo di Nick, capace di sfornare ispirate sequenze di brani anche qui, fra episodi portatori di ruvide ma poetiche sonorità alla Neil Young, alcune deliziose e contemplative ballate acustiche, cavalcate elettriche di acid rock muscolare ma percorso da una vena melodica squisitamente britannica, ed alcuni lunghi pezzi che evidenziano la propensione alla jam del gruppo, ricollegata all'epoca d'oro della psichedelia e dello acid rock. Nick Saloman e' personaggio fondamentale dell'underground psichedelico britannico; attivo sin dal '67 (due acetati con i Bevis Frond Museum e poi con i Dune), nel '75 negli Oddsocks che produssero un album di folk acustico molto raro, poi in piena era punk nei Von Trap Family e nei Room 13, fondo' la Woronzow nel 1980 realizzando come Bevis Frond un 7" ed un 12" due anni dopo (mai visti, ovviamente...), per ricomparire nella meta' degli anni '80 con due magnifici albums, "Miasma" ed il successivo "Inner Marshland", da molti considerati tra i capolavori della psichedelia inglese, capaci di mettere insieme una straordinaria vena heavy psichedelica con forti influenze hendrixiane, scintille di creativita' pop ed illuminazioni visionarie degne di Barrett. Ha collaborato anche con il leggendario Twink.
Euro
27,00
codice 2111181
scheda
Big mama thornton hound dog / rock a bye baby
7" [edizione] nuovo  mono  usa  1953  peacock 
blues rnr coun
Singolo in formato 7", ristampa pressoche' identica alla prima molto rara tiratura, con etichetta marrone ed argento, copertina ovviamente neutra; l' immortale storico singolo pubblicato nel febbraio del 1953 dalla grandissima cantante di Montgomery, Alabama, registrato addirittura nell' agosto del 1952, con quella "Hound Dog" (scritta da Leiber e Stoller) sul lato A che e' tra le piu' clamorose anticipazioni del rock'n'roll che sarebbe esploso qualche anno dopo, brano che ebbe gia' un notevole successo in questa versione ed avra' un successo ancora maggiore nella versione che ne dara' un paio di anni dopo Elvis Presley, versione peraltro ampiamente basata su questa. Sul retro un episodio minore, ma comunque brillante e trascinante, l' originale "Rock A Bye Baby", marchiato a fuoco dalla voce possente e viscerale di questa straordinaria "donnona" (il nome d'arte non era casuale), cantante, autrice dei suoi brani, multistrumentista. Si dice che dal vivo unisse la sensibilita' delle grandi cantanti country- blues come Memphis Minnie alla forza ed alle notevoli capacita' di palcoscenico tipiche invece delle leggende degli anni '20 come Ma Raney e Bessie Smith, cosa che non si fatica ad immaginare ascoltando molte delle sue incisioni. Proveniente da Montgomery, Alabama, la cantante blues Big Mama Thornton (1926-1984) era in possesso di una voce potente ed impositiva, che rifletteva un temperamento forte e scontroso; sebbene non goda di grandissima fama, e' stata una artista in certo modo seminale per la storia del rock, in quanto il suo unico grande successo, ''Hound dog'' (composto da Leiber e Stoller, e da lei registrato nell' agosto del 1952 e pubblicato nel febbraio del 1953), venne poi interpretato nel 1956 da Elvis Presley in chiave rock'n'roll fruttando un successo ancora piu' ampio; piu' tardi, fra i brani classici interpretati da Janis Joplin figurera' anche ''Ball and chain'', un'altra composizione di Big Mama che nella versione originale godette di buon successo.
Euro
10,00
codice 3029045
scheda
Biosphere Substrata
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1997  biophon 
indie 90
ristampa, doppio vinile pesante, copertina apribile. Geir Jensen inizia a produrre musica formando un trio ( i Bel Canto) ma successivamente con il nome, Bleep, intraprende la carriera solista realizzando svariati singoli, prima dell'album "The north pole by submarine" nel 90, fondendo elementi sperimentali con il ritmo della dance metropolitana. Il primo album con il nome Biosphere esce nel 91 e si chiama "Microgravity", nel 94 esce "Patashink", nel 97 escono sia "Substrata" che "Insomnia", colonna sonora per l'omonimo film norvegese e nel 2000 esce "Cirque”, seguito da “Substrata²”(2001), “Shenzhou”(2002), “Autour de la Lune”(2004), “Dropsonde”(2006), “Wireless: Live at the Arnolfini, Bristol”(2009). Parallelamente continua l’attività da compositore di colonne sonore, con “Im Schatten” e “Nokas”. Nel 2011 esce “N-Plants” e nel 2012 viene pubblicato “L'incoronazione di Poppea”. “Substrata”(1997) è il terzo album in studio a nome Biosphere, tra gli album più riusciti del musicista norvegese e tra gli album più importanti della musica ambient. Rispetto ai precedenti – “Microgravity”(1991), “Patashnik”(1994) – Geir Jeshen lascia da parte il lato techno ed house della musica ambient lavorando di sottrazione, abbandonando gli elementi ritmici delle prime produzione e lavorando sostanzialmente sullo sviluppo delle atmosfere glaciali e naturali (campionamenti da suoni naturali).
Euro
35,00
codice 2111239
scheda
Bjork innocence (2x12"+cd+dvd)
12"x2 [edizione] nuovo  stereo  uk  2008  one little indian 
indie 90
Edizione limitata, contenente due vinili pesanti, un cd ed un dvd, con copertina a box apribile centralmente, con grosso adesivo a colori a sigillare l'apertura. Questo box contiene vari remix del brano "Innocence" oltre al video dello stesso. Questa la lista delle varie versioni: Simian Mobile Disco 12", Alva Noto Unitxt Remodel 12", Mark Stent mix, Ghostigital Untouchable Innocence Still Amazes 12", Jimmy Douglas mix, Simian Mobile Disco Dub, Mark Stent Instrumental. La versione originale di "Innocence" si trova nell'album "Volta", il settimo lp, uscito dopo "Medulla" e la colonna sonora "Drawing Restraint". "Volta" rappresenta un deciso ritorno verso sonorita' piene e ritmiche, inoltre, dopo gli affascinanti e pregevoli sperimentalismi vocali degli ultimi lavori, in cui Bjork spesso cantava con un filo di voce, torniamo ad ascoltare la voce dell'artista islandese a pieno volume. In questo album troviamo un equilibrio tra il lato piu' accessibile della sua musica, quello dei lavori dei '90, e gli esperimenti degli anni 2000, in un' alternanza tra momenti potenti ed episodi meditativi, sempre pervasi di creativita' e fascino. Il disco vede la collaborazione di Timbaland, a lui il merito di creare i ritmi piu' accattivanti, Antony Hegarty (Antony & The Johnsons) che duetta con Bjork in due brani, oltre ad un coro femminile finlandese, Toumani Diabate', Brian Chippendale (batterista dei Lightning Bolt).
Euro
13,00
codice 2111276
scheda
Bjork post
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1995  one little indian 
indie 90
Ristampa in vinile 180 grammi, inner con i testi, etichette custom, pressoche' identica alla prima tiratura del 1995. Pubblicato in Inghilterra nel giugno del 1995 dopo ''Debut'' e prima di ''Homogenic'', giunto al numero 2 delle classifiche Uk ed al numero 32 di quelle Usa. Il secondo album. Pubblicato dopo che le pressioni e le aspettative in seguito al celeberrimo debutto erano oramai altissime, il secondo lavoro di Bj”rk supera nel risultato e nelle intenzioni l' electronic pop del primo LP, l'album mostra sfaccettature finora inedite, dall' industrial di "Army of Me", alla fiaba moderma di "Isobel", la produzione e gli arrangiamenti sono opera del ''vecchio'' Nellee Hooper, affiancato inoltre da nomi quali Graham Massey degli 808 State, Howie B. e Tricky, che aiutano ad incorporare pulsioni orchestral/elettroniche/trip-hop nella musica di Bjork, vedi "Hyperballad", che ricorda addirittura Aphex Twin. Tra i brani piu' sorprendenti e riusciti "Enjoy", "Possibly Maybe", "It's Oh So Quiet" o la quasi orchestrale "You've Been Flirting Again", bellissima poi la ipnotica e sperimentale "Headphones". Questo album dimostra come il lavoro di Bjork sia sempre stato in continuo cambiamento ed alla ricerca di un contesto piu' complesso e futuribile, caratteristica che verra' sviluppata nel futuro in maniera totale e continua.
Euro
27,00
codice 2111154
scheda

Page: 2 of 16


Pag.: oggetti: