Hai cercato:  immessi ultimi 60 giorni --- Titoli trovati: : 1765
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Aa.vv. (punk new wave) Suburbia ost
Lp [edizione] nuovo  stereo  aus  1984  survival research 
punk new wave
Copertina senza codice a barre. Ristampa del 2024 ad opera della Survival Research, pressoché identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicata nel 1984 dalla Enigma negli USA, la colonna sonora del film "Suburbia", diretto dalla regista Penelope Spheeris, l'autrice del celebrato documentario "The decline of Western civilization", uscito nel 1981, documento storico sul punk californiano a cavallo fra la fine degli anni '70 e l'inizio degli '80. "Suburbia" fu girato nell'inverno 1982/83 con attori non professionisti, alcuni dei quali provenienti dalla scena musicale losangelina, come Flea dei Red Hot Chili Peppers e Chris Pedersen, già chitarrista dei Patriots; il film fu girato in locazioni non artefatte della metropoli californiana e nei club di Los Angeles dove si suonava punk rock, sfondo di una storia di emarginazione e rabbia giovanile e di alienazione metropolitana. La colonna sonora contiene sulla prima facciata alcune registrazioni dal vivo di gruppi come Vandals, D.I. e T.S.O.L., sulla seconda invece pezzi musicali realizzati per il film da Alex Gibson. Questa la scaletta: D.I., "Richard Hung Himself"; T.S.O.L., "Wash Away", "Darker My Love"; The Vandals, "Legend Of Pat Brown"; Alex Gibson, "Picking Up Joe", "Ethan's Rescue", "Punk Parade", "Sheila's Song", "Keep Off The Grass", "Garage Raids", "T.R. Revisited", "Suburbia".
Euro
19,00
codice 3515900
scheda
Aa.vv. (punk nuggets) bloodstains Across the Midwest
lp [edizione] originale  stereo  usa  1979  bloodstains 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
copia ancora incellophanata, l' originale stampa, copertina senza barcode, con dettagliate note sul retro, etichetta rossa con scritte nere da un lato e rossa con artwork in nero dall' altro, catalogo BLOODSTAINS03. Pubblicato nel 1994, il terzo volume della piu' importante collana di raccolte punk insieme a "Killed by Death", dedicato interamente alla scena punk rock americana del Midwest. Contiene 16 brani, ovviamente tratti da rarissimi singoli: Dow jones & Industrials "Can't stand the midwest" (dall' unico 7" della band di Bloomington, Indiana, 1980); Haskels "Takin' the city by storm" (dall' unico 7"ep del 1980, da Milwaukee); Embarassment "Sex drive" (dall' unico singolo del 1980, dal Kansas); Gizmos "Human garbage disposal" (dal secondo 7" ep del 1977 della storica band di Bloomington, Indiana); Baloneyheads "I'm a drunk" (dall' unico 7" del 1980, da Cleveland, Ohio); Customs "Long gone" (dal grandissimo secondo ed ultimo singolo del 1980 della band di Cincinnati, Ohio, nata per iniziativa dell' ex DMZ e Lyres Peter Greenberg); NNB "Slack" (dall' unico singolo della band di Minneapolis, Minnesota, 1978); Latin dogs "Killed in jail" (dall' unico singolo del 1982, da Battle Creek, Michigan, con alcuni ex Brain Police in formazione); Toxic reasons "War hero" (dal primo singolo del 1981 della storica band di Dayton, Ohio); Gynecologists "Gym Gerrard" (dal secondo di tre singoli, uscito nel 1981, dall' Indiana); Cult Heros "Berlin wall" (dal primo singolo del 1979, del gruppo di Ann Arbor, Michigan); Brain police "I let jenny ride" (dall' unico singolo del 1978, gruppo di Battle Creek, Michigan); Mentally Ill "Soldier 19" (dal secondo 7" del gruppo di Deerfield, Illinois, 1982); Endtables "Process of elimination" (singolo del 1979, da Louisville, Kentucky); Crap detectors "Police state" (dal primo singolo del 1980); The Five "Death" (dal secondo singolo, del 1981, del gruppo di Pittsburgh).
Euro
26,00
codice 261065
scheda
Aa.vv. (reggae) Do the moonwalk
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  trojan / bmg 
reggae
Catalogo TBL1039. Pubblicata nel 2019 dalla Trojan / BMG, questa antologia pesca dal catalogo della grande etichetta inglese dodici brani di fine anni '60 e dintorni, ispirati dalle imprese lunari degli astronauti dell'epoca, sbarcati sul nostro satellite nel luglio del 1969, di cui proprio nel 2019 cadeva il cinquantesimo anniversario. La musica reggae è senza dubbio permeabile ed aperta all'ispirazione di eventi, mode e movimenti internazionali (si pensi ad esempio al cinema delle arti marziali od allo spaghetti western, i cui riferimenti fanno non di rado capolino nei brani della musica giamaicana di fine anni '60 e primi '70), come documentano i titoli di queste canzoni rocksteady e proto-reggae, interpretate da nomi come Derrick Morgan, Ansel Collins, Symarip e Kingstonians, fra gli altri, proprio a celebrazione dello sbarco sulla luna, ovviamente in salsa reggae. Questa la scaletta: Derrick Morgan, "Moon Hop"; Karl Bryan, "Moon Shot"; Nicky Thomas, "Doing The Moonwalk"; Earl Bailey, "Moon Rock"; The Kingstonians, "Come We Go Moonwalk"; Sonny Bins, "Boss A Moon"; Derrick Morgan, "Man Pon Moon"; Ansel Collins, "Moon Dust"; King Horror, "Creature From The Moon"; Winston Wright, "Moon Invader"; The Hippy Boys, "Apollo 11"; Symarip, "Skinhead Moonstomp".
Euro
19,00
codice 3515921
scheda
Aa.vv. (rock 60-70 peru) Demoler! demoler!, demoler!
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1965  munster 
rock 60-70
Copertina senza codice a barre, inserto apribile con foto, note e riproduzioni delle etichette originali, catalogo MR451LP. Pubblicata nel 2024 dalla Munster, questa antologia è dedicata ad una delle più importanti etichette della nuova musica pop peruviana degli anni '60, la DisPeru, la prima casa discografica indipendente del paese e dell'intero Sud America. Fu fondata ed era guidata da una donna, Rebeca Llave Vaccaro, che promosse i nuovi gruppi beat e garage come i grandissimi Los Saicos, che qui aprono non per nulla la scaletta con la graffiante e scatenata "Demolicion", ma anche generi come la cumbia ed il boogaloo. Nell'arco di cinque anni, durante la seconda metà degli anni '60, il fiuto per il talento e la visione moderna della Llave resero la DisPeru un punto di riferimento della musica popolare peruviana più giovane ed aperta alle influenze del nuovo pop internazionale, mantenendo però un carattere genuinamente latino: mise sotto contratto gruppi rock e beat come Los Saicos e Jean Paul El Troglodita, gruppi della "new wave" peruviana come Los 4 Brillantes e Golden Boys, come anche artisti esponenti della musica peruviana andina e tropicale, quali Chano Scotty y su Combo e Tono y sus Sicodélicos. Questa la scaletta: Los Saicos, "Demolición"; Jean Paul El Troglodita, "Tema Del Troglodita"; Gloria Travesì, "Pobre Adan"; Los Cuatro Brilantes, "Vuelve a Mi Barquita"; Claudio Fabbri, "Fiesta de Verano"; Los Saicos, "Te Amo (Instrumental)"; Golden Boys, "No Resisto Más"; Los Peruvian Brass, "Virgines del Sol"; Chano Scotty y su Combo Latino, "Prende la Vela", "Psicosis"; Tono y sus Sicodelicos, "Mr. Boogaloo"; Los Guajiros del Ritmo, "El Fresco"; Alicia Estrada, "Yolanda"; Tono y sus Sicodelicos, "El Guayacol".
Euro
25,00
codice 3515887
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Brown acid: the eighteen trip - vol. 18 (blue)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  riding easy 
rock 60-70
EDIZIONE IN VINILE BLU. Pubblicato nell' aprile 2024, questo e' il diciottesimo volume della serie di compilation ''Brown acid - Heavy Rock From the Underground Comedown'' edite dalla label californiana Ridingeasy, con lo scopo di riportare all'attenzione del pubblico una serie di rari brani e di misconosciuti gruppi dell' underground post psichedelico e hard rock perlopiu' americano fra la fine degli anni '60 e quella degli anni '70. Brani tratti da rarissimi singoli, spesso autoprodotti e venduti per lo piu' in poche centinaia di esemplari. Svanito il sogno psichedelico e pacifista a fine decennio, con l'avvento delle droghe pesanti, la tragedia di Altamont ed il persistere dell'atroce conflitto vietnamita, il rock si fece piu' duro e tormentato, sostituendo le melodie folk rock e le visionarie invenzioni psichedeliche con la potenza e l'aggressivita' dell' hard rock e del protopunk, che influenzarono a loro volta una generazione di musicisti destinati a restare misconosciuti o ricordati solo a livello locale, ma capaci comunque di dare poche prove di selvaggia creativita' all'insegna di una crudezza figlia del garage di poco precedente e dei seminali primi lavori dei Blue Cheer e precorritrice del punk, almeno nello spirito, che fruttarono dirompenti, sporchi e cattivi hard rockers stradaioli; questa la scaletta di questo diciottesimo volume: Backjack "Bridge Waters Dynamite" (1974, S.Louis, Missouri), Smokin' Buku Band "Hot Love" (1980, Hollywood, California), Atlantis "Moby Shark" (1975, Baltimore, Maryland), Tommy Stuart & The Rubberband "Peeking Through Your Window" (1970, Tuscaloosa, Alabama), Chicago Triangle "Ripped Off" (1977, Chicago, Illinois), Parchment Farm "Songs Of The Dead" (1971, Union, Missouri), Glory (Damnation Of Adam Blessing) "Nightmare" (1973, Cleveland, Ohio), Dalquist "Farewell To The Dreamer" (1980, Waco, Texas), Pawnbrokers "Realize" (1968, Fargo, North Dakota), Brothers Of The Ghetto "Rockin' Chair" (1975, Chicago, Illinois).
Euro
29,00
codice 3034861
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Radio 2 presents in concert
Lp [edizione] originale  stereo  ire  1985  rte 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good rock 60-70
l' originale stampa, copertina (con diversi segni di usura) senza barcode, label gialla con scritte nere e rosse, logo Radio 2 bianco e rosso in alto, catalogo RTE92, vinile che assume colore ambrato se posto controluce. Pubblicato nel 1985 dalla RTE in Irlanda, questo album compila registrazioni dal vivo effettuate da sei differenti gruppi irlandesi presso il Radio Centre di Dublino fra il gennaio e l'aprile dello stesso anno, ed originariamente trasmessi nel programma radiofonico "In concert" di Radio 2 (nota anche come RTE 2fm), emittente irlandese. I gruppi partecipanti rappresentano un ampio spettro stilistico, dal soft rock della Freddie White Band al sanguigno pub rock della Brush Shiels Band", dall'avvolgente pop wave degli Auto Da Fé (che avevano in formazione la cantante Gay Woods, già con i gruppi folk rock Steeleye Span e Woods Band negli anni '70!) al puro ska dei Blades ed alle inclinazioni country e roots rock di Ray Lynam and the Hillbillies. Questa la scaletta completa: The Freddie White Band, "Tenderness On The Block"; Paul Cleary, "Show Some Concern"; Ray Lynam and the Hillbillies, "Home Away From Home"; Brush Shiels Band, "Naturally High"; Auto Da Fé, "November, November"; The Blades, "Young, Gifted And Black"; Ray Lynam and the Hillbillies, "Rainy Days And Stormy Nights"; Brush Shiels Band, "Summertime"; Auto Da Fé, "Credo, Credo"; The Freddie White Band, "Po-Jama People".
Euro
10,00
codice 336038
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) white mansions - A Tale From The American Civil War 1861-1865
lp [edizione] originale  stereo  usa  1978  a&m 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Fair rock 60-70
prima stampa americana, copertina (con diversi segni di invecchiamento, alcune piccole scritte ed un non perfetto foro promozionale in alto a sinistra) apribile, con parte all' interno sagomata "die cut", completa dell' originario libretto gigante di 28 pagine con foto in bianco e nero e note, e di inner sleeve, etichetta custom crema e nera, catalogo SP-6004. Uscito nel 1978, contiene brani tratti dalla piece teatrale e televisiva, prodotta da Glyn Johns, sulla guerra civile americana, ambientata negli Stati del Sud dal 1861 al 1865. I quindici brani del disco, composti da Paul Kennerley, vengono proposti in ispirate interpretazioni di Jessi Colter, il grande Waylon Jennings, John Dillon e Steve Cash (questi ultimi provenienti dagli Ozark Mountain Daredevils), supportati da Bernie Leadon (degli Eagles), nientemeno che Eric Clapton, Henry Spinetti, Dave Markee, Tim Hinkley.
Euro
10,00
codice 261113
scheda
Aa.vv. (rock'n'roll, r'n'b) Rip it up - the best of specialty records
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1950  craft 
soul funky disco
copertina ruvida fronte retro con barcode, inner sleeve con foto e note sui brani compilati, label bianca e nera con scritte nere e logo Specialty giallo in alto, catalogo CR00422. Pubblicata nel 2021 dalla Craft, a celebrazione del 75esimo anniversario della fondazione della Specialty Records, avvenuta nel 1945, corredata da lunghe note a cura di Billy Vera sul retro copertina, questa splendida antologia compila diciotto dei più grandi successi di questa importantissima casa discografica americana, fondata a Los Angeles da Art Rupe, e divenuta presto una delle etichette pionieristiche del primo rock'n'roll e dello r'n'b, pubblicando dischi di giganti come Little Richard, Percy Mayfield, Sam Cooke e Lloyd Price, fra gli altri. La Specialty fu una delle etichette indipendenti emerse nella California dei primi anni del dopoguerra, una terra che si stava arricchendo e che offriva diffuse opportunità; mentre le grandi case discografiche si erano concentrate sui grandi nomi come Bing Crosby e Tommy Dorsey, emersero etichette come la Specialty, dedicate ad altri generi e ad altre tipologie di interpreti, nel nostro caso quelli afroamericani, la cui musica era amata dal fondatore Art Rupe, il quale aveva anche notato come essa fosse in quel momento trascurata dalla grande industria discografica. Da qui nasce una piccola epopea che porterà la piccola etichetta a valorizzare artisti di colore che avrebbero fatto la storia della musica di metà Novecento, ottenendo anche importanti successi nel corso degli anni '50, basta scorre la scaletta di questa bella antologia, zeppa di perle rock'n'roll e r'n'b. Questa la scaletta: Lloyd Price, "Lawdy Miss Clawdy"; Little Richard, "Long Tall Sally"; Roy Milton, "R.M. Blues"; Sam Cooke, "I'll Come Running Back To You"; Joe Liggins, "Pink Champagne"; Little Richard, "Tutti Frutti"; Percy Mayfield, "Please Send Me Someone To Love"; Roy Milton, "Information Blues"; Larry Williams, "Bony Moronie"; Little Richard, "Lucille"; Jesse and Marvin, "Dream Girl"; Jimmy Liggins, "Drunk"; Lloyd Price, "Ain't It A Shame?"; Larry Williams, "Short Fat Fannie"; Percy Mayfield, "Lost Love (Baby, Please)"; Lloyd Price, "Oooh-Oooh-Oooh"; Roy Milton, "Best Wishes"; Little Richard, "Rip It Up".
Euro
18,00
codice 2128843
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1989  minus habens 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa, pressata solo in Italia, completa dell'inserto catalogo della Minus Habens datato 1990/I, copertina ruvida fronte retro senza barcode, inserto formato A4 con foto o loghi degli artisti compilati, label bianca con scritte nere su di una facciata, con immagine in bianco e nero sullo sfondo sull'altra, catalogo MHR003, groove message "questa carne meravigliosa" sul lato A e "le meraviglie son di carne" sul lato B. Pubblicata nel 1989 dalla italiana Minus Habens, questa antologia compila dodici brani, quasi tutti inediti o rimasti altrimenti inediti (un paio di essi erano già stati o sarebbero poi stati pubblicati su musicassetta), che formano un manifesto delle frange più sperimentali del post punk italiano di fine anni '80, fra astrattismo e rumorismo elettronico, industrial e le deviazioni più "synthetiche" della new wave. Artisti seminali ed importanti, come i milanesi Sigillum S; i romani Ain Soph, negli anni '80 uno dei piu' importanti gruppi del panorama industrial/dark ambient italiano; i Tapes, oscuro progetto di culto italiano animato dai fratelli Giancarlo e Roberto Drago, autori di numerose musicassette fra i primi anni '80 ed i primi '90, in cui esprimevano una musica suonata con sintetizzatori, drum machines, sistemi di registrazione rudimentali e talora a bassa fedelta'; MGZ, aka Mauro Guazzotti, uno dei membri del leggendario gruppo sperimentale savonese F.A.R., che nelle sue opere soliste propone una musica bruciante e folle, dove convergono idee industrial, punk e musica elettronica, non prive di un bizzarro umorismo; i Brain Discipline, fra elettronica, rumorismo e no wave, gruppo che aveva legami con i Tasaday; Luciano Dari, il fondatore della label Musica Maxima Magnetica. Questa la scaletta completa: Luciano Dari, "Comite Ferro"; Brain Discipline, "Spirit In Construction"; L.S.D., "Coroner"; Tam Quam Tabula Rasa, "Fulcrum Ulcerationis (L.I.S.A.)"; Lyke Wake, "Day Dreaming (Intro)"; Radical Change & T.T.T.F., "O"; Nightmare Lodge, "Denti Della Rotazione"; Sigillum S, "Nuclear Atavisms From Vertebral Broadcasting"; Ain Soph, "Liberte (Ou Mort)"; Stefano Biasin, "Il Re Del Portogallo Non Sa Ballar La Samba Essendo Poco In Gamba Cadendo Si Ferì"; The Tapes, "Il Tempio"; MGZ, "?!?!?".
Euro
30,00
codice 336059
scheda
Aa.vv. (soul, r'n'b) Brunswick northern soul
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1966  demon / brunswick 
soul funky disco
Vinile nero da 140 grammi, catalogo DEMREC811. Pubblicata nel 2021 dalla Demon, questa antologia compila dodici brani tratti altrettanti singoli editi dalla storica label americana Brunswick fra il 1966 ed il 1973 (tranne uno uscito su Constellation, quello di Gene Chandler), opera di cantanti afroamericani, con particolare attenzione alla scena soul di Chicago, che negli anni '60 era uno dei punti di forza della Brunswick, grazie a successi di artisti come Jackie Wilson ed i Chi-Lites; accanto a queste figure di spicco, la Brunswick sviluppò un catalogo che annovera molti artisti rimasti allo status di culto, in particolare nel circuito del Northern soul britannico, come Adam's Apples, Marvin Smith e Leroy Taylor, autori di singoli oggi divenuti rarissimi di costosissima reperibilità, e qui finalmente compilati insieme. Questa la scaletta: Jackie Wilson, "The Who Who Song" (1967); Adam's Apples, "Don't Take It Out On This World" (1967); Leroy Taylor, "Oh Linda" (1967); Marvin Smith, "Have More Time" (1966); Billy Butler, "I'll Bet You" (1967); The Artistics, "The Chase Is On" (1967); Gene Chandler, "Bet You Never Thought" (1966); Jackie Ross, "Keep Your Chin Up" (1967); Channel 3, "Sweetest Thing" (1973); The Visitors, "I'm In Danger" (1968); Tony Drake, "Suddenly" (1970); Jackie Wilson, "Because Of You" (1973).
Euro
19,00
codice 3515920
scheda
Aa.vv. (soul, r'n'b) You can't sit down - cameo parkway dance crazes 1958-1964 (yellow vinyl rsd 2021)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1958  cameo-parkway / bmg 
soul funky disco
Vinile doppio a 45 giri di colore giallo, edizione REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 17 LUGLIO 2021, inner sleeve con foto degli artisti, note e riproduzioni delle etichette dei singoli originari, label verde e gialla sul primo vinile, blu e rossa sul secondo, logo Cameo Parkway in alto, catalogo 718 779-1. Pubblicata in vinile nel luglio del 2021 dalla Cameo Parkway / BMG, inizialmente uscita solo in cd nel 2020, questa antologia compila ventidue brani, rimasterizzati dai master originali tratti dagli archivi della Cameo Parkway, originariamente pubblicati fra il 1958 ed il 1964 su singolo dalla storica etichetta di Philadelphia Cameo-Parkway (nelle sue due distinte emanazioni Cameo e Parkway). La compilation documenta alcune delle più scatenate e ballabili musiche prodotte dal primissimo soul e dallo r'n'b a cavallo fra la fine degli anni' 50 ed i primi '60, e si apre e si chiude proverbialmente con due canzoni di Chubby Checker, il "re del twist": "The twist" e "Twistin' U.S.A.". Questa la scaletta: Chubby Checker, "The Twist"; The Orlons, "The Wah-Watusi"; The Dovells, "Bristol Stomp"; Dee Dee Sharp, "Mashed Potato Time"; The Dovells, "You Can't Sit Down"; Bobby Rydell, "The Third House (In From The Right)"; Dee Dee Sharp, "Do The Bird"; Chubby Checker / Dee Dee Sharp, "Slow Twistin'"; The Orlons, "Shimmy Shimmy"; Candy and the Kisses, "The 81"; The Marlins, "(Everybody Do) The Swim Pt. 1"; Don Covay, "The Popeye Waddle"; The Dovells, "Do The New Continental"; The Dardanelles featuring Little Bo, "Baby, Do The Froog"; The Applejacks, "Rocka-Conga"; Chubby Checker, "The Hucklebuck"; Tony Young and the Hippies, "The Mash"; The Applejacks, "Mexican Hat Rock"; Bobby Rydell, "The Cha-Cha-Cha"; The Turbans, "When You Dance"; The Taffys, "Everybody South Street"; Chubby Checker, "Twistin' U.S.A.".
Euro
26,00
codice 3515919
scheda
Aa.vv. (spanish avant-garde) Five spanish pioneers of electronic and experimental music 1953-1969
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1953  sub rosa 
classica cont.
Catalogo SRV548. Pubblicata nell'aprile del 2024 dalla Sub Rosa, questa antologia compila cinque composizioni di altrettanti sperimentatori musicali spagnoli, risalenti agli anni '50 e '60, quando il paese era sotto il dominio incontrastato del regime franchista. Curata dal musicologo Miguel Alvarez-Fernandez, essa offre un sorprendente spaccato della creatività dell'avanguardia iberica dell'epoca, capace di concepire ed esprimere idee al passo con quelle degli sperimentatori francesi, tedeschi, italiani e di altre realtà europee a cavallo fra quei due decenni. Jose Val del Omar (1904-1982) era un creatore di arte sognante accostato ad artisti come Federico Garcia Lorca e Luis Bunuel; Eduardo Polonio, classe 1941, è uno sperimentatore originario di Madrid, formatosi anche in Germania, collaboratore del gruppo Koan fra il 1967 ed il 1970, e poi membro del gruppo Alea Musica Electronica Libre, ricordato come il primo ensemble spagnolo a suonare musica elettronica dal vivo, ed uno dei fondatori dell'Associazione Spagnola di Musica Elettroacustica, della quale è stato a lungo presidente; Josep Maria Mestres Quadreny (1929-2011) entrò nel 1952 nella cerchia di Manuel de Fall, nel 1974 fondò il Laboratori de Musica Electroacustica Phonos, e nel corso della sua carriera collaborò con Joan Miro' e con Antoni Tàpies; Juan Hidalgo (1927-2018) entrò in contatto con pionieri americani quali John Cage e David Tudor, e fu membro del Fluxus; Cristobal Halffter (1930-2021), ricordato come uno dei più importanti compositori della sua generazione, lavorò con Karlheinz Sotckhausen, Luciano Berio e Pierre Boulez. Questa la scaletta: Jose Val del Omar, "Aguaspejo Granadino (Fragment Of The Soundtrack)"; Eduardo Polonio, "Para Una Pequeña Margarita Ronca"; Josep Maria Mestres Quadreny, "Peca Per A Serra Mecànica"; Juan Hidalgo, "Étude De Stage"; Cristobal Halffter, "Líneas Y Puntos".
Euro
19,00
codice 3515888
scheda
lp [edizione] ristampa  stereo  usa  1984  dischord 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
copia ancora incellophanata, ristampa del 2007, rimasterizzata dai masters originali, IN VINILE VERDE, adesivo di presentazione sul cellophane, copertina senza barcode pressoche' identica alla prima rara tiratura, ma con prezzo indicato sul retro di $10 (era $5 nella prima stampa), corredata di inserto con foto e testi, e di coupon con codice per il download digitale del disco (non sappiamo se ancora utilizzabile), etichetta gialla e nera, catalogo DIS14V. Pubblicata originariamente nel 1984 dalla Dischord. la fondamentale raccolta che mette insieme in un colpo solo, i 36 brani (!!!) degli storici quattro ep di esordio di TEEN IDLES, S.O.A. (State of Alert), GOVERNMENT ISSUE e YOUTH BRIGADE, pubblicati dalla stessa etichetta tra il 1980 ed il 1981, punti fermi dell' evoluzione non solo della scena di Washington, ma di tutto l' hardcore punk americano, insieme ovviamente a quelli dei Minor Threat, che di questa scena furono i massimi esponenti e promotori (d'altro canto a loro la Dischord faceva capo). Si inizia con l' ep "Minor Disturbance" dei TEEN IDLES, primo numero di catalogo della Dischord, nel dicembre del 1980, secondo molti il vero e proprio atto di nascita dell' hardcore propriamente inteso (teen idles / sneakers / get up and go / deadhead / fleeting fury / fiorucci nightmare / getting in my way / too young to rock); si prosegue con l' unico ep "No POlicy" degli S.O.A. (ovvero State Of Alert), con un giovane Henry Rollins (qui ancora Henry Garfield) alla voce, poi nei Black Flag (lost in space / draw blank / girl problems / blackout / gate crashers / war zone / riot / gang fight / public defender / gonna have to fight); vita ben piu' lunga ebbero i grandi GOVERNMENT ISSUE, qui con l' ancora grezzo ma gia' notevolissimo ep "Legless Bull" (religious ripoff / fashionite / rock & roll bullshit / anarchy is dead / sheer terror / asshole / bored to death / no rights / i'm james dean / cowboy fashion); infine si chiude con i non meno importanti YOUTH BRIGADE con il loro "Possible ep", forse il migliore ep dei quattro qui contenuti, feroce, noisy ma anche assai articolato nelle strutture compositive, e dotato di grande forza espressiva (it's about that we had a change / full speed ahead / point of view / barbed wire / pay no attention / wrong decision / no song / no song II).
Euro
26,00
codice 260905
scheda
Aa.vv. (texas punk rock) deep in the throat of texas
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1978  existencial vacuum 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
L' originale stampa, nella versione in vinile nero, realizzata in 1800 copie, copertina senza barcode, completa di inner sleeve con note, di inserto ripiegato con note e foto, e di inserto che rileva alcune imprecisioni nella scaletta indicata, etichetta argento e rossa, catalogo EV14, "The Stars at Night..." e "... Are Big and Bright" incisi sul trail off delle rispettive facciate. La bellissima raccolta uscita nel 1997 per la americana Existencial Vacuum foto e note, inserto con catalogo della label e correzione sulla track list del retrocopertina, etichetta arancio ed argento, vinile nero, con tutti i 15 brani di 6 rarissimi e ricercatissimi singoli di 6 diverse punk bands del "Lone Star State", splendida testimonianza di una delle scene piu' fertili e personali di tutto il punk rock americano. Imperdibile. Si inizia con i tre brani del primo e migliore dei due 7" dei NEXT (presenti anche nella raccolta "Live at Raul's"), originari di San Antonio ma basati ad Austin, il favoloso "Make It Quick" ep, realizzato nel '79, con il teen punk di "Mr. Wonderful", la magnifica "Monotony" e l' abrasiva "Cheap Rewards"; a seguire troviamo i due brani del primo storico singolo del 1979 dei grandi REALLY RED di Houston, la punk band texana piu' nota ed importante, "Crowd Control" e "Corporate Settings" sono favolosamente acerbe, imprevedibili schegge impazzite di una scena che li vedra' protagonisti negli anni a venire; i DOT VAETH di Dallas realizzarono un unico singolo, tra le prime testimonianze della scena punk texana, nel 1978: "White collar worker" ed "Armed robbery" sono incredibilmente grezze e low-fi, cio' nondimeno splendide testimonianze, con il loro approccio viscerale, a base di magnifici riffs chitarristici ed un' attitudine vocale davero "cool" (nel gruppo James Flory che suono' anche con Nervebreakers e Barry Kooda Combo); cambiando facciata troviamo gli AK 47 di Houston, con i due brani dell' unico singolo del 1980 "The badge means you suck" e "Kiss my machine", attitudine splendidamente punk rock e ferocia quasi hardcore; i due brani dell' unico singolo, del 1979) degli UNCALLED 4 di Waco, una cover stravolta di "Cotton fields" di Leadbelly e l' originale "Grind her up", rielaborano con un' attitudine inequivocabilmente punk, visceralmente primitiva, le radici piu' profonde del r'n'roll, le stesse che anche i Cramps non hanno mai smesso di omaggiare; infine i VAST MAJORITY di Houston con i tre brani dell' unico 7"ep del 1980: "I wanna be a number", che presenta forti assonanze con il punk minimale e grezzissimo degli Urinals, e l' art punk di "God's groin" e "Throwdown".
Euro
36,00
codice 261233
scheda
Aa.vv.(gang, eh?) Punto zero n.16/17
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1994  toast 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Excellent punk new wave
N.16/17 della serie Punto Zero, edito dalla Toast nella primavera 94, audiorivista concepita da Giulio Tedeschi e diretta da Silvano Bini, copia con vinile che presenta una lieve opacizzazione, senza peraltro effetti sull' ascolto, copertina senza barcode, in cartoncino leggero e ripiegata in tre attorno al disco, con notizie, articoli, recensioni di dischi e concerti, etichetta nera con scritte argento. Lp compilation di musica underground italiana, che raccoglie e documenta gli impulsi e i suoni della scena italiana dei prima anni novanta, come sempre con brani in gran parte assolutamente inediti altrove. Ecco l'elenco dei brani e relativi gruppi contemplati: "Censurami" dei Fratelli gemelli - "Musica" di Rap master flash - "Fotti la testa pelata" di J & J (interessante esperimento noise punk metal rap) - "Dietro i miei occhi" dei Pussy rat (punk melodico)- la memorabile "Against the dollar power" dei The gang (tratto dal raro singolo omonimo del 1986) - una versione di "Let it be" con testo in siciliano dei Multihouse filter oblique - "D'un tratto" dei Gram (metal punk) - "Ballando, ballando" degli Eh? (davvero notevolissima traccia, assai originale, nevroticamente metropolitana, poi ripresa nel loro Cd "Falso falso, malvagio malvagio" qualche anno dopo) - l' evocativa "Les tisseus lunaires", dei modenesi Ataraxia. Una vera e propria fanzine sonora, punto di riferimento della 'resistenza' indipendente torinese ed italiana e maggior archivio della musica underground italiana a cavallo fra gli anni 80 e i 90, nasce nel 1990 e termina nel 1996 dopo 25 numeri e piu' di 200 gruppi presentati.
Euro
14,00
codice 260918
scheda
AC/DC Back in black
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1980  columbia / albert / sony 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa del 2021, rimasterizzata ed in vinile 180 grammi, copertina (con giusto lievissimi segni di invecchiamento) senza barcode, con nome del gruppo e titolo in rilievo sul fronte, e bordi delle lettere del gruppo sul fronte e titoli sul retro in grigio, completa di inner sleeve con foto e crediti, etichetta nera con nome del gruppo in rosso, catalogo 5107651, con "www.columbiarecords.com" presente sia nel riquadro del barcode sul retro, sia sull' inner sleeve. Il loro ottavo album, uscito originariamente nel Luglio del 1980 su Albert in Australia e su Atlantic nel resto del mondo, pubblicato dopo "Highway To Hell" e prima di "For Those About To Rock", giunto al numero 1 delle classifiche UK ed al numero 4 di quelle USA. Il primo disco senza Bon Scott, fulminato da una scossa elettrica del microfono nel Febbraio del 1980, rimpiazzato da Brian Johnson gia' con i Geordie, vendera' sedici milioni di copie negli USA soltanto, il nuovo cantante, potente come Bon Scott ma piu' bluesy e pieno di entusismo, sara' ben accolto sia dalla critica che dal pubblico. Questo lp uscito solo 5 mesi dopo la morte di Scott, ed a lui ovviamente dedicato, e' certamente da annoverarsi tra i grandi classici dell' hard rock del decennio, lo stile e' quello classico, chitarre violente e distorte, voce in primo piano, con brani che fanno tutt'ora parte del repertorio live del gruppo, ''back in black'', ''hell's bells'', ''shoot to thrill'', ''rock and roll ain't noise pollution'', ''you shook me all night long''. Il disco e' stato inserito dalla critica europea, durante il referendum del 1999, nella sezione ''hard and heavy'' nella top 5 degli albums di tutti i tempi insieme a Led Zeppelin 2, l'omonimo Van Halen, "Are you experienced" di Jimi Hendrix e "Paranoid" dei Black Sabbath. Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Young." 2128002;"Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1980, in vinile pesante, con copertina con nome del gruppo e titolo "embossed" in rilievo e note e foto sull'inner sleeve non presenti sull'originale. Il loro ottavo album, uscito originariamente nel Luglio del 1980 su Atlantic, pubblicato dopo "Highway To Hell" e prima di "For Those About To Rock", giunto al numero 1 delle classifiche UK ed al numero 4 di quelle USA. Il primo disco senza Bon Scott, fulminato da una scossa elettrica del microfono nel Febbraio del 1980, rimpiazzato da Brian Johnson gia' con i Geordie, vendera' sedici milioni di copie negli USA soltanto, il nuovo cantante, potente come Bon Scott ma piu' bluesy e pieno di entusismo, sara' ben accolto sia dalla critica che dal pubblico. Questo lp uscito solo 5 mesi dopo la morte di Scott, ed a lui ovviamente dedicato, e' certamente da annoverarsi tra i grandi classici dell' hard rock del decennio, lo stile e' quello classico, chitarre violente e distorte, voce in primo piano, con brani che fanno tutt'ora parte del repertorio live del gruppo, ''back in black'', ''hell's bells'', ''shoot to thrill'', ''rock and roll ain't noise pollution'', ''you shook me all night long''. Il disco e' stato inserito dalla critica europea, durante il referendum del 1999, nella sezione ''hard and heavy'' nella top 5 degli albums di tutti i tempi insieme a Led Zeppelin 2, l'omonimo Van Halen, "Are you experienced" di Jimi Hendrix e "Paranoid" dei Black Sabbath.
Euro
23,00
codice 260924
scheda
Ac/dc broadcast in nashville - august 8th, 1978 (clear vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  outsider 
rock 60-70
Edizione limitata, in vinile chiaro. Realizzato nel 2022, questo album private press contiene l' intera registrazione (gia' in passato contenuta in altri albums non ufficiali) del concerto del gruppo dato all' Atlantic Record Bar Convention di Nashville l'8 agosto del 1978, poco dopo l'ingresso in formazione del nuovo bassista Cliff Williams e durante il tour di promozione dell'album ''Powerage''. Il concerto fu trasmesso alla radio WKDF-FM, ed il gruppo era in grande forma, nella configurazione con Bon Scott alla voce, Angus e Malcolm Young alle chitarre, Williams al basso e Phil Rudd alla batteria. Questa la scaletta: ''Live wire'', ''Problem child'', ''Sin city'', ''Gone Shootin''', ''Whole lotta rosie'', ''Rocker''. Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Young.
Euro
24,00
codice 2129207
scheda
Acetone York blvd. (reissue 2lp)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  usa  2000  vapor 
indie 90
Ristampa del 2023 espansa a doppio album e rimasterizzata agli Rca Studios e Abbey Road Studios. copertina apribile. il quinto ed ultimo album della band californiana, sospesi tra psychedelia, post grunge,acustiche,remoti panorami desertici ed introspettivi. tra i migliori esempi del suono tipico di bands quali verve, codeine, spiritualized, yo la tengo. Passati quasi inosservati nella affollata scena rock dei primi anni '90, gli Acetone hanno avuto il merito di trasportare nel mondo indie rock dell'epoca le influenze di due dei miti del sud della California, i Beach Boys e Gram Parsons, con echi dei Velvet Underground. La band si forma nel 1992 a Los Angeles, su impulso del chitarrista Mark Lightcap, del bassista Richie Lee e del batterista Steve Hadley. Dopo aver cercato invano un cantante, la band decide di adottare la soluzione interna e registra il primo demo; firmano per la Vernon Yard, sussidiaria della Virgin Records ed etichetta dei Low e dei Verve, e nel 1993 pubblicano il debutto "Cindy", un mix di aggressiva neo-psichedelia con armonie pastorali e reminiscenze dai Velvet Underground del terzo album. Segue un tour con i Verve e si assicurano l'attenzione della stampa Inglese; nel 1995 il gruppo affronta una nuova direzione artistica e accoglie nella propria musica forti suggestioni roots rock e country, che si rivelano nel mini album "I Guess I Would", che include cover dei Flying Burrito Brothers con "Juanita" e di Kris Kristofferson con "Border Lord". Non e' certo un approccio alla moda per quei tempi, e la difficile proposta del trio passa ancora una volta sotto silenzio; esce allora un secondo album, "If You Only Knew", sorta di via di mezzo tra il primo ed il secondo periodo, ma nel 1997 la Vernon Yard non rinnova loro il contratto. Firmano quindi per la piccola Vapor Records, che realizza il terzo album intitolato semplicemente "Acetone" (ottobre 1997). Finalmente la critica si accorge di loro e le recensioni sono questa volta entusiastiche, anche il pubblico sembra interessarsi alla loro musica, ma proprio alla vigilia del successo il 23 luglio del 2001, Lee muore suicida e questo pone fine bruscamente alla carriera di uno dei piu' interessanti ed innovativi gruppi ad emergere dalla scena del decennio.
Euro
49,00
codice 2129390
scheda
Acid mammoth Caravan (ltd quad)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  heavy psych sounds 
indie 2000
Ristampa di 150 copie su vinile quad nero/verde neon con nuova copertina.Note della label: il terzo album degli Acid Mammoth è stato concepito, registrato e prodotto durante uno stato di blocco totale dovuto al Covid-19, quindi riflette molto lo stato d'animo del duo durante questi tempi bui. È un viaggio pesante, sublime e nero come la pece nel vasto sconosciuto. Come tutti i loro lavori precedenti, "Caravan" è stato registrato, mixato e masterizzato con Dionysis Dimitrakos del Descent Studio di Atene, mentre la batteria è stata registrata all'Ignite Studio. L'artwork è stato realizzato ancora una volta da Branca Studio. È un album da strega per orecchie da strega, un'opera pesante che emerge direttamente dall'abisso più profondo. Ancora una volta il duo padre e figlio alle chitarre offre all'ascoltatore un'orda di riff schiaccianti e confusi di Iommi mentre il basso gigantesco abbatte tutto sul suo cammino con i suoi zoccoli acidi. I suoi tamburi risuonano ritmi ultraterreni di straziante rovina mentre la sua voce ipnotizzante ti stregherà con le loro parole di dolore. Più pesante e diversificato del suo predecessore, "Caravan" è qui per abbatterti con le sue zanne acide Quartetto di Atene, Grecia, La band è stata formata nel 2015 da Chris Babalis Jr. (voce e chitarra) e Dimosthenis Varikos (basso), buoni amici fin dal liceo, con un profondo amore per i Sabbath e altra musica pesante. A loro si unirono presto il loro ottimo amico Marios Louvaris (batteria) e Chris Babalis Sr. (chitarre), il padre di Jr. Il primo album è del 2017.
Euro
24,00
codice 2129376
scheda
Acid mammoth Supersonic megafauna collision
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2024  heavy psych sounds 
indie 2000
copertina apribile. Note a cura della label ""Supersonic Megafauna Collision" è una celebrazione empia di tutto ciò che è pesante, e man mano che l'album avanza continua a diventare sempre più doomi! È un album malvagio ed esplosivo, con il 666% di fuzz! Preparati a essere travolto da una tempesta di riff di chitarra pachidermici, bassi lanosi, batteria esplosiva e voci da strega! " Quartetto di Atene, Grecia, La band è stata formata nel 2015 da Chris Babalis Jr. (voce e chitarra) e Dimosthenis Varikos (basso), buoni amici fin dal liceo, con un profondo amore per i Sabbath e altra musica pesante. A loro si unirono presto il loro ottimo amico Marios Louvaris (batteria) e Chris Babalis Sr. (chitarre), il padre di Jr. Il primo album è del 2017.
Euro
20,00
codice 2129377
scheda
Acid mammoth Under acid hoof (reissue ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  heavy psych sounds 
indie 2000
ristampa di 150 copie in edizione limitata in vinile rosso/oro, copertina apribile con nuovo artwork e due brani extra. Il secondo album, note della label : L'album è una continuazione diretta dell'omonimo album di debutto della band, ma più oscuro, più pesante e più confuso. Cinque tracce di doom, ognuna delle quali offre qualcosa di unico all'opera. Diventa sempre più pesante man mano che ti addentri più a fondo nell'album. Il duo padre e figlio alle chitarre offre all'ascoltatore un'orda di riff in stile Iommi con melodie fuzzy accompagnate da riff doomy, supportati da linee di basso malvagie e batteria pesante. La voce pulita e morbida si aggiunge al mix e i discorsi occasionali di stregoneria e mammut possono portare a un'esperienza sublime e pesante. Quartetto di Atene, Grecia, La band è stata formata nel 2015 da Chris Babalis Jr. (voce e chitarra) e Dimosthenis Varikos (basso), buoni amici fin dal liceo, con un profondo amore per i Sabbath e altra musica pesante. A loro si unirono presto il loro ottimo amico Marios Louvaris (batteria) e Chris Babalis Sr. (chitarre), il padre di Jr. Il primo album è del 2017.
Euro
29,00
codice 2129378
scheda
Acid rooster Acid rooster (ltd repress)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  cardinal fuzz 
indie 2000
ristampa limitata di 300 copie in vinile blu con grafica virata blu-rosa, poster. Provenienti da Lipsia, in Germania, gli Acid Rooster pubblicano un grande album di debutto di rock psichedelico strumentale. Il full-length omonimo del trio è consigliato ai fan di tra cui Motorpsycho, Agitation Free, Hawkwind, Neu! et.
Euro
30,00
codice 2129182
scheda
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  strut 
jazz
Vinile doppio, copertina apribile, label grigio/celeste con scritte nere, logo Strut a sinistra, catalogo STRUT214LP. Pubblicato nell'agosto del 2020 dalla Strut, il settimo album dei Pyramids, successivo ad ''An angel fell'' (2018) e come quello co-accreditato al leader Idris Ackamoor. Ancora una volta inciso ai Quatermass Studios di Londra e prodotto da Malcolm Catto degli Heliocentrics, ''Shaman!'' è stato inciso con una formazione rinnovata che però include anche un membro originale della formazione dei Pyramids degli anni '70, Margaux Simmons (flauto), oltre a Bobby Cobb (chitarra), Sandra Poindexter (violino), Ruben Ramos (basso), Gioele Pagliaccia (batteria) e Jack Yglesias (percussioni). E' un album dai temi più introspettivi e meno politici rispetto ad "An angel fell": qui Ackamoor si concentra su argomenti come la mortalità, la famiglia, la spiritualità, l'amore e la perdita. Il disco è costituito da nove lunghi brani, nei quali lo afro-funk più dilatato si fonde con il jazz dalle spinte spirituali, caratterizzato da ritmiche complesse ed eleganti, belle armonie vocali, elementi caratteristici di molta musica africana tradizionale e moderna, assoli di sassofono da parte di Ackamoor più morbidi rispetto al precedente lp, cullanti melodie di violino elettrificato e di flauto. Gruppo afroamericano dedito ad un incrocio fra il free jazz e la musica percussiva africana, i Pyramids prendono forma in Europa su impulso di alcuni musicisti originari dell' Ohio nel 1971; del gruppo fa parte il sassofonista Idris Ackamoor (alias Bruce Baker), autore di gran parte delle loro composizioni. Tornati in patria intorno al 1973, i Pyramids incidono e pubblicano in quello stesso anno il loro primo album ''Lalibela'', disco caratterizzato da una furiosa vena creativa che lo avvicina al free piu' esuberante. L'anno successivo pubblicano ''King of kings'', dai toni piu' spirituali e con i legami africani ancor piu' in evidenza, quindi tornano nel 1976 con ''Birth/Speed/Merging''. Si sciolsero nel 1977, per poi riformarsi circa trent'anni dopo, e pubblicare due nuovi lp: nel 2011 ''Otherworldly'', e nel 2016 ''We be all africans'', quest'ultimo a nome Idris Ackamoor & the Pyramids.
Euro
34,00
codice 2129132
scheda
Action Rolled gold - lost recordings 1967/1968 (gold vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  guerssen 
rock 60-70
Ristampa del 2023, IN VINILE DORATO, copertina con parti dorate in rilievo sul fronte e senza codice a barre, pressoche' identica a quella della precedente edizione del 2018 sempre su Guerssen, grande adesivo di presentazione sul cellophane, inserto apribile con rare foto e note dettagliate a cura di Jason Barnard (Shindig!). Si tratta sostanzialmente di una nuova versione della interessante raccolta ''Rolled gold'' gia' pubblicata nel 1997 dalla Dig The Fuzz, ed a sua volta riedizione dell'album uscito nel 1995 sulla stessa label con il titolo di ''Brain (the lost recordings 1967/1968)''. Si tratta di una piacevole riscoperta della fase di transizione che dagli Action porto' ai Mighty Baby: gli Action incisero questi brani demo fra il 1967 ed il 1968 con l'obiettivo di ottenere un contratto per un album, purtroppo senza successo; i brani rimasero inediti per anni, venendo gradualmente pubblicati a partire dagli anni '80. Cio' che abbiamo e' una bella fotografia del passaggio fra la fase mod ad una piu' sfaccettata e complessa, fra pop barocco, psichedelia e freakbeat (l'ottima ''Brain''). Splendide armonie vocali squisitamente britanniche, atmosfere sottilmente autunnali, delicate melodie (come nell'elettroacustica ''Things you cannot see'') ma anche chitarre acide e distorte (si ascolti ad esempio la splendida ''Strange roads''). Questa la scaletta: ''Come around'', ''Something to say'', ''Love is all'', ''Icarus'', ''Strange roads'', ''Things you cannot see'', ''Brain'', ''Look at the view'', ''Climbing up the wall'', ''Really doesn't matter'', ''I'm a stranger'', ''Little boy'', ''Follow me'', ''In my dream''. Apprezzata formazione britannica fra soul/r'n'b e pop inglese, legata alla sottocultura mod, gli Action si formarono nel 1963 a Londra, inizialmente come The Boys. La formazione era composta, oltre che dal talentoso cantante Reggie King, considerato da molti come uno dei migliori cantanti soul bianchi, da Pete Watson e da tre futuri Mighty Baby. Il gruppo pubblico' in vita solo cinque singoli, prodotti da George Martin, il prestigioso collaboratore dei Beales: fra questi 45 giri, spicca la splendida ''I'll keep on holding on'', un classico degli anni '60 inglesi. Il chitarrista solista Martin Stone sostitui' Watson nel 1966, mentre l'anno dopo il tastierista Ian Whiteman si uni' al gruppo, mentre Reggie King se ne ando' per avviare la carriera solista; gli Action si trasformarono quindi nei Mighty Baby nel 1969.
Euro
29,00
codice 3034754
scheda
Ad nauseam Greatest show on earth
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1987  noise not music 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia ancora incellophanata, ristampa private press europea del 2012 su Noise Not Music, con artwork pressoché identico a quello della a sua volta rara prima stampa, copertina semilucida senza barcode, completa di inserto con crediti ed artwork, label nera con scritte bianche, catalogo NNT19. Originariamente pubblicato nel 1987 dalla Crystal nel Regno Unito, il primo ed unico album vinilico degli Ad Nauseam, successivo alle loro pubblicazioni su cassetta ed all'unico 7"EP "Brainstorm" (1983). Inciso con una formazione modificata rispetto al loro primo periodo, questo lavoro finale della band inglese, "The greatest show on earth" è guidato da un cantato brutale e sguaiato, quasi ai limiti del gutturale, e spinto da un groove pestone e grezzo, trascinante ed anthemico, che emana un'aura rabbiosa ma non opprimente, complice anche l'andamento sferragliante e pogo-inducente dei brani. Gli Ad Nauseam sono stati un gruppo hardcore punk inglese di Portsmouth, formato nel 1982 sulle ceneri di due bands locali, i Birth Trauma e gli Anihilates; nella loro prima incarnazione, fra il 1982 ed il 1984, erano composti da Barry Coward (voce), Keith Salmon (chitarra), Steve Taylor (basso) e Mick Bonseir (batteria); questa prima formazione realizzò alcune cassette e l'unico 7"EP della band, "Brainstorm" (1983), che ottenne un relativo successo nello underground britannico, vendendo oltre tremila copie. Un organico modificato incise il loro unico album vinilico "The greatest show on earth", uscito nel 1987.
Euro
26,00
codice 336096
scheda

Page: 2 of 71


Pag.: oggetti: