Hai cercato:  Ultimi arrivi (lista aggiornata ogni giovedi' sera) --- Titoli trovati: : 408
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Truly Fast stories...fom kid coma
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1995  bang! records 
indie 90
doppio vinile, copertina apribile. Ristampa del primo album della band di Seattle con membri di Soundgarden e Screaming trees, sorta di concept-album, con i 13 brani che sono un flusso continuo di grunge hard-rock con taglio psichedelico. I Truly sono un interessante gruppo grunge psichedelico formato a Seattle nel 1990 da alcuni veterani della vivace scena locale: il batterista Mark Pickerel, cofondatore degli Screaming Trees, che presto avrebbe lasciato il gruppo per concentrarsi sui Truly, ed il chitarrista e cantante Robert Roth (gia' con gli Storybook Crooks), quest'ultimo uno dei fattori piu' caratterizzanti del sound della band, con il suo stile vocale ombroso che ha qualche affinita' con quello di Mark Lanegan, ed i suoi originali riff chitarristici; ad essi si uni' all'inizio del 1991 il bassista Hiro Yamamoto, cofondatore ed ex membro dei Soundgarden. Esordirono con un ep nel 1991 e il primo album ''Fair stories... from kid coma'' arrivo' poi nel 1995, seguito nel 1997 da ''Feeling you up'' e nel 2000 da ''Twilight curtains''. Il loro era un sound che si ispirava allo hard rock zeppeliniano, ma anche molto psichedelico e stordente.
Euro
35,00
codice 2113459
scheda
Tunng Songs you make at night (ltd blue)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  full time hobby 
indie 2000
edizione limitata in vinile blu, coupon per download, adesivo su cellophane, copertina apribile. "Songs You Make at Night" (2018), sesto album in studio della band londinese, è un ritorno alle origini : i Tunng, per questo nuovo disco, rimettono in piedi la formazione originale, "desideravamo fare un disco dei Tunng con la line up originale. C’era una vera magia nei primi dischi e volevamo catturarla nuovamente" (Mike Lindsay). E nelle canzoni splende come non mai la folktronica del gruppo britannico. I Tungg sono un gruppo inglese formato nel 2003 da Mark Lindsay (che si occupa della produzione e degli effetti, e suona la chitarra) e Sam Genders (voce e chitarra); etichettati come band di "folktronica" per l'unione che fanno di composizioni acustiche basate sulla chitarra e sulla voce, con effetti, campionamenti elettronici, suoni insoliti e rumori ambientali. Il songwriting della band malinconico e intimistico porta gli echi di Nick Drake, mentre le sonorità e le soluzioni strumentali sono contaminate dalle innovazioni di stile che band quali Four Tet, Notwist e Book hanno contribuito a diffondere all'inizio di questo 21esimo secolo. I Tunng hanno pubblicato una serie di singoli in versione 7" prima di arrivare nel 2005 all'album di debutto "This is...Tunng: Mother's Daughter and Other Songs".
Euro
26,00
codice 2079540
scheda
Uk subs teenage + 2 (pink vinyl)
7" [edizione] originale  stereo  uk  1980  gem 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
ep in formato 7", la prima stampa inglese, nella versione in vinile rosa trasparente, e con "solid centre", copertina con apertura per il disco in alto, flipback sul retro, e con sagomatura per l' estrazione del vinile, etichetta verde con logo verde e bianco in alto, catalogo GEMS30, foro al centro piccolo. Pubblicato nel maggio del 1980, contiene sul lato A "Teenage", tratta dal secondo album in studio "Brand New Age", e sul retro due inediti: "Left For Dead" e "New York State Police", registrati ancora con uno l' originale formazione, prima del cambiamento della sezione ritmica. Formati da Charlie Harper nel 1977, potentissimi e rozzi, gli UK Subs rappresentano in maniera definitiva l' ala del movimento piu' popolare e legata alla working class inglese; la loro popolarita' ha contribuito in maniera decisiva a mantenere in vita la scena punk non solo in Uk, per anni.
Euro
12,00
codice 246497
scheda
Ulmer james blood Are you glad to be in america? / t.v.blues
7'' [edizione] originale  stereo  uk  1980  rough trade 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Singolo in formato 7", l' originale stampa inglese, copertina in cartoncino senza barcode, flipback su due lati sul retro e con sagomatura sul lato di apertura, label nera con scritte blu e con foro centrale piccolo, catalogo RT045, scritta ''a porky prime cut'' incisa sul trail off di entrambi i lati. Pubblicato nel 1980 dalla Rough Trade, giunto al 14esimo posto delle classifiche indipendenti inglesi, questo singolo venne tratto dal secondo album ''Are you glad to be in America?'', uscito nello stesso anno. Contiene due brani tratti dal sopracitato lp, la title track e ''T.V. Blues'', dinamici esempi di un connubio fra free jazz e funk, ma anche con un approccio metropolitano e spigoloso che li avvicinano nello spirito a certo contemporaneo post punk. James ''Blood'' Ulmer e' considerato uno dei pochi chitarristi di rilievo ad essersi cimentati con il free jazz, movimento musicale che certo non ha fatto della chitarra uno strumento principe. Ulmer si fa le ossa negli anni '50 e '60 suonando in gruppi r'n'b e funk nel midwest; nel 1971 si trasferisce a New York da Detroit e comincia a suonare in locali e con musicisti della scena jazz, fra cui Art Blakey e Rashied Ali, quindi incontra Ornette Coleman, che esercitera' una grande influenza sul suo approccio musicale successivo, basato su di un inventivo free jazz, prima di una progressiva ''regolarizzazione'' della sua musica negli anni '90.
Euro
6,00
codice 246501
scheda
Ultravox slow motion / quiet man / hiroshima mon amour
7"ep [edizione] originale  stereo  uk  1981  island 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
ep in formato 7", l' originale stampa inglese, coeprtina in cartoncino, con nome del gruppo "embossed" in rilievo sul fronte, con apertura per il disco in alto, flipback sul retro su due lati, e con sagomatura per l' estrazione del vinile, etichetta custom grigio chiaro e grigio scuro, catalogo WIP6691, nella versione con push out centre centrale (ancora intatto). Pubblicato nel febbraio 1981, giunto al numero 33 delle classifiche inglesi, contiene tre brani, tra gli indimenticabili classici del gruppo inglese, naturalmente appartenenti alla prima fase artistica della band, quando il nome del gruppo era ancora seguito da un punto esclamativo (Ultravox!) e, soprattutto, a guidare il gruppo era John Foxx, poi solista, sostituito da Midge Ure: "Hiroshima Mon Amour" e' tratta dal secondo album "Ha! Ha! Ha!" (ottobre 1977), qui presente in una versione "edited", piu' breve di quella dell' album; "Slow Motion" e "Quiet Man" sono tratte dal terzo album "Systems of Romance" (settembre 1978). Tra urgenza espressiva punk, un' anima decadente magicamente sospesa tra influenze Roxy Music e Bowie, apparentemente gelidi ma impregnati di un lirismo intenso e lacerante, tre autentici capolavori, ponte tra il passato ed il futuro di tanta musica inglese.
Euro
10,00
codice 246552
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  music on vinyl 
indie 2000
edizione limitata in occasione del RECORD STORE DAY 2020, in vinile blu marmorizzato, 2500 copie stampate. inner sleeve. Collaborazione tra Il cantante dei SYSTEM OF A DOWN Serj Tankian e Jimmy Urine dei MINDLESS SELF INDULGENCE, una colonna sonora per un film di gangsters che i due hanno progettato da anni ma mai potuto realizzare, questa ne è un racconto in musica. Brani dance-elettronici con dialoghi del "film".
Euro
28,00
codice 2094981
scheda
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1975  virgin / universal 
rock 60-70
Ristampa del 2022, rimasterizzata dai master tapes originali, presso i prestigiosi Abbey Road Studios, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura. Pubblicato in Inghilterra nell'ottobre del 1975 dopo ''Pawn Hearts'' e prima di ''The Quiet Zone/ the Pleasure Dome'', non entrato nelle classifiche in Uk ne' in quelle Usa. Il quinto album. Il primo lavoro dai tempi di "Pawn Hearts" del 1971 e dopo 5 album solisti di Peter Hammill, vede il ritorno dei Van Der Graaf con in formazione Hugh Banton, Peter Hammill, Gut Evans e David Jackson; la musica contenuta nell'album e' sempre assai complessa e densa, quasi materica, ma vi e' meno enfasi sulle parti soliste e meno spazio al virtuosismo tecnico, con partiture piu' austere ed asciutte, il flauto di David Jackson si mischia mirabilmente alla voce di Hammill, la musica e' piu' aperta che in passato e persino i testi sono assai meno metaforici e piu' diretti. "Godbluff" fu considerato all'epoca della sua realizzazione dalla critica internazionale come un eccezionale ritorno alla forma migliore, contiene soltanto 4 lunghe tracce, registrate a Londra tra il 9 ed il 29 giugno del 1975 presso i Rockfield Studios, tutte e 4 oramai tra i classici della band.
Euro
33,00
codice 2113557
scheda
Vatican commandos just a frisbee ep (rob zombie artwork)
7"ep [edizione] nuovo  stereo  eu  1983  radiation 
punk new wave
Ep in formato 7", ristampa del 2021, rimasterizzata, copertina (con artwork realizzato da un giovane Rob Zombie!) senza barcode pressoche' identica alla prima molto rara tiratura; autoprodotto su Pregnant Nun Records nel 1983, il secondo ep (con cinque brani) della hardcore band americana di Darien, Connecticut, dopo il primo 7"ep "Hit Squad For Go" (anche quello uscito nel 1983) e prima del conclusivo 12" "Point Me To The End" del 1984 (ma il gruppo comparve anche in quegli anni in numerose raccolte, fino allo scioglimento, avvenuto nel 1985). Attivi sin dal 1980, i Vatican Commandos avevano avuto, all' epoca della registrazione del loro primo ep, un giovanissimo Richard M. Hall alla chitarra, uscito dalla band prima di questo secondo ep (sara' poi alla guida degli Awol, autori di un 12" nel 1984 sospeso tra punk e new wave, ben prima di assumere il nome d' arte di MOBY con cui arrivera' ad una fama planetaria, suonando ben altra musica). Come questo secondo ep conferma, erano autori di un hardcore punk graffiante e viscerale, ora serratissimo, ora piu' lento ed oscuro, talora vicino a quello degli Adolescents. In formazione anche James Spadaccini, poi nei Dresden.
Euro
12,00
codice 3029518
scheda
Velvet underground i'm not a young man anymore - live at the gymnasium - new york city april 30 1967
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  velvet underground appreciation society 
rock 60-70
doppio album, copertina apribile, edizione limitata e numerata sul retro. Per la prima volta in vinile, l' intero contenuto della performance effettuata dalla fondamentale band newyorkese il 30 aprile del 1967, durante l' Exploding Plastic Tour, al Gymnasium di New York City, prima occasione in cui la band esegui' dal vivo "Sister Ray", "I'm Not a Young Man Anymore" e "Booker T", queste ultime due rimaste inedite, come indita rimarra' "Guess I'm Falling In Love". Poco dopo l' uscita del primo epocale album "The Velvet Underground and Nico" (marzo 1967), la band, senza piu' Nico, era gia' ampiamente proiettata verso l' oscurissimo muro di suono del secondo album "White Light / White Heat", che uscira' solo nel gennaio del 1968, che includera' due delle tracce qui presenti: oltre alla gia' citata "Sister Ray" anche "The Gift". Questa la lista completa dei brani: "Booker T.", "I'm Not A Young Man Anymore", "I'm Waiting For The Man", "Run Run Run", "Sister Ray", "Guess I'm Falling in Love" e "The Gift".
Euro
45,00
codice 2113470
scheda
Verve urban hymns
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1997  universal 
indie 90
Ristampa rimasterizzata pressoche' identica alla prima tiratura del 1997, vinile 180 grammi doppio, copertina liscia a busta, inner sleeve in carta rigida con foto a colori, label custom con foto del gruppo e scritte bianche. Pubblicato nel settembre del 1997 dalla Hut in Gran Bretagna, dove giunse al primo posto in classifica, e dalla Virgin negli USA, dove arrivo' al 23° posto in classifica, ''Urban hymns'' e' il terzo album dei Verve, uscito dopo ''A northern soul'' (1995). L'ultimo album del gruppo inglese prima del secondo scioglimento avvenuto nel 1999, ''Urban hymns'' e' considerato uno dei dischi piu' importanti del brit pop. I Verve diluiscono la loro psichedelia nel pop ed in un rock chitarristico piu' diretto, senza perdere del tutto le tinte lisergiche e sognanti dei loro primi dischi; il nuovo approccio da' risultati esaltanti come la splendida ''Bitter sweet symphony'', forse il loro brano piu' celebre, con il suo accompagnamento di archi ed il canto etereo di Ashcroft, e ''The drugs don't work'', il cui singolo giunse al primo posto in classifica. Brani acidi ed ipnotici come ''The rolling people'' riportano invece ai primi Verve, seppure con sonorita' piu' sanguigne. Uno dei gruppi di punta del brit pop degli anni '90, i Verve si formano a Wigan in Inghilterra nel 1990, ad opera del cantante ed autore Richard Ashcroft insieme ad Andy McCabe, Simon Jones e Peter Salisbury. Il talentoso gruppo si esibisce ben presto insieme a gruppi come Ride e Spiritualized e firma nel 1991 un contratto con la Hut. La musica dei Verve e' nei primi anni un sognante rock psichedelico, lento ed ipnotico, che puo' essere definito come una sorta di shoegazer pop al rallentatore. Il primo eccellente album ''A storm in heaven'' (1993) entra in classifica in patria ed il gruppo salira' alla ribalta negli anni successivi con un approccio piu' diretto e pop che dara' frutti con gli album ''A northern soul'' (1995) e ''Urban hymns'' (1997), nonche' con i celebri singoli ''Bittersweet symphony'' e ''The drugs don't work'' (1997), giunti tutti nei piani alti delle classifiche inglesi. Il periodo di maggior successo corrisponde anche a contrasti nel gruppo, che si scioglie una prima volta dopo il secondo album e poi definitivamente nel 1998, lasciando dietro di se' alcune delle pagine piu' belle del pop inglese del decennio.
Euro
33,00
codice 2113421
scheda
Von lmo be yourself / Cosmic Interception
7" [edizione] originale  stereo  spa  1981  munster 
punk new wave
Singolo in formato 7", copertina ruvida senza barcode, copia distribuita in Italia con adesivo Siae metallizzato sul retro, catalogo 7155. Pubblicato dalla spagnola Munster nel 2001, contiene sul lato A il serrato punk rock di "Be Yourself", dal primo rarissimo album "Future Language" pubblicato nel 1981 dal folle Von Elmo (vero nome Frankie Cavallo), traccia poi inserita dalla stessa Munster nella raccolta "Tranceformer (future language 2.001)", e sul retro l' altrimenti inedita "Cosmic Interception", registrata in data imprecisata, che potrebbe essere definita come una versione "garagey" dei Devo. Frankie Cavallo fu attivo sin dal 1970 in vari oscurissimi gruppi che hanno animato l' underground newyorkese (tra gli altri nei Pumpo, nei Why You Murder Me e negli storici Red Transistor, sempre con il chitarrista Rudolph Grey); nato nel 1978, il progetto Von Lmo fu una delle principali attrazioni delle ultime stagioni del Max's Kansas City di New York, autore di un "super space-age heavymetal dance rock" (come lui stesso lo definiva), impossibile e folle incrocio del rock duro iperdistorto di MC5 e Blue Cheer con la psichedelia piu' acida (con molti slanci "space" ed echi di Hawkwind e Gong), con elementi di pura sperimentazione avanguardistica e di free jazz (fu anche definito il Sun Ra del rock) interpretati nell' ottica del piu' grezzo e viscerale punk rock. Scomparso per anni dalle scene sulla strada dell' autodistruzione psico-fisica, divenuto nel frattempo personaggio di culto anche fuori dai ristretti circuiti newyorkesi, torno' soprendentemente a far parlare di se' nel 1991 e ad incidere un secondo album nel 1994, per nulla scemata la sua vena dissacrante ed abrasiva. Imperdibile per ogni mente disturbata di questo ed altri pianeti.
Euro
6,00
codice 253633
scheda
Waits Tom blood money (2017 remastered)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2002  anti 
rock 60-70
ristampa del 2017, rimasterizzata con la supervisione di Tom Waits e Kathleen Brennan, copertina pressoche' identica a quella della prima tiratura, vinile 180 grammi, corredata di inner sleeve e card con codice per il download digitale. A tre anni di distanza dal precedente "Mule Variations", nel 2002 questo "Blood Money" conferma l' interesse e la fascinazione del grande artista californiano per il teatro, piu' volte affiorata nella sua storia artistica, musicale e non solo; se il contemporaneo ed altrettanto celebrato "Alice" raccoglie canzoni ispirate al famoso personaggio di Lewis Carroll e scritte per una rappresentazione tatrale di Robert Wilson che avava preso forma alcuni anni addietro, questo "Blood Money", che rinnova la stretta collaborazione con la moglie Kathleen Brennan, co-autrice di tutti i brani, propone 13 nuovi brani ispirati ad un altro spettacolo di Wilson, una versione del "Woyzeck" del poeta tedesco Georg Buchner. Il disco si riallaccia nelle sue atmosfere notturne ed insieme oniriche, ora struggenti ed ora bizarre e desiderose di giocare con la musica, straordinariamente evocative, ad alcuni precedenti splendidi capitoli della lunga e magnifica storia artistica di Tom Waits, e pur non proponendo nulla di sostanzialmente inedito si rivela davvero ispiratissimo in ogni suo episodio, ancora una volta pressocche' imperdibile. Tra i musicisti si segnalano le collaborazioni in un paio di brani di Charlie Musselwhite, all' armonica, e di Stuart Copeland, alle percussioni in un altro brano.
Euro
27,00
codice 3029533
scheda
Wake Testament – best of (+ bonus cd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  bel  1982  factory benelux 
punk new wave
Copertina ruvida, allegato un cd bonus esclusivo di questa edizione vinilica, e contenente ventuno registrazioni inedite di demos e performances dal vivo, effettuate fra il 1981 ed il 1983, tratte dagli archivi di Rob Gretton, manager di Joy Division e New Order (questi i brani contenuti nel cd: 1. Move With the Times (demo) 2. Communion (demo) 3. No More Green Space (demo) 4. Move With the Times (Reprise)(demo) 5. Move With the Times (live 1981) 6. Cold Home (live 1981) 7. Communion (live 1981) 8. No More Green Space (live 1981) 9. Patrol (live 1981) 10. Give Up (live 1981) 11. Careering (live 1981) 12. Favour (live 1982) 13. Cold Home (live 1982) 14. Forced to Think (live 1982) 15. Patrol (live 1982) 16. Give Up (live 1982) 17. Move With the Times (live 1982) 18. An Immaculate Conception (live 1982) 19. Chance (demo) 20. Judas (demo) 21. Company (live 1983)). Pubblicata nel settembre del 2014 dalla Factory Benelux, questa antologia compila dieci dei migliori brani della discografia degli Wake. La raccolta è incentrata principalmente sul periodo trascorso dal gruppo con la Factory Records nella prima metà degli anni '80, includendo anche alcuni brani usciti solo su singolo, e la rarissima versione 7" di "Pale spectre", originariamente pressata solo come promo. Gli scozzesi Wake vennero formati nel 1981 a Glasgow dall'ex Altered Images Cesar insieme a Joe Donnelly e Steven Allen, a cui si aggiungeranno dopo un primo singolo Carolyn Allen ed il futuro Jesus And Mary Chain/Primal Scream Bobby Gillespie, qui come bassista. Entrati nella prestigiosa scuderia Factory, debuttarono su album nel 1982 con ''Harmony'', lavoro di post punk influenzato dai principali gruppi dell'etichetta di Tony Wilson; mutamenti nell'organico cambiano la band, che ritorna su lp solo nel 1985 con ''Here comes everybody'', con un suono che si allontana al dark per mostrare toni guitar pop. Proseguiranno fino a meta' anni '90, con altri due album, poi si riformeranno nel 2009, pubblicando ulteriori dischi. Questa la scaletta: "On our honeymoon" (singolo, 1982), "Favour" (dall'album "Harmony", 1982), "Something outside" (singolo, 1983), "Talk about the past" (singolo, 1984), "O pamela" (dall'album "Here comes everybody", 1985), "Melancholy man" (dall'album "Here comes everybody", 1985), "Of the matter" (singolo, 1985), "Pale spectre" (7" edit, originariamente pressato solo come promo), "Crush the flowers" (singolo, 1989), "Methodist" (dall'album "A light far out", 2012).
Euro
30,00
codice 2095087
scheda
Wakeman Rick journey to the centre of the earth
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1974  A&M 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Very good rock 60-70
prima stampa inglese, copia con qualche segno di invecchiamento su copertina e vinile, copertina apribile, pressata da "Gothic Print", completa del libretto di 8 pagine a colori spillato all' interno, etichetta grigio/argento con logo AM in oro/marrone, catalogo AMLH63621, nella versione con "TROGN'NORMAL" inciso sul trail off del lato A, e le matrici sul trail off ("...A1" e "...B1") "Machine stamped" e non incise a mano. Pubblicato nel maggio del 1974 dopo ''The six wives of Henry VIII'' e prima di ''The myths and legends of King Arthur and the knights of the round table'', giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 3 di quelle Usa. Registrato live alla Royal Festival Hall di Londra il 18 gennaio del 1974 con la London Symphony Orchestra e l' English Chamber Choir, prodotto da David Hemmings, e' considerato come uno dei massimi lavori del progressive sinfonico inglese; Wakeman trasforma in musica il libro di Jules Verne, la storia e' narrata da David Hemmings negli spazi che vengono lasciati dalle tastiere, organo Hammond e uno dei primi synth Moog che uniti all'orchestra ed al coro creano un clima da fiaba ad occhi aperti. Il disco e' diviso in quattro suites che mischiano rock, classica, teatro, avanguardia, letteratura, poesia, "The Battle" sperimentale e potentissima con gli strumenti torturati e il suono delle tastiere portato alle estreme conseguenze, "The Journey" e "The Forest", dove il mix tra la musica rock e i suoni della London Symphony Orchestra sommati alla voce di Ashley Holt creano una delle piu' suggestive atmosfere di tutto il progressive di alta epoca. "Journey to the Center of the Earth" e' ancora oggi uno dei massimi vertici della commistione tra strumenti elettrici e orchestra e sicuramente uno dei piu' rappresentativi del progressive di matrice sinfonica.
Euro
18,00
codice 106776
scheda
Walker brothers Nite flights (gatefold sleeve)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  music on vinyl 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, copertina apribile come la rara edizione australiana del disco uscita su Gto. Originariamente pubblicato nel 1978 dalla GTO in Gran Bretagna, il raro sesto album (senza contare i dischi americani), successivo a ''Lines'' (1976). Fu l'ultimo album in studio del gruppo, ricordato in particolare per i suoi primi quattro splendidi brani, tutti scritti da Scott Walker, episodi piu' ombrosi rispetto al resto del disco, caratterizzati da sonorita' atmosferiche e sintetiche che mostrano l'influenza delle innovazioni elaborate da Bowie, Eno e Iggy Pop nel fatidico 1977, e che preannunciano i futuri sviluppi della musica dello Scott Walker solista; addirittura Midge Ure disse in seguito che il brano di Walker '''The electrician'', qui presente, lo ispiro' nello scrivere la celebre ''Vienna'' degli Ultravox. Il resto dell'album fu composto dagli altri membri Gary e John, con toni piu' leggeri. La storia degli Walker Brothers e' intrecciata con quella dell'enigmatico Scott Walker, cresciuto a Los Angeles, California, che con il vero nome di Scott Engel aveva realizzato i suoi primi singoli tra il '58 ed il '59, prima di entrare nei Dalton Brothers, dalle cui ceneri nacquero i Walker Brothers, attivi fra il 1964 ed il 1967, con cui ottenne grande successo soprattutto in Inghilterra tra il '65 ed il '67, preferendo poi dedicarsi ad una carriera solista inizialmente trionfale, e poi sempre piu' volutamente alla ricerca di sperimentare strade espressive nuove e spesso difficili. Un altro membro degli Walker Brothers, Gary Leeds (Walker), dopo essere uscito dal gruppo nel 1967 formo' i Gary Walker And The Rain, autori di alcuni notevoli singoli fra beat e psichedelia, e di un album giapponese, ''No. 1'' (1968), che conteneva interessanti spunti lisergici come ''Magazine woman''. La musica per cui gli Walker Brothers sono ricordati e' invece un pop piuttosto levigato, con arrangiamenti orchestrali, paragonato ai Righteous Brothers.
Euro
26,00
codice 2094937
scheda
Wall of voodoo Seven days in sammystown
Lp [edizione] originale  stereo  hol  1986  i.r.s. 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa europea di pressaggio olandese, copertina (con giusto lievi segni di invecchiamento) semilucida fronte retro senza barcode e senza accredito del brano ''Faded Love'' sul retro, label argento con scritte e logo I.R.S. Amaranto, catalogo ILP26685. Pubblicato nel maggio del 1986 dalla I.R.S. In Europa e negli USA, il terzo album della magnifica band californiana, uscito dopo ''Call of the west'' (1982) e prima di ''Happy planet'' (1987). Realizzato senza piu' Stan Ridgway, sostituito da Andy Prieboy che riesce ad imitarne la particolarissima voce a tal punto da rendere talvolta difficile la distinzione, e' un disco decisamente sottovalutato e meritevole di riscoperta, che in parte recupera insieme le atmosfere cupe ed ossessive di "Dark Continent", con piu' che mai forti influenze morriconiane, e la capacita' di tirar fuori ancora alcuni magnifici brani, come la maestosa "Big City", degna dei migliori vecchi brani della band, e che da sola vale l' acquisto del disco, o l' efficacissima "Far Side Of Crazy", ed ancora "Blackboard Sky", mentre
Euro
20,00
codice 241349
scheda
Weezer Weezer (blue)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1994  universal 
indie 90
Ristampa con inner sleeve, etichette custom. Pubblicato nel maggio del 1994, l' omonimo album di debutto dei Weezer, prodotto da Ric Ocasek, da non confondersi con il terzo omonimo lp del 2001 con copertina verde. Formatisi nel 1993 a Los Angeles, gli Weezer sono uno dei gruppi americani piu' popolari fra quelli emersi dopo l'apogeo del grunge. Autori di un rock abrasivo influenzato dal punk e dai Pixies, ma dalle sonorita' sostanzialmente melodiche e dai toni ironici, entrano nelle classifiche americane ed inglesi gia' con le loro prime uscite, parallelamente al successo di gruppi come Green Day e Offspring, ai quali vengono spesso accostati. Il secondo album ''Pinkerton'' (1996), amato da una parte della critica e deplorato dall'altra, viene seguito da un periodo di stasi, durante il quale i membri si occupano di progetti paralleli (Matt Sharp si dedica ai Rentals); il gruppo ritorna sulle scene nel 2001 con ''The green album'', senza Sharp che e' sostituito da Mikey Welsh (dai Juliana Hatfield) e poi da Scott Shriner (dai Broken).
Euro
29,00
codice 2113540
scheda
West bridges
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1968  epic 
rock 60-70
ristampa pressoche' identica alla prima rara tiratura, copertina senza barcode. Pubblicato dalla Epic nel marzo del 1969, dopo "West" (1968), non entrato nella top 100 delle classifiche americane, il secondo ed ultimo album della band americana di Crockett, California, gruppo che, stando alle note sul retrocopertina del primo album, vedeva impegnato un numero variabile di componenti, da quattro a sei (nelle note sul retro di questo secondo ne sono indicati sei), alcuni con un passato in garage band come We Five (Mike Stewart), Captain Zoom (Joe Davis e Ron Cornelius) o Guilloteens (ancora Joe Davis). L' album, da cui fu tratto il singolo "Peaceful Times", fu registrato a Nashville e molto bene accolto dalla critica, che lo considero' superiore rispetto al pur buon esordio; predominano qui i brani originali, sebbene tra i momenti piu' riusciti del disco ci sia una notevole versione della dylaniana "Down Along The Cove" (tra le poche altre covers una versione di "Shanty Boat" di Charlie Daniels), e la band si mostra ulteriormente maturata nel lavoro chitarristico, con un lavoro di produzione sempre attento e riuscite armonie vocali, per una musica distesa e rilassata, a tratti sognante, tra folk, country e rock, e qui anche talora vagamente jazzata. dalle atmosfere a tratti westcoastiane. Ron Cornelius avrebbe pubblicato qualche anno dopo un album solista di country-rock (in cui suonano anche gli altri West Mike Stewart e Joe Davis), registrando anche in studio con Leonard Cohen e Bod Dylan, Bob Claire e Lloyd Perata avrebbero suonato con Carol Grimes (il primo anche con con Elvin Bishop), Jon Sagen con James Brown e Dave Van Ronk.
Euro
12,00
codice 2079459
scheda
West west
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1968  epic 
rock 60-70
ristampa pressoche' identica alla prima rara tiratura, copertina senza barcode. Pubblicato dalla Epic nell' agosto del 1968, prima di "Bridges" (1969), non entrato nella top 100 delle classifiche americane, il primo album della band americana di Crockett, California, gruppo che, stando alle note sul retrocopertina, vedeva impegnato un numero variabile di componenti, da quattro a sei (conque sono ritratti sulla copertina), alcuni con un passato in garage band come We Five (Mike Stewart), Captain Zoom (Joe Davis e Ron Cornelius) o Guilloteens (ancora Joe Davis). L' album, da cui furono tratti i singoli "Just Like Tom Thumb's Blues" e "Step By Step", contiene una manciata di originali e varie covers, tra cui le celeberrime "Dolphins" ed "Everybody's Talking" di Fred Neil, "New England Winter" degli Stone Poneys, due brani di Dylan, le classiche "Four Strong Wings" e "Six Days On The Road". Ottimamente suonato, ed arricchito da una eccellente produzione e riuscite armonie vocali, propone una musica distesa e rilassata, a tratti sognante, tra folk, country e rock, dalle atmosfere a tratti westcoastiane. Ron Cornelius avrebbe pubblicato qualche anno dopo un album solista di country-rock (in cui suonano anche gli altri West Mike Stewart e Joe Davis), registrando anche in studio con Leonard Cohen e Bod Dylan, Bob Claire e Lloyd Perata avrebbero suonato con Carol Grimes (il primo anche con con Elvin Bishop), Jon Sagen con James Brown e Dave Van Ronk.
Euro
12,00
codice 2079460
scheda
White lightning (litter) thunderbolts of fuzz
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1968  riding easy 
rock 60-70
Edizione limitata in vinile giallo, copertina senza barcode. Pubblicato nell' agosto del 2022, questo album pone ulteriore luce sulla prima e piu' eccitante fase della storia della band formata nel settembre del 1968 a Minneapolis, Minnesota, dal chitarrista Litter Tom "Zip" Caplan, appena uscito dai grandissimi Litter nei quali aveva militato contribuendo ai magnifici loro due albums "Distortions" e "$ 100 Fine". Il gruppo si chiamava all' epoca White Lightning e con quella denominazione realizzo' purtroppo un solo bellissimo singolo, cambiando poi nome in Lightning. Il percorso del gruppo li vide passare dall' hard rock ancora influenzato dal garage punk e dalla psichedelia ad una musica sempre piu' proiettata verso il nuovo decennio, perdendo pero' almeno in parte l' efficacia e la personalita' delle prime incisioni come White Lightning, qui' splendidamente testimoniate da 11 brani in gran parte inediti (non ci sono quindi i due episodi del singolo, e solo tre sono i brani in comune con l' ormai raro album postumo "White Lightning" uscito su American Sound nel 1995 (un quarto brano e' presente nei due dischi, ma in versioni radicalmente diverse). Questa la lista completa dei brani inclusi: Prelude To Opus IV / Hideaway / Born Too Rich / When A Man Could Be Free / 1930 / Borrowed And Blue / They’ve Got The Time / Riders In The Sky / Fantasy Days / Before My Time. Questa band di Minneapolis, Minnesota, era guidata dal chitarrista Tom "Zip" Caplan; formati nel settembre del 1968 come White Lightning, poco dopo la fuoriuscita di Caplan dai grandissimi Litter nei quali aveva militato contribuendo ai magnifici loro due albums "Distortions" e "$ 100 Fine", avevano con quella denominazione pubblicato un bellissimo singolo ("William"/"Of Paupers and Poets"), oltre ad una buona quantita' di materiale rimasto a lungo inedito, fino alla pubblicazione nel 1995 del postumo "(Under the Screaming Double) Eagle". Dopo il cambiamento di nome in Lightning, registrarono in studio un album nel 1969 che rimase pero' inedito fino al 1996, quando venne pubblicato come "The Lost Studio Album", e finalmente il gruppo pubblico' il suo unico lp ufficiale nel 1970 per la Pickwick International, efficace testimonianza del loro ottimo hard rock chitarristico distorto. Il batterista Bernie Pershey (non presente nelle registrazioni effettuate come White Lightning) sara' presto nei Trilogy, autori di un album.
Euro
30,00
codice 3029524
scheda
White stripes the white stripes
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1999  xl/third man 
indie 2000
Copertina liscia a busta, inner sleeve in cartoncino liscio bianco, rosso e nero, label custom rossa con scritte bianche su di una facciata, senza scritte ed a spicchi rossi e bianchi sull'altra. Ristampa ad opera della XL dell'album d'esordio degli White Stripes, originariamente pubblicato nel giugno del 1999 dalla SFTRI in Gran Bretagna e negli USA, non entrato in classifica sulle due sponde dell'Atlantico, uscito prima di ''De stijl'' (2000). Il duro esordio del gruppo di Detroit, questo eponimo 33 giri e' l'opera piu' abrasiva del duo di Jack e Meg White; dedicato al grande bluesman Son House, l'album e' in effetti permeato dell'aura del blues, trasfigurato dall'urgenza e dalla durezza del garage e dalla sporcizia dell'influenza dei Rolling Stones e delle grandi band di Detroit (MC5, Stooges, Gories); tuttavia c'e' spazio anche per una visione scheletrica del pop, che emerge talvolta dai ruvidi solchi del disco. Gruppo formato a Detroit nel 1997 dal chitarrista e cantante Jack White e dalla batterista Meg White, gli White Stripes sono riusciti a coniugare le loro radici dylaniane, folk blues e garage punk con un approccio non derivativo e con un grande successo commerciale. Autori di un rock scarno, minimale e spigoloso, che sa essere abrasivo ma anche melodico ed introspettivo, nonche' portatori di un'estetica originale che attira per il particolare uso dei colori rosso, bianco e nero, gli White Stripes si fanno notare a livello underground con i primi lp ''White stripes'' (1999), ''De stijl'' (2000) e ''White blood cells'' (2001), per poi rendere piu' corposa e varia la loro musica e raggiungere il grande pubblico con ''Elephant'' (2003) e ''Get behind me Satan'' (2005), senza comunque rinunciare ai tratti caratteristici del loro stile.
Euro
29,00
codice 2113545
scheda
White stripes white blood cells
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2001  xl/third man 
indie 2000
vinile pesante, inserto apribile con foto e testi, etichette nere con scritte bianche. Il terzo album, uscito dopo "De stijl" e prima di "Elephant", del duo di Detroit, con Meg White alla batteria e backing vocals, e Jack White alla voce, alla chitarra e al piano. Mossi dalla ricerca della semplicita' e dalla passione per la musica folk americana, sono riusciti a creare sin dai primi singoli una originale e brillante miscela di garage, blues e punk, grazie al talento compositivo di Jack e allo stile minimale di Meg. registrato nell'inverno del 2001 da Stewart Sikes negli studi Easley McCain di Memphis, Tennesse, di Doug Easley, e' il disco che li ha lanciati verso il successo internazionale, con apprezzamenti anche da parte della critica, che li ha decretati tra i principali esponenti della new wave of rock'n'roll, insieme a Strokes e Hives. Da questo lp sono stati tratti i singoli "Dead leaves and the dirty ground", "Hotel Yorba", "Fell in love with a girl".
Euro
29,00
codice 2113546
scheda
Who Live at leeds (complete concert - expanded edition)
lp3 [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  polydor / universal / back to black 
rock 60-70
straordinaria realizzazione del 2016, versione ampliata a triplo album, in vinile 180 grammi, masterizzata agli Abbey Road Studios e "Half Speed Mastering", corredata di coupon con codice per il download digitale, copertina apribile in tre parti, con obi di presentazione ripiegato attorno alla costola, inner sleeves. Per la prima volta in vinile, l' intero leggendario concerto registrato il 14 febbraio del 1970 all' Universita' di Leeds, da cui venne tratto il singolo album "Live At Leeds" (uscito il 16 maggio del 1970), disco da molti considerato come il piu' bel live album della storia del rock. Ai sei brani originari (tra cui una incredibile versione di "My Generation" lunga oltre 14 minuti) se ne aggiungono qui molti altri, testimoniando finalmente in modo completo quell' eccezionale evento. Questa la lista completa dei brani di questa edizione: Side 1: Heaven And Hell / I Can't Explain / Fortune Teller / Tattoo / Young Man Blues / Substitute. Side 2: Happy Jack / I'm A Boy / A Quick One, While He's Away / Overture / It's A Boy. Side 3: 1921 / Amazing Journey / Sparks / Eyesight To The Blind (The Hawker) / Christmas / The Acid Queen. Side 4: Pinball Wizard / Do You Think It's Alright? / Fiddle About / Tommy Can You Hear Me? / There's A Doctor / Go To The Mirror / Smash The Mirror! / Miracle Cure / Sally Simpson / I'm Free / Tommy's Holiday Camp. Side 5: We're Not Gonna Take It / Summertime Blues / Shakin' All Over. Side 6: My Generation / Magic Bus. Pubblicato in Inghilterra nel maggio del 1970 dopo "Tommy" e prima di "Who 's next'', giunto al numero 2 delle classifiche Uk ed al numero 4 di quelle Usa. Il quinto ed ultimo album del decennio, coglie il gruppo in stato di grazia durante il concerto a Leeds nel dicembre 1969, e' il loro unico live degli anni ''60, di potenza assolutamente annichilente, dimostra come gli who, pur geniali in studio, raggiungevano il loro acme creativo solo a contatto con il pubblico. La scaletta e' incentrata sul periodo precedente a ''Tommy'' ed e' l' album in cui il suono r'n'b' e' piu' presente insieme al primo ''My generation'', la assoluta mancanza della meticolosa produzione che contraddistingue le opere del gruppo in questo periodo lo rende a questo ancora piu' affine. Sicuramente uno dei 10 albums live piu' riusciti ed importanti del rock classico.
Euro
54,00
codice 2113552
scheda
Who quadrophenia (the movie)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  polydor / universal 
rock 60-70
Doppio album in vinile 180 grammi, ristampa del marzo 2020, copertina apribile pressoche' identica a quella della prima tiratura, e corredata di inner sleeves. Pubblicato in Uk nel settembre del 1979 dopo ''Who are you'' e prima di ''Face Dances'', giunto al numero 23 delle classifiche Uk ed al numero 46 di quelle Usa. La colonna sonora originale del film di Franc Roddam del 1979, con brani e contenuto completamente diverso dal disco omonimo su track del 1973. Contiene brani degli Who in versioni inedite sulle prime tre facciate compreso, il leggendario ''Zoot suit'' a nome High Numbers, e la quarta con brani di James Brown, Kingsmen, Booker t and the Mg's, Cascades, Chiffons, Ronettes, Crystals. Ecco la lista completa dei brani: A1 Who, The – I Am The Sea A2 Who, The – The Real Me A3 Who, The – I'm One A4 Who, The – Love Reign O'er Me B1 Who, The – Bell Boy B2 Who, The – I've Had Enough B3 Who, The – Helpless Dancer B4 Who, The – Doctor Jimmy B5 High Numbers, The – Zoot Suit C1 Cross Section – Hi Heel Sneakers C2 Who, The – Get Out And Stay Out C3 Who, The – Four Faces C4 Who, The – Joker James C5 Who, The – The Punk And The Godfather D1 James Brown – Night Train D2 Kingsmen, The – Louie Louie D3 Booker T & The MG's – Green Onions D4 Cascades, The (2) – Rhythm Of The Rain D5 Chiffons, The – He's So Fine D6 Ronettes, The – Be My Baby D7 Crystals, The – Da Doo Ron Ron.
Euro
33,00
codice 2113562
scheda
Who Who's next (180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  music on vinyl / polydor 
rock 60-70
Ristampa del 2012, rimasterizzata ed in vinile 180 grammi, copertina pressoche' identica alla prima tiratura del 1971 su Track. Pubblicato in Inghilterra nel settembre del 1971 dopo ''Tommy'' e prima di ''Quadrophenia'', giunto al numero 1 delle classifiche UK ed al numero 4 di quelle USA dove usci' invece nell'agosto dello stesso anno. Il quinto album in studio, contiene i celeberrimi ''Baba O'Riley'', ''Won't Get Fooled Again'', ''Behind Blue'', condensato del progetto faraonico ''lifehouse'' (mai realizzato all'epoca) triplo lp sotto forma di rock opera multimediale, questo disco ne raccoglie l'eredita' piu' rock ed asciutta, esce e diviene immediatamente una delle pietre d'angolo della musica del secolo, e' il loro primo (ed unico) album giunto al numero 1 delle classifiche inglesi, lavoro duro e senza fronzoli, con un impatto devastante, riunisce in se tutte le anime del gruppo, beat, mod, pop, psichedelica ed hard, in una summa di inarrivabile equilibrio mai prima e forse anche dopo raggiunta dalla band inglese.
Euro
29,00
codice 3029569
scheda

Page: 16 of 17


Pag.: oggetti: