Hai cercato:  immessi ultimi 30 giorni --- Titoli trovati: : 662
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Notwist neon golden
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2001  city slang 
indie 90
ristampa. Lp, pubblicato nel 2001, prima di "The devil, you + me" e dopo "Shrink", il quinto album della band indie-elettronica tedesca di Weilheim, che mette in mostra, con questo lavoro, un'accattivante sintesi fra indie rock, elettronica, sperimentazione e pop: parti vocali melodiche, campionamenti, archi, fiati e beats elettronici, che, approcciati in senso minimalistico e blues, creano atmosfere piacevoli e melanconiche. Formatisi a Weilheim in Germania nel 1987 ad opera dei fratelli Markus e Micha Acher, inizialmente i Notwist si dedicano allo hardcore ed al punk, come testimoniano i loro primi album, "The Notwist" (90), "Nook" (92) e "12" (95), con cui, il gruppo inizia a spostarsi progressivamente verso un indie pop minimale e autunnale, con inserimenti di elettronica che li fanno accostare ai Mouse On Mars, senza perdere le proprie radici rock. Il mutamento prende corpo con Shrink" (98) e il successivo "Neon golden" e' considerato da alcuni uno dei loro dischi migliori, in cui il gruppo sviluppa ulteriormente il proprio amalgama di pop, elettronica e post rock e lo stile vocale di Markus Acher viene paragonato a quello dei Belle And Sebastian. Archer si dedica, anche, ai numerosi progetti paralleli, che ha creato negli ultimi anni come i Village of savoonga, Console, Toxic, Tiied and tickled trio, 13 & god, 3 shades of blues, Ms john soda, Potawatomi, Lali puna e Ogonjok, tanto da poter parlare di una vera e propria scena di Weilheim/Landberg, cittadina in Baviera dove ruotano tutti questi gruppi. Nel 2008 esce "The devil, you and me".
Euro
25,00
codice 2112943
scheda
Notwist The devil, you + me
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2008  city slang 
indie 90
Ristampa a cura della City Slang in vinile 180 gr., copertina apribile, pressoche' identica all'edizione originale del sesto album in studio dei Notwist, pubblicato originariamente nel maggio 2008 dopo "Neon golden" (2002), prima della colonna sonora "Music for storm" (09). Il gruppo tedesco torna a quasi sei anni di distanza dal precedente abum, con un lavoro dai toni eterei e malinconici, melodie e ritmi minimali e scarni con occasionali inserimenti di fiati, che fanno pensare ad un incrocio fra i Belle And Sebastian ed il pop elettronico. Formatisi a Weilheim in Germania nel 1987 ad opera dei fratelli Markus e Micha Acher, inizialmente i Notwist si dedicano allo hardcore ed al punk, come testimoniano i loro primi album, "The Notwist" (90), "Nook" (92) e "12" (95), con cui, il gruppo inizia a spostarsi progressivamente verso un indie pop minimale e autunnale, con inserimenti di elettronica che li fanno accostare ai Mouse On Mars, senza perdere le proprie radici rock. Il mutamento prende corpo con "Shrink" (98) e il successivo "Neon golden" e' considerato da alcuni uno dei loro dischi migliori, in cui il gruppo sviluppa ulteriormente il proprio amalgama di pop, elettronica e post rock e lo stile vocale di Markus Acher viene paragonato a quello dei Belle And Sebastian. Archer si dedica, anche, ai numerosi progetti paralleli, che ha creato negli ultimi anni come i Village of Savoonga, Console, Toxic, Tiied and Tickled Trio, 13 & God, 3 Shades of Blues, Ms John Soda, Potawatomi, Lali Puna e Ogonjok, tanto da poter parlare di una vera e propria scena di Weilheim/Landberg, cittadina in Baviera dove ruotano tutti questi gruppi. Nel 2008 esce "The devil, you and me", seguito un anno dopo dalla soundtrack "Storm".
Euro
25,00
codice 2112773
scheda
Novells That did it!
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  sweet dandelion 
rock 60-70
Edizione limitata a 500 copie, copertina ruvida a busta senza codice a barre. Ristampa del 2012 ad opera della Sweet Dandelion, pressoche' identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1968 dalla Mothers Records negli USA, l'unico album di questo gruppo di Los Angeles, artefice anche di un singolo nello stesso anno, i cui due brani vennero tratti da questo lp, prodotto dal celebre duo Tommy Boyce/Bobby Hart. I Novells sono autori di un ibrido fra popsike melodico ed acid rock affine ai Vanilla Fudge, a cui si aggiungono due belle cover di "Sitting on the Dock of the Bay" di Otis Redding e di "Sunshine of Your Love" dei Cream; nel complesso il gruppo si destreggia abilmente fra l'approccio melodico, evidente in particolare nelle parti vocali all'insegna di belle armonie westcoastiane, e quello piu' esuberante e vicino al garage, risultando in un sound che puo' essere accostato a quello degli eastcoastiani Cycle (dal North Carolina, autori di un lp nel 1969).
Euro
17,00
codice 2113008
scheda
Nu guinea The tony allen experiments
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2016  planet woo / comet 
indie 2000
inner sleeve. Il primo album, registrato e prodotto dai Nu Guinea nel 2015, 9 tracce che partendo da un omaggio al drumming di Tony Allen si inerpicano su nuove territorialità di jazz, funk e afro-beat. I Nu Guinea sono un interessante duo di produttori e musicisti napoletani, Massimo Di Lena e Lucio Aquilina, gia' attivi con diversi progetti nella prima decade del XXI secolo. La loro musica e' una moderna sintesi di influenze e stili che hanno informato la musica napoletana soprattutto negli anni '70 e '80: il funk, la disco music di autori come Cerrone, le innovative correnti africane come lo afrobeat, la dance elettronica e la jazz fusion, sono filtrate attraverso la solare sensibilita' musicale mediterranea e partenopea, generando un sound dai chiari riferimenti vintage ai due decenni sopra citati, ma ancora freschissimo e coinvolgente, dai ritmi ballabili ma dalle sonorita' non aggressive, bensi' fluide ed avvolgenti, alle quali si accompagnano in piu' occasioni parti vocali, cantate spesso in dialetto napoletano, che parlano della realta' della citta', come nel caso di molti episodi di ''Nuova napoli'', dove ascoltiamo la voce della cantante Fabiana Martone.
Euro
28,00
codice 3029489
scheda
Nuns nuns (ltd. red vinyl)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1980  radiation 
punk new wave
ristampa del 2022, edizione limitata in vinile porpora, copertina senza barcode pressoche' identica alla prima rara tiratura su Bomp!. Il primo storico ed imperdibile album della leggendaria punk band di San Francisco, intestataria nell'anno di grazia 1977 di uno dei piu' infuocati live act mai uditi, tra il '78 ed il 1980 di tre straordinari 45 giri gia' postumi e poi riformatasi nella medesima formazione originale per la registrazione di questo disco uscito nel novembre del 1980, che include undici magnifici classici, in versioni forse lontane dalla furia devastante degli esordi, ma comunque sufficienti a farne un classico del punk rock di tutti i tempi. Tra i brani episodi immortali come "Media Control", "Savage", "World War 3" e "Suicide Child", gia' apparsi nei gia' citati leggendari 7", ma qui ovviamente in nuove differenti versioni, che fanno rivivere quel misto di incontrollata potenza e vellutata perversione che li aveva resi immediatamente la band forse piu' amata della prima scena punk di San Francisco, oltre che certo una delle piu' originali, caratterizzati dalla presenza in formazione della bella Jennifer Miro, alla voce in alcuni episodi (una sorta di Perversa Blondie...) ed alla tastiera, tra i marchi di fabbrica del sound gruppo, a costituire un ideale contraltare alle affilatissime chitarre. Alejandro Escovedo era in procinto di formare con Chip Kinman dei Dils i Rank & File, mentre Jeff Olener aveva gia' formato i 391. Delle successive, numerose, reunion e' meglio tacere.
Euro
21,00
codice 2112808
scheda
Nurse with wound Gyllenskold, geijerstam and i at rydberg's (expanded 2lp)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1983  rotorelief 
punk new wave
Doppio album, ristampa del gennaio 2021, edizione limitata di 900 copie in vinile nero, numerate sul retrocopertina, ampliata a doppio album con l' album originario contenuto nel primo disco ed il secondo lp contenente quattro tracce aggiunte per un totale di quasi 40 minuti di musica ("Odd", "Aquarium", "Dirty Fingernails" e "Journey Through Cheese", gia' incluse nella rara raccolta "Gyllenskold / Brained" uscita su Laylah nel 1989), copertina esclusiva, con effetto metallizzato e senza barcode, . Il settimo album, pubblicato nello stesso anno ma successivamente all' affascinante "Ostranenie 1913", e prima del successivo "''The syvie and babs hi-fi companion'' (1985), anche questo lavoro ripercorre le prime sperimentazioni Nurse With Wound, indubbiamente tra i loro lavori piu' apprezzati e ricercati dagli amanti delle ricerche musicali operate dal guru Stapleton che per questa realizzazione si avvarra' della collaborazione di David Tibet dei Current 93, Clint Ruin (alias Foetus), Diana Rogerson e Roman Jugg. Tre lunghe suite che ci immergono nel mondo Nurse With Wound nei paesaggi metafisici di Steven Stapleton grande designer grafico con un grandissimo talento musicale che gli ha permesso meglio di chiunque altro di portare alla luce le sperimentazioni che furono intraprese nella fine degli anni sessanta dai pionieri AMM e dall'avanguardia piu' estrema, destrutturandole e riuscendo a creare un proprio e seminale sound che sara' fonte di ispirazione per tutta l'allora nascente scena industrial europea. Oggi il progetto Nurse With Wound e' considerato, a buon titolo, espressione massima a livello mondiale della musica d'avanguardia e di ricerca sperimentale, le opere di Steven Stapleton godono d un culto inarrestabile e sono oggetto di ricerca del collezionismo piu' ricercato.
Euro
35,00
codice 2112618
scheda
O'jays Super bad
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1971  trip 
soul funky disco
Copertina senza codice a barre. Ristampa del 2017, pressoché identica alla molto rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1971 dalla Trip negli USA, dove non entrò in classifica, il quinto album, successivo a "The O'Jays in philadelphia" (1970) e precedente "Back stabbers" (1972). "Super bad", il loro unico album per la Little Star (un paio d'anni dopo ristampato dalla Trip), è anche uno dei loro lp più oscuri e rari, l'ultimo loro disco prima di approdare alla Philadelphia International e di inanellare una impressionante sfilza di successi nel corso del decennio, a partire dal successivo 33 giri "Back stabbers". Inciso a Los Angeles e prodotto dal membro della band Bobby Massey (che poco dopo lasciò il gruppo, prima del loro approdo presso la Philadelphia International) e dall'esperto H.B. Barnum, collaboratore di tante star del jazz e del soul, "Super bad" è un lavoro molto più melodico di quanto il titolo e lo artwork di copertina (che raffigura un gruppo di ragazze afroamericane a guisa di gangsters) facciano intendere: la musica è un ibrido soul e funk molto avvolgente e sinuoso, dai toni caldi e romantici e dai ritmi rilassati (una eccezione è rappresentata dall'anthemica "Peace"). Gruppo vocale nato nel '58 a Canton, Ohio, prima con il nome Triumphs, lo cambia quasi subito in Mascots, nome con il quale debuttano nel '61 per la King con la hit "Miracles". Cambiano nome in O'Jays per gratitudine al dj Eddie O'Jay che li introduce alla Wayco. Come O'Jays registrano il loro primo album nel '65 per la Imperial. Nel '67 vanno alla Bell e registrano il loro primo singolo da Top Ten "I'll be sweeter tomorrow". Incidono poi alcuni singoli per la Neptune, prodotti da Gamble & Huff. Massey, uno dei fondatori, lascia il gruppo. Dal '72 in poi incidono per l'etichetta Philadelphia International, prodotti da Gamble & Huff, debuttando con l'album "Back Stabbers", che diventera' un classico del Philly Soul. Durante tutti gli anni '70 incideranno piu' di 30 hits. Il loro album piu' famoso rimane comunque "Ship Ahoy", del '73, contenente la funky hit "For the Love Money", forse la loro canzone piu' politicizzata.
Euro
28,00
codice 3514602
scheda
O'rourke jim eureka
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1999  drag city 
indie 90
ristampa con copertina pressochè identica all'originale. Pubblicato nel marzo del 1999 dalla Domino in Gran Bretagna e dalla Drag City negli USA, non entrato in classifica sulle due sponde dell'Atlantico. Uscito dopo l'ep "Invito al cielo" (1998) in collaborazione con i Sonic Youth e prima di "Slow motion" (1999) in collaborazione con Gunter Muller, "Eureka" e' uno dei piu' considerati album solisti del musicista di Chicago. O'Rourke si dedica qui alla costruzione di delicate e melodiche canzoni pop, raffinate ed originali, con chitarra acustica e tastiere in rilievo e l'accompagnamento di ottoni; fra le righe si avverte sempre l'originalita' di O'Rourke, che inserisce elementi minimali ed elettronici conferendo un tocco sperimentale al disco che al tempo stesso risulta di piacevole ascolto. Uno dei personaggi piu' influenti ed eclettici della musica alternativa della fine del '900, Jim O'Rourke ha dato un importante contributo come compositore, produttore e collaboratore al rock indipendente come al pop ed alla musica d'avanguardia. Oltre ad aver guidato i Gastr Del Sol insieme a David Grubbs, O'Rourke ha avuto una prolifica ed eclettica carriera solista, divisa fra lavori vicini al pop ed altri prossimi all'avanguardia, sempre con un'impronta personale ed anti convenzionale. Impossibile citare le sue numerose ed importanti collaborazioni con altri musicisti, fra cui Sonic Youth, Wilco, Takehisa Kosugi, Beth Orton, Smog e Stereolab.
Euro
30,00
codice 2112555
scheda
Oldfield mike Tubular bells
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  back to black/mercury/universal 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi, copertina pressoche' identica a quella della prima rara tiratura su Virgin, corredata di coupon con codice per scaricare il disco in formato digitale, corredata di esclusiva inner sleeve. Pubblicato in Inghilterra nel maggio del 1973 prima di ''Hernest Ridge'', giunto al numero 1 delle classifiche Uk ed al numero 3 di quelle Usa dove usci' nel novembre dello stesso anno. Il primo Album. Considerato come il massimo album strumentale e contenente una sola traccia dell'intera storia dell musica rock , costrito con un sistema di incastri e scatole cinesi sonore che si ripetono ed inglobano per tutta la durata dell'album, con utilizzo di effetti per l'epoca fantascientifici , tutti gli strumenti sono suonati dallo stesso Mike Oldfield , il disco entro' in classifica un anno dopo la sua uscita grazie all'inclusione del suo tema oprincipale nella colonna sonora de '' L'Esorcista'', all'opera partecipano Sally Oldfield e Vivian Stanshall che enfaticamente annuncia gli strumenti prima che questi entrino nella partitura, lavoro epico e carico di significati nascosti ed esoterici, Tubular Bells e' una delle icone della musica rock, nonche' una colonna portante della futura New Age. Mike Oldfield e' uno dei ''ragazzi prodigio'' del rock inglese, chitarrista ed autore tra i piu' dotati, gia'con la sorella Sally nel'album di folk psichedelico ''Sallyangie'', poi con i Barefeet e gli Whole World di Kevin Ayers, nonche' autore poi di una serie di albums che sposeranno ricerca e melodie sullo stile del primo celeberrimo lavoro solista ''Tubular bells'' (1973).
Euro
29,00
codice 2112735
scheda
Olsen angel Big time (ltd opaque pink)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  cze  2022  jagjaguwar 
indie 2000
edizione limitata in vinile doppio rosa opaco, copertina apribile, coupon per download digitale. Sesto album per la cantautrice americana, uscito dopo un difficile periodo personale, il coming-out come persona queer, la chiusura di una relazione e la scomparsa dei genitori nel giro di due mesi. Co-prodotto con Jonathan Wilson, "big time" è un album di maturo ed intenso country folk, con ritmi lenti ed arrangiamenti eleganti. Angel Olsen è una cantautrice, nativa del Missouri, ma di stanza a Chicago, dove fa parte, insieme a Emmett Kelly e altri musicisti della scena di Chicago, della Cairo Gang, spesso band di supporto a Bonnie 'Prince' Billy. Nel settembre 2012, dopo l'Ep "Strange cacti" (10), esce il primo album della giovane cantautrice di Chicago, che mette in mostra una voce pura e dolce, intensa e tormentata, con un supporto acustico minimo, con un fingepicking da arpa, vicino al folk americano di un tempo, riferibile a Joanna Newson, Connie Converse e Nina Nastasia.
Euro
38,00
codice 2112717
scheda
Ondolo john Hypnotic guitar of john ondolo
Lp [edizione] nuovo  mono  usa  1960  mississippi 
world
Vinile da 160 grammi, copertina ruvida senza codice a barre, sul retro note a cura di John Kitime, storico musicale tanzaniano, inserto in carta ruvida con testi in lingue inglese e swahili, label rossa scura con scritte nere e logo Mississippi Records con testa di leone in alto, catalogo MRI-139. Pubblicata nel settembre del 2022 dalla Mississippi, questa antologia compla dodici brani, tratti dagli originari 45 giri e 78 giri, usciti fra i tardi anni '50 ed i primi '60, di John Ondolo Chacha (1917-2008), cantante e chitarrista tanzaniano che spese la sua vita e carriera artistica in Tanzania ed in Kenya, incidendo una serie di singoli per varie etichette indipendenti nel corso di quei due decenni. Diversamente dalla maggior parte dei musicisti locali, Ondolo prediligeva le accordature aperte, similmente ai bluesmen afroamericani, creando delle tessiture ipnotiche in cui una sorte di drone era il percorso principale attorno al quale venivano ricamate numerose variazioni sul tema. La sua musica era frutto della fusione fra le tradizioni della sua terra, come la musica tribale abakuria, e le innovazioni portate dalla scena internazionale, dal pop al blues fino al rock: ritmi e melodie di queste diverse culture musicali venivano rilette e trasformate da Ondolo con la sua chitarra acustica; negli anni '70 passò poi alla chitarra elettrica. Questa antologia documenta i primi anni della sua carriera discografica, con la sola chitarra acustica e poi anche con interessanti episodi in cui lo strumento a corda dialoga con il flauto in un incontro fra blues, rock'n'roll acustico e folk kenyota / tanzaniano. Autore di una musica che non era proprio in linea con le mode dominanti sulla scena "nightlife" di Nairobi, Ondolo ebbe una carriera discografica sporadica e fu un artista "outsider", che ad un certo punto lasciò completamente la musica, anche a causa di un incidente in cui perse il braccio sinistro. Questa la scaletta: "Tumshukuru Mungu", "Siri Ya Vijana", "Wazazi Musilie", "Yunie Mpenzi We", "Olalekanga", "Ukiwa Na Bwana Bibi", "Kenya Twist", "Safari Ya Kilimanjaro", "Kenya Style", "Haukutoka Mbinguni", "Tucheze Selele", "Kwela Wangu".
Euro
27,00
codice 3514628
scheda
Opeth Blackwater park (+ bonus track, white vinyl 20th anniversary ed.)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2001  music for nations / sony 
heavy metal
doppio album in vinile 180 grammi per audiofili, edizione limitata in vinile bianco, realizzata in occasione del 20esimo anniversario dall' uscita originaria, ristampa del 2021, rimasterizzata e pressoche' identica alla prima rarissima tiratura uscita solo in Gran Bretagna su Music For Nations, ma con una traccia aggiunta per l' occasione, versione dal vivo di "The Leper Affinity", copertina apribile, corredata di inner sleeves. Pubblicato nel febbraio del 2001 dalla Koch negli USA (solo in cd) ed un mese dopo dalla Music For Nations in Gran Bretagna (anche in vinile), il quinto album, successivo a ''Still life'' (1999) e precedente ''Deliverance'' (2002). Il primo album degli Opeth a beneficiare della collaborazione del leader dei neoprogressivi Porcupine Tree Steve Wilson, che coproduce il disco oltre a contribuire alle incisioni con voce, chitarra e piano, ''Blackwateer park'' e' considerato uno dei massimi vertici artistici per la band svedese, un'opera ambiziosa e raffinata, nella quale il caratteristico blend fra epiche e complesse partiture progressive rock si fondono la ferocia e le sonorita' cupe ed urticanti del black / death metal. Episodi ora semiacustici ed introspettivi, dall'andamento lento e dai toni autunnali, coesistono con furiose esplosioni metalliche guidate da voci gutturali e da densissimi muri chitarristici, sostenuti da ritmi altissimi e martellanti; queste diverse ispirazioni addirittura convivono mirabilmente in alcuni episodi, strutturati come se fossero delle piccole suite. Opeth e' una metal band attiva dal 1990 a Stoccolma, incentrata sul cantante/chitarrista/compositore Mikael Akerfedt; nella propria musica, espressa attraverso 11 albums, compaiono elementi progressive, folk, blues, classici e jazz, che si integrano con le marcate attitudini black e death metal, piu' evidenti nei primi lavori. Da evidenziare il successo ottenuto in Usa, con l'ottavo "Ghost rivers", successo rimarcato dal successivo "Watershed", giunto alla posizione n.23 del Billboard.
Euro
29,00
codice 3029490
scheda
Orbison roy Lonely and blue
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1961  sony 
blues rnr coun
RIstampa corredata di codice per il download digitale, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura. Originariamente pubblicato nel 1961 dalla Monument, ''Sings lonely and blue'' e' il primo album di Roy Orbison, precedente a ''Roy Orbison at the rock house'' (1961). Inciso fra il 1959 ed il 1960, il primo album di Orbison e' considerato da molti critici uno dei suoi lavori piu' importanti, nonche' uno dei maggiori esempi del suo periodo d'oro con la Monument. L'album contiene uno dei suoi piu' celebri singoli ''Only the lonely'', che John Lennon dichiaro' in seguito essere la fonte d'ispirazione della prima hit dei fab four, ''Please please me''. I brani sono un classico esempio dello stile di Orbison, la cui eccezionale voce acuta si staglia su di una musica eclettica che mescola rock'n'roll, ballate, country, arrangiamenti orchestrali ed eterei cori femminili in atmosfere malinconiche, mentre i testi sono spesso incentrati sul romanticismo senza speranza e su problemi sentimentali, contribuendo a costruire il personaggio classicamente interpretato da Orbison, una sorta di romantico perdente. Questa la scaletta dei brani: ''Only the lonely'', ''Bye-bye, love'', ''Cry'', ''Blue avenue'', ''I can't stop loving you'', ''Comeback to me'', ''Blue angel'', ''Raindrops'', ''(I'd be) A legend in my time'', ''I'm hurtin'', ''Twenty-two days'', ''I'll say it's my fault''. Uno dei grandi interpreti del primo rock'n'roll, il texano Roy Orbison (1936-1988) pubblico' i primi singoli di rilievo nel 1956 con la celebre Sun, che dette alle stampe anche i primi fondamentali 45 giri dell'amico Elvis Presley; e' di questo periodo uno dei suoi grandi classici , ''Ooby dooby''. Dotato di una voce dall'estensione eccezionale e di un caratteristico falsetto, Orbison aveva anche riconosciute qualita' compositive: il suo stile, decisamente personale in ambito rock'n'roll, era contaminato da country e pop, con ricchi arrangiamenti orchestrali e cori, che davano ai brani un tono etereo e sognante, mentre i testi parlavano spesso di personaggi perdenti e soli, come di romantici senza speranza. La sua influenza sui Beatles e' stata notevole e riconosciuta dai fab four, dei quali era peraltro amico, e moltissimi altri musicisti, fra cui Bob Dylan, hanno manifestato la loro ammirazione nei suoi confronti. Il suo brano piu' celebre e' probabilmente ''Pretty woman'' (1964), una delle poche canzoni in Orbison fa uso di uno stile piu' energico e vicino al rock ed uno dei suoi piu' grandi successi. La sua carriera e' stata particolarmente felice a cavallo fra gli anni '50 e '60 e poi negli anni '80, fino a che problemi cardiaci non lo hanno portato ad una prematura scomparsa.
Euro
23,00
codice 3029448
scheda
Orme ad gloriam (ltd. crystal vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1969  ams 
rock 60-70
Ristampa in edizione limitata, in vinile trasparente, copertina apribile, pressoche' identica a quella della prima enormemente rara tiratura, ma con disco estraibile da destra. Uno dei pochissimi albums italiani ricercati ed ammirati in tutto il mondo, il primo lavoro del Le Orme, uscito nel 1969 prima de ''L' aurora'' e, insieme a ''Le stelle di Mario Schifano'', l' unico esempio di album psichedelico prodotto dalla penisola negli anni '60. Le Orme furono, tra le tante bands derivate dall' era beat italiana, quella che ebbe la piu' importante evoluzione negli anni '70. Vennero formati a Marghera (vicino Venezia) nel 1966 ed esordirono su disco nel 1967 con il 45 ''Fiori e colori'', registrato dalla formazione a quattro originale. A questo segui' un singolo di gran successo, ''Senti l'estate che torna'', ed il gruppo pubblico' questo primo album ''Ad Gloriam'' nel 1969 con formazione a cinque, con Tony Pagliuca, Aldo Tagliapietra, Michi De Rossi, Nino Smeraldi, Claudio Galieti. Contenuto in una copertina apribile e molto acida, piena di fiori e colori, appunto, e' tuttora considerato uno dei migliori lavori dell' era postbeat italiana, con un tocco molto psichedelico in canzoni come "Io non so restare solo", "Fumo", "Milano 1968". Nel 1970 il gruppo firmo' per la Philips, che ha pubblicato i loro successivi 10 album in altrettanti anni. La vecchia etichetta Car Juke Box pubblico' allora "L'Aurora", una raccolta di brani da 45 giri di questo periodo anch' essa particolarmente rara e musicalmente notevole.
Euro
29,00
codice 2112748
scheda
Orme Felona e sorona
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1973  btf / universal 
rock 60-70
ristampa limitata in vinile rosso trasparente, con copertina apribile lucida, pressoche' identica a quella della prima rara tiratura. L' originaria versione in italiano del famoso album dello storico gruppo italiano di Marghera (Venezia). Pubblicato in Italia dalla Philips nel marzo del 1973 dopo '' Uomo di Pezza'' e prima di '' In Concerto '', non entrato nelle classifche Italiane. Il quinto album. Registrato dopo che ei loro concerti si esibivano ospiti del calibro di Peter Hammill, si tratta di un concept album, basato sulla storia dei due pianeti omonimi. Il disco contiene un' unica lunga suite, che vede le tastiere di Pagliuca in grande evidenza con la voce di Tagliapietra che spicca per la sua originalita'; le Orme effettueranno in quell'anno il primo tour inglese, e "Felona e Sorona" uscira' cantato in inglese con i testi di Peter Hammill, pubblicato dalla Charisma in Inghilterra in sole 5.000 copie, di cui diverse ritirate perche' difettose.
Euro
30,00
codice 2113004
scheda
Orme Uomo di pezza (ltd.180 g)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  universal 
rock 60-70
ristampa del 2022, edizione limitata in 899 copie, numerate sull' obi di presentazione, in vinile 180 grammi e rimasterizzata dai masters originali, diciassettesima uscita della collana di ristampe limitate "Prog Rock Italia", copertina cartonata apribile, senza barcode, pressoche' identica a quella della prima rara tiratura. Pubblicato in Italia nell' aprile del 1972 dopo ''Collage'' e prima di ''Felona e Sorona'', il quarto album. Registrato con formazione che vedeva Tony Pagliuca, Aldo Tagliapietra, Michi Dei Rossi e Gianpiero Reverberi al pianoforte nel momento incui era massimo il seguito di pubblico, il 1972, Uomo di pezza vede una memorabile copertina apribile in stile molto vicino sia all'interno che all'esterno a quelle del progressive classico Britannico. L'album ebbe un enormee successo in Italia come pure il singolo tratto dall'LP, Gioco di bimba, brano melodico nella tradizione di quelli da sempre proposti dal gruppo, proprio in quello stesso anno il gruppo lasci• il circuito dei festival collettivi all'aperto, e cominci• una serie di tourn‚e che prevedevano anche ospiti importanti, come avvenne per la partecipazione di Peter Hammill .Musicalmente l'opera vede l'alternarsi di momenti piu' complessi e strutturati vicini al progressive Inglese classico d altri piu' melodici e di discendenza beat, caratteristica questa che gli creera' diverse inimicizie negli ascoltatori e anche nei critici piu' legati al suono di marca Britannica. ristampa del 2015, edizione limitata in vinile verde, pesante 180 grammi, copertina lucida apribile, pressoche' identica a quella della prima rara tiratura, etichetta Philips blu e bianca. Pubblicato in Italia nell' aprile del 1972 dopo ''Collage'' e prima di ''Felona e Sorona'', il quarto album. Registrato con formazione che vedeva Tony Pagliuca, Aldo Tagliapietra, Michi Dei Rossi e Gianpiero Reverberi al pianoforte nel momento incui era massimo il seguito di pubblico, il 1972, Uomo di pezza vede una memorabile copertina apribile in stile molto vicino sia all'interno che all'esterno a quelle del progressive classico Britannico. L'album ebbe un enormee successo in Italia come pure il singolo tratto dall'LP, Gioco di bimba, brano melodico nella tradizione di quelli da sempre proposti dal gruppo, proprio in quello stesso anno il gruppo lasci• il circuito dei festival collettivi all'aperto, e cominci• una serie di tourn‚e che prevedevano anche ospiti importanti, come avvenne per la partecipazione di Peter Hammill .Musicalmente l'opera vede l'alternarsi di momenti piu' complessi e strutturati vicini al progressive Inglese classico d altri piu' melodici e di discendenza beat, caratteristica questa che gli creera' diverse inimicizie negli ascoltatori e anche nei critici piu' legati al suono di marca Britannica.
Euro
37,00
codice 3029460
scheda
Osanna Landscape of life
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1974  vinyl magic 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi, copertina ruvida apribile senza codice a barre, pressoche' identica alla prima rara tiratura del 1974. Originariamente publicato dalla Fonit in Italia nell'aprile del 1974 dopo ''Palepoli'' (1973).e prima di ''Suddance'' (1978), questo e' il quarto album degli Osanna. Il disco venne inciso in un periodo difficile per la band, a causa di tensioni che poi sfociarono nello scioglimento durante le registrazioni del disco, che venne completato con il contributo di Corrado Rustici e di Enzo Valicelli (in seguito negli Uno). Il disco era stato pensato per uscire anche all'estero, ed infatti cinque dei sette brani sono cantati in inglese; musicalmente si caratterizza per l'alternanza di passaggi di sognante progressivo melodico, guidato da tastiere e chitarra acustica, con momenti piu' duri e potenti ed assoli di chitarra elettrica, vicini allo hard prog. Uno dei piu' stimati gruppi del rock progressivo italiano, gli Osanna provenivano da Napoli: furono formati nel 1971 da ex componenti di Volti di Pietra e Citta' Frontale, mentre il sassofonista e flautista Elio D'Anna proveniva dagli Showmen. Realizzarono nella loro breve carriera quattro album, fra cui ''Preludio, tema, variazioni e canzona'' (1972), usato per la colonna sonora del film ''Milano calibro 9'', e ''Palepoli'' (1973), considerato da molti appassionati uno dei migliori lavori del progressivo italiano. Si sciolsero temporaneamente dopo il quarto album ''Landscape of life'' (1974), per riformarsi nel 1977 e realizzare il quinto lp ''Suddance'' (1978). Si sono poi riuniti in piu' occasioni nel corso dei decenni successivi.
Euro
28,00
codice 3029450
scheda
Osbourne ozzy Patient number 9 (ltd clear)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2022  epic 
heavy metal
edizione limitata in vinile doppio trasparente, libretto. 13esimo lavoro in studio da solista, prodotto da Andrew Watt. Tanti ospiti importanti presenti: i chitarristi Jeff Beck, Eric Clapton e Mike McCready dei Pearl Jam, Zakk Wylde, Chad Smith dei Red Hot Chili Peppers alla batteria,Robert Trujillo dei Metallica, Duff McKagan dei Guns N' Roses, Chris Chaney dei Jane's Addiction, Tony Iommi, che compare per la prima volta in un disco solista di Ozzy, ed il recentemente scomparso Taylor Hawkins dei Foo Fighters.
Euro
40,00
codice 2113062
scheda
Osees (thee oh sees) A foul form
Lp [edizione] nuovo  stereo  cze  2022  castle face 
indie 2000
adesivo su cellophane. Il secondo album della formazione di John Dwyer a nome accorciato ad Osees, a due anni dal precedente Protean threat. Disco che si allontana dalle sperimentazioni prog e metal degli ultimi lavori dei Thee Oh Sees per immergersi in un ruvido e diretto punk che vuole omaggiare le bands che hanno formato la cultura musicale del gruppo quali Crass, Rudimentary Peni (è presente una cover che chiude l'album), Bad Brains, Stooges e Black Flag. Brani che difficilmente superano i due minuti di lunghezza e cariche di energia. Thee Oh Sees, gruppo fondato dal chitarrista John Dwyer, attivo nella scena musicale di San Francisco, a partire dalla fine degli anni novanta. Dwyer, parte di diverse band - the Coachwhips, Pink & Brown, Yikes, Up Its Alive e Swords & Sandals forma gli OCS (acronimo di Orinoka Crash Suite, Orange County Sound), progetto nato inizialmente per veicolare gli esperimenti strumentali registrati nello studio di casa e che si trasforma poi in una band vera e propria. E cambia nome in Thee Oh Sees. Nel 2007 pubblicano il primo disco, "Sucks blood", seguito da una serie infinita di produzioni discografiche, tutte caratterizzate da una miscela di garage rock/pysch pop che ha fatto scuola tra le formazioni del nuovo millennio. Nel 2013 si rumoreggia di uno scioglimento ma la pausa dura poco: nel 2014 il gruppo è già fuori con un nuovo album. E negli anni a seguire Dwyer non si ferma, sul piano discografico, mai: nel giro di dodici mesi tira fuori sempre diverse produzioni discografiche. È il caso del 2016, quando pubblica due album in studio - "A Weird exists" e "An odd entrances" - e un disco live. Il 2017, in prospettiva, non sembra essere da meno: oltre a "Orc" (pubblicato a nome Oh Sees, senza The), a novembre è prevista l'uscita di "Memory of a Cut Off Hea", album firmato OCS, la ragione sociale degli esordi del gruppo.
Euro
31,00
codice 2112725
scheda
Ought More than any other day
Lp [edizione] nuovo  stereo  can  2014  constellation 
indie 2000
Vinile 180 gr., copertina ruvida senza codice a barre, poster apribile in 2 parti, 2 inserti con testi formato 10", adesivo sulla busta esterna, etichetta custom. Lp pubblicato dalla Constellation alla fine dell'aprile 2014, dopo l'Ep "New calm" (12), debutto per la band di Montreal, quartetto formato dagli americani Matt May (tastiere), Ben Stidworthy (basso), Tim Beeler (voce, chitarra) e dall'australiano Tim Keen (batteria, violino). Il suono che scaturisce da questo esordio, risulta ancorato al un post punk metropolitano della Grande Mela, spigoloso e narrativo, fra Television e Velvet Undergrond, ed anche Sonic Youth e Talking Heads primo periodo. Altri elementi che emergono dall'ascolto oltre le sopraindicate caratteristiche, sono le chitarre talvolta jangle alla Feelies e una ritmica punk funk alla Fugazi, in un lavoro compatto e coinvolgente, ma derivativo.
Euro
30,00
codice 2112619
scheda
Out of focus Out of focus
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  missing vinyl 
rock 60-70
Edizione limitata, copertina senza codice a barre, ristampa del 2009 ad opera della Missing Vinyl, pressoche' identica alla rara prima molto rara tiratura del 1971. Originariamente pubblicato dallla Kuckuck in Germania, questo e' il secondo eponimo album degli Out Of Focus, uscito dopo ''Wake up!'' (1971) e prima di ''Four letter Monday afternoon'' (1972). Il gruppo tedesco muta parzialmente il proprio sound in questo lp, lasciando da parte la componente hard rock mostrata nell'esordio, per concentrarsi du un meno duro e piu' cerebrale jazz rock progrressivo, attraverso lunghi brani che come in passato lasciano spazio alle improvvisazioni, alternando passaggi dinamici ed esuberanti con momenti piu' quieti e rarefatti. Gruppo tedesco di Monaco di Baviera, gli Out Of Focus si formarono nel 1968 nella citta' che in quel periodo dava i natali anche a formazioni come Amon Duul 2, Embryo e Popol Vuh. Il gruppo si distanziava da quello che poi verra' definito krautrock come dalla musica cosmica, concentrandosi invece su di un hard/prog politicizzato e sarcastico con venature acide e jazz rock, attraverso i tre album ''Wake up!'' (1971), ''Out of focus'' (1971) e lo sperimentale ''Four letter monday afternoon'' (1972). Continuarono a suonare fino al 1979 attraverso alcuni cambiamenti nell'organico, quindi si sciolsero quando il chitarrista Remigius Dreschler si uni' agli Embryo.
Euro
27,00
codice 2113143
scheda
Pankow Freiheit fuer die sklaven + promo bonus single
lp+7" [edizione] originale  stereo  ita  1987  contempo 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa italiana, copia CON ALLEGATO IL BONUS SINGLE PROMOZIONALE PRESENTE NELLE PRIME COPIE (con i brani "Gimme More" e "Touch", catalogo DUCA118), copertina in cartoncino lucido fronte retro con barcode, etichetta nera con scritte argento, catalogo CONTE 113, groove message "99% crap" sul lato A e "100% crap" sul lato B, completo di inner sleeve. Il primo album, inserito nella lista dei cento album fondamentali della musica elettronica dallo staff della rivista Rumore, della prima storica formazione dei Pankow, tra i primi gruppi italiani a cimentarsi in sonorita' elettroniche industriali. Sebbene la prima uscita discografica ufficiale del gruppo risalga al 1984, il pionieristico progetto capitanato da Maurizio FM Fasolo era attivo sin dal 1981 e trovava le proprie radici e fonti di ispirazione in gruppi come Throbbing Gristle, Cabaret Voltaire e Kraftwerk. Insieme al gia' citato Maurizio Fasolo, partecipavano al progetto A. Gimignani e Paolo Favati, ai quali si unira' nel 1984 Alex Spalck dando inizio alla saga Pankow che riuscira' a mietere successi sempre maggiori, soprattutto in Germania dove il gruppo, oltre ad un forte gruppo di sostenitori, godeva di enorme stima da parte della critica specializzata, mentre naturalmente in terra natia erano parzialmente ignorati. I Pankow sono considerati padri ideologici di una elettronica seminale e minimale che solo piu' tardi venne definita EBM (electronic body music); il gruppo riusci' ad attirare le attenzioni di Adrian Sherwood che produrra' il loro primo album su Contempo e le successive realizzazioni. Conseguentemente al successo riscosso il gruppo inizio' una intensa attivita' live che li vedra' protagonisi nei primi anni novanta di numerosi live-acts, prima in Europa poi negli Stati Uniti dove si esibirono in 28 citta' in soli due mesi, nel 1990 riuscirono a raggiungere l'impressionante numero di 120 concerti. I Pankow sottovalutati e sottostimati all'epoca oggi godono di nuova chiave di lettura che rendono giustizia ai meriti di questa formazione animatrice di frequenze e ritmi dance sotterranei.
Euro
36,00
codice 253560
scheda
Parquet courts Sunbathing animal
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2014  rough trade 
indie 2000
Copertina ruvida apribile senza codice a barre, inner sleeve con testi, etichetta rossa con scritte nere sul primo lato, celeste chiaro con scritte nere sul retro, Lp pubblicato dalla Rough Trade agli inizi del giugno 2014, dopo "Light up gold" (12), il terzo album del gruppo americano. Opera che conferma l'ottimo precedente lavoro, in un suono pu' maturo ed evoluto, ma sempre contiguo a "Light up gold", in quanto basato su un forte appeal metropolitano underground, giocato su melodie svogliate, intrecci minimali chitarristici e ritmiche semplici e funzionali. Anche qui si sente il retaggio della Grande Mela, Velvet Underground e Television, su tutti, l'indie sgangherato dei Pavement, oltre a dilatazioni psichedeliche tradizionali. Quartetto basato a Brooklyn, attivo dal 2010 e composto da Andrew Savage, (voce e chitarra, anche nel gruppo sperimentale texano dei Fergus & Geronimo e nell'indie band dei Teenage Cool Kids), Austin Brown (chitarra), Sean Yeaton (basso) e Max Savage (batteria). Debuttano un anno dopo con "American specialities" su cassette in una manciata di copie, poi stampato anche su vinile dalla Play Pinball, cui succede "Light up gold" nelle'estate 2012.
Euro
29,00
codice 2112558
scheda
Part arvo Fur alina
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2017  ajna offensive / mississippi records 
classica cont.
Copertina cartonata senza codice a barre, label oro e nera con artwork diverso su ciascuna facciata, catalogo FLAME108 / MRP-115. Pubblicata nel 2017 dalla Ajna Offensive / Mississippi Records, questa antologia compila alcune splendide composizioni di Arvo Part: si va da pezzi per solo pianoforte a duetti per piano ed archi, fino a brani per quartetto d'archi, percorsi dal trait d'union di un'atmosfera altamente raccolta e spirituale, religiosa ma non nel senso della comune musica liturgica, e potentemente moderna. Fra gli strumentisti che eseguono queste versioni, citiamo Alexei Lubimov, Angela Yoffe, Jurgen Kruse, Sebastian Klinger e Vadim Gluzman. Molto bello e suggestivo anche lo artwork di copertina che mostra un particolarissimo dipinto tratto dal manoscritto del XVI secolo intitolato "Kometenbuch". Questi i brani presenti: "Fur alina" (Alexei Lubimov), "Speigel im spiegel" (Vadim Gluzman, Angela Yoffe), "Variationen zur gesundung von arinuschka" (Alexei Lubimov), "Fratres" (Vadim Gluzman, Angela Yoffe), "Speigel im spiegel" (versione per violoncello e pianoforte, Sebastian Sklinger, Jurgen Kruse), "Fur alina" (Jurgen Kruse), "Speigel im spiegel" (versione per violino e pianoforte, Sebastian Klinger, Jurgen Kruse). L'estone Arvo Part è considerato uno dei più grandi compositori di musica classica contemporanea della fine del XX secolo; Inizialmente ristretta all'Europa orientale, la sua fama si diffuse nel resto del mondo dagli anni '80 in poi, dopo che negli anni '70 Part ebbe elaborato un'originale sistema compositivo da lui chiamato ''tintinnabulation'', originando una musica che fondeva classica, sacra e minimalismo.
Euro
28,00
codice 2112620
scheda
Partisans police story / killing machine
7" [edizione] nuovo  stereo  eu  1981  mad butcher 
punk new wave
Singolo in formato 7"; ristampa con copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura su No Future. Uscito nel settembre del 1981, giunto al quinto posto delle classifiche indie inglesi, il primo singolo della grande punk band anarchica attiva dal '79 e proveniente dal Galles. Contiene due eccellenti serratissimi brani, "Police Story" e "Killing Machine", che rimarranno tra i classici del gruppo benche' non inseriti nel loro primo album "Partisans" del 1983. Tra i pochi della terza ondata inglese ad avere una donna in formazione, la bassista Louise Wright, dopo le partecipazioni alle storiche raccolte "Carry on Oi" e "Punk and Disorderly" e dopo due 7", giungeranno nel febbraio del 1983 al loro primo album "The Partisans", che li confermo' autori di un "combat punk" crudo e viscerale, solo occasionalmente contaminato dalla foga dell' hardcore e, piuttosto, vicino musicalmente a quello della scena "Oi" che peraltro li aveva accolti nella storica compilation "Carry on Oi!", pubblicata nel 1981, nonostante il loro orientamento politico fosse invece vicino a quello delle anarco punk bands del giro Crass, sempre particolarmente feroce nell' accanirsi contro le forze dell' ordine. Il meglio della terza ondata punk inglese, grezzi e viscerali ma anche ben strutturati, prodotti ed eseguiti. tra punk anthemico ed hardcore.
Euro
12,00
codice 3029357
scheda

Page: 19 of 27


Pag.: oggetti: