Hai cercato:  dall'anno 90 all'anno 99 --- Titoli trovati: : 3660
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
World party (waterboys) Goodbye jumbo
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1990  ensign 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
la prima stampa inglese, copertina lucida fronte retro con barcode, inner sleeve in cartoncino sottile con testi, foto e sagomatura sul lato di apertura, label custom a colori con artwork di copertina su di una facciata e con foto di uomo ed elefante in bianco e nero sull'altra, catalogo CHEN10, groove message ''Hamlet'' sul lato A e ''...prince of prestatyn'' sul lato B. Pubblicato nel 1990 dalla Ensign in Gran Bretagna e dalla Chrysalis negli USA, il secondo album, uscito dopo ''Private revolution'' (1986) e prima di ''Bang!'' (1993). Il progetto di Karl Wallinger frutta qui un apprezzato quanto eclettico lavoro, incentrato su temi sociali come i problemi ambientali come su argomenti piu' personali, in bilico fra frizzanti episodi pop rock e brani piu' lenti ed autunnali. World Party nasce a meta' anni '80, ad opera dello ex Waterboys Karl Wallinger, che abbandona il compagno di avventura Mike Scott per dedicarsi a questo suo progetto trasudante suadente pop capace di anticipare molte di quelle sonorita' che andranno a caratterizzare gli anni novanta senza scadere in scontata commerciabilita' un pop elegante capace di fondere amorevolmente e rispettosamente piu' stili musicali. Capace di conquistarsi stima grazie al proprio talento musicale il progetto World Party e' riuscito a trovare una propria ed inarrestabile continuita' riuscendo cosi' ancora oggi, ad oltre venti anni dalla nascita del progetto, ad esibirsi ed esprimersi sulle scene musicali mondiali.
Euro
18,00
codice 314801
scheda
Would be's i'm hardly ever wrong + 3 (White, red and purple sleeve)
12" [edizione] originale  stereo  uk  1990  decoy 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good indie 90
ep in formato 12"; l' originale stampa inglese, nella versione con copertina (con moderati segni di invecchiamento) con sfondo bianco, etichetta viola con scritte rosa, catalogo DYS13T. Pubblicato nel marzo 1990, il primo dei tre 12" del primo corso artistico del misconosciuto gruppo irlandese, con quattro splendidi brani, che rimasero inediti su album fino alla pubblicazione della raccolta "Silly Songs For Cynical People" (1991). Eletto singolo della settimana del New Musical Express, contine le tracce "I'm Hardly Ever Wrong" (davvero un piccolo capolavoro), "Great Expectations", "I Want To Say What Goes Without Saying" e "There Is There Are That's All", in bilico tra folk e guitar-pop, personalissimi e caratterizzati da qualita' compositive certo non comuni, da preziosi arrangiamenti e dalla splendida voce della cantante Julie McDonnell, che presto pero' lascera' il gruppo. Furono tenuti sul palmo di mano dalla critica, ma non riuscirono a raggiungere i riconoscimenti meritati. Sorprendentemente, si riformeranno nel 2000, pubblicando un buon numero di singoli e finalmente un album, "Beautiful Mess", nel 2013.
Euro
12,00
codice 202167
scheda
Wtz Deutschpunk-revolte
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1999  plastic bomb 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima molto rara stampa, nella versione in vinile nero, copertina senza barcode, completa dell'inserto con foto, testi e note (tutto in lingua tedesca), label bianca, grigia e nera con teschio crestato sullo sfondo, catalogo PBR025. Pubblicato nel 1999 dalla tedesca Plastic Bomb, l'unico raro e ricercato album dei WTZ, gruppo in cui militava il chitarrista Axel Kurth, membro della storica punk band teutonica Wizo. "Deutschpunk-revolte" è uno spassosissimo lavoro di pogo punk, che porta in sé una parte dello spirito indisponente e canzonatorio del punk 77ettino di Sex Pistols e Clash, integrato con un approccio più tirato figlio dello hardcore. Il cantato in tedesco assume tratti esilaranti in alcuni episodi grazie alla versatilità ed alla apparente ironia sardonica del cantante (memorabile l'incipit di "D.P.R.", in cui un ridicolo falsetto canta su un groove funkeggiante, prima di esplodere in una classica tirata hc punk). Tuttavia non siamo certo di fronte ad una sorta di "novelty record": pur con un approccio relativamente melodico, i WTZ pestano ritmicamente e sono graffianti e taglienti, il cantato aggressivo ed a tratti maniacale, i cori anthemici. L'album fu inciso nell'aprile del 1999 da Axel Kurth, celato dietro lo pseudonimo Hacki (voce, chitarra), e tre altri compagni celati dietro i nomignoli di Dubtscheck (chitarra), Pulle (basso) e Kaos (batteria).
Euro
75,00
codice 335501
scheda
Wu-tang clan Enter the wu-tang (36 chambers) (ltd yellow)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1993  sony 
hip-hop
ristampa in vinile colorato giallo limitata. copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura. Pubblicato nel novembre del 1993 dalla RCA/Loud in Europa (giungendo al 77esimo posto in classifica in Gran Bretagna) e negli USA, dove arrivo' alla 41esima posizione, il celebrato lp di debutto del clan hip-hop, uno dei piu' influenti album rap di tutti gli anni '90. Uscito prima di ''Wu-tang forever'' (1997), questo ''Enter the Wu-tang (36 chambers)'', prodotto in modo asciutto e quasi ''low fi'' da RZA, contribuendo cosi' ad esporre il sound dello hip hop underground al grande pubblico, vede all'opera un gruppo di talentuosissimi e creativi rapper, ciascuno con il proprio stile, fatto che alimenta la grande varieta' di questo lavoro, arricchito da un senso dell'umorismo molto bizzarro. Carico di campionamenti da film cinesi sulle arti marziali e di riferimenti alla cultura pop, immerso in un'atmosfera quasi onirica (o da incubo) dagli scarni ma incisivi arrangiamenti di RZA, ''Enter the wu-tang'' fu un lavoro molto innovativo che influenzo' numerosi rapper e che dette nuova linfa alla scena hip hop newyorchese. Uno dei piu' influenti gruppi rap di tutti i tempi, con rappers provenienti dalla west-cost, ma basati a Staten Island, New York, come RZA, Method Man, Raekwon, Ghostface Killah, Inspectah Deck, U-God, Masta Killa e Ol' Dirty Bastard. Un super gruppo nato come progetto di unione tra nove artisti per consolidare le proprie carriere solistiche. Riescono ad esaltare equilibratamente le caratteristiche di ognuno dei suoi membri rendendo i propri dischi eclettici lavori che passano da scuri arrangiamenti minimalisti (rza sopratutto, vedi il suo lavoro solista per la colonna sonora di Ghost dog) a samples di pop-music e soul, liriche a volte violente a volte humor che fanno continui riferimenti alle arti marziali.
Euro
25,00
codice 2129068
scheda
Wyatt Robert a short break (picture)
lpm [edizione] nuovo  stereo  eu  1992  tiger bay 
rock 60-70
Ristampa del 2020, in vinile picture disc, copertina sagomata "die-cut" sul fronte, adesivo di presentazione sul cellophane, senza barcode, con i cinque brani incisi tutti su uno dei due lati del disco; pubblicato originariamente solo in cd nel 1992, quindi per la prima volta in vinile in un 10" realizzato dalla Vinyl Lovers nel 2009,questo minialbum contiene cinque tracce, registrazioni casalinghe effettuate dal grande artista inglese, ex Soft Machine e MAtching Mole, nell' astate del 1992 su un 4 tracce, ispirate ad un periodo trascorso da Wyatt in Portogallo negli anni '60, e vede l' autore al pianoforte, percussioni, organo e voce, alle prese con un set di brani essenziali, sorta di bozzetti intimi e malinconici che ci portano direttamente nel mondo privato e bizzarro del geniale musicista Inglese. Ecco la lista del materiale incluso: "A Short Break", "Tubab", "Kutcha", "Venti Latir", "Unmasked"; quest' ultima, coscritta con gli ex Throbbing Gristle Chris Carter e Cosey Fanni Tutti, era gia' stata interpretata da Wyatt proprio con i CTI, alias Chris & Cosey, ed in quella versione era comparsa nell' album collettivo "Core (A Conspiracy International Project)", nel 1988.
Euro
28,00
codice 3025124
scheda
Wyatt Robert dondestan (revisited and remastered)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1991  domino 
rock 60-70
Ristampa rimasterizzata, corredata di inner sleeve con i testi, della versione realizzata per la prima volta in vinile dalla Domino nel 2008, e gia' uscita in cd nel 1998, versione rivista da Robert Wyatt, che rispetto alla prima tiratura del 1991 (molto rara in vinile), differisce per l' ordine diverso dei brani e per il missaggio. Pubblicato in Inghilterra nel settembre del 1991 dopo ''Old Rottenhat'' e prima di ''Shleep'', non entrato nelle classifiche UK ne' in quelle USA. Il sesto album. Da piu' parti additato, a ragione, come il miglior album di Wyatt dopo Rock Bottom, si tratta di un capolavoro assoluto, contiene nove brani inediti, registrati da Wyatt con i testi di Alfreda Benge e la collaborazione di Hugh Hopper, misteriosamente sottovalutato da pubblico e critica, recupera il feeling indolente ed autunnale di Rock Bottom, ma con una verve ispirativa ed una varieta' di arrangiamenti assolutamente geniale. Sicuramente uno dei dischi piu' belli degli ultimi 30 anni.
Euro
25,00
codice 2127697
scheda
Wynn steve (dream syndicate) dazzling display
lp [edizione] originale  stereo  ger  1992  atlantic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale rara stampa europea, pressata in Germania (si tratta dell' unica versione in vinile pressata di questo disco), coeprtina lucida, etichetta verde ed arancio con fascia centrale bianca, catalogo 8122-70283-1; pubblicato nel 1992, il secondo album dell' ex leader dei grandissimi Dream Syndicate, dopo l' esordio solista di "Kerosene Man", prodotto ancora una volta da Joe Chiccarelli e registrato con l' aiuto tra gli altri di Mark Walton (gia' con Wynn nei Dream Syndicate), dell' ex Green On Red Chris Cacavas, dell' ex Romans Robert Lloyd, dell' ex True West Russ Tolman, del R.e.m. Peter Buck, Johnette Napolitano dei Concrete Blonde, di Vicki Peterson delle Bangles, Fernando Saunders, e tanti altri. Aldila' della lista impressionante di nomi, il disco rappresenta un tentativo di staccarsi un po' dal cliche' del suono dei Dream Syndicate, ancor di piu' dell' album precedente, puntando su un suono piu' immediato e comunicativo, dove produzione ed arrangiamenti giocano un ruolo molto importante; il tentativo e' solo in parte riuscito, ma una "veste" non sempre adeguata nasconde in realta' ancora una volta molti episodi memorabili, come la delicata e romantica "When She Comes Around", la splendida "Halo", suonata in punta di piedi, jazzata e un po' stranita, la incalzante "Dandy in Disguise", la ballata elettrica "Grace", dagli antichi sapori Dream Syndicate, la graffiante "405" e la bella cover della sempre magnifica "Bonnie and Clyde" di Serge Gainsbourg.
Euro
30,00
codice 246949
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1990  rhino 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa italiana, copertina senza barcode, completa di inner sleeve con foto e testi, etichetta verde sfumata con logo in bianco e nero, catalogo RHLP969. A distanza di due anni dall' ultimo album in studio degli indimenticati Dream Syndicate, il leader di quel gruppo esordisce in proprio con questo ottimo album, caratterizzato come prevedibile da un piu' marcato accento posto sul songwriting come sempre superbo dell' artista californiano piuttosto che sul sound chitarristico della sua vecchia band, e dalla ricerca di un approccio sonoro piu' moderno, peraltro restando fedele alle influenze tra Neil Young, Bob Dylan e musica westcoastiana, oltre che agli accenti roots di larga parte della scena paisley undeground di cui i Dream Syndicate erano stati i massimi esponenti. Per registrare il disco Wynn fa uso di molti vecchi amici come Mark Walton (bassista dei Dream Syndicate), Stephen McCarthy (Long Ryders), Robert Lloyd (Romans), Chris Cacavas (Green On Red), D.J.Donebrake (X), Steve Berlin (Blasters, Los Lobos), Howe Gelb (Giant Sand), Julie Christiansen (Divine Horsemen), la compagna Johnette Napolitano (Concrete Blonde) ed altri ancora, dando vita ad una raccolta di canzoni efficacissime, come "Tears Won't Help" (che avrebbe potuto far parte del repertorio dei Syndicate), la brillante "Carolyn", la insolitamente dura "Younger" (dove si sente molto la produzione di John Ciccarelli, che crea una notevole affinita' con certi contemporanei brani di Stan Ridgway, anche lui prodotto da Ciccarelli), la delicatissima "Under the Weather", la splendida "Here on Heart As Well", gia' nel repertorio dei Syndicate (cosi' come "Killing Time"), e la magnifica chiusura di "Anthem", davvero da brividi. Un disco forse un po' discontinuo e disomogeneo, ma comunque da avere. Due anni dopo sara' seguito da "Dazzling Display".
Euro
22,00
codice 247365
scheda
Wynn steve (dream syndicate) Kerosene man (+ promo portfolio!)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1990  rhino 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa americana, COPIA PROMOZIONALE CORREDATA DI PORTFOLIO PROMOZIONALE (la copertina del portfolio ha diversi segni di invecchiamento) contenente una foto promozionale in carta lucida, un inserto della Rhino Records che presenta l' album, in carta stampata, e tre fogli A4 con materiale vario su Wynn o i Dream Syndicate, copertina (con piccolo cut promozionale in alto a destra) con barcode, completa di inner sleeve con foto e testi, etichetta custom, catalogo R1 70969. A distanza di due anni dall' ultimo album in studio degli indimenticati Dream Syndicate, il leader di quel gruppo esordisce in proprio con questo ottimo album, caratterizzato come prevedibile da un piu' marcato accento posto sul songwriting come sempre superbo dell' artista californiano piuttosto che sul sound chitarristico della sua vecchia band, e dalla ricerca di un approccio sonoro piu' moderno, peraltro restando fedele alle influenze tra Neil Young, Bob Dylan e musica westcoastiana, oltre che agli accenti roots di larga parte della scena paisley undeground di cui i Dream Syndicate erano stati i massimi esponenti. Per registrare il disco Wynn fa uso di molti vecchi amici come Mark Walton (bassista dei Dream Syndicate), Stephen McCarthy (Long Ryders), Robert Lloyd (Romans), Chris Cacavas (Green On Red), D.J.Donebrake (X), Steve Berlin (Blasters, Los Lobos), Howe Gelb (Giant Sand), Julie Christiansen (Divine Horsemen), la compagna Johnette Napolitano (Concrete Blonde) ed altri ancora, dando vita ad una raccolta di canzoni efficacissime, come "Tears Won't Help" (che avrebbe potuto far parte del repertorio dei Syndicate), la brillante "Carolyn", la insolitamente dura "Younger" (dove si sente molto la produzione di John Ciccarelli, che crea una notevole affinita' con certi contemporanei brani di Stan Ridgway, anche lui prodotto da Ciccarelli), la delicatissima "Under the Weather", la splendida "Here on Heart As Well", gia' nel repertorio dei Syndicate (cosi' come "Killing Time"), e la magnifica chiusura di "Anthem", davvero da brividi. Un disco forse un po' discontinuo e disomogeneo, ma comunque da avere. Due anni dopo sara' seguito da "Dazzling Display".
Euro
35,00
codice 258997
scheda
Wyxmer The syre of (clear vinyl)
12"ep [edizione] originale  stereo  ita  1991  hd 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent heavy metal
Prima straordinariamente rara stampa italiana, in vinile TRASPARENTE, pressata pare in 300 copie, copertina lucida fronte retro senza barcode, inserto testi in carta bianca, label ner acon logo HD bianco su di una facciata, bianca con scritte nere e logo HD piccolo bianco e nero in alto sull'altra facciata, catalogo 92HD104-1. Pubblicato su HD Records in Italia, questo ep con quattro brani fu il primo e per lungo tempo unico disco di questa storica band heavy metal fiorentina: ''Human crime'', ''I will rise again'', ''King of the ladies'' e ''Steed an' cavalier'' sono brani dai toni epici che non disdegnano passaggi piu' lenti e contemplativi accanto a potenti cavalcate chitarristiche; la band sembra situarsi in questi solchi fra il metal e certo contemporaneo grunge americano, dando vita ad una sorta di crossover piuttosto riuscito. In seguito questo ep verra' dato solo nel 2005 con ''Feudal Throne'', pubblicato dalla Black Widow, contenente i quattro brani qui presenti insieme ad altri.
Euro
60,00
codice 317017
scheda
X clan To the east, blackwards
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  usa  1990  4th & Broadway 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent hip-hop
Copia ancora incellophanata e con adesivi che indicano rispettivamente l'edizione limitata e la presenza in scaletta di alcuni brani, seconda comunque rara stampa USA, con copertina pressoché identica alla prima tiratura ma con label non più gialla bensì rosa e con suffisso del catalogo cambiato, con barcode 016244-4019-16, etichetta rosa con scritte nere, logo 4th & Broadway multicolore in alto, senza logo distribuzione Island in basso, scritta lungo il bordo in basso che contiene la dicitura "...an Island Records Inc. company...", catalogo 444 019-1 (e non più "-4"). Pubblicato nell'aprile del 1990 dalla 4th & Broadway, nel Regno Unito e negli USA, dove arrivò al 97esimo posto nella classifica billboard 200, il primo album, precedente "Xodus" (1992). Lavoro acclamatissimo da una parte della critica, ma non così apprezzato all'unanimità, "To the East, blackwards" introduce su lp lo hip hop dai potenti richiami antirazzisti e dallo spirito politicizzato ed afrocentrico, supportato da una base strumentale ricchissima di campionamenti funk dai richiami anni '70 (in particolare dalla famiglia Parliament / Funkadelic), molto calda e fluida. Su tutto risplende la capacita' vocale e compositiva dei suoi MC, che non aggrediscono né minacciano ma puntano a diffondere un messaggio culturale ed identitario. Formatisi a Brooklyn alla fine degli anni '80, i newyorchesi X Clan sono stati uno dei piu' brillanti gruppi hip hop dell'epoca fra quelli impegnati; il loro messaggio fortemente afrocentrico e l'attivismo a favore dei diritti degli afroamericani e contro il razzismo faceva il paio con un impianto musicale fortemente funk che inizialmente si basava moltissimo su campionamenti di gruppi come i Parliamente, per poi ampliare le sue fonti sonore. Pubblicarono due apprezzati album all'inizio degli anni '90, ''To the East, blackwards'' (1990) e ''Xodus'' (1992), prima di sciogliersi; alcuni membri fondatori morirono prematuramente dopo la fine del gruppo, ma i superstiti riattivarono poi gli X Clan nel nuovo secolo, pubblicando ulteriori album, senza raggiungere il buon riscontro commerciale dei primi due lp.
Euro
40,00
codice 335363
scheda
X clan Xodus (the new testament)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1992  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent hip-hop
Copia ancora incellophanata, e con adesivo di presentazione sul cellophane, l' originale stampa americana, etichetta dorata con scritte e logo neri da un lato, custom nera e dorata dall' altro, catalogo 314513225-1. Pubblicato nel maggio del 1992 dalla Polydor negli USA, dove giunse al 31esimo posto nella classifica billboard 200, il secondo album, successivo a ''To the East, blackwards'' (1990) e precedente ''Return from mecca'' (2007). Il loro album di maggior successo, ''Xodus'' e' un lavoro di hip hop dai potenti richiami antirazzisti e dallo spirito politicizzato lontano da quello del gangsta rap, il tutto supportato da una base strumentale ricchissima di campionamenti funk dai richiami anni '70, molto calda e fluida. Su tutto risplende la capacita' vocale e compositiva dei suoi MC. Formatisi a Brooklyn alla fine degli anni '80, i newyorchesi X Clan sono stati uno dei piu' brillanti gruppi hip hop dell'epoca fra quelli impegnati; il loro messaggio fortemente afrocentrico e l'attivismo a favore dei diritti degli afroamericani e contro il razzismo faceva il paio con un impianto musicale fortemente funk che inizialmente si basava moltissimo su campionamenti di gruppi come i Parliamente, per poi ampliare le sue fonti sonore. Pubblicarono due apprezzati album all'inizio degli anni '90, ''To the East, blackwards'' (1990) e ''Xodus'' (1992), prima di sciogliersi; alcuni membri fondatori morirono prematuramente dopo la fine del gruppo, ma i superstiti riattivarono poi gli X Clan nel nuovo secolo, pubblicando ulteriori album, senza raggiungere il buon riscontro commerciale dei primi due lp.
Euro
26,00
codice 257660
scheda
X-tal die monster die
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1991  alias 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa americana (con copertina pressata in Canada come tutte le copie) del secondo album del gruppo di San Francisco, con etichetta verde e nera e catalogo A012, completo di inner sleeve. Formatisi nel 1983, con un continuo avvicendarsi di musicisti diversi tra cui membri di Bedlam Rovers, Catheads ed anche Barbara Manning per qualche tempo, avevano esordito solo nel 1987 con un paio di brani inseriti nella compilation "San Francisco Unscene", registrati peraltro nel 1984; solo nel '90 pero' giunsero al traguardo dell' album (il precedente "Reason is 6/7 of Treason"), seguito un anno dopo da questo secondo, ancora freschissimo e brillantemente in bilico tra folk rock e reminescenze paisley underground, con brani piacevolmente "bucolici" ed altri che rivelano invece una tensione tipicamente metropolitana, oltre a qualche slancio psichedelico, un disco grazie al quale crebbe l' attenzione per il gruppo soprattutto in Germania, dove arrivarono a godere di un seguito di culto, giustamente considerati tra i protagonisti della nuova scena "new folk" di San Francisco. Da rivalutare senz' altro.
Euro
20,00
codice 12997
scheda
X-tal everything crash
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1992  alias 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa americana, con copertina come tutte le copie pressata in Canada, etichetta rossa e nera e catalogo A022, completa di inner sleeve con foto e testi, vinile ambrato se posto in controluce. Pubblicato nel 1992, il terzo album del gruppo di San Francisco. Formatisi nel 1983, con un continuo avvicendarsi di musicisti diversi tra cui membri di Bedlam Rovers, Catheads ed anche Barbara Manning per qualche tempo, avevano esordito solo nel 1987 con un paio di brani inseriti nella compilation "San Francisco Unscene", registrati peraltro nel 1984; solo nel '90 pero' giunsero al traguardo dell' album. Questo terzo lavoro conferma appieno le ottime impressioni lasciate dai precedenti "Reason is 6/7 of Treason" e "Die Monster Die", ancora freschissimo e brillantemente in bilico tra folk rock e reminescenze paisley underground, con brani piacevolmente "bucolici" ed altri che rivelano invece una tensione tipicamente metropolitana, oltre a qualche slancio psichedelico, e per la prima volta due covers, che ben illustrano l' attitudine della band, che prima trasforma la furiosa "Stop Torture" dei Crucifix in un malinconico brano di folk rock, con tanto di violino, e poi rileggono con affettuoso rispetto la magnifica "Genesis Hall" dei Fairport Convention. Tra i protagonisti della nuova scena "new folk" di San Francisco. Da rivalutare senz' altro.
Euro
18,00
codice 12998
scheda
X-tal everything crash
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1992  alias 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
l' originale stampa americana, con copertina (con lievi segni di invecchiamento) come tutte le copie pressata in Canada), etichetta rossa e nera e catalogo A022, completo di inner sleeve con foto e testi, vinile ambrato se posto in controluce. Pubblicato nel 1992, il terzo album del gruppo di San Francisco. Formatisi nel 1983, con un continuo avvicendarsi di musicisti diversi tra cui membri di Bedlam Rovers, Catheads ed anche Barbara Manning per qualche tempo, avevano esordito solo nel 1987 con un paio di brani inseriti nella compilation "San Francisco Unscene", registrati peraltro nel 1984; solo nel '90 pero' giunsero al traguardo dell' album. Questo terzo lavoro conferma appieno le ottime impressioni lasciate dai precedenti "Reason is 6/7 of Treason" e "Die Monster Die", ancora freschissimo e brillantemente in bilico tra folk rock e reminescenze paisley underground, con brani piacevolmente "bucolici" ed altri che rivelano invece una tensione tipicamente metropolitana, oltre a qualche slancio psichedelico, e per la prima volta due covers, che ben illustrano l' attitudine della band, che prima trasforma la furiosa "Stop Torture" dei Crucifix in un malinconico brano di folk rock, con tanto di violino, e poi rileggono con affettuoso rispetto la magnifica "Genesis Hall" dei Fairport Convention. Tra i protagonisti della nuova scena "new folk" di San Francisco. Da rivalutare senz' altro.
Euro
14,00
codice 12603
scheda
X-tal reason is 6/7 of treason
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1990  alias 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
prima stampa USA, copertina lucida fronte retro con barcode 09371-60011-19, fabbricata in Canada, inner sleeve con artwork e testi, label nera e grigia con scritte bianche e con artwork diverso su ciascuna facciata, catalogo A006, groove message ''that was the asshole decade'' sul lato A e ''boycot domino's pizza'' sul lato B, vinile ambrato se posto controluce. Pubblicato nel 1990 dalla Alias negli USA, il primo album, precedente ''Die monster die'' (1991). Finalmente, dopo anni di gavetta, il gruppo americano sforno' il suo primo lavoro a 33 giri, questo disco freschissimo e brillantemente in bilico tra folk rock e reminescenze paisley underground, con brani piacevolmente "bucolici" ed altri che rivelano invece una tensione tipicamente metropolitana o slanci decisamente psichedelici, un disco che ufficializzo' il loro ruolo di protagonisti della nuova scena "new folk" di San Francisco. Formatisi nel 1983, con un continuo avvicendarsi di musicisti diversi tra cui membri di Bedlam Rovers, Catheads ed anche Barbara Manning per qualche tempo, gli X-Tal avevano esordito solo nel 1987 con un paio di brani inseriti nella compilation "San Francisco Unscene", registrati peraltro nel 1984; solo nel '90 pero' giunsero al traguardo dell' album con gli ottimi "Reason is 6/7 of Treason" e "Die Monster Die", brillantemente in bilico tra folk rock e reminescenze paisley underground. Tra i protagonisti della nuova scena "new folk" di San Francisco. Da rivalutare senz' altro.
Euro
20,00
codice 12514
scheda
X-tal Reason is 6/7 of treason
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1990  alias 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
Bella copia con leggeri segni di invecchiamento sulla copertina, prima stampa USA, copertina lucida fronte retro con barcode 09371-60011-19, fabbricata in Canada, inner sleeve con artwork e testi, label nera e grigia con scritte bianche e con artwork diverso su ciascuna facciata, catalogo A006, groove message ''that was the asshole decade'' sul lato A e ''boycot domino's pizza'' sul lato B, vinile ambrato se posto controluce. Pubblicato nel 1990 dalla Alias negli USA, il primo album, precedente ''Die monster die'' (1991). Finalmente, dopo anni di gavetta, il gruppo americano sforno' il suo primo lavoro a 33 giri, questo disco freschissimo e brillantemente in bilico tra folk rock e reminescenze paisley underground, con brani piacevolmente "bucolici" ed altri che rivelano invece una tensione tipicamente metropolitana o slanci decisamente psichedelici, un disco che ufficializzo' il loro ruolo di protagonisti della nuova scena "new folk" di San Francisco. Formatisi nel 1983, con un continuo avvicendarsi di musicisti diversi tra cui membri di Bedlam Rovers, Catheads ed anche Barbara Manning per qualche tempo, gli X-Tal avevano esordito solo nel 1987 con un paio di brani inseriti nella compilation "San Francisco Unscene", registrati peraltro nel 1984; solo nel '90 pero' giunsero al traguardo dell' album con gli ottimi "Reason is 6/7 of Treason" e "Die Monster Die", brillantemente in bilico tra folk rock e reminescenze paisley underground. Tra i protagonisti della nuova scena "new folk" di San Francisco. Da rivalutare senz' altro.
Euro
13,00
codice 329581
scheda
Xc-nn Xc-nn
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1994  transglobal 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa inglese, copertina lucida fronte retro con barcode 5016026359041, inner sleeve semirigida e lucida con testi, artwork e sagomatura sul lato di apertura, label grigia scura, quasi nera, con scritte bianche e gialle, catalogo XC-NN4LP. Pubblicato nel 1994 dalla Transglobal nel Regno Unito e dalla 550 Music negli USA, il primo dei loro due album, precedente "Lifted" (1995). Prodotto dal gruppo con l'esperto Caleb Kadesh (aka Richard James Burgess, già collaboratore di Spandau Ballet, Living In a Box, Shriekback e tanti altri), il primo album della band britannica è una sintesi fra le atmosfere e le sonorità chitarristiche del goth rock del decennio precedente, grooves ballabili che richiamano la house music più vicina al rock, ed un accento pop che rende più appetibile il sound ombroso e talora tagliente della band, influenzato da bands come i Sister Of Mercy ma con toni molto meno morbosi e radicali rispetto ai maestri di Leeds, dei quali il leader dei XC-NN Tim Bricheno aveva fatto peraltro parte. Gli XC-NN furono fondati nel 1993, inizialmente come CNN, da Tim Bricheno, ex All About Eve e Sisters Of Mercy, dopo che ebbe lasciato questi ultimi. Il nuovo gruppo pubblicò nel 1993 due singoli come CNN, fra goth rock, industrial ed elettronica, il primo dei quali fu il controverso "Young, stupid & white", poi la celebre emittente statunitense CNN intimò alla band di cambiare la propria sigla, che si trasformò in quella definitiva XC-NN. Il gruppo di Bricheno, che includeva il cantante e chitarrista David Tomlinson ed il batterista Neil Lambert, pubblicò quindi il suo primo eponimo album nel 1994, in cui sintetizzata goth rock, elettronica dance e canzone pop, seguito da "Lifted" nel 1995, senza ottenere successo commerciale e sciogliendosi poi intorno al 1997. Bricheno e Tomlinson formarono presto i Tin Star autori di due album fra il 1998 ed il 2001.
Euro
16,00
codice 333126
scheda
Xtc apple venus vol.1
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1999  ape house 
punk new wave
ristampa del settembre 2018, in vinile 200 grammi, rimasterizzata con la supervisione di Andy Partridge, corredata di inner sleeve ed inserto con testi. Originariamente uscito nel febbraio del 1999, dopo "Nonesuch" (1992) e prima di "Wasp Star (Apple Venus Volume 2)" (2000), giunto al 42esimo posto delle classifiche inglesi ed al 106esimo di quelle americane, l' undicesimo album dell' amatissimo gruppo inglese di Swindon, un attesissimo ma ormai quasi insperato ritorno da parte della cult band, capace ancora una volta di sorprendere con un lavoro di sublime artigianato pop, il loro lavoro migliore dai tempi del capolavoro "Skylarking". Registrato tra il novembre del 1997 ed il settembre del 1998, uscito nel febbraio del 1999, "Apple Venus" e' un' opera preziosissima, sorretta da un' ispirazione straordinaria che vede il gruppo di Andy Partridge e Colin Moulding, per l' ultima volta ancora con Dave Gregory in formazione, dar vita ad 11 episodi senza tempo, realizzati in punta di piedi, con un uso magnifico di arrangiamenti orchestrali ad avvolgere una musica essenzialmente acustica (Partridge defini' la musica del disco "orch-oustic"), per un risultato che nonostante la perfezione maniacale dell' insieme nulla perde in freschezza e nonostante i toni dimessi nulla perde della sempre brillantissima vena pop del gruppo. Il disco si apre con la magnifica, indimenticabile "River of Orchids", che regalo' ai tanti fans della band che erano in attesa di questo disco da tanto tempo momenti di commosso entusiasmo, brano in cui l' intrecciarsi ed il sovrapporsi degli arrangiamenti orchestrali raggiunge risultati davvero magici, ma tutto il resto dell' album si rivela di grande fattura, con molti episodi memorabili, come la leggerissima "I'd Like That", la malinconica e delicatissima "Knights in Shining Karma", l' amara "Your Dictionary", la quasi solenne ed emozionante "Harvest Festival". Un anno dopo sara' pronto il secondo volume di "Apple Venus", quel "Wasp Star" che rappresento' il ritorno ad un pop elettrico piu' convenzionale, con risultati ancora piacevolissimi ma certo lontani da quelli di questo autentico ed ammirevole gioiello.
Euro
30,00
codice 3032260
scheda
Xtc nonsuch
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1992  ape house 
punk new wave
Doppio album in vinile 200 grammi, ristampa del 2020, rimasterizzata con la supervisione di Andy Partridge, copertina per l' occasione apribile, senza barcode, corredata di inner sleeves, del delizioso doppio album del geniale gruppo inglese. Pubblicato dal gruppo di Andy Partridge e Colin Moulding nell' aprile del 1992, ad oltre 3 anni di distanza dal discontinuo "Oranges and Lemons", e prima di una lunga pausa dovuta alla volonta' di slegarsi dalla tirannica Virgin, giunto al numero 28 delle classifiche inglesi ed al 97 di quelle americane, un disco ancora una volta sorprendente, vicino in molti suoi episodi sia compositivamente che per le brillanti soluzioni di arrangiamento ed i suoni ai brani piu' estroversi del capolavoro del 1986 "Slylarking" ma anche capace di fornire prove di una nuova fase creativa della storia artistica del gruppo, che trovera' spazio nello splendido ritorno del 1999 con "Apple Venus Vol.1". Ne vennero tratti i singoli "The Disappointed" e "The Ballad of Peter Pumpkinhead", certo piacevolissimi ed assai brillanti (particolarmente la seconda), ma come gia' da qualche tempo non sono quelli scelti per i singoli i gioielli piu' preziosi anche in questo disco: alla magnifica, pianistica "Books", alla delicatissima "My Bird Performs", alla ovattata "Humble Daisy", ai magnifici giochi di incastri di "Omnibus", alle gioiosa "Then She Appeared", alla atipica "Wardance", alla orchestrale ed incantevole "Wrapped in Grey".
Euro
41,00
codice 2119753
scheda
Yag people (lyres) / wrong directions don't wanna cry / heart of wood
7" [edizione] nuovo  stereo  usa  1997  moulty 
punk new wave
Singolo in formato 7", copertina senza codice a barre, etichetta gialla con scritte verdi. Basta la facciata A di questo singolo a renderlo imperdibile: gli Yag People non sono altri che i grandi LYRES sotto mentite spoglie, e la loro versione di "Don't Wanna Cry" dei Buckingams e' assolutamente micidiale, tirata fino alla morte, con la band di Jeff Conolly (uno dei grandi protagonisti della rinascita del garage punk sin dai tempi degli immensi DMZ, attivi tra il '76 ed il '78) piu' in forma che mai; sul retro i Wrong Directions (ovvero i Double Naught Spys di Portland, Oregon) rifanno un altro classico minore dei 60's, "Heart of wood".
Euro
4,00
codice 2074709
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1993  helter skelter 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa, pressata solo in Italia, copertina lucida fronte retro senza barcode e con adesivo di presentazione sul fronte che indica la provenienza dei membri della band, label custom bianca con parte grigia e scritte nere su di una facciata, bianca con grande logo Helter Skelter Records in bianco e nero sull'altra, catalogo HS931219. Pubblicato nel 1993 dalla Herlter Skelter Records, il secondo album, successivo a "Unlighted street" (1989) e precedente ''Integration'' (1995). Il gruppo italo-australiano con membri di CELIBATE RIFLES e A-10 incise "Caccole" allo studio Westlink di Cascina, Pisa, realizzando un lavoro tirato e spigoloso, in cui emerge prepotente l'influenza del punk rock australiano, dai Radio Birdman ai Celibate Rifles, spinta da ritmiche pestone ma anche capaci di improvvise svolte e rallentamenti, che spingono poi la band a nuove travolgenti accelerazioni. Il sound di "Caccole" non è sempre aggressivo e distorto, ma presenta qualche raro episodio più trattenuto ed animato da una sulfurea aria punk blues. Gli Yage si formano alla fine degli anni '80, ad opera dell'australiano Kent Steedman (voce, chitarra), proveniente dai mitici Celibate Rifles, e degli italiani Pippo e Romano Pasquini (rispettivamente batteria e basso, entrambi gia' negli A-10, Pippo poi sara' anche nei Sonic Assassins). Debuttano su lp nel 1989 don ''Unlighted street'', prodotto dallo stesso Steedman, seguito nel 1993 da ''Caccole'' e nel 1995 da ''Integration''.
Euro
23,00
codice 335724
scheda
Yard trauma Lose your head
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1990  gift of life 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia ancora incellophanata, copertina lucida fronte retro, fabbricata in Canada e con barcode, vinile ambrato se posto in controluce, inserto in carta formato lp con testi e foto, label bianca con scritte nere e logo Gift Of Life nero e grigio in alto, catalogo GIFT29, groove message ''passports please'' sul lato A e ''not good'' sul lato B. Pubblicato nel 1990 dalla Gift Of Life, il quarto album, uscito dopo ''Face to face'' (1988) e prima di ''Oh my god'' (1994). Il secondo frutto della seconda fase della storia degli Yard Trauma, ora basati a Los Angeles, e qui con Walter Neel e Davey a supportare i due membri originari rimasti Lee Joseph e Joe Dodge. L'album segna un deciso cambio di stile per il sound della band, gia' intravisto nel lavoro precedente ma qui assai piu' marcato: una decisa virata verso il punk rock, con un suono piu' potente, denso e talvolta anche molto tirato, che lascia ormai ben poco spazio alle suggestioni garage anni '60. Storico gruppo garage di Tucson, Arizona, attivo dal 1982 e nato dalle ceneri dei Jonny Sevin, gli Yard Trauma ebbero nella prima gloriosa formazione Joe Dodge alla chitarra accanto all'ex Unclaimed Lee Joseph, prima dello scioglimento dopo il secondo album ''Must've been something I took...'' (1985) e della successiva ricostituzione, ormai basati a Los Angeles. Inizialmente dediti ad un sound di matrice fortemente sixties a base di garage e psichedelia e fatti oggetto di culto nell'ambito del revival garage degli anni '80, virarono con gli ultimi album verso un sound dalle venature punk. Lee Joseph, che aveva militato gia' nei Jacket Weather autori di un 7" nel 1983, e per un periodo nei gloriosi Unclaimed, continuera' per qualche anno a capo degli Outsideinside, senza rinunciare alla sua etichetta Dionysus.
Euro
26,00
codice 314697
scheda
Yard trauma Oh my god!!
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1994  helter skelter 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa, pressata in Italia, copertina senza barcode, inserto con foto, label custom bianca e nera con scritte nere e nome del gruppo stilizzato, logo Helter Skelter Records a destra e logo Hell Yeah a sinistra, catalogo HS931237 / HELL17. Pubblicato nell'aprile del 1994 dalla italiana Helter Skelter congiuntamente alla americana Hell Yeah, sottoetichetta della Dyonisus, il quinto ed ultimo album, successivo a ''Lose your head'' (1990). ''Oh my god!!'' custodito in una copertina a dir poco inquietante, fu inciso alcuni anni prima, fra il luglio e l'ottobre del 1991, con la formazione composta da Lee Joseph (basso, voce), Joe Dodge (chitarra), Walter Neel (chitarra, voce) e Davey (batteria); Dodge fu anche l'autore di tutti i brani tranne uno. Il loro sound e' qui cupo, denso, tiratissimo e violento, molto piu' vicino al protopunk stoogesiano alla ''Raw power'' ed al punk che al garage anni '60, di cui permangono alcune tracce lievemente acide in un paio di episodi. Storico gruppo garage di Tucson, Arizona, attivo dal 1982 e nato dalle ceneri dei Jonny Sevin, gli Yard Trauma ebbero nella prima gloriosa formazione Joe Dodge alla chitarra accanto all'ex Unclaimed Lee Joseph, prima dello scioglimento dopo il secondo album ''Must've been something I took...'' (1985) e della successiva ricostituzione, ormai basati a Los Angeles. Inizialmente dediti ad un sound di matrice fortemente sixties a base di garage e psichedelia e fatti oggetto di culto nell'ambito del revival garage degli anni '80, virarono con gli ultimi album verso un sound dalle venature punk. Lee Joseph, che aveva militato gia' nei Jacket Weather autori di un 7" nel 1983, e per un periodo nei gloriosi Unclaimed, continuera' per qualche anno a capo degli Outsideinside, senza rinunciare alla sua etichetta Dionysus.
Euro
20,00
codice 326543
scheda
Yard trauma pressure / alibi (yellow vinyl)
7" [edizione] originale  stereo  usa  1991  dionysus 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
singolo in formato 7", l' originale stampa americana, nella VERSIONE IN VINILE GIALLO, copertina (con giusto lievi segni di invecchiamento sul retro) ripiegata attorno al disco, senza barcode, etichetta bianca e rossa custom, foto al certo piccolo, catalogo ID074521. Pubblicato nel 1991, il singolo con due brani all' epoca inediti, le anfetaminiche e trascinanti "Pressure" ed "Alibi", solo piu' tardi incluse nell' ultimo album "Oh, My God!" (1993), ma qui presenti in due diverse versioni, registrate nel novembre del 1990. Con la formazione composta da Lee Joseph (basso, voce), Joe Dodge (chitarra), Walter Neel (chitarra, voce) e Davey (batteria), e Dodge autore di entrambi i brani, presentano in quest' ultima fase della loro storia un efficace sound denso, tiratissimo e graffiante, molto piu' vicino al protopunk stoogesiano alla ''Raw power'' ed al punk che al garage anni '60 dei primi dischi del gruppo. Storico gruppo garage di Tucson, Arizona, attivo dal 1982 e nato dalle ceneri dei Jonny Sevin, gli Yard Trauma ebbero nella prima gloriosa formazione Joe Dodge alla chitarra accanto all'ex Unclaimed Lee Joseph, prima dello scioglimento dopo il secondo album ''Must've been something I took...'' (1985) e della successiva ricostituzione, ormai basati a Los Angeles. Inizialmente dediti ad un sound di matrice fortemente sixties a base di garage e psichedelia e fatti oggetto di culto nell'ambito del revival garage degli anni '80, virarono con gli ultimi album verso un sound dalle venature punk. Lee Joseph, che aveva militato gia' nei Jacket Weather autori di un 7" nel 1983, e per un periodo nei gloriosi Unclaimed, continuera' per qualche anno a capo degli Outsideinside, senza rinunciare alla sua etichetta Dionysus.
Euro
6,00
codice 244921
scheda

Page: 145 of 147


Pag.: oggetti: