Hai cercato:  Ultimi arrivi (lista aggiornata ogni giovedi' sera) --- Titoli trovati: : 366
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Velvet underground Velvet underground (3rd album)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  universal / polydor 
rock 60-70
ristampa con copertina pressoche' identica a quella della originaria rara tiratura. Il terzo album, e terzo capolavoro, uscito nel Marzo del 1969, dopo ''White Light White Heat'' e prima di ''Loaded'', non entrato nelle classifiche USA ne' in quelle UK dove venne pubblicato nell' Aprile dello stesso anno. Registrato senza piu' John Cale ma con Doug Jule, e' certamente il lavoro piu' chitarristico (e piu' sottovalutato) tra quelli incisi dal gruppo, influente sulla musica a venire quasi quento i primi due lavori del gruppo newyorkese; precede di quasi venti anni i Jesus & Mary Chain di "Darklands" o gli esperimenti di ''calma furente'' che saranno poi messi in cantiere sull' altra parte dell'oceano dagli Spacemen 3 in albums quali ''The Perfet Prescription''. I brani suonano quieti, silenziosi e meditabondi, l'atmosfera e' contemplativa ed assorta, caratteristica dovuta fondamentalmente a tre motivi: la dipartita di John Cale nell' autunno del 1968, l'arrivo del nuovo membro Doug Yule e, soprattutto, il furto degli amplificatori del gruppo proprio prima dell'inizio delle registrazioni. I testi sono i piu' introversi e appassionati che Lou Reed abbia mai scritto, "Candy Says", "Pale Blue Eyes" e "I'm Set Free" sono esempi di questo nuovo stile, mentre "What Goes On" e "Beginning to See the Light" sono furiosi assalti rock & roll memori del passato prossimo, "The Murder Mystery" (il cui testo e' diviso in 4 parti mixate contemporaneamente) e' estremo e poderoso come le pagine piu' incendiarie di "White Light/White Heat". Il terzo disco dei Velvet Underground e' stato per molti anni considerato un ''opera minore'' fino a che sul finire degli anni '80 la sua incredibile e profetica modernita' e' finalmente venuta alla luce. Chi non dovesse essere in confidanza con questo lp ma fosse invece addentro al post ed indie rock, ne rimarra' assolutamente esterrefatto. Stereolab, Spacemen 3, Opal, Sebadoh, Yo La Tengo, solo per citarne alcuni, hanno le loro radici saldamente ancorate a questo terzo disco e non certo ai primi due.
Euro
27,00
codice 2111145
scheda
Venditti Antonello / Francesco De Gregori Theorius Campus (ltd. blue vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  sony 
cantautori
ristampa del 2022, edizione limitata di 900 copie, in vinile blu, numerate sul retro, copertina apribile che riprende quella della prima rarissima tiratura dell' album originariamente uscito nel 1972 su IT con titolo '' Theorius Campus'', quindi ristampato su Rca a partire dal gennaio del 1974 con copertina rossa con titolo "Roma Capoccia" ed i due autori indicati sul fronte (i brani sono pero' gli stessi), poi ristampato molte volte anche con copertine diverse. Pubblicato in italia nel maggio del 1972, non entrato nelle classifiche italiane, il primo album. Contiene i seguenti brani: Ciao Uomo ( Venditti ), Signora Aquilone ( De Gregori ), La Cantina ( Venditti ), E' Caduto l'Inverno ( Venditti ), Dolce Signora Che Bruci ( De Gregori ), La casa Del Pazzo ( De Gregori ), Vocazione 1 e 1/2 ( Venditti / De Gregori ), L'Amore e' Come Il Tempo ( Venditti ), In Mezzo Alla Citta' ( Venditti / De Gregori ), Little Snoring Willy ( De Gregori ), Sora Rosa ( Venditti ). Nel Disco suonano: Antonello Venditti ( pianoforte ), Francesco De Gregori ( chitarra ), Giorgio Lo Cascio ( chitarra 12 corde ), Dave Summer ( chitarra elettrica ), Donald Meakin ( chitarra acustica ), Mick Brill ( basso elettrico ), Derek Wilson ( batteria ), Maurizio Giammarco ( flauto ); effetti spereciali di Paolo Dossena e Italo Greco. Prodotto da Italo Greco e Paolo Dossena. L' esordio di Francesco De Gregori e Antonello Venditti si presenta (nella sua veste originaria) con una copertina senza neanche i nomi dei cantautori ma solo con la raffigurazione della ''Ofelia'' capolavoro preraffaellita di Millais; il disco viene pubblicato nella Roma dei primi anni Settanta. De Gregori, appena sedicenne, approda al Folkstudio, presentato dal fratello maggiore Luigi, anche lui musicista. Nel piccolo locale di Trastevere esordisce come interprete. Qui incontra altri giovani cantautori: Mimmo Locasciulli, Stefano Rosso, Giorgio Lo Cascio, Ernesto Bassignano, Paolo Pietrangeli, Mario Schiano e Marcello Melis. E soprattutto Antonello Venditti. con cui nasce il sodalizio artistico che dara' vita a questo primo album, Theorius Campus, che e' infatti inciso a quattro mani. Opera seminale non solo per la futura 'scuola romana'. De Gregori suona la chitarra, Venditti il pianoforte. I loro stili sono diversi, Uno e' introverso, discreto; l' altro piu' aperto. Nelle parole di Giorgio Lo Cascio la genesi del progetto: "Francesco e Antonello avevano composto insieme un paio di canzoni in Ungheria; realizzare un solo disco era meno oneroso che realizzarne due. Nacque cos￾ Theorius Campus". Prodotto nel 1971 da Italo (Lilly) Greco e Paolo Dossena, i brani co-firmati sono due, "Vocazione 1" e "In mezzo alla citta'". La coppia canta insieme anche "Dolce signora che bruci". Il disco vende poco, ma la It insiste e produce l' anno successivo ''Alice non lo sa'' del solo De Gregori. "Theorius Campus" e' l' archetipo della nuova musica italiana, qui i due esordiscono e si presentano. Venditti e' piu' maturo, gia' capace di scrivere brani che faranno scuola, "Roma Capoccia" ne e' l'esempio piu' evidente, ma anche "Sora Rosa" e' brano da ricordare; De Gregori e' piu' inquieto e il suo stile ancora non ben definito, accanto alle straordinarie "Signora Aquilone" e "La Casa Del Pazzo", vi sono la oscura "Vocazione 1 e 1/2" e soprattutto il folk-beat cantato in Inglese di "Little Snoring Willy", ma i momenti piu' ineressanti si hanno quando i due non si limitano a suonare l' uno per l'altro ma cantano i pezzi assieme , in "Dolce signora che bruci" e "In mezzo alla citta' ". Un album straordinariamente importante, innovativo ed anche davvero bello.
Euro
39,00
codice 2111143
scheda
Waits Tom bounced checks
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1981  asylum 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima stampa destinata alla vendita in Italia, pressata in Germania (il disco fu pubblicato per il mercato dell' Europa continentale, e non fu pubblicato all' epoca ne' in Usa ne' in Uk), con marchio Siae stampato sull' etichetta a sinistra, copertina lucida senza barcode, completa di inner sleeve con testi, etichetta azzurra con il logo Asylum in alto nel cielo, catalogo AS 52316 sull' etichetta e AS K 52316 (EF-7200) sulla copertina, scritte lungo la circonferenza, in basso, su due righe. Pubblicata in Europa nel novembre del 1981, si tratta di una preziosa antologia del periodo trascorso dal grande artista americano con l' etichetta Asylum, con dieci brani, di cui otto dai primi sei albums, dal 1974 al 1981, e due inediti, una imperdibile "The Piano Has Been Drinking" registrata dal vivo a Dublino, Irlanda, nel marzo 1981, e la splendida e delicata ballata "Mr.Henry", registrata in studio nel 1980. Ecco la lista del materiale incluso: A1. Heartattack And Vine (dall' album "Heartattack and Vine" del 1980) A2. Jersey Girl (Alternate Master, dall' album "Heartattack and Vine"), A3. Eggs And Sausage (dall' album "Nighthawks at the Diner" del 1975) A4. I Never Talk To Strangers (Duet With Bette Midler) (dall' album "Foreign Affairs" del 1977) A5. The Piano Has Been Drinking (Live In Dublin, 1981) B1. Whistlin' Past The Graveyard (Alternate Master, dall' album "Blue Valentine" del 1978) B2. Mr. Henry (Previously Unreleased) B3. Diamonds On My Windshield (dall' album "The Heart of Saturday Night" del 1974) B4. Burma-Shave (dall' album "Foreign Affairs") B5. Tom Traubert's Blues (dall' album "Small Change" del 1976).
Euro
28,00
codice 252815
scheda
Waters roger (pink floyd) the wall (original soundtrack)
lp3 [edizione] nuovo  stereo  eu  2015  columbia / legacy 
rock 60-70
triplo album in vinile 180 grammi, copertina apribile in tre parti, con adesivo di presentazione sul cellophane, corredata di booklet di 16 pagine, etichetta "custom" a colori. Uscito nel novembre del 2015, a distanza di dieci anni dall' incursione nell' opera di "Ca Ira", la colonna sonora del secondo adattamento cinematografico tratto dallo storico concept album dei Pink Floyd "The Wall", diretto da Waters stesso e Sean Evans, e presentato nel 2014 in occasione del Toronto International Film Festival. "The Wall" e' naturalmente ormai considerabile una sorta di "work in progress", che qui si arricchisce della presenza dell' inedita "The Ballad of Jean Charles de Menezes". I brani (registrati dal vivo)sono i seguenti: "In the Flesh?", "The Thin Ice", "Another Brick in the Wall (Part 1)", "The Happiest Days of Our Lives", "Another Brick in the Wall (Part 2)", "The Ballad of Jean Charles de Menezes", "Mother", "Goodbye Blue Sky", "Empty Spaces", "What Shall We Do Now?", "Young Lust", "One of My Turns", "Don't Leave Me Now", "Another Brick in the Wall (Part 3)", "The Last Few Bricks", "Goodbye Cruel World", "Hey You", "Is There Anybody Out There?", "Nobody Home", "Vera", "Bring the Boys Back Home", "Comfortably Numb", "The Show Must Go On", "In the Flesh", "Run Like Hell", "Waiting for the Worms", "Stop", "The Trial", "Outside the Wall"
Euro
37,00
codice 2077942
scheda
White barry Is this whatcha wont?
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1976  universal / back to black 
soul funky disco
Ristampa in vinile 180 grammi, corredata di coupon con codice per il download digitale, copertina pressoche' identica a quella della originaria tiratura. Pubblicato nel novembre del 1976 dalla 20th Century Records, non entrato in classifica nel Regno Unito e giunto alla 125esima posizione nella classifica billboard 200 americana, il sesto album solista in studio (collaborazioni escluse), successivo a ''Let the music play'' (1/1976) e precedente ''Sings for someone you love'' (1977). Prodotto ed arrangiato da White stesso, ''Is this whatcha wont?'' propone un piacevolissimo mix di soul, proto disco music ed orchestrazioni fra le migliori dell'epoca nell'ambito della musica afroamericana, il tutto guidato dalla sua splendida e profondissima voce, fra ballate ed episodi dai ritmi vivaci ben adattati alle sale da ballo dell'epoca (o anche di altre epoche), atmosfere intrise di sensualita' avvolgente e romantica (basti leggere i titoli dei brani...); particolarmente affascinante e cullante e' la lunghissima ''Your
Euro
25,00
codice 3024280
scheda
Winehouse amy Live at glastonbury 2007
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2007  island 
indie 2000
adesivo su cellophane, inner sleeves, vinile 180 grammi. Doppio album, per la prima volta in vinile, il set completo del concerto effettuato al Pyramid Stage del festival di Glastonbury il 22 giugno 2007. La scaletta: Addicted - Just Friends - Tears Dry On Their Own - He Can Only Hold Her - Cherry - Back To Black - Wake Up Alone - Love Is A Losing Game - F*ck Me Pumps - Cupid - Hey Little Rich Girl - Monkey Man - You Know I'm No Good - Rehab - Me & Mr Jones - Valerie.
Euro
43,00
codice 2111275
scheda
Winwood steve arc of a diver
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1980  Island 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
copia ancora incellophanata, prima stampa americana, copertina in cartoncino semilucido senza barcode, completa di inner sleeve con foto e testi, etichetta blu da un lato e celeste dall' altro, con palma colorata in basso, catalogo ILPS9576. Pubblicato nel dicembre del 1980 dopo ''Steve Winwood'' e prima di ''Talking back to the night'', giunto al numero 13 delle classifiche Uk ed al numero 3 di quelle Usa. Il secondo album. Tutto il disco e' suonato esclusivamente da Steve Winwood; il lavoro e' considerato come il suo capolavoro assoluto, il sound e' allo stesso tempo innovativo e legato alla tradizione sia dei Traffic che dello Spencer Davis Group, ma vi sono critici che vi hanno visto addirittura una sorta di continuita' con i Blind Faith. Contiene alcuni dei suoi brani migliori, come ''Arc of a diver'' o ''While you see a chance''. Un album davvero notevole e misteriosamente sottovalutato a cui vale invece la pena dare piu' di un ascolto.
Euro
19,00
codice 240551
scheda
Wipers youth of america
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1981  jackpot 
punk new wave
ristampa in edizione limitata, copertina in cartoncino pesante senza barcode, pressoche' identica alla prima rarissima tiratura su Park Ave., ottenuta dalla rimasterizzazione dei master tapes originali, del capolavoro del grande gruppo di Portland, Oregon, secondo loro album dopo "Is This Real?" del 1979. Uscito nel novembre del 1981 per la piccola Park Avenue di Seattle che gia' ne aveva pubblicato l' esordio, "Youth Of America" e' uno tra gli albums piu' originali di tutta la prima meta' degli anni '80, comprensibilmente divenuto sempre piu' con il trascorrere degli anni un vero e proprio disco di culto, straordinariamente cupo e tagliente, distante dall' aggressivita' e dalla compattezza dell' esordio a favore di brani dilatati e complessi (la magnifica title track supera i 10 minuti...), che a tratti fanno pensare alle agghiaccianti visioni dei primi Suicide realizzate in un contesto almeno nella forma (chitarra, basso e batteria) piu' "rock", ma nella sostanza quasi altrettanto alieno. Un' opera "maledetta", oscura e assolutamente da scoprire, che richiede un impegno non indifferente ad essere compresa appieno, ma che possiede come pochi dischi dell' epoca la statura del classico ed una personalita' a tutt'oggi straordinariamente affascinante e sorprendente. Registrato dopo l' uscita dal gruppo dell' originario batterista Sam Henry (sostituito da Brad Naish che pero' non e' accreditato come facente parte del gruppo), e con il vecchio bassista Dave Koupal ed il nuovo Brad Davidson che si alternano nei brani, restera' un episodio unico nella ricca discografia di una delle band piu' importanti e seminali dell' underground americano degli anni '80, un oscuro e straordinario capolavoro da parte di una band mai troppo valutata, influenza riconosciuta dai Sonic Youth, idolatrati dai Nirvana che parteciperanno ad un album tributo a loro dedicato.
Euro
29,00
codice 2111204
scheda
Wire 10:20
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  pink flag 
punk new wave
copertina ruvida, inner sleeve con note; uscito nel giugno del 2020, a pochi mesi di distanza dall ' ultimo vero album in studio "Mind Hive", questo "10:20" include otto brani registrati in parte nel 2010 (con i membri fondatori Colin Newman, Graham Lewis e Robert Gatobed Grey accompagnati da Margaret Fielder dei Laika e Matthew Simms, anche negli It Hugs Back, gruppo della scuderia 4Ad, appena entrato nella line up) ed in parte per l' occasione (con Newman, Lewis, Gatobed e Simms). Tra i brani il singolo "Small Black Reptile", nuova versione riarrangiata di un vecchio brano dall' album del 1990 "Manscape". Gli Wire sono stati tra i principali ed essenziali protagonisti della stagione a cavallo tra il punk 77ino ed il post punk inglese, grazie alla loro geniale alchimia capace di far confluire in una unica formula Bowie ed i Roxy Music, la psichedelia ed il punk. Si formano a Londra nell'ottobre del 1976 da Colin Newman, Bruce Gilbert, Graham Lewis e Robert Gotobed, tutti provenienti dall'art school, ma senza alcuna istruzione musicale. Fin dai loro esordi il loro sound conservava del punk-rock soltanto la concisione, e un pizzico dell'isteria, ma il gruppo aveva poco in comune con le arringhe nichiliste dei Sex Pistols, affascinato dagli esperimenti di decostruzione sonora portati avanti da Brian Eno e dall'estetica alternativa dei Velvet Underground; furono capaci di inconsuete digressioni verso territori inesplorati riuscendo ad imporsi tra i gruppi fondamentali di fine anni settanta e poi tornando periodicamente ad incidere insieme negli anni a venire, mettendo a frutto l' esperienza di infinite collaborazioni e degli innumerevoli progetti a cui nel frattempo non hanno mai smesso di lavorare.
Euro
23,00
codice 2093406
scheda
Wire train Between two words
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1985  cbs 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa inglese, copertina lucida e senza barcode, completa di inserto con foto e testi, label rossa con logo CBS bianco in alto, catalogo CBS26670. Pubblicato nel 1985 dalla CBS in Gran Bretagna e dalla Columbia negli USA, il secondo album, uscito dopo ''In a chamber'' (1984) e prima di ''Ten women'' (1987). Si tratta di un album meno frenetico e piu' atmosferico rispetto all'esordio, con brani sognanti e talvolta lenti e rarefatti, in piu' occasioni dinamici e svolazzanti, che hanno suscitato accostamenti con i Church da parte di alcuni critici, mentre il brano ''Last perfect thing'', piu' esuberante, sembra preannunciare il sound dell'album successivo. Troviamo anche una cover piuttosto persanale di ''With god on our side'' di Bob Dylan, qui intitolata ''God on our side''. Formatisi a San Francisco nel 1983, inizialmente con il nome di Renegades, gli Wire Train nacquero su impulso dei due parolieri Kurt Herr e Kevin Hunter. Accasatisi presso la label 415, pubblicarono il primo album ''In a chamber'' nel 1984, suscitando positive reazioni in California con la loro new wave chitarristica. Il successivo ''Between two words'' (1985) venne inciso a Vienna e fu l'ultimo con Kurt Herr in formazione, che abbandono' poco dopo il gruppo per dedicarsi a porgetti solisti. ''Ten women'', inciso a Londra, usci' nel 1987, mentre in quel periodo il gruppo suonava in tour con Alarm, Bangles e Waterboys. La band ritorno' nel 1990 con il quarto album, senza titolo, che segno' un mutamento stilistico verso il pop rock, seguito dal quinto lp ''No soul no strain'' (1992), con echi del Madchester sound. Si sciolsero intorno al 1993. Un loro brano, ''I will not fall'', fu inserito nella colonna sonora del film ''Point break'', con Keanu Reeves e Patrick Swayze.
Euro
16,00
codice 250556
scheda
Wire train Ten women
Lp [edizione] originale  stereo  Hol  1987  cbs 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa europea, pressata in OLanda, completa di inner sleeve con testi, etichetta rossa con logo bianco in alto, catalogo CBS4504401. Il terzo album del gruppo americano, dopo "In a Chamber" (1984) e "Between Two Words" (1985), registrato con ormai Kevin Hunter alla guida del gruppo, dopo l' abbandono di Kurt Herr. L' album prosegue lungo la strada tracciata dai predecessori, quella di un rock chitarristico di stampo classico, venato di influenze roots e pop. Formatisi a San Francisco nel 1983, inizialmente con il nome di Renegades, gli Wire Train nacquero su impulso dei due parolieri Kurt Herr e Kevin Hunter. Accasatisi presso la label 415, pubblicarono il primo album ''In a chamber'' nel 1984, suscitando positive reazioni in California con la loro new wave chitarristica. Il successivo ''Between two words'' (1985) venne inciso a Vienna e fu l'ultimo con Kurt Herr in formazione, che abbandono' poco dopo il gruppo per dedicarsi a porgetti solisti. ''Ten women'', inciso a Londra, usci' nel 1987, mentre in quel periodo il gruppo suonava in tour con Alarm, Bangles e Waterboys. La band ritorno' nel 1990 con il quarto album, senza titolo, che segno' un mutamento stilistico verso il pop rock, seguito dal quinto lp ''No soul no strain'' (1992), con echi del Madchester sound. Si sciolsero intorno al 1993. Un loro brano, ''I will not fall'', fu inserito nella colonna sonora del film ''Point break'', con Keanu Reeves e Patrick Swayze.
Euro
16,00
codice 252840
scheda
Wonder stevie Jazz soul of little stevie
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1962  ermitage 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good soul funky disco
Ristampa del 2017, in vinile pesante, distribuita in Italia nel circuito delle edicole per la collana della Hobby & Work "Soul Music", copertina (con lievi segni di invecchiamento) pressoche' identica sul fronte alla prima rara tiratura, e corredata di esclusivo booklet di 16 pagine con note sull' album e foto. Originariamente pubblicato nel settembre del 1962 dalla Tamla, non entrato in classifica negli USA, il primo album di Stevie Wonder, precedente ''Tribute to uncle ray'' (1963). Uscito quando Wonder era appena dodicenne, questo particolare album ne mise in rilievo le eccezionali doti di strumentista: infatti in questo lp egli non canta (tranne qualche grido sullo sfondo), ma suona armonica, batteria, percussioni, organo e pianoforte, oltre a comporre. I brani sono per lo piu' strumentali, dove le prodigiose qualita' strumentali del ragazzino cieco emergono con prepotenza, materializzandosi in un soul/r'n'b con venature jazz. Il disco contiene la versione in studio di ''Fingertips'', la cui versione dal vivo uscita nel 1963 fu il primo grande successo di Wonder. Questa la scaletta: ''Fingertips'', ''Square'', ''Soul bongo'', ''Manhattan at six'', ''Paulsby'', ''Some other time'', ''Wondering'', ''Session number 112'', ''Bam''. Strumentista, cantante ed autore, rimasto cieco fin dalla nascita per un guasto all'incubatrice; viene segnalato alla Motown da Ron White dei Miracles, e nel '63 il teenager "Little Stevie Wonder" ottiene una inattesa hit con "Fingertips"e si esibisce in numerosi show, manifestando sempre la sua profonda ammirazione per Ray Charles, al quale dedichera' anche un album, "Tribute to Uncle Ray". Verso la fine dei '60 inizia ad ottenere una sempre maggiore indipendenza nelle scelte artistiche, che gli permettera' di dar vita a lavori di maggiore spessore, opere intelligenti e pervase di sonorita' R&B, funky e pop, sostenute da un talento compositivo ed interpretativo non comune, ed ottiene grandi successi con brani come "Superstition" e "Sunshine of my life", confermando una fortuna commerciale che non lo abbandonera' piu'.
Euro
10,00
codice 245898
scheda
Xhol caravan Electrip (numbered, with booklet)
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1969  garden of delights 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa del 2022, edizione limitata di 2000 copie, numerate a mano su retro (questa la numero 1532), copertina laminata pressoche' identica alla molto rara prima tiratura, corredata di ESCLUSIVO RICCO BOOKLET FORMATO LP DI 68 PAGINE, catalogo LP045. Originariamente pubblicato nel 1969 dalla Hansa in Germania, il primo ed unico album a nome Xhol Caravan, prima dell'accorciamento dello stesso in Xhol. Questa leggendaria band tedesca inizio' nella meta' degli anni '60 come gruppo soul rock con il nome di Soul Caravan, nome con il quale, nel 1967 registrarono un album intitolato ''Get in high'', poi i tempi cambiarono e la band si trasformo', alla vigilia del nuovo decennio, in questi Xhol Caravan. Sotto questo nuovo nome, esordirono con questo ''Electrip'' nel 1969, uno dei primi lavori di progressive pubblicati in Germania, la copertina, coloratissima e molto psichedelica, fu anch'essa una assoluta novita' in Europa continentale. Il disco segue un approccio che sta a meta' tra la psichedelia, il jazz ed il beat, ma vi sono anche assonanze con la fusion strumentale del primo Zappa; tra i brani la leggendaria "Raise Up High", una sorta di jazz-soul blues-psichedelia che fondera' tutto il jazz-rock fusion tedesco, movimento che nascera' di li' a poco e che sara' ispirato proprio da questo lp: gruppi quali Out Of Focus, Ardo Dombec, Ikarus, Kraan, Release Music Orchestra e Thirsty Moon, solo per citarne alcuni, devono moltissimo agli esperimenti ed alle intuizioni profetiche di questo album. Dopo la sua pubblicazione la band ottenne un contratto con la Ohr per la quale registro', con il nome abbreviato in Xhol, altri due album nel 1971 e 1972.
Euro
30,00
codice 252797
scheda
Young neil dorothy chandler pavilion 1971
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  Shakey Pictures / reprise 
rock 60-70
copertina apribile, adesivo di presentazione sul cellophane; pubblicato nel maggio del 2022, per la serie Neil Young Archives Official Bootleg Series, questo album rende per la prima volta disponibile ufficialmente il concerto gia' testimoniato da numerose pubblicazioni non ufficiali, a partire dal raro "I'm Happy That Y'all Came Down" uscito gia' nel 1971, e di cui viene qui ripresa persino la grafica della copertina, con tanto di finto "ringwear". Registrato dal vivo al Los Angeles Music Center Dorothy Chandler Pavilion l' 1 febbraio del 1971, contiene quindici brani, molti dei quali all' epoca inediti, eseguiti in perfetta solitudine dal grande musicista canadese, durante il Journey Through the Past Solo Tour. Dopo i successi con i Crazy Horse, Crosby, Stills & Nash, ed il suo secondo album solista "After the Gold Rush", Neil Young e' alle prese con brani vecchi e con molti episodi all' epoca inediti. Questa la lista completa dei brani: It's So Hard To Wait / Tell Me Why / Look At My Life / Journey Through The Past / Cowgirl In The Sand / A Heart Of Gold / A Man Needs A Maid / Sugar Mountain / Don't Let It Bring You Down / Love In Mind / The Damage Done / Ohio / See The Sky About To Rain / I Am A Child / See The Girl Dance.
Euro
27,00
codice 2111146
scheda
Young neil Weld
lp2 [edizione] originale  stereo  ger  1991  reprise 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Prima estremamente rara stampa pressata in Germania in pochissime copie in vinile, unica versione vinilica di questo disco, mai stampato in vinile ne' in America ne' in Uk, doppio album con copertina (con moderati segni di invecchiamento) in cartoncino lucido apribile, etichetta celeste, gialla e blu, catalogo 7599-26671-1. Pubblicato in Usa nell' ottobre del 1991 dopo ''Ragged Glory'' e prima di '' Harvest Moon'', giunto al numero 20 delle classifiche Uk e non entrato in quelle Usa. Il ventitreesimo album. Registrazione live effettuata durante il tour "Smell The Horse Tour" allestito dopo l' uscita di "Ragged Glory", con i fidi Crazy Horse, l' opera include versioni cariche di distorsioni e feedback di sedici brani, con alcuni dei piu' grandi classici del grande artista canadese; un album estremamente elettrico e potente, con una vena a tratti quasi hard rock. Contiene i seguenti brani: "Hey Hey, My My (Into the Black)", "Crime in the City", "Blowin' in the Wind", "Welfare Mothers", "Love to Burn", "Cinnamon Girl", "Mansion on the Hill", "F*!#in' Up", "Cortez the Killer", "Powderfinger", "Love and Only Love", "Rockin' in the Free World", "Like a Hurricane", "Farmer John", "Tonight's the Night", "Roll Another Number (For the Road).
Euro
100,00
codice 245862
scheda
Zola jesus Arkhon (ltd eco-mix)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2022  sacred bones 
indie 2000
edizione limitata in vinile colorato eco-mix, adesivo su cellophane, coupon per download digitale. Giunge al sesto album Nika Roza Danilova in arte Zola Jesus, di difficile gestazione per un blocco creativo durato svariato tempo e superato grazie alla collaborazione con altri artisti quali Randall Dunn (sunn O))) e compositore della colonna sonora di Mendy di Johan Johannnson, ed il batterista Matt Chamberlain (già al lavoro con Bowie, Dylan, Fiona Apple). Prosegue il lavoro di pop rock artistico dai toni oscuri e squarci luminosi con interessanti arrangiamenti elettronici; atmosfere eteree si intersecano a spazi di ritmiche poderose e accompagnano la splendida voce di Zola Jesus. Un lavoro che potrebbe essere paragonato ad un moderno mix tra Kate Bush ed i Dead can Dance. Nika Roza Danilova, nata Nicole Rose Hummel , in arte Zola Jesus, è una giovane e prolifica cantante americana del Wisconsin d'origini russe. Ha all’attivo diverse pubblicazioni discografiche : “The spoils” (2009), “Stridulum II” (2010), “Conatus” (2011), “Versions” (2013), “Taiga”( 2014) e “Okovi” (2017). Ha fatto parte anche della band post punk Former Ghosts. Il suono alla Zola Jesus parte da un’elettronica/lo-fi, atmosfericamente vicina al gotico, fra Suicide, Dead Can Dance e Cocteau Twins, per poi spostarsi verso soluzioni più sognanti ed aperte, caratterizzate anche da produzioni più curate, che rendono un lavoro come "Conatus", più accessibile e meno sperimentale.
Euro
29,00
codice 2111283
scheda

Page: 15 of 15


Pag.: oggetti: