Hai cercato:  Akiyoshi toshiko �� lew tabackin big band --- Titoli trovati: : 0
cercando tra gli autori separatamente le parole:  Akiyoshi toshiko �� lew tabackin big band --- Titoli trovati:  548
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Allman brothers band second set - An Evening with the Allman Brothers Band
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1992  music on vinyl 
rock 60-70
doppio album in vinile 180 grammi per audiofili, adesivo di presentazione sulla busta esterna trasparente, corredato di inserto, copertina lucida apribile, etichetta bianca e rossa. Per la prima volta in vinile in questa edizione dell' ottobre 2015, l' eccellente album dal vivo uscito originariamente su cd e cassetta ma non in vinile nel maggio del 1995. Il titolo fa riferimento all' altro live album "First Set" uscito nel 1992, ma in realta' completamente diverse sono le occasioni immortalate dal disco; gli otto brani sono registrati infatti al Garden State Arts Center di Holmdel, New Jersey, il 6 agosto 1994, al Walnut Creek Amphitheatre di Raleigh, North Carolina, l' 1 luglio 1994 e al R&R Club di Los Angeles, California, l' 11 giugno 1992, con una line up che vede all' opera Gregg Allman, Dickey Betts, Butch Trucks, Warren Haynes, Allen Woody e Marc Quinones, con Paul T. Riddle alla batteria in due brani. Ecco al lista dei brani inclusi: "Sailin’ ‘Cross The Devil’s Sea / You Don’t Love Me / Soulshine / Back Where It All Begins / In Memory Of Elizabeth Reed / The Same Thing / No One To Run With / Jessica.
Euro
33,00
codice 2109905
scheda
Allman brothers band seven turns
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1990  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, pressoche' identica alla prima rara tiratura su Epic. Uscito nell' ottobre del 1990, a distanza di nove anni dal precedente "Brother of the Road" e prima del successivo "Shades of Two Worlds" del 1991, l' undicesimo ottimo album della gloriosa southern rock band americana. Registrato con Gregg Allman, Dickey Betts, Jaimoe e Butch Trucks della formazione originaria, e con i nuovi eccellenti arrivi Warren Haynes e Allen Woody, che presto formeranno i Gov't Mule. Accolto benissimo dalla critica, il disco e' di gran lunga migliore rispetto agli ultimi lavori della band prima del provvisorio scioglimento, riportando gli Allmans sui livelli a loro consoni, con una serie di efficaci brani di rock blues, sanguigni e rilassati a tempo stesso, lontani dalla tensione dei vecchi capolavori del gruppo, ma splendidamente suonati, a valorizzati da una produzione che ne esalta le radici roots, lontana da qualsivoglia ricerca di forzata modernita'. Tra i brani, i singoli "Good Clean Fun", "Seven Turns" e "It Ain't Over Yet".
Euro
29,00
codice 2111112
scheda
Allman brothers band Where it all begins
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1994  music on vinyl 
rock 60-70
Doppio album in vinile 180 grammi per audiofili, con la quarta facciata scolpita, copertina apribile, inserto con crediti, label blu con scritte gialle e nome gruppo in bianco, catalogo MOVLP1517. Stampato in vinile per la prima volta nel 2015 dalla Music on Vinyl, l' undicesimo album in studio del grande gruppo americano di Jacksonville, alfieri del Southern rock. Originariamente pubblicato solo in cd dalla Epic nel maggio del 1994 in Europa e negli USA, dove giunse al 45esimo posto in classifica, usci' dopo ''Shades of two worlds'' (1991) e prima di ''Hittin' the note'' (2003), escludendo i dischi live. Dopo un periodo di difficolta', il gruppo ritrovo' la sua coesione e registro', praticamente dal vivo in studio, questo solido album di puro Southern rock blues, un disco che non apporta novita' ma che beneficia di un sound genuino e vibrante, classico, senza alcuna concessione pop ed autenticamente rock, con le chitarre di Dickey Betts e Warren Haynes capaci di regalare alcuni grandi momenti. Purtroppo rimane l'ultimo disco in studio inciso con Betts in formazione, uno degli storici cofondatori della band e grande chitarrista.
Euro
30,00
codice 3024382
scheda
Allman brothers band win, lose or draw
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1975  Capricorn 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa inglese, copertina apribile, etichetta crema senza caprone sullo sfondo, catalogo 2476 116. Pubblicato in Usa nel settembre del 1975 dopo ' Brothers And Sisters'' e prima di '' Enlightened Rogues'' , giunto al numero 5 delle classifiche Usa e non entrato in quelle Uk. Il sesto album. Lavoro che inizia a palesare i numerosi problemi all'interno del gruppo (che esploderanno poco dopo quando Gregg Allmann testimoniera' , facendo infuriare il resto del gruppo, contro il road manager Scooter Herring, che sara' condannato a 75 anni di prigione per spaccio di droga ) pubblicato a oltre due anni dal precedente, con una formazione che vede Gregg Allman, Richard Betts, Chuck Leavell, Lamar williams, Jaimoe, Butch Trucks, Johnny Sandlin, Bill Stewart, contiene la celebre cover di Muddy Waters "Can't Lose What You Never Had"con l'epico solo di Dickey Betts , tra i brani piu' notevoli, "High Falls" , '' Win, Lose or Draw'', "Louisiana Lou".
Euro
28,00
codice 246922
scheda
Allman brothers band wipe the windows, check the oil, dollar gas
lp2 [edizione] nuovo  stereo  hol  1976  mercury / universal 
rock 60-70
ristampa del 2016, rimasterizzata dai masters analogici originali ed in vinile 180 grammi per audiofili, copertina apribile pressoche' identica a quella della prima rara tiratura uscita in Usa su Capricorn. Pubblicato dalla Capricorn nel 1976, contiene registrazioni inedite effettuate dal vivo tra il 1972 ed il 1975, ed e' una importante appendice alla discografia del periodo "aureo" della grande southern band. "Wipe the Windows" e' uno spettacolare live album, e vede versioni dei brani di "Brothers and Sisters" e "Win, Lose or Draw", spesso superiori a quelle registrate in studio. "Southbound", "Ramblin' Man", "Jessica" e "Wasted Words" sono straordinariamente eseguite. Questa la lista completa dei brani e l' occasione di esecuzione: "Wasted Words", "Southbound", "Ramblin' Man" ed "In Memory of Elizabeth Reed" sono registrate dal vivo il 26 novembre 1973 al Winterland di San Francisco, California); "Ain't Wastin' Time No More" e' registrata dal vivo il 31 dicembre 1972 al The Warehouse di New Orleans, Louisiana; "Come and Go Blues" e' registrata dal vivo il 28 luglio 1973 a Watkins Glen, New York; "Can't Lose What You Never Had", "Don't Want You No More" e "It's Not My Cross to Bear" sono registrate dal vivo il 22 ottobre 1975 al Bakersfield Civic Auditorium di Bakersfield, California; "Jessica" e' registrata dal vivo il 24 ottobre 1975 al Oakland Coliseum di Oakland, California.
Euro
30,00
codice 3017754
scheda
Allman brothers band wipe the windows, check the oil, dollar gas
lp2 [edizione] nuovo  stereo  hol  1976  mercury / universal 
rock 60-70
ristampa del 2016, rimasterizzata dai masters analogici originali ed in vinile 180 grammi per audiofili, copertina apribile pressoche' identica a quella della prima rara tiratura uscita in Usa su Capricorn. Pubblicato dalla Capricorn nel 1976, contiene registrazioni inedite effettuate dal vivo tra il 1972 ed il 1975, ed e' una importante appendice alla discografia del periodo "aureo" della grande southern band. "Wipe the Windows" e' uno spettacolare live album, e vede versioni dei brani di "Brothers and Sisters" e "Win, Lose or Draw", spesso superiori a quelle registrate in studio. "Southbound", "Ramblin' Man", "Jessica" e "Wasted Words" sono straordinariamente eseguite. Questa la lista completa dei brani e l' occasione di esecuzione: "Wasted Words", "Southbound", "Ramblin' Man" ed "In Memory of Elizabeth Reed" sono registrate dal vivo il 26 novembre 1973 al Winterland di San Francisco, California); "Ain't Wastin' Time No More" e' registrata dal vivo il 31 dicembre 1972 al The Warehouse di New Orleans, Louisiana; "Come and Go Blues" e' registrata dal vivo il 28 luglio 1973 a Watkins Glen, New York; "Can't Lose What You Never Had", "Don't Want You No More" e "It's Not My Cross to Bear" sono registrate dal vivo il 22 ottobre 1975 al Bakersfield Civic Auditorium di Bakersfield, California; "Jessica" e' registrata dal vivo il 24 ottobre 1975 al Oakland Coliseum di Oakland, California.
Euro
30,00
codice 3016889
scheda
Lp [edizione] ristampa  stereo  ita  1972  polydor / successo 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good rock 60-70
Ristampa italiana del 1981, con copertina (con accentuati segni di invecchiamento) esclusiva, senza barcode, etichetta rossa con logo nero e bianco in alto, catalogo 2486203, data sul trail off del lato A riferita al 1981. Pubblicato in Usa nell' ottobre del 1972 su etichetta Bold, non entrato nelle classifiche Usa e non pubblicato all' epoca in Uk. Questo disco contiene le registrazioni effettuate nel 1968 e per anni rimaste inedite, effettuate dai fratelli Duane e Gregg Allman (ex Allman Joys ed Hour Glass) con l' aiuto dei 31st of February, prima di divenire Allman Brothers. Il disco vede Gregg alla voce gia' in grado di fornire una straordinaria performance e Duane che dimostra la sua maturita' come chitarrista con uno stile che e' personalissimo e potente anche se ancora in fase embrionale rispetto al futuro. Da notare la presenza della prima verione di "Melissa", ripresa poi in dagli Allman Bros nell' album ''Eat Peach'' del 1972; tra i brani anche una bella versione di "Morning Dew".
Euro
10,00
codice 253525
scheda
Allman gregg band i'm no angel
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1987  epic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima stampa usa, Copertina lucida completa di inner sleeve ed adesivo ancora nel cellophane, etichetta nera e blue sfumata con logo iridescente in alto. Pubblicato in USA nel febbraio del 1987 prima di '' just before the bullets fly''., giunto al numero 30 delle classifiche USA e non entrato in quelle UK dove usci' nel maggio dello stesso anno. Il primo album del gruppo fondato dal tastierista della allman brothers band, registrato con dan toler, david toler, tim heding, bruce waibel, chaz trippy. Uscito podo circa 10 anni dai suoi ultimi lavori solisti , e precisamente dal 1977 di Playin' Up a Storm, il musicista riemerge da un brutto periodo che vede problemi di droghe ed achool, un matrimonio fallito, lo scioglimento e la scomparsa della sua band. Il disco e pensato come un vero e proprio ritorno sulle scene, musicalmente dominato dalla tstiera e' un lavoro solido e co moltio splendidi brani , ma danneggiato da una produzione tipica del periodo, troppo barocca e ridondante, nonostante questo il disco e' da considerarsi come uno dei suoi piu' intensi e riusciti.
Euro
22,00
codice 49863
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1976  arista 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa americana, copertina con prezzo suggerito di ''06.98'' dollari sulla costola, etichetta blu chiaro con una grande "A" stilizzata in alto e con sotto di essa la scritta ''Arista" (come tutte le copie pressate negli stabilimenti Plastic Products Pressing presso Memphis, Tennessee, e come questa caratterizzate dall' incisione "PP" sul trail off), completa di inner sleeve con foto e crediti, catalogo AL4102. Pubblicato nel 1976 dalla Arista, non entrato in classifica negli USA, il primo album, precedente ''Spark in the dark'' (1977). Disco apprezzato dalla critica ma purtroppo non notato dal grande pubblico, il primo album della Alpha Band fu inciso con il supporto di una solida sezione ritmica composta dal bassista David Jackson (ex-Hearts and Flowers, Dillard & Clark e Moon) e dal batterista Matt Betton, capaci di sostenere al meglio le invenzioni dei tre chitarristi e multistrumentisti della band, che offrono una musica chiaramente basata nel roots rock elettroacustico americano da una parte, e dall'altra decisamente influenzata (in particolare nel cantato) dal Dylan degli anni '70. A cio' si aggiunga un approccio melodico non proprio ortodosso, che accanto a melodie tutto sommato familiari pone accenti imprevisti e fuori dai canoni; non a caso la critica ha usato per questo disco la definizione di ''roots rock con un'inclinazione dadaista''. Scoperto nel giro del Greenwich Village da Dylan, che li volle nella "Rolling Thunder Revue" (alcuni brani del suo live "Hard Rain" li vedono all' opera), il gruppo dei chitarristi John Henry "T-Bone" Burnett, Steven Soles e David Mansfield pubblico' tre validi album che sono una summa dei vari stili della tradizione americana, messi insieme con grande tecnica e buona personalita', prima di dividere le loro strade. Burnett, gia' autore di un album nel '72 (in cui era presente la stessa sezione ritmica del primo album della Alpha Band, presente anche nel disco d' esordio di Delbert and Glen, con David Jackson al basso, ex-Hearts and Flowers, Dillard & Clark e Moon) e di alcune produzioni importanti, riprese l' attivita' di produttore e pubblico' altri lavori solisti negli anni '80; Soles e Mansfield suonarono tra gli altri con Dylan in "Street Legal" e "Live at Budokan", e Mansfield (insieme al secondo bassista della Alpha Band, Rob Stoner) anche nel quarto album solista di Roger Mc Guinn.
Euro
26,00
codice 248567
scheda
Alpha band (t-bone burnett) interviews (1976-78)
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1976  edsel 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
l' originale ristampa inglese, copertina (con lievi segni di invecchiamento) lucida con barcode, catalogo ED272. Pubblicato dalal inglese Edsel nel 1988, questo album contiene undici brani tratti dai tre albums della band americana guidata dal grande T-Bone Burnett. "Interviews", "Cheap Perfume", "Ten Figures", "The Dogs" e "Last Chance To Dance" sono tratte dal primo album "Alpha band" (1976), "East Of East", "You Angel You" e "Spark In The Dark" sono tratte dal secondo album "Spark in the Dark" del 1977, "Rich Man", "Mighty Man" e "Back In My Baby's Arms Again" sono tratte dal terzo album "The Statue Makers of Hollywood" (1978). Scoperto nel giro del Greenwich Village da Dylan, che li volle nella "Rolling Thunder Revue" (alcuni brani del suo live "Hard Rain" li vedono all' opera), il gruppo dei chitarristi John Henry "T-Bone" Burnett, Steven Soles e David Mansfield pubblico' tre validi album che sono una summa dei vari stili della tradizione americana, messi insieme con grande tecnica e buona personalita', prima di dividere le loro strade. Burnett, gia' autore di un album nel '72 (in cui era presente la stessa sezione ritmica del primo album della Alpha Band, presente anche nel disco d' esordio di Delbert and Glen, con David Jackson al basso, ex-Hearts and Flowers, Dillard & Clark e Moon) e di alcune produzioni importanti, riprese l' attivita' di produttore e pubblico' altri lavori solisti negli anni '80; Soles e Mansfield suonarono tra gli altri con Dylan in "Street Legal" e "Live at Budokan", e Mansfield (insieme al secondo bassista della Alpha Band, Rob Stoner) anche nel quarto album solista di Roger Mc Guinn.
Euro
15,00
codice 26962
scheda
American psycho band Falls church / my war
7" [edizione] originale  stereo  usa  1995  sub pop 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Singolo in formato 7" a 45 giri su di una facciata ed a 33 sull'altra, prima stampa USA, copertina semirigida, lucida fronte retro, con vinile estraibile dall'alto e senza barcode, label nera con tacchette gialle lungo il bordo, scritte argento, logo Sub Pop bianco e nero a sinistra, foro centrale largo, catalogo SP287. Pubblicato nel 1995 dalla Sub Pop negli USA, il secondo singolo (escludendo gli split con altre band), successivo al primo "Soul on ice" (1993), degli American Psycho Band, gruppo indie rock proveniente dalla stessa Austin, con influenze punk e grunge, attivi fra il 1992 e la metà degli anni '90: formati da Mike Chapoton (chitarra), Mike Flannery (basso) e Steve Sanden (batteria), pubblicarono solo una manciata di 7", molti dei quali a metà con altre bands; qui propongono la loro "Falls church", pezzo dal sound denso e potente vicino al grunge, e sulla B-side una tirata e devastata cover di "My war" dei Black Flag, molto più tirata e punk rispetto alla A-side, con un cantato strillato e belluino, che accompagna l'esplosione finale di puro noise. Entrambi i brani sono inediti su album (non ne pubblicarono alcuno).
Euro
6,00
codice 332360
scheda
American psycho band / 16 Cast down / powdered milk
7" [edizione] originale  stereo  usa  1994  no lie 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Singolo in formato 7", prima stampa USA, pressata pare in mille copie, copertina ripiegata attorno al disco, senza barcode, e con indirizzo della No Lie Records apposto con timbro sulla parte interna, completo dei due piccoli adesivi con i loghi dei due gruppi, e di inserto formato cartolina da spedire all'etichetta per ricevere dischi e posters, label arancione con foro centrale piccolo, catalogo LIE-003, vinile che assume colore ambrato se posto controluce. Pubblicato nel 1994 dalla No Lie di Austin, Texas, questo split 7" contiene un brano ciascuno per gli American Psycho Band, gruppo indie rock proveniente dalla stessa Austin, con influenze punk e grunge, attivi fra il 1992 e la metà degli anni '90: formati da Mike Chapoton (chitarra), Mike Flannery (basso) e Steve Sanden (batteria), pubblicarono solo una manciata di 7", molti dei quali a metà con altre bands; qui suonano "Cast down", brano dal sound denso e dai ritmi in mid tempo, fra grunge rock ed influssi dei Dinosaur Jr, cantato rabbioso e strillato di marca hardcore / post hardcore. Sulla seconda facciata ascoltiamo la più metallica e carica di potenti e graffianti riffs "Powdered milk", opera dei più prolifici 16, gruppo di Los Angeles attivo dai primi anni '90, inseriti nel filone dello sludge metal, autori di numerosi singoli e di un buon numero di album a partire dal 1992/93, ed attivi ancora nel secondo decennio del XXI secolo. Entrambi i brani sono inediti su album.
Euro
8,00
codice 332359
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  bonfire records 
rock 60-70
ristampa del 2022, in vinile 180 grammi, con copertina non apribile. Pubblicato nel 1971 dalla Deram in Gran Bretagna, il primo album solista del chitarrista scozzese, precedente ''Celtic moon'' (1988). Dopo la sua militanza nel Keef Hartley Group, Anderson da' sfogo in questo lp solista a molteplici inclinazioni stilistiche, passando da episodi cantautorali a brani pop melodici vicini ai Bee Gees o ai Carpenters (''Grey broken morning''), dal folk rock (''Shadows 'cross my wall'', con il flauto di Lyn Dobson) ad un rock piu' sanguigno ma sempre melodico che richiama i CS&N. Stimato chitarrista scozzese, Miller Anderson ha fatto parte di alcuni importanti gruppi dagli anni '60 in poi, oltre a pubblicare sporadicamente qualche lavoro solista, iniziando con ''Bright city'' nel 1971. Fra suoi primi gruppi ci furono, negli anni '60, The Voice e At Last The 1958 Rock 'n' Roll Show (di cui faceva parte anche Ian Hunter, futuro Mott The Hoople), quindi, alla fine del 1968, si uni' alla Keef Hartley Band, suonando con loro a Woodstock ed in cinque album. Suono' poi, negli anni '70, con Savoy Brown, Dog Soldier (ancora con Keef Hartley), una tarda incarnazione dei T. Rex (nel 1976) e Donovan. La sua carriera continua nei decenni successivi con progetti in collaborazione con altri musicisti.
Euro
27,00
codice 3029072
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  spa  1987  hemisferio 
classica cont.
Copertina senza codice a barre. Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1987 dalla Hemisferio in Spagna, questo album e' frutto dello sforzo congiunto di quattro musicisti sperimentali spagnoli, Santi Arisa, Xavier Joaquin, Josep Martinez ed Andrea Lewin-Richter. ''Gong gongs'' e' un lavoro incentrato su strumenti a percussione ed in particolare sul gong, concepito inizialmente da Arisa, percussionista spagnolo specializzato in piatti e gong. Si tratta di un lavoro principalmente acustico, anche se nell'ultimo brano Andres Lewin-Richter impiega strumentazione elettronica accanto alle percussioni. Arisa realizzo' quest'opera con la collaborazione del percussionista Josep Martinez e di altri due illustri colleghi iberici. Nato a Barcellona nel 1947, Xavier Joaquin studia pianoforte e percussioni nella sua citta', quindi segue i corsi di Siegfried Fink in Svezia ed in Germania nel corso degli anni '70. Il suo lavoro con gli strumenti a percussione si e' concretizzato in diverse forme, dall'insegnamento all'attivita' concertistica. Nato nel 1937, Andres Lewin-Richter e' un compositore spagnolo dedito alla musica elettronica; dopo essersi formato in patria, nei primi anni '60 si reco' negli Stati Uniti, presso la Columbia University, dove studio' con Vladimir Ussachevsky; collaboro' anche con colleghi quali Edgar Varese, Ian Hugo, Alwin Nikolais e Mario Davidovsky. Ha lavorato anche nel campo delle colonne sonore, ed ha contribuito ad animare lo studio e la ricerca sulla musica elettronica in Messico ed in Spagna dagli anni '60 in poi, fondando laboratori e gruppi di studio nei due paesi. Questi i brani presenti: ''Live gongs'', ''Saturno'', ''Nines olimpiques'', ''Sequencia para percusion y cinta".
Euro
27,00
codice 3511045
scheda
Average white band average white band (awb) 180 gr.
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1974  friday 
soul funky disco
ristampa in vinile 180 grammi, copertina pressoche' identica a quella della prima tiratura. Il secondo celeberrimo album del gruppo scozzese di Dundee. Autori di una musica dai connotati decisamente funky soul, "neri dentro" ma, come l' autoironico neme del gruppo indica chiaramente, interamente composti da musicisti bianchi (almeno in questa primissima formazione), si formarono nel '72 per iniziaiva degli ex Hopscotch Onnie McIntyre e Alan Gorrie, dell' ex Brian Auger's Oblivion Express Robbie McIntosh e di Roger Ball, Malcom Duncan e Hamish Stuart, apprezzati session men. L' intento iniziale era quello di suonare al servizio di altri artisti (nel dicembre del '72 Chuck Berry con "My Ding-A-Ling" arrivo' al numero 1 delle classsifche inglesi avvalendosi del loro supporto), ma presto prese forma l' idea di suonare autonomamente, che porto' ad un contratto con la M.C.A. che pero' li scarico' subito dopo il fallimento del primo album "Show Your Hand" e dei singoli che ne vennero tratti. Una seconda chance fu loro data dalla Atlentic, che li spedi' a New York a registrare con il produttore Arif Marden questo disco, scegliendo subito il singolo che restera' impresso indelebilmente nella memoria storica della musica di quell' epoca, quella splendida "Pick Up the Pieces" (nata da un riff di sax ispirato da "Gimme Some More" di James Brown) che, dopo gli inizi stentati, svettera' nelle classifiche di mezzo mondo, cosi' come l' album, che giunse al primo posto delle classifiche americane "pop" e, fatto senza precedenti per una band bianca, anche al primo di quelle r'n'b, con il gruppo pero' nel frattempo funestato dalla morte per overdose del batterista McIntosh. Grande successo avra' il gruppo ancora per anni, ma certo e' questa la massima espressione del suo funky soul raffinato e certo premonitore di tanti sviluppi che negli anni a venire avrebbero caratterizzato questa musica, fino a quella disco che poi li influenzera' nei loro ultimi lavori, prima dello scioglimento nel 1983, prima di varie occasionali reunion.
Euro
30,00
codice 3027526
scheda
Bambibanda e melodie (garybaldi) bambibanda e molodie
Lp [edizione] ristampa  stereo  ita  1974  vinyl magic / fonit 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa del 2009 in vinile 180 grammi, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura pubblicata in Italia nel 1974 su Fonit, senza barcode, con adesivo Siae metallizzato sul retro, etichetta nera con scritte bianche con logo Fonit in alto, catalogo VMLP137 M9435. L' unico album del gruppo fondato da Bambi Fossati e Maurizio Casinelli dei Gayibaldi insieme ad una nuova base ritmica. Opera basata sulla chitarra elettrica, tra Hendrix e Santana, vede la traccia di 15 minuti ''Pian della tortilla'' come una delle piu' notevoli del panorama Italiano dell'epoca. LP dai toni rilassati e solari, con grande uso di pecussioni di Cassinelli e Somusundaran, musicista di origine Indiana che pubblichera' anche un lavoro solista di Jazz rock con influenze Orientali.
Euro
20,00
codice 253016
scheda
Bambibanda e melodie (garybaldi) bambibanda e molodie
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1974  vinyl magic / fonit 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura pubblicata in Italia nel 1974 su Fonit, in vinile pesante, copertina senza barcode, etichetta nera con scritte bianche. L' unico album del gruppo fondato da Bambi Fossati e Maurizio Casinelli dei Gayibaldi insieme ad una nuova base ritmica. Opera basata sulla chitarra elettrica, tra Hendrix e Santana, vede la traccia di 15 minuti ''Pian della tortilla'' come una delle piu' notevoli del panorama Italiano dell'epoca. LP dai toni rilassati e solari, con grande uso di pecussioni di Cassinelli e Somusundaran, musicista di origine Indiana che pubblichera' anche un lavoro solista di Jazz rock con influenze Orientali.
Euro
24,00
codice 2103512
scheda
Band cahoots
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1971  capitol 
rock 60-70
Ristampa in vinile pesante, pressocche' identica alla prima tiratura uscita in America su Capitol, copertina cartonata apribile in cartoncino liscio, etichetta rossa con logo porpora in alto. Pubblicato in Usa nell'ottobre del 1971 dopo "Stage Fright'' e prima di '' Rock Of Ages'', giunto al numero 21 delle classifiche americane ed al numero 41 di quelle Uk. Il quarto album, registrato con un ospite d'eccezione come Van Morrison che, con l' appellativo di "The Belfast Cowboy", canta in "4% Pantomime", scritta a quattro mani con Robbie Robertson. Paragonato ai suoi predecessori , "Cahoots" si muove sulla stessa falsariga musicale in chiave piu' essenziale e meno spettacolare, ma contiene alcuni dei brani cardine tra quelli dell'intera storia del gruppo, come "Life Is a Carnival," brano che riprende le tematiche di "Stage Fright", con la partecipazione ai fiati di Allen Toussaint, o ancora "When I Paint My Masterpiece", brano di Bob Dylan, la gia' citata "4% Pantomime", duetto tra Richard Manuel e Van Morrison. Lavoro suonato straordinariamente bene, con Manuel, Levon Helm e Rick Danko in forma strepitosa e Garth Hudson che colma e perfeziona gli arrangiamenti.
Euro
28,00
codice 2017682
scheda
Band islands
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1977  capitol / back to black 
rock 60-70
ristampa del 2015 in vinile 180 grammi, corredata di coupon con codice per il download digitale, copertina pressocche' identica alla prima rara tiratura uscita in Usa su Capitol. Pubblicato in Usa nel marzo del 1977 prima di "The last waltz" e dopo "Southern cross", giunto al numero 64 delle classifiche Usa, e non entrato in quelle Uk dove usci' nell'aprile dello stesso anno, il settimo album. Pubblicato postumo, contiene le ultime registrazioni in studio della Band. Anche se il gruppo aveva interrotto le esibizioni live dopo il 1976, l' attivita' in studio avrebbe dovuto continuare, e "Islands" avrebbe dovuto essere il primo lavoro di questa nuova era. In realta' pero' si tratta semplicemente dell' ultimo album che il gruppo registrera' per completare il contratto con la Capitol e l' ultimo in assoluto registrato dai cinque membri della formazione classica. La musica e' al solito impeccabile, con alcuni momenti di grande tensione emotiva, come la performance di Richard Manuel in "Georgia on My Mind" che fu realizzato come singolo nel 1976 per aiutare il governatore della Georgia Jimmy Carter nella sua corsa alla presidenza. Un lavoro non certo al livello dei primi due , ma sempre piu' che dignitoso oltre che di importanza storica notevole essendo l' ultima testimonianza del gruppo. Formatisi nel '59 in Canada, con il nome di Hawks, come gruppo di accompagnamento del cantante rockabilly Ronnie Hawkins, dopo qualche cambiamento d' organico iniziarono ad incidere per conto proprio nel '64 come Canadian Square o Levon & the Hawks, chiamati comunque a collaborare da Sonny Boy Williamson poco prima della sua morte (1965) e da John Hammond Jr. per la registrazione di vari lavori in studio. Quest' ultimo li introdusse a Bob Dylan, con cui inizio' un lungo periodo di collaborazione e scambio (la lunga tournee del '66, i "Basement Tapes" registrati l' anno dopo e molto altro ancora dopo l' esordio come The Band fino allo scioglimento del '76). Il meglio del "white soul" della Band e' racchiuso nei primi tre albums e negli ottimi live.
Euro
27,00
codice 3014527
scheda
Band moondog matinee
Lp [edizione] ristampa  stereo  usa  1973  capitol 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa Usa dei primi anni ''80, pressoche' identica alla prima tiratura del 1973. copertina in cartoncino ruvido fronte e retrro, etichetta viola con logo a forma di cupola in alto e scritte argento. Pubblicato in Usa nel novembre del 1973 dopo '' rock of ages'' e prima di '' northern lights southern cross'', giunto al numero 28 delle classifiche Usa e non entrato in quelle Uk dove usci' nel dicembre del 1973. Il sesto album. Lavoro che vede la Band tornare alla groove degli Hawks della fine degli anni 50 e dei primi anni ''60, propone brani classici di rock & roll e R&B , tra di essi riletture da Clarence "Frogman" Henry di "Ain't Got No Home," Chuck Berry "The Promised Land," Fats Domino "I'm Ready," in una lezione storica che recupera la potenza delle radici trasfigurandola attraverso la lezione rivoluzionaria del decennio dei ''60 da poco conclusa.
Euro
18,00
codice 49898
scheda
Band northern light-southern cross
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1975  capitol / back to black 
rock 60-70
ristampa del 2015 in vinile 180 grammi, corredata di coupon con codice per il download digitale, copertina pressocche' identica alla prima rara tiratura uscita in Usa su Capitol. Pubblicato in Usa nel dicembre del 1975 dopo ''Moondoog Matinee'' e prima di ''Islands'', giunto al numero 26 delle classifiche Usa e non entrato in quelle Uk, il settimo album. Il primo lavoro di studio in quattro anni, "Northern Lights-Southern Cross" rappresenta sia il ritorno allo stato di forma migliore che il definitivo allontanamento dal periodo d'oro, considerato come il miglior lp del gruppo dai tempi di ''The Band'', vede otto nuovi brani che esplorano nuovi timbri sonori; registrato per la prima volta con uno studio a 24 tracce e con le piu' nuove tecnologie del tempo, contiene tra i brani la meravigliosa "Acadian Driftwood", certamente uno degli episodi piu' catartici mai scritti da Robertson in assoluto. Formatisi nel '59 in Canada, con il nome di Hawks, come gruppo di accompagnamento del cantante rockabilly Ronnie Hawkins, dopo qualche cambiamento d' organico iniziarono ad incidere per conto proprio nel '64 come Canadian Square o Levon & the Hawks, chiamati comunque a collaborare da Sonny Boy Williamson poco prima della sua morte (1965) e da John Hammond Jr. per la registrazione di vari lavori in studio. Quest' ultimo li introdusse a Bob Dylan, con cui inizio' un lungo periodo di collaborazione e scambio (la lunga tournee del '66, i "Basement Tapes" registrati l' anno dopo e molto altro ancora dopo l' esordio come The Band fino allo scioglimento del '76). Il meglio del "white soul" della Band e' racchiuso nei primi tre albums e negli ottimi live.
Euro
27,00
codice 3014525
scheda
Band Stage fright
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  capitol 
rock 60-70
Bella ristampa in vinile 180 grammi, rimasterizzata, corredata dell' originaria sovraccopertina fotografica, ripiegata attorno a quella regolare (senza barcode), a sua volta pressoche' identica a quella della prima tiratura. Pubblicato negli Usa nel settembre del 1970 dopo ''The band'' e prima di ''Cahoots'', giunto al numero 15 delle classifiche Usa ed al numero 5 di quelle Uk dove usci' nell'ottobre dello stesso anno, il terzo album, uno dei grandi classici della musica americana del decennio, scritto e registrato in due settimane, registrato come un live immaginario, sul vero palco ma senza il pubblico della Woodstock Playhouse, e' un disco allo stesso tempo oscuro e pienamente rock'n'roll, e contiene classici come ''The shape i'm in'', ''Stage fright'', ''Strawberry wine'', ''W.S. Walcott medicine show''. Formatisi nel '59 in Canada, con il nome di Hawks, come gruppo di accompagnamento del cantante rockabilly Ronnie Hawkins, dopo qualche cambiamento d' organico iniziarono ad incidere per conto proprio nel '64 come Canadian Square o Levon & the Hawks, chiamati comunque a collaborare da Sonny Boy Williamson poco prima della sua morte (1965) e da John Hammond Jr. per la registrazione di vari lavori in studio. Quest' ultimo li introdusse a Bob Dylan, con cui inizio' un lungo periodo di collaborazione e scambio (la lunga tournee del '66, i "Basement Tapes" registrati l' anno dopo e molto altro ancora dopo l' esordio come The Band fino allo scioglimento del '76). Il meglio del "white soul" della Band e' racchiuso nei primi tre albums e negli ottimi live.
Euro
27,00
codice 3027500
scheda
Band woodstock - the full 1969 festival performance
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  parachute 
rock 60-70
Copertina apribile, vinile 140 grammi; pubblicato nel 2020, questo album contiene la registrazione (di eccellente qualita' sonora) del concerto effettuato dal grande gruppo americano durante lo storico Woodstock Festival, il 17 Agosto 1969, poco prima della pubblicazione del secondo album "The Band". La scaletta contiene molti dei brani del primo album "Music From Big Pink", ma anche diversi brani inediti, come "Don't Do It" e "Lovin' You Is Sweeter Than Ever", ma anche la dylaniana "Don't Ya Tell Henry", che comparira' anni dopo (in altra versione) nei "Basement Tapes", come il traditional "Ain't No More Cane On The Brazos". Questa la scaletta completa: "Chest Fever", "Don't Do It", "Tears Of Rage", "We Can Talk", "Long Black Veil", "Don't Ya Tell Henry", "Ain't No More Cane On The Brazos", "Wheels On Fire", "I Shall Be Released", "The Weight", "Lovin' You Is Sweeter Than Ever". Formatisi nel '59 in Canada, con il nome di Hawks, come gruppo di accompagnamento del cantante rockabilly Ronnie Hawkins, dopo qualche cambiamento d' organico iniziarono ad incidere per conto proprio nel '64 come Canadian Square o Levon & the Hawks, chiamati comunque a collaborare da Sonny Boy Williamson poco prima della sua morte (1965) e da John Hammond Jr. per la registrazione di vari lavori in studio. Quest' ultimo li introdusse a Bob Dylan, con cui inizio' un lungo periodo di collaborazione e scambio (la lunga tournee del '66, i "Basement Tapes" registrati l' anno dopo e molto altro ancora dopo l' esordio come The Band fino allo scioglimento del '76). Il meglio del "white soul" della Band e' racchiuso nei primi tre albums e negli ottimi live.
Euro
25,00
codice 2107728
scheda
Band aid (bob geldof and others) Do they know it's christmas / feed the world
7" [edizione] originale  stereo  ita  1984  mercury 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
singolo in formato 7", l' originale stampa italiana, copertina (con moderati segni di invecchiamento) senza barcode, label blu e bianca, con foro al centro largo, l' originario catalogo 880502-7, poi cambiato. Pubblicato nel novembre del 1984 dalla Mercury/Phonogram in Gran Bretagna e dalla Columbia negli USA, il primo disco realizzato dal progetto di Bob Geldof e Midge Ure allo scopo di raccogliere fondi per la popolazione etiope colpita da una durissima carestia. L'operazione fu un grande successo, per lo meno dal punto di vista economico, con il singolo che giunse al primo posto in classifica in Gran Bretagna, battendo il record di vendite. Parteciparono all'operazione numerosi musicisti di grido delle isole britanniche, fra cui Duran Duran, U2, Paul Weller, Boy George, Phil Collins, Sting, George Michael; l'operazione fu poi ripetuta da Geldof nel 1989 con il Band Aid II ed un cast differente. Questi i brani inclusi: ''Do they know it's christmas" e ''Feed the world''.
Euro
4,00
codice 250819
scheda
Band aid (bob geldof et al.) Do they know it's christmas
12" [edizione] originale  stereo  aus  1984  mercury 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good
prima stampa australiana, copertina (con moderati segni di invecchiamento) senza barcode, label nera con scritte bianche lungo il bordo ed argentate al centro, logo Mercury rosso e nero in alto e sopra di esso logo Mercury bianco piu' piccolo, catalogo FEED112. Pubblicato nel novembre del 1984 dalla Mercury/Phonogram in Gran Bretagna e dalla Columbia negli USA, il primo disco realizzato dal progetto di Bob Geldof e Midge Ure allo scopo di raccogliere fondi per la popolazione etiope colpita da una durissima carestia. L'operazione fu un grande successo, per lo meno dal punto di vista economico, con il singolo che giunse al primo posto in classifica in Gran Bretagna, battendo il record di vendite. Parteciparono all'operazione numerosi musicisti di grido delle isole britanniche, fra cui Duran Duran, U2, Paul Weller, Boy George, Phil Collins, Sting, George Michael; l'operazione fu poi ripetuta da Geldof nel 1989 con il Band Aid II ed un cast differente. Questi i brani inclusi: ''Do they know it's christmas (remixed by Trevor Horn)'', ''Do they know it's christmas (standard mix)'', ''Feed the world''.
Euro
10,00
codice 330490
scheda

Page: 2 of 22


Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Akiyoshi toshiko �� lew tabackin big band":


altri autori contnenti le parole cercate: