Hai cercato:  dall'anno 2000 --- Titoli trovati: : 6487
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Angus & julia stone Down the way (ltd blue)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2010  pias 
indie 2000
ristampa limitata in vinile blu, Contiene 3 bonus tracks, "Old friend", "Little bird" e "Take you away", vinili pesanti, copertina apribile, etichette bianco crema con scritte marroni, doppio Lp pubblicato dalla Pias nel maggio 2010, dopo "A book like this" (07), il secondo album del duo australiano composto da fratello e sorella. Tredici episodi che appartengono ad un folk rock venato di approcci pop con atmosfere melanconiche e sognanti: i due fratelli si alternano alla voce, quella di Angus, ora acidula ora adolescenziale, mentre Julia evidenzia un timbro che ricorda Martha Wainwright e Joanna Newson. Interesante e' il contrasto che viene e crearsi fra le voci delicate e adolescenziali e gli strumenti (che presentano anche arrangiamenti orchestrali) con sonorita' piu notturne e meno innocenti. Angus e Julia sono fratello e sorella, provenienti da Newport, cittadina sulla costa a nord di Sidney, i quali iniziano a collaborare all'inizio del 2006, dopo che avevano avuto entrambi esperienze soliste, anche se si sono sempre aiutati e sostenuti l'un con l'altro. Debuttano con l'Ep "Chocolates & sigarettes", prima di trasferirsi a Londra dove, poco dopo, incontrano Fran Haley dei Travis, il quale, impressionato dal quel folk intimo e delicato, invita loro a suonare il suo piano a casa sua, dove registrano il il secondo Ep "Heart full of wine". La Stone, poi, partecipa come corista al disco dei Travis "The boy with no name". Nel 2007 esce il debutto full lenght, "A book like this" seguito nel 2010 da "Down the way".
Euro
29,00
codice 2128736
scheda
Animal collective Danse manatee
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2001  fat cat 
indie 2000
Edizione limitata in vinile da 180 grammi, copertina ruvida a busta con adesivo circolare nero ''Limited edition'' ed adesivo trasparente rettangolare con nome del gruppo applicati sul fronte, inserto in carta lucida bianca formato lp, label bianca senza scritte con disegni in bianco e nero, catalogo FAT-SP18LPX. Ristampa del 2009 ad opera della Fat Cat, per la prima volta su vinile, del secondo album degli Animal Collective, originariamente pubblicato su cd dalla Catsup Plate nel 2001. Uscito dopo ''Spirit they've gone...'' (2000) e prima di ''Hollinndagain'' (2002). Il gruppo americano, qui irrobustito dall'arrivo di Brian Weitz (Geologist), prosegue sulla strada dello indie rock piu' sperimentale, realizzando un disco in cui l'elettronica si mescola con il rumorismo e con lo stralunato rock del gruppo. Autori di uno indie pop sperimentale che mescola strumenti acustici, drones e noise, gli Animal Collective esordiscono come duo formato da Avey Tare (David Porter) e Panda Bear (Noah Lennox) nel 2000 a New York per la propria etichetta Animal con l'album ''Spirit they've gone, spirit they're vanished''; ai due poi si uniscono gli amici Geologist (Brian Weitz) e Deaken (Conrad Deaken), insieme realizzano ''Danse manatee'' per la Catsup Plate nel 2001, seguito da un live che documenta il loro tour di debutto con i Black Dice. Nel 2003 pubblicano l'acclamato ''Here comes the indian'' su Paw Tracks seguito quasi subito da 'campfire songs', per la Catsup Plate. infine nel 2004 realizzano per l'europea Fat Cat il bel doppio lp ''Sung tongs'' e, prima del successivo ''Feels'' (2005), l'ep ''Prospect hummer'' che vede la collaborazione con Vashti Bunyan.
Euro
25,00
codice 2023023
scheda
LP2 [edizione] nuovo  stereo  can  2005  domino 
indie 2000
ristampa del 2021 in doppio lp in vinile 180 grammi, con copertina apribile, etichette custom, coupon per download. Il sesto album del collettivo di Brooklyn, pubblicato nell'ottobre del 2005. Gli Animal Collective ritornano con la loro originale miscela di indie folk psychedelico, qui piu' melodica di sempre, dall'atmosfera giocosa, magica e surreale. I suoni del disco, generati dalla fusione di strumenti acustici quali piano e autoharp, drones ipnotici e sperimentazioni noise, sono dilatati e avvolgenti, l'insieme ha l'effetto di un vortice creativo in cui predominano intricati vocalizzi e percussioni di tipo tribaleggiante, il cui lato piu' pop e melodico puo' ricordare i Flaming Lips, mentre quello piu' sperimentale richiama le sonorita' magnetiche dei Popol Vuh. Gli Animal Collective esordiscono come duo formato da Avey Tare (David Porter) e Panda Bear (Noah Lennox) nel 2000 a New York per la propria etichetta Animal con l'album 'spirit they've gone, spirit they're vanished', ai due poi si uniscono gli amici Geologist (Brian Weitz) e Deaken (Conrad Deaken), insieme realizzano 'danse manatee' per la Catsup Plate nel 2001, seguito da un live che documenta il loro tour di debutto con i Black Dice. nel 2003 pubblicano l'acclamato 'here comes the indian' su Paw Tracks seguito quasi subito da 'campfire songs', per la Catsup Plate. infine nel 2004 realizzano per l'europea Fat Cat il bel doppio lp 'sung tongs' e prima di quest'ultimo 'feels' l'ep 'prospect hummer' che vede la collaborazione con Vashti Bunyan.
Euro
37,00
codice 2108478
scheda
Animal collective here comes the indian
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2003  paw tracks 
indie 2000
Inserito dallo staff del Mucchio Selvaggio tra i 100 dischi piu' importanti del folk americano. Ristampa pressoché identica all'originale, con coupon mp3, adesivo su cellophane. Pubblicato nel giugno del 2003 dalla Paw Tracks, ''Here comes the indian'' e' il quinto album degli Animal Collective, uscito dopo ''Campfire songs'' (2003) e prima di ''Sung tongs'' (2004). Il gruppo americano e' qui artefice di uno dei suoi lavori piu' apprezzati, realizzato durante un periodo di tensione all'interno della formazione, che forse si riflette nella caoticita' e nella tensione nervosa che pervade l'album, in cui si alternano acide e scomposte partiture noise pop con atmosferiche e rarefatte composizioni fra ambient e noise; riferimenti possibili sono i primi Flaming Lips e Mercury Rev, ma gli Animal Collective suonano qui ancora piu' lontani dai canoni rock e pop. Gli Animal Collective esordiscono come duo formato da Avey Tare (David Porter) e Panda Bear (Noah Lennox) nel 2000 a New York per la propria etichetta Animal con l'album 'spirit they've gone, spirit they're vanished', ai due poi si uniscono gli amici Geologist (Brian Weitz) e Deaken (Conrad Deaken), insieme realizzano 'danse manatee' per la Catsup Plate nel 2001, seguito da un live che documenta il loro tour di debutto con i Black Dice. nel 2003 pubblicano l'acclamato 'here comes the indian' su Paw Tracks seguito quasi subito da 'campfire songs', per la Catsup Plate. Nel 2004 realizzano per l'europea Fat Cat il bel doppio lp 'sung tongs', nel 2005 'feels', seguito dall'ep 'prospect hummer' che vede la collaborazione con Vashti Bunyan.
Euro
29,00
codice 2108065
scheda
Animal collective Merriweather post pavilion
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2009  domino 
indie 2000
Ristampa in doppio lp in vinile 180 gramm, coupon per download digitale,i con copertina apribile liscia, di colore nero sul rovescio del cartone, senza codice a barre, adesivo su cellophane, inner sleeve in carta liscia, etichette custom. Pubblicato dalla Domino nel gennaio del 2009, "Merryweather post pavilion" e' l' ottavo album del gruppo americano di Brooklyn, uscito dopo "Strawberry Jam" (2007) e prima di "Centipede hz" (2012). Autori di un indie pop sperimentale che mescola strumenti acustici, drones e noise, gli Animal Collective esordiscono come duo formato da Avey Tare (David Porter) e Panda Bear (Noah Lennox) nel 2000 a New York per la propria etichetta Animal con l'album "Spirit they've gone, spirit they're vanished"; ai due poi si uniscono gli amici Geologist (Brian Weitz) e Deaken (Conrad Deaken), insieme realizzano "Danse manatee" per la Catsup Plate nel 2001, seguito da un live che documenta il loro tour di debutto con i Black Dice. Nel 2003 pubblicano l'acclamato "Here comes the indian" su Paw Tracks seguito quasi subito da "Campfire songs", per la Catsup Plate. Nel 2004 realizzano per l'europea Fat Cat il bel doppio lp "Sung tongs" e, prima del successivo "Feels" (2005), l'Ep "Prospect hummer" che vede la collaborazione con Vashti Bunyan. Seguono "Strawberry jam" (07) e il recente "Merriweather post pavilion".
Euro
30,00
codice 2128975
scheda
Animal collective Painting with
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2016  domino 
indie 2000
inner sleeve, coupon per download, inserto, etichette custom, adesivo su cellophane. “Painting With” (Domino, 2016) è l’undicesimo album degli Animal Collective, registrato negli East West Studios di Hollywood, luogo storico della discografia: tanti i dischi registrati negli studi californiani, tra cui anche “Pet Sounds” dei Beach Boys. E l’ultimo lavoro di Avey Tare (David Porter), di Panda Bear (Noah Lennox) e di Geologist (Brian Weitz) è un po’ wilsoniano nell’essere volutamente pop nelle melodie ed armonie. I docidi brani sono esplosione colorata e psichedelica di suoni elettronici, di beat minimali ed intrecci vocali dadaistici ma al contempo melodici e dolcemente floreali come da titolo, “Floridada” (primo singolo estratto). Autori di un indie pop sperimentale che mescola strumenti acustici, drones e noise, gli Animal Collective esordiscono come duo formato da Avey Tare (David Porter) e Panda Bear (Noah Lennox) nel 2000 a New York per la propria etichetta Animal con l'album "Spirit they've gone, spirit they're vanished"; ai due poi si uniscono gli amici Geologist (Brian Weitz) e Deaken (Conrad Deaken), insieme realizzano "Danse manatee" per la Catsup Plate nel 2001, seguito da un live che documenta il loro tour di debutto con i Black Dice. Nel 2003 pubblicano l'acclamato "Here comes the indian" su Paw Tracks seguito quasi subito da "Campfire songs", per la Catsup Plate. Nel 2004 realizzano per l'europea Fat Cat il bel doppio lp "Sung tongs" e, prima del successivo "Feels" (2005), l'Ep "Prospect hummer" che vede la collaborazione con Vashti Bunyan. Seguono "Strawberry jam" (07), "Merriweather post pavilion" (09) ed il recente "Centipede Hz" (12).
Euro
29,00
codice 2059205
scheda
Animal collective strawberry jam
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2007  domino 
indie 2000
Doppio lp con copertina apribile lucida, inner sleeve in carta lucida a colori con i testi, etichette custom fotografiche a colori, largo adesivo sul cellophane con nome del gruppo e titolo. Il settimo album del collettivo di Brooklyn, pubblicato dalla Domino nel Settembre del 2007, uscito dopo "Feels". Gli Animal Collective ritornano con la loro originale miscela di indie folk psychedelico, qui piu' melodica di sempre, dall'atmosfera giocosa, magica e surreale, i suoni del disco, generati dalla fusione di strumenti acustici quali piano e autoharp, drones ipnotici e sperimentazioni noise, sono dilatati e avvolgenti, l'insieme ha l'effetto di un vortice creativo in cui predominano intricati vocalizzi e percussioni di tipo tribaleggiante, il cui lato piu' pop e melodico puo' ricordare i Flaming Lips. Gli Animal Collective esordiscono come duo formato da Avey Tare (David Porter) e Panda Bear (Noah Lennox) nel 2000 a New York per la propria etichetta Animal con l'album 'spirit they've gone, spirit they're vanished', ai due poi si uniscono gli amici Geologist (Brian Weitz) e Deaken (Conrad Deaken), insieme realizzano 'danse manatee' per la Catsup Plate nel 2001, seguito da un live che documenta il loro tour di debutto con i Black Dice. nel 2003 pubblicano l'acclamato 'here comes the indian' su Paw Tracks seguito quasi subito da 'campfire songs', per la Catsup Plate. Nel 2004 realizzano per l'europea Fat Cat il bel doppio lp 'sung tongs', nel 2005 'feels', seguito dall'ep 'prospect hummer' che vede la collaborazione con Vashti Bunyan.
Euro
25,00
codice 2128976
scheda
Animal collective sung tongs
LP2 [edizione] nuovo  stereo  can  2004  domino 
indie 2000
ristampa del 2021 in doppio lp, copertina apribile. Il quinto album del duo indie folk sperimentale formato da Avey Tare e Panda Bear, registrato a Hades, Lamar, Colorado, durante il settembre del 2003, composto tramite sovrapposizioni di strumenti acustici e fields recordings e attraverso manipolazioni digitali, i brani di questo disco sono comunque piu' definiti rispetto a quelli dei loro lps precedenti e divengono "quasi-canzoni", dall'atmosfera surreale e dall'esito imprevedibile, su cui si inseriscono melodie e cantati che le rendono familiari all'ascolto, le influenze vanno dall'avant folk al noise, dal lo-fi alla psychedelia. una delle opere piu' originali degli ultimi anni, consigliato. riferimenti a Books, Flaming Lips, Incredible String Band. etichette custom, senza codice a barre, copertina ruvida.
Euro
39,00
codice 2129649
scheda
Animal collective Time skiffs (ltd)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  can  2022  domino 
indie 2000
edizione limitata in doppio vinile colorato rubino trasparente, ccopertina apribile ruvida senza barcode, coupon per download digitale, adesivo su cellophane. L'undicesimo album in studio per la band di pop-rock sperimentale americana, uscito dopo "painting with" del 2016, vede riuniti a lavorare insieme tutti e quattro i membri del gruppo per la prima volta da "Centipede hz" del 2012. Un ritorno ad un suono meno frastagliato rispetto agli ultimi lavori, più melodico e coeso, da vera band, condito da belle armonie vocali, sperimentazione ed imprevidibiltà, marchio di fabbrica della band. note a seguire. Autori di un indie pop sperimentale che mescola strumenti acustici, drones e noise, gli Animal Collective esordiscono come duo formato da Avey Tare (David Porter) e Panda Bear (Noah Lennox) nel 2000 a New York per la propria etichetta Animal con l'album "Spirit they've gone, spirit they're vanished"; ai due poi si uniscono gli amici Geologist (Brian Weitz) e Deaken (Conrad Deaken), insieme realizzano "Danse manatee" per la Catsup Plate nel 2001, seguito da un live che documenta il loro tour di debutto con i Black Dice. Nel 2003 pubblicano l'acclamato "Here comes the indian" su Paw Tracks seguito quasi subito da "Campfire songs", per la Catsup Plate. Nel 2004 realizzano per l'europea Fat Cat il bel doppio lp "Sung tongs" e, prima del successivo "Feels" (2005), l'Ep "Prospect hummer" che vede la collaborazione con Vashti Bunyan. Seguono "Strawberry jam" (07) e "Merriweather post pavilion" nel 2009, culmine del loro lavoro nei primi dieci anni di attività.
Euro
46,00
codice 2123977
scheda
12" [edizione] nuovo  stereo  usa  2005  fat cat 
indie 2000
disponibile per la prima volta in vinile, coupon per download, inner sleeve, etichetta custom. 4 brani che presentano la collaborazione della cantante folk britannica Vashti Bunyan (voce su tre canzoni). Tutti i brani sono inediti su album. I suoni tipici del gruppo, generati dalla fusione di strumenti acustici quali piano e autoharp, drones ipnotici e sperimentazioni noise, sono dilatati e avvolgenti, l'insieme ha l'effetto di un vortice creativo in cui predominano intricati vocalizzi e percussioni di tipo tribaleggiante, il cui lato piu' pop e melodico puo' ricordare i Flaming Lips, mentre quello piu' sperimentale richiama le sonorita' magnetiche dei Popol Vuh. Gli Animal Collective esordiscono come duo formato da Avey Tare (David Porter) e Panda Bear (Noah Lennox) nel 2000 a New York per la propria etichetta Animal con l'album 'spirit they've gone, spirit they're vanished', ai due poi si uniscono gli amici Geologist (Brian Weitz) e Deaken (Conrad Deaken), insieme realizzano 'danse manatee' per la Catsup Plate nel 2001, seguito da un live che documenta il loro tour di debutto con i Black Dice. nel 2003 pubblicano l'acclamato 'here comes the indian' su Paw Tracks seguito quasi subito da 'campfire songs', per la Catsup Plate. infine nel 2004 realizzano per l'europea Fat Cat il bel doppio lp 'sung tongs' e dopo di questo ep l'album 'feels' nel 2005.
Euro
26,00
codice 2052303
scheda
Anjimile The king
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2023  4ad 
indie 2000
adesivo su cellophane. Presentazione a cura dell'etichetta: Con "The King", la sua seconda opera e la prima per 4AD, Anjimile continua a esaminare l'America contemporanea dal punto di vista di una persona trans e razzializzata. Dal punto di vista musicale, questo nuovo progetto ricorda Moses Sumney, Anohni e talvolta persino Bjork: "The King" è un audace manifesto folk, prodotto da Shawn Everett (Big Thief, Adele). note a seguire
Euro
35,00
codice 2127322
scheda
Anohni and the johnsons (antony and the johnsons) My back was a bridge for you to cross (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2023  rough trade 
indie 90
edizione limitata in vinile colorato. Dopo 8 anni di assenza, da "Hopelessness" del 2016, torna Anohni con il quinto album in studio, qui accreditato nuovamente con i The Johnsons. Un album, prodotto da Jimmy Hogarth (già al lavoro con Amy Winehouse), ispirato da cantanti jazz quali Nina Simone e Jimmy Scott e pieno di riferimenti e suoni che si rifanno alla soul music più calda. In copertina è la foto dell'attivista americana Marsha P. Johnson, morta nel 1992, ispiratrice di Anohni. Vede le collaborazioni di Leo Abrahams, Chris Vatalaro, Sam Dixon e Rob Moose che hanno suonato nel disco. Antony Hegarty, frontwoman degli Antony and The Johnsons, artista trans gender inglese di nascita e cresciuta in California. Hegarty forma nel 1998 gli Antony and The Johnsons, formazione autrice di un un chambre pop/neofolk, a tratti barcco. La band pubblica l’album di debutto nel 2000. In tour con Lou Reed nel 2003, il gruppo fa poi uscire una serie di EP nel 2004, seguiti dal secondo album “I am a Bird now” (2005). Nel 2008 è l’anno dell’EP “Another World”, seguito nel 2009 da “The Crying light” e da “Swanlights” nel 2010. Nel 2016 Hegarty, con il nome di Anohni, pubblica “Hopelessness”, un album in collaborazione con Hudson Mowhawke e Oneothrix Point, segue nel 2023 "My back was a bridge for you to cross".
Euro
39,00
codice 2128123
scheda
Antibalas fu chronicles
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2020  daptone 
soul funky disco
copertina in cartoncino pesante, senza barcode, adesivo di presentazione sul cellophane, inner sleeve; allegata card per il download dell'album da internet. Pubblicato nel febbraio del 2020 dalla solita Daptone, dopo "Where the gods are in peace" (2017), il settimo album del gruppo multietnico basato a New York, che prosegue la sua strada fedele al retaggio musicale del grande Fela Kuti, padre dello afrobeat, con brani lunghi ed ipnotici, sui quali indubbiamente si estende l'influenza dell'importante musicista nigeriano, guidati da intrecci di fiati e sostenuti da una sezione ritmica pulsante e robusta ispirata dal miglior afrofunk; belle le parti vocali, che alternano canto solista e belle armonie, in entrambi i casi con forti influenze africane. Elemento caratterizzante di "Fu chronicles" è il filo conduttore delle arti marziali, che si riflette nei titoli e nei testi, e forse indirettamente nel groove, incisivo e disciplinato, che sostiene energicamente ma compostamente i brani. Formatisi a New York nel 1998 ad opera di membri di Sould Providers e Daktaris, gli Antibalas sono autori di una musica fortemente ispirata dallo afrobeat di Fela Kuti, sia dal punto di vista artistico che da quello lirico, espressamente politicizzato, come anche dalla musica latino americana. La formazione si allarga nel corso degli anni a più di dieci elementi, provenienti da culture ed etnie diverse, afroamericane, latine, africane, asiatico-americane. Il loro primo album ''Liberation afro beat vol. 1'' esce nel 2000, seguito nel 2002 da ''Talkatif'' e nel 2004 da ''Who is this America?''.
Euro
27,00
codice 2097496
scheda
Antibalas Where the gods are in peace
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2017  daptone 
soul funky disco
Allegata tessera per il download dell'album da internet, copertina senza codice a barre, label crema e grigio/blu con scritte nere e logo Afro Sound crema in alto, catalogo DAP-046. Pubblicato nel settembre del 2017 dalla Daptone, il sesto album, successivo a ''Antibalas'' (2012). Il gruppo multietnico basato a New York prosegue la sua strada fedele al retaggio musicale del grande Fela Kuti, padre dello afrobeat, con tre brani lunghi ed ipnotici, sui quali indubbiamente si estende l'influenza dell'importante musicista nigeriano, guidati da intrecci di fiati e sostenuti da una sezione ritmica pulsante e robusta ispirata dal miglior afrofunk; il bano ''Tombstown'', che occupa l'intera seconda facciata, vede la presenza delle voci del gruppo femminile belga Zap Mama. Formatisi a New York nel 1998 ad opera di membri di Sould Providers e Daktaris, gli Antibalas sono autori di una musica fortemente ispirata dallo afrobeat di Fela Kuti, sia dal punto di vista artistico che da quello lirico, espressamente politicizzato, come anche dalla musica latino americana. La formazione si allarga nel corso degli anni a piu' di dieci elementi, provenienti da culture ed etnie diverse, afroamericane, latine, africane, asiatico-americane. Il loro primo album ''Liberation afro beat vol. 1'' esce nel 2000, seguito nel 2002 da ''Talkatif'' e nel 2004 da ''Who is this America?''.
Euro
25,00
codice 2082546
scheda
Antiseen Badwill ambassadors
Lp [edizione] originale  stereo  ita  2004  scarey 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
prima stampa, pressata in esclusiva dalla italiana Scarey Records, copertina (con leggeri segni di usura) senza barcode, con inner sleeve con foto, crediti ed angoli superiori sagomati, label gialla e nera con scritte gialle, catalogo SCR023. Pubblicato nel dicembre del 2004 dalla Scarey, il settimo album (escludendo i vari live), successivo a "The boys from brutalsville" (2001) e precedente "Obstinate" (2017). Presentato dalle consuete orazioni del Cosmic Commander Of Wrestling e del Dean Of Sods, "Badwill ambassadors" è il nuovo proclama politicamente scorretto della brutale punk band americana, qui con la formazione composta dal frontman Jeff Clayton con il chitarrista Joe Young, il batterista Barry Hannibal ed il bassista Doug Canipe. La ricetta proposta dagli Antiseen varia poco da disco a disco, ed anche qui sparano una sequenza di diciassette episodi dal sound ronzante, compatto e pestone, in cui il punk assume connotati sinistramente anthemici e marcia sulla spinta del protopunk stoogesiano come dello stile semplice e primitivo dei Ramones, ma parecchio incattivito. La voce di Clayton è così costantemente abrasa, feroce e selvaggia, senza perdere un colpo a decenni di distanza dal debutto, che ormai viene da pensare se non sia così fin dalla nascita... Gli Antiseen sono una grande ed anche controversa punk rock band americana del North Carolina, attiva dal 1983; sono conosciuti sia per essere stati il gruppo di supporto dell'iconoclasta G.G. Allin nel suo album "Murder junkies", sia per essere una delle formazioni più longeve e prolifiche del "destructo" punk, combinando caratteri della cultura "redneck" con quella del rock, con l'aggressione e le grezze sonorità del punk, una propria visione libertaria ed una dose di cruda ironia. Fronteggiati da Jeff Clayton, sorta di Lemmy statunitense, per lo meno nel modo di cantare, dalla voce roca ed abrasiva, e proponenti di un sound sporco e potente, devoto al miglior punk rock americano di fine anni '70, gli Antiseen hanno prodotto nel corso dei decenni una mole impressionante di dischi, mentre la formazione ruotava attorno Clayton ed a Joe Young.
Euro
16,00
codice 334618
scheda
Antiseen boys from brutalsville
lp [edizione] originale  stereo  usa  2001  tko 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
copia ancora incellophanata, l' originale stampa americana, nella versione "regolare" (venne pressato anche in versione picture disc), copertina senza barcode, completa di inner sleeve con artwork e crediti, etichetta custom arancione e nera, catalogo TKO ROUND 062. Pubblicato dalla Tko Records, l' album che nel 2001 ha segnato il ritorno della grande punk rock band americana del North Carolina, attiva dalla meta' degli '80, a distanza di 5 anni dal precedeente lavoro in studio. Prodotto con maggiore cura rispetto ai piu' grezzi lavori precedenti, il disco mostra ancora una band in piena forma, come al solito caratterizzata dalla abrasiva e roca voce di Jeff Clayton (sorta di Lemmy americano) e da suoni sporchi e potenti devoti al miglior punk rock di fine anni '70 "made in Usa". Se i "ragazzi" sono un po' cresciutelli, la "Brutalsville" del titolo e' sempre il loro indubbio luogo di residenza. Tra i brani le covers del classico r'n'r "Six Days on the Road", "Smoke & Fire" di Screaming Lord Sutch e "Commando" dei Ramones. Gli Antiseen sono una grande ed anche controversa punk rock band americana del North Carolina, attiva dal 1983; sono conosciuti sia per essere stati il gruppo di supporto dell'iconoclasta G.G. Allin nel suo album "Murder junkies", sia per essere una delle formazioni più longeve e prolifiche del "destructo" punk, combinando caratteri della cultura "redneck" con quella del rock, con l'aggressione e le grezze sonorità del punk, una propria visione libertaria ed una dose di cruda ironia. Fronteggiati da Jeff Clayton, sorta di Lemmy statunitense, per lo meno nel modo di cantare, dalla voce roca ed abrasiva, e proponenti di un sound sporco e potente, devoto al miglior punk rock americano di fine anni '70, gli Antiseen hanno prodotto nel corso dei decenni una mole impressionante di dischi, mentre la formazione ruotava attorno a Clayton ed a Joe Young.
Euro
28,00
codice 260291
scheda
Antiseen New blood (orange vinyl)
Lp [edizione] originale  stereo  swe  2012  switchlight 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
la prima stampa, pressata in una edizione limitata a 500 copie, numerate sul retro copertina (questo esemplare il numero 032 / 500), in vinile da 180 grammi di colore arancione, ancora completa di coupon con codice per il download digitale (non sappiamo se ancora utilizzabile), inner sleeve con foto e crediti, label nera con scritte bianche e rosse, logo Switchlight Records bianco e nero in basso, catalogo SWR012. Pubblicata nel maggio del 2012 dalla svedese Switchlight, in occasione del ritorno della band americana sui palchi da concerto europei, questa antologia compila brani usciti su singolo, ep e pubblicazioni a metà con altri gruppi fra il 2010 ed il 2012, oltre ad un inedito; tredici assalti punk'n'roll abrasivi e grezzi come sempre, fra cui "Black eyed susies", incisa con Joe Buck (Hank 3), covers di Ramones ("Chainsaw") e Sonics ("The witch"). Questa la scaletta: "Reconstruction" (dal 7" split con i Brody's Militia, "The primal roar split EP", 2012), "One Shot, One Kill" (dallo split album, uscito in cd, con gli Holley 750, 2010), "Black Eyed Susie" (dal 7" "Sweet blood call", 2011), "Chainsaw" (dallo split 7" con i Flat Tires, 2011), "Curses" (dallo split album, uscito in cd, con gli Holley 750, 2010), "The Witch" (dal 7"EP "Worldwide live ass kickin'", 2011), "Sweet Blood Call" (singolo, 2011), "Exploding Barbed Wire Death Match" (dall'omonimo 7", 2011), "The Mysterious Green Mist" (inedito), "Invader 1 Must Die" (dal 7" "Exploding Barbed Wire Death Match", 2011), "Kill The Scene" (dal 7" "Exploding Barbed Wire Death Match", 2011), "Pledge Allegiance To The Bomb / Death Train Coming (Live)" (dallo split album, uscito in cd, con gli Holley 750, 2010), "The Crack Of Dawn" (dal 7"EP "Worldwide live ass kickin'", 2011). Gli Antiseen sono una grande ed anche controversa punk rock band americana del North Carolina, attiva dal 1983; sono conosciuti sia per essere stati il gruppo di supporto dell'iconoclasta G.G. Allin nel suo album "Murder junkies", sia per essere una delle formazioni più longeve e prolifiche del "destructo" punk, combinando caratteri della cultura "redneck" con quella del rock, con l'aggressione e le grezze sonorità del punk, una propria visione libertaria ed una dose di cruda ironia. Fronteggiati da Jeff Clayton, sorta di Lemmy statunitense, per lo meno nel modo di cantare, dalla voce roca ed abrasiva, e proponenti di un sound sporco e potente, devoto al miglior punk rock americano di fine anni '70, gli Antiseen hanno prodotto nel corso dei decenni una mole impressionante di dischi, mentre la formazione ruotava attorno Clayton ed a Joe Young.
Euro
20,00
codice 334619
scheda
Antiseen Screamin' bloody live
LP2 [edizione] originale  stereo  usa  2002  tko round 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima rara stampa USA, album doppio, nella versione in vinile nero, pressata in 800 copie, copertina apribile senza barcode, label grigia scura, quasi nera, con scritte argento e logo 3 Ringside TKO Records Live Series in alto, catalogo TKO ROUND 77. Pubblicato nel 2002 dalla TKO Round negli USA, questo album dal vivo fu registrato il primo di giugno del 2001 allo Ash Street Pub di Portland, Oregon (i primi diciassette brani), ed il 3 giugno successivo a, Covered Wago Saloon di San Francisco (gli ultimi sette brani). La formazione è quella con il frontman Jeff Clayton, il chitarrista Joe Young, il batterista Barry Hannibal ed il bassista Doug Canipe. Gli anni passano ma l'inossidabile (tanto erano nati già rugginosi) gruppo americano mantiene la sua cattiveria in un sound compatto e ronzante, tirato e pestone, guidato dalla voce proverbialmente abrasa e brutale di Clayton: la ricetta è sempre quella di un grezzo e primitivo punk stradaiolo intriso di proto punk e di rock'n'roll, da qualche parte fra gli Stooges di "Raw power" ed i primi Ramones. Questa la scaletta: "Guns Ablazin'", "Commando", "Six Days On The Road", "Wifebeater", "O.D. For Me", "Ten Pounds Of Shit In A Five Pound Bag", "Hammerhead", "Ruby, Get Back To The Hills", "Sod", "Fornication", "I'm A Babyface Killer", "Funk U", "Cactus Jack", "Sabu", "Fuck All Y'all", "Melting Pot", "I Don't Like You", "Intro: The Cosmic Commander Of Wrestling", "Today Your Love", "Stormtrooper", "Two Headed Dog", "My God Can Beat Up Your God", "Perfect To The Rescue", "Hellstomper". Gli Antiseen sono una grande ed anche controversa punk rock band americana del North Carolina, attiva dal 1983; sono conosciuti sia per essere stati il gruppo di supporto dell'iconoclasta G.G. Allin nel suo album "Murder junkies", sia per essere una delle formazioni più longeve e prolifiche del "destructo" punk, combinando caratteri della cultura "redneck" con quella del rock, con l'aggressione e le grezze sonorità del punk, una propria visione libertaria ed una dose di cruda ironia. Fronteggiati da Jeff Clayton, sorta di Lemmy statunitense, per lo meno nel modo di cantare, dalla voce roca ed abrasiva, e proponenti di un sound sporco e potente, devoto al miglior punk rock americano di fine anni '70, gli Antiseen hanno prodotto nel corso dei decenni una mole impressionante di dischi, mentre la formazione ruotava attorno Clayton ed a Joe Young.
Euro
26,00
codice 334617
scheda
10" [edizione] nuovo  stereo  ita  2006  produzioni sante 
indie 2000
split tutto italiano per le due band di cremona.i primi rispettando la line punk caotica in vena converge e i secondi un ardore metallico tutto originale. l'uscita Š frutto della collaborazione tra le varie realt… indipendenti italiane. vinile trasparente.(note a cura dell'etichetta sons of vesta)
Euro
9,00
codice 2008156
scheda
Antlers Bear
7" [edizione] nuovo  stereo  ger  2009  frenchkiss 
indie 2000
7", primo singolo estratto dal terzo album degli Antlers, "Hospice", pubblicato nell'aprile 2009, inizialmente in rete, poi su vinile, prima dell'altro singolo "Two", contiene la versione su Lp di "Bear" e come B-side una versione diversa dello stesso pezzo chiamata 'Darby antlers remix'. Questo brano racconta la storia di una coppia durante le prime settimane di gravidanza non programmata, in cui viene presa seriamente l'ipotesi di aborto, con sonorità che si confondono fra un carillion da bebè, una melodia da cantautore e una ballata alla Flaming lips. Inizialmente gli Antlers sono un progetto solista di Peter Silberman, la cui produzione inizia nel 2006 con il folk intimista di "Uprooted", seguito un anno dopo da "In the attic of universe", lavoro che comprende anche campionamenti ed effetti lo-fi. Con "Hospice" la formazione si estende ad un trio con Lerner alla batteria e percussioni, Cicci alle tastiere, tromba e banjo.
Euro
7,00
codice 2013315
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2008  urtovox 
indie 2000
Copertina lucida apribile, label a cerchi concentrici bianchi e neri senza tracklist e con indicazione della facciata in bianco. Pubblicato nell'ottobre del 2008 dalla italiana Urtovox, ''A due'' e' il secondo album di Beatrice Antolini, uscito dopo ''Big saloon'' (2006). La cantante e musicista italiana realizza qui un lavoro variegato in cui si alternano melodici, lenti e sognanti brani che fanno pensare ad un dream pop un po' stralunato, con episodi piu' dissonanti, cupi ed abrasivi, dai toni vagamente gotici ed industrial rock. Musicista italiana che esordisce con l'album solista ''Big saloon'' nel 2006, Beatrice Antolini ha ha anche composto musiche per opere teatrali, e nel corso del tempo ha collaborato con Jennifer Gentle (nel 2006 per il loro album ''The midnight room''), con i Baustelle e con Bugo (2007). Il suo secondo album solista ''A due'' esce nel 2008, seguito due anni dopo da "Bioy".
Euro
17,00
codice 2008816
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  ita  2010  santeria/urtovox 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent indie 2000
Copertina lucida apribile, etichetta nera con geometrie argento, Lp pubblicato dalla Santeria/Urtovox nell'autunno 2010, dopo "A due" (08), il terzo album della musicista marchigiana. Lavoro scritto, prodotto ed arrangiato dalla stessa Antolini, alla cui realizzazione hanno contribuito Mattia Boschi, Enrico Pasini e Andy dei Bluvertigo e che mette in mostra un suono tendenzialmente funk-wave, vicino agli anni 80, con elementi synth-pop, dance, neoclassici (soprattutto i pezzi con il pianoforte) e lounge; le atmosfere appaiono romantiche ed oscure, futuriste e schizzofreniche. Musicista italiana che esordisce con l'album solista ''Big saloon'' nel 2006, Beatrice Antolini ha ha anche composto musiche per opere teatrali, e nel corso del tempo ha collaborato con Jennifer Gentle (nel 2006 per il loro album ''The midnight room''), con i Baustelle e con Bugo (2007). Il suo secondo album solista ''A due'' esce nel 2008, seguito due anni dopo da "Bioy".
Euro
20,00
codice 109436
scheda
Antonius rex Hystero demonopathy
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  2012  black widow 
rock 60-70
Copertina senza codice a barre, label nera con scritte bianche su di una facciata e con logo Black Widow bianco e nero sull'altra, catalogo BWR153. Pubblicato nel 2012 dalla Black Widow, il nono album, successivo a "Per viam" (2009). Inciso da Antonio Bartoccetti (chitarra, voce, basso), Rexanthony (voce, tastiere, synth, piano, batteria elettronica, orchestra elettronica) e Monika Tasnad (medium), con la partecipazione degli ospiti Florian Gorman (batteria acustica) e Laura Haslam, Vladimir Leonard e Svetlana Serduchka (cori), l'album è percorso da un filo conduttore legato alla demonologia, all'isteria ed alle possessioni, una tematica affrontata nel tempo sia da una prospettiva medica che esoterica, e musicalmente offre brani dai toni ora funerei e sinistramente liturgici, ora epici e drammatici, incorporando elementi metal e progressivi con sonorità elettroniche e voci femminili disturbanti, il tutto immerso in un'atmosfera gotica. Oscuro gruppo di culto che mescola sonorita' ed atmosfere gotiche e dark con elementi del rock progressivo e di musica sperimentale, gli Antonius Rex immergono i propri lavori in ambientazioni oscure, con tratti esoterici e riferimenti all'occultismo, che sotto certi aspetti fanno pensare ai lavori che i Current 93 pubblicheranno in seguito, nella seconda meta' degli anni '80. Il gruppo, che nasce intorno al 1974 sulle ceneri dei Jacula, e' guidato dal chitarrista Antonio Bertoccetti e dalla tastierista Doris Norton. Sono autori di rarissimi album usciti in edizione limitata, il primo dei quali e' ''Necque semper arcum tendit rex'' (1974), seguito da ''Zora'' (1977), ''Ralefun'' (1978), ''Anno demoni'' (1979) e ''Praeternatural'' (1980). Il gruppo torna a pubblicare nuovi lavori all'inizio del nuovo secolo.
Euro
23,00
codice 3514943
scheda
Antony and the johnsons i am a bird now
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2005  secretly canadian 
indie 2000
inner sleeve, inserto, adesivo sul cellophane, copertina senza codice a barre, etichette bianche con scritte rosse su un lato, nere sull'altro. il secondo atteso album dell'artista inglese trapiantato a New York, il cui esordio, dopo anni di oscurita' e grazie alla riscoperta da parte di David Tibet dei Current 93, aveva fatto gridare al capolavoro. tra i suoi estimatori Lou Reed, che lo ha voluto in "the raven" e nei suoi concerti, e che compare, insieme ad altri ospiti, tra cui Devendra Banhart e Boy George, nelle registrazioni di questo lavoro. le canzoni dell'album ruotano intorno alla struggente voce di Antony, in certi casi accompagnata solo dal pianoforte, in altri, a questo, vi si aggiungono lievi arrangiamenti di archi e cori, una musica molto intima ed elegante, dagli accenti bluesy e spirituals, con influenze Tim Buckley.
Euro
29,00
codice 2129246
scheda
Anunnaki Martyr of alexandria
Lpm [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  cardinal fuzz 
indie 2000
mini lp con 3 brani che coprono 30 minuti di musica, edizione limitata. Il settimo lavoro per la band canadese composta da Dave Read (Moths & Locusts) a batteria e synths modulari e Arlen Thompson (Wolf Parade) al basso, chitarra e synths, dedita a brani principalmente strumentali tra drone e noise-math/rock. Lavoro dedicato alla figura di Ipazia, una filosofa, astronoma e matematica pagana conosciuta ai suoi tempi come insegnante dotata di grande saggezza. Vittima di voci accusatorie provenienti da una complessa situazione religioso-politica in un momento storico violento, Ipazia fu martirizzata dopo la sua brutale fine per mano di una folla cristiana incitata e rabbiosa nel 415 d.C.
Euro
31,00
codice 2104465
scheda

Page: 11 of 260


Pag.: oggetti: